Apri il menu principale

Ultime parole dai film

lista di un progetto Wikimedia
«Ascoltate! Non sparate! Il mio bambino è gravemente ferito!» (la madre del bambino in La corazzata Potëmkin)

Indice

Raccolta delle ultime parole pronunciate in punto di morte da personaggi immaginari, tratte dai film.

Ultime parole dai filmModifica

  • A te te amo de più. (Adelaide Ciafrocchi)
Personaggio di Dramma della gelosia (tutti i particolari in cronaca) (1970). Adelaide rivolge queste parole a Oreste, che poco prima l'aveva ferita involontariamente durante una rissa con Nello, e pochi attimi dopo muore.
  • Aaah, maledetta! L'acqua mi uccide! Mi sciolgo, mi liquefo! Aaah, maledetta! Non immaginavo che la bontà di una bambina avrebbe potuto distruggere la mia stupenda cattiveria! Aaah! È finita per me... è finita... (Strega dell'Ovest)
Personaggio di Il mago di Oz (1939). La perfida Strega dell'Ovest rivolge queste ultime parole a Dorothy che l'ha bagnata con un secchio d'acqua usato per cercare di spegnere lo Spaventapasseri mentre andava a fuoco.
  • Abracadabra. (Alfred Borden)
Personaggio di The Prestige (2006). Alfred pronuncia quest'ultima parola poco prima di essere impiccato.
  • Adesso sei un uomo. (Tubal-cain)
Personaggio di Noah (2014). Rivolto a Cam che lo ha pugnalato per evitare che uccida il padre, Noè.
  • Adesso sono la reginetta delle ragazze pon pon. È il giorno più felice di tutta la mia vita. (Laura Harrington)
Personaggio di Dead End - Quella strada nel bosco (2003). Laura muore in preda al delirio, causato da un trauma cranico dovuto a un incidente stradale.
  • Adesso stammi a sentire, Palla di Lardo. Stammi a sentire bene. Io voglio quell'arma e la voglio subito, adesso tu posi il tuo fucile a terra e fai un passo indietro. Che c'è dentro quella zucca marcia che non funziona mai? Mamma e papà ti hanno fatto mancare il loro affetto quando eri bambino? (Sergente Hartman)
Personaggio di Full Metal Jacket (1987). Il sergente pronuncia queste parole pochi attimi prima di essere freddato dal soldato Leonard Lawrence "Palla di Lardo".
  • All'inizio era... felice... incantato... facce, colori, paesaggi. Ma poi tutto cominciò a cambiare. Il mondo era molto più brutto di come se l'era immaginato. Nessuno gli aveva mai detto quanto sporco fosse. Quanta miseria. Vedeva squallore dappertutto. Quando era cieco attraversava la strada da solo con un bastone. Dopo aver riacquistato la vista, lo prese la paura. Cominciò a vivere nell'oscurità. Non usciva più di casa. Dopo tre anni si tolse la vita. Ma tu che cazzo ci fai qui con me... (David Locke/David Robertson)
Personaggio del film Professione: reporter (1975). Dopo aver rubato l'identità ad un suo conoscente, David Robertson, e essere fuggito con una ragazza sconosciuta, David Locke si rifugia in un motel in spagna. Qui, dopo aver invitato la ragazza ad andare via, le fa capire tramite una metafora su un suo conoscente cieco la sua insoddisfazione verso la vita precedente, che lo ha spinto a cambiare vita. Tuttavia, mentre la ragazza lascia l'albergo irrompono nella stanza alcuni sicari di uno stato dittatoriale africano, la cui resistenza era armata proprio da Robertson, che sparano a David, convinti che sia Robertson.
  • Alzati e premi! Premi quel dannato grilletto! (Bill Houston)
Personaggio del film Dancer in the Dark (2000). Bill ha sottratto a Selma, operaia diventata cieca, i soldi che occorrono al figlio per l'operazione che gli impedisca di perdere anch'egli la vista a causa della malattia ereditata dalla madre. Bill fa credere alla moglie che, al contrario, sia stata Selma a rubare i soldi a lui. Mentre Selma cerca di riprendersi i soldi avviene una colluttazione in cui Bill viene accidentalmente sparato da Selma. Bill le chiede di ucciderlo per far cessare la sua agonia. Selma spara diverse volte alla cieca e gli frattura il cranio con la cassetta di sicurezza in cui Bill teneva i soldi rubati.
  • Amico, io non mi sono fatto un'opinione! (Marvin)
Personaggio del film Pulp Fiction (1994). Dopo aver massacrato i ragazzi che avevano rubato la valigetta del loro boss Marcellus, i sicari Vincent e Jules discutono animatamente su un fatto avvenuto in quella circostanza, ossia che sono riusciti a schivare un intero caricatore di proiettili. Ad un certo punto Vincent si volta verso i sedili posteriori dove si trova il loro informatore, Marvin, e gli chiede cosa ne pensa sulla faccenda, ricevendo una risposta vaga. Vincent insiste, ma in quel momento parte un colpo dalla sua pistola che uccide il povero Marvin e imbratta di sangue la macchina e i sicari.
  • Andate via, diavolo! Non è un cane, è una sorta di cosa! Imita un cane, ma non è reale! Andate via, idioti! (Il Norvegese)
Personaggio del film La cosa (1982).Dopo che la loro base è stata massacrata da un'orribile creatura mutaforma, i due norvegesi sopravvissuti riescono a raggiungerla con un elicottero nella base americana 31. Tuttavia, il pilota muore a causa di un incidente con un esplosivo. L'altro norvegese allora cerca di sparare alla cosa, che ha assunto le sembianze di un cane, gridando agli americani, che purtroppo non lo capiscono in quanto norvegese, che quella è una creatura aliena e che devono scappare. Sfortunatamente, mentre cerca di sparare alla cosa colpisce uno dei ricercatori ferendolo e il capo della base americana Garry, convinto che sia pazzo, lo fredda con un colpo di pistola.
  • Ascoltate! Non sparate! Il mio bambino è gravemente ferito! (la madre)
Personaggio di La corazzata Potëmkin (1925). I soldati cosacchi dello zar marciano sulla scalinata con i fucili puntati verso gli inermi manifestanti di Odessa. Un bambino viene ferito da un colpo di fucile e calpestato da chi sta fuggendo. La madre, accortasi che il figlio è a terra, lo prende tra le braccia e lo mostra ai soldati. Privi di compassione i soldati la fucilano.
  • Avanti Donnie, facciamolo a fettine questo maiale! (Nicky Santora)
Personaggio di Donnie Brasco (1997). Dopo l'uccisione del boss Sonny Red, Sonny Black ordina ai suoi soldati Lefty Ruggiero, Donnie Brasco, Nicky Santora e Paulie di fare a pezzi i corpi di lui e dei suoi due scagnozzi. a Nicky e a Donnie tocca il corpulento cadavere di Philip Giaccone, braccio destro di Sonny Red: Mentre iniziano però Lefty punta la pistola alla tempia e gli spara, in quanto lui e Sonny Black avevano scoperto che vendeva droga per conto proprio.
  • Avete detto che non sarei morto! Avete promesso! Hai promesso che non sarei morto! Hai promesso! Signor McIvers, hai promesso! Hai detto che non m'avresti impiccato! Me l'hai promesso! (Turkey Ralston)
Personaggio di Johnny Guitar (1954). Turkey si rivolge a John McIvers prima di essere impiccato dalla banda di Emma Small per aver partecipato a una rapina in banca.
  • Beh, sì. Come lo sapete? (Miriam Joyce Haines)
Personaggio di L'altro uomo (1951). Bruno è convinto che Guy abbia stretto con lui un accordo per un doppio omicidio: se Bruno uccide per suo conto Miriam, l'odiata moglie di Guy, in cambio Guy ucciderà il padre di Bruno. Bruno segue Miriam per tutta la sera, finché ella non si reca in un luogo isolato e buio. Improvvisamente si avvicina chiedendole se il suo nome è Miriam, illuminandole il volto con l'accendisigari del marito. Miriam ha appena il tempo di pronunciare questa frase, che Bruno la strangola con metodica freddezza. La scena è visibile attraverso il riflesso degli occhiali di Miriam, caduti a terra durante l'aggressione.
  • Bella lama. Addio, signor Burton. (David Lo Pan)
Personaggio di Grosso guaio a Chinatown (1986). Durante la battaglia finale, l'eroico camionista Jack Burton prova a colpire il malvagio stregone David Lo Pan col proprio coltello. Tuttavia, lo stregone riesce ad afferrare l'arma e, dopo averne constatato la qualità, lancia la lama contro Burton, cercando di ucciderlo. Tuttavia, grazie ai propri riflessi, Jack riafferra immediatamente il coltello e lo scaglia contro nella fronte di Lo Pan, uccidendolo.
  • Bosch, è tutto finito! Di là c'è il professore! (Eckert)
Personaggio di The Experiment - Cercasi cavie umane (2001). Eckert pronuncia le sue ultime parole prima di essere colpito a morte da Bosch con un estintore.
  • Brutto stronzo... è da una settimana che sopporto le tue stronzate, capito? Hai capito? Eh, già. lo stronzo è muto. E quando vedi il tuo amico Shep digli che se lo incontro gli spacco il culo! (Carl Showlter)
Personaggio di Fargo (1996). Dopo aver recuperato i soldi del riscatto per il rapimento di Jean Lundengard,il criminale Carl Showalter torna nel suo rifugio dal complice Gaear. Arrivato, scopre però che il complice a ucciso la Lundegard per motivi futili. Dopo avergli dato la sua parte, il disgustato Carl non resiste alla tentazione e insulta pesantemente il complice: tuttavia, mentre se ne sta andando viene raggiunto dal folle Gaear che lo uccide con un colpo d'ascia alla testa.
  • B-brutto figlio di puttana! Ah, pezzo di merda! Oh Gesù santo fammi passire questo negro!!! Stavolta non la passi liscia, Django! Tanto vedrai come ti prendono! Finirai sui manifesti dei ricercati, negro! E i cacciatori di taglie non cercheranno altri che te! Scappa, scappa negro! Quelli ti trovano, tanto! E allora sì, ah ah ah! Sissignoriddio che ti fanno!!! Non ti ammazzano solo, negro! Hai fatto una cazzata! Questa è Candyland, negro! Non puoi distruggere Candyland! Siamo qui, ci sarà sempre una Candyland! Un pistolero negro non può passare sotto gli occhi del mondo, ti ritroveranno, muso nero! Django, sei un impertinente figlio di pu... (Stephen)
Personaggio di Django Unchained (2012).Le sue ultime parole sono rivolte a Django Freeman poco prima che la villa esploda con lui ancora dentro.
  • Buonanotte, Norman. (Marion Crane)
Personaggio di Psyco (1960). Dopo aver parlato con Norman Bates, proprietario del motel in cui si trova, la giovane Marion Crane capisce di aver sbagliato a rubare i soldi del cliente dell'agenzia in cui lavora, e decide di andare a costituirsi il giorno dopo. Prima di dormire però la ragazza decide di farsi una doccia rilassante: mentre si trova sotto l'acqua, entra all'improvviso in bagno una figura femminile, che pugnala ripetutamente a morte la povera Marion.
  • Camminando attraverso l'oscura valle della morte, io non temo il male [...] Tu hai unto la mia testa con l'olio, la mia coppa trabocca e io dimorerò nella casa del Signore in eterno. (Reverendo Matthew Collins)
Personaggio di La guerra dei mondi (1953). Il reverendo, motivato dalla fede in Dio, prova a stabilire un contatto con gli alieni, secondo lui «più progrediti di noi, [...] più vicini al Creatore proprio per questa ragione.» Si avvicina a una delle astronavi marziane mostrando una Bibbia, ma viene polverizzato da uno dei raggi alieni.
  • Carmelo! Carmelino mio! (Rosalia Cefalù)
Personaggio di Divorzio all'italiana (1961). Rosalia è affranta per la morte dell'amante Carmelo, appena ammazzato dalla moglie che voleva vendicare il suo onore. Queste urla di dolore sono le ultime parole di Rosalia, freddata poco dopo dal marito Ferdinando con due colpi di pistola.
  • Certo, devi proteggere la nuova utopia di Veidt. Che cos'è un cadavere in più tra le fondamenta? Che cosa stai aspettando? Fallo. Fallooo!!! (Walter Kovacks/Rorschach)
Personaggio di Watchmen (2009). Sconvolto dal diabolico piano di Ozymandias, consistente nel convincere stati uniti e Russia ad allearsi dopo un incidente nucleare provocato da quest'ultimo, Rorschach cerca di tornare a New York per dire la verità a tutti ma viene fermato dal dottor Manhattan. Dopo un dialogo furente, il vigilante chiede a Manhattan di ucciderlo, non sopportando l'idea di vivere in un mondo idiliaco ma costruito su una bugia. Il dottore, accondiscente, lo vaporizza uccidendolo.
  • Che c'è, Ciccio bello? (Olive Neal)
Personaggio di Pallottole su Broadway (1994). La donna del boss Nick Valenti nonché aspirante attrice Olive Neal viene accompagnata dalla sua guardia del corpo, il malavitoso Calogero detto "Ciccio". Tuttavia, i due non si fermano nel locale di Valenti, bensì al porto. Non capendo cosa stia succedendo, la stupida e petulante olive chiede spiegazioni a Ciccio, che subito la uccide con tre colpi di pistola: l'uomo infatti aveva contribuito a riscrivere la commedia rendendola un successo, e si era accorto che proprio la scarsa recitazione di Olive aveva danneggiato la rappresentazione.
  • Che cosa curiosa. Mi è passata la paura. (Jamie)
Personaggio de Il texano dagli occhi di ghiaccio (1976), Jamie muore per una brutta ferita, rivolgendo le ultime parole al suo compagno di fuga.
  • Che fesso che sono! Accidenti, no! Ah, che bella morte... (Ferdinand Griffon)
Personaggio deIl bandito delle 11 (1965). Dopo aver ucciso l'ex amante Marianne, l'ormai folle Ferdinand chiama un ultima volta l'ex moglie e, dipintosi il volto di blu, prende due rotoli di dinamite e va in spiaggia. Qui lega alla propria testa la dinamite e, deciso a farla finita, accende la miccia. All'ultimo momento l'uomo ha però un ripensamento e prova a spegnere la miccia, ma non riesce a trovarla, avendo la dinamite che gli copre la faccia: amareggiato, Ferdinand salta presto in aria.
  • Che stupido che ero... Credevo che non le interessasse il mio lavoro, e nemmeno io... Mi perdoni... Mi perdoni... (Wolfgang Amadeus Mozart)
Personaggio di Amadeus (1984). Mozart rivolge a Salieri queste ultime parole scusandosi della scarsa considerazione che nutriva nei suoi confronti. Il compositore italiano aveva aiutato Mozart a comporre la Messa da Requiem, commissionata dallo stesso Salieri.
  • Chi sei tu? (Kamunrah)
Personaggio di Una notte al museo 2 - La fuga (2009). Il malvagio faraone Kamunrah, fratello del faraone Akmenrah, dopo essere stato sconfitto da Larry Daley, gli fa questa domanda, e lui afferma di essere il guardiano notturno. Subito dopo, Kamunrah viene spinto da Larry dentro il Portale dell'Aldilà, morendo polverizzandosi.
  • Chi, Sonny Black? Prima di sapere cosa l'ha colpito sarà già al creatore! Oh,no! (Alphonse "Sonny Red" Indelicato)
Personaggio di Donnie Brasco (1997). Dopo aver fatto chiudere il nuovo locale del suo rivale Sonny Black, il boss Alphonse "Sonny Red" Indelicato si reca nella propria abitazione con il suo braccio destro Philip Giaccone e un altro scagnozzo per pianificare l'esecuzione del rivale. Tuttavia, appena entrati nello scantinato scoprono che ad attenderli vi sono Sonny Black e i suoi scagnozzi, che li crivellano di colpi: mentre lo scagnozzo muore sul colpo e Philip viene ucciso a martellate da Lefty Ruggiero, Sonny prova a strisciare per le scale, ma viene raggiunto da Nicky Santora che lo uccide con un colpo di pistola alla testa.
  • Christina, voltati. Sono papà. Amore mio... Guardami. (John Baxter)
Personaggio di A Venezia... un dicembre rosso shocking (1978). John Baxter è convinto di vedere la figlia morta vagare per Venezia. Quando la misteriosa figura si volta verso di lui si rivela essere non una bambina, ma una nana che lo sgozza.
  • Ci si può convivere. (Joan Leaven)
Personaggio di Cube - Il cubo (1997). Leaven, Worth e Kazan sono sul punto di uscire dal Cubo, una complicata costruzione formata da stanze cubiche piene di trappole mortali. Leaven ribatte con questa frase quando Worth rinuncia ad uscire dal Cubo perché non vuole affrontare la "sconfinata stupidità umana". All'improvviso Quentin, creduto morto in una delle stanze cubiche precedenti, le trafigge la schiena con la maniglia appuntita di un portello.
  • Da morire! Ti amo... (Dolores Chanal)
Personaggio di Shutter Island (2010). Queste sono le ultime parole di Dolores, prima di essere uccisa dal marito Andrew Laeddis.
  • Dammi la mano, dammi la mano! (Collega di Scottie)
Personaggio di La donna che visse due volte (1958). Inseguendo un sospettato, il poliziotto Scottie Ferguson e il suo collega si arrampicano fin sui tetti di San Francisco. Tuttavia, ad un certo punto Scottie inciampa e rischia di precipitare al suolo. Il suo collega prova ad aiutarlo, ma la tegola a cui si reggeva cede e il poliziotto cade nel vuoto, sotto lo sguardo terrorizzato di Scottie.
  • Dammi quella pistola, cazzo! (Testa Rossa)
Personaggio di Snatch - Lo strappo (2000). Queste sono le ultime parole di Testa Rossa prima di essere ucciso dagli zingari che gli avevano teso una trappola.
  • Dio, perdona loro... (Don Pietro Pellegrini)
Personaggio di Roma città aperta (1945). Condannato alla fucilazione,il prete antifascista Don Pietro viene portato nel cortile del carcere per la sentenza. Dopo essersi confessato, il prete nota oltre la recinzione i bambini che aveva seguito e protetto e, commosso, sorride per rassicurarli. In quell'istante il plotone spara, ma Don Pietro viene solo ferito, e chiede a Dio l'assoluzione per i suoi uccisori, dimostrando ancora una volta la sua immensa pietà e umanità. Nonostante gli ordini, i soldati non hanno il coraggio di sparare contro un prete: furioso, il maggiore incaricato dell'esecuzione estrae la pistola e fredda Don Pietro con un colpo di pistola alla testa.
  • Dite a mio figlio... Ditegli a che ora è morto suo padre. Ditegli che... (Capitano Vidal)
Personaggio di Il labirinto del fauno (2006). Il capitano Vidal, circondato dai ribelli all'uscita del labirinto, porge il figlio a Mercedes e, dopo aver guardato l'orologio, pronuncia queste ultime parole. Mercerdes gli risponde «No! Non saprà neppure il tuo nome!» e il capitano incredulo viene ucciso da un ribelle.
  • E adesso che cosa sei disposto a fare? (Jim Malone)
Personaggio di The Untouchables - Gli intoccabili (1987). A causa di un'imboscata, il poliziotto irlandese Jim Malone viene colpito varie volte da Frank Nitti e il suo braccio destro. Tuttavia, egli riesce a sopravvivere fino all'arrivo dell'amico Eliot Ness, a cui riferisce l'orario di arrivo del contabile principale di Al Capone, carpito ai due sicari. Dopo avergli chiesto cosa intenda fare con queste informazioni, l'anziano poliziotto irlandese spira.
  • E adesso vado a prendere il Diavolo per la coda. (Crazy Lee)
Personaggio minore di Il mucchio selvaggio (1969). La banda del bandito Pike Bishop vuole svaligiare la banca della ferrovia, ma un gruppo di tagliagole decima i fuorilegge. Tra di essi c'è anche Crazy Lee che nel frattempo si stava occupando degli ostaggi. Prima di spirare Lee riesce comunque a uccidere altri due tagliagole.
  • E di' a Graham... Vedi... Di' a Graham di vedere. E di' a Merril di colpire forte. (Colleen Hess)
Personaggio di Signs (2002). Colleen prima di morire a causa di un incidente d'auto rivolge le ultime profetiche parole al marito Graham, che le ricorderà nel momento del bisogno.
  • È così bello... È così bello... (Alberto Antuna)
Personaggio minore di Alive - Sopravvissuti (1993). Alberto Antuna è uno dei sopravvissuti del disastro aereo delle Ande del 1972. Consapevole di essere in punto di morte a causa di una grave infezione a una gamba ferita, dice all'amico Federico Aranda di essere "vicino a Dio".
  • È uno scherzo! È tutto uno scherzo... Madonna, perdonami. (Edward Blake/Comico)
Personaggio minore di Watchmen (2009). L'ex supereroe viene aggredito nel suo appartamento da un misterioso assalitore (che poi si scoprirà essere il compagno di squadra Ozymandias). Sconfitto, dopo aver pronunciato queste parole Blake viene scagliato fuori dalla finestra del suo appartamento.
  • Ecco, pre... (Boyd "Bibbia" Swan)
Personaggio di Fury (2014). Chiuso nel carro armato, Boyd si sporge con la testa da uno sportello per passare delle granate al sergente Don "Wardaddy" Collier, venendo colpito da un cecchino tedesco.
  • Egli non vi ha dato nessuna terra grondante miele e latte, e io un idolo d'oro! Venite con me (Dathan)
Personaggio de I dieci comandamenti (film 1956). Dopo il ritorno di Mosè sul monte Sinai dal quale porta le tavole dei dieci comandamenti, gran parte della gente passata dalla parte di Dathan si pente e torna dalla parte di Mosè, sebbene Dathan cerchi di fermarli, pronunciando queste ultime parole. Mosè maledice allora quelli rimasti dalla parte di Dathan, e getta le tavole sul vitello d'oro, provocando un'esplosione che a sua volta provoca una voragine che inghiotte l'idolo, Dathan e quelli che gli stavano accanto.
  • Ehi Armonica! Quando toccherà a te prega che sia uno che sa dove sparare. Vattene! Vattene! Non mi va che mi guardi mentre muoio. (Cheyenne)
Personaggio di C'era una volta il West (1968). Finita la stazione di posta di Jill McBain, Cheyenne e Armonica preferiscono andarsene, in quanto uomini di violenza non adatti al luogo. Tuttavia, dopo pochi tratti di viaggio Cheyenne si ferma, dichiarando al compagno di essere giunto alla fine del suo viaggio: durante l'attacco al treno di Morton era stato ferito gravemente dallo stesso industriale, e da allora sta andando incontro ad una morte lenta e dolorosa. Come ultima richiesta, il bandito chiede ad Armonica di non guardarlo, lasciandolo morire in dignità: il pistolero acconsente, e mentre si volta Cheyenne si accascia a terra, morendo.
  • Ehi Max, sai però che musica con due mani destre! Se solo lassù riesco a trovare un pianoforte... (Novecento)
Personaggio di La leggenda del pianista sull'oceano (1998). Max, dopo aver saputo che il transatlantico, su cui Novecento aveva passato tutta la vita senza mai scendere, sarebbe stato abbattuto con un'esplosione, aveva tentato inutilmente di convincere il suo amico a scendere. Con queste parole Novecento saluta Max.
  • Ehi Max, un uomo sale sulla metropolitana qui a Los Angeles e muore. Pensi che se ne accorgerà qualcuno? (Vincent)
Personaggio di Collateral (2004). Vincent da la caccia a Max e al suo ultimo obbiettivo, l'amica del tassista Annie: l'inseguimento è lungo e si protrae fino ad un treno della metropolitana. Qui Max, capendo di essere in trappola in quanto Vincent scende ad ogni stazione per impedirgli di scendere, tenta il tutto per tutto spegnendo la luce e sparando nella direzione di Vincent. Quando riaccendono le luci, i due si accorgono che Vincent è ferito mortalmente. Il sicario allora si siede e, morente, chiede a Max se pensa che qualcuno troverà il suo corpo, facendo riferimento ad un diavolo che avevano avuto in precedenza: l'istante successivo Vincent muore, sotto gli sguardi pieni di compassione di Annie e Max.
  • È il tuo preferito? Devi bruciarlo con gli altri, e tu sei in arresto! (il Capitano dei pompieri)
Personaggio di Fahrenheit 451 (1966). Denunciato dalla moglie, Montag è costretto a bruciare i suoi amati libri, sotto gli occhi divertiti dei suoi ex colleghi. Tuttavia, un suo collega, da sempre invidioso di lui, avvisa il capitano del fatto che Montag ha nascosto un libro sulla sua persona. Il capitano allora minaccia il giovane con una pistola, ma Montag con prontezza dà fuoco all'odioso e ignorante ufficiale, usando il suo lanciafiamme d'ordinanza.
  • Electra... di tutti i giorni che ho vissuto, soltanto quelli che ho passato con te mi sembrano veri. Solo ora che sto morendo riesco a vedere il tuo volto. Chiaramente. (Vincent Volaju)
Personaggio antagonista di Cowboy Bebop - Il film (2001). Vincent, ricordatosi dell'amore che provava un tempo verso Electra, pronuncia queste parole.
  • Eppure, vorrei scoprire... Dove finisce la follia... E dove comincia la radice del male... (Il Dottore)
Personaggio di Ombre e nebbia (1992). Dopo aver incontrato il pavido impiegato Kleinman, il Dottore si prepara a sistemare i resti delle varie vittime del misterioso assassino che perseguita la città. Tuttavia, l'assassino entra proprio nel laboratorio del dottore, deciso a farne la propria nuova vittima. Il dottore prova a distrarre il maniaco con alcune domande sulla sua mente che si è realmente posto, ma l'unico risultato che ottiene è spazientire ancora di più il pazzo: deciso a salvare la pelle, il dottore fugge dalla finestra e tenta la fuga nelle strade, ma viene raggiunto dal maniaco e strangolato.
  • Figliolo... Guarda cosa hai fatto. Hai ucciso me, un uomo insignificante... ma hai fatto nascere... Un dio! (Rasputin)
Personaggio di Hellboy (2004). Rasputin rivolge queste parole a Hellboy che lo aveva trafitto mortalmente poco prima. Dal cadavere di Rasputin fuoriuscirà poi un gigantesco Behemoth tentacolare.
  • Fra ventiquattro ore dovrete essere a cento milioni di miglia nello spazio. Il pianeta esploderà. Le reazioni a catena non... non possono essere invertite. Alta! (Dott. Morbius)
Personaggio de Il pianeta proibito (1956), il dottor Morbius pronuncia queste ultime parole invocando il nome della figlia, dopo aver fatto attivare un congegno di autodistruzione per far scomparire il pianeta che racchiudeva la scienza del popolo Krell.
  • Francesco! Francesco! Lasciatemi... (Pina)
Personaggio di Roma città aperta (1945). Pina, giovane romana, deve sposarsi con Francesco, tipografo antifascista. Proprio il giorno del matrimonio tuttavia vi è un rastrellamento nel palazzo in cui vivono, visto che le autorità fasciste e naziste vogliono cercare il loro alleato Giorgio Manfredi. Manfredi riesce a fuggire, ma Francesco viene catturato dai tedeschi e caricato su un furgone. Disperata, Pina prova a raggiungerlo in corsa, ma viene freddata dai mitra tedeschi.
  • Già, capisce tutto lui! Ma che bravo! E guarda un po' se capisci questo: io lo amo e lui non ne vuole più sapere di me. E sai perché? Perché io volevo spingerlo ad ammazzare te. Tu non mi conosci! Tu non hai mai capito niente di me. Be', adesso te lo spiego io: Owens è stato il mio amante, è vero. Ma solo perché sono stata io a volerlo, perché io volevo il suo denaro! Volevo che si liberasse di sua moglie! Ma lui non era uno stupido come te! Lui m'aveva capito! E lo sai? Io lo ammiravo per questo! Io al posto suo mi sarei comportata esattamente come lui! Va via ora! Vattene e lasciami in pace! (Vicky Buckley)
Personaggio di La bestia umana (1954). Vicki si rivolge al marito Carl confessandogli dei suoi amanti e del suo progetto di ucciderlo. Dopodiché Carl la strangola.
  • Giro girotondo, io giro intorno al mondo. Le stelle d'argento costan cinquecento. Centocinquanta e la Luna canta, il Sole rimira la Terra che gira... Giro girotondo... come il mappamondo.. (HAL 9000)
Personaggio di 2001: Odissea nello spazio (1968). Deciso a non essere disattivato e a completare la missione verso Giove, l'intelligenza artificiale HAL 9000 uccide i membri della spedizione in ibernazione, fa morire nello spazio l'astronauta Frank e lascia l'ultimo degli uomini, il comandante David, in una navicella negandogli l'accesso. David riesce tuttavia a rientrare e si prepara vendicarsi: nonostante le suppliche di HAL, David inizia la procedura di disattivazione. Ormai in procinto di spegnersi, HAL inizia a recitare la poesia "Giro Girotondo", per poi disattivarsi totalmente.
  • Hai fatto tutta questa strada solo per la tua vendetta, eh? Be' allora goditela, perché non c'è niente che ti darà indietro tuo figlio. (John Fitzgerald)
Personaggio di Revenant - Redivivo (2015). Dopo la morte del capitano Henry, Glass raggiunge il rivale Fitzgerald e ha un cruento scontro con lui. Fitzgerald, gravemente ferito ed evidentemente sconfitto nel duello con il rivale, rinfaccia comunque a Glass che ucciderlo non riporterà in vita Hawk. Glass però si rifiuta di dargli il colpo di grazia e, vedendo sopraggiungere un gruppo di indiani Arikara, lascia il corpo del sofferente Fitzgerald in balia delle correnti del fiume. Giunto a livello del gruppo di indiani, Fitzgerald viene scalpato e sgozzato secondo le usanze indiane, quindi il suo corpo viene lasciato nuovamente in balia delle correnti del fiume.
  • Heaven... I'm in heaven... (John Coffey)
Personaggio di Il miglio verde (1999). Queste sono le ultime parole sussurate e ripetute più volte da John Coffey prima di essere ucciso sulla sedia elettrica.
  • Heil Hitler! (Hermann Fegelein)
Personaggio di La caduta - Gli ultimi giorni di Hitler (2004). Il generale delle SS Hermann Fegelein deve essere fucilato su ordine del Führer perché colpevole di diserzione. Quando si accorge che è arrivata la sua ora si abbottona la giacca e fa il saluto nazista.
  • Ho concluso con gli uomini. (Il mostro di Frankenstein)
Personaggio di Frankenstein di Mary Shelley (1994). La Creatura si da fuoco insieme al cadavere del suo creatore Dr. Victor Frankenstein su un isolotto di ghiaccio al Polo Nord.
  • Ho detto che il tuo amico è morto strillando come un porco irlandese! Pensaci, quando vedrai che me la passo liscia! Ehi! Aaaargh! (Frank Nitti)
Personaggio di The Untouchables - Gli intoccabili (1987). Capendo che la situazione per il suo capo, Al Capone, sta peggiorando e vedendo come Eliott Ness lo ha riconosciuto come assassino di Jim Malone, il sicario Frank Nitti tenta la fuga passando per il tetto, ma viene fermato da Ness, che decide di non ucciderlo per fargli affrontare un processo. Tuttavia, quando il criminale insulta la memoria del suo amico Malone Ness si infuria e spinge Nitti giù dal palazzo uccidendolo.
  • Ho freddo... Ho freddo... (Philippe)
In La grande abbuffata un gruppo di amici decidono di suicidarsi, chiudendosi in una casa nei dintorni di Parigi, e mangiando fino alla morte. Philippe è l'ultimo dei quattro a soccombere sotto lo sforzo di questo continuo banchetto.
  • Ho paura... che ho sbagliato tutto. (Bess McNeill)
Personaggio di Le onde del destino (1996). La protagonista muore in seguito all'aggressione e allo stupro da parte di un gruppo di marinai che vivono su una nave abbandonata.
  • Ho ucciso mio padre, ho mangiato carne umana, ed ora tremo di gioia. (Il Cannibale)
Personaggio di Porcile (1969). Dopo varie scorribande, Il Cannibale e la sua banda vengono catturati da alcuni soldati di una guarnigione, portati al processo e condannati dalle autorità religiose. Portati nella stessa zona desertica in cui compivano le loro scorribande, i derelitti vengono legati al terreno con dei pali: ma mentre i suoi compagni sono terrorizzati, il Cannibale è calmo e rilassato, e continua a ripetere la stessa frase. Poco dopo, i soldati sulla via del ritorno vedono in lontananza come i disgraziati vengano sbranati da cani selvaggi.
  • Il giorno del giudizio è vicino. Dio abbia pietà della mia anima...e gli altri vadano all'inferno! Amen. (Lettera di suicidio di un'abitante di Piedmont)
Personaggio minore di Andromeda (1971). La signora si è impiccata vicino al cadavere del suo gatto dopo che gli abitanti del suo paese, Piedmont, Nuovo Messico, sono tutti morti in circostanze misteriose.
  • Il solito Marlowe. Non imparerai mai... perdi sempre. (Terry Lennox)
Personaggio di Il lungo addio (1973). dopo una lunga indagine, l'investigatore privato Philip Marlowe scopre l'amara verità: l'amico Terry Lennox ha solo finto la morte, in modo da scappare dalla legge e rifugiarsi in Messico dopo l'omicidio della moglie. Terry si mette a deridere Marlowe, ma quest'ultimo, ormai disilluso, gli spara, per poi andarsene suonando la sua armonica.
  • In piedi! Cocijo, conta fino a tre. (Wild il gobbo)
Personaggio di Per qualche dollaro in più (1965). Dopo il colpo alla banca, El Indio, la sua banda e il Monco si recano per nascondersi nel piccolo villaggio di Aqua Caliente, in cui si trova Mortimer. Questi viene però riconosciuto da Wild il gobbo, pazzo scagnozzo di El Indio: Mortimer si era infatti acceso un fiammifero sulla gobba di Wild, ad El Paso. Deciso a vendicare l'affronto, il gobbo sfida Mortimer a duello davanti a tutti, ma il cacciatore di taglie si rivela più veloce e spara per primo a Wild uccidendolo.
  • Io a tagliare la corda ci metto meno di così. Niente chiacchiere, né discorsi a vanvera. Meglio che pensiate a quello che avete davanti agli occhi, ecco qual è la sfida. Il vostro vero nemico è dentro di voi. Merde! (Rennes detto "Scricciolo")
Personaggio di Cube - Il cubo (1997). Pur essendo un maestro dell'evasione scappato sette volte da diverse prigioni, Rennes muore nel tentativo di trovare la via d'uscita dal Cubo, una complicata costruzione in cui si è ritrovato con altri estranei formata da stanze cubiche piene di trappole mortali. Pur prendendo precauzioni provando le trappole lanciando uno scarpone, rimane vittima di una meccanismo che gli spruzza addosso dell'acido corrodendogli la faccia.
  • Io conterò i giorni finché il mio Arthur tornerà da me per sempre. (Norma Lewis)
Personaggio di The Box (2009). Arthur, marito di Norma Lewis, si vede costretto a sparare un colpo di pistola nel cuore della moglie per poter salvare loro figlio.
  • Io ho diciotto dollari, Drugo. (Donny)
Personaggio di Il grande Lebowski (1998). Usciti dal bowling, Drugo, Walter e Donny vengono raggiunti dai tre nichilisti, autori dei loro ultimi problemi, che vogliono vendicarsi di loro, chiedendogli di dargli i soldi che il magnate Jeffrey Lebowski gli doveva. Donny e Drugo vorrebbero pagare i tre per evitare rogne, ma il cocciuto Walter li affronta e, grazie alle sue abilità da soldato, riesce a sconfiggerli. Purtroppo il povero Donny, debole di cuore, ha un infarto per il forte shock e muore.
  • Io so che farai ciò che è giusto! (Re Harold)
Personaggio di Shrek terzo (2007). Re Harold, diventato una rana e ormai gravemente malato, rivolge queste parole a Shrek dopo aver svelato il nome dell'altro erede al trono di Molto Molto Lontano, Arthur Pendragon. Poco dopo il re spira.
  • Io t'ammazzo! (Simone)
Personaggio di Dogman (2018). Frustrato per le sue continue umiliazioni e per aver perso per colpa sua il rispetto degli altri, il canaro Marcello rinchiude in una gabbia il bullo Simone. L'uomo riesce a liberarsi, ma viene steso con un colpo alla testa. Volendo curarlo, Marcello lo posiziona sul lettino su cui cura i cani e, legatolo con una catena al collo al muro, prova a curarlo, ma Simone si riprende e prova a strangolare il canaro. Preso alla sprovvista, Marcello riesce ad attivare con il piede l'abbassamento del lettino: non avendo più una posizione stabile, Simone finisce per rimanere impiccato al muro.
  • Io voglio la mia mamma! Voglio la mia mamma! (Capitan Uncino)
Personaggio cattivo di Hook - Capitan Uncino (1991). Dopo il duello con Peter Pan, Capitan Uncino pronuncia queste ultime piagnucolose parole, poco prima di essere attaccato e mangiato dal coccodrillo.
  • Io...volevo solo un po' di ordine. Una fetta di quiche ora basterebbe. (Vavarin Delatombe)
Personaggio cattivo di I fratelli Grimm e l'incantevole strega (2005). Il generale francese cerca di uccidere i fratelli Grimm, colpevoli di non aver risolto il mistero delle sparizioni presso la foresta di Marbaden. Dopo essere stato trafitto da Wilhelm "Will" dal moncone di una bandiera, balbetta queste parole, prima di essere usato come peso per poter salire sulla torre della Strega con una catapulta.
  • J'ho preso in giro... lo so... j'ho detto 'n sacco de cazzate. Ma 'na cosa je vorrei dì: che un figlio come me... non se 'o meritavano proprio. Poi c'ho... sta sensazione addosso... che non te riesco a spiega'. Marco? Ooh? Ma che te sei addormentato? (Stefano Cucchi)
Personaggio di Sulla mia pelle (2018). Stefano Cucchi, arrestato sei giorni prima per spaccio di droga, pronuncia queste parole sul letto dell'ospedale Fatebenefratelli, prima di spirare a causa delle precarie condizioni di salute conseguenti alle botte a lui inflitte da due agenti della polizia poco dopo il suo arresto.
  • James, meritatelo! Meritatelo! (Cap. Miller)
Personaggio di Salvate il soldato Ryan (1998). Il capitano pochi attimi prima di morire rivolge queste parole a James Ryan, il soldato per il quale era stata organizzata la missione di recupero.
  • Je t'aime! (Miryea)
Personaggio di Revenge - Vendetta (1990). Miryea in fin di vita rivolge queste parole all'amato Jay Cochran, che la tiene tra le braccia.
  • Cordell...Cordell! CORDELL!! (Mason Verger)
Personaggio cattivo di Hannibal (2001). Mason pronuncia queste parole subito prima di venire gettato in pasto ai propri cinghiali dal suo assistente Cordell, il quale era appena stato persuaso da Hannibal Lecter a compiere tale gesto.
  • Katie... Il sogno... Il sogno... Il matador... Il matador... Il matador... Io... Io... (Generale Warren Abraham Black)
Personaggio di A prova di errore (1964). Il generale Black ha il compito di sganciare la bomba atomica su New York, luogo in cui abitano anche i suoi figli e la moglie Katie. Appena esegue l'ordine si toglie la vita pungendosi il dito con una siringa avvelenata. Spira rivolgendo gli ultimi istanti di vita al ricordo di un sogno ricorrente che lo ossessionava: assistere all'uccisione di un toro da parte di un matador.
  • No, io Ray sono Vigo, imperatore della terra. Andatevene voi omuncoli! (Vigo)
Personaggio cattivo di Ghostbusters II (1989). Vigo il Carpatico (conosciuto anche come Vigo il Crudele, Vigo il Torturatore, Vigo lo Schifato e Vigo il Sacrilego) nacque nel 1505 e morì nel 1610. Fu "avvelenato, pugnalato, impalato, impiccato, sbudellato, affogato e squartato". La leggenda narra che le sue ultime parole furono la profezia della sua reincarnazione.
  • Lei non dorme mai. (Richard Morgan)
Personaggio di The Ring (2002). Richard si suicida tramite elettrocuzione immergendosi nella vasca da bagno avvolto da fili elettrici. È tormentato dalle tragiche vicende che hanno sconvolto la famiglia incentrate sulla maledizione della figlia Samara.
  • ...Libertà! (William Wallace)
Personaggio di Braveheart - Cuore impavido (1995). il capo dei rivoltosi scozzesi William Wallace, catturato dagli inglesi, viene torturato davanti al pubblico. egli tuttavia riesce a resistere, pur soffrendo terribilmente. il popolo inglese, inizialmente denigratorio, prova pena per il guerriero e chiede a gran voce la sua liberazione. lo stesso messo reale incaricato dell'esecuzione suggerisce maliziosamente a Wallace di chiedere Pietà, a patto di rifiutare i propri ideali. il patriota, piuttosto di cedere, grida a gran voce la parola libertà. a questo punto tutti, messo reale compreso, rimangono colpiti e turbati dallo spirito dello scozzese, che viene infine ucciso per porre fine alle sue sofferenze con una decapitazione.
  • Lo dicevo io che non me somijava pe' niente! (Johnny Stecchino)
Personaggio di Johnny Stecchino (1991). Johnny, prima di essere ucciso da mafiosi rivali in un bagno pubblico, ribadisce la convinzione che il suo sosia, Dante, non gli sia somigliante ed è per questo che lo scambio di persona non ha funzionato.
  • M'hai rotto l'orologio... (Il Matto)
Personaggio di La strada (1954). Il Matto viene picchiato da Zampanò e sbatte la testa contro una protuberanza. Poco dopo controlla l'orologio da polso, pronuncia queste ultime parole e quindi si accascia al suolo, morendo.
  • Ma c'è speranza per il futuro. Quando il mondo sarà pronto per una nuova e migliore vita, tutto questo accadrà fatalmente. Quando Dio lo vorrà. (Capitano Nemo)
Personaggio di 20.000 leghe sotto i mari (1954), dall'omonimo romanzo di Jules Verne, il capitano del Nautilus muore ferito da uno sparo, affondando insieme alla sua nave e ai segreti tecnologici che avrebbero dato all'umanità una vita migliore, pronunciando tuttavia queste parole di speranza per il futuro del mondo.
  • Ma che cazzo fai, rotto in culo? Che cazzo fai? (Vinz)
Personaggio di L'odio (1995). Dopo le loro disavventure notturne, i tre amici Vinz, Said e Hubbert si salutano per andare a dormire, ma vengono fermati da una macchina della polizia, guidata da un poliziotto in borghese con cui avevano avuto degli screzi durante la mattinata. Nonostante gli insulti dei ragazzi, il poliziotto si pavoneggia e si prepara ad arrestarli, ma improvvisamente gli parte involontariamente un colpo di pistola che centra Vinz in faccia uccidendolo.
  • Ma guarda, guarda... Ma guarda, ma guarda, ma guarda... (Lester Burnham)
Personaggio di American Beauty (1999). Lester pronuncia queste parole mentre guarda una vecchia foto con la moglie e la figlia ancora piccola, pochi attimi prima di essere ucciso da un colpo di pistola alla testa.
  • Ma tu... tu hai scopato migliaia di uomini. (Seligman)
Personaggio di Nymphomaniac (2013). Seligman sta provando a stuprare Joe nel sonno, ma quest'ultima a un tratto si risveglia, prende in mano la propria pistola e la carica. Seligman pronuncia quindi queste parole, ma poco dopo viene freddato da Joe.
  • Madre di misericordia! È questa la fine di Rico? (Rico)
Personaggio di Piccolo Cesare (1930). Rico, ferito a morte, pronuncia queste parole alla fine del dialogo col sergente Tom Flaherty, pochi attimi prima di morire.
  • Marco, marco... Oggi ci è andato tutto male... Da che è morto Lupo... (Partigiano fiorentino)
Personaggio di Paisà (1946).Dopo l'esecuzione di un gruppo di fascisti, la guerriglia fra partigiani fiorentini e nazisti continua e l'infermiera Harriet, alla ricerca del suo fidanzato, il capo partigiano noto come Lupo, si rifugia sotto un portone insieme a due partigiani, uno dei quali viene presto ferito da una pallottola vagante. Convinto di essere in presenza del suo comandante Marco, il moribondo racconta della morte di Lupo, per poi spirare, sotto lo sguardo disperato della povera Harriet, consapevole di aver perso il proprio amore.
  • Martedì, ore 19 e 30. Aumenta la resistenza all'anestetico. Necessarie dosi più massicce e più frequenti. Eseguirò subito dissezione corpo. (Dr. Waldman)
Personaggio di Frankenstein (1931). Il Dr. Waldman ritiene che sia più sicuro distruggere il mostro creato dal Dr. Frankenstein perché gli ha impiantato un cervello "anormale" predisposto alla violenza. Al momento della dissezione il mostro però si risveglia perché ha sviluppato una resistenza all'anestetico e strangola Waldman. Queste rappresentano le ultime parole scritte dal dottore prima che il mostro lo strangoli.
  • Meraviglioso, caro Muska! Tu sei un vero eroe! Che atto di tremendo merito! (Generale Mouro)
Personaggio di Laputa - Castello nel cielo (1986). Mentre esplorano Laputa, il Generale Mouro e i suoi soldati si trovano davanti un ologramma della piccola Sheeta e della loro guida, l'agente governativo Muska: quest'ultimo infatti rivela di discendere dalla famiglia reale di Laputa e di aver manovrato l'esercito per raggiungerla, proclamandosi nuovo re dell'Isola e del mondo. Capendo con chi ha a che fare, Mousa spara inutilmente alla proiezione olografica, mentre Muska azionando un pulsante rimuove il terreno sotto di loro facendo precipitare il generale e i suoi soldati.
  • Mi dispiace tanto, Guy. Io-io vorrei aiutarti, ma... non posso far nulla per te. (Bruno Anthony)
Personaggio di L'altro uomo (1951). Bruno è in fin di vita incastrato tra le macerie del carosello del luna park, esploso per un malfunzionamento. Guy, affiancato dai poliziotti, intima Bruno di confessare la verità per poterlo salvare dalle accuse di aver ucciso la moglie, ma Bruno, sebbene non abbia nulla da perdere, muore inventandosi l'ennesima bugia.
  • Mi hai abbandonato! Mi hai abbandonato! (Vincent Grey)
Personaggio di The Sixth Sense - Il sesto senso (1999). Vincent Grey da bambino è stato un paziente dello psicologo infantile Malcolm Crowe perché aveva problemi familiari. Diventato adulto irrompe, con indosso solo le mutande, nel domicilio del dottor Crowe per rinfacciargli di non averlo aiutato in passato a superare i propri problemi. Sfoderando improvvisamente una pistola dalle mutande spara a Malcolm Crowe e si suicida puntandosi la canna alla tempia.
  • Mi sbagliavo su di te, Peter. Questa città ha bisogno di te. Tieni. Questa ti servirà. Ti farai dei nemici. Molti... molti si faranno male. A volte le persone più vicine a te. Devi prottermi una cosa... non... coinvolgere... Gwen. Promettimelo. (George Stacy)
Personaggio di The Amazing Spider-Man (2012). Il capitano George Stacy, dopo essere stato ferito mortalmente dalla Lucertola, rivolge queste parole a Peter Parker.
  • Mi serve un dottore! Per favore! (Owen)
Personaggio di Cube Zero (2004). Owen, ex tecnico, dopo essere stato rinchiuso nel labirintico cubo, riesce a trovare l'uscita seppure ferito e mentalmente labile. Dodd ed Eric, suoi ex colleghi, vengono quindi incaricati tramite una telefonata dei propri superiori di sottoporlo alla "procedura d'uscita". Incatenato in una stanza in penombra, gli vengono poste due domande tramite l'interfono: qual è il suo nome e se crede in Dio. Alla seconda domanda Owen risponde: «Quale Dio farebbe questo a un uomo?». Dodd ed Eric premono quindi il pulsante corrispondente alla sua risposta, "no", che aziona una fiamma che arde vivo Owen. Dopo Eric chiede: «Cosa succede se premi "sì"?» e Dodd risponde: «Non lo so. Nessuno risponde "sì"».
  • Mio Dio, è come un momento in un qualche film dell'orrore. È precisamente il momento in cui la mutazione o la bestia si prepara a uccidere un antipaticissimo personaggio secondario. Ma nelle storie in cui non ci sono stati in precedenza nudi, parolacce, omicidi o morti – i film per famiglie – il personaggio antipatico sfuggirà per un pelo all'agguato e ricomparirà verso la fine della storia dopo aver imparato una lezione preziosa: che potrebbe usufruire di un momento umoristico che consenta al pubblico di trovarlo simpatico. [ride] Questo è il punto in cui mi volto per scappare, tu mi salterai addosso e io sbatterò la porta e tu arriverai soltanto una frazione di secondo troppo tardi. (Harry Farber)
Personaggio di Lady in the Water (2006). Harry Farber è un critico cinematografico che abita nel "The Cove", il condominio attorno al quale ruotano le vicende fantastiche del film. Le ultime parole, così come altre battute durante il film, sono dei pretesti per commentare il film stesso. La previsione di Ferber, dedotta dalla conoscenza degli stereotipi cinematografici, non si avvera: Ferber viene comunque attaccato dallo Scrunt, la misteriosa bestia verde.
  • Mio fratello... Gli ho insegnato tutto io. (Brian)
Personaggio di Carriers - Contagio letale (2009). In un mondo in cui si è diffusa una pendemia mortale, Brian, ormai infettato, viene ucciso dal fratello Danny con un colpo di pistola.
  • Ispettore Deutsch: Mundt! Mundt! Fatti vedere!
    Ispettore Mastrionotti: Metti giù la valigetta e vieni avanti con le mani in alto! Si è arreso.
Personaggio di Barton Fink - È successo a Hollywood (1991). Mentre interrogano Barton Fink sul suo vicino di camera, il serial killer Karl Mundt, gli ispettori Deutsch e Mastrionotti capiscono che Mudnt è arrivato con l'ascensore: usciti nel corridoio, i due vedono delle fiamme uscire dall'ascensore, da cui poi esce il pazzo. Sotto intimidazione dei poliziotti, Mundt appoggia la propria valigetta, ma ne estrae una doppietta con cui uccide Mastrionotti: terrorizzato, Deutsch prova a scappare per il corridoio, ma viene azzoppato dal folle, che gli spara a bruciapelo alla testa sotto gli occhi di Fink.
  • Né tu né l'esercito potevate fermarli. Ho dovuto farlo io. Per questo non ti ho chiamato. Oddio... Oddio... (Sergente Raymond Shaw)
Personaggio di Va' e uccidi (1962). La mente di Raymond è stata condizionata dai nemici comunisti durante la Guerra di Corea affinché diventasse un assassino a sangue freddo e uccidesse il candidato alle elezioni presidenziali. Nel momento in cui Raymond avrebbe dovuto uccidere il candidato, spara invece all'odiata madre e al senatore Iselin, suo patrigno (entrambi coinvolti nella congiura e in cerca di un martire politico). Il maggiore Marco, giunto ormai troppo tardi, vede Raymond suicidarsi e comprende che si è sacrificato per salvare la democrazia.
  • Noi non dovremmo esistere! Manderò le nostre povere anime al riposo eterno! (Tadzio De Santis/Teschio Rosso)
Personaggio di Capitan America (1990). Sventato il suo piano di conquista per colpa di Capitan America, il diabolico Teschio Rosso decide di farsi esplodere con una piccola bomba nucleare, in modo da distruggere anche Capitan America, il presidente e mezza Europa. Per fermarlo Capitan America gli fa ascoltare un nastro, su cui sono incisi i rumori della notte in cui Teschio Rosso, allora il giovane e innocente Tadzio De Santis, venne rapito dai fascisti e la sua famiglia massacrata. Pur visibilmente scosso, Teschio Rosso decide comunque di farsi esplodere, sia per vendicarsi sia per porre fine alla propria tormentata esistenza: per fermarlo, Capitan America gli lancia contro il proprio scudo, facendolo precipitare in mare.
  • No! Che cosa avete fatto? I miei occhi! I miei occhi! (Muska)
Personaggio di Laputa - Castello nel cielo (1986). Il perfido Muska decide di dare ai giovani Sheeta e Pazu del tempo per scegliere se dargli la gravipietra o morire: tuttavia, al contrario di quanto si aspetta i due giovani proclamano insieme la parola di distruzione insegnata dai genitori a Sheeta. L'incantesimo funziona e l'impalcatura costruita dall'uomo attorno all'albero di Laputa inizia a crollare: mentre Pazu e Sheeta riescono ad aggrapparsi alle radici dell'albero Muska, accecato dall'energia sprigionata, viene travolto dai detriti e precipita da Laputa.
  • No David, non parlare...Non parlare... (Calogero "Ciccio")
Personaggio di Pallottole su Broadway (1994). Mentre assiste alla rappresentazione a Broadway di quella che si può considerare a tutti gli effetti una sua opera, Ciccio viene inseguito dal braccio destro di Nick Valenti, Rocco, in quanto il boss lo ha scoperto come assassino di Olive. Dopo una sparatoria, Ciccio viene ferito gravemente e spira tra le braccia dell'amico sceneggiatore David, non prima di avergli suggerito gli ultimi ritocchi per rendere la commedia un vero capolavoro, dimostrando ancora una volta il suo genio.
  • No Jim, aspetta, no, agente, metti giù quella pistola! (Sceriffo Lee Roberts)
Personaggio di The Bay (2012). Lo Sceriffo pronuncia queste ultime parole quando un suo collega, Jimson, lo minaccia con una pistola per poi ucciderlo e suicidarsi a sua volta. Lee Roberts voleva aiutare Jimson, il quale era in evidente stato confusionario a causa di un parassita mutato che si era impossessato del suo corpo, divorandogli gli organi e danneggiandogli il sistema nervoso.
  • No, loro non si fermeranno, non si fermeranno! State lì fino all'alba. (Robert Neville)
Personaggio di Io sono leggenda (2007). Robert Neville rivolge queste ultime parole ad Anna, invitandola a nascondersi in una stanza segreta insieme al bambino fino all'alba. Fatto ciò, Neville si fa esplodere con una bomba a mano insieme a tutti gli infetti che erano entrati nel laboratorio.
  • No, Miles. Perdonami, ti ho mentito. Volevo che tu mi ammirassi... E invece ti ho deluso, mi dispiace... Tu... sei il migliore di tutti noi, Miles. Va bene così.Devi... Andare avanti... Andare avanti... (Aaron Davis/Prowler)
Personaggio di Spider-Man: Un nuovo universo (2018). Nello scontro tra Kingpin e suoi scagnozzi e i vari Spider-Man alternativi, il criminale Aaron Davis, noto come Prowler, insegue uno degli eroi fino ad un tetto, dove si prepara ad ucciderlo: il giovane tuttavia si smaschera rivelando di essere il nipote di Aaron, Miles, stupendo lo zio che si rifiuta di ucciderlo. In quel momento però Kingpin spara alle spalle dello scagnozzo traditore: nella battaglia che segue, Miles si rifugia con lo zio morente in un vicolo. Il giovane si dà la colpa del ferimento dello zio, ma Aaron gli chiede perdono spronandolo ad andare avanti, per poi spirare.
  • Non avrete mai la mia anima. Dio, non l'avrete! (Dottor Collins)
Personaggio di Ultracorpi - L'invasione continua (1993). Pur di evitare di diventare un ultracorpo, cioè una copia aliena priva di sentimenti, il dottor Collins si suicida sparandosi alla tempia.
  • Non doveva andare così. (Carroll Oerstadt)
Personaggio di Déjà vu - Corsa contro il tempo (2006). Il terrorista Oerstadt, che intendeva far esplodere un traghetto, pronuncia questa frase prima di iniziare a sparare, rendendosi conto che il suo piano sta per essere vanificato. Subito dopo viene investito da Claire e poi ucciso dall'agente Doug con un colpo di pistola in fronte.
  • Non ho più bisogno di lei: "Les jeux sont faits". (Joseph Goebbels)
Personaggio di La caduta - Gli ultimi giorni di Hitler (2004). Prima di suicidarsi insieme alla consorte Magda, il Ministro della Propaganda del Terzo Reich, per poche ore Cancelliere della Germania al posto di Adolf Hitler anch'egli morto suicida, pronuncia questa frase al militare delle SS Rochus Misch, telefonista del bunker di Berlino
  • Non importa. Stringimi, caro! (Phyllis Dietrichson)
Personaggio di La fiamma del peccato (1944). Phyllis minaccia di uccidere l'amante Walter Neff, con cui ha organizzato un piano per uccidere il marito e intascare l'assicurazione sulla vita. Phyllis ammette di averlo usato solo per il proprio vantaggio personale, ma subito si ricrede e gli confessa il suo amore. Neff dubita della sincerità del suo affetto, quindi la uccide con due colpi di pistola.
  • Non... non... di... menti... carmi. (Co Bao)
Personaggio di Rambo II - La vendetta (1985). Dopo essere stata uccisa dai soldati vietnamiti, pronuncia a Rambo queste ultime parole.
  • O forse io sono finito. è passata la mia ora, le mie parole cadono nel vuoto. Non pensi però, signor Totò, che io pianga per la fine di quello in cui credo: sono convinto che qualcun altro verrà e prenderà la mia bandiera per portarla avanti. Ora io piango di me stesso. è umano, no? Quandoci si sente di non contare più. (Il Corvo)
Personaggio di Uccellacci e uccellini (1966). Dopo aver parlato a lungo ai suoi compagni di viaggio Totò e Ninetto con tesi marxiste e di sinistra, Il Corvo si accorge che i due non lo ascoltano più e capisce con rammarico di stare per morire, pur essendo consapevole che la sua ideologia non crollerà mai: subito dopo Totò, stufo delle parole del volatile, che fatica a comprendere, torce il collo al Corvo e lo mangia con Ninetto.
  • Oh, no... No! (Judy Barton)
Personaggio di La donna che visse due volte (1958). Capendo che la giovane Judy Barton altri non è che la sua amante perduta Madeleine, Scottie la porta nel monastero in cui Madeleine si era apparentemente suicidata. Qui l'uomo le rivela di aver capito tutto e la trascina fin sopra la torre campanaria. Qui tuttavia la ragazza riesce a convincerlo del suo sincero amore, e i due si scambiano un bacio appassionato. Inaspettatamente però sale sulla torre un figura misteriosa: spaventata, Judy indietreggia e finisce inavvertitamente contro il cornicione della torre, precipitando al suolo. La figura, come potrà constatare lo stupefatto Scottie, altri non era che una suora venuta per suonare la campana.
  • Oh-oh! C'è qualcuno? Oh-oh! C'è qualcuno? Ehi! C'è qualcuno qui? Ehi, gente! Ehi! C'è qualcuno qui? (Dick Halloran)
Personaggio di Shining (1980). Il capocuoco dell'Overlook Hotel, Dick Halloran, ritorna all'albergo perché chiamato telepaticamente dal piccolo Danny, in pericolo perché il padre Jack Torrance, custode stagionale dell'hotel, è impazzito e vuole uccidere la famiglia. Prima che Dick possa soccorrerli, Jack lo uccide piantandogli l'accetta nel cuore.
  • Oh, Petunia, mi mancherai tanto...sei una brava ragazza, non è vero? Una bella ragazza, lo sei, sì lo sei, mh? Oh, sì, lo sei... (Montgomery Montgomery)
Personaggio di Lemony Snicket - Una serie di sfortunati eventi (2004). L'erpetologo, tutore degli orfani Baudelaire, la notte prima della loro partenza per il Perù rivolge queste parole al suo serpente preferito, mentre alle sue spalle si avvicina il malvagio Conte Olaf che lo ucciderà.
  • Ora basta. Adesso faccio sul serio, eh? (Liberty Valance)
Personaggio di L'uomo che uccise Liberty Valance (1962). L'avvocato Ransom Stoddard capisce che il bandito del West Liberty Valance è al di sopra della legge e che non potrà fermarlo con la sola conoscenza delle norme che regolano la giustizia. L'unico modo per fermarlo è imparare a usare le armi da fuoco e affrontarlo in un duello. Durante lo scontro il bandito ferisce dapprima Ransom alle braccia per poi minacciarlo di fare sul serio e ucciderlo sul colpo. Nonostante le ferite, Ransom riesce a giocare d'anticipo e ammazzarlo, liberando così la città di Shinbone dalla minaccia di Liberty Valance.
  • Ottimo lavoro, dottoressa Vaselli, ottimo lavoro. Heil Hitler! (Spia Nazista)
Personaggio di Capitan America (1990). Grazie all'esperimento della geniale dottoressa Vaselli, ex scienziata di Hitler e Mussolini, Steve Rogers ottiene i poteri del supersoldato. Mentre le varie personalità presenti fanno i complimenti alla dottoressa si avvicina un uomo, che vuole stringerle personalmente la mano: l'uomo tuttavia è una spia nazista e invece di stringere la mano alla scienziata fa il saluto nazista mentre le spara uccidendola. Furioso, Steve afferra l'uomo e lo scaraventa addosso a uno dei macchinari nel laboratorio, che va in cortocircuito friggendo la spia.
  • Papillon... È finita... (André Maturette)
Personaggio di Papillon (1973). Ultime parole prima di spirare ed essere dato in pasto agli squali.
  • Paul il Barcaiolo, Kinky, il Duca, Slasher, Killbur Jerry, Crazy Larry, Mister Lucky, Troup, Jimmy ... Non voglio aggiungere il mio nome alla lista. Il mio nome? Se lo sapeste, sareste furbi quanto me. (XXXX)
Personaggio di The Pusher (2004). Lasciando il club con Tammy, XXXX si rivolge al pubblico (esempio di rottura della quarta parete) parlando della sua prudenza e della sua intelligenza, poco prima di essere ucciso da un colpo di pistola sparato da Sidney.
  • Pembry, attento! Mi ha ammanettato! Porca puttana! (Tenente Boyle)
Personaggio minore di Il silenzio degli innocenti (1991). Con il fermaglio della penna rubata al dottor Chilton, Hannibal Lecter riesce ad aprire le manette che lo legano alle sbarre della cella mentre il Sergente Pembry e il tenente Boyle gli portano il pasto. Quando Boyle si avvicina, Lecter riesce velocemente ad ammanettarlo per poi saltare addosso a Pembry strappandogli la lingua a morsi e spruzzandogli negli occhi lo spray al peperoncino preso dal suo equipaggiamento. Boyle, impossibilitato ad agire perché ammanettato alle sbarre, muore per le percosse che Lecter gli infligge col manganello. Mentre i poliziotti agli altri piani dell'edificio si accorgono che qualcosa non va, Lecter fa in tempo ad appendere il cadavere sbudellato di Boyle alle sbarre e riesce a evadere con uno stratagemma.
  • Perché obbedire senza pensare così istintivamente, lo fa solo la gente come lei, capitano! (Dottor Ferreiro)
Personaggio di Il labirinto del fauno (2006). Il dottore ha ucciso un ribelle catturato, secondo la volontà del malcapitato, per evitare che questo venisse ulteriormente torturato dal capitano, disobbedendo in tal modo proprio ad un ordine dell'ufficiale. Il capitano Vidal chiede quindi al dottor Ferreiro perché non ha rispettato l'ordine e quella riportata è la risposta del dottore nonché le sue ultime parole, dal momento che poco dopo il dottore verrà ucciso proprio dal capitano con un colpo di pistola alla testa. Va considerato che il film è ambientato dopo la guerra civile spagnola e che il dottore sostiene i ribelli, mentre il capitano sostiene ovviamente Francisco Franco già saldamente al potere.
  • Perfetti... Sono tutti perfetti... (Katsumoto)
Personaggio di L'ultimo samurai (2003). Katsumoto guardando i petali dei fiori di ciliegio portati dal vento rivolge queste ultime parole in punto di morte a Nathan Algren.
  • Pete... è la seconda pallottola che mi becco per te! (Hank Quinlan)
Personaggio di L'infernale Quinlan (1958). avendo capito che il collega di una vita Pete Menzies lo ha tradito per collaborare col poliziotto Mike Vargas, che cerca di incastrarlo, il corrotto e ormai preda dell'alcolismo ispettore Hank Quinlan spara all'amico, per poi puntare la pistola contro Vargas, minacciando di ucciderlo e insabbiare, come era solito fare, la faccenda. tuttavia, prima di morire Pete riesce a colpire il corpulento ispettore. questi, ormai agonizzante, pronuncia rivolto al cadavere di Pete le parole riportate (riferite alla volta in cui Quinlan prese una pallottola per l'amico), per poi morire davanti all'amata Tanya.
  • Qualunque cosa accada, tu perdi e io vinco! (Ivan Korshunov)
Personaggio di Air Force One (1997).Per stanare il presidente Marshall, il capo dei terroristi Ivan Korshunov prende in ostaggio la sua famiglia e gli ordina di raggiungerli nella stiva. Mentre il maggiore Caldwell e l'agente Gibbs pilotano l'aereo, Marshall va a salvare la famiglia, iniziando una colluttazione con il russo. Il terrorista rinfaccia al presidente di essere l'unico a bordo con un paracadute, e di avere di conseguenza vinto: tuttavia, con prontezza Marshall apre il paracadute, che si impiglia nel portellone dell'aereo, impiccando Ivan.
  • Quando la musica finisce, raccogli la pistola e cerca di sparare. Cerca! (El Indio)
Personaggio di Per qualche dollaro in più (1965). Uccisi gli scagnozzi dell'Indio, Mortimer viene tuttavia disarmato dal pericoloso criminale che lo sfida a duello: quando il cariloon in possesso dell'Indio finirà la sua musica, il duello inizierà. Mortimer è in svantaggio, in quanto non ha a portata di mano la pistola, ma la situazione viene riequilibrata dal Monco, che dopo aver attivato il cariloon di Mortimer, rubato in precedenza, fornisce al compagno una pistola, permettendogli di duellare alla pari col criminale. Al termine della musica, El Indio prova a sparare, ma viene ucciso da Mortimer, che vendica così la sorella, violentata anni prima dall'Indio e vera proprietaria del fantomatico cariloon.
  • Quando sarai nel regno dei cieli, ricordami al padre tuo. (Giovanni Stracci)
Personaggio dell'episodioLa ricotta, nel film collettivo Ro.Go.Pa.G. (1963). Stracci è un sottoproletario che è stato scelto come comparsa per interpretare il buon ladrone in un film sulla Passione di Cristo. Costretto a cedere il proprio cestino del pranzo alla famiglia affamata, Stracci compie un vero e proprio calvario per trovare cibo, riuscendo alla fine ad acquistare della ricotta. Trovato dagli altri attori e dai membri della troupe, egli viene deriso e costretto a mangiare tutti i resti dell'ultima cena. Riportato in scena sulla croce, Stracci viene avvicinato da un assistente di produzione, che gli chiede due volte se ricorda la battuta da dire. Stracci risponde la prima volta in modo approssimativo, ma la seconda alza gli occhi al cielo e assume uno sguardo sofferente, come se facesse realmente la preghiera. L'attimo dopo si inizia a girare la scena della passione, ma tutti si accorgono che il povero Stracci è morto di indigestione.
  • Quando ti abbiamo trovato, abbiamo pensato che qualcuno avrebbe cercato di portarti via dopo aver scoperto quello che sapevi fare e questo ci preoccupava molto. Ma poi, quando un uomo invecchia e comincia ad avere una visione diversa diventa tutto più chiaro. E la sola cosa chiara, figliolo, è che tu sei qui per un preciso motivo. Non so quale sia e chi ti abbia mandato, ma forse è perché, ehm... Non lo so. Però una cosa è certa. Non è per fare gol quando giochi. (Jonathan Kent)
Personaggio di Superman (1978). Queste le sue ultime parole a Clark poco prima di cadere a terra per arresto cardiaco.
  • Questo è il giorno più bello della... della mia esistenza. Anna... (Nemo Nobody)
Personaggio di Mr. Nobody (2009). Nemo Nobody, ormai centodiciottenne e l'ultimo mortale sulla Terra, pronuncia queste parole appena prima di morire.
  • Questo è il più bel giorno di tutta la mia vita! (Simon Phoenix)
Personaggio di Demolition Man (1993). Il folle e spietato criminale rivolge queste parole al suo peggior nemico John Spartan nel tentativo di ucciderlo, ma quest'ultimo rilascia una capsula di elemento criogenico, grazie alla quale riesce a congelare vivo Phoenix. Quindi Spartan colpisce la testa ghiacciata di Phoenix decapitandolo e frantumandolo in mille pezzi, provocando la sua morte nell'esplosione della fabbrica.
  • Qui non avevo mai tenuto un uomo...non ho mai toccato un uomo, a parte mio padre. Era nostro dovere...di Harriet e mio... (Martin Vanger)
Personaggio cattivo di Millennium - Uomini che odiano le donne (2011). Martin pronuncia queste parole mentre si appresta a torturare Mikael Blomkvist, subito dopo viene aggredito e ferito da Lisbeth Salander; nella successiva fuga in auto, esce di strada e muore nell'esplosione della vettura.
  • Renfield, sei uno stronzo! (Dracula)
Personaggio cattivo di Dracula morto e contento (1995). Dracula, messo alle strette dai protagonisti e con l'alba che incombe, si trasforma in pipistrello e si ripara nel sottotetto della cappella che aveva scelto come rifugio, ma il servo Renfield, cercando di indicargli una via di fuga, lo espone alla luce provocandone la morte.
  • Rosabella. (Kane)
Rosebud.
Personaggio di Quarto potere (1941). Il film inizia con la morte di un uomo, che poi si scopre essere il magnate Charles Foster Kane: la cinepresa mostra nella sua mano una palla di vetro con una casetta nella neve e poi, in un primissimo piano, una bocca maschile che pronuncia queste ultime parole.
  • Se si avvicina ancora le sparo in faccia. (Tim)
Personaggio di L'onda (2008). Tim si spara con un colpo di pistola davanti al corpo studentesco perché il professor Rainer Wenger vuole portare a termine un movimento studentesco chiamato "l'Onda". Nonostante fosse solo un esperimento sul funzionamento delle dittature, l'Onda ha dato a Tim un forte senso di appartenenza e di esaltazione.
  • Se vedete il giudice Greenfield, ditegli che suo figlio... (Hatfield)
Personaggio del film Ombre rosse (1939). La diligenza è sotto l'attacco della tribù Apache. Hatfield, proprio mentre sta per sparare all'amata Lucy per evitare che gli indiani la catturino viva, viene colpito e spira poco senza concludere la frase.
  • Sei proprio schifosa... (Michel Pollard)
Personaggio del film Fino all'ultimo respiro (1960). Colpito alle spalle, il criminale francese Michel Pollard pronuncia morente queste parole alla fidanzata Patrizia, che lo aveva venduto alla polizia.
  • Thelma: Senti, Louise, non torniamo indietro.
    Louise: Che vuoi dire, Thelma?
    Thelma: Non fermiamoci.
    Louise: Non capisco!
    Thelma: Coraggio.
    Louise: Sei sicura?!
    Thelma: Sì, vai!
Protagoniste del film Thelma & Louise (1991). Sono le parole che Thelma e Louise si scambiano prima di lanciarsi con l'auto nel vuoto.
  • Sì, lo so... ma io sono esattamente dove è giusto che mi trovi. (Danny Archer)
Protagonista di Blood Diamond - Diamanti di sangue (2006). Danny è ferito a morte e negli ultimi attimi di vita decide di telefonare a Moddy Bowen. Il protagonista chiuderà poi la telefonata con queste parole.
  • Wash Perry: Siamo amici!
    Salvatore: Uè!
    Wash Perry: Ehi, lassù! Aprite!
    Salvatore: Come faremo a farci capire?
    Ogilvy: Adopereremo il linguaggio dei segni.
    Wash Perry: Sì, capiranno. Vedrai.
    Ogilvy: Certo.
    Salvatore: Certo! Sventolando una bandiera bianca si fa presto a diventare amici!
    Wash Perry: Ehi, lassù! Aprite!
    Ogilvy: Uscite fuori! Siamo amici! Siamo i primi a darvi il benvenuto!
    Wash Perry: Siamo amici!
    Salvatore: Uè!
Personaggi di La guerra dei mondi (1953). I tre uomini tentano di stabilire il primo contatto tra terrestri e marziani avvicinandosi all'astronave agitando una bandiera bianca, ma vengono polverizzati dal raggio alieno.
  • Signor Jim, devo dirle una cosa. Mi vuole accompagnare? Jules, guardaci bene. (Catherine)
Personaggio di Jules e Jim (1962). Catherine, avendo vissuto il periodo senza Jules e Jim in totale solitudine e squallore, decide di fare una riunione con i due. Ad un certo punto, chiede a Jim di parlare in macchina. Subito dopo, si dirige in macchina su un ponte crollato, schiantandosi con la macchina nel lago e suicidandosi insieme a Jim.
  • Signore e signori, io e mia moglie Kit vogliamo ringraziarvi per averci invitati oggi qui a questa festa dell'Indipendenza. La festa dell'Indipendenza significa tanto per me visto che molti mi trovano troppo indipendente per i loro gusti. (Senatore Charles Carroll)
Personaggio di Perché un assassinio (1974). Il senatore Charles Carroll viene assassinato da un cameriere con un revolver mentre pronuncia un discorso in cima allo Space Needle di Seattle.
  • Signori! In questo momento supremo, rivolgiamo il nostro pensiero alle nostre famiglie, alla patria! Alla maestà del re! Viva l'Italia! (Vittorio Emanuele Bardone)
Protagonista de Il generale Della Rovere (1959), il finto generale rivolge queste parole ai suoi compagni prima di farsi fucilare con loro.
  • So cosa stai cercando di fare. Non funzionerà. Sono morti. (Peter Parker/Spider-Man)
Personaggio di Spider-Man: Un nuovo universo (2018). Sotto gli occhi del giovane Miles Morales, Spider-Man combatte contro Prowler e Goblin, scagnozzi di Kingpin, che desidera creare un portale per riportare in vita i famigliari defunti: tuttavia, a causa di un errore di Goblin il portale esplode uccidendo la creatura e ferendo gravemente Spider-Man. Smascherato da Kingpin, Peter gli rinfaccia che i suoi cari non torneranno mai: furente, il boss del crimine sfonda con un potente pugno il cranio di Spider-Man, sotto gli occhi dello scioccato Miles.
  • ... sono io il giudice di me stesso, Kris l'hai vista? Kris, non sono pazzo, cerca di capirmi è qualcosa che è nato dalla mia coscienza. Speravo che tu venissi in tempo per vedermi Kris. (Dottor Gibarian)
Personaggio di Solaris (1972). Arrivato nella stazione spaziale sopra il pianeta Solaris, Kris Kelvin viene informato da uno dei due professori rimasti, Snaut, che il un suo amico, il dottor Gibarian, si è suicidato. Sconvolto, Kris si reca nella stanza dell'amico: qui trova un video destinatogli da Gibarian, in cui lo scienziato tenta di spiegarli le motivazioni del suo omicidio. Dopo la sua contorta spiegazione, Gibarian prende una siringa con del veleno e si uccide.
  • Sono pronto! Pronto al grande passo, baby! (Castor Troy)
Personaggio antagonista di Face/Off – Due facce di un assassino (1997). Decisi a chiudere i conti una volta per tutte, l'agente federale Sean Archer e la sua nemesi, il folle Castor Troy, entrambi con le facce scambiate a seguito di un operazione, ingaggiano un inseguimento a bordo di un motoscafo, finendo per schiantarsi su una spiaggia. Armato di fiocina, Archer ferisce a una gamba Troy, che messo alle strette decide di attuare la sua ultima vendetta iniziando a sfregiarsi il volto con una lama, in modo da condannare il rivale a rimanere per sempre con la sua faccia. Deciso a non vivere con la faccia dell'uomo che ha ucciso suo figlio, Archer colpisce l'avversario con un calcio e si riprende la fiocina, con la quale impala Troy uccidendolo definitivamente.
  • Sono rovinato. Totalmente rovinato. E per colpa tua, Ed. Per colpa tua. (David "Big Dave" Brewster)
Personaggio de L'uomo che non c'era (2001). L'introverso barbiere Ed Crane viene chiamato nel cuore della notte da Big Dave Brewster, capo nonché amante della moglie, che gli chiede di venire nel suo negozio. Una volta lì, Big Dave sbatte in faccia la verità a Ed: egli infatti sa che è stato il barbiere a ricattarlo in segreto per l'adulterio compiuto, costringendolo a rubare i soldi che servivano per aprire una nuova filiale. Deluso e furente, Big Dave inizia a strangolare Ed, che per difendersi afferra il pugnale usato come tagliacarte dal negoziante e pugnala ripetutamente alla gola Big Dave.
  • Sono qui per riportarti a Fort Kiowa dove sarai processato per omicidio. (Andrew Henry)
Protagonista de Revenant - Redivivo (2015). Andrew Henry e Hugh Glass sono alla ricerca di Fitzgerald, che ha rubato anche le paghe del forte, ma si dividono per aumentare le possibilità di trovarlo. Durante la ricerca, Andrew viene sorpreso da Fitzgerald che gli punta il fucile contro. Henry prova a convincere il fuggiasco ad arrendersi, ma notando la resistenza di Fitzgerald, prova ad ucciderlo, ma viene freddato da un colpo di fucile.
  • Sono stata troppo debole e non potrò rimediare a quello che gli ho fatto. (Christa-Maria Sieland)
Personaggio di Le vite degli altri (2006). Christa-Maria ha denunciato il fidanzato Georg Dreyman alla Stasi della Germania dell'Est. A causa del senso di colpa e dell'interruzione di farmaci antidepressivi si uccide correndo in strada e facendosi quindi investire.
  • Sparano addosso alla macchina! Sparano addosso a me! (Spinoza)
Personaggio minore di Mortdecai (2015). Il meccanico Spinoza viene sorpreso dall'irruzione del criminale Emil nella sua officina.
  • Stai aspettando un treno, un treno che ti porterà molto lontano. Sai dove speri che questo treno ti porti, ma non puoi averne la certezza. Però non ha importanza, perché saremo insieme. (Mal Cobb)
Personaggio di Inception (2010). Mal è convinta che lei e suo marito Dom stiano ancora sognando e che l'unico modo per svegliarsi sia quello di uccidersi. Così Mal, nonostante gli inviti di Dom a ragionare e a non compiere un gesto così estremo, pronuncia queste parole e si butta dal cornicione, suicidandosi davanti agli occhi del marito. Le ultime parole pronunciate da Mal sono le stesse che Dom aveva detto per tranquilizzarla, poco prima di suicidarsi insieme ed uscire in questo modo dal mondo onirico in cui avevano vissuto per circa cinquanta anni.
  • Léon: Stansfield?
    Stansfield: A tua disposizione.
    Léon: Questo... te lo manda... Mathilda.
    Stansfield [gli apre il giubbotto antiproiettile]: Merda.
Personaggi rispettivamente protagonista e antagonista di Léon (1994). Léon, dopo essere sopravvissuto all'agguato della forza d'assalto inviata da Stansfield non prima di aver messo in salvo Mathilda, riesce quasi a fuggire camuffato da agente quando Stansfield lo riconosce, lo segue e gli spara alle spalle. Poco prima di morire però, sganciato e datogli in mano l'anello della sicura di una delle granate che teneva sotto il giubbotto antiproiettile, si fa esplodere insieme a Stansfield, vendicando così Mathilda.
  • Superman. (Il Gigante di ferro)
Personaggioe co-protagonista de Il gigante di ferro (1999). Sul punto di interrompere l'attacco generale, il generale Rogart viene interrotto dall'ispettore Kena Mansley, che, in un raptus di follia, strappa dalla mano del generale il telefono da guerra e ordina urlando al sottomarino Nautilus di lanciare il missile nucleare, che viene quindi sparato verso la posizione attuale del gigante. Essendo il gigante situato in mezzo alla città, il missile è destinato a schiantarsi sulla cittadina e ad uccidere tutti i presenti. Il gigante dimostra però tutto il suo altruismo: dopo aver salutato per l'ultima volta Hogarth, si lancia nel cielo stellato, colpendo il missile e facendosi esplodere nel cielo. Nel finale, però, è rivelato che il gigante, ancora vivo, si sta ricostruendo.
  • Te l'ho detto che gli orchi non vivono per sempre felici e contenti! (Fata Madrina)
Personaggio di Shrek 2 (2004). La Fata Madrina rivolge queste parole a Shrek e cerca di ucciderlo con una magia. Tuttavia Re Harold protegge Shrek con la sua armatura, facendo in modo che la magia della Fata Madrina rimbalzi sull'armatura e colpisca la stessa fata. Pochi secondi dopo la Fata Madrina scompare.
  • Ti ammazzo, Diavolo bastardo! Ti ammazzo! (Jose Quesada)
Personaggio di Daredevil (2003). Dopo aver fallito nell'arrestarlo in tribunale, Matt Murdock nei panni di Daredevil insegue e aggredisce il piccolo criminale e stupratore Jose Quesada, prima in un bar e poi nella metropolitana. Qui grazie ai propri poteri Daredevil riesce a disarmare Quesada e a spingerlo sotto le rotaie del treno in arrivo, che trancia a metà il criminale.
  • Ti prego, perdonami, Pierrot... (Marianne Renoir)
Personaggio di Il bandito delle 11 (1965). Sbarcato su un isola, Ferdinand incontra quasi per caso l'ex amante Marianne e il suo attuale uomo, Fred. Infuriato per essere stato sedotto dalla donna, che lo ha trascinato in una spirale di pazzia e violenza, Ferdinand spara ai due, uccidendo Fred e ferendo mortalmente Marianne. Portata nella casa di Fred, Marianne cerca di salvarsi chiedendo perdono all'amante, chiamandolo Pierrot. Impassibile, Ferdinand le fa notare che ha sbagliato nuovamente il suo nome, dimostrando quanto poco tenga a lui: l'attimo dopo, Marianne spira.
  • Ti vuole a tutti i costi, è vero? Accetterebbe anche di fuggire con te, al costo di rovinare per sempre la propria vita. Ma lo farebbe volentieri perché starebbe con te, questo è ciò che vuole! Ma non ti ha ancora, non ti avrà mai e nessun'altra ti avrà mai perché così voglio io! Non sei altro che un galeotto evaso! Nessuno sa quello che hai scritto! Crederanno a me! Crederanno a me! (Madge Rapf)
Personaggio di La fuga (1947). Madge è la colpevole di due omicidi per cui Vincent è stato incastrato. Egli le mostra una busta che contiene le prove e tenta di costringerla a firmare una confessione. Ma la donna, per evitare che la polizia la arresti e scagioni Vincent, si suicida buttandosi dalla finestra.
  • Tom è un mistero. Tom non è una nullità. Tom ha dei segreti che non vuole dirmi e vorrei mi dicesse. Tom ha degli incubi. Questa non è una cosa bella... Tom ha qualcuno che lo ama. Questa sì, è una cosa bella! Mh... Tom mi stringe, mi soffoca... Tom, così mi soffochi! Tom!! (Peter Smith-Kingsley)
Personaggio di Il talento di Mr. Ripley (1999). Tom si è adagiato accanto a Peter nel letto e lo ha pregato di dirgli qualcosa di bello su Tom Ripley. Mentre Peter sta ancora parlando, Tom, in preda alle lacrime, lo strangola.
  • Tu eri assessore quando il Municipio ebbe il coraggio civile di piantarmi gli alberi davanti alla casa. [...] Davanti alla mia casa per togliermi la vista. A me! Il barone Francesco! A me! [...] E non li sapeste nemmeno piantare e quando morirono, mi gettaste la calunnia che li avevo avvelenati io. Voi, ladri svergognati! Io... (Barone Francesco)
Personaggio di Il bell'Antonio (1960). Il barone è costretto al letto malato e la figlia, la signora Puglisi, prova a destarlo per dargli la notizia del matrimonio tra la nipote Barbara e Antonio Magnano. Il barone avendo udito il nome di Alfio Magnano, padre di Antonio, comincia a inveire contro di lui. Durante la sua invettiva, l'uomo a un certo punto perde conoscenza e muore.
  • Tu non hai mai capito... perché lo facevamo. Il pubblico conosce la verità. Il mondo è semplice, miserabile, solido, del tutto reale. Ma se riuscivi a ingannarli anche per un secondo, allora potevi sorprenderli. E allora... allora riuscivi a vedere qualcosa di molto speciale. Davvero non lo sai? Era quel... quello sguardo sui loro volti e... (Robert Angier)
Personaggio di The Prestige (2006). Robert rivolge queste parole ad Alfred Borden, in punto di morte.
  • Tutto ciò che un tempo ho amato giace in una fossa che ho scavato con le mie mani. Ho seguito il sentiero che lui mi ha tracciato. Nord, sempre a Nord, da mesi ormai con un solo scopo: ucciderlo. Ora sono stanco. Sono... tanto... troppo stanco. (Victor Frankenstein)
Personaggio di Frankenstein di Mary Shelley (1994). Dopo aver inseguito per mesi fino al Polo Nord il mostro da lui creato per distruggerlo una volta per tutte, il Dr. Frankenstein muore di stenti. Verrà al suo capezzale la Creatura per piangere la morte di quello che considera un "padre".
  • Uno si può incazzare quando le cose vanno così. Si può bestemmiare, maledire il destino, ma quando arriva la fine non resta che mollare. (Capitano Mike Clark)
Personaggio di Il curioso caso di Benjamin Button (2008). Il capitano, ferito a morte durante una battaglia navale, rivolge queste ultime parole a Benjamin.
  • Va bene brutti alieni del cazzo! Usando un'espressione della mia generazione, ficcatevelo nel culo! (Russell Casse)
Personaggio di Independence Day (1996). Russell è l'ultimo pilota tra quelli impiegati nell'attacco alla nave aliena ad avere ancora un missile, ma non riesce a sganciarlo e il suo aereo ha il motore danneggiato. Decide quindi di sacrificarsi lanciandosi all'interno dell'arma con la quale gli alieni si apprestavano ad aprire il fuoco sugli umani, innescando in tal modo una reazione a catena che fa precipitare l'astronave aliena. Poco prima di sacrificarsi Russell pronuncia queste parole.
  • Va bene, ti sei divertito: ora finiamola di giocare! (Gromeck)
Personaggio de Il sipario strappato (1966). Lo scienziato americano Armstrong, fingendosi alleato dei russi, può interrogare uno scienziato a Lipsia. Prima di farlo, raggiunge il suo contatto, una donna in una fattoria. Tuttavia, dopo che hanno finito la conversazione vengono sorpresi da Gromeck, agente del Cremlino incaricato di sorvegliare Armstrong. L'uomo si appresta a chiamare i suoi superiori, ma i due non potendo perdere la copertura lo aggrediscono e, dopo averlo pugnalato, lo uccidono con il gas del forno.
  • Vado di sotto a controllare la stiva! (Primo ufficiale della Dameter)
Personaggio de Nosferatu il vampiro (1922). Dopo che l’ultimo membro dell’equipaggio della nave Daemeter, morto per la peste, viene gettato in mare dal capitano edal suo primo ufficiale, quest’ultimo si reca armato di ascia nella stiva, ostinato a scoprire la verità sulle misteriose casse trasportate sulla nave. Tuttavia, nella stiva trova il vampiro Orlok: terrorizzato, il marinaio indietreggia fino a cadere in mare, annegando.
  • Vi ricordate che abbiamo parlato di John Philip Sousa, grande compositore di marce di inizio Novecento. Era un uomo molto famoso ma aveva un odio profondo per le registrazioni: non permetteva mai che registrassero la sua musica, persino quando arrivò Thomas Edison con la sua sensazionale invenzione, il fonografo. Ma a Edison non importava, se ne infischiò e registrò di nascosto una composizione di Sousa durante una parata. Lo definirei il primo vero "disco pirata". [gli studenti ridono] Allora voi che ne pensate? Che dite? Sousa aveva ragione? Secondo voi è giusto, sarebbe giusto se un artista nei giorni nostri salisse su un palco, collegasse un lettore CD a un amplificatore e nient'altro. Può bastare? Io non lo so. Sono molto più vecchio di voi ma tendo a pensare che ci sia un elemento della musica che non si possa catturare: non si può catturare la vita, non si può catturare il cuore umano. Il momento della creazione è qualcosa di fugace. (Parker Wilson)
Personaggio di Hachiko - Il tuo migliore amico (2009). Parker tiene ai suoi studenti quella che diventerà improvvisamente la sua ultima lezione. Ad un certo punto, avvertendo un malore, va a sedersi a fianco a loro in un posto libero, accasciandosi al suolo poi un attimo dopo essersi rialzato.
  • Viva l'anarchia! (Bartolomeo Vanzetti)
Personaggio di Sacco e Vanzetti (1971). Vanzetti pronuncia queste parole poco prima di essere giustiziato sulla sedia elettrica. In alcune versioni del film il volume della pellicola è stato azzerato nel momento in cui Vanzetti pronuncia questa frase, ma dalle immagini l'esclamazione si può comunque intuire, con fatica, dal labiale di Gian Maria Volonté, l'attore che interpreta Vanzetti.
  • Voglio tornare a casa. (Buba)
Personaggio di Forrest Gump (1994). Buba, ferito mortalmente da un attacco dei Vietcong durante la Guerra del Vietnam, rivolge queste ultime parole a Forrest, che lo tiene tra le sue braccia.
  • Voi pensate che l'acqua sia letale, dovreste vedere il ghiaccio. Si muove come se avesse una mente, come se ricordasse di aver strangolato il mondo un tempo e avesse il gusto dell'omicidio! Caduta la valanga, impiegammo una settimana a venirne fuori e in quei giorni perdemmo la speranza. Non ricordo con esattezza quando iniziammo a scannarci tra noi, so solo che in sette eravamo sopravvissuti alla valanga, ma che solo cinque si salvarono. Facemmo un giuramento, che sto violando ora. Giurammo di dire che era stata la neve a uccidere gli altri due... ma non era vero. La natura può essere micidiale, ma non regge il confronto con l'uomo. Avete visto precipitare una situazione, e quanto in fretta questo avvenga, be', le cose possono andare peggio di così. Perciò da adesso, quale che sia il motivo non litigheremo più fra noi! Uniremo invece gli sforzi e alla fine troveremo il modo per uscire da qui! Per prima cosa dobbiamo isolare questa piscina! (Russell Franklin)
Personaggio di Blu profondo (1999). Russell pronuncia queste parole poco prima di essere divorato da uno squalo.
  • Vorrei avere avuto un padre... come te... (Rufio)
Personaggio di Hook - Capitan Uncino (1991). Rufio è il capo dei Bimbi Sperduti, e viene trafitto a morte durante un duello con Capitan Uncino. In punto di morte, rivela a Peter Pan che avrebbe voluto avere un padre come lui.
  • Vorrei che vedeste quello che vedo io! Vorrei che foste tutti qui con me! Oh Baby! Fatti sotto! Ricordatevi sempre amici, il primo a dirvelo, è stato Chaaarlie! (Charlie Frost)
Personaggio di 2012 (2009). Charlie, pensando al suo pubblico di ascoltatori, esclama queste parole appena prima di essere travolto dall'eruzione del supervulcano appena sorto nel parco di Yellowstone.

007Modifica

  • Va... al... diavolo... (Mr. Jones)
Personaggio di Agente 007 - Licenza di uccidere (1962). Arrivato in Giamaica, Bond viene ricevuto all'aeroporto da Mr. Jones, un uomo che dichiara d'essere il suo autista o di doverlo portare dal governatore. Mentre vanno, una macchina li insegue: Bond ordina a Jones di seminarla, e l'autista si ferma in una piazzola, lasciandosi superare. Tuttavia, Jones si vede puntare una pistola contro da Bond, che ha capito come lui non sia chi dice di essere: dopo un pestaggio, la spia chiede a Jones chi lo ha mandato, ma questi, usando una sigaretta, si avvelena per non dover rivelare niente.
  • Glielo dirò, visto che tanto non potrà usare l'informazione: Io lavoro per... (Professor Dent)
Personaggio di Agente 007 - Licenza di uccidere (1962). Fatta arrestare Miss Taro, Bond si apposta nella sua casa, convinto che presto arriverà qualcuno. Ore dopo, un uomo misterioso entra nella casa e spara al fantoccio posizionato da Bond sul letto, per poi essere steso, rivelando la sua identità: è il Professor Dent, scagnozzo del Dr.No. Bond inizia a interrogarlo, ma Dent con messa fulminea cerca di sparargli: a causa dei colpi dati prima al fantoccio, la pistola è ormai scarica. Bond, capendo di non poter estorcere nulla a Dent, lo uccide con due colpi di pistola.
  • Capitano, se quello non è un drago che cos'è? (Quarrel)
Personaggio di Agente 007 - Licenza di uccidere (1962). Mentre si trovano sull'isola del Dr. No Bond, il suo aiutante Quarrel e la giovane Honey Rider vengono sorpresi da quello che gli ultimi due reputano un drago. Bond però è scettico, e capisce che il presunto drago in realtà è solo un automezzo, e prepara un piano di battaglia: mentre lui sparerà ai fanali, Quarrel punterà alle gomme. A causa della scarsa visibilità, Quarrel è costretto ad appostarsi in un cespuglio più avanti a quello di Bond, e questa sarà la sua fine: il "drago", avvicinatosi, lo brucerà senza alcuna pietà.
  • Fermi, idioti! Ci ammazzerete tutti, chiudete! (Dr. Julius No)
Personaggio di Agente 007 - Licenza di uccidere (1962). Mentre si prepara a dirottare un missile, il diabolico Dr. Julius No fa gli ultimi controlli alle proprie apparecchiature, rimproverando uno dei suoi scienziati che non si trovava al suo posto, il controllo della radioattività: tuttavia l'uomo, in realtà Bond, alza il livello della radioattività, che potrebbe provocare un'esplosione nucleare sulla zona. Mentre i suoi scienziati scappano, No cerca di abbassare il livello radiottivo lottando con Bond, ma entrambi cadono fuori dal bordo protettivo della zona: mentre Bond riesce ad arrampicarsi e a tornare in sicurezza, a causa delle sue mani meccaniche No ricade nella vasca d'acqua che serviva a contenere le radiazioni, venendo ucciso dall'acqua contaminata.
  • Il primo colpo non ti ucciderà. Nemmeno il secondo. E nemmeno il terzo. Dovrai strisciare fin qui a leccarmi i piedi! (Donald "Red" Grant)
Personaggio di A 007, dalla Russia con amore (1963). Sul treno che dovrà portarli fuori dal confine, Bond e Tatiana Romanova vengono intercettati da un duro e letale sicario della S.P.E.C.T.R.E., Red Grant, che stordisce Romanova e tiene sotto controllo Bond. Rubato, il Lektor, Grant rivela come lo ucciderà lentamente, per poi lasciare prove per creare uno scandalo che distrugga la sua reputazione. Tuttavia l'agente 007, con una mossa astuta, riesce a farsi aprire la propria valigetta, in cui è nascosta una cartuccia di gas fumogeno: nel buio e nella confusione del vagone, Bond riesce a sottomettere Grant, prima pugnalandolo al braccio e poi strangolandolo con la sua stessa garota, provocandogli la morte.
  • Chi è Bond, in confronto a Kronsteen? (Kronsteen)
Personaggio di A 007, dalla Russia con amore (1963). Infuriato per il fallimento dell'omicidio di Bond, il capo della S.P.E.C.T.R.E. Ernest Stavro Blofeld convoca i principali ideatori del piano, la sua associata Rosa Klebb e lo scacchista Kronsteen. Questi denigra la propria responsibilità, affermando che il piano era perfetto e che la colpa era di Klebb, che aveva sbagliato a scegliere l'impulsivo Red Grant per la missione. Blofeld sembra dargli ragione e fa entrare un sicario, armato di speciali scarpe con lama avvelenata incorporata, che si avvicina all'impaurita Klebb. Inaspettatamente, il sicario uccide invece Kronsteen, vero responsabile per Blofeld del fallimento.
  • Piano, Whesley, piano: lascia che arrivino i commensali. (Dr. Kananga)
Personaggio di Agente 007 - Vivi e lascia morire (1973). Mentre cerca di liberare la giovane Solitaire, finita fra le grinfie dell'ex amante nonché signore della droga Kananga, Bond viene catturato dal criminale stesso. Qui per vendicarsi Kananga fa legare i due ad una corda e si prepara a farli calare in una vasca piena zeppa di squali. Tuttavia, grazie ad una lama nel suo orologio Bond riesce a liberarsi e inizia una colluttazione con Kananga. Finiti in acqua, Bond inserisce nella bocca di Kananga un proiettile ad aria compressa: il boss si gonfia presto come un palloncino e, volando in aria, esplode.
  • Signor Bond, che gioia rivederla! (Tee Hee)
Personaggio di Agente 007 - Vivi e lascia morire (1973). Mentre torna a casa in treno con Solitaire, Bond viene inaspettatamente attaccato da Tee Hee, braccio destro di Kananga desideroso di vendetta per la morte del proprio capo. Nella colluttazione, il finestrino del treno viene aperto e Tee Hee ne afferra l'estremità col proprio braccio meccanico. Dopo aver tagliato i legamenti fra il braccio meccanico e il resto del corpo del sicario, Bond butta giù dal treno Tee Hee.
  • Se non altro, avrò il piacere di escluderla dal mio fallimento. Mi piange il cuore, mister Bond. (Hugo Drax)
Personaggio di Moonraker - Operazione spazio (1979). Visto fallire il proprio piano di sterminio della razza umana e di ri-creazione della stessa, il folle magnate francese Hugo Drax si prepara a scappare dalla propria stazione spaziale. Incrociato Bond per la strada, Drax gli punta contro un fucile laser, preparandosi a ucciderlo, ma l'agente segreto gli lancia un dardo avvelenato dritto nel cuore. Mentre ha violenti spasmi, Drax viene condotto da Bond nella camera stagna e sparato nello spazio, morendo definitivamente.
  • Mr. Bond! (Ernst Stavro Blofeld)
Personaggio di Solo per i tuoi occhi (1981). Dopo aver fatto visita alla tomba della moglie Tracy, Bond sale su un elicottero per andarsene. Tuttavia, il pilota viene ucciso da una scarica elettrica e una voce parte da un mini altoparlante: si tratta del diabolico Ernst Stavro Blofeld, arcinemico di James Bond, e il capo della SPECTRE, che pilota da remoto l'elicottero per ucciderlo. Fortunatamente, con una manovra rocambolesca Bond riesce a prendere il controllo del velivolo e individuata la sedie a rotelle di Blofeld la carica su. Nonostante le proteste e le suppliche di Blofeld 007 lo scaraventa in una ciminiera, uccidendolo una volta per tutte.
  • Fa fuori Zorin da parte mia! (May Day)
Personaggio di 007 - Bersaglio mobile (1985). Mentre dà la caccia a Bond, l'amante di Zorin May Day viene travolta insieme alla spia dall'inondazione provocata da Zorin in persona per uccidere gli operai della sua miniera ed evitare così testimonianze scomode. Capendo quanto sia meschino e psicotico il suo capo, May Day decide di allearsi con 007 per togliere la bomba dalla miniera ed evitare così l'esplosione della faglia di Sant'Andrea. I due riescono a estrarre la bomba e a caricarla su un carretto, ma questo ha il freno a mano e non può andare da solo: May Day decide quindi di sacrificarsi portando personalmente fuori la bomba, chiedendo prima alla spia di uccidere Bond da parte sua.
  • Ben fatto, Franz! Hai appena buttato altri ottanta milioni di dollari! (Truman-Lodge)
Personaggio di 007 - Vendetta privata (1989). Dopo la fuga di Bond e la distruzione della fabbrica di eroina di Sanchez, il boss si fa accompagnare dal contabile Truman-Lodge per guidare la carovana dei camion con l'eroina, deciso a portarli al sicuro ma anche e soprattutto a uccidere Bond, che ha rubato uno dei mezzi. Durante la fuga 007 distrugge uno dei camion: Sanchez si apposta allora più avanti per la strada e cerca di colpire l'agente segreto con un lanciarazzi, ma riesce solo a distruggere un altro dei suoi mezzi. Truman-Lodge istericamente fa notare a Franz come la sua vendetta contro Bond gli stia costando caro: irritato, Sanchez lo uccide.
  • Avresti potuto avere tutto. (Franz Sanchez)
Personaggio di 007 - Vendetta privata (1989). Riuscito a fermare l'ultimo furgone, in cui si trova Bond, Sanchez cerca di ucciderlo armato di Machete. In quel momento tuttavia il camion ancora in movimento si ribalta, finendo in un fosso. Bond è ferito gravemente e Sanchez, ancora vivo, si appresta ad ucciderlo. Prima di farsi uccidere però Bond gli spiega le motivazioni della sua vendetta, mostrandogli l'accendino che gli era stato regalato dagli amici Felix e Della Leiter il giorno del loro matrimonio, poco prima che i due venissero mutilati (Felix) e uccisi (Della). Come ultima risorsa Bond usa l'accendino su Sanchez, che con gli abiti pregni di benzina prende fuoco immediatamente: mentre Bond si mette al riparo, Sanchez finisce contro i resti del camion e salta in aria con esso.
  • Per l'Inghilterra, James? (Alec Trevelyan)
Personaggio di GoldenEye (1995). L'ex agente inglese Alec Trevelyan e il suo ex partner James Bond lottano sulla gigantesca antenna necessaria al piano di deviare i satelliti di Alec. Alec sembra avere la meglio, ma Bond rovescia abilmente la situazione, afferrando per un piede Alec, sospeso nel vuoto. Alec chiede se quello che sta per fare è per l'Inghilterra, come dicevano quando erano colleghi, ma Bond rivela che invece sarà una cosa personale, per poi lasciar cadere Alec a terra. Alec, pur ferito gravemente, non muore, ma viene comunque ucciso quando Bond, sabotata l'antenna, la fa cadere addosso ad Alec.
  • Si! Sono invincibile! (Boris Grishienko)
Personaggio di GoldenEye (1995). Il programmatore russo Boris, socio di Trevelyan, viene costretto sotto minaccia da quest'ultimo a sistemare la parabola, sabotata dall'ex collega Natalia Simonova. Tuttavia Boris fallisce, e l'intero complesso di Alec esplode: miracolosamente sopravvissuto, Boris dichiara la propria invincibilità, per poi morire quando le bombole di azoto liquido dietro di lui lo congelano all'istante.
  • Aspetti... io sono soltanto un professionista che fa il suo lavoro! (Dr. Kaufman)
Personaggio di Il domani non muore mai (1997). Bond torna all'appartamento della sua amante Paris Carver, ma la donna è stata uccisa da un sicario di suo marito, il Dottor Kaufman. Questi, dopo aver decantato a Bond la propria abilità nel torturare e uccidere, si prepara per uccidere la spia, ma viene interrotto da una chiamata del braccio destro di Carver, Stamper: il tedesco e i suoi uomini non riescono ad aprire la macchina di Bond. Kaufman chiede gentilmente a Bond il metodo per aprirla, e questi gli indica i tasti del proprio cellulare da premere per sbloccare la vettura. Kaufman preme i tasti, ma viene colpito da una scarica elettrica, nascosta nel cellulare: con prontezza fulminea, Bond ruba la pistola al killer e lo uccide.
  • Moriremo insieme, signor Bond: sarà un vero piacere! (Richard Stemper)
Personaggio di Il domani non muore mai (1997). Ucciso Carver e preparato per l'autodistruzione il suo missile, Bond si prepara a fuggire dalla nave del magnate. Tuttavia, nella sala del missile trova Stemper, braccio destro di Carver, che ha preso in ostaggio la sua aiutante Wai lin. Dopo aver gettato Wai Lin in acqua, Stemper lotta contro Bond: dopo un duro scontro, la spia riesce a pugnalare l'avversario e a bloccargli il piede col missile ormai prossimo all'esplosione. Anche se impossibilitato a muoversi, Stamper trattiene Bond, deciso ad ucciderlo anche a costo di perdere la vita. Fortunatamente, Bond riesce a liberarsi tagliando la cerniera tenuta dal killer e si tuffa in acqua mentre l'esplosione del missile uccide Stamper e distrugge la nave di Carver.
  • Userò il laser! (Kill)
Personaggio di La morte può attendere (2002). Dopo aver catturato la spia Jinx, il braccio destro di Gustav Graves Zao ordina ad uno scagnozzo, Kill, di ucciderla con i laser con cui si tagliano i diamanti. Tuttavia, a salvare la collega arriva Bond, che ingaggia una lotta con lo scagnozzo, che riesce tuttavia ad avere la meglio: mentre si appresta ad uccidere Bond, Kill viene trafitto alla testa da uno dei laser, azionati da Jinx.
  • Come vede signor Bond lei non può sopprimere i miei sogni, ma loro possono sopprimere lei... è tempo di affrontare il destino! (Gustav Graves)
Personaggio di La morte può attendere (2002). Sull'aereo di Gustav Graves, Bond ingaggia una lotta mortale con quest'ultimo, avendo però la peggio: deridendolo, Bond indossa uno dei due paracadute rimasti, per poi buttare via l'altro. Tuttavia, mentre il nemico fa un ennesimo monologo, Bond attiva il suo paracadute, che viene risucchiato nella turbina dell'aereo: Graves prova ad aggrapparsi, ma a causa di una scossa elettrica, provocata da Bond con il suo stesso esoscheletro, perde la presa e finisce tritato nella turbina, provocando la sua morte.
  • Prenderò i soldi. Gli dica che li riprenderò. (Le Chiffre)
Personaggio di Casino Royale (2006). Dopo che sta torturando James Bond, lo spregiudicato Le Chiffre viene interrotto dal dilettante criminale Mr. White, furioso e deluso di non avere avuto i soldi, Le Chiffre lo implora di riaverli, ma il criminale si rifiuta e lo uccide sparando in testa.
  • Mi dispiace, James. (Vesper Lynd)
Personaggio di Casino Royale (2006). Per salvare il suo fidanzato, Vesper ruba i soldi vinti al gioco da Bond e li va a consegnare a degli emissari di Quantum. Tuttavia, a causa dell'intervento di Bond, Vesper viene imprigionato nel vecchio ascensore del palazzo in cui si nascondono gli uomini di Quantum. Mentre il palazzo crolla per via di alcuni esplosivi, Bond riesce ad uccidere gli uomini e si reca a salvare Vesper, ma senza successo: la donna annega nell'ascensore, non prima di aver chiesto scusa a Bond.
  • Ho risposto alle tue domande! Ti ho detto tutto quello che volevi sapere su Quantum! (Dominic Greene)
Personaggio di Quantum of Solace (2008). Dopo aver ucciso tutti i suoi scagnozzi e soci, Bond porta un uomo d'affari senza scrupoli, Dominic Greene nel deserto, interrogandolo sull'organizzazione criminale. Dopo l'interrogatorio, Greene chiede pietà a Bond, ma questo, privo di compassione per via delle perdite inflitte da Quantum, lo abbandona nel deserto, con una lattina di olio abbronzante: come gli riferirà in seguito M, il francese verrà trovato morto nel deserto, ucciso a colpi di pistola, probabilmente da emissari dell'organizzazione.
  • Ma certo, doveva capitare qui. Doveva essere in questo modo. Grazie... Per favore. Sei ferita, sei ferita?! Che cosa ti hanno fatto? Che cosa ti hanno fatto? Liberaci entrambi! Liberaci entrambi! Con la stessa pallottola! Fallo. Fallo! Solo tu puoi farlo. Ora va. (Raoul Silva)
Personaggio di Skyfall (2012). Mentre Bond lotta con un suo scagnozzo, lo spietato e vendicativo criminale Raoul Silva raggiunge la chiesa in cui sono nascosti Kincade e M. Qui il criminale prende fra le sue braccia M e, dandogli la pistola, gli ordina di spararsi e sparargli con un'unica pallottola. Fortunatamente in quel momento arriva Bond, che, con un coltello rubato allo scagnozzo di Silva, pugnala l'avversario, uccidendolo.
  • Una cosa l'ho fatta giusta. (Barbara Mawdsley/M)
Personaggio di Skyfall (2012). Bond riesce finalmente ad uccidere Silva, ma scopre presto quanto sia costata la vittoria: M, ferita durante gli scontri, si accascia a terra, avendo perso troppo sangue. La vecchia e anziana spia spira fra le braccia di un commosso Bond, non prima di avergli detto, pur indirettamente, di essere fiera di lui.
  • Lei è un aquilone che volteggia in un uragano, signor Bond. Addio. (James Swann/Mr. White)
Personaggio di Spectre (2015). Grazie ad alcuni indizi, Bond si reca in una cascina sulle Alpi dove trova un suo vecchio nemico, Mr White. Questi dichiara di essere stato avvelenato con del Talio da alcuni emissari dell'organizzazione, e di aver così rovinato i piani di Bond di interrogarlo. Bond propone a White un patto: egli gli dovrà dire il nome della figlia di Bond, che potrà interrogare, e in cambio la proteggerà. White è scettico, ma Bond come garanzia gli dà la sua pistola, per porre fine alle sue sofferenze: dopo avergli rivelato la posizione della figlia, White si suicida.

300Modifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Questa è blasfemia! Questa è pazzia! (Messaggero di Serse)
Serse aveva inviato il messaggero per chiedere agli spartani di sottomettersi. Leonida, dopo aver rifiutato l'invito, risponde «Pazzia? Questa è Sparta!» alle ultime parole del messaggero e quindi spinge quest'ultimo con un calcio in un pozzo.
  • Un comportamento da vera sovrana. Allontanatela dall'assemblea prima che ci infetti oltre con la sua abbietta e indegna presenza. (Consigliere Terone)
Durante l'assemblea di Sparta, nella quale Gorgo tenta di convincere tutti gli altri consiglieri a invitare un'armata in soccorso di Leonida, Terone la insulta pubblicamente rinfacciandole di avergli offerto il suo corpo. Questo provoca la rabbia di Gorgo che lo infilza con la spada di una guardia: dal suo cadavere poi sbucheranno monete persiane, prova della sua corruzione.
  • Mio re... è un onore... morire al tuo fianco. (Stelios)
Stelios rivolge queste parole a Leonida poco prima di soccombere sotto le frecce dei persiani.
  • Mia regina... Moglie mia... Mio amore! (Leonida)
Leonida pronuncia queste parole poco prima di soccombere sotto le frecce dei persiani.

Aguirre, furore di DioModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Io sono con Ursua! (Soldato fedele ad Ursua)
Dopo la morte di alcuni uomini e la sparizione delle zattere, il comandante della spedizione Pedro de Ursua ordina di tornare al gruppo principale, dal loro capo Pizarro. Gli uomini però non vogliono rinunciare alla ricerca di El Dorado e, guidati da Lope de Aguirre, feriscono Ursua e catturano il suo braccio destro Armando. Uno dei soldati, fedele ad Ursua, sguaina la spada e sfida Aguirre, ma viene immediatamente ucciso dai rivoltosi con un colpo di fucile alla gola.
  • Via, via! Cacciate quella bestia! Via! (Fernando de Guzman)
Entrate sempre più nel ruolo, il neo imperatore Fernardo de Guzman attira con la sua megalomania e il suo egoismo l'odio di Aguirre e dei soldati. Un giorno l'uomo arriva addirittura a far scacciare dall'imbarcazione il cavallo posseduto dal gruppo, privando così tutti dell'ultima fonte di carne disponibile. Il mattino seguente, un soldato recatosi alla latrina trova il cadavere di Guzman, presumibilmente ucciso da uno dei soldati, se non addirittura da Aguirre stesso.
  • Vigliacchi... (Pedro de Ursua)
Morto l'imperatore Guzman, Aguirre può finalmente sbarazzarsi del rivale Ursua, che era stato tenuto in vita solo dalla volontà del neo imperatore. Ursua viene così portato dal braccio destro di Aguirre, Ferucio, e da altri due uomini in una palude. Qui l'ex comandante viene appeso ad un albero e impiccato, pur dimostrando coraggio e affrontando stoicamente la morte.
  • ... Dieci! (Soldato ribelle)
Fermatisi in un villaggio in cui hanno scacciato gli indios, Aguirre e i suoi uomini, ormai stanchi e affamati, pianificano la loro prossima mossa. Aguirre però si accorge che un soldato è rimasto in disparte e sta esponendo ad un altro soldato, Carlos, i suoi piani di fuga. Furente, Aguirre ordina a Ferucio di sbarazzarsene: nonostante Carlos provi ad avvisare il compagno, distratto dalla conta delle curve nel fiume da superare, il ribelle viene decapitato con un machete.
  • Maledetti indios... Maledetta foresta... (Ferucio)
Mentre proseguono lungo il fiume, Aguirre e i suoi uomini vedono degli indios, e attraverso il loro interprete capiscono che vogliono mangiarli. Improvvisamente la zattera finisce vicinissima alla costa: Aguirre e i suoi uomini riescono ad allontanarsi, ma una lancia colpisce Ferucio, il braccio destro di Aguirre, che fa appena in tempo a imprecare, per poi cadere in acqua.
  • Non c'è nessuna nave... Nessuna foresta... E nemmeno frecce. Le frecce le immaginiamo per avere paura. (Ocijo)
Sulla zattera gli uomini sono ormai affamati, stanchi e ammalati dalla febbre tropicale. Ad un certo punto Ocijo, lo schiavo nero di Pizarro unitosi in precedenza alla missione, crede di vedere una nave su un albero. Padre Gaspar gli fa notare tuttavia come in realtà sia solo un'illusione. Aguirre allora si infuria e si ostina a indicare la presenza della nave, ma Ocijo, ormai moribondo e colpito da una freccia, si convince dell'inesistenza del vascello e muore.
  • Si, ma questa freccia non può farmi più niente. Questa non è pioggia... (Gaspar de Carvajal)
Sulla zattera gli uomini sono ormai affamati, stanchi e ammalati dalla febbre tropicale. In quel momento Ocijo ha un'allucinazione su una nave volante. Gaspar, il sacerdote con il compito di documentare la spedizione, lo contraddice, ma Aguirre, convinto anche lui della veridicità dell'allucinazione, parla contro Gaspar. Questi tuttavia, ferito da una freccia, prende finalmente posizione contro di lui e tenta di ucciderlo con una spada, ma perde presto le forze e muore.
  • Resisteremo! Io sono il furore di Dio, e Dio è con me! (Lope de Aguirre)
Dopo la morte della figlia Aguirre, ormai rimasto solo, impazzisce definitivamente. Vedendo che le scimmie hanno invaso la sua zattera, egli ne prende una e la incita a continuare l'impresa. Il suo destino è incerto, ma è fortemente implicito che vada comunque incontro ad una brutta fine, morendo ucciso dalla fame, dagli indios o dal fiume.

AlienModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Qui micio micio micio... (Brett)
Personaggio di Alien (1979). Durante la caccia all'alieno infiltratosi nella Nostromo, il tecnico Brett viene incaricato di cercare il gatto Jones. Quando riesce a trovare il felino, il tecnico si accorge però che il gatto, nonostante i suoi affettuosi richiami, è visibilmente spaventato da qualcosa alle sue spalle. Voltatosi, Brett si ritrova davanti con una creatura aliena, che lo colpisce alla testa, uccidendolo, e lo trascina via nei condotti.
  • Lambert, so-sono al sicuro? Io voglio andarmene da qui! (Capitano Dallas)
Personaggio di Alien (1979). Il capitano della Nostromo entra nei condotti d'areazione della nave per espellere l'alieno infiltratosi. Tuttavia, l'uomo viene avvisato dalla compagna Lambert che la creatura si sta avvicinando alla sua posizione. Terrorizzato e ormai preda di claustrofobia e paura, Dallas tenta di scappare precipitosamente, ma viene colto di sorpresa dall'alieno.
  • Inutile mentirvi sulle vostre possibilità... ma...avete la mia solidarietà. (Ash)
Personaggio di Alien (1979). Svelata la sua natura di androide, l'ufficiale scientifico Ash viene costretto dai sopravvissuti del Nostromo a rivelare tutto quello che sa sulla creatura. Egli spiega che essa è perfetta e che loro non hanno alcuna possibilità, arrivando a deriderli. Ripley stacca la spina e disattiva, e poi il capotecnico Parker brucia furiosamente i resti dello spregevole androide.
  • Levati di mezzo, Lambert! Esci fuori dalla stanza! (Parker)
Personaggio di Alien (1979). Parker e Lambert vengono sorpresi dalla creatura, che si avvicina alla donna. Il tecnico cerca inutilmente di incoraggiare la compagna a scappare, in modo che possa colpire l'alieno col lanciafiamme. Così facendo tuttavia attira su di sé l'attenzione della creatura che, dopo una breve colluttazione, lo colpisce alla testa uccidendolo.
  • Ti prego... Uccidimi! (Colona infetta)
Personaggio di Aliens - Scontro finale (1986). Mentre entrano nel covo degli xenomorphi, i marines trovano una serie di cadaveri di coloni. Una donna però si rivela viva, ed implora i soldati di ucciderla: in quel momento però un alieno neonato le perfora la pancia uccidendola, venendo subito bruciato dai marine.
  • Agli infrarossi forse non si vedono... (Dietrich)
Personaggio di Aliens - Scontro finale (1986). La squadra di Marine spaziali, entrata nel covo degli xenomorfi per sterminarli, si accorge di essere circondata dalle creature, non riuscendo tuttavia a vederle. Nel panico generale, il soldato Dietrich si convince che gli alieni non possano essere visti coi raggi infrarossi. Un attimo dopo, una delle creature la attacca alle spalle, trascinandola via.
  • Oh, merda! (Frost)
Personaggio di Aliens - Scontro finale (1986). Poiché gli xenomorphi sono troppo vicini al nucleo del reattore della base, il sergente Apone è costretto a sequestrare tutte le munizioni pesanti, e le affida al soldato Frost. Poco dopo il soldato Dietrich viene catturato da uno xenomorpho, e per difendersi prova ad usare un lanciafiamme: la fiammata colpisce però Forst, che contorcendosi tra le fiamme cade in un pozzo sottostante. Pochi istanti dopo, le munizioni sequestrate da Frost esplodono e lo uccidono definitivamente, provocando anche la morte dei soldati Crowe e Wierztbowski.
  • Lo ridica, ridica tutto dopo inceneritore! (Sergente Apone)
Personaggio di Aliens - Scontro finale (1986). Durante la ritirata dei marines dal covo delle creature, il sergente Apone, capo del gruppo, tenta disperatamente di ripristinare le comunicazioni con la base, non riuscendoci a causa del caos della battaglia e delle interferenze radio. Non essendosi tuttavia accorto di essere rimasto indietro, viene catturato da uno degli alieni.
  • Si! (Drake)
Personaggio di Aliens - Scontro finale (1986). Dall'attacco degli xenomorphi si salvano solo il caporale Hicks e i soldati Hudson, Vasquez e Drake, in quanto unici armati. I quattro provano a ripiegare verso il mezzo guidato da Ripley, ma mentre i primi tre riescono a mettersi in salvo Drake viene attaccato da uno xenomorpho: per salvare l'amico, Vasquez spara alla creatura, ma il sangue acido della stessa colpisce in faccia Drake accecandolo e costringendo il gruppo ad abbandonarlo nelle grinfie degli alieni.
  • D'accordo: rientro scaletta. (Spunkmeyer)
Personaggio di Aliens - Scontro finale (1986).Dopo il disastroso attacco al nido degli xenomorfi, i sopravvissuti ordinano ai piloti Spunkmeyer e Ferro di raggiungerli. Mentre rientra, il primo nota della strana bava sulla scaletta della navetta e lo fa notare a Ferro, che però gli ordina di rientrare comunque. Questa è l'ultima apparizione di Spunkmeyer, ma è fortemente implicito che sia stato ucciso dallo stesso xenomorpho assassino di Ferro o che sia morto successivamente nello schianto del mezzo.
  • Spunkmayer? Insomma, dove diavolo... (Ferro)
Personaggio di Aliens - Scontro finale (1986). Dopo il disastroso attacco al nido degli xenomorfi, i sopravvissuti ordinano ai piloti Spunkmeyer e Ferro di raggiungerli. La seconda, in procinto di partire, non riesce però a contattare il collega. sentendo le porte dietro di lei aprirsi, si volta e si ritrova faccia a faccia con uno degli alieni. nonostante Ferro cerchi di difendersi, la creatura la uccide comunque.
  • Hicks! Hicks! Aaaah! (Hudson)
Personaggio di Aliens - Scontro finale (1986). Durante lo scontro contro gli xenomorfi, il soldato Hudson, preso da un attacco di rabbia e di isteria, rimane indietro per massacrare più alieni possibile, nonostante i marines Hicks e Vasquez gli urlino di raggiungerli. Purtroppo, una delle creature spunta all'improvviso sotto di lui e, afferratigli i piedi, inizia a trascinarlo lentamente nelle profondità della base. Disperato, Hudson chiede aiuto ai compagni, i quali non possono però fare altro che assistere impotenti alla sua scomparsa.
  • No... (Carter J Burke)
Personaggio di Aliens - Scontro finale (1986). Ripley e i marine arrivano presto alla verità sul viscido Burke, deciso a portare sulla terra due esemplari di xenomorphi. Proprio mentre stanno per ucciderlo però gli alieni irrompono nella base: nella confusione, Burke riesce ad eludere la sorveglianza di Gorman, incaricato di sorvegliarlo, e si rinchiude in una stanza, impedendo ai compagni di entrare. Convinto di essere in salvo, Burke cerca un nascondiglio sicuro, ma viene ucciso da uno xenomorpho infiltratosi nella stanza.
  • Vai! (Tenente Gorman)
Personaggio di Aliens - Scontro finale (1986). Nella fuga dagli xenomorfi, Vasquez viene ferita a una gamba dal sangue acido degli alieni. raggiunta dal comandante Goorman, i due vengono circondati dalle creature. Per evitare un orribile fine, Gorman, desideroso di riscatto per la propria pessima condotta, decide di farsi esplodere con una granata insieme a Vasquez, evitando una morte dolorosa e permettendo così ai compagni Hicks, Ripley e Newt di scappare.
  • Sei siempre stato un estronzo, Gorman... (Vasquez)
Personaggio di Aliens - Scontro finale (1986). Nella fuga dagli xenomorfi, Vasquez viene ferita a una gamba dal sangue acido degli alieni. raggiunta dal comandante Goorman, i due vengono circondati dalle creature. Per evitare un orribile fine, Gorman, desideroso di riscatto per la propria pessima condotta, decide di farsi esplodere con una granata insieme a Vasquez, evitando una morte dolorosa e permettendo così ai compagni Hicks, Ripley e Newt di scappare.
  • Spikey? Sei tu? (Murphy)
Personaggio di Alien³ (1992). Mentre sta ripulendo i condotti di ventilazione, il detenuto Murphy nota una strana apertura e, guardandoci dentro, gli sembra di intravedere qualcosa. Il detenuto, convinto che si tratti del suo cane, misteriosamente scomparso, prova a chiamarlo. Tuttavia l'essere si rivela uno Xenomorpho, che gli sputa dell'acido in faccia. Accecato, Murphy scivola e viene risucchiato in una delle ventole, finendo tritato a pezzi.
  • Allora, ti fidi ancora di me con un ago in mano? (Dottor Clemens)
Personaggio di Alien³ (1992). Il dottor Clemens ha appena confessato a Ripley di aver ucciso diversi suoi pazienti nella sua carriera, motivo per cui si trova nel pianeta-carcere Fiorina. dopo questa confessione, il dottore viene però inaspettatamente ucciso dallo xenomorfo infiltratosi nella base, che lo colpisce alla testa.
  • Aaron, porta quella stupida donna in infermeria! (Andrews)
Personaggio di Alien³ (1992). Il direttore del pianeta-carcere non crede a Ripley, che spiega di esser stata attaccata da uno xenomorfo, e ordina al suo vice Aaron di riportare la donna in infermeria. Tuttavia, la creatura lo afferra all'improvviso e lo trascina in uno dei condotti dell'aria, smembrandolo.
  • Odio questo posto. C'è sicuramente qualcosa qui con noi! (Frank)
Personaggio di Alien³ (1992). Ripley, il vicedirettore Aaron e i detenuti decidono di riempire di sostanza esplosive i corridoi del carcere, in modo da uccidere l'alieno. Il detenuto Frank sta salendo una scala per perlustrare la zona. Improvvisamente, il fiammifero che ha in mano rischia di cadere. Riuscito a prenderlo, voltandosi viene attaccato dalla creatura, sopraggiunta nel frattempo sulla scala.
  • Vieni e prendimi, bastardo! (Junior)
Personaggio di Alien³ (1992). Mentre il gruppo di carcerati affronta lo Xenomorpho subendo ingenti perdite il detenuto Junior, che aveva cercato in precedenza di violentare Ripley, decide di sacrificarsi attirando il pericoloso alieno in una stanza ermeticamente isolata, che viene poi chiusa alle sue spalle dal resto del gruppo. Ripley e i compagni non possono far altro che sentire le urla disumane di Junior, che viene ucciso dalla bestia bloccata.
  • Dimmi cosa fare dopo. (Walter Golic)
Personaggio di Alien³ (1992). Convinto che lo Xenomorpho catturato sia il diavolo, lo psicotico detenuto Golic si reca presso la stanza in cui è rinchiusa la creatura. Dopo aver ucciso il detenuto rimasto di guardia, Golic apre la porta della stanza, chiedendo all'alieno, di cui si crede il fedele servitore, cosa deve fare per lei. La bestia, per tutta risposta, lo uccide.
  • è tutto quello che riesci a mordere, figlio di puttana? (Leonard Dillon)
Personaggio di Alien³ (1992). Decisi a impedire che lo xenomorpho rimasto venga prelevato dagli uomini della Weyland-Yutani, Ripley e i carcerati guidati da Dillon tentano di uccidere la creatura. Purtroppo, gli uomini cadono uno a uno, e alla fine restano in vita Ripley, Dillon e il detenuto Morse. I tre escogitano così un piano: mentre Ripley e Dillon attirano la creatura sotto una vasca di piombo fuso, che poi Morse rovescerà. Il piano riesce, ma mentre Ripley fugge Dillon è costretto a trattenere la creatura sotto la pioggia di piombo fuso, morendo con essa.
  • Fottuto androide! (Francis Aaron)
Personaggio di Alien³ (1992). Ucciso l'alieno, Ripley e Morse vengono raggiunti da alcuni scienziati della Wayland-Yutani, guidati dal vicedirettore della struttura Aaron e capitanati da Bishop, apparentemente il creatore dell'androide conosciuto da Ripley. Gli uomini vogliono l'embrione di Xenomorpho che si trova in grembo a Ripley: la donna viene difesa da Morse, che però viene ferito dagli uomini della compagnia. Capendo finalmente i reali scopi degli scienziati, Aaron attacca furiosamente Bishop, ma viene ucciso dagli altri uomini.
  • Siete pazzi! (Ellen Ripley)
Personaggio di Alien³ (1992). Dopo la morte di Aaron, Ripley capisce il vero scopo dei folli scienziati della Weyland-Yutani: Bishop e i suoi non desiderano affatto salvarla, ma utilizzare lo xenomorpho per scopi militari. Consapevole di non poter permettere ciò, la donna decide di sacrificarsi: mentre Morse blocca i militari, Ripley si butta nell'inceneritore del carcere, concludendo così la lunga storia sua e degli xenomorphi.
  • Non c'è... Niente... (Peter Weyland)
Personaggio di Prometheus (2012). Weyland trova in una caverna un ingegnere, membro della razza che ha creato l'umanità. L'uomo sprona allora l'androide David ad interrogare l'essere se sia possibile vivere più a lungo. Per tutta risposta, l'ingegnere stacca la testa a David e con questa colpisce Weyland, lasciandolo morente e deluso dalla scoperta della crudeltà del creatore.
  • In alto le mani! (Capitano Janek)
Personaggio di Prometheus (2012). Osservando l'Ingegnere partire per la Terra con l'intenzione di distruggerla, Elizabeth Shaw contatta il capitano Janek, rimasto a bordo della Prometheus, per dirgli di fermare l'essere. Il capitano decide allora di sacrificarsi insieme ai suoi co-piloti, schiantandosi contro la nave dell'Ingegniere.
  • Tu in che cosa credi, David? (Oram)
Personaggio di Alien: Covenant (2017). il capitano Oram, dopo aver capito che l'androide David è in realtà un pazzo e che è stato lui a creare la razza degli Xenomorphi, viene infettato con l'inganno da un Facehugger. Prima che l'alieno neonato lo uccida, egli, credente convinto, chiede all'Androide in cosa crede, al che questi gli risponde che crede nella creazione. Dopo questo breve dialogo, un chestbuster sbuca dal torace di Oram, uccidendolo.

Le ali della libertàModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Miei cari amici, è incredibile come vadano veloci le cose qua fuori. Ricordo che una volta quando ero ragazzo vidi una macchina, ma adesso, sono dappertutto. Sembra che all'improvviso il mondo abbia una gran fretta. Il comitato per la libertà condizionata mi ha trovato una camera in un posto che si chiama "il birraio". E un lavoro: sono inserviente in un supermercato. È un lavoro duro. Io faccio del mio meglio ma le mani mi dolgono in continuazione. Al direttore non sono molto simpatico. Qualche volta, dopo il lavoro, vado nel parco e do da mangiare agli uccelli. A volte penso che anche Jake potrebbe venire lì, così, per farmi un saluto, ma non l'ho mai visto. Spero che dovunque si trovi stia bene e che si sia fatto nuovi amici. Ho qualche problema a prendere sonno la notte. Faccio spesso dei brutti sogni in cui cado nel vuoto, mi sveglio spaventato e a volte mi ci vuole un po' per ricordarmi dove sono. Magari dovrei comprarmi una pistola e rapinare il supermercato così mi rimanderebbero a casa; potrei sparare al direttore giacché ci sono, tanto per andare sul sicuro. Ma credo di essere troppo vecchio ormai per fesserie del genere. Non mi piace qui; mi sono stancato di avere paura in continuazione, così ho deciso di andarmene. Non credo che se la prenderà nessuno... A che serve un avanzo di galera come me?
    P.S. Dite a Heywood che mi dispiace di avergli graffiato il collo.
    Con affetto, Brooks. (Brooks Hatlen)
Questa è la lettera d'addio scritta da Brooks ai suoi amici del carcere. Prima di impiccarsi nella sua camera, Brooks inciderà su un muro la scritta "Brooks was here" ("Brooks è stato qui").
  • Me ne dia l'opportunità, signore! (detenuto Tommy Williams)
Tommy viene convocato dal direttore Samuel Norton e i due parlano del reale assassino della moglie di Andy Dufresne e del suo amante. Il rilevamento del reale assassino potrebbe portare allo scagionamento di Andy. Così il direttore per impedire a Tommy di testimoniare in un eventuale processo, ordina al Capitano Hadley di spare al detenuto. Tommy viene quindi ucciso e Norton per giustificare l'accaduto, sparge la voce di una tentata evasione da parte del detenuto.
  • "Caro direttore, aveva ragione la salvezza è qui dentro." (direttore Samuel Norton)
Norton legge questa dedica sulla prima pagina della Bibbia di Andy, lasciata da quest'ultimo nella cassaforte di Norton poco prima di scappare. Il direttore scopre che le pagine centrali della Bibbia erano state forate in modo da poter nascondere al loro interno il martello da roccia, Andy allude ironicamente proprio a questo e cita delle parole che lo stesso direttore aveva rivolto a lui: «Non voglio privarti di questo, la salvezza è qui dentro.» Norton sente le sirene della polizia e capisce che ormai è condannato, così carica una pistola e la punta verso la porta dalla quale entreranno i poliziotti, inteso ad affrontarli. All'ultimo momento però cambia idea e si suicida sparandosi un colpo alla testa.

Apocalypse NowModifica

  • Qui è 2-2, atterriamo per aiutare i nostri amici! (Pilota di elicottero)
Durante l'attacco ad un villaggio di vietcong, il tenente colonnello Killigore ordina ad uno dei suoi elicotteri di atterrare per salvare i feriti. L'operazione riesce, ma una donna vietnamita, avvicinatasi al mezzo, lancia una granata all'interno, uccidendo tutti i soldati presenti.
  • Americani andate a fare in culo! Siete bastardi. Americani andate a fare in culo! Vaffanculo americani. Vaffanculo americani. Americani vaffanculo!(Soldato Vietcong)
Mentre si trovane nelle trincee al confine con la Cambogia, Willard e Lance sentono dall'altra parte un vietcong che li insulta. Uno dei soldati di stanza lì chiama allora il soldato col mortaio. questi si alza lentamente e, nel clima infernale della trincea, lancia un colpo contro il vietcong, uccidendolo e facendo tornare l'irreale silenzio che permea il confine.
  • Ehi, Lance, piantala! (Tyron "Clean" Miller)
Mentre la barca è ferma in mezzo al fiume, l'equipaggio si mette a leggere la posta che avevano ricevuto all'ultimo avamposto americano, riuscendo a ricollegarsi col mondo esterno. Tuttavia, in quel preciso istante alcuni vietcong nascosti sulla riva tirano una raffica di mitra contro l'imbarcazione. Dopo un'inutile controffensiva, l'equipaggio fa una tragica scoperta: il giovane Clean è stato colpito in pieno. Il ragazzo spira agonizzante fra le braccia dell'affranto Capitano Philips, mentre in sottofondo si sente ironicamente il nastro inviatogli dalla madre che lo invitava a tornare presto a casa
  • Un...Giavelotto... (George Philips)
Mentre attraversa un tratto di fiume, il battello viene attaccato da un gruppo di misteriosi guerriglieri, che mimetizzati nella giungla lanciano dei bastoncini per intimidire i soldati. Philips vorrebbe attuare una repressione armata, ma Willard lo impedisce. Nasce l'ennesima discussione tra i due, che viene sedata in modo violento e improvviso: una lancia lanciata dai guerriglieri colpisce in pieno petto il capitano del battello, che crolla a terra agonizzante. Willard prova ad aiutarlo, ma improvvisamente Philips, deciso a vendicarsi dell'uomo che ha provocato la sua morte e quella dell'amato Clean, cerca di avvicinare la faccia del capitano alla punta della lancia. Tuttavia, muore prima di finire l'impresa, spirando ironicamente fra le braccia dell'odiato rivale.
  • Quasi otto ore... Sto dormendo... Sto dormendo e sogno di essere su questa barca del cazzo... Merda, sono passate otto ore? (Jay "Chef" Hicks)
Arrivati al villaggio di Kurtz, Willard si organizza: egli parte in esplorazione con il giovane Lance, lasciando di guardia alla barca il fido Chef, sempre più deciso ad aiutarlo dopo aver assistito alla pazzia del luogo, con l'incarico di ordinare un bombardamento sulla zona nel caso i due non tornino entro otto ore. Passate le ore, poiché i due non tornano Chef decide di ordinare la distruzione del luogo via radio, ma purtroppo viene catturato e decapitato, con la sua testa recapitata personalmente da Kurtz a Willard, suo prigioniero, che reagirà con terrore alla morte del suo ultimo alleato fidato.
  • L'Orrore... L'Orrore... (Col. Walter E. Kurtz)
Desideroso di morire e consapevole di essere arrivato al capolinea della propria vita, il colonnello Kurtz libera Willard, lasciandolo tornare alla nave. Il Capitano, desideroso di compiere la missione anche e sopratutto per porre fine alle sofferenze del colonello, si intrufola nella dimora di Kurtz armato di Machete, mentre gli indigeni, tra cui spicca Lance, compiono un rito pagano. Mentre Kurtz invia un nuovo messaggio alla radio, Willard lo attacca e lo colpisce alle spalle, trovando comunque una scarsa resistenza. Dopo aver pronunciato queste parole, il mefistofelico colonello spira col sorriso, potendo finalmente morire in pace e lasciare il mondo alle spalle.

BatmanModifica

  • Jack, sta' a sentire... Forse ci possiamo mettere d'accordo! (Carl Grissom)
Personaggio del film Batman. Il boss mafioso Carl Grissom, mandante dell'omicidio di Jack Napier, viene raggiunto dal redivivo Jack nel suo ufficio. Grissom cerca di farlo ragionare, ma Jack ormai è divenuto Joker, e uccide il vecchio boss sparandogli.
  • Oh! Qualche volta va a finire che mi ammazzo! E aspetta! (Joker)
Personaggio del film Batman. Il Joker, dopo aver quasi fatto cadere Batman e Vicky Vale dal tetto della cattedrale, sta per fuggire in elicottero. Pronuncia queste parole poco prima che Batman, attaccandogli un piede alla statua di un gargoyle, lo faccia morire precipitando a sua volta.
  • C'è un modo per assodarlo. (Max Shreck)
Personaggio di Batman - Il ritorno. Max Shreck, un uomo d'affari avido e senza scrupoli, rivolge queste ultime parole a Selina Kyle, alias Catwoman, tentando inutilmente di ucciderla, però quest'ultima reagisce, riuscendo a uccidere ficcandogli un cavo elettrico in bocca a morte.
  • È quello delle grandi occasioni! Questo calore mi fa star male! Ti ammazzerò immediatamente... Ma prima ho bisogno... di rinfrescarmi un po' con un sorso di acqua... gelata! (Pinguino)
Personaggio di Batman - Il ritorno. Ferito e indebolito dall'acqua contaminata in cui Batman lo ha fatto cadere precedentemente, riferisce a questi le sue ultime parole, prima di stramazzare a terra e farsi trascinare in acqua da alcuni pinguini imperatore.
  • Sì, certo. Hai ragione Bruce. L'emozione è sempre nemica della vera giustizia! Grazie, sei sempre stato un vero amico. (Due Facce)
Personaggio di Batman Forever (1995). Il criminale sta per uccidere i protagonisti quando Batman gli chiede di affidarsi ancora una volta alla sua moneta. Due Facce, dopo avergli risposto così, lancia la moneta, ma Batman fa altrettanto con altre identiche: il pazzo prova a prenderle al volo ma perde l'equilibrio e cade nel pozzo, venendo trafitto dalle lame sotto di esso.
  • Sei uno schianto... Specialmente per essere una morta! (Dott. Jason Woodrue)
Personaggio di Batman & Robin (1997). Incontrata la rediviva Pamela Isly, il suo superiore, il dottor Jason Woodrue, che aveva provato a ucciderla, pronuncia queste parole poco prima di essere avvelenata da un bacio della donna, divenuta la super criminale Poison Ivy.

Blade RunnerModifica

  • Su, svegliati! È ora di morire. (Leon Kowalski)
Personaggio di Blade Runner (1982). Leon, il braccio destro di Roy, durante un duro combattimento corpo a corpo con Rick Deckard, pronuncia queste ultime parole nel tentativo di ucciderlo, poco prima di morire per mano di Rachael che gli spara in testa.
  • Anche delle cose straordinarie, Roy. Godi più che puoi! (Eldon Tyrell)
Personaggio di Blade Runner (1982). Il brillante dottor Eldon Tyrell rivolge queste ultime parole al malvagio replicante Roy Batty, poco dopo quest'ultimo lo uccide cavandogli gli occhi con i suoi pollici e stritolandogli il cranio.
  • Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione... e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. È tempo di morire. (Roy Batty)
Personaggio di Blade Runner (1982). Il replicante pronuncia queste parole all'impietrito Rick Deckard, prima di morire, dopo che quest'ultimo lo ha stranamente salvato. Tali parole sono divenute col tempo celebri, per approfondire vedi qui.
  • E voi nuovi modelli siete felici di raschiare la merda... perché non avete mai visto un miracolo. (Sapper Morton)
Personaggio di Blade Runner 2049 (2017). Durante il violento scontro, il replicante Sapper Morton rivolge queste ultime parole all'agente K, poco dopo di essere ucciso sparato da quest'ultimo.
  • Fa' quello che devi fare. (Joshi)
Personaggio di Blade Runner 2049 (2017). Joshi rivolge queste ultime parole alla perfida replicante Luv, poco prima di essere uccisa con un coltello da quest'ultima.
  • Ti amo! (Joi)
Personaggio di Blade Runner 2049 (2017). La dolce intelligenza artificiale olografica Joi rivolge queste ultime parole all'amato K, prima di venire distrutta e calpestata sadicamente da Luv
  • Ti sono mancata? Non mi ami...? (Rachael)
Personaggio di Blade Runner 2049 (2017). Una copia replicante simile a Rachael, rivolge queste ultime parole all'amato Rick Deckard, poco dopo di venire uccisa da Luv, sparandogli in testa.
  • L'Extramondo ci aspetta! (Luv)
Personaggio di Blade Runner 2049 (2017). Durante il violento combattimento, la replicante Luv rivolge queste parole a Rick Deckard, poco dopo viene preso a sorpresa da K per il collo che lo strangola a morte sott'acqua.
  • Va' a conoscere tua figlia. (Joe/K)
Personaggio di Blade Runner 2049 (2017). L'agente K rivolge queste ultime parole a Rick Deckard, dopo averlo salvato, che ormai è rimasto ferito gravemente, durante lo scontro finale con Luv, e una volta solo, muore sdraiato sulla scalinata della struttura con lo sguardo rivolto al cielo nevoso.

Il buono, il brutto, il cattivoModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Ecco, sono mille, per te! (Stevens)
Sentenza è stato assoldato da Baker per uccidere Stevens in cambio di cinquecento dollari. Stevens, quindi, consegna mille dollari a Sentenza e pronuncia queste parole cercando di convincerlo a uccidere Baker al posto suo. Nonostante questo tentativo, Sentenza, irremovibile, uccide comunque Stevens sparandogli, perché "quando qualcuno lo paga porta sempre a termine il lavoro".
  • Ehi tu, lo sai che la tua faccia somiglia a quella di uno che vale duemila dollari? (Cacciatore di taglie)
Un gruppo composto da tre cacciatori di taglie riesce a catturare Tuco. I tre sono felici di intascare la taglia da duemila dollari che grava sulla testa del bandito, ma in quel momento arriva il Biondo, deciso a prendere lui Tuco. I cacciatori di taglie provano allora a sparargli, ma il Biondo li fredda in un attimo.
  • Puzzi già abbastanza, è meglio non peggiorare la situazione. Su, muoviti! (Caporale Wallace)
Wallace sta viaggiando sul treno con Tuco, è infatti intenzionato a consegnare il criminale alla legge e a riscuotere la cospicua taglia sulla sua testa. I due sono legati insieme da una catena. Con queste parole il caporale accoglie la richiesta di Tuco, bisognoso di urinare, e quindi fa sporgere il prigioniero dalla parte aperta del vagone. Approfittando di una distrazione del caporale, Tuco butta Wallace giù dal vagone e rotola insieme a lui giù da una scarpata, dopodiché sbatte ripetutamente la testa di Wallace contro una roccia, uccidendolo.
  • È passato tanto tempo, vero Tuco? Ogni volta che avrei dovuto usare la destra ho pensato a te... ma finalmente ora ti trovo nella posizione giusta e ho avuto tutto il tempo di imparare a sparare con la sinistra. (cacciatore di taglie senza un braccio)
Tuco si sta facendo il bagno e il cacciatore di taglie, intenzionato a tendergli un agguato, entra improvvisamente nella stanza, punta la pistola contro il criminale e gli rivolge queste parole. Tuco nasconde una pistola sotto la schiuma del bagno e la usa per crivellare il cacciatore di taglie, approfittando del suo monologo, prima che questi possa sparare.
  • Dottore... Dottore, fammi vivere ancora un po'... Aspetto una notizia! (Capitano Clinton)
Dopo essere stato ferito mortalmente nel corso di una battaglia, il capitano si rivolge con queste parole al dottore che lo sta visitando. La notizia che il capitano aspetta è la distruzione del ponte, come da suo piano, ad opera del Biondo e di Tuco. Grazie a questa esplosione, infatti, l'oggetto della contesa tra i due schieramenti, il ponte appunto, sarebbe stato eliminato, ponendo di fatto fine all'inutile massacro e risparmiando così la vita a tanti giovani soldati.
  • Come? (Sentenza)
Sentenza, Il Biondo e Tuco arrivano presto al cimitero dove è nascosto il tesoro che hanno cercato. Tuttavia, solo il Biondo conosce il nome della tomba in cui è sepolto il tesoro: egli lo scrive su una roccia, dichiarando che chi sopravviverà fra loro potrà prendere il tesoro. Si scatena così un mitico triello tra i tre: Sentenza cerca di uccidere Il Biondo, ma questi con prontezza riesce a sparargli, uccidendolo e facendolo finire in una delle fosse ancora vuote, il tutto sotto gli occhi dell'impotente Tuco, che aveva finito i colpi.

La casaModifica

  • Non c'è un domani! Devi ucciderla e ucciderla... Anche se è tua sorella! (Scott)
Personaggio de La casa (1981). Rimasti in vita solo Ash e il ferito Scott, i due devono vedersela con la minaccia dell'amica Linda, posseduta dal demone che li tormenta. Nonostante Scott gridi all'amico di uccidere sua sorella Cheryl, chiusa in cantina, Ash preferisce prima occuparsi di Linda. Uccisa definitivamente la ragazza, Ash torna dentro, ma scopre che Scott è morto ed è stato posseduto, liberando nel frattempo Cheryl. I due posseduti attaccano quindi Ash, ma questi con prontezza butta il Necronomicon, libro maledetto fonte del demone, nel fuoco del camino, uccidendo in questo modo i mostri.
  • Ho ripreso il Necronomicon, ho annientato il tuo patetico esercito e ora avrò la mia vendetta! (Ash Malvagio)
Personaggio de L'armata delle tenebre (1992). Dopo la battaglia tra l'armata delle tenebre e l'esercito di Ash, quest'ultimo ha un accanito scontro con il proprio doppio malvagio, leader dei nemici. Alla fine l'eroe viene disarmato e sembra avere la peggio, con Ash Malvagio che si prepara ad ucciderlo. Tuttavia Ash nota che l'avversario si è posizionato su di una delle catapulte esplosive che aveva fatto preparare: presa una spada, egli riesce a strappare di mano all'avversario il Necronomicon e a tagliare la corda che attiva la catapulta, lanciando in aria Ash Malvagio con dell'esplosivo che di lì a poco distrugge il demone.
  • Ti succhierò l'anima! (Strega)
Personaggio de L'armata delle tenebre (1992). Tornato nel proprio tempo, Ash racconta le proprie avventure ad un collega nel supermarket in cui lavora, che però si rivela scettico. In quel momento però una donna viene posseduta dalle forze demoniache, poiché Ash ha nuovamente recitato male la formula del Necronomicon, e diventa una strega. Più infastidito che preoccupato, Ash crivella di colpi la donna col proprio fucile a pompa, per poi essere osannato dai commessi del supermarket.

CasinòModifica

  • Beh, grazie. Perché non prendi questa cazzo di penna e te la ficchi su per il culo, stronzone di merda? (Joe)
Mentre si trova in un bar con gli amici Nicky Santoro e Frank Marino, Sam "Asso" Rothstein nota una penna sul bancone del bar: convinto che sia dell'uomo che ha vicino, Joe, lo interrompe mentre parla con una prostituta, chiedendogli se la penna sia sua. Irritato per l'interruzione, Joe insulta pesantemente Asso: per tutta risposta, Nicky toglie di mano a Sam la penna e la usa per pugnalare brutalmente Joe alla gola, per poi finirlo a calci.
  • Uccidimi... Cazzo, uccidimi! (Anthony "Tony" Dogs)
Volendo imporsi a Las Vegas, il criminale irlandese Tony Dogs commette una strage in uno dei bar di Remo Gaggi: come risposta, Dogs viene rapito da Nicky e picchiato per due giorni, venendo interrogato invano sul nome dei suoi complici. Come ultimo tentativo, Nicky fa mettere la sua testa in una morsa e la stringe, facendogli saltare via un occhio: ormai allo stremo, Tony rivela il nome del suo complice. Costatando che il complice sia una mezza tacca, Nicky insulta il poveretto, che chiede che venga posta fine alle sue sofferenze: mentre Nicky si allontana, il suo braccio destro Frank Marino taglia la gola a Dogs.
  • Si, si, andate a fare in culo, sbirri di merda! (Lou)
A causa dell'abuso di alcool e droga, Nicky e i suoi uomini commettono azioni sempre più stupide. Uno di loro, Lou, torna a casa una sera trovandosi davanti due poliziotti: ubriaco, Lou insulta i poliziotti, ma uno di loro nota qualcosa nelle mani del criminale e, convinto che sia una pistola, apre il fuoco su di lui, subito seguito dal suo collega. Tuttavia, la presunta pistola altro non era che un panino: mentre il primo poliziotto viene insultato dal collega, questi mette una pistola nelle mani di Lou, in modo da insabbiare la vicenda.
  • Quelli... Sono i registri di mia madre... (Artie Piscano)
A causa di alcune cimici presenti nel negozio di Artie Piscano, vice boss di Kansas City nonché principale referente della mafia con i ragazzi di Las Vegas, l'FBI arriva presto a scoprire i collegamenti tra mafia e casinò. Un ulteriore colpo arriva quando, durante una perquisizione, gli agenti federali trovano in casa Piscano dei registri contabili relativi alle operazioni criminali: non reggendo lo stress, il fragile Artie viene colto da un'infarto e muore sul colpo.
  • È importantissimo. Ci devo assolutamente fare due chiacchiere. (Andy Stone)
In una pausa del loro processo per associazione a delinquere, i boss, capitanati da Remo Gaggi, decidono di eliminare chiunque sia collegato all'operazione di cui non si possano fidare. Il giorno dopo il sindacalista Andy Stone, principale punto di contatto tra i mafiosi e l'organizzazione di Las Vegas, ordina al suo assistente di fissare un appuntamento col suo referente, Artie Piscano, non sapendo della sua morte: l'istante successivo, mentre l'assistente si allontana Andy viene colpito alla nuca da un sicario e , caduto a terra, viene crivellato di colpi da altri due.
  • Non hai i coglioni... Sei senza coglioni...Oh, Dominick... Dominick... Dominick... (Nicky Santoro)
Dopo aver provato ad uccidere Asso, con cui ormai è in rotta, con una bomba, Nicky decide di organizzare la fuga del fratello Dominick e fissa un incontro con i suoi ex scagnozzi, guidati da Frank Marino, in mezzo ad un campo di grano. Tuttavia, appena arrivato Nicky viene trattenuto dai criminali, mentre Dominick viene pestato a morte con una mazza da Frank, incaricato dai mafiosi che ormai non si fidano più del gangster: dopo aver visto morire il fratello, Nicky viene pestato da Frank e dai criminali, ormai anche loro stanchi delle sue follie, e poi sepolto vivo insieme al fratello.

Il cavaliere oscuroModifica

  • Bruce, non piangere. Non avere paura. (Thomas Wayne)
Personaggio di Batman Begins (2005). Thomas, dopo essere stato ferito mortalmente da un malvivente insieme alla moglie Martha, rivolge le ultime parole al figlio Bruce.
  • Gotham ha fatto il suo tempo. Come Costantinopoli e Roma prima ancora, la città è diventata terreno fertile per sofferenze e ingiustizie. Impossibile salvarla, ora bisogna aiutarla a cadere. È questa la funzione, la missione più importante della Setta delle Ombre, quella che svolgiamo ormai da secoli: Gotham deve essere distrutta. (Falso Ra's al Ghul)
Personaggio di Batman Begins (2005). Superate le prove per essere ammesso alla setta delle ombre, Bruce viene portato davanti a Ra's al Ghul per compiere l'ultimo rito: uccidere un criminale. Il giovane Wayne, in quei giorni, ha però capito la differenza fra vendetta e giustizia, e rifiuta di assassinare l'uomo. Ra's e il mentore di Bruce Henri Ducard cercano di convincerlo, spiegandogli che lui dovrà guidare a Gotham un esercito per distruggerla e purificarla: Bruce, consapevole di non poter permettere ciò, dà fuoco al tempio della setta e inizia a lottare con Ra's: nel combattimento, dei detriti cadono a Ra's, che muore. Si scoprirà tuttavia che quello era solo una controfigura per proteggere il vero Ra's al Ghul, ovvero Henri Ducard stesso.
  • Adesso la musica è cambiata: andiamo, apra! Wayne... Enterprises... Che diavolo...? (Carl Finch)
Personaggio di Batman Begins (2005). L'onesto procuratore distrettuale Carl Finch riceve da un informatore la notizia di un carico misterioso arrivato al porto di Gotham. Finch, accompagnato da due poliziotti, trova un conteiner che non dovrebbe esserci: i due poliziotti provano a convincere il procuratore a ritirarsi e lasciar perdere, ma Finch, fermo sui suoi onesti ideali, fa aprire comunque il container. Dentro, l'uomo trova il macchinario della Wayne Enterprises rubato in precedenza, ma i due poliziotti, sul libro paga di Ra's al Ghul, approfittano della sua distrazione e lo uccidono immediatamente.
  • Ce l'hai ora il coraggio di fare ciò che è necessario? (Ra's al Ghul/Henri Ducard)
Alla fine dello scontro nel film Batman Begins (2005). Henri Ducard, il cui vero nome è Ra's al Ghul, rivolge le sue ultime parole a Batman, poco prima di morire a causa dell'esplosione del treno, sotto alla Wayne Tower.
  • Naa, ho finito. (Dopey)
Personaggio del film Il cavaliere oscuro (2008). Mentre tre scagnozzi di Joker assaltano la banca in cui si trovano i soldi dei mafiosi di Gotham altri due criminali, dai nomi in codice Dopey e Happy, hanno l'incarico di disattivare l'allarme. Pur con qualche difficoltà, Dopey riesce a scollegare l'allarme, ma viene inaspettatamente ucciso da Happy con un colpo di pistola alla testa.
  • Come? No, no! (Happy)
Personaggio del film Il cavaliere oscuro (2008). Mentre svaligia la cassaforte della banca, Happy viene raggiunto da un altro criminale, nome in codice Grumpy, lo raggiunge con le borse in cui mettere il denaro. Mentre finiscono la complessa operazione, Grumpy chiede a Happy dove sia finito Dopey, e lo scassinatore rivela di averlo ucciso su ordine di Joker. Stupito, Grumpy dichiara di aver ricevuto lo stesso ordine: capendo troppo tardi la situazione, Happy viene freddato dal complice.
  • L'autista dell'autobus? Quale autobus? (Grumpy)
Personaggio del film Il cavaliere oscuro (2008). Dopo aver raccolto il denaro, Grumpy punta la pistola contro l'ultimo complice rimasto, convinto che questi abbia ricevuto l'ordine di ucciderlo da Joker. Tuttavia il complice, in realtà Joker stesso, rivela in maniera enigmatica che ucciderà l'autista dell'autobus. Sbigottito, Grumpy non fa in tempo a riflettere su queste parole che un autobus sfonda la parete e lo investe, uccidendolo.
  • La scuola è finita, è ora di andare. Quello lì non si rialza, vero? Sono un sacco di soldi. Che fine hanno fatto gli altri? (Chuckles)
Personaggio del film Il cavaliere oscuro (2008). A scendere dall'autobus che ha investito Grumpy è un altro scagnozzo di Joker, Chuckles. Questi aiuta il complice rimasto a caricare i soldi, per poi domandargli dove siano gli altri rapinatori: per tutta risposta il criminale, in realtà Joker, lo fredda con una raffica di mitra.
  • Morto, erano cinquecentomila. (Gambol)
Personaggio del film Il cavaliere oscuro (2008). Gambol è il capo di una gang che ha messo una taglia sul Joker, in quanto questi lo ha insultato ad un meeting di gangster. Tre uomini dichiarano di averlo ucciso, portandogli il corpo inerte. Dopo aver pronunciato queste parole, riferite al valore della taglia, Joker, rivelatosi vivo, gli punta un coltello alla bocca mentre i suoi uomini prendono in ostaggio quelli di Gambol. dopo un monologo in cui rivela l'origine delle sue cicatrici, Joker gli taglia la gola uccidendolo.
  • Si. (Brian Douglas)
Personaggio del film Il cavaliere oscuro (2008). In un video virale inviato dal Joker alle principali televisioni di Gotham, il pazzo interroga uno dei vigilanti principianti ispirati da Batman, Brian Douglas, catturato in precedenza. Pur visibilmente terrorizzato, Brian tiene testa a Joker, insultandolo e definendolo uno dei motivi per cui Batman è necessario. Joker allora dichiara davanti alla telecamera che per ogni giorno che Batman non si consegnerà alla polizia ucciderà qualcuno, per poi iniziare a torturare Brian. Il criminale è di parole: poche ore prima della trasmissione del video, davanti all'ufficio del sindaco era stato trovato impiccato il cadavere del povero Brian.
  • Si, ma non è che mi date molte informazioni! (Giudice Fallen)
Personaggio del film Il cavaliere oscuro (2008). Preoccupato, Gordon cerca di mettere in sicurezza i possibili bersagli di Joker. Uno di questi è il giudice Fallen: un paio di poliziotti vanno a casa sua, ordinandole di seguirli con la macchina in una casa sicura. Il giudice sale in macchina, ma muore nell'esplosione della sua auto: la bomba, infatti, era stata piazzata dagli stessi poliziotti, sul libro paga di Sal Maroni, per ordine di Joker.
  • E come avrebbero preso il mio DNA? (Commissario Loeb)
Personaggio del film Il cavaliere oscuro (2008). Preoccupato, Gordon cerca di mettere in sicurezza i possibili bersagli di Joker. Uno di questi è il commissario Loeb: Gordon si reca personalmente da lui, dichiarandogli di essere in pericolo. Scettico, prima di andare Loeb decide di bere un bicchiere di Whiskey. Tuttavia, Gordon riesce a capire che Joker ha avvelenato il bicchiere: il poliziotto cerca di salvare Loeb, ma arriva troppo tardi.
  • Vi prego, mi fa male lo stomaco... Il capo ha detto che mi avrebbe fatto andare via le voci... che sarebbe entrato e avrebbe messo tante luci... come a Natale... (Scagnozzo di Joker)
Personaggio del film Il cavaliere oscuro (2008). Mentre Gordon e Batman vanno a salvare Rachel e Harvey, uno degli scagnozzi di Joker catturati si lamenta nella cella, accusando dei dolori forti per colpa di un telefono nascosto nel suo stomaco. In quel momento, Joker riesce a prendere in ostaggio il detective Stephens, chiedendo ai poliziotti di poter fare una telefonata. Il criminale fa la propria chiamata, e in quel momento il cellulare nello stomaco dello scagnozzo, in realtà una bomba, suona: la bomba esplode e uccide molti detenuti e poliziotti, permettendo a Joker di scappare con Chen Lau.
  • Va bene così, Harvey. Non importa... Ascolta... Da qualche... (Rachel Dawes)
Personaggio del film Il cavaliere oscuro (2008). Le ultime parole di Rachel Dawes sono rivolte ad Harvey Dent, che in futuro diventa Due Facce, poco prima che la bomba esploda distruggendo l'altro edificio, nonostante i tentativi di salvataggio sia di Rachel che di Harvey da parte di Batman e dei poliziotti del tenente Gordon, scatenando la rabbia di Harvey, che viene orribilmente sfigurato a metà volto.
  • Non lavoreranno per un mostro. (The Chechen)
Personaggio del film Il cavaliere oscuro (2008). Dopo essere evaso, Joker riporta al gangster noto come The Chechen i soldi della mafia sequestrati dalla polizia di Gotham, più il contabile Chen Lau. Tuttavia, dopo aver bruciato metà dei soldi insieme a Lau, il pazzo criminale rivela di voler sbarazzarsi dei grandi boss per dare a Gotham un criminale degno di questo nome e fa uccidere The Chechen dandolo in pasto ai suoi stessi cani.
  • Non lo so chi è, non me lo ha detto. Te lo giuro, io non sapevo cosa ti avrebbe fatto. (Det. Wuertz)
Personaggio del film Il cavaliere oscuro (2008). Il Det. Wuertz, uno dei due poliziotti corrotti che hanno venduto Dent agli uomini di Sal Maroni, viene raggiunto da Harvey Dent, divenuto Due Facce. Interrogato da Harvey, egli rivela di non conoscere l'identità dell'altro poliziotto, e supplica Harvey chiedendo pietà. Privo di compassione, Dent tira la sua moneta ed esce la faccia rovinata, e spara a Wuertz, uccidendolo senza pietà.
  • Chi? (Sal Maroni)
Personaggio di Il cavaliere oscuro (2008). Harvey Dent, alias Due Facce, si trova sulla macchina del boss mafioso Sal Maroni per sapere chi aveva preso Rachel la sera in cui è morta. Maroni risponde che era stata la detective Ramirez. Dent lancia poi la moneta ed esce la faccia pulita: Maroni in teoria è salvo, ma Dent ritira la moneta ed esce la faccia sfigurata, e lui spara all'autista della macchina. Mentre Maroni muore insieme al suo autista con la macchina ribaltata, Dent riesce a sopravvivere perché si era allacciato la cintura di sicurezza.
  • Sto per farlo. Di' a tuo figlio che andrà tutto bene. Menti... come ho fatto io. (Harvey Dent/Due Facce)
Alla fine dello scontro nel film Il cavaliere oscuro (2008), il vendicativo Harvey Dent, alias Due Facce, pronuncia queste parole, quando è sul punto di uccidere il figlio del Commissario Gordon per vendicarsi della morte della sua amata Rachael. Tuttavia Batman, che Dent aveva colpito in precedenza, lo placca trascinandolo giù dal palazzo, salvando in tempo il figlio di Gordon e provocando la morte di Harvey.
  • E qual'è il prossimo passo del tuo grande piano? (Agente della CIA)
Personaggio di Il cavaliere oscuro - Il ritorno (2012). Alcuni agenti della CIA ricevono l'incarico di portare in America il dottor Leonid Pavel, unico capace di creare un esplosione nucleare col reatore della Wayne Enterprises. Prima di partire, gli agenti riescono a catturare alcuni uomini di Bane. Sull'aereo, gli agenti della CIA iniziano a interrogare i sicari, ma uno di essi si rivela essere Bane in persona. In quel momento infatti l'aereo viene dirottato, e mentre Bane e i suoi uomini riescono a scappare rapendo Pavel, gli agenti della CIA muoiono nello schianto dell'aereo.
  • Sei... il male assoluto. (John Daggett)
Personaggio di Il cavaliere oscuro - Il ritorno (2012). Il milionario John Daggett non è ancora riuscito nel suo piano, ovvero impossessarsi della Wayne Enterprises. Furente, egli richiama Bane, che ha agito per conto suo, rinfacciandogli come per ora lui e i suoi uomini siano stati totalmente inadeguati. Tuttavia il mercenario fa una rivelazione sconcertante al milionario: egli non gli è mai stato fedele, e al contrario lo ha usato per i propri scopi. Incredulo, Daggett viene ucciso da Bane.
  • È solo un'esercitazione: ora, se volete scusarmi, vado a vedere i nostri ragazzi che distruggono i Rapid City. (Sindaco Garcia)
Personaggio di Il cavaliere oscuro - Il ritorno (2012). Per stanare Bane, le forze di polizia vengono inviate a cercarlo nelle fognature. Mentre si reca allo stadio ad assistere ad una partita della squadra di Gotham, il sindaco Garcia per calmare l'opinione pubblica spiega che la mossa è solo un'esercitazione. Tuttavia, Bane fa esplodere lo stadio, uccidendo tutti i giocatori: il sindaco Garcia non fa in tempo ad andarsene che viene ucciso con il suo staff da una bomba.
  • Io solamente. (Dott. Leonid Pavel)
Personaggio di Il cavaliere oscuro - Il ritorno (2012). Per dimostrare di fare sul serio, Bane obbliga il dottor Pavel a presentarsi e a spiegare di essere l'unico in grado di neutralizzare la bomba che minaccia Gotham. Dopo averlo ringraziato per la rivelazione, Bane uccide Pavel spezzandogli il collo, rendendo così la bomba impossibile da disinnescare.
  • Morirò, piuttosto che parlare! (Capitano Jones)
Personaggio di Il cavaliere oscuro - Il ritorno (2012). Per aiutare Gordon e Blake, il governo invia tre uomini delle forze speciali. Questi chiedono di vedere il consiglio della Wayne Enterprises, nascosto dai due poliziotti, per capire se si può disinnescare la bomba. L'incontro va a buon fine, ma qualcuno li tradisce e gli uomini di Bane intervengono: nella sparatoria che ne nasce, i due agenti vengono uccisi e il capitano Jones viene ferito gravemente. Bane in persona chiede informazioni al capitano, ma questi rifiuta stoicamente di parlare: ammirato per il suo coraggio e per la sua lealtà, Bane lo uccide con un calcio alla gola.
  • Qualcuno ce l'ha mai fatta? (Philip Stryver)
Personaggio di Il cavaliere oscuro - Il ritorno (2012). Nella Gotham anarchica di Bane, i ricchi vengono giudicati da un tribunale presieduto dal folle Johnathan Crane: fra gli imputati si trova Philip Stryver, ex segretario di John Daggett nonché alleato di Bane. Crane condanna l'uomo all'esilio: egli dovrà camminare sul mare ghiacciato attorno a Gotham, cercando di raggiungere la terra ferma. Nonostante provi a salvarsi, Stryver cade comunque in acqua annegando nell'acqua gelida.
  • Sappiamo tutti e due che ora devo ucciderti. Dovrai immaginarlo il fuoco! (Bane)
Personaggio del film Il cavaliere oscuro - Il ritorno (2012). Dopo aver ferito Batman, Talia al Ghul, alias, Miranda Tate, gli promette di morire con la propria città, per poi andarsene. Bane invece è convinto di dover eliminare subito l'uomo pipistrello, e si prepara ad ucciderlo con le proprie mani: tuttavia, in quel momento arriva Catwoman, che con un colpo del cannone del Batpod in pieno petto uccide Bane.
  • Non fermatevi, andate avanti! Bloccateli sulle scale! (Peter Fooley)
Personaggio di Il cavaliere oscuro - Il ritorno (2012). Talia al Ghul, alias, Miranda Tate, si prepara a far esplodere la bomba nucleare per distruggere Gotham. In quel momento, sopraggiungono un gruppo di poliziotti guidati da Peter Fooley, il vice capo della polizia reticente a combattere: Fooley e i suoi provano coraggiosamente a fermare i nemici, riuscendo ad uccidere diversi mercenari, ma vengono tutti uccisi da Talia con un cannone di una delle Tumbler.
  • Preparatevi ora. Il lavoro di mio padre è concluso. (Talia al Ghul/Miranda Tate)
Personaggio di Il cavaliere oscuro - Il ritorno (2012). Talia Al Ghul, alias, Miranda Tate, prova a scappare con il camion contenente la bomba e Jim Gordon, ma viene colpita dal Batwing e il mezzo si capovolge. Mentre Gordon riesce a salvarsi, la figlia di Ra's al Ghul rimane ferita gravemente: tuttavia, prima di morire dichiara beffardamente come la bomba ormai non possa più essere dissinescata, dichiarando che il destino del padre si è compiuto.

I Cavalieri dello zodiacoModifica

  Per approfondire, vedi: Ultime parole da I Cavalieri dello zodiaco.

C'era una volta in AmericaModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Non lo so. Ma che gli volete fare? (Eve)
Eve, amante del gangster Noodles, si reca nella loro abitazione, ma non lo trova. In quel momento però arrivano quattro sicari italiani, inviati dal boss Frankie Monaldi, che le chiedono dove sia Noodles. Preoccupata, Eve dichiara di non saperlo, e chiede ai sicari cosa vogliano farli: per tutta risposta, il capo dei sicari la uccide.
  • Oh... (Sicario Italiano)
Dopo aver torturato il barman Fat Moe, il capo dei sicari si reca al teatro cinese in cui si trova Noodles, lasciando uno scagnozzo di guardia. Poche ore dopo, il sicario si accorge che l'ascensore per il locale sta salendo: convinto che Noodles stia arrivando, lo scagnozzo si apposta. Tuttavia, dall'ascensore non esce nessuno, e il sicario si stupisce: l'istante dopo, viene colpito alla testa da Noodles, arrivato da un'altra parte.
  • Noodles, sono inciampa... (Dominic)
Dopo aver depositato i loro soldi, Noodles, Max, Patsy, Cockeye e Dominic se ne vanno a zonzo per la città, quando ad un certo punto vengono raggiunti dal boss di quartiere Bugsy, intenzionato ad ucciderli. I ragazzi provano a nascondersi, ma il piccolo Dominic, correndo meno velocemente degli altri, viene colpito. Approfittando della distrazione di Bugsy, Noodles mette al sicuro il piccolo criminale, che però spira comunque tra le sue braccia.
  • Qualche problema? (Joe)
Joe, di Detroit, commissiona a Max, Noodles, Patsy e Cockeye una rapina di diamanti in una gioielleria. Una volta messo a segno il colpo, Patsy, dopo essere sceso dall'auto dei suoi amici, porta le pietre a Joe che si trova in un'altra auto con i suoi uomini. Joe inizia ad esaminare i diamanti, ma nota che Patsy continua ad osservarlo e gli chiede se ci siano problemi. Per tutta risposta, Patsy estrae rapidamente una pistola e spara a Joe e al conducente uccidendoli, poi si abbassa per permettere a Max e Cockeye, dall'altra auto, di ammazzare gli altri uomini presenti nell'auto, in quanto Frankie Monaldi aveva ordinato la morte di Joe.
  • Che diavolo... (Chicken Joe)
A causa di alcune rimostranze in fabbrica, il sicario Chicken Joe, inviato dal padrone Crowning, minaccia il sindacalista O'Donnell, che viene però protetto da Noodles e i suoi amici. Quando però gli operai continuano le proteste, come ritorsione Chicken Joe gambizza O'Donnell. Il giorno dopo, Joe e un altro suo scagnozzo si recano a ritirare il loro compenso da Crowning: ad un certo punto però quest'ultimo nota degli uomini che stanno facendo un trasloco sospetto. L'intuizione si rivelerà giusta: in quel momento dal furgone dei traslochi spuntano Max e Noodles, che uccidono Chicken Joe e il suo scagnozzo.
  • Un amico tradito non ha scelta: deve sparare. Fallo! (Senatore Bailey/Maximillian "Max" Bercovicz)
Un ormai anziano Noodles si reca nella villa del senatore Bailey, che ormai ha capito essere l'amico Max, fintosi morto per più di trent'anni. Ricevuto nello studio, l'ex gangster trova Max che, minacciato per via di una sua importante testimonianza, gli chiede di ucciderlo, asserendo che è l'unica persona che considera degna per questo. Noodles, deluso dal comportamento dell'amico, si vendica invece a suo modo, ignorando le richieste dell'amico e fingendo di non riconoscerlo. Max prova a provocarlo in tutti i modi, ma Noodles, asserendo che il vero Max è morto nel 1933, se ne va. Poco dopo, mentre si allontana dalla villa Noodles nota in lontananza un uomo molto simile a Max. In quel momento passa un camion dei rifiuti, e subito dopo Max scompare. Il finale è volutamente aperto, ma la teoria più probabile vuole che Max sia stato ucciso o si sia suicidato buttandosi nel camion della spazzatura.

Lo chiamavano Jeeg RobotModifica

  • Oh, ma che cazzo fai? (Sergio)
Sergio e il suo vicino Enzo vanno a prelevare due tunisini, che contrabbandano nei loro stomaci un chilo di droga dello Zingaro. Portati i due all'ultimo piano di un palazzo in costruzione, i criminali si preparano ad estrarre la droga ma inaspettatamente sorge un imprevisto: uno dei tunisini va in overdose e muore. Preso dall'agitazione, l'altro viene picchiato da Sergio, deciso comunque a prendere la droga, ma il giovane tunisino gli ruba la pistola e gli spara un colpo in pancia. Preso dalla rabbia, il criminale sbatte la testa al tunisino contro un muro: prima di morire, il giovane spara un ulteriore colpo a Sergio finendolo.
  • Dopo possiamo torna alle rapine. Se ti sta bene resta, se no te ne poi andare. (Riccardo)
Capendo che non riusciranno mai a restituire i soldi rubati alla criminale Nunzia, il migliore amico dello Zingaro Riccardo decide di unirsi alla donna, abbandonando il disorganizzato criminale romano. Lo Zingaro prova invano a trattenerlo, ma l'amico lo schernisce e si allontana. Capendo di non poter fare altrimenti, lo Zingaro ordina al suo braccio destro, il Tazzina, di aizzare contro l'amico l'intera muta del canile: nonostante un tentativo di fuga, Riccardo viene presto sbranato dai mastini.
  • Sono stata brava, eh? (Marcellone)
Dopo che si è fatto prestare i soldi per i napoletani dalla transessuale Marcellone, lo Zingaro viene attaccato proprio da Nunzia e dai suoi uomini. Questi inscenano la finta esecuzione per il criminale, ma vedendo che comunque i soldi ci sono tutti e divertendosi a sbeffeggiare lo Zingaro, i napoletani decidono di lasciarlo andare vivo. Tuttavia, inaspettatamente Marcellone prende una pistola e provoca una sparatoria in cui rimangono salvi solo lo Zingaro e una ferita e furiosa Nunzia: credendo di avergli fatto un favore, Marcellone sorride soddisfatta allo Zingaro, che subito dopo la uccide furiosamente.
  • Se voi... Te posso da una mano a tirar giù il vestitino... (Il Tazzinna)
Dopo che i napoletani hanno massacrato la loro batteria, lo Zingaro e il Tazzinna prendono di petto la situazione, raggiungendo Enzo e Alessia e catturandoli. Mentre lo Zingaro si fa portare da Enzo nel luogo in cui questo aveva ottenuto i suoi superpoteri, il Tazzinna tiene in ostaggio Alessia. La giovane tuttavia dichiara di dover fare pipì, e chiede all'energumeno di aiutarla col vestitino: il Tazzinna, essendo pervertito, inizia ad alzarle il vestitino, ma viene trafitto alla testa dalla ragazza con uno dei suoi spilloni per cucire.
  • Salvali Hiró... salvali tutti... tu che puoi... diventare Jeeg... (Alessia)
Mentre Alessia viene tenuta in ostaggio dal Tazzina, Enzo mostra allo Zingaro il punto del Tevere in cui si trovano i barili tossici che gli hanno dato i poteri. In quel momento però arrivano Nunzia e i suoi scagnozzi, decisi a vendicarsi. Come se non bastasse arriva anche Alessia, riuscita a liberarsi del Tazzina, che viene presa in ostaggio dallo Zingaro: si innesca così una sparatoria in cui sia il criminale che la ragazza vengono feriti. Mentre i napoletani si occupano dello Zingaro, Enzo si avvicina alla povera Alessia, che muore fra le sue braccia.
  • Era Buona Domenica, cojone! (Fabio "Lo Zingaro" Canizzarro)
Dopo aver salvato una bambina e aver capito realmente a cosa servono i suoi errori, Enzo scopre che lo Zingaro è vivo, ha ottenuto dei poteri analoghi ai suoi e ha ucciso Nunzia e i suoi, per poi annunciare un'imminente strage con una bomba. Capendo dalle sue parole che vuole attaccare con una bomba lo stadio Olimpico, Enzo va a fermarlo. I due quindi iniziano una lunga lotta. Capendo di non poter fare altrimenti, Enzo decide di sacrificarsi buttandosi nel Tevere con il nemico e la bomba: nell'esplosione subacquea che segue, lo spietato Zingaro viene decapitato.

Con AirModifica

  • Chiudi quella fogna! Zitto o l'ammazzo! (Willie Simms)
Dopo che i detenuti capitanati da Cyrus Grissom hanno preso il controllo dell'aeroplano, l'astuto Cyrus ordina una perquisizione di tutti i detenuti, in modo da scoprire se fra loro si trova una talpa. La sua supposizione si rivelerà corretta, in quanto il suo scagnozzo Flipper trova presto una pistola nascosta addosso ad un detenuto, in realtà l'infiltrato della DEA Willie Simms: vedondosi scoperto, Simms tenta il tutto per tutto e prende in ostaggio Flipper. Vedendo come Cyrus sia disposto ad uccidere comunque l'agente, il detenuto onesto Cameron Poe prova a calmare Simms, ma viene frainteso e minacciato. In quel momento un detenuto giunto alle spalle dell'agente e prova ad attaccarlo, ma viene presto ucciso: purtroppo Simms si scopre troppo e dà una posizione di tiro pulita a Cyrus, che lo crivella subito di colpi.
  • Ehi, Ehi! Fermatevi! Fermatevi, branco di bastardi psicopatici! Fermatevi! (Flipper)
Fermatisi a Carson City, i detenuti raccolgono i criminali che devono portare via e si preparano a partire: tuttavia, a rimanere a terra è lo sciocco Flipper, che prova a salire al volo sull'aereo ma trova il portellone chiuso, essendo bloccato dal detenuto che Flipper aveva sfigurato come diversivo per dare inizio alla rivolta. Tempo dopo, notando che il carrello d'atterraggio non è chiuso bene, il detenuto Scalpo, che ha assunto le veci del pilota, ordina a Cameron Poe e a Nathan Jones di andare a controllarlo: i due troveranno proprio il cadavere di Flipper, rimasto travolto dalle ruote dell'aereo.
  • Poe, sei solo un vigliacco! Muori, stronzo! (William "Billy Manicomio" Bedford)
Dopo essersi assicurato che il suo amico Bimbo sta bene, Poe torna nella stiva. Tuttavia, qui trova uno dei tre detenuti più pericolosi sull'aereo, lo psicopatico "Billy Manicomio" Bedford: questi, insospettitosi da alcune informazioni contraddittorie fornite da Poe, ha trovato il foglio che attesta la sua libertà vigilata e, capendo che non può essere dalla parte dei rivoltosi, lo attacca. Durante la lotta, i due urtano una tubatura facendola sporgere: la lotta sembra propendere in favore di Bedford, ma Poe riesce con un calcio a farlo cadere sulla tubatura sporgente impalandolo.
  • Noi... noi stavamo per venirti a prendere. Per favore. Cy.. (Francisco Cindino)
Tradendo i propri complici, il boss della droga Francisco Cindino sale sul proprio jet, pilotato da uno scagnozzo, preparandosi al decollo. Tuttavia, a causa dell'intervento dell'agente penitenziario Vince Larkin l'aereo si schianta contro un muro e il pilota muore. Ferito e ricoperto di benzina, Cindino chiede aiuto al capo dei rivoltosi, Cyrus. Questi tuttavia è impassibile e desideroso di vendicarsi: dopo avergli detto sayonara terminando in questo modo la frase di Cindino, Cyrus prende il sigaro di Scalpo e lo getta tra i rottami, uccidendo Cindino che muore carbonizzato nell'esplosione.
  • Agente Bishop... diventerò Johnny 24.(Johnny 23)
Mentre gli altri detenuti si preparano all'arrivo dei militari lo stupratore seriale Johnny 23, rimasto solo con l'unico agente donna fra i secondini, cerca di stuprarla dichiarando ironicamente che il suo soprannome 23, che fa riferimento alle donne stuprate, sta per cambiare in 24. Tuttavia, in quel momento, sopraggiunge Cameron Poe, che prima malmena Johnny e poi lo ammanetta svenuto all'aereo. Più avanti nel corso del film, l'aereo si schianterà su Las Vegas e tutti i detenuti verranno arrestati, tranne appunto Johnny, che non essendosi svegliato muore perdendo il braccio nello schianto.
  • Avanti, venite avanti! Venite a provare la furia di questo fratello nero! (Nathan "Cane Mastino" Jones)
Dopo l'arresto di quasi tutti i detenuti, il capo rivolta Cyrus Grissom riesce a fuggire insieme al braccio destro Nathan Jones e al pilota Scalpo, rubando una cisterna dei pompieri. I due vengono tuttavia inseguiti da Larkin e Poe, principali autori della fine dell'evasione. Mentre Scalpo guida il velivolo, i due criminali provano a tenere a bada gli inseguitori: Poe tuttavia riesce ad aggrapparsi alla scala dei pompieri su cui si trova Cyrus, facendo finire la sua moto contro Nathan uccidendolo.
  • Accostare? Ecco fatto! (Scalpo)
Mentre Poe lotta contro Cyrus, Larkin riesce a salire sul tetto della cisterna. Presa un ascia, l'agente sfascia il tettuccio dell'abitacolo e intima a Scalpo di fermarsi: come risposta, il lunatico pilota inizia a sbandare di proposito per sbarazzarsi di Larkin. L'agente allora afferra la pompa dell'acqua della cisterna e inizia a innondare l'abitacolo del veicolo: non riuscendo a reagire e avendo bloccato in precedenza le portiere, Scalpo sfonda il parabrezza per via della pressione dell'acqua, ricadendo in avanti sulla strada e finendo investito dalla cisterna.
  • Prima di ammazzarti, Poe, voglio solo farti sapere che l'ultimo ricordo della piccola Casey Poe sarà... "il mio fetido alito puzzolente"! (Cyrus Grissom)
Riuscito a salire sul tetto della cisterna, Cameron ha una dura lotta con Cyrus, in cui però ha la peggio. Prima di ucciderlo, Grissom riferisce sadicamente a Poe che appena evaso raggiungerà sua moglie e sua figlia e le ucciderà. Infuriato per queste parole, l'ex ranger malmena pesantemente Cyrus, bloccandolo alla scaletta della cisterna, rimasta sospesa in aria. Quando la cisterna passa sotto ad un ristorante sospeso, la scala si schianta su di esso e Cyrus con essa, cadendo su dei cavi della corrente e finendo in un cantiere edile. Non riuscendo a far nulla per via dello stordimento dovuto allo schianto, Cyrus viene spostato da un nastro trasportatore verso una pressa idraulica e spappolato.

Il corvoModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Sì! Ammazzo la gente e sai perché? Perché mi piace! Perché mi eccita e adesso te ne accorgerai! Ti voglio presentare i miei amici. Non falliscono mai! (Tin Tin)
Personaggio de Il corvo - The Crow (1994). Nel primo corso della sua vendetta, Eric Draven riesce a trovare il primo criminale, Tin Tin. Dopo aver lottato, Tin Tin pronuncia queste parole per tentare di ucciderlo, ma Eric schiva i pugnali, e riesce a uccidere il delinquente con i suoi stessi coltelli.
  • Io ti conosco!... Sapevo di conoscerti! Sapevo di conoscerti! Sapevo di conoscerti! Ma non puoi essere tu. Noi ti abbiamo buttato dalla finestra! Non si torna dal mondo dei morti. Questo è il mondo dei vivi, non si torna dal mondo dei morti. Ti abbiamo ucciso! Non puoi essere vero! Non si torna dal mondo dei morti! Non si torna dal mondo dei morti! "Sbalordito il Diavolo rimase, quando comprese quanto osceno fosse il bene..." "quanto osceno fosse il bene..." (T-Bird)
Personaggio de Il corvo - The Crow (1994). Nel corso della sua vendetta, Eric Draven lega T-Bird al sedile della sua auto, inserisce la marcia e quindi osserva la scena: la macchina con il malvivente esplode mentre cade da un pontile sul mare. T-Bird pronuncia queste parole mentre Eric lo sta legando, poco prima di morire. L'ultima parte della frase è tratta dal Paradiso perduto di John Milton.
  • Non sono Skank. Skank è sotto terra. Skank è morto! (Skank)
Personaggio de Il corvo - The Crow (1994). Il malvivente pronuncia queste parole poco prima di essere ucciso da Eric Draven, il quale, infatti, scaraventerà Skank giù dalla finestra.
  • Fa un buon viaggio. (Grange)
Personaggio de Il corvo - The Crow (1994).
  • Il tuo potere è in lui, adesso diventerà mio. Peccato che ormai non ci sia più tempo... per conoscerci. (Myca)
Personaggio de Il corvo - The Crow (1994). Myca rivolge queste parole a Eric Draven minacciandolo con una pistola, poco prima di essere attaccata dal corvo e di precipitare da una grande altezza.
  • Mio padre diceva sempre che ogni uomo ha un diavolo dentro e non ha pace finché non lo trova. Quello poi che è successo a te e alla tua ragazza, valeva quel palazzo. In questa città nessuno può opporsi al mio volere. Mi dispiace di aver impedite le vostre nozze, amico mio, ma se può esserti di consolazione, sei riuscito a farmi tornare il sorriso. Sei pieno di spirito ragazzo, mi mancherai. (Top Dollar)
Personaggio de Il corvo - The Crow (1994). Il capo dei malviventi rivolge questa frase a Eric Draven, poco prima di essere ammazzato. Eric infatti scaraventerà Top Dollar giù, facendolo atterrare sulle corna di un gargoyle sul tetto della chiesa.
  • No, ti prego. Judah, ti prometto che farò tutto quello che vuoi! (Basset)
Personaggio de Il corvo 2 - La città degli angeli (1996).
  • Oddio! Ti prego, non farlo. Ti prego! Ti prego! Ti prego! (Spider Monkey)
Personaggio de Il corvo 2 - La città degli angeli (1996).
  • Abbiamo dovuto. Non è stata la nostra decisione. Ordini di Judah, non lasciare testimoni. Non c'è altra via d'uscita! (Nemo)
Personaggio de Il corvo 2 - La città degli angeli (1996).
  • Vai a farti fottere, puttana! (Noah)
Personaggio de Il corvo 2 - La città degli angeli (1996).
  • Alcune persone nascono per essere... vittime. Tu sai combattere? (Kali)
Personaggio de Il corvo 2 - La città degli angeli (1996).
  • Credi che ho paura di te, forse?! Sei uno zombie del cazzo!!! Credi che ho paura?! Credi che ho paura?! (Curve)
Personaggio de Il corvo 2 - La città degli angeli (1996).
  • Ashe! (Sarah Mohr)
Personaggio de Il corvo 2 - La città degli angeli (1996).
  • Non riesci più a fermarmi, mi dispiace, Ashe! Non hai più nessun potere! Non ti è rimasto che il dolore ormai. (Judah Earl)
Personaggio de Il corvo 2 - La città degli angeli (1996).

La cosaModifica

  • Andate via, diavolo! Non è un cane, è una sorta di cosa! Imita un cane, ma non è reale! Andate via, idioti! (Il Norvegese)
Dopo che la loro base è stata massacrata da un'orribile creatura mutaforma, i due norvegesi sopravvissuti riescono a raggiungerla con un elicottero nella base americana 31. Tuttavia, il pilota muore a causa di un incidente con un esplosivo. L'altro norvegese allora cerca di sparare alla cosa, che ha assunto le sembianze di un cane, gridando agli americani, che purtroppo non lo capiscono in quanto norvegese, che quella è una creatura aliena e che devono scappare. Sfortunatamente, mentre cerca di sparare alla cosa colpisce uno dei ricercatori ferendolo e il capo della base americana Garry, convinto che sia pazzo, lo fredda con un colpo di pistola.
  • Piantatela di litigare! Windows, passami quel defibrillatore! (Dottor Cooper)
Nel pieno di sospetti reciproci per via della cosa mutaforma, alcuni indizi portano al pilota MacReady: gli altri del gruppo lo attaccano, ma nella colluttazione l'inserviente Norris ha un infarto. Liberato in fretta e furia il dottor Cooper, legato in precedenza poiché ritenuto particolarmente sospetto, questi prova a rianimare l'inserviente con un defibrillatore: tuttavia, appena prova a dare una scossa Norris, in realtà la cosa, apre la pancia a mò di fauci e trancia le braccia del dottore, che cade a terra morto.
  • Un momento, un momento. Facciamo come dice Mac... visto che Norris è stato liquidato così facilmente! (Clark)
Dopo l'attacco della cosa/Norris, MacReady prende in mano la situazione: armato di lanciafiamme, ordina all'unico di cui si fida, Windows, di legare gli altri per sottoporli ad un test del sangue. Ovviamente tutti si oppongono a questa decisione, e Childs, da sempre ostile con Mac, lo sfida: allo stesso tempo però Clark, convinto che Mac sia impazzito o che sia una cosa, afferra non visto un coltello. Mentre Mac punta una pistola alla testa di Childs, Clark coglie l'occasione per saltargli addosso, ma con prontezza fulminea il pilota gli spara alla testa.
  • Childs: Be'... Che facciamo?
    MacReady: Perché... Non aspettiamo qui ancora un po'... E vediamo che succede?
Nonostante la morte degli ultimi compagni, MacReady riesce apparentemente a distruggere la base e l'ultima delle cose. Spossato e consapevole di essere prossimo alla morte per via delle basse temperature, il pilota si siede tra i detriti, ma viene inaspettatamente raggiunto da Childs, sparito tempo prima, che dichiara di essersi perso nella tormenta mentre inseguiva la cosa. Mac è ovviamente sospettoso, ma non può far nulla e lascia sedere Childs: il film si conclude qui, lasciandoci intendere che i due moriranno per le basse temperature o uccidendosi a vicenda.

DC Extended UniverseModifica

  • Puoi creare un mondo migliore, Kal. (Lara Lor-Van)
Personaggio di L'uomo d'acciaio (2013). Lara Lor-Van pronuncia queste ultime parole all'amato figlio Kal-El / Clark Kent / Superman poco prima di morire dall'esplosione del pianeta Krypton.
  • "Una nobile morte è già una ricompensa"! (Colonnello Nathan Hardy)
Personaggio di L'uomo d'acciaio (2013). Il colonnello Nathan Handy pronuncia queste ultime parole prima di sacrificarsi facendosi uccidere dal Generale Zod.
  • Se tu davvero ami queste persone così tanto... puoi cominciare a piangere per loro! Mai! (Generale Zod)
Personaggio di L'uomo d'acciaio (2013). Nel tentativo di uccidere una famiglia di innocenti per costringere Clark Kent, alias Superman, ad ucciderlo, lo spregevole generale kryptoniano Zod pronuncia quest'ultima parola prima di essere ucciso da Superman stesso che gli spezza il collo.
  • Buttala. Ho detto buttala!!! Io la ammazzo! Credimi, lo faccio!!! (Anatoli Knyazev)
Personaggio di Batman v Superman: Dawn of Justice (2016). Il mercenario russo Anatoli Knyazev pronuncia queste ultime parole a Batman che tiene in ostaggio Martha Kent, la madre adottiva terrestre di Superman. Tuttavia Batman spara verso la bombola del fuoco, e il mercenario muore dall'esplosione.
  • E tu che ne sai? (Slipknot)
Personaggio di Suicide Squad (2016). Durante la missione, il mercenario Slipknot sente queste parole del Capitan Boomerang che possono scappare, quindi il doppiogiochista mercenario entra in azione per sfuggire via con le corde, ma il colonnello Rick Flag attiva il pulsante per far esplodere il colletto nella testa, morendo in testa in giù.
  • Capo, abbiamo un problema! (Jonny Frost)
Personaggio di Suicide Squad (2016). La banda di Joker è appena riuscita a far evadere Harley Quinn. Tuttavia Jonny Frost, braccio destro del clown, avvisa il suo capo di un problema: due missili inviati dalla spietata agente Amanda Waller stanno per abbattere l'aereo. Mentre Harley e Joker riescono a salvarsi, Jonny e tutti gli uomini del Joker presenti a bordo si schiantano al suolo col velivolo.
  • Rick, sono in posizione. Aspetto te. (GQ Edwards)
Personaggio di Suicide Squad (2016). Mentre il resto della squadra tiene impegnato Incubus, il fratello dell'Incantatrice, Killer Croc e i Marine vanno sott'acqua per trovare la bomba necessaria per uccidere il mostro. Tuttavia, a causa degli scagnozzi dell'Incantatrice, solo il braccio destro del colonnello Flag, Edwards, riesce a prendere la bomba, per poi posizionarla dove si trova il mostro. Sfortunatamente, il Marine è costretto a tenere la bomba manualmente, morendo nell'esplosione insieme a El Diablo e Incubus.
  • Ora sei fottuto! (El Diablo)
Personaggio di Suicide Squad (2016). Mentre El Diablo sta combattendo contro il bestiale Incubus, il fratello dell'Incantatrice, una squadra di soldati guidata da Killer Croc posiziona una bomba sotto la loro posizione. Dopo aver rivolto queste parole in spagnolo all'avversario, Diablo si fa esplodere con esso, sacrificandosi eroicamente per i compagni.
  • Dai, fallo. Tu non hai le palle. (Incantatrice)
Personaggio di Suicide Squad (2016). Sconfitta, l'Incantatrice schernisce il colonnello Rick Flag, poiché ritiene che egli non abbia il coraggio di ucciderla, facendo morire così la sua fidanzata June Moone, posseduta dalla strega malvagia. Flag, senza esitazione, non la ascolta e le stritola il cuore, uccidendola.
  • Per quanto tu sia eccezionale, non hai speranza con me! (Erich Lundedorff)
Personaggio di Wonder Woman (2017). Lo spietato e ambizioso generale tedesco Erich Lundedorff pronuncia queste ultime parole a Diana Prince, alias Wonder Woman, prima di iniziare uno scontro con lei nel quale morirà infilzato con una spada.
  • Che ti amo! (Steve Trevor)
Personaggio di Wonder Woman (2017). Steve Trevor pronuncia le sue ultime parole all'amata Diana Prince, alias Wonder Woman, prima di morire a causa dell'esplosione del suo jet, sacrificandosi la propria vita per salvare l'umanità.
  • Sì? Allora io ti distruggerò! (Ares/Sir Patrick Morgan)
Personaggio di Wonder Woman (2017). Sir Patrick Morgan, il cui vero nome è Ares, il Dio della Guerra, pronuncia queste parole a sua sorellastra Diana Prince, alias Wonder Woman, durante il lungo combattimento, muore dai suoi stessi fulmini che le ha data lei stessa, nel tentativo di ucciderla.

The Departed - Il bene e il maleModifica

  • Studia legge a Notre Dame. (Capitano Queenan)
Mentre Billy si incontra col capitano Queenan viene informato per telefono dagli uomini di Frank Costello che hanno trovato il palazzo in cui si nasconde la talpa della polizia, ovvero lo stesso Billy. Terrorizzato, Billy spiega la situazione a Queenan, che escogita un piano: mentre Billy scapperà dalla scala antincendio, egli proverà a trattenere gli uomini di Costello. Mentre Billy fugge, Quennan viene raggiunto da Fitzy e Delahunt, scagnozzi di Costello, che gli chiedono dove sia la talpa: Queenan si rifiuta di rivelarlo, e perciò viene buttato giù dal palazzo dai criminali, schiantandosi proprio davanti a Billy.
  • Dimmi perché non l'ho detto a nessuno, dimmi perché... (Timothy Delahunt)
Dopo la morte di Queenan avviene uno scontro a fuoco fra alcuni poliziotti, che pedinavano il capitano su ordine di Colin, e gli uomini di Frank Costello: nello scontro uno dei più importanti scagnozzi di Costello, Timothy Delahunt, rimane ferito. Portato al covo della banda, Delahunt rivela segretamente a Billy Costigan di conoscere il suo ruolo di infiltrato, per poi morire. Come scopriranno in seguito, Delahunt era un altro infiltrato della polizia nella gang di Costello.
  • Fanculo... (Mr. French)
Mentre si recano in un deposito per prelevare della cocaina, Frank Costello e i suoi uomini vengono attaccati da un commando di poliziotti capitanato da Colin Sullivan. Nello scontro a fuoco, Frank e il suo braccio destro, Mr French, tentano una fuga disperata: mentre Frank riesce a scappare, French viene ferito e si schianta con l'auto, che inizia a prendere fuoco. Deciso a non essere preso vivo e a non soffrire per una morte dolorosa, French si spara alla testa.
  • Io so tutto di te, Colin. Lo sai che non ti denuncerei mai. Tu sei come... (Frank Costello)
Mentre i suoi uomini muoiono, il boss mafioso Frank Costello prova a scappare, ma viene presto raggiunto da Colin Sullivan, che lo accusa di essere un informatore dell'FBI e che lo avrebbe venduto presto. Costello prova a giustificarsi, ma quando constata che Sullivan lo ignora, prova ad ucciderlo: avendo il giubbotto antiproiettile, il giovane poliziotto non muore e d'istinto crivella di colpi il gangster, uccidendolo una volta per tutte.
  • Lo sto facendo! (Billy Costigan)
Dopo aver dato appuntamento a Colin Sullivan, Billy Costigan lo malmena e ammanetta, avendolo scoperto come talpa di Costello. Sullivan tuttavia lo deride, affermando di aver cancellato tutto il materiale su di lui e che nessuno gli crederà. In quel momento spunta anche l'agente Brown, amico di Billy e sottoposto di Colin, che punta una pistola contro Costigan. Prendendo in ostaggio Sullivan, Costigan sale sull'ascensore. Mentre scendono, Sullivan implora Costigan di essere ucciso, piuttosto che finire in prigione: il giovane infiltrato lo deride, ma in quel momento le porte dell'ascensore si aprono e Costigan viene ucciso da un colpo alla testa sparato dall'agente Barrigan.
  • ...Magari è vero. Ma adesso voglio solo che butti quella pistola a terra! (Brown)
Il giovane agente Brown viene chiamato da Billy Costigan, amico ai tempi dell'accademia di polizia, ma quando lo raggiunge, è costretto a puntargli una pistola contro, in quanto Costigan sta ammanettando e tenendo sotto tiro il suo superiore Colin Sullivan. Costigan chiede a Brown di fidarsi di lui, e di scendere le scale mentre loro prenderanno l'ascensore. Arrivato al pianterreno, Brown trova però l'agente Barrigan, che ha ucciso Costigan liberando Sullivan. Quest'ultimo e Brown si convincono che Barrigan sia in buona fede, ma appena si distrae Brown viene ucciso da Barrigan, in realtà un poliziotto corrotto, con un colpo di pistola alla testa.
  • Credevi di essere l'unico infiltrato che avevano? Costello voleva venderci all'FBI. Siamo io e te adesso, lo capisci? Dobbiamo darci una mano, lo capisci? (Barrigan)
Dopo aver ucciso Costigan e Brown, Barrigan rivela a Sullivan di essere un infiltrato di Costello anche lui, che Costello voleva venderli e che adesso dovranno sopravvivere aiutandosi a vicenda. Sullivan sembra acconsentire, ma appena Barrigan si distrae lo uccide subdolamente a sangue freddo con un colpo di pistola alla testa.
  • Ok! (Colin Sullivan)
Usando Barrigan come capro espiatorio, Colin Sullivan riesce ad uscire pulito dalla vicenda, pur avendo perso l'amore dell'amata Madolyn. Mentre torna a casa dopo una spesa, si ritrova inaspettatamente nel soggiorno l'ex sergente Sean Dignam che, probabilmente informato da Madolyn, gli punta una pistola contro. Ormai rassegnato, Sullivan dà il suo consenso a Dignam, che lo uccide a sangue freddo con un colpo di pistola in piena faccia.

Die HardModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Non lo conosco, glielo ripeto. Prenda un jet per Tokyo e lo chieda all'amministratore. Può solo uccidermi. (Joseph Yoshinobu Takagi)
Nel film Die Hard - Trappola di cristallo (1988), Takagi si rifiuta di dare uno dei codici necessari per l'apertura del caveau al terrorista Hans Gruber e questi lo uccide con un colpo di pistola.
  • Proprio perché sei un poliziotto. I poliziotti hanno regole molto precise. (Tony Vreski)
Nel film Die Hard - Trappola di cristallo (1988), John McClane intima a Tony di gettare l'arma. Tony rifiuta l'invito ed è convinto che John non possa fargli niente in virtù delle ferree regole che vigono nella polizia. Il terrorista ingaggia poi un combattimento corpo a corpo con McClane, nel quale finisce col perdere la vita.
  • Vieni fuori bastardo, vieni fuori, vieni fuori! Ormai sei morto, i tavoli sono finiti, adesso dove ti nascondi? La prossima volta che puoi ammazzare qualcuno, non pensarci troppo. (Marco)
Nel film Die Hard - Trappola di cristallo (1988), John McClane non ha ucciso Marco pur avendone avuto l'occasione. Il terrorista ne ha dunque approfittato per recuperare la propria arma e, schernendo il poliziotto per la sua indecisione, ha cominciato a sparare con l'obiettivo di colpire John, nascosto sotto uno dei tavoli. Tuttavia poco dopo il poliziotto, nascosto sotto ad un altro tavolo, riesce a freddare Marco prima che questi possa ucciderlo.
  • Ma John, come puoi pretenderlo dopo tutti questi anni? John... John... (Harry Ellis)
Nel film Die Hard - Trappola di cristallo (1988), per trattare con i terroristi, Harry si era finto un caro amico di John McClane. Quando il poliziotto rifiuta di arrendersi, Hans Gruber uccide Harry con un colpo di pistola.
  • Ah, certo. Qual è quel verso tipico dei cowboy? Yippee ya yeah, pezzo di merda! (Hans Gruber)
Nel film Die Hard - Trappola di cristallo (1988), John McClane aveva precedentemente offeso Hans Gruber con la medesima frase: «Yippee ya yeah, pezzo di merda!» Il terrorista, che tiene in ostaggio Holly, punta la pistola contro il poliziotto e pronuncia queste parole. Dopo questa battuta sia Hans, sia Eddie, sia John si mettono a ridere, McClane tuttavia approfitta delle risate generali ed estrae una pistola che teneva nascosta, sparando ad Eddie e ad Hans, che precipita poi giù dal grattacielo morendo.
  • Sulla tua lapide ci scriverò: sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato. (Thomas Gabriel)
Nel film Die Hard - Vivere o morire (2007), lo spietato terrorista Thomas Gabriel rivolge queste ultime parole a John McClane, che lo ucciderà poco dopo sparandolo al cuore.

DisneyModifica

  Per approfondire, vedi: Ultime parole dai film d'animazione Disney.

Distretto 13 - Le brigate della morteModifica

  • Ehi, gliel'avevo chiesto misto! (Kathy)
La piccola Kathy, aspettando che il padre finisca di telefonare alla sorella, prende un gelato. Tuttavia, accortasi che il gelataio si è sbagliato, ella torna indietro. Sfortunatamente per lei, il capo della Gang Voodoo, che ha sparato al gelataio, la vede e le spara alla gola, uccidendola.
  • La pistola... la pistola sotto il cruscotto... (Il gelataio)
Ferito mortalmente, il gelataio suggerisce al padre della piccola Kathy, uccisa dalla gang Voodoo, di prendere la sua pistola, nascosta sotto al cruscotto, per farsi giustizia, per poi spirare.
  • Vado a chiamare il comando con la radio della mia macchina. (Chaney)
Dopo che il padre della piccola Kathy ha ucciso l'assassino della bambina e si è rifugiato nel distretto 13, la luce e la linea del telefono saltano all'improvviso. Il burbero agente Chaney, dovendo avvisare il comando della situazione, decide di uscire per usare la radio della propria auto. Tuttavia, fatti pochi passi fuori dal commissariato Chaney viene ucciso dai colpi della Gang Voodoo.
  • Telefono e luci staccate... che lo tengono aperto a fare, questo posto di merda? (Starker)
Mentre porta via i suoi tre detenuti, il poliziotto Starker si lamenta di come è tenuto il distretto in chiusura. Tuttavia, in quel momento la scorta e il detenuto ammalato vengono massacrati dai Vodoo. Starker prova a rientrare con i detenuti superstiti Wilson e Wells, ma viene colpito e muore.
  • E se scappo e vi lascio nella merda? non lo farò, Wilson. (Wells)
In un ultimo tentativo disperato per avvertire il comando centrale dell'assedio al distretto, il detenuto Wells viene scelto per tentare di sgattaiolare attraverso le fogne, rubare un'auto e avvertire il comando. Prima di partire, Wells promette al detenuto Napoleone Wilson che non li abbandonerà, cercando realmente di avvertire il comando e non di fuggire come aveva pensato. Sgattaiolato fuori, il piano sembra riuscire: con la macchina, il detenuto cerca di allontanarsi. Purtroppo per lui, uno dei Voodoo si nasconde nei sedili posteriori, e con un colpo di fucile uccide Wells.

Dragon Ball Z: Le origini del mitoModifica

  • Ti avverto... è un futuro tremendo quello che vi attende... la stirpe a cui appartieni verrà distrutta esattamente come è accaduto a noi... osserva bene e soffri... soffri come non hai mai sofferto in vita tua! (Toolo)
Mentre la sua squadra parte per il pianeta Mith, il sayan Bardack resta sul pianeta Kanossa per vedere se esiste qualche sopravvissuto al loro attacco. Le sue supposizioni si rivelano giuste: egli infatti trova presto un sopravissuto, Toolo. Prima di ucciderlo però Toolo rivela di essere un veggente e di aver previsto la morte dell'intero popolo sayan per mano del loro capo, il tiranno Freezer. Bardack tuttavia non gli crede e lo uccide con un potente attacco, non prima che l'alieno riesca comunque a passargli il proprio potere di preveggenza.
  • Invece ti assicuro che è così... quello schifoso verme ci ha usato... per me ormai è finita... ma tu devi... devi fare qualcosa o Freezer eliminerà i Sayan... vuole sbarazzarsi di tutti noi... ascoltami Bardak, torna sul pianeta Vegeta... devi radunare tutti i Saiyan e sconfiggere quel miserabile… fa che la nostra morte non sia stata inutile... e che la forza vinca... (Toma)
Dopo una tappa su un pianeta di Freezer per potersi curare, Bardack raggiunge la sua squadra su Mith, ma scopre presto che sono stati tutti massacrati. Trovato l'amico Toma in fin di vita, questi rivela a Bardack come siano stati massacrati da Dodoria, potente scagnozzo di Freezer, in quanto il tiranno vuole massacrare la loro razza in quanto possibili avversari futuri. Consapevole di non poter sopravvivere, Toma sprona Bardack ad uccidere Freezer, per poi spirare.
  • Kakaroth, porta tu a compimento la mia missione. Devi vendicarci di colui che ha distrutto il pianeta Vegeta e tutti i Saiyan. Kakaroth! (Bardack)
Arrivato sul suo pianeta d'origine, Vegeta, Bardack non viene creduto quando dice che Freezer distruggerà il pianeta. Vedendo arrivare l'astronave del tiranno, Bardack decide di giocare il tutto per tutto e, arrivato nello spazio, affronta uno per uno gli scagnozzi di Freezer. Purtroppo il suo atto coraggioso si rivela inutile: affiancato dagli scagnozzi Zarbon e Dodoria infatti Freezer prepara una potente sfera di energia, che scaglia contro il pianeta colpendo anche Bardack e i suoi stessi scagnozzi. Prima di morire però Bardack ha un'ultima visione, in cui vede il figlio Kakaroth cresciuto sconfiggere Freezer: sorridendo, Bardack incita mentalmente il figlio, per poi finire disintegrato dall'attacco di Freezer insieme ai soldati del tiranno e al pianeta Vegeta.

E venne il giornoModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • A che pagina ero? Pagina... (Claire)
Dopo essersi rivolta all'amica, sotto l'effetto delle neurotossine prodotte dalle piante si sfila dai capelli la bacchetta di metallo con cui li ha raccolti e ne affonda la punta acuminata nella propria gola.
  • Poliziotto: Piuttosto freddo oggi, vero?
    Automobilista: Un po' di freddo, sì.
Si sparano senza motivo, sotto l'effetto delle neurotossine prodotte dalle piante: prima il poliziotto, poi l'automobilista raccogliendo la pistola del poliziotto morto. Anche una passante raccoglie la pistola per spararsi.
  • Calcoli... Ragiono con calcoli... Calcoli... Calcoli... (Stacy Ann)
Dopo aver respirato l'aria carica di neurotossine prodotte dagli alberi fuori dalla propria abitazione, la ragazzina si suicida mentre è al telefono con la madre.
  • La mia pistola è mia amica! Sarà sempre al mio fianco! La mia pistola è mia amica... (Soldato Auster)
Il soldato comincia a mostrare un comportamento anomalo camminando all'indietro, poi tira fuori la pistola e si spara. Dopodiche anche gli altri membri del gruppo prendono uno dopo l'altro la pistola per togliersi la vita.
  • Josh: Sono fuori di testa, signor Moore!
    Jared: Forza, venite fuori!
Josh e Jared, due ragazzini, si aggregano al gruppo per cercare un luogo dove le piante non emettano neurotossine. Alla ricerca di cibo, si fermano nei pressi di un'abitazione con porte e finestre chiuse. Il padrone di casa si rifiuta di accoglierli ed è talmente paranoico da pensare che siano terroristi, colpevoli dei sintomi neurologici autodistruttivi che colpiscono in massa la popolazione. Esasperato dall'insistenza dei due ragazzini fa spuntare la canna del fucile da una delle finestre uccidendoli entrambi.
  • Il Signore è il mio pastore. Il Signore è il mio pastore. Il Signore è il mio pastore. Il Signore è il mio pastore. Il Signore è il mio pastore. (Signora Jones)
La signora Jones esce in giardino respirando l'aria colma di neurotossine trasportate dal vento. Manifesta quindi un comportamento anomalo: inizia dapprima a camminare all'indietro poi il comportamento si fa autodistruttivo. Sbattendo ripetutamente la testa contro il muro e le finestre si ferisce mortalmente.

Gangs of New YorkModifica

  • Finiscimi... (Padre Vallon)
Decisi a risolvere una volta per tutte i loro contrasti, i criminali William "Bill Il Macellaio" Cutting e Padre Valon, a capo delle rispettive gang dei Nativi e dei Conigli Morti, scatenano una feroce battaglia. Il conflitto è abbastanza equo, ma ad un certo punto Bill riesce a ferire Padre Vallon con uno dei suoi numerosi coltelli. In punto di morte, Vallon prima chiede a Bill di far allontanare suo figlio e poi di essere finito col suo stesso coltello: provando un forte rispetto per il rivale, Bill porta a termine entrambe le richieste.
  • Addio per sempre, caro figliolo! Non ho mai inferto un colpo sleale o barato al gioco! Possa dio accogliermi in amicizia! (Simous)
A seguito di alcuni gravi disordini, il sindaco di New York William "Boss" Tweed ordina al suo associato, Bill il Macellaio, di trovare un capro espiatorio per la situazione, e Bill fa costituire per svariati crimini quattro comuni ladri, che verranno impiccati davanti a tutti. Prima di morire uno di loro, Simous, chiede di vedere il figlio e fa un discorso in cui ricorda a tutti la sua vita onorevole: le parole commuovono tutti i presenti, che tuttavia non esitano ad applaudire quando Simous e i suoi tre compagni vengono impiccati.
  • Vieni fuori, ragazzo! Ti ricordi di tuo padre e me? Eri troppo piccolo per ricordarti del tuo vecchio zio jack? Ah, come ci divertivamo! Avanti, lo sai che non ti farò del male... ("Happy" Jack Mulraney)
Dopo esser stato smascherato e pestato da Bill, Amsterdam Vallon decide di vendicarsi riformando la gang dei Conigli Morti. Per prevenire il problema, Il Macellaio gli invia contro il poliziotto di quartiere "Happy" Jack Mulraney, ex braccio destro di Padre Vallon. Inseguito Amsterdam fin dentro la chiesa, il poliziotto prova a far uscire allo scoperto il giovane, che tuttavia riesce a sorprenderlo e a strangolarlo alle spalle: il giorno dopo, il cadavere di Jack viene appeso al palo in cui egli appendeva l'orologio ad ogni inizio di ronda.
  • Ti prego... Uccidimi... (Johnny Sirocco)
Dopo la morte di "Happy" Jack, Bill decide di mandare a sua volta un messaggio al rivale. La sera stessa, Amsterdam e la sua ragazza Jenny ritrovano durante una passeggiata il migliore amico del giovane, Johnny Sirocco: il poveraccio è stato prima picchiato e poi impalato ad un cancello da Bill. Soffrendo terribilmente, Johnny chiede all'amico di finirlo: spronato da Jenny, che gli consegna una pistola in mano, Amsterdam è costretto ad uccidere l'amico con un colpo di pistola alla testa.
  • Sei servito. Il popolo ha parlato. La sola idea di una rappresaglia violenta lo ammutolisce. Vieni qua su, risolviamo le nostre divergenze in modo democratico. (Walter "Monk" McGinn)
Dopo aver scoperto che il candidato di Amsterdam, l'ex Coniglio Morto "Monk" McGinn, è stato eletto come sceriffo, un infuriato Bill si reca all'ufficio dello sceriffo per sfidarlo: tuttavia, con abile parlantina Monk deride i metodi violenti del Macellaio davanti alla folla e lo invita a risolvere la questione da gentiluomini nel suo ufficio. Bill sembra accettare, ma appena lo sceriffo gli volta le spalle gli tira una mannaia nella schiena, sotto lo sguardo inorridito della folla: l'istante successivo, Bill uccide Monk fracassandogli il cranio con la sua stessa mazza.
  • Grazie a Dio. Ora muoio come un vero americano. (William "Bill Il Macellaio" Cutting)
Mentre le loro gang e i rivoltosi vengono massacrati dai soldati, venuti a sedare i disordini, Bill Il Macellaio e Amsterdam consumano un ultimo duello mortale. Grazie all'esperienza e all'aiuto della nebbia Bill riesce inizialmente a prevalere sul rivale, ma un frammento di granata lo colpisce riequilibrando la situazione. Alla fine, Amsterdam riesce a colpire Il Macellaio con il coltello con cui era stato ucciso suo padre: ringraziato il rivale per il glorioso modo in cui lo ha ucciso, Bill si accascia a terra e muore.

Gangster SquadModifica

  • Perché pensavo fossi un uomo. Ma tu non sei un uomo. Sei marcio. Ah! (Tommy Russo)
Il gangster di Chicago Tommy Russo viene legato a due macchine diverse dal boss Mickey Cohen, che vuole dare un messaggio ai capi di Tommy, facendogli capire che la zona di Los Angeles è sua. Cohen fa dunque partire le due macchine, che tranciano a metà il cadavere di Russo, dato poi in pasto ai lupi.
  • Signor Cohen, la ringrazio molto, e- e le giuro che non capiterà più. (Mitch Racine)
A causa del sergente O'Mara, il bordello di Mickey Cohen gestito da Mitch Racine e i suoi due complici viene scoperto dall'opinione pubblica. Deciso a distruggerlo, Mickey fa rinchiudere i tre, colpevoli di avergli creato questo disturbo non stando attenti, nell'ascensore mentre fa dare alle fiamme il palazzo.
  • No, no, Karl, no! Ehi, Karl! Ti supplico! (Grimmes)
Poiché la Gangster Squad ha mandato a monte la consegna di una partita di droga, il responsabile dell'operazione Grimmes fa rapporto a Mickey Cohen. Questi, apparentemente non intenzionato a punirlo, lo fa invece uccidere dal fido braccio destro Karl Lennox, che colpisce Grimmes con un trapano.
  • Vaffanculo, Mickey... (Jack Wharden)
Scoperto che il poliziotto Jerry Wooters ha una relazione con la sua donna Grace Faraday, il boss Mickey Cohen si reca a casa del gangster amico di Jerry Jack Wharden, dove si nasconde Grace. Qui Jack, deciso a difendere Grace, malmena pesantemente gli uomini di Cohen. Quest'ultimo tuttavia rifiuta di picchiarsi con lui e gli spara slealmente allo stomaco. Jack fa in tempo a insultare Mickey un ultima volta, poi quest'ultimo lo getta nella sua stessa piscina sparandogli.
  • Sei tu, O'Mara? (Karl Lennox)
Mickey Cohen e il suo braccio destro Karl Lennox stanno fuggendo dal Park Plaza Hotel, in cui si erano rifugiati, quando vengono intercettati da John O'Mara, che uccide la loro scorta e li costringe ad un inseguimento in macchina, che termina con un incidente. Karl allora si appresta ad uccidere O'Mara, responsabile del disastro, quando viene centrato e ucciso dal poliziotto Max Kennard, che aveva colpito in precedenza.
  • Navidad, vieni, aiutami a mirare. Ricorda: non dov'è quel gran figlio di puttana, ma dove sarà. Bravo, figliolo. (Max Kennard)
Durante la retata al Park Plaza Hotel, il rude poliziotto Max Kennard viene ferito gravemente dal braccio destro di Mickey Cohen, Karl Lennox. Dopo che Cohen, Lennox e il sergente O'Mara hanno l'incidente in macchina e Lennox si appresta ad uccidere il sergente, Keller riesce, con l'aiuto del fido partner Navidad, a colpire il gangster. Dopo aver fatto i complimenti al partner, Keller si accascia a terra e muore.

Giù la testaModifica

  • Lo vedete quell'albero? (Figlio di Juan)
Il bandito Juan cerca di convincere il dinamitardo appena conosciuto John Mallory a rapinare con lui la banca di Mesa Verde, ma quello rifiuta. Juan si riunisce allora con i suoi figli, cercando di ordire un piano, ma uno di loro si oppone dichiarando che chiunque può usare la dinamite: per farlo, piazza un candelotto di dinamite su un albero, ma sbaglia la lunghezza della miccia e salta in aria.
  • John, siamo noi John, dove sei? (Aschenbach)
Fuggito da Juan e i suoi figli, John si nasconde nei pressi di una chiesa abbandonata. Una sera tuttavia sente che degli uomini si stanno avvicinando: convinto che si tratti di Juan, John piazza della dinamite nella chiesa, in modo da farlo saltare in aria. Appena gli uomini entrano nella chiesa, inaspettatamente Juan appare alle spalle di uno stupefatto John e fa esplodere la chiesa: gli uomini all'interno erano infatti Aschenbach, datore di lavoro di John, e alcuni poliziotti.
  • Primo poliziotto: Ehi, la tua faccia la conosco: dove l'ho già vista?
    Secondo poliziotto: Fermo dove sei, lascia cadere quel coltello, bastardo! Ve la faranno pagare...
Dopo la fuga di John, Juan si ritrova con i suoi figli su un treno insieme ad un uomo apparentemente tranquillo, il dottor Villega. Ad un certo punto, nello scompartimento appare un agente della polizia messicana, che riconosce Juan e fa per arrestarlo: il criminale pugnala il poliziotto, ma in quel momento sopraggiunge un suo collega che disarma Juan. Lo stesso poliziotto però è costretto a lasciare la pistola, in quanto il dottor Villega, in realtà un rivoluzionario, lo tiene sotto tiro: disarmato, l'agente viene buttato giù dal treno da Juan.
  • È vostra. C'è una fortuna lì dentro: Danaro, gioielli, titoli... (Governatore Jaime)
Dopo la morte dei loro compagni rivoluzionari, gli ormai disillusi Juan e John si apprestano a lasciare il Messico a bordo di un treno merci. In quel momento però la folla insorge contro i soldati messicani, e sul treno viene messo al sicuro il governatore Jaime, che si ritrova proprio nello scompartimento dei due. Jaime prova invano a corromperli, ma Juan, deciso a vendicare i figli morti e le vittime dell'esercito, lo uccide con due colpi di pistola.
  • Ma le mie idee non sono cambiate, o credo ancora nelle stesse cose, sempre, e voglio ancora essere utile alla causa! (Dottor Villega)
Per guidare il treno che si dovrà schiantare contro quello delle truppe del colonello Reza viene scelto John, che sceglie come aiutante a sorpresa il dottor Villega. Mentre i due muovono il treno carico di esplosivi, John rivela al dottore di conoscere che è stato lui a tradire sotto tortura i compagni. John gli racconta tuttavia della volta in cui uccise un suo amico che era nella medesima situazione, e afferma di voler lasciare al dottore il suo destino. Quando manca poco al frontale col treno di Reza, John incita il compagno a fuggire, ma Villega, colpito profondamente dalle parole dell'amico e desideroso di riscatto, sceglie di rimanere sul treno che si schianta poco dopo.
  • Amico mio, che grossa fregatura che t'ho dato... (John H "Sean" Mallory)
Vinto l'assalto al treno di Reza, John e Juan si ritrovano e sorridono, ma in quel momento il colonnello ferisce John, venendo a sua volta ucciso dal furioso Juan. L'ex bandito si avvicina all'amico e prova a confortarlo: questi, dopo aver raccontato la fine di Villega, chiede all'amico una sigaretta. Juan si allontana allora per cercare aiuto, ma capisce quasi immediatamente che John vuole suicidarsi utilizzando la sigaretta per accendere la dinamite che porta sempre adesso: voltatosi, Juan fa appena in tempo a gridare il nome di John che quello salta in aria, lasciandolo stupefatto e intristito.

Guerre stellariModifica

  Per approfondire, vedi: Ultime parole da Guerre stellari.

Il gladiatoreModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Commodo... le tue mancanze come figlio sono il mio fallimento come padre. Figlio mio. (Marco Aurelio)
L'imperatore Marco Aurelio pronuncia queste parole poco prima di essere ucciso dal figlio Commodo, che lo soffoca col suo stesso petto.
  • Ombra e polvere! (Proximo)
Proximo, ex gladiatore e lanista di Massimo, esclama queste parole poco prima di essere ucciso in combattimento insieme agli altri gladiatori dai pretoriani che avevano assaltato la caserma.
  • Quinto, dammi la tua spada! [...] Una spada! Datemi una spada! (Commodo)
Sebbene avvelenato da Commodo col suo stiletto, Massimo Decimo Meridio riesce a disarmare il malvagio imperatore. Disperato, Commodo chiede un'altra spada, dapprima a Quinto, che però, capendo finalmente la natura abietta e subdola di Commodo, non acconsente, e poi ai pretoriani che però, su ordine di Quinto, non intervengono. Furioso, Commodo, per cercare di approfittare dell'agonia di un ormai morente Massimo, estrae allora il suo stiletto e si getta sul gladiatore, che contrattacca e ritorce lo stiletto contro l'imperatore, il quale, trafitto mortalmente alla gola, cade infine morto.
  • Lucio è salvo? (Massimo Decimo Meridio)
Massimo, in punto di morte, rivolge queste parole a Lucilla, inginocchiatasi di fianco a lui. Il riferimento è al figlio di Lucilla.

Il grande sonnoModifica

  • Beh, potremmo metterci d'accordo. (Joe Brody)
Dopo che le sorelle Sternwood se ne sono andate con le foto compromettenti, Marlowe resta con i due ricattatori, Agnes e Joe Brody. Egli gli chiede informazioni sul suo caso, ma Brody dichiara di non sapere nulla. In quel momento suonano alla porta, e Brody và ad aprire. Appena aperta la porta, Brody cade a terra, colpito da dei colpi di pistola: l'assassino si rivelerà essere Karl, il braccio destro nonché amante di Arthur Gaiger, convinto che fosse stato Brody ad uccidere il suo capo.
  • Uh, niente. (Henry Jones)
Il giovane Henry Jones, fidanzato della ricattatrice Agnes, propone a Marlowe di vendergli un'informazione su dove si trovi la moglie del boss Eddie Mars, da tutti creduta scappata con Rusty Regan. Marlowe si reca di notte all'appuntamento, ma non può fare altro che spiare la conversazione tra Jones e il braccio destro di Mars, Lash Canino. Quest'ultimo costringe con la forza Henry a farsi dare l'indirizzo di Agnes. Ottenuto quello che voleva, Canino dà dell'acqua ad Henry, stremato dall'interrogatorio, per poi andarsene amichevolmente. Marlowe allora entra in scena, ma non può fare altro che assistere alla morte di Jones, avvelenato da Canino tramite il bicchiere d'acqua.
  • Fa quello che ti ho detto! (Lash Canino)
Imprigionato nel rifugio della signora Mars, Marlowe convince Vivian Stenwood a liberarlo. Marlowe si apposta allora dietro alla sua macchina, armato di pistola. Lash Canino e il suo scagnozzo Art si mettono allora sulle sue tracce. Vivian, decisa ad aiutare Marlowe, fa credere a Canino che Marlowe sia all'interno della macchina. Così, mentre Canino spara inutilmente all'interno della macchina, Marlowe sbuca fuori e uccide il criminale con due colpi di pistola al petto.
  • No, non sparate, no! (Eddie Mars)
Dopo aver fatto circondare il nascondiglio di Marlowe e Vivian dai suoi scagnozzi, il boss Eddie Mars li raggiunge e li minaccia, avvertendoli che al primo sparo i suoi scagnozzi uccideranno chiunque esca dalla porta. Tuttavia, Marlowe riesce a rubargli la pistola, e attua un astuto stratagemma: dopo aver sparato un paio di colpi in aria, costringe Eddie ad uscire dalla porta. Appena compiuta l'azione, Eddie cerca di chiarire l'equivoco con i suoi uomini, ma questi, scambiandolo per Marlowe, lo eliminano.

GravityModifica

  • Serve aiuto? (Shariff)
Mentre si trovano nello spazio per alcuni controlli di manutenzione ad un telescopio, gli astronauti Stone, Kowalskii e Shariff ricevono la notizia che a causa della distruzione di un satellite russo è stata provocata una tempesta di detriti che presto li colpirà. Nel rientro, Stone ha delle difficoltà e Kowalskii prova a soccorrerla: Shariff offre anche il suo aiuto, ma in quel momento viene colpito da uno dei primi detriti, che gli stacca via mezza faccia uccidendolo.
  • Abbiamo perso Houston, ripeto: abbiamo perso Houston. (Comandante Explorer)
Dopo la morte di Shariff, gli astronauti a bordo dell'Explorer cercano di ricontattare Houston, ma le comunicazioni vengono interrotte. In quel momento Stone si perde nello spazio: Kowalskii la segue, salvandola. Quando i due tornano all'Explorer, lo trovano distrutto e scoprono che tutto l'equipaggio è morto assiderato.
  • Ehi Ryan, dovresti vedere il sole sul Gange. è bellissimo. (Matt Kowalskii)
Raggiunta la stazione spaziale internazionale distrutta, Matt Kowalskii e Ryan Stone rischiano di finire nello spazio aperto, ma fortunatamente Stone riesce ad aggrapparsi al paracadute della stazione. Kowalskii, capendo che presto potrebbe trascinare Stone nello spazio con lui, si sacrifica sganciando il collegamento fra di loro: dopo aver aiutato Stone ad entrare nei resti della stazione, Kowalskii si lascia andare nello spazio aperto.

Grindhouse - Planet TerrorModifica

  • Ho giurato ai miei uomini che avrei fatto tutto quanto in mio potere per farli sopravvivere... ed è quello che intendo fare... Capito? Non ho avuto scelta! (Tenente Muldoon)
Mentre avanzano nella base dei soldati infetti, Abby e El Wrey trovano il loro capo, il tenente Muldoon. Questi spiega come in una missione in Afghanistan si imbatterono nel gas DC-2 che li infettò e di come abbia voluto infettare l'intera popolazione per trovare una cura per i suoi uomini. La deformazione colpisce presto l'uomo rendendolo un orribile mutante e El Wray e Abby, commossi dal suo racconto, pongono fine alle sue sofferenze crivellandolo di colpi.
  • No, vaffanculo il gas, cazzo! Devo solo cercare di fare in fretta! (Soldato stupratore)
Cherry e Dakota sono state portate in disparte da due soldati. Le due si sentono al sicuro, ma improvvisamente uno dei militari si rivela essere uno stupratore infetto. L'essere prova ad abusare delle due, ma in quel momento arrivano Abby e El Wrey che sostituisce la gamba di legno di Cherry con un Fucile d'assalto: la ragazza così prima scioglie il pene e i genitali del soldato infetto e poi lo uccide con un colpo di missile.
  • Vado io... (Abby)
Riusciti a scampare ai soldati, i protagonisti sono costretti a rimanere in un angolo poiché nel cortile della base militare ci sono molti infetti. Wray propone di morire in combattimento, ma Abby dichiara che loro sono l'unica salvezza per l'umanità. L'unica altra speranza per il gruppo è raggiungere l'elicottero nel cortile della base: Abby prova a farsi strada, ma fatti pochi passi viene colpito da un proiettile alla testa morendo.
  • J.T.: Ma non dimenticare che la ricetta te la devi portare nella tomba.
    Sceriffo Hague: Credo di potertelo assicurare... Santa miseria...
Lasciati indietro dai compagni, lo sceriffo Hague e il fratello, il cuoco J.T., Sono all'interno della base militare, feriti gravemente. Per confortare il fratello, J.T. si decide finalmente a rivelare al fratello la ricetta texana per le costolette, tramandata nella loro famiglia da generazioni. Subito dopo Hague muore e J.T., dopo una risata isterica, attiva gli esplosivi preparati in precedenza, distruggendo la base e facendosi saltare in aria con molti infetti, in modo da salvare i propri amici.
  • E così sarà... Te lo prometto... Non sbaglio mai un colpo! Non ti preoccupare, piccola, troverai la tua strada... (El Wray)
Mentre fugge verso l'elicottero con i compagni, Wray nota che l'amata Cherry sta per essere colpita alle spalle da un soldato infetto: l'uomo crivella di colpi il mostro, che però fa in tempo a colpirlo prima di morire. Accortasi della situazione, Cherry stringe piangendo l'amato, ma questi la rassicura e le assicura che, attraverso il figlio che Cherry avrà da lui, loro resteranno sempre insieme, per poi spirare.

Halloween, la notte delle stregheModifica

  • Michael! (Judith Myers)
Nella notte di Halloween del 1963, la giovane Judith Myers aspetta che i genitori e il fratellino Michael siano usciti per invitare il suo ragazzo, con cui ha presto un rapporto sessuale. Nella casa però torna di nascosto il piccolo Michael: il bambino aspetta pazientemente che il fidanzato della sorella se ne sia andato e, preso un coltello, la raggiunge in camera. La ragazza, che nel frattempo si stava rivestendo, prova a scacciarlo via, ma inaspettatamente Michael assale e pugnala follemente Judith.
  • "Oh Paul, adesso arrivo Paul!" (Annie Brackett)
Decisa ad uscire col suo ragazzo Paul, la giovane Annie manda la bambina a cui deve fare da babysitter, Lynsday, a casa dei Doyle, in cui la sua amica Laurie sta facendo da babysitter a sua volta. Mentre si prepara ad uscire canticchiando, la ragazza nota che la macchina non si apre bene. Tornata dopo aver preso le chiavi in casa, la macchina si rivela essere aperta: entrata, Annie non fa in tempo a mettere in moto che viene attaccata dallo psicotico Michael Myers, che le taglia brutalmente la gola.
  • Ok, Lynda, ora però vieni fuori! (Bob Simms)
Dopo aver fatto l'amore nella casa in cui Annie faceva la babysitter, i giovani Lynda e Bob hanno sete, e il ragazzo va a prendere della birra in frigo. Mentre si trova nella cucina al buio, il ragazzo sente strani rumori. Convinto che sia uno scherzo di Lynda, il ragazzo la invita ad uscire. Mentre apre una porta dietro cui pensa ci sia la ragazza viene però attaccato da Michael Myers: il killer solleva Bob prendendolo per la gola e, per finirlo, lo impala contro il muro col suo coltello.
  • Ora chiamo Laurie e mi faccio dire dove sono Annie e Paul. Questo scherzo non mi piace! (Lynda van deer Klok)
Mentre si trova a letto, Lynda vede arrivare in camera una figura mascherata da fantasma con un paio di occhiali in faccia, che la ragazza identifica in Bob. La ragazza però inizia a preoccuparsi, visto che il ragazzo non dice nulla e non le ha portato la birra richiesta: convinta che sia tutto uno scherzo, Lynda decide di chiamare l'amica Laurie per farsi dire dove siano gli amici Annie e Paul, ma mentre compone il numero viene attaccata e strangolata alle spalle dal figuro, in realtà Michael Myers.

Harry PotterModifica

  • Cos'è questa magia?! (Quirinus Raptor)
Personaggio di Harry Potter e la pietra filosofale (2001). Superate alcune prove, Harry riesce a raggiungere la stanza in cui si trova la pietra filosofale, ma viene intercettato dal professore di difesa contro le arti oscure, Raptor. Egli infatti è sempre stato sotto il controllo dello spirito di Voldemort, che vive attaccato a lui e che necessita della pietra per tornare in vita. Harry riesce a prendere la pietra, ma viene attaccato da Raptor. Tuttavia, grazie all'incantesimo di protezione creato dalla madre Lily in punto di morte, Harry riesce a polverizzare il professore toccandolo.
  • Che cosa fai? Fermo!! No!!! (Tom Riddle)
Personaggio di Harry Potter e la camera dei segreti (2002). Dopo la cruenta battaglia contro il basilisco, Harry riesce a salvarsi dal veleno della letale bestia grazie a Fenny, fenice di Silente. Egli viene comunque schernito dallo spirito del diario di Tom Riddle, vero responsabile di tutto, in quanto ucciderà comunque lui e Ginny Wisley. Harry tuttavia con prontezza di riflessi afferra un artiglio del defunto basilisco (che gli si era infilzato nel braccio mentre questi stava uccidendo il basilisco) e, deciso a sbarazzarsi del malefico artefatto, pugnala il diario distruggendo lui e lo spirito di Riddle.
  • Voi chi siete? Che state facendo? (Cedric Diggory)
Personaggio di Harry Potter e il calice di fuoco (2005). Harry e il giovane membro di Tassorosso Cedric Diggory riescono a vincere il torneo tremaghi, raggiungendo la coppa del vincitore. Poiché hanno vinto a pari merito i due afferrano simultaneamente la coppa, ma inaspettatamente questa si rivela essere una passaporta che teletrasporta i due in un luogo misterioso, che si rivela essere il cimitero di famiglia dei Riddle. Quivi i due trovano un indebolito Voldemort e il suo aiutante, Codaliscia, intenti a mettere in atto il rituale per ridare un corpo forte al Signore Oscuro: Harry è necessario per il rito, ma Cedric è di intralcio e viene perciò ucciso immediatamente da Codaliscia tramite un Avada Kedavra (l'anatema che uccide), sotto lo sguardo sconvolto di Harry.
  • Bel colpo, James! (Sirius Black)
Personaggio di Harry Potter e l'Ordine della Fenice (2007). Al ministero della magia Harry e i suoi amici stanno per soccombere ai Mangiamorte, che pretendono la profezia in cui si parla di Harry e Voldemort. Ad aiutare i giovani intervengono fortunatamente alcuni membri dell'Ordine della Fenice, tra cui il padrino di Harry, Sirius Black. Questi aiuta personalmente Harry e gli fa i complimenti quando il giovane sconfigge il capo dei Mangiamorte, Lucius Malfoy. L'entusiasmo però dura poco: Bellatrix Lestrange, cugina di Black nonché più potente e sadica tra i Mangiamorte, e seguace più di Voldemort, scaglia il suo Avada Kedavra contro Sirius, che muore sotto lo sguardo disperato di Harry.
  • Severus... Ti prego. (Albus Silente)
Personaggio di Harry Potter e il principe mezzosangue (2009). Tornato dalla propria missione con Harry, Silente avverte che i mangiamorte stanno per raggiungerlo e ordina dunque ad Harry di nascondersi. Appena il giovane si nasconde nel sottoscala che porta sulla torre di astronomia, Draco Malfoy irrompe nella stanza e disarma Silente. Il preside prova a far ragionare il giovane, ma in quel momento arrivano altri mangiamorte per assistere l'omicidio di Silente da parte di Draco, che tuttavia è riluttante. Mentre i malvagi discutono tenendo in ostaggio Silente, Harry vede avvicinarsi di soppiatto Piton, e convinto che voglia aiutare il preside lo lascia passare. Tuttavia Piton si rivela un mangiamorte e uccide il preside. Si scoprirà in seguito che Piton lavorava per Silente e lo aveva finito su sua esortazione, in quanto il preside era ammalato da tempo per colpa degli Horcrux.
  • È un bellissimo posto stare con gli amici! Dobby è felice adesso è con il suo amico Harry Potter! (Dobby)
Personaggio di Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 1 (2010). Dopo esser fuggiti dalle celle dei Malfoy grazie all'elfo Dobby, Harry, Ron, Hermione, Luna, il folletto Unci Unci e Dobby provano a fuggire grazie ad un teletrasporto creato dall'elfo. Tuttavia, prima che il vortice svanisca la perfida Bellatrix Lestrange riesce a lanciarci un pugnale dentro. Arrivati a Villa Conchiglia, casa del fratello di Ron Bill, i fuggitivi sembrano felici, ma si accorgono presto dell'amaro prezzo della fuga: Dobby infatti è stato colpito alla schiena dal pugnale di Bellatrix e spira tra le braccia di Harry.
  • Avada Kedavra! (Gregory Goyle)
Personaggio di Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2 (2011). Mentre si svolge la battaglia di Hogwarts, Harry, Ron e Hermione entrano nella stanza delle necessità, in cui è nascosto il diadema di Helena Corvonero, ulteriore Horcrux di Voldemort. Trovato l'artefatto, il gruppo si imbatte in Draco Malfoy e nei suoi scagnozzi Blaise Zabini e Gregory Goyle: i sei si combattono a vicenda, e nella battaglia Goyle scatena un potente fuoco magico, l'Ardemonio, che però non riesce a controllare e che inizia presto a divorare la stanza. Mentre Harry e i suoi amici riescono a scappare, Draco, Blaise e Goyle provano ad arrampicarsi su una pila di oggetti presenti, ma Goyle perde presto l'equilibrio e viene risucchiato dal suo stesso fuoco.
  • Mio signore? (Pius O'Tusoe)
Personaggio di Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2 (2011). Dopo la tremenda battaglia di Hogwarts, l'esercito dei mangiamorte si raduna all'esterno del castello, dove si trova Voldemort. Qui tuttavia il signore oscuro si rende presto conto che Harry e i suoi amici sono riusciti a distruggere due dei suo Horcrux e che gliene resta solo uno, il serprente Nagini. Vedendo il suo padrone arrabbiato uno dei suoi mangiamorte, il ministro della magia Pius O'Tusoe, prova a chiedergli cosa succeda, ma Voldemort lo uccide in uno scatto d'ira.
  • Guardami... Hai gli occhi di tua madre. (Severus Piton)
Personaggio di Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2 (2011). Voldemort dà appuntamento al suo principale mangiamorte, Piton. All'incontro, che avviene nella darsena di Hogwarts, assistono in segreto anche Harry, Ron e Hermione. Qui Voldemort spiega che non può usare la bacchetta di sambuco poiché Piton, avendo ucciso Silente, ne è il vero proprietario, e ordina al serpente di pugnalarlo per ucciderlo. Andatosene Voldemort, Harry e i suoi amici irrompono nella stanza e provano ad assistere l'ex professore, ma Piton si limita ad osservare gli occhi di Harry, identici a quelli della madre Lily, per poi spirare. Come si scoprirà in seguito, Piton aveva sempre praticato un doppio gioco per conto di Silente, poiché era da sempre innamorato della madre di Harry.
  • Io ho ucciso Piton! (Lord Voldemort)
Personaggio di Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2 (2011). Mentre Harry Potter e Lord Voldemort e Harry si affrontano per il duello finale, Naville Paciock riesce ad uccidere il serpente Nagini, rendendo di fatto il signore oscuro potenzialmente mortale. Il mago oscuro riesce tuttavia con la sua abilità a mantenere il duello con Harry, rivelando di essere ormai invincibile per via della bacchetta di sambuco. Harry tuttavia gli spiega come, avendo disarmato Draco Malfoy che a sua volta aveva disarmato Silente, è in realtà lui il proprietario della bacchetta più potente del mondo. Voldemort furioso prova ad attaccare Harry con un Avada Kedavra, che il ragazzo riesce a fermare con un altro incantesimo: tuttavia la sua bacchetta non lo riconosce come padrone e gli ritorce contro l'incantesimo disintegrandolo.

The Hateful EightModifica

  • Tu... hai conosciuto davvero mio figlio? (Generale Sandford Smithers)
Volendo uccidere il Generale Sandford Smithers, assassino di soldati di colore durante la guerra, pur rimanendo nei confini della legalità, il maggiore Marquis Warren mette una pistola di fianco al generale e inizia a raccontare di come anni prima avesse catturato il figlio di Smithers, lo avesse denudato, torturato, costretto a praticargli una fellatio e ucciso. Il generale, preso dalla rabbia e dall'umiliazione, cerca di sparare a Warren, ma quest'ultimo gli spara, teoricamente per legittima difesa, uccidendolo.
  • Mannix, il caffè!!! (John Ruth)
Mentre tutti sono distratti dalla morte del generale Smithers, qualcuno avvelena il caffè, venendo visto solo da Daisy Domergue, che poco dopo nota compiaciuta come il suo aguzzino John Ruth e il postiglione O.B gustino la bevanda. Il prossimo che sta per bere il caffè è Chris Mannix, ma si interrompe quando O.B e Ruth iniziano a vomitare sangue: mentre il postiglione inizia a vomitare sangue, Ruth toglie dalle mani di Mannix il caffè e inizia a picchiare violentemente Daisy, che tuttavia gli ruba una pistola e gli spara al petto uccidendolo.
  • Ascolta. lavoro qui solo da poco. Qualunque cosa Minny vi abbia fatto, io non c'entro niente. (Charly)
Ferito gravemente da Marco il messicano, il garzone Charly riesce comunque a scampare alla strage operata da Jody e i suoi scagnozzi nascondendosi in un ripostiglio annesso alle stalle. tuttavia, viene presto raggiunto dal criminale Grouch Douglas, che gli punta contro un fucile. Nonostante le suppliche del garzone, Douglas fredda Charly.
  • Come stai, demente? (Jody Domingre)
Dopo aver ferito il maggiore Warren con un colpo ai testicoli, Jody Domingre viene costretto ad uscire disarmato dalla cantina dell'emporio di Minny. Uscito allo scoperto, Jody insulta affettuosamente la sorella Daisy, riuscendo a tranquillizarla. Tuttavia, in quel momento il maggiore Warren, desideroso di vendetta, uccide Jody con un colpo alla testa sotto gli occhi disperati della sorella Daisy e degli amici Pete e Grouch.
  • L'accordo è ancora valido, Chris. Non hai fatto niente che non possiamo perdonare. Ha fatto tutto quel negro: se tu lo ammazzi prendi il mio corpo, Aspetti nella neve con Daisy e... Argh! Cazzo! (Pete Hicox/Oswaldo Mobray)
Daisy cerca di convincere Chris Mannix a uccidere Warren per poi lasciare liberi lei e i suoi complici prendendosi il cadavere di Marco il messicano per intascare la sua taglia. tuttavia, Warren fa notare come il cadavere di Marco, a cui ha fatto saltare il cranio, sarà ormai irriconoscibile. Pete Hicox, ferito gravemente, propone allora di prendere il proprio corpo, essendo consapevole di morire a breve. tuttavia, viene subito ucciso da Warren per farlo tacere.
  • Quindici assassini in tutto. (Grouch Douglas/Joe Cage)
Approfittando della distrazione di Warren dovuta all'omicidio dell'amico Pete, il criminale Grouch Douglas cerca di uccidere Warren e Mannix con una pistola nascosta. Tuttavia, i due prontamente gli sparano contro uccidendolo.
  • E allora creperai su questa montagna, perché mio fratello Jody guida un esercito di uomini! (Daisy Domergue)
Daisy tenta inutilmente di convincere Mannix a uccidere Warren, cercando di intimorirlo con la minaccia di altri membri della banda di Jody. Mannix tuttavia non le crede e decide di eliminarla con un colpo di pistola. Warren tuttavia, per onorare la memoria di John Ruth, gli propone di impiccarla. i due così impiccano Daisy, uccidendola una volta per tutte.
  • Chris Mannix: "La mia cara vecchia Mary"... questo è un bel tocco.
    Warren: Si... Grazie.
Dopo aver ucciso Daisy, Mannix chiede a Warren di fargli leggere la famosa lettera che Abramo Lincoln gli aveva scritto, in realtà rivelatasi falsa. Mannix la legge e si commuove profondamente, sopratutto sul finale, e fa i complimenti a Warren, con cui ha stretto nelle ultime ore una solida amicizia. i due, ormai agonizzanti per via delle ferite e del freddo, si mettono ad aspettare la morte.

Heat - La sfidaModifica

  • Vieni qui! (Michael Cherrito)
Finita la rapina in banca, Neil McCauley e i suoi entrano in macchina per scappare, ma in quel momento arriva la polizia, allertata da qualcuno. Ne nasce uno scontro a fuoco in cui l'autista del gruppo, Breedan, rimane ucciso. I tre superstiti scappano a piedi, ma mentre Neil e Chris vanno via insieme l'altro del gruppo, Mchael Cherrito, prende le sacche coi soldi e cerca di farsi un varco, uccidendo qualsiasi poliziotto gli venga contro. Ad un certo punto arriva addirittura a prendere una bambina in ostaggio, ma il tenente Vincent Hanna, avendo una visuale di tiro pulita, riesce a ucciderlo con un colpo di fucile alla testa.
  • Ti prego Neil, non lasciarmi così... (Trejo)
Messo al sicuro l'amico Chris, ferito gravemente durante la sparatoria alla banca, Neil si reca da Trejo, l'unico membro della banda che pur conoscendo il piano del colpo non aveva partecipato. Arrivato all'appartamento di Trejo, trova una macabra scena: la moglie dell'amico è stata uccisa e Trejo stesso è in fin di vita. Il messicano spiega a Neil come fosse stato costretto da Weingro, inviato da Steven Van Zent, a rivelare il piano del colpo: in questo modo Van Zant e Weingro avrebbero denunciato il tutto alla polizia per vendicarsi. Weingro aveva poi ucciso la moglie di Trejo. Consapevole di essere al capolinea, Trejo chiede all'amico di finirlo, e un riluttante Neil acconsente, ponendo fine alle sofferenze del compagno.
  • Come diavolo dovrei saperlo? (Steven Van Zant)
Desideroso di vendicare l'amico Trejo, Neil si reca dall'affarista Steven Van Zant, vero responsabile del fallimento del colpo. Entrato nella villa di Van Zant, Neil gli chiede dove sia Weingro, assassino materiale di Trejo. Van Zant, sprezzante, dichiara di non sapere dove sia il criminale. Non avendo più motivi per tenerlo in vita, Neil lo uccide.
  • Senti amico, parliamone per un secondo... (Weingro)
Mentre se ne va da Los Angeles con l'amata Eady, Neil riceve una telefonata dall'amico Nate, che gli rivela la posizione di Weingro. Lasciando Eady in macchina, Neil si reca nell'hotel dove alloggia Weingro e, fingendosi addetto al servizio in camera, scopre il numero della camera dell'uomo. Attivato l'allarme antincendio per liberare il piano da possibili testimoni, Neil irrompe nella stanza dell'ex componente della banda. Vedendolo, Weingro cerca di farlo ragionare, ma Neil lo uccide con un colpo di pistola alla testa.
  • Visto che non ci torno in prigione? (Neil McCauley)
Ucciso Weingro, Vincent si prepara a scappare con Eady, ma vede il tenente Hanna e fugge. Parte così un inseguimento tra poliziotto e criminale. Neil, deciso ad approfittare delle luci intermittenti dell'aeroporto, si apposta per uccidere il rivale, ma Hanna è più veloce e gli spara prima. Ferito gravemente, Neil dichiara che non tornerà in prigione, come aveva già detto ad Hanna quando si erano incontrati di persona la prima volta. Dopo queste parole, Neil offre la sua mano a Vincent in segno di reciproca stima e muore mentre Vincent gliela stringe, consapevole del rispetto provato dall'avversario nei suoi confronti.

Indiana JonesModifica

  • Ti ho seguito in mille avventure, ma nel regno del grande mistero, ci vado prima di te. (Wu Han)
Personaggio de Indiana Jones e il tempio maledetto (1981). Mentre si trova nel ristorante del gangster Lao Che per una trattativa, Indiana Jones viene avvelenato dal criminale, che dichiara che gli darà l'antidoto al veleno solo se il diamante che doveva comprargli gli verrà dato senza alcun pagamento. Indiana ha tuttavia un asso nella manica: uno dei camerieri del ristorante è infatti il suo alleato Wu Han. Sfortunatamente, uno degli scagnozzi di Lao Che si trova alle spalle del giovane e gli spara: Wu Han muore tra le braccia di Indiana, che cerca inutilmente di confortarlo.
  • Per colui che è malvagio, la coppa della vita non è che fonte di eterna dannazione. (Kazim)
Personaggio de Indiana Jones e l'ultima crociata (1989). Mentre sta per partire per il tempio in cui si trova il santo Graal, la carovana di nazisti guidata da Walter Donovan viene attaccata dai cavalieri del Graal, decisi a rallentarli. Nonostante il valore e il coraggio dei guerrieri, essi cadono presto sotto il fuoco dei nazisti, sotto gli sguardi disperati di Indiana e Sallah. Per ultimo, Kazim, il loro capo, muore, non prima di aver maledetto Donovan.
  • Tu hai scelto con molto saggezza. Ma il Graal non dovrà mai oltrepassare il grande sigillo... Codesto il limite, e il prezzo, dell'immortalità. (Cavaliere del Graal)
Personaggio de Indiana Jones e l'ultima crociata (1989). Mentre fugge dal tempio del Graal, ormai quasi del tutto crollato, Indiana scorge l'antico Cavaliere del Graal, il custode secolare del calice: l'esploratore prova ad invitarlo ad uscire, ma il cavaliere, consapevole di essere inadatto ai tempi moderni e avendo portato a termine il proprio compito, si lascia morire tra le macerie, non prima di aver salutato Indiana, che ricambia commosso.

InterstellarModifica

  • Non andartene docile... (Professor Brand)
Murph, raggiunto il professor Brand, scopre la dura verità sulla missione di suo padre: non è mai esistito un piano per salvare i terrestri rimasti, in quanto l'equazione necessaria alla costruzione di navette in grado di farcela è impossibile. Dopo averle rivelato questo, Brand si spegne davanti a lei, recitando l'inizio della poesia Do not go gentle into that good night di Dylan Thomas, poesia che recitava a tutti i suoi astronauti prima di partire nelle missioni.
  • Questi dati non hanno senso. (Romilly)
Nella base del dottor Mann, lo scienziato Romilly sta analizzando i dati della base insieme al robot TARS. Egli fa un'inquietante scoperta: questi dati non sono coerenti con quanto affermato da Mann, che aveva descritto il pianeta come abitabile. Incredulo, egli capisce che Mann ha sempre mentito, ma ormai è troppo tardi: in quel momento il laboratorio esplode poiché minato in precedenza dal folle scienziato per ucciderli, e Romilly, al contrario di TARS, non riesce a salvarsi.
  • Qui non si tratta della mia vita o di quella di Cooper, ma dell'intera umanità. Arriva un momento... (Dr. Mann)
Impazzito dopo anni di solitudine, il dottor Mann ruba uno dei moduli ausiliari, raggiungendo l'Endurance, con lo scopo di "continuare la missione". Tuttavia, l'agganciamento automatico della navetta viene bloccato a distanza dal robot CASE, per cui Mann cerca di attuare la pericolosa manovra manualmente. Mentre si appresta ad entrare nella Endurance, Brand e Cooper tentano invano di convincerlo che l'aggancio sia sbagliato, e che può ancora aiutarli nonostante il tradimento. Mann, non ascoltandoli, inizia ad aprire il portello: mentre sta spiegando agli astronauti le sue ragioni, il portello si apre nello spazio aperto e la pressione causa un'esplosione che distrugge la navetta ausiliare e uccide Mann.

Kill BillModifica

  • Molto divertente, troia. Molto! (Vernita Green)
Personaggio di Kill Bill: Volume 1 (2003). Cominciando la sua vendetta, la Sposa si dirige dall'ex collega Vernita Green, che ora ha cambiato vita e ha una famiglia. Qui le due hanno un lungo scontro, in cui usano vari oggetti. Ad un certo punto la figlia di Vernita, Nikki, torna a casa da scuola, trovando la casa in subbuglio e le due donne in procinto di combattere. Mandata via Nikki con una scusa, le due donne si fermano per parlare: per non far vedere la sua morte davanti a Nikki, Vernita propone alla Sposa di rinviare lo scontro, e la bionda, essendo stata madre anche lei, acconsente. Si appresta poi andarsene, ma Vernita, rivelando tutta la propria meschinità, prova a ucciderla a tradimento con una pistola nascosta in una scatola di cereali: la Sposa, per difendersi, si vede costretta ad ucciderla con un coltello, ironicamente davanti agli occhi della stessa Nikki.
  • E lo chiami supplicare? Puoi supplicare molto meglio! (Gogo Yubari)
Personaggio di Kill Bill: Volume 1 (2003). Arrivata alla Casa delle Foglie Blu, covo della ex collega O-Ren, la Sposa mutila la sua amica Sofie Fatale e massacra le sue guardie del corpo. O-Ren allora sfodera la sua miglior carta: in quel momento infatti arriva la sua guerriera migliore, la giovane psicopatica Gogo Yubari. Quest'ultima ingaggia un durissimo scontro con la Sposa. Inizialmente, la giovane e malvagia giapponese sembra avere la meglio riuscendo a ferire la bionda. Tuttavia, la Sposa riesce ad avere la meglio: dopo aver ferito Gogo al piede, con un pezzo di legno chiodato la colpisce alla testa, facendole sanguinare gli occhi e uccidendola.
  • Era davvero una spada di Hattori Hanzo. (O-Ren Ishi)
Personaggio di Kill Bill: Volume 1 (2003). Dopo aver sterminato tutti gli scagnozzi di O-Ren, gli 88 folli, la Sposa raggiunge la sua peggiore nemica nel suo giardino giapponese personale. Qui le due iniziano a duellare con le proprie katane, ma la Sposa, stancatasi per i lunghi scontri, sembra non tenere testa alla perfida rivale, e viene anche ferita. O-Ren ne approfitta per schernirla, ma la Sposa la mette a tacere, ferendola a sua volta. Capendo di aver fatto male a insultare la compagna, O-Ren chiede umilmente scusa. Le due continuano il duello, che però ha vita breve: con un preciso colpo, la Sposa taglia lo scalpo ad O-Ren, che ammette come effettivamente la spada della rivale fosse stata creata da Hattori Hanzo, per poi morire con dignità e onore, sapendo di essersi guadagnata il rispetto della rivale.
  • Un milione di grazie! (Budd Gunn)
Personaggio di Kill Bill: Volume 2 (2004). Dopo aver sconfitto e sepolto viva Beatrix Kiddo, Budd, fratello di Bill, contatta Elle Driver per venderle la spada di Hattori Hanzo della donna. Quando Elle arriva, i due parlano del più e del meno, per poi iniziare la trattativa: ma mentre Budd controlla i soldi, un serpente Black Mamba nascosto da Elle lo morde più volte. Mentre Budd si contorce agonizzante, Elle inizia ad elencargli sadicamente gli effetti mortali del veleno del serpente; successivamente, gli rivela il motivo che l'ha portata ad ucciderlo, ovvero il rimpianto per la patetica, presunta morte della Sposa, grande guerriera. Poco dopo, Budd spira.
  • Elle, Cagna maledetta! (Pai Mei)
Personaggio di Kill Bill: Volume 2 (2004). Mentre combatte con Beatrix Kiddo nella roulotte del defunto Budd, Elle Driver racconta la storia del suo allenamento con Pai Mei: questi, che era stata maestro di Beatrix ed aveva mantenuto buoni rapporti con l'ex allieva, si trovava invece male con Elle, priva di pazienza e umiltà. Un giorno, Elle insultò il maestro, che per punirla le cavò un occhio. Decisa a vendicarsi, Elle avvelenò le teste di pesce del maestro, che morì insultandola. Questa notizia addolora profondamente Beatrix, ma le dà anche la giusta carica per sconfiggere Elle e vendicare il maestro.
  • No, tu non sei una persona cattiva... Tu sei fantastica... Sei la persona che preferisco... Peccato che di tanto in tanto sai essere una gran troia... Come ti sembro? (Bill Gunn)
Personaggio di Kill Bill: Volume 2 (2004). Dopo un pomeriggio di giochi passato con la loro figlia B.B, Beatrix e Bill si mettono a parlare. Beatrix spiega a Bill le ragioni del suo allontanamento, mentre questi spiega la rabbia che lo spinse a compiere la strage dei Due Pini e il perché lei non potesse cambiare la sua vita da sicario. Dopo questo dialogo, i due hanno un breve scontro, al termine del quale Beatrix pratica contro Bill la tecnica dell'esplosione del cuore in cinque passi, la famigerata mossa di Pai Mei che farebbe esplodere il cuore del perfido avversario. Bill, dopo un ultimo dialogo con Beatrix le sorride e, alzandosi, compie stoicamente i cinque passi, andando incontro alla morte.

Kong: Skull IslandModifica

  • Si torna a casa! (Victor Nieves)
Dopo l'incontro con un gruppo di indigeni che gli ha spiegato la bontà di Kong il capitano Conrad e i suoi compagni di avventura costruiscono una zattera con cui percorrere il fiume per raggiungere il gruppo del colonnello Packard, guidati dall'ex soldato americano Hank Marlow. Il gruppo riesce a far partire l'imbarcazione e tutti esultano, ma in quel momento uno stormo di uccelli preistorici cattura uno di loro, il supervisore militare Victor Nieves, e lo fa a pezzi in aria.
  • Oh, cazzo... (Bill Randa)
Dopo che il gruppo di Conrad raggiunge quello del colonnello Packard e quello dell'agente del Monarch Bill Randa, tutti vorrebbero lasciare l'isola per fuggire da Kong. Tuttavia, Packard è deciso a salvare il suo braccio destro, Chapman, disperso durante l'attacco allo scimmione. Guidati da Hank Marlowe, i militari raggiungo la fossa degli strisciateschi, mostri acerrimi nemici di Kong. Mentre i militari cercano il loro compagno, Randa fa delle foto alla zona, ma mentre controlla la macchina fotografica inceppata sente un rumore alla spalle: prima di poter fare qualcosa, l'uomo viene inghiottito da uno Strisciateschi.
  • Muori, brutto figlio di... (Colonello Preston Packard)
Deciso a vendicare i suoi uomini, Packard si prepara ad attaccare Kong con i pochi soldati rimasti utilizzando una trappola esplosiva. Durante l'attacco notturno però il piano viene sventato dal gruppo di civili di Conrad: inoltre, irrompono presto degli Strisciateschi, che iniziano a divorare i pochi uomini rimasti. Mentre i soldati superstiti e il gruppo di Conrad fuggono, Packard, con ancora in mano il detonatore per l'esplosivo della trappola, prova a vendicarsi una volta per tutte del gorilla, ma viene presto schiacciato da Kong.
  • Andiamo, andiamo, figlio di puttana! (Earle Cole)
Mentre si preparano a lasciare l'isola, i sopravvissuti notano l'arrivo dell'ultimo strisciateschi rimasto. Per salvare i suoi tre giovani comilitoni, il caporale Earle Cole decide di sacrificarsi imbottendosi di esplosivo e preparandosi a essere mangiato dal mostro, in modo tale da farlo esplodere dall'interno. Purtroppo il suo sacrificio si rivela vano, in quanto lo strisciateschi fiuta la trappola e scaglia via Cole poco prima che questi esploda.

Kung Fu PandaModifica

  • Tu devi credere! (Maestro Oogway)
Personaggio di Kung Fu Panda (2008). Dopo aver tentato inutilmente di allenare il panda Po come guerriero dragone, il maestro Shifu viene avvisato della fuga del pericoloso ex allievo Tai Lung. Recatosi dal proprio maestro Oogway, Shifu si dimostra scettico dell'abilità del presunto Guerriero Dragone, ma Oogway lo rassicura dopo una lunga discussione e, giunto ormai al termine della propria vita, svanisce insieme ad una turbine di fiori di pesco, sotto il triste sguardo dell'allievo.
  • Stai bluffando... stai bluffando... Shifu non te l'ha insegnata! (Tai Lung)
Personaggio di Kung Fu Panda (2008). Sconfitto Shifu, il malvagio guerriero Tai Lung prova a estorcergli l'ubicazione della pergamena del dragone, ma incontra la resistenza del maestro. In quell'istante tuttavia entra in scena Po, che con la pergamena riesce a distrarre Tai Lung dal maestro. Dopo un lungo combattimento, Tai Lung riesce ad aprire la pergamena, ma scopre che all'interno non vi è scritto niente: come spiega Po infatti, l'importante non è il potere, ma il cuore del guerriero. Tai Lung prova furiosamente ad uccidere l'avversario, ma Po ormai è diventato un esperto guerriero e polverizza il nemico con la micidiale presa del dito Wuxi.
  • È un avvertimento. Non puoi competere con il nostro Kung Fu. (Maestro Rino Tuonante)
Personaggio di Kung Fu Panda 2 (2011). Recatosi alle porte della propria città natale OngMing, il principe esiliato Shen affronta i tre difensori della città, i maestri Bue Infuriato, Croc e Rino Tuonante, sconfiggendo i primi due. Rino Tuonante, il più potente dei tre, ammonisce Shen di fermarsi: per tutta risposta, Shen mostra l'arma portata dai propri scagnozzi lupi, un cannone, e dà l'ordine di uccidere Rino, che nonostante un'eroica difesa viene fatto a pezzi dall'arma.
  • No! (Capo dei lupi)
Personaggio di Kung Fu Panda 2 (2011). Durante la battaglia fra Po con i Cinque Cicloni e le armate di Shen, quest'ultimo ordina al proprio braccio destro, il capo dei lupi, di sparare colpi di cannone contro le navi su cui avvengono i combattimenti. Il lupo è restio ha sparare, in quanto i suoi compagni lupi morirebbero, ma Shen è inamovibile e dimostra l'assoluto disprezzo che ha per le proprie truppe. Capendo quanto sia diabolico il proprio capo, il lupo sguaina la spada e si prepara ad affrontarlo, ma viene ucciso da un coltello scagliato da Shen.
  • Hai ragione... Allora io scelgo... questo! (Lord Shen)
Personaggio di Kung Fu Panda 2 (2011). Sconfitti i guerrieri, Shen si prepara a confluire in mare per invadere la Cina, ma si ritrova davanti Po, unico rimasto in piedi. Shen ordina ai suoi uomini di ucciderlo a colpi di cannone, ma Po, grazie alla tecniche della pace interiore finalmente appresa, riesce a schivare i colpi. Il Guerriero Dragone prova a convertire Shen, ma questi prova a combatterlo. Tuttavia, nello scontro il perfido pavone taglia inavvertitamente le corde che legavano il cannone: mentre Po fugge dalla barca, Shen vi rimane sopra accettando il proprio destino, finendo schiacciato dall'arma che fa affondare la nave.

Le ieneModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Cristo, non ci vedo più un cazzo, sono cieco... (Mr. Brown)
Mr. Brown avrebbe dovuto scortare Mr. White e Mr. Orange lontano dalla gioielleria per permettere la fuga, ma viene colpito dai proiettili della polizia e, incapace di guidare, pronuncia queste parole poco prima di morire.
  • Ecco il fuoco, stronzo! (Mr. Blonde)
Dopo aver cosparso il poliziotto ostaggio di benzina, Mr. Blonde sta per dargli fuoco con un accendino e pronuncia queste parole. Prima che possa riuscirci però Mr. Orange lo uccide a colpi di pistola.
  • Non servono prove quando si ha il sesto senso! Ho fatto uno sbaglio prima, adesso basta. (Joe Cabot)
Dopo aver scoperto che Mr Orange è in realtà una talpa, Joe gli punta contro una pistola. Mr White però crede all'amico Orange e punta la pistola contro Joe. Conseguentemente il figlio di Joe, Eddie, la punta contro White. Dopo alcuni attimi di esitazione, Joe spara a Orange, scatenando una sparatoria in cui moriranno sia lui che il figlio.
  • Smetti di puntare quella cazzo di pistola contro mio padre! (Eddie "il Bello" Cabot)
Eddie il Bello si rivolge così a Mr. White puntandogli la pistola contro. Pochi attimi dopo Mr. White, Joe, Eddie, e Mr. Orange si sparano contemporaneamente, Eddie e Joe muoiono nella sparatoria.

L.A. ConfidentialModifica

  • Rollo... Tomasi... (Jack Vincennes)
Il poliziotto Jack Vincennes si reca dal capo della polizia Dudley Smith per riferirgli i progressi dell'indagine che sta conducendo con Ed Exley. Smith sembra interessato, ma improvvisamente spara al petto di Vincennes, rivelandosi il capo del racket. Il capitano chiede a Jack se ha qualcosa da dargli:questi pronuncia queste ultime parole, ovvero il nome immaginario che Exley aveva dato all'assassino di suo padre e che Exley aveva rivelato solo a Jack, per poi spirare. l'ultima mossa del redento detective si rivelerà preziosissima, in quanto Smith, convinto che il nome sia relativo all'indagine, chiederà ad Exley informazioni a riguardo, facendo capire al giovane detective chi sia il vero assassino di Vincennes.
  • Dudley... Avevamo un patto! Tu, io e Badget... Uhm, Uhm! (Sid Hudgens)
Il capitano Smith convoca Budd White per interrogare un sospettato per l'omicidio di Jack Vincennes, che si rivela essere Sid Hudgens, redattore della rivista scandalistica Zitti-Zitti nonché amico di Vincennes. Picchiato e pressato, Sid rivela di aver scattato delle fotografie che ritraggono Ed Exley fare l'amore con Lynn Bracken, prostituta fidanzata di White. Dopo che il furioso Budd se ne va, Hudgens chiede a Smith di liberarlo, in quanto tutta la manovra era una messinscena per mettere White contro Exley. Tuttavia Smith non vuole lasciare testimoni, e così soffoca Sid.
  • Mostra il distintivo: che vedano che sei un poliziotto. (Dudley Smith)
Attaccati dai poliziotti corrotti del diabolico Capitano Smith, Budd White ed Ed Exley riescono ad ucciderli tutti, nonostante il ferimento di Exley. Mentre Budd cerca di aiutarlo, Smith spunta alle sue spalle, ferendolo gravemente, per poi gettare l'arma quando si accorge di essere sotto il tiro di Exley. Sentendo le sirene della polizia avvicinarsi, il viscido capitano convince Exley ad uscire insieme a lui con le mani in alto, dichiarando che insabbierà tutto come sempre. Exley, consapevole che l'uomo che ha ucciso il suo amico Vincennes la farà franca un'altra volta, prende il fucile di White e spara alle spalle del diabolico Smith uccidendolo.

Mars Attacks!Modifica

  • Credete di poter fare quello che volete, eh? Be', vi sbagliate! E sapete perché? Perché la Terra è nostra! Nostra, di noi esseri umani! E con l'aiuto del grande, del glorioso esercito degli Stati Uniti noi tutti vi combatteremo, lotteremo fino all'ultimo uomo! E senza mai conoscere la resa! Avete capito? Vi combatteremo sulle spiagge, vi combatteremo per le strade, non vi daremo tregua, non vi daremo respiro, e alla fine, com'è giusto, vinceremo! La democrazia sopravviverà, mai e poi mai ci costringerete a cercare le armi! Non ci sconfiggerete! La nostra aquila sventolerà trionfante! Aah! (Generale Decker)
Il generale, nel tentativo di fare fuoco contro gli alieni, venuti a conquistare il quartier generale in cui lui e il presidente degli Stati Uniti si sono asserragliati, viene rimpicciolito dall'arma dell'imperatore marziano alle dimensioni di una formica e infine schiacciato sotto il suo stivale.
  • Hai un bacio incandescente! Ti posso togliere la gomma dalla bocca? Ah! Ma che ca...?! Il mio dito! Oh! Pronto? Pronto! Aiuto! Centralino! Emergenza! Aiutatemi! (Jerry Ross)
Jerry Ross, segretario del presidente degli Stati Uniti, invita una donna nella Stanza Kennedy, stanza segreta della Casa Bianca. Quando cerca di toglierle la gomma da masticare infilandole un dito in bocca, se lo ritrova mozzato. Resosi conto che la donna è in realtà un marziano corre al telefono, ma il marziano lo tramortisce con una statuina.
La first lady Marsha Dale viene schiacciata da uno dei lampadario della Casa Bianca, un marziano infatti ne ha provocato la caduta disintegrando accidentalmente la catena che lo assicurava al soffitto con la pistola laser.
  • Perché state facendo questo? Perché? L'universo non è grande abbastanza per tutti noi? A cosa serve questa follia? Potremo unire gli sforzi. Per quale motivo siamo nemici? Perché siamo "diversi"?! È questa la ragione? Pensate a quante cose potremmo fare. Pensate a quanto forti potremo diventare: la Terra e Marte... Una cosa sola! Non esiste obiettivo che da alleati non potremo conseguire! Pensateci bene, signori! Riflettete bene su quanto vi ho detto! Perché distruggere quando possiamo creare? Possiamo ambire la perfezione, o decidere che tutto vada in malora nell'odio! Perché non provare a trascurare le nostre differenze? Perché non risolvere tutte le questioni intorno a un tavolo? Siete un grande popolo... perché non possiamo semplicemente... andare d'accordo? E questo cos'é... cos'è?! (Presidente James Dale)
Il presidente Dale tenta con queste parole di proporre all'imperatore di Marte un armistizio. Il marziano sembra convincersi e fa per stringergli la mano, ma questa si stacca e lo infilza da dietro, per poi innalzare la bandiera marziana.
  • Quello? È un ritratto del presidente James Monroe. (Guida turistica)
La guida turistica della Casa Bianca mostra agli studenti la Blue Room.[1] Quando Cedric sente in lontananza il rumore delle astronavi marziane e chiede «Ehi, che cos'è?», la guida pensa la domanda si riferisca a uno dei dipinti appesi alle pareti. La guida non fa in tempo a rendersi conto della situazione che viene disintegrata da uno dei marziani che hanno fatto irruzione nella stanza.
  • Salute. Io sono il generale Casey, comandante in capo delle Forze Armate degli Stati Uniti d'America. A nome dei popoli della Terra: Benvenuti. (Generale Casey)
Il generale Casey saluta cordialmente l'ambasciatore marziano pochi attimi prima che questi lo colpisca con la pistola laser, riducendolo a uno scheletro rossastro.
  • Senti, siete creature intelligenti. Facciamo un patto. Io vi posso aiutare. Sono un avvocato: voi volete conquistare il mondo, vi servirà un avvocato, ragazzi! Tieni. Lo vuoi il mio orologio, eh? Te lo do! Dai, pigliatelo! È tuo! È un Rolex! (Giocatore d'azzardo)
Il giocatore d'azzardo cerca di patteggiare con un marziano, ma viene comunque disintegrato da una pistola laser.
  • Signori... questo è un affare in cui non è possibile perdere soldi! (Art Land)
Art Land presenta il suo nuovo casinò, il Galaxy, ad alcuni investitori stranieri nonostante Las Vegas sia assediata dai marziani. Esclama queste parole subito prima che un'astronave marziana spari alla base della torre del casinò, facendola crollare e uccidendo lui e i suoi ospiti.
  • Vi faccio tutti fuori, alieni bastardi! Oh... Mi arrendo! (Billy Glenn Norris)
Billy Glenn Norris corre con un fucile contro i marziani nel tentativo di fare un gesto eroico. Ma quando si accorge che il fucile è scarico impugna la bandiera degli Stati Uniti d'America. Viene immediatamente disintegrato dal colpo del fucile laser di un marziano.
  • Testa del Prof. Kessler: Addio, mia adorata. Vorrei che fosse andata diversamente.
    Testa di Natalie: Lo vorrei anch'io. Addio. Donald, ti amo.
    Testa del Prof. Kessler: Ti amo anch'io, Natalie.
Il professor Donald Kessler e la conduttrice televisiva Nathalie Lake, ormai ridotti a teste senza corpo dai marziani, rotolano sul pavimento dell'astronave aliena. Si danno l'addio baciandosi mentre l'astronave affonda nel mare.

Marvel Cinematic UniverseModifica

  Per approfondire, vedi: Ultime parole dal Marvel Cinematic Universe.

MetropolisModifica

  • Fedele, nonostante tutto... (Georgy)
L'uomo macchina, inviato da Joh Fredersen, istiga gli operai alla rivolta e a nulla valgono le proteste di Freder e Josaphat: la massa di operai si reca furibonda a distruggere le macchine. Nella calca viene calpestato il povero Georgy, l'operaio che Freder aveva sostituito appena arrivato nel sottosuolo: l'operaio spirerà fra le braccia degli amici, non prima di aver dichiarato la propria fedeltà.
  • Guardiamo il mondo che và all'inferno...! (Uomo Macchina)
Furiosi per i danni che hanno provocato istigati dall'Uomo Macchina con le sembianze di Maria, gli operai lo catturano e lo legano ad un rogo, bruciandolo. Freder, convinto che sia la vera Maria, prova a ribellarsi, ma viene trattenuto dagli operai: tutti i presenti però rimangono presto a bocca aperta, vedendo come la presunta Maria sia in realtà una macchina, che ride copiosamente mentre brucia.
  • Hell...La mia Hell! (Rotwang)
Approfittando della confusione, Rotwang rapisce Maria, essendosi convinto che ella sia la reincarnazione dell'amata Hell. Il pazzo inventore la insegue fino al tetto della cattedrale di Metropolis: fortunatamente, la ragazza riesce ad attirare l'attenzione degli operai e di Freder. Inizia così una dura lotta fra il giovane e Rotwang, che alla fine precipita dalla cattedrale morendo.

L'ultima legioneModifica

  • Figliolo, torna dentro! (Oreste)
Durante l'assalto dei Goti a Roma e alla dimora imperiale, Oreste invita suo figlio, l'imperatore Romolo Augustolo, a mettersi in salvo, poco prima di venire ucciso dal barbaro Wulfila.
  • Fermi! Che fate? Siamo tutti Romani! (Vatreno)
Il legionario Vatreno, realizzato che i soldati del console Nestore hanno teso un'imboscata all'imperatore Romolo, si frappone fra il ragazzo e gli assalitori venendo trafitto da diverse frecce.
  • Aurelio...amico mio...se mi vuoi bene... (Nestore)
Il console Nestore, inseguito e raggiunto da Aurelio che vuole punirne il tradimento, supplica così il soldato, che per risposta lo abbraccia e lo trafigge con la propria spada.
  • Fino alla morte!... (Batiato)
Appena ferito a morte dal barbaro Wulfila, il legionario fa in tempo a veder giungere sul campo di battaglia la IX legione che cambierà l'esito della battaglia finale, pronunciando queste parole.

Milano odia: la polizia non può sparareModifica

  • Ragazzi... voi state col Maione, potete pagare quando volete! ("Papà")
I tre criminali Giulio, Vittorio e Carmine, decisi a rapire la figlia dell'industriale Porrino, si recano da un ricettatore d'armi, noto come "Papà". La trattativa sembra andare bene, ma il ricettatore chiede un prezzo troppo alto per le sostanze dei tre: furente, Giulio lo uccide con una raffica di mitra, sotto gli occhi stupefatti dei due amici, che non si aspettavano di arrivare a tanto.
  • Oh, ragazzi: se vi serve un pò di grana, io posso anche pagare! (Vecchio ricco)
Riuscita a fuggire, la giovane Marilù Porrino si rifugia in una villa di ricchi borghesi, che sfortunatamente non capiscono la situazione. Poco dopo arrivano Giulio, Vittorio e Carmine, che rinchiudono la ragazza e iniziano a programmare sevizie contro i quattro borghesi. Uno di questi, un uomo anziano, prova a convincere i tre a lasciarli in pace in cambio di soldi, ma per tutta risposta Giulio lo uccide con una raffica di mitra.
  • Assassino! Assassino vigliacco! Porco assassino, hai ucciso mia figlia! Floriana, mia figlia! (Giovane ricca)
Mentre seviziano i tre borghesi rimasti appesi ad un lampadario, i criminali sentono dei rumori sospetti provenire dal piano superiore. Istintivamente, Giulio spara una raffica di mitra al piano superiore, ed in quel momento un orsetto di pezza cade dalle scale. Terrorizzata, una delle due donne imprigionate capisce che ad essere uccisa è stata la figlioletta, e inizia ad urlare contro Giulio: rabbioso, questi uccide lei e gli altri due con una raffica di mitra.
  • Pazzo, assassino! Lasciami, lasciami! No, no! Ah! (Jole Tucci)
Mentre amoreggiano, Giulio Sacchi e la fidanzata Jole Tucci leggono il giornale. La donna, notando un articolo che parla della strage nella villa dei borghesi, capisce immediatamente che Giulio è il responsabile. Quando Jole inizia ad urlargli contro dandogli dell'assassino, Giulio si infuria e la butta giù dalla scogliera con la macchina.
  • Sei soltanto un maiale, pieno di droga! (Marilù Porrino)
Mentre i suoi scagnozzi prendono il riscatto, Giulio resta con il loro ostaggio, la giovane Marilù. Per passare il tempo, il criminale chiede alla giovane cosa pensi di lui: per tutta risposta, la coraggiosa Marilù gli dice la verità, ovvero che lo considera un animale. Furente per queste parole, Giulio uccide in un raptus d'ira la povera ragazza con una scarica di mitra.
  • Vigliacco... Vigliacco! (Carmine)
Tornato al rifugio, Carmine vede il cadavere di Marilù, con Giulio che prova a giustificarsi per il delitto. Il ragazzo, ormai stanco della follia ingiustificata del suo capo, lo attacca furiosamente, ma viene ucciso da una raffica di mitra.
  • Ma se lo trovano mi fregano, capisci? Per colpa tua! Per colpa tua! (Vittorio)
Tornato al rifugio, Vittorio si mette a chiacchierare col suo capo, Giulio, quando si accorge della morte di Carmine. Terrorizzato e consapevole che dal cadavere arriveranno presto a loro, Vittorio impazzisce e si scaglia contro Giulio, che però lo ammazza con due colpi di pistola.
  • La polizia non può sparare, commissario! Guardi che non ci sono prove! Non ci sono prove su di me, commissario! È matto: fermatelo! È mattoooo! (Giulio Sacchi)
Prosciolto dalle accuse, Giulio Sacchi chiacchiera con gli amici al bar, vantandosi delle proprie imprese, ma viene presto raggiunto dal commissario Walter Grandi, sua nemesi. Mentre gli amici se ne vanno, Giulio prova a convincere Grandi a non ucciderlo, osservando come la polizia non possa sparare ad un cittadino onesto fino a prova contraria, ma Grandi è inamovibile e prova colpire il criminale, mancandolo. Giulio allora estrae a sua volta una pistola, ma il commissario lo colpisce con due colpi di pistola, facendolo cadere sopra ad una pila di immondizie. Avvicinatosi, Grandi riesce finalmente a finire Giulio, vendicando tutte le vittime del folle criminale.

Nemico pubblico - Public EnemiesModifica

  • Ce l'hai fatta, ragazzo! (Walter Dietrich)
Con un astuto piano, il criminale John Dillinger riesce ad irrompere in una prigione federale per liberare il suo mentore e amico, Walter Dietrich. Tuttavia, per colpa di un detenuto, le guardie si accorgono troppo presto dell'evasione: nasce quindi un conflitto a fuoco, in cui Walter viene colpito. John cerca inutilmente di salvarlo, ma Walter muore non riuscendo neppure a salire in macchina.
  • Il secondino non faceva quello che gli era stato ordinato di fare! (Schouter)
Per colpa del detenuto Schouter, il mentore di Dillinger Walter è morto, rendendo l'intera operazione di evasione inutile. Per questo motivo, dopo aver chiesto il parere agli amici Homer e Pete, Dillinger lo uccide gettandolo fuori dall'auto in corsa.
  • Temo che tu mi abbia ucciso. Vattene a marcire all'inferno! (Pretty Boy Floyd)
A seguito di una lunga caccia, l'agente dell'FBI Melvin Purvis riesce finalmente a raggiungere il criminale Pretty Boy Floyd. Questi si dà alla fuga nei campi, ma Purvis riesce a centrarlo anche a lunga distanza. dopo averlo raggiunto, Purvis gli chiede informazioni sul suo complice, ma Pretty Boy si limita a mandarlo all'inferno, per poi spirare.
  • Nelson... (Agente Carter)
Durante la retata al motel in cui sono nascosti John Dillinger, Baby Face Nelson e la loro banda, l'agente dell'FBI Carter, fedele braccio destro di Melvin Purvis, perlustra i dintorni in macchina. Ad un certo punto viene avvicinato da un uomo a piedi: convinto che si tratti di un collega dell'FBI, Carter accosta. Tuttavia, il pedone si rivela essere Nelson in fuga, che colpisce con una raffica di mitra Carter e gli ruba la macchina. All'arrivo di Purvis, Carter farà appena in tempo a dirgli il nome del suo assalitore, per poi morire.
  • Non sbandare, maledizione! (Homer Van Meter)
Durante la retata, Purvis e i suoi uomini si imbattono in una macchina in cui si trovano Baby Face Nelson, lo scagnozzo di Dillinger Homer Van Zant e un ferito. Gli agenti riescono a provocare un incidente, in cui la macchina sbanda. Homer, ignorando Baby Face, cerca di fuggire, ma viene crivellato di colpi dagli agenti dell'FBI.
  • Vieni, Vieni! (Baby Face Nelson)
Dopo l'incidente e la morte di Homer, Baby Face Nelson e il ferito cercano di scappare. Mentre risponde al fuoco, Baby Face cerca di incitare il compagno ferito, che però viene presto ucciso dagli uomini dell'FBI. Nelson riesce quasi a fuggire, ma viene centrato in pieno da un colpo di fucile di Melvin Purvis.
  • E devi lasciar perdere anche Billie. Ti conosco: Non hai mai mai deluso nessuno. Ma stavolta... Devi andare avanti. Lascia stare. (John "Red" Hamilton)
Mentre i loro compagni vengono presi, Dillinger e il suo migliore amico Red cercano di scappare nei boschi. Tuttavia, vengono raggiunti da due agenti dell'FBI: i due riescono a scappare, ma Red viene colpito. Raggiunto un rifugio sicuro, Dillinger cerca di salvare l'amico, ma Red, consapevole di essere in punto di morte, gli dice di non perdere tempo e di lasciar perdere anche Billie Frechette, la sua donna, per non deluderla una volta morto. Detto ciò, l'uomo spira.
  • Dì a Billy da parte mia: bye bye, Blackbird. (John Dillinger)
Volendo distrarsi per gli eventi accaduti, Dillinger invita due sue amiche prostitute al cinema. La sera, finito il film, i tre escono dal cinema, ma ad aspettare il criminale vi è una brutta sorpresa: Purvis e i suoi uomini hanno organizzato una trappola per lui, aiutati da una delle due prostitute, Anna Patzke. Dillinger prova a scappare tra la folla, ma viene presto raggiunto da Purvis e dall'anziano agente Winstead. Dillinger, consapevole di essere ormai arrivato alla fine, prova ad estrarre la pistola, ma viene colpito da Winstead. Abbattuto l'avversario, il cinico e veterano agente nota che il criminale sta per dire qualcosa, e si china a sentirla: l'attimo dopo, il leggendario John Dillinger muore. Winstead si recherà poi in carcere, dove riferirà a Billie Frechete le parole di Dillinger, ovvero i suoi addii alla donna amata.

The Nice GuysModifica

  • La mia auto ti piace, bambolone? (Misty Mountains)
Mentre sta guardando una rivista porno dei genitori, un bambino assiste ad un incidente d'auto terribile. Raggiunti i resti della macchina, vi trova proprio l'attrice porno della rivista, Misty Mountains: questa pronuncia queste parole (in realtà il titolo di un film a cui lavorava) per poi morire. Si scoprirà poi che l'incidente era stato provocato dal sicario John Boy, incaricato di uccidere chiunque avesse partecipato al film.
  • Hai mai sentito parlare di John Boy? A quest'ora saprà di te... Lo stanno facendo arrivare... Ora ammazzerà quello sbirro privato e tutta la sua cazzo di famiglia! ...E poi verrà a cercarti! Non ti resta molto da vivere, mi dispiace per te! (Blue Face)
Il sicario Blue Face riesce finalmente a catturare la piccola Holly March e Amelia Kutner, vera mente dietro al finto film porno. Mentre sta per ucciderle però il sicario viene inaspettatamente investito da un pirata della strada: mentre Amelia scappa e Holly cerca qualcuno per aiutarlo, Healy si avvicina al criminale. Blue Face, ormai in fin di vita, lo deride dicendogli che un sicario, John Boy, è già sulle loro tracce: sentendo queste parole, Healy si arrabbia e finisce il sicario soffocandolo.
  • La prego, mi porti via! (Amelia Kutner)
Mentre si svolge la sparatoria fra March, Healy e John Boy, Amelia ne approfitta per fuggire, reputando i due investigatori degli idioti. Dopo aver camminato a lungo, la giovane ferma una macchina, chiedendo un passaggio. Sfortunatamente per lei, l'autista si rivela essere proprio John Boy, scappato dalla sparatoria: il sicario coglie la palla al balzo e uccide immediatamente Amelia, portando così a termine il proprio incarico.
  • Figlio di puttana! (Il Vecchio)
Lo scagnozzo di John Boy noto come Il Vecchio porta sul tetto dell'hotel in cui si svolge il Los Angeles Auto Show Holland March e sua figlia Holly, con l'intento di ucciderli. Vedendo March ubriaco, sia il criminale che Holly lo rimproverano aspramente, ma in quel momento il detective attacca il sicario, rivelando di fingere la sbornia.Il Vecchio viene spinto giù dal tetto, ma afferra March trascinandolo con sè: mentre il detective cade nella piscina sottostante, Il Vecchio si spiaccica al suolo morendo.

Il nome della rosaModifica

  • Nella grande saggezza c'è grande dolore e chi incrementa il proprio sapere incrementa il proprio dolore. (Venanzio)
Il monaco Venanzio, traduttore dal greco, si reca nella biblioteca di notte per esaminare un antico manoscritto, la cui esistenza gli è stata riferita dall'amico Adelmo la notte prima. Venanzio è euforico per la rarità del libro, ma ha un improvviso malore e muore. Per allontanare sospetti dalla biblioteca, l'aiuto bibliotecario Berengario trasporterà il suo corpo nella macelleria.
  • No...no! (Severino)
Grazie alle indicazioni di Guglielmo da Baskerville, l'erborista Severino riesce a trovare il manoscritto in greco. Riferito la notizia al francescano, Severino va ad aspettarlo in erboristeria, nell'attesa che Guglielmo si liberi dal suo impegno. Mentre analizza il libro però si accorge della presenza di un altro monaco, con intenzioni bellicose. Severino prova a scappare, ma il monaco afferra una gabbietta li presente e la usa per uccidere il povero Severino. Come si scoprirà, l'assassino era Malachia, il bibliotecario.
  • La settima tromba...L'invasione degli scorpioni... (Malachia)
Il giorno dopo la condanna al rogo dei due frati eretici Salvatore e Remigio e della contadina creduta strega, i sacerdoti celebrano la messa, nonostante il clima di tensione. Ad un certo punto però Malachia, il bibliotecario e aiutante del venerabile Jorge, stramazza al suolo, come avvelenato. Egli fa appena in tempo a farneticare parole sulla settima tromba dell'apocalisse che muore, sotto gli occhi spaventati degli altri monaci.
  • Salvatore: Salva me! Salva me!
    Remigio: Ah, caro fratello: ci guarda frà Dolcino!
Per essendo estranei agli omicidi, vengono condannati al rogo, su ordine del perfido inquisitore Bernardo Gui, la giovane contadina e due monaci, il gobbo Salvatore e il cellario Remigio, questi ultimi perché seguaci dell'eretico frà Dolcino. Mentre le pire dei due monaci vengono bruciate, la ragazza viene salvata da una congiura di popolani. Nei suo ultimi attimi di vita, Salvatore chiede terrorizzato aiuto, ma Remigio, consapevole di non aver tradito i suoi ideali, conforta il confratello, un attimo prima di morire bruciato.
  • Ora sigillo per sempre questa conoscenza con la tomba che io divento! (Jorge da Burgos)
Approfittando della confusione dovuta ai roghi, Guglielmo e il fido Adso si recano nella gigantesca biblioteca del monastero. Qui i due trovano il venerabile Jorge da Burgos, cieco e austero monaco, che porge a Guglielmo il manoscritto in greco, causa di tante morti. Egli segretamente ha però avvelenato le pagine per ucciderli, ma Guglielmo usa uno speciale guanto, preso dal cadavere del povero Serafino. Jorge allora prende il libro e si dà alla fuga, spiegando nel frattempo come avesse avvelenato il libro e ucciso tanti confratelli solo per impedire che l'argomento del volume, il potere della risata. Per impedire che tanta conoscenza venga alla luce, Jorge si suicida mangiando le pagine, non prima di aver dato fuoco al libro e alla gigantesca biblioteca.
  • Aiuto, vi prego, aiuto! (Bernardo Gui)
Mentre i monaci tentano di spegnere l'incendio del monastero, Adso riesce a fuggire, lasciando indietro il suo maestro. Vedendo Bernardo Gui fuggire vigliaccamente, Adso lo insegue, dando la colpa a lui per quanto avvenuto. La carrozza di Bernardo riesce a seminare il giovane, ma viene avvistata dalla folla. I contadini, furenti per le malvagità perpetrate, buttano la carrozza giù da un burrone, facendo morire Bernardo infilzato tra i rottami.

Non è un paese per vecchiModifica

  • Sissignore. Tutto sotto controllo. (Vice Sceriffo di Lamarr)
Mentre è di pattuglia, il vice sceriffo della contea di Lamarr arresta un uomo, Anton Chigurgh. Portato in centrale, l'agente ha una conversazione telefonica col suo superiore su come gestire il prigioniero: il solerte vice sceriffo assicura di avere la situazione sotto controllo, ma appena riattacca il telefono viene attaccato alle spalle da Chigurgh, che lo strangola con le manette con cui sono bloccate le sue mani.
  • Quello a cosa serve? (Automobilista)
Mentre sta guidando, un automobilista viene fermato da una macchina della polizia, da cui scende Anton Chigurgh, che ha rubato la macchina al vice sceriffo ucciso in precedenza. Credendolo un poliziotto, l'uomo obbedisce alla richiesta di Chigurgh di scendere dalla macchina, ma si stupisce vedendolo con in mano una pistola ad aria compressa, e gli chiede di che si tratti: per tutta risposta il sicario lo uccide sparandogli con la pistola in piena fronte, per poi rubargli l'auto.
  • Sierra la puerta... Estan lupos... (Membro del cartello)
Mentre è a caccia, Liewelin Moss si imbatte nei resti di uno scontro a fuoco tra bande rivali per una trattativa fra rivali. Tra i cadaveri si imbatte in un superstite, un membro del cartello messicano ferito gravemente. L'uomo prova a chiedere ripetutamente dell'acqua, ma Moss cinicamente preferisce mettersi sulle tracce di un altro superstite. Moss troverà infatti il suo cadavere e una valigetta piena di soldi. Tornato a casa, alla sera Moss si pente di quanto fatto e tenta di rimediare tornando con un pò d'acqua nella zona della strage. Tuttavia, appena arriva trova il ferito incontrato quel mattino morto, ucciso da un colpo alla testa, probabilmente da Anton Chigurgh o da altri uomini del cartello.
  • Neanche un bip. (Aiutante di Chigurgh)
Dopo la fuga di Moss, Chigurgh si reca di notte con due aiutanti, probabilmente assegnatigli dai suo mandanti, per esaminare la scena dello scontro a fuoco. Mentre analizza i vari indizi, il sicario si fa consegnare una radiotrasmittente con cui arrivare alla valigetta col denaro rubata da Moss. Finito il lavoro il trio fa per andarsene, ma Chigurgh spara improvvisamente e senza alcun motivo ai due aiutanti uccidendoli.
  • No me matar. (Sicario del cartello)
Chigurgh riesce a trovare con la propria radiotrasmittente il motel in cui alloggia Moss e si prepara ad attaccarlo. Armatosi con il proprio fucile a pompa silenziato, il sicario irrompe nella stanza di Moss, ma al suo posto trova tre sicari del cartello. Uccisi i primi due, Chigurgh trova il terzo nascosto nella doccia e lo interroga invano su come abbiano trovato il luogo. Il messicano chiede al killer pietà, ma viene ucciso dall'impassibile Chigurgh.
  • Ma che... (Passante)
Rifugiatosi in un albergo lungo la frontiera, Moss scopre troppo tardi la radiotrasmittente nascosta nella valigia dei soldi rubati e, consapevole che Chigurgh lo raggiungerà presto, si apposta nella propria stanza armato di fucile. Quando Chigurgh arriva, Moss tenta di ucciderlo, provocando una sparatoria che si protrae fino in strada, dove i due si feriscono a vicenda. Moss riesce a distanziare il criminale e a fermare una macchina di passaggio, chiedendo al guidatore aiuto. Il passante tuttavia non capisce cosa succede, e viene immediatamente ucciso da un colpo alla testa sparato da Chigurgh.
  • Parlo della tua natura... ti... ti posso dare i soldi. Anton. (Carson Wells)
L'intermediario Carson Wells viene assunto da un misterioso uomo d'affari per farsi restituire i soldi da Moss evitando ulteriori spargimenti di sangue. Wells va quindi a parlare con Moss, chiedendogli di telefonargli quando sarà pronto per trattare. Tornato al proprio albergo, Wells viene tuttavia intercettato da Chigurgh, suo vecchio amico, e portato nella propria stanza, dove in un dialogo confessa al sicario di aver fornito su ordine del proprio capo di una radiotrasmittente anche i messicani. Carson cerca di negoziare la propria vita, dichiarando di essere l'unico a conoscere la posizione di Moss, ma in quel momento il telefono squilla e Chigurgh, intuendo che a telefonare sia proprio Moss e ritenendo Carson inutile, spara all'intermediario uccidendolo.
  • Cazzo! (Capo di Carson Wells)
L'uomo d'affari capo di Carson Wells sta trattando con un proprio dipendente quando nel suo ufficio irrompe Anton Chigurgh. Preso dal panico, l'uomo non può fare niente che Chigurgh, ritenendo un affronto aver fornito anche i propri rivali messicani di radiotrasmittente, lo crivella di colpi e, dopo aver minacciato il dipendente, lo finisce con la propria pistola ad aria compressa.
  • Meglio di no, signora. So a cosa serve la birra. (Liewelin Moss)
Riuscito a scampare alla furia di Chigurgh grazie ad un accordo fatto, Moss si rifugia in un motel. Qui una mattina una donna in piscina si mette a chiacchierare con lui, facendogli delle avance che però lui rifiuta. In quel momento sta arrivando al motel lo sceriffo Bell, deciso a salvare Moss dalle grinfie dei criminali. Subito però l'uomo nota un commando di sicari messicani fuggire dal motel e sente delle grida: preoccupato, l'uomo entra subito nel motel, trovando i cadaveri della donna della piscina, un sicario messicano e del povero Moss.
  • No! Non è la moneta a scegliere... a scegliere sei tu. (Carla Jean Moss)
Dopo il funerale della madre malata di cancro, la moglie di Moss Carla Jean torna a casa. Qui ad attenderla vi è nientemeno che Anton Chigurgh, deciso ad ucciderla poiché non ha ricevuto i soldi da Moss come nei patti. Carla Jean prova a impietosirlo raccontandogli gli ultimi avvenimenti, ma il sicario è impassibile e le ordina di scegliere un lato della propria moneta, con cui sceglierà se ucciderla o no. Carla Jean, ormai sprezzante, gli grida in faccia come la moneta sia inutile e come in realtà la scelta sia solo sua, e lo invita a scegliere. Nella scena successiva si vede Chigurgh uscire di casa e controllare come d'abitudine se le proprie scarpe sono sporche di sangue, facendo intuire la fine di Carla Jean.

NovecentoModifica

  • Irma... Quando la festa sta per finire, digli che sono morto. Ti ricordi eh? Morto... (Nonno Alfredo Berlinghieri)
Ormai stanco degli eredi insoddisfacenti e logorato dalla demenza senile, l'anziano proprietario terriero Alfredo Berlinghieri si reca, durante una festa degli operai, nelle stalle, dove incontra una giovane paesana, Irma. Qui, dopo averla costretta prima a mungere le mucche e poi a masturbarlo, il vecchio ordina alla giovane di andare ad avvisare gli operai riferendo che è morto. Dopo che la notizia è stata riferita, i contadini riprendono i festeggiamenti mentre il vecchio Leo Dalcò, entrato nella stalla, scopre che Alfredo si è impiccato con una catena al soffitto, non prima di aver disperso tutte le mucche.
  • Olmo, prendimi qualche foglia e fammi aria. Eh, il mondo sta cambiando... (Leo Dalcò)
A causa di uno sciopero dei contadini, i proprietari sono costretti a lavorare nei campi al posto loro. Nel vedere l'arrogante Giovanni Berlinghieri e i suoi famigliari lavorare, l'anziano contadino Leo Dalcò e il nipote Olmo scoppiano bonariamente a ridere, godendosi finalmente una rivalsa su coloro che fino a quel punto li hanno trattati da schiavi. Tuttavia Leo si tocca sofferente il petto e, capendo cosa gli stia per succedere, ordina al nipote di prendergli qualche foglia, in modo da distrarlo: l'accortezza del vecchio contadino si rivelerà giusta, in quanto mentre Olmo raccoglie le foglie Leo ha un malore e muore.
  • Attila, hai...Dimenticato i guanti... (Patrizio)
Durante il matrimonio di Ada e Alfredo, la bisbetica cugina di quest'ultimo Regina e il suo amante Attila, fattore sadico nonché fascista, si chiudono nella cascina del vino e, frustrati dai comportamenti di Alfredo e Ubriachi, decidono di sposarsi seduta stante. In quel momento però irrompe il piccolo Patrizio, ammiratore di Attila, venuto a riportargli i guanti. I due pazzi tuttavia lo catturano e lo seviziano. Dopo una serie di rapporti il povero Patrizio prova a fuggire, ma Attila lo afferra e, in un raptus isterico, lo sbatte più volte contro il muro, maciullandogli la faccia sotto le risate isteriche di Regina.
  • Porci assassini... Porci assassini! Ah Ah! Porci..(Ida Cantarelli Pioppi)
La notte di Natale Attila e Regina si fermano davanti alla casa di Ida Pioppi, vedova di un oppositore politico morto a seguito di un azione dei fascisti. I due sono invidiosi poiché vorrebbero vivere in quella casa, considerata bellissima, ma vengono inaspettatamente accolti dalla signora Pioppi, ormai considerata senile, che li fa entrare. La donna tuttavia è impazzita da anni e rinchiude i due in una stanza, mettendosi a ridere istericamente e accusandoli della morte del marito. I due inizialmente provano a farla ragionare, ma capendo che può essere l'occasione buona decidono sadicamente di ucciderla: mentre Regina la distrae parlando, Attila prende la rincorsa e sfonda la pesante porta, che cade addosso alla signora Pioppi rompendole l'osso del collo.

Bestie! Schiavi! Merda! Basta con la musica, questa non è una Balera! Non avete rispetto per i nostri morti? (Attila Melanchini)

Il giorno della liberazione, i vigliacchi Attila e Regina tentano la fuga ma vengono catturati dai partigiani e dai contadini. Portati in un cimitero, Attila è costretto a guardare le tombe delle sue vittime, in particolare del piccolo Patrizio e dei Pioppi. Mentre i contadini suonano e gli ballano intorno, il fascista dichiara di non pentirsi affatto delle proprie azioni e, ormai completamente folle, ordina ai partigiani di smettere di suonare per rispettare i morti: colpito dall'ipocrisia dell'uomo, il capo dei partigiani prende una pistola e spara alla testa di Attila uccidendolo.
  • Ti ricordi? Come quando eravamo bambini... (Alfredo Berlinghieri)
Ormai anziani, Alfredo e Olmo si ritrovano a giocare nei luoghi della loro infanzia. Qui, mentre Olmo finge di sentire nel palo del telegrafo la voce del padre mai conosciuto, Alfredo si sdraia sulle rotaie come nel gioco che facevano da bambini e, quasi per rispettare la tradizione di famiglia che vuole il più anziano morto suicida, si lascia travolgere dal treno che arriva in quel momento.

Il padrinoModifica

  Per approfondire, vedi: Ultime parole da Il padrino.

Il pianeta delle scimmieModifica

  • ...Maledetti, siano tutti maledetti! (Zaius)
Personaggio di Planet of the Apes - Il pianeta delle scimmie (2001). Le ultime parole di Zaius sono rivolte al figlio generale Thade, poco prima di morire dalla vecchiaia.
  • Il mio nemico è Thade! Non sei tu! (Krull)
Personaggio di Planet of the Apes - Il pianeta delle scimmie (2001). Durante la battaglia finale, il gorilla Krull rivolge queste ultime parole al feroce colonnello Attar, prima di combattere, per poi morire nelle sue mani.
  • Vi scioglierò uno per uno! (Dodge Landon)
Personaggio de L'alba del pianeta delle scimmie (2011). Dodge Landon rivolge queste ultime parole a Cesare e le altre scimmie, tentando di ucciderle con il suo taser, ma sfortunatamente Cesare lo spruzza con l'acqua, che muore fulminato con il suo stesso taser.
  • Stupida scimmia!!! Nooo!!! Nooo!!! (Steven Jacobs)
Personaggio de L'alba del pianeta delle scimmie (2011). Steven Jacobs, un uomo d'affari cinico e senza scrupoli, nonostante i suoi sforzi di uccidere tutte le scimmie, le sue ultime parole sono rivolte al terribile Koba, poco prima che quest'ultimo lo getta via, insieme al suo elicottero, morendo affogato.
  • Sto salvando la razza umana! (Dreyfus)
Personaggio di Apes Revolution - Il pianeta delle scimmie (2014). Dreyfus pronuncia queste ultime parole prima di morire a causa dell'esplosione.
  • Scimmia non uccide scimmia. (Koba)
Personaggio di Apes Revolution - Il pianeta delle scimmie (2014). Il perfido Koba pronuncia queste ultime parole al suo ex-Leader, divenuto arcinemico, Cesare, prima di morire precipitando dalla torre.
  • Che cos'è questa? Come è arrivata qui? Mettilo a lavorare. (Colonnello J. Wesley McCullough)
Personaggio di The War - Il pianeta delle scimmie. Le ultime parole dello spietato colonnello J. Wesley McCullough sono rivolte al suo arcinemico Cesare, riferendosi alla bambola, che durante fino alla guerra tra le scimmie e gli umani, Cesare trova il colonnello in preda dalla disperazione, e si suicida da solo, sparandosi in faccia, con la stessa arma con avrebbe potuto farsi uccidere dallo stesso Cesare che si è rifiutato dall'angoscia e dal dolore.
  • Non temere,... Maurice. Siete tutti a casa, ora. Scimmie sono forti. Con... o senza me. (Cesare)
Personaggio di The War - Il pianeta delle scimmie. Le ultime parole di Cesare sono rivolte al suo migliore amico Maurice, poco prima di morire, a causa del colpo alla freccia del crudele predicatore.

Pirati dei CaraibiModifica

  • Veramente tutti siamo anche troppi, ne bastano sei o sette... Ooooodio. (Leech)
Personaggio di Pirati dei Caraibi - La maledizione del forziere fantasma (2006). I pirati della Perla Nera, intrappolati in due gabbie di ossa sospese su un burrone, scalano la parete rocciosa per liberarsi. Will Turner, per incoraggiare gli uomini, dice che per la Perla sono tutti indispensabili. Leech, il marinaio indiano nell'altra gabbia, interviene dicendo che ne bastano pochi: parte così una gara fra le due gabbie al termine della quale, spaventato da un serpente, Leech molla la presa e precipita nell'abisso, morendo insieme agli altri marinai della sua gabbia.
  • Darò un bacio a tua madre per te. (Weatherby Swann)
Personaggio di Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo (2007). La Perla Nera avvista delle barchette, e tra le persone presenti, c'è anche il governatore Weatherby Swann. Elizabeth pensa che sono riusciti a tornare, ma Jack afferma che non sono tornati, poiché stanno attraversando il mondo delle anime morte, e tra queste c'è Swann, il quale, dopo aver saputo un'informazione importante sul cuore di Davy Jones, Lord Cutler Beckett l'ha ucciso per il tradimento. Poco prima di entrare nell'aldilà, Swann riesce a salutare per l'ultima volta la sua amata figlia.
  • Perdonami... Calypso. (Sao Feng)
Personaggio di Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo (2007). Il temuto pirata cinese Sao Feng si appresta a baciare Elizabeth Swann, credendo che quest'ultima sia la dea Calypso. Poco dopo, tuttavia, l'Olandese Volante, la nave di Davy Jones, attacca la nave di Feng, nel quale il pirata ne rimane gravemente ferito. Prima di morire, però, Feng riesce a dare il suo pezzo da otto a Elizabeth.
  • Contrordine! (James Norrington)
Personaggio di Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo (2007). Dopo la morte di Sao Feng, Elizabeth e la ciurma del defunto pirata cinese vengono fatti prigionieri dall'Olandese Volante. Tuttavia, l'ex commodoro, divenuto ammiraglio, James Norrington, vecchio amico di Elizabeth, libera lei e gli altri uomini, per scappare con loro. Di conseguenza, Sputafuoco Bill Turner si accorge della loro fuga, e Norrington si sacrifica per permettere a Elizabeth e gli altri di fuggire. Poco dopo, Norrington taglia la corda che lega la nave di Davy Jones a quella di Beckett, per evitare che Sputafuoco li raggiunga, e approfittando della distrazione di James, Sputafuoco lo uccide. Poco dopo, Davy Jones arriva a Norrington quasi morente, chiedendogli se vuole entrare nella sua ciurma, ma quest'ultimo rifiuta e Jones lo lascia così al suo destino.
  • Prepararsi all'abbordaggio!!! (Ian Mercer)
Personaggio di Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo (2007). Dopo aver liberato per errore Tia Dialma, la dea Calypso, quest'ultima si infuria con il suo ex amante, Davy Jones, pensando di averla tradita, e scatena una tempesta e un maelstrom. Inizia una battaglia tra la Perla Nera e l'Olandese Volante, e nel corso dello scontro, Davy Jones uccide brutalmente il dilettante ufficiale di Beckett, Ian Mercer, distruggendogli il naso con i suoi tentacoli, prendendo la chiave nascosta del forziere, contenente il suo cuore.
  • È solo... una questione d'affari. (Lord Cutler Beckett)
Personaggio di Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo (2007). Il perfido tiranno Lord Cutler Beckett si appresta a distruggere la Perla Nera. Ma poco dopo, arriva l'Olandese Volante, guidato da Will Turner per aver distrutto Il cuore di Davy Jones, e le due navi si mettono ai fianchi della nave di Beckett per distruggerla. Quest'ultimo, essendo rimasto paralizzato dalla sorpresa e perdendo il contatto con la realtà, non ordina di dare fuoco, così il suo luogotenente, Theodore Groves, ordina di abbandonare la nave e in pochi si salvano. Beckett, invece, sapendo di essere ormai sconfitto con nessuna possibilità di salvarsi, decide di rimanere sulla sua nave, e dopo aver schivato con fortuna molto palle di cannone, muore nell'esplosione della nave.
  • Canaglia! Diavolo! (Barbanera)
Personaggio di Pirati dei Caraibi - Oltre i confini del mare (2011). Il terribile pirata Edward Teach, noto come Barbanera, trafitto in precedenza da Hector Barbossa, rivolge queste parole a Jack Sparrow dopo aver scelto il calice sbagliato, che lo farà consumare dalle acque della Fonte. Il calice giusto verrà bevuto invece da sua figlia Angelica che avrà salva la vita. Questa scelta dei calici da parte dei due viene influenzata da Jack che li aveva scambiati.
  • Solo l'impero britannico avrà il potere del mare! (John Scarfield)
Personaggio di Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar (2017). L'ufficiale della marina Scarfield, avvistata la Perla Nera, si appresta ad attaccarla. Inaspettatamente, il capitano fantasma Salazar spunta all'improvviso e con la sua nave fantasma trascina la nave di Scarfield giù nel mare, provocando la morte di quest'ultimo e del suo equipaggio.

Profondo rossoModifica

  • Il bambino... La villa... Il fantasma della villa! (Amanda Righetti)
Amanda Righetti, autrice del saggio "fantasmi di oggi e leggende nere dell'età moderna", torna nella propria abitazione e qui vi trova un pupazzo impiccato al soffitto. Dopo la curiosa scoperta, la luce si spegne misteriosamente, e nell'aria si ode una nenia infantile: la Righetti capisce allora che nella sua abitazione deve trovarsi l'assassino della Villa del bambino urlante, di cui aveva parlato nel saggio. Nonostante provi ad armarsi con uno spillone per cucire, la donna viene comunque tramortita con una torcia dall'assassino,che si sbarazza del manoscritto del saggio e la trascina in bagno, dove apre l'acqua della vasca: nonostante provi a scrivere il nome dell'assassino sulla parete del bagno, il vapore lo cancella e Amanda viene affogata nell'acqua bollente della vasca dall'assassino.
  • Ah... Un pupazzo meccanico... Eh Eh! (Professor Giordani)
Dopo aver scoperto il nome dell'assassino a casa dell'amica Amanda, il Professor Giordani tenta inutilmente per tutto il giorno di contattare il pianista e amico Marc, che sta indagando. Arrivata la sera, dopo un'ennesima chiamata Giordani sente una voce flebile che lo chiama, e subito dopo la nenia infantile. Capendo che l'assassino lo sta per attaccare, Giordani afferra un tagliacarte: in quel momento, un pupazzo meccanico entra nello studio rapidamente. Dopo averlo istintivamente distrutto, il professore ride per il falso allarme, ma in quel momento viene attaccato dall'assassino, che gli sbatte violentemente i denti contro lo spigolo di un tavolo: l'istante successivo, l'assassino pianta il tagliacarte nella nuca di Giordani.
  • Ma è per il tuo bene, cara. Hai sentito che cosa ha detto il dottore? (Padre di Carlo)
Dopo aver scoperto che il misterioso assassino è la madre del suo amico Carlo, Marta, se la ritrova davanti, armata di coltello e furente per la morte di un figlio. In un flashback ambientato il giorno di Natale, scopriamo cosa l'ha spinta alla follia: mentre il piccolo Carlo scarta i regali, il padre invita la moglie ad andare in clinica dopo le vacanze di Natale, in modo da risolvere i suoi problemi psichici. Mentre corre ad abbracciare il figlio, l'uomo viene però pugnalato alla schiena da Marta, e muore davanti al figlio, che poco prima aveva acceso un disco da cui era partita la nenia infantile.
  • Maledetto... Maledetto!Hai fatto uccidere mio figlio, che non centrava niente! Lui... No! Lui... cercava solo... di proteggermi...Non aveva mai fatto del male a nessuno! Ma che è successo? Che è successo? (Marta)
Dopo aver rivelato a Marc i motivi che l'hanno spinta alla definitiva follia, la furente Marta prova ad attaccarlo con una mannaia: il giovane tuttavia la schiva e prova ad imboccare la via del pianerottolo, ma inciampa e sbatte contro le porte dell'ascensore. Marta tenta allora un'altro assalto, ma Marc lo schiva e la folle si ritrova con la collana impigliata nell'ascensore: Marc allora con prontezza attiva l'ascensore, che scendendo decapita presto Marta.

RoboCopModifica

  • Ok! Addio, lattina! (Emil Antonowsky)
Personaggio di RoboCop (1987).
  • L'ho beccato, Clarence, l'ho beccato! (Leon Nash)
Personaggio di RoboCop (1987). Leon rivolge queste parole a Clarence Boddicker, dopo aver sepolto Robocop con delle travi sganciate dalla gru, e pochi attimi dopo Anne Lewis lo fa saltare in aria con un Cannone d'assalto Cobra.
  • Sayonara, RoboCop! (Clarence Boddicker)
Personaggio di RoboCop (1987). Clarence pronuncia queste parole prima di trapassare RoboCop con una sbarra di metallo, ma, fatto ciò, viene trafitto al collo da quest'ultimo.
  • Il suo veicolo è illegalmente parcheggiata su proprietà privata. Hai 20 secondi per togliersi da li. (ED-209)
Personaggio di RoboCop (1987).
  • Si alzi... voglio un elicottero! Subito! Andremo sulla terrazza... con calma! E io salirò sull'elicottero col mio ostaggio... se qualcuno tenta di fermarmi... faccio fuori il vecchio! (Dick Jones)
Personaggio di RoboCop (1987). Dick Jones pronuncia queste parole prima di tentare di scappare con l'elicottero, prendendo il presidente della OCP come ostaggio. Ma lui si libera dandogli un colpo con la spalla e dicendogli che è licenziato, autorizzando così Robocop a ucciderlo, sparandogli e scaraventandolo dal finestrone.
  • Mi dovrò un po' abituarmi, però... sara grandioso Cain. (Angie)
Personaggio di RoboCop 2 (1990). Angie pronuncia queste parole al suo redivivo amante Cain, alias RoboCain, poco dopo che lo uccide a tradimento strappando il collo con la mano meccanica, per come li aveva abbondati.
  • Era enorme. Più grande di... di te. Era Cain. Sto per morire. Tu lo sai come la morte, vero? Fa davvero schifo. (Hob)
Personaggio di RoboCop 2 (1990). Visibilmente pentito per le sue orrende e assurde azioni, il ragazzino Hob pronuncia queste ultime parole a RoboCop prima di morire, riferendo a Cain che è ancora vivo, sotto forma di un cyborg, in cui all'inizio della tragedia che l'aveva sparato dentro un camion pieno di soldi.
  • Nuke... Nuke... (Cain/RoboCain)
Personaggio di RoboCop 2 (1990).
  • Siamo morti, stupida oca! (Paul McDaggett)
Personaggio di RoboCop 3 (1993). Paul McDaggett rivolge queste ultime parole a RoboCop e le sue amiche, Mary e Nikko, poco prima di morire dall'esplosione sulla torre dello OCP.

The RockModifica

  • Io non darò mai quell'ordine! (comandante Anderson)
Inviata a uccidere il generale ribelle Hammel, che ha occupato Alcatraz, la squadra di Navy Seal guidata dal comandante Anderson cade in un imboscata dei Marine di hammel. questi ordina ad Anderson e ai suoi di gettare le armi, ma lo stoico comandante, fermo sui suoi ideali, dichiara di non poter dare l'ordine e accusa il generale e i suoi di essere solo degli ammutinati qualsiasi. mentre i due discutono animatamente, per colpa di un incidente parte un violento scontro a fuoco in cui i Navy Seal vengono massacrati. Anderson è uno degli ultimi a cadere, venendo ucciso da un colpo sparato dal capitano Darrow.
  • È stato un grande onore combattere al tuo fianco, generale: Ma come hai detto prima, è finita. (Maggiore Baxter)
Siccome il governo non ha creduto alla sua minaccia, il generale Hummel annulla la missione. Tuttavia, i capitani Darrow e Fry si ammutinano e, alleati col sergente Crisp, tolgono il comando a Hummel. Tuttavia il maggiore Baxter, fedele braccio destro del generale Hummel, spara contro Darrow, ma viene ucciso da quest'ultimo e Fry.
  • Mi dia la pistola, signore. (Sergente Crisp)
Dopo l'ammutinamento ai danni di Hummel, Fry e Darrow ordinano al sergente Crisp di prendere le armi al generale: questi è reticente, ma decide infine di obbedire, tradendo il proprio comandante. Tuttavia, Hummel punta la pistola contro Crisp, innescando uno stallo alla messicana: stallo che termina quando il maggiore Baxter scatena una sparatoria, e mentre Fry e Darrow uccidono Baxter, Hummel spara a Crisp uccidendolo.
  • All'interno del faro... (Gen. Frank Hummel)
Scatenata da Baxter la sparatoria, Hummel uccide Crisp, ma viene ferito gravemente da Fry e Darrow: il generale viene inaspettatamente salvato da Mason e Goodspead, che lo portano via dalle grinfie dei due capitani traditori. Mentre Mason tiene a bada Fry e Darrow, Goodspead chiede al generale l'ubicazione dell'ultimo missile carico di gas VX. Consapevole di aver commesso un atto terroristico e desideroso di riscatto, Hummel rivela l'ubicazione del missile, per poi morire a causa delle gravi ferite riportate.
  • No, quella cacca soft mi fa schifo! (Capitano Darrow)
Il capitano Darrow, principale autore dell'ammutinamento ai danni del generale Hammel insieme al complice Frye, sorprende Stanley Goodspeed, intento a sabotare i missili che avrebbero sparso un virus letale su vasta scala negli stati uniti. prima che il capitano possa ucciderlo Stanley, distraendo il militare con chiacchiere a vuoto sulla musica, lo colpisce col missile ormai privo di Virus, facendolo precipitare dalla finestra e impalare su un palo sottostante.
  • Muori! lo faccio sputare a te il mio milione di dollari! (Capitano Frye)
Quando ha ormai tolto anche all'ultimo missile le sfere contenenti il virus letale, Stanley Goodspeed viene aggredito dall'ammutinato capitano Frye, ultimo sopravvissuto dei marine del generale Hummel, che, infuriato per il fallimento del suo piano, tenta di uccidere il giovane ricercatore. tuttavia, con prontezza di riflessi Stanley mette in bocca al capitano le boccette contenenti il virus, rompendole e dando a Frye una morte incredibilmente dolorosa.

Romanzo criminaleModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Sto a morì... (Il Grana)
Il Grana si ritrova da solo nella roulotte, dove i quattro ragazzini si erano rifugiati dopo il furto di un'auto. Così, mentre gli altri (il Libanese, il Freddo e il Dandi) stanno scappando dalla polizia che nel frattempo li ha trovati, il Grana, ferito mortalmente durante la corsa con l'auto, pronuncia queste parole poco prima di morire.
Dopo essere stato accoltellato dal Freddo, il Terribile pronuncia queste parole e qualche attimo dopo muore.
Il Libanese risponde così alle parole di Gemito «Da che mondo è mondo, i debiti li pagano tutti!», prima che quest'ultimo lo uccida a pugnalate.
  • Grazie! Grazie! (Aldo Buffoni)
Aldo Buffoni ha tradito il Freddo e la banda vendendo per conto proprio parte della droga comprata in comune. Dopo esserlo venuto a sapere, Freddo porta con una scusa Aldo in un posto deserto. Qui, dopo un lungo dialogo e dopo aver concesso a Buffoni la possibilità di scappare in Brasile nonostante il tradimento, Freddo uccide Aldo a tradimento con un colpo di pistola. Queste sono le ultime parole di Aldo, qualche attimo prima dell'uccisione.
  • Va beh, incartami pure questi, va'. T'e saluto, Mike, buona giornata. (Il Dandi)
In un momento di pace, Dandi si reca nel negozio di antiquariato che è solito frequentare. Qui controlla e compra alcuni pezzi d'arte, poi esce per la strada: tuttavia, viene avvicinato da un uomo in motocicletta, che si rivela essere Il Bufalo, avvisato dal negoziante, che spara alla testa a Dandi.
Dopo aver ucciso Roberta, ragazza del Freddo, per vendicare il fratello Aldo, Ciro Buffoni si reca in chiesa per espiare il peccato, ma non trova il suo confessore e pertanto esce all'esterno. In quel momento però spunta Freddo, che dopo averlo chiamato spara in testa a Ciro, che non fa in tempo ad estrarre la pistola:subito dopo Il Freddo, deciso a costituirsi, fa per andare dal commissario Scialoja, ma in quel momento viene centrato da un colpo di fucile, sparato da un sicario incappucciato, probabilmente mandato dai servizi segreti.

Rush HourModifica

  • Forza, combatti da uomo! (Sang)
Personaggio di Rush Hour - Due mine vaganti (1998). Durante lo scontro finale fra i poliziotti Lee e James Carter e gli uomini del boss Juntao, Carter si confronta con il braccio destro del criminale, Sang. Questi, che aveva già battuto Carter una volta, lo schernisce proponendogli un combattimento a mani nude, ma l'agente non ci sta e prova a sparare a Sang, fallendo per via della pistola scarica: il criminale prova a sparare a sua volta a Carter, che tuttavia riesce con prontezza a schivare il colpo estraendo un'altra pistola e sparando a Sang in testa.
  • l'avidità ci imprigionerà tutti. (Steven Reign)
Personaggio di Colpo grosso al drago rosso – Rush Hour 2 (2001). Entrato nell'ufficio del suo socio criminale Ricky Tan, l'uomo d'affari Steven Reign viene raggiunto dal socio. Questi tuttavia gli chiede se ricorda un antico detto cinese: Reign lo recita, e ne spiega la morale, contro l'avidità, venendo subito pugnalato da Tan, che voleva sbarazzarsi di lui per tenersi l'intero ricavato delle loro azioni criminali.
  • Avanti, Lee, spara! Spara al migliore amico di tuo padre! Forza, avanti! (Ricky Tan)
Personaggio di Colpo grosso al drago rosso – Rush Hour 2 (2001). Dopo aver sconfitto tutti i suoi scagnozzi, Lee si reca nell'ufficio di Ricky Tan. Questi tuttavia lo sfida a sparargli, consapevole che Lee non lo farà poiché era stato il migliore amico di suo padre. In quel momento Carter entra nell'ufficio e il boss gli spara subdolamente: parato il colpo con il pesante tappeto dell'ufficio, Lee colpisce con un calcio Tan, che precipita dalla finestra schiantandosi su un taxi nella strada sottostante.
  • Mi dispiace fratello, non sarei dovuto entrare in questa storia. Addio Lee. (Kenji)
Personaggio di Rush Hour 3 - Missione Parigi (2007). Sulla torre Eiffel, Lee e suo fratello, il malavitoso Kenji, hanno un ultimo confronto, che termina con Kenji che rischia di precipitare venendo tenuto saldamente da Lee, appeso ad una corda tenuta da Carter. Vedendo che il fratello rischia di perdere la presa e volendo riscattarsi per le azioni criminali compiute, Kenji molla la presa, precipitando su una tabaccheria sotto la torre.

Quei bravi ragazziModifica

  • Perché non te ne vai a fanculo, Tommy? (Spider)
Mentre si trova in un locale con gli amici Henry Hill e Jimmy Conway, il gangster Tommy DeVito prende in giro il giovane cameriere Spider, che aveva in precedenza storpiato. Di malumore, Spider insulta pesantemente Tommy. Tutti sono sorpresi, e Jimmy prende bonariamente in giro Tommy, chiedendogli se permette al giovane di insultarlo così: per tutta risposta, il furibondo Tommy scarica il caricatore della pistola contro Spider, uccidendolo tra lo stupore degli amici, che non lo credevano capace di un azione tanto esagerata.
  • Proprio così. La mia galera l'ho fatta, Jimmy, ho scontato sei anni e ora me ne torno a casa, e voglio quello che mi spetta. Ho delle bocche da sfamare, io! (Billy Batts)
Uscito da poco dal carcere, il mafioso Billy Batts entra in un locale in cui si trovano anche Henry e soci. Qui Billy, vedendo Tommy, si mette a raccontare del periodo in cui il ragazzo faceva da lustrascarpe, facendogli capire che per lui sarà sempre quello il suo ruolo. Preso dalla rabbia, Tommy se ne va dal locale, ma torna ore dopo: mentre Batts è distratto da Jimmy, Tommy gli dà una pugnalata e lo picchia insieme ai due amici. I tre decidono di sbarazzarsi del corpo seppellendolo: tuttavia, arrivati al luogo scelto i tre sentono dei rumori strani provenire dal baule e quando lo aprono si accorgono che Billy è ancora vivo. Tommy allora lo pugnala ancora e Jimmy lo crivella di colpi.
  • Si,si... Che ora è? ("Stacks" Edwards)
Dopo il colpo alla Lufthansa, il giovane "Stacks", autista del colpo, riceve la visita di Tommy e di Frankie Carbone, che devono venirlo a prendere per andare al bar covo della banda. Mezzo addormentato, Stacks inizia a rivestirsi, ma viene inaspettatamente ucciso da Tommy con un colpo di pistola alla testa: egli infatti aveva lasciato troppe prove, e sarebbe presto stato beccato dalla polizia, per cui era troppo scomodo per la banda.
  • No, non ho sentito niente. (Morris "Morrie" Kessler)
Mentre si recano in un locale con Tommy e Jimmy, Frankie Carbone e "Morrie" Kessler, ideatore del colpo alla Lufthansa, iniziano a chiacchierare del più e del meno. Appena salito in macchina, Morrie viene però pugnalato alla gola da Tommy, seduto dietro di lui, con un punteruolo: egli era infatti considerato l'elemento debole del gruppo, che avrebbe parlato sicuramente se pressato.
  • Oh, No! (Tommy DeVito)
Tommy viene convocato per diventare un affiliato vero e proprio della famiglia: entusiasta, egli promette agli amici Henry e Jimmy di chiamarli appena tutto sarà finito. Il giorno della cerimonia, il gangster si reca nella casa di un anziano affiliato,Vinnie, in cui però non trova nessuno. Tommy capisce immediatamente quello che sta succedendo, ma ormai è tardi: la guardia del corpo di Vinnie gli spara alla testa uccidendolo. Come spiegherà Paulie, la morte di Tommy era dovuta alla scoperta dell'omicidio di Billy Batts, omicidio che Tommy non poteva fare senza autorizzazione.

ScarfaceModifica

  • Cabron! (Hector)
Tony Montana viene incaricato da Omar Suarez, braccio destro del boss Frank Lopez, di portare a termine una trattativa per comprare della droga con il colombiano Hector. L'incontro però si rivela una trappola tesa dai colombiani a Tony e al suo amico Angel, che viene fatto a pezzi con una motosega da Hector. Tony sta per subire la stessa sorte, ma viene tempestivamente salvato dai suoi amici Chi Chi e Manny, che massacrano i colombiani: ferito, Hector tenta la fuga in strada, ma viene raggiunto dall'infuriato Tony che gli spara alla testa.
  • No! No! Nooo!!! (Frank Lopez)
Scampato miracolosamente da un'attentato, Tony sospetta che il suo ex boss, Frank Lopez, sia il mandante, probabilmente per via delle avance che Tony ha fatto alla donna di Frank, Elvira. Tony quindi irrompe con i suoi amici nell'ufficio di Frank, in cui si trovano il guardaspalle Ernie e il poliziotto corrotto Mel Bernestein. Grazie ad uno stratagemma, Tony riesce a dimostrare che è stato il boss ad inviargli contro i sicari: terrorizzato, Frank supplica Tony di risparmiarlo, ma viene crivellato di colpi da Manny.
  • Spara, stronzo! (Mel Bernestein)
Dopo l'omicidio di Frank, Tony punta una pistola contro Mel, accusandolo di aver cospirato con il boss. Il poliziotto corrotto prova a difendersi, scaricando Frank e proponendo a Tony di lavorare per lui: come risposta, Tony gli spara al braccio. Capendo che i suoi trucchi non funzionano, Mel ordina sprezzante a Tony di sparargli, e questi lo uccide con un colpo al petto.
  • Tony. (Manny Ribera)
Nonostante i suoi uomini siano terrorizzati dalle conseguenze che porterà l'aver ucciso un sicario del boss Alejandro Sosa impedendogli di compiere il proprio dovere, Tony è molto più preoccupato a trovare la sorella Gina e il suo migliore amico Manny, scomparsi misteriosamente. Ottenuto l'ultimo indirizzo di Gina dalla sprezzante madre, Tony si reca sul posto e apre la porta della casa, trovandosi faccia a faccia con un sorridente Manny a torso nudo. Vedendo arrivare dalla camera da letto Gina, Tony capisce la situazione e, mosso da un attacco di gelosia, uccide Manny con un colpo di pistola: disperata, mentre stringe il cadavere Gina rivela che lei e Manny si erano sposati recentemente, scioccando il boss che si rende conto di aver ucciso il suo migliore amico per niente.
  • Avanti, Tony, Fottimi! Fottimi! è quello che hai sempre voluto! Scopami, stronzo! Sono tutta tua! Fottimi! (Gina Montana)
Mentre i suoi uomini si preparano all'arrivo del commando dei sicari di Sosa, Tony inizia a sniffare sempre più cocaina, distrutto per l'omicidio di Manny. Tuttavia, Gina irrompe nella studio, in topless e armata di pistola: impazzita per la morte del marito, la giovane inizia a sparare vari colpi contro Tony, dicendogli che può fare quello che inconsciamente ha sempre voluto, ovvero fare l'amore con lei. Tuttavia, in quel momento spunta dalla finestra uno scagnozzo di Sosa, che sparando alla cieca uccide Gina sotto lo sguardo furibondo di Tony.
  • Oh, mio Dio... (Nick il Porco)
Vedendo come il loro capo sia ormai alla deriva, i tre principali scagnozzi di Tony Chi Chi, Ernie e Nick il Porco si preparano all'arrivo dei sicari di Sosa: mentre Chi Chi si occuperà degli uomini all'interno della villa, gli altri due controlleranno l'esterno. Tuttavia, appena arrivato nella sua postazione il Porco si volta e nota con orrore come Ernie e i loro uomini siano già stati uccisi dai sicari: deciso a tentare il tutto per tutto, Nick estrae la pistola e inizia a sparare, ma viene inaspettatamente ucciso con un colpo di fucile in testa dal capo dei sicari, The Skull, appostatosi alle sue spalle.
  • Stanno arrivando, Tony, ormai sono in casa! Tony! Apri, apri questa cazzo di porta! Tony, vuoi aprire si o no? Apri, Tony! Tony! Apri la porta! (Chi Chi)
Durante l'assedio alla villa di Tony Montana da parte degli uomini di Sosa, gli uomini di Tony vengono massacrati uno a uno, nella totale indifferenza del loro capo, ormai impazzito per la cocaina e per il dolore della morte della sorella Gina. Chi Chi,l'ultimo rimasto degli scagnozzi più fidati di Tony, riesce a raggiungere la porta dello studio del suo boss. Egli cerca di farsi aprire la porta, ma Tony non lo ascolta minimamente. Ormai disperato, Chi Chi viene ucciso dai sicari di Sosa sopraggiunti.
  • Avanti! Coraggio! E allora? Adesso vi basta? Eh? Brutti finocchi bastardi! Volete eliminarmi? Vi ci vuole tutto l'esercito per eliminarmi! Avete sentito? Io vi spedisco tutti quanti all'inferno! Coraggio, coraggio, vieni qui! Con chi vi credete di fare la guerra? Io sono Tony Montana! State facendo la guerra a me? Fate la guerra al numero uno! Sto ancora in piedi, no?! Coraggio, me ne sbatto delle vostre pallottole! Avanti, continuate a sparare, avanti! Continuate a spararmi! Me ne sbatto delle vostre pallottole! (Tony Montana)
Ormai impazzito per via della cocaina e della morte della sorella Gina, Tony Montana inizia a massacrare gli uomini di Sosa con il suo mitra. Egli viene colpito più volte, ma riesce sempre a resistere, anche quando perde l'arma. quando sembra che ormai per Tony sia impossibile cadere, il capo dei sicari, The Skull, sbuca alle spalle del boss e gli spara con un fucile a pompa, uccidendolo e facendolo precipitare nella propria piscina interna.

I sette samuraiModifica

  • Torna indietro, Rikichi, avanti! (Heihachi Hayashida)
Dopo aver fatto una sortita nell'accampamento dei briganti, i samurai Kyuzo, Kikuchiyo e Hayashida si apprestano a tornare al villaggio quando il contadino Rikichi, la loro guida, si dispera volendo morire in quel momento, poiché sua moglie, rapita dai briganti, è morta. Hayashida, diventato suo grande amico, cerca di portarlo via, ma viene inaspettatamente ucciso da un colpo di fucile, sparato da uno dei briganti.
  • L'avevo fatta la sentinella... (Yohei)
Durante una delle battaglie contro i briganti, il vecchio contadino Yohei, zimbello del villaggio per colpa della sua grande paura, viene trafitto da una freccia alla schiena. Dopo aver affermato di aver comunque adempito al proprio compito di sentinella, il vecchio contadino spira fra le braccia dell'affranto Kikuchiyo, che più di tutti lo prendeva in giro.
  • Kyuzo! Maledetto! (Kikuchiyo)
Dopo aver massacrato gli ultimi briganti, i contadini e i samurai rimasti cercano per il villaggio il loro diabolico capo, ultimo sopravvissuto. Improvvisamente, un colpo partito dalla capanna delle donne, nascondiglio del capo, uccide uno dei samurai, Kyuzo. Il guerriero Kikuchiyo, furente per la morte dell'amico e desideroso di riscatto per una vita di iniquità e menzogne, entra nella capanna, ma viene colpito da un colpo di fucile dello sleale bandito. Nonostante ciò, il valoroso guerriero riesce ad uccidere il predone, poco prima di morire davanti agli occhi dei compagni e dei contadini.

Il settimo sigilloModifica

  • Niente scappatoie? Nessun rimedio? Aaah! (Skat)
Per evitare guai, l'attore Skat si fa aiutare da Antonius Block e dal suo scudiero Jöns per fingersi morto. Dopo che tutti lo hanno abbandonato, Skat sale su un albero per passare la notte in tranquillità, in modo da partire il giorno dopo per lo spettacolo. Sentendo però uno strano rumore, l'attore guarda sotto l'albero e vede che la Morte lo sta tagliando, avvisandolo che la sua ora è giunta: nonostante le suppliche, la morte abbatte l'albero, che cadendo travolge Skat.
  • Guarda, guardami negli occhi, Lo vedrai anche tu se guardi bene. I preti lo hanno visto subito il demonio, e anche i soldati. E ne hanno tanta paura che non osano neanche toccarmi! (Strega)
Nel corso del loro cammino Antonius,Jöns e i loro amici si imbattono in alcuni monaci e soldati intenti a preparare il rogo per una giovane donna, ritenuta una strega. In crisi spirituale, Antonius ha un dialogo con la ragazza sul diavolo. Alla fine, per pietà il cavaliere dà alla ragazza un veleno per alleviarle le sofferenze. Poco dopo, i monaci (fra cui è presente La Morte) mettono sul rogo la donna, sotto gli sguardi disperati di Antonius e Jöns.
  • L'ora è giunta! (La giovane cuoca)
Per distrarre La Morte dalla famiglia di attori in fuga, Antonius le permette di barare perdendo la partita a scacchi. La Morte tuttavia gli permette di tornare al suo castello con Jöns, il fabbro, sua moglie Lisa e la giovane cuoca salvata da Jöns. Arrivati, vengono accolti da Karin, la moglie di Antonius, e presto ricevono la visita della Morte e, chi più chi meno, la accettano tutti. Poco dopo, mentre fanno una sosta i due attori salvati da Antonius e il loro figlioletto vedranno in lontananza la Morte portare via la compagnia, a cui si sono aggiunti Karin, il cavaliere incontrato in precedenza Raval e il defunto Skat.

Sin CityModifica

  • È stato Telly...Telly Stern, a passarmi l'incarico. Lavora in una sala da biliardo, il Triple Ace Club. (Sicario)
Rifugiatosi al Kadie's dopo la morte di Goldie, Marv viene raggiunto da due sicari pagati per ucciderlo, che gli intimano di uscire dal locale. Grazie alla propria forza Marv riesce ad uccidere uno dei due e a ferire l'altro. Torturato, il sicario rivela il nome dell'uomo che li ha ingaggiati. Dopo averlo ringraziato, Marv lo uccide con un colpo di pistola.
  • C'è una fattoria fra North Cross e Lennox. È tutto lì. Scoprilo da solo. E già che ci sei, chiediti se vale la pena di crepare per il cadavere di una donnaccia. (Il Sacerdote)
Nel tentativo di scoprire l'assassino dell'amata Goldie, Marv tortura e uccide chiunque non riesca a dargli informazioni. Con le sue indagini riesce a risalire ad un prete: con la scusa della confessione, Dwight minaccia il sacerdote, chiedendogli informazioni. Quest'ultimo gli rivela un nome, quello dell'influente cardinale Roark, e il luogo dove vengono commessi gli omicidi, per poi chiedergli se pensa che i suo sforzi abbiano davvero un senso. Per tutta risposta, Marv lo uccide con tre colpi di pistola.
  • No, non sparate, vi prego. Sono il suo funzionario di sorveglianza. è svenuto e disarmato: non c'è bisogno di ucciderlo. (Lucille)
Riusciti a scappare dalle grinfie del killer Kevin, Lucille e Marv vengono raggiunti da un gruppo di poliziotti. Sospettoso per il loro troppo tempestivo arrivo, Marv vorrebbe aggredirli, ma Lucille, volendo salvare sia lei che l'amico, lo stende e chiede ai poliziotti di catturarlo, sottolineando come siano entrambi disarmati. Purtroppo l'intuizione di Marv si rivelerà giusta, in quanto i poliziotti sono sicari del cardinale Roark e il loro capo uccide Lucille con una raffica di mitra.
  • Kevin... Si va a casa, andiamo! (Cardinale Roark)
Dopo aver ucciso Kevin, Marv si infiltra nella villa del cardinale Roark. Entrato nella sua stanza, Marv mostra al sacerdote la testa mozzata di Kevin: commosso e con la testa del ragazzo che considerava un figlio tra le mani, Roark rivela di aver sempre protetto Kevin con le sue influenze, e che una volta aveva provato a seguirlo nei suoi atti da cannibale. Dopo aver sentito questo, Marv uccide il criminale in modo lento e doloroso, vendicando Goldie, Lucille e tutte le prostitute uccise.
  • Non sapete fare di meglio, mammolette? (Marv)
Arrestato dalla polizia, Marv viene incarcerato per gli omicidi di Roark e di Kevin, ma anche per quelli di Lucille, Goldie e delle prostitute uccise dai due pazzi. La sera prima della sua esecuzione riceve la visita di Wendy, gemella di Goldie, che per ringraziarlo passa la notte con lui. Il giorno dopo Marv viene mandato sulla sedia elettrica, e nonostante riesca a resistere alla prima scarica, muore sputando sangue e con negli occhi la notte passata con Goldie.
  • Ti ho detto: non ti impicciare! (Jackie Boy)
Inseguiti inconsapevolmente da Dwight McCarthy, il poliziotto Jackie Boy e i suoi amici si recano nella città vecchia, dominio delle prostitute: qui iniziano a importunare la giovane Becky. Tuttavia, quando le provocazioni diventano pesanti interviene Miho, prostituta giapponese che con le sue katane uccide gli amici di Jackie Boy e taglia una mano a quest'ultimo. Per evitare troppi guai, Dwight cerca di intervenire, ma Jackie Boy, stizzito, gli spara contro un colpo: Tuttavia, poiché Miho aveva intasato la canna dell'arma con un bossolo, la pistola si inceppa e il caricatore rimbalza all'indietro, centrando Jackie Boy in piena faccia uccidendolo.
  • Eccoli là: che facciamo? (Dallas)
Mentre porta i cadaveri di Jackie Boy e i suoi amici ai pozzi di catrame, Dwight viene attaccato da un gruppo di mercenari, che ruba la testa di Jackie Boy e lascia Dwight in un pozzo. Il giovane viene fortunatamente salvato dalle prostitute Miho e Dallas, con cui parte all'inseguimento dei sicari. Tuttavia, quando li raggiungono parte immediatamente uno scontro a fuoco e Dallas viene crivellata dai colpi.
  • Hai ucciso i miei. Forse non te l'hanno detto: non dare mai a un irlandese un motivo di vendetta. (Brian)
Mentre cercano la testa rubata di Jackie Boy, Dwight e le prostitute Miho e Dallas raggiungono i sicari che l'hanno presa. Nasce così uno scontro a fuoco, in cui Dallas e la maggior parte dei sicari muoiono e Miho viene messa fuori combattimento da una granata. Dwight cerca nelle fogne il capo dei sicari Brian, possessore della testa, ma viene tramortito da un'esplosione. Brian si prepara a uccidere Dwight con un coltello, ma in quel momento spunta Miho alle sue spalle trafiggendolo.
  • Ehi, ragazzi? (Stuka)
Dopo aver torturato Gale, Manute ordina ad un suo scagnozzo, Stuka, di ucciderla: tuttavia, l'uomo viene trafitto da una freccia al petto. Il braccio destro di Manute Schutz nota un biglietto legato attorno alla freccia:dentro vi è la richiesta di Dwight di scambiare la testa di Jackie Boy per la vita di Gale. Manute, i suoi scagnozzi, Gale e Becky vanno allora all'appuntamento, abbandonando il povero Schutz, che viene presto finito da Miho con un'altra freccia alla testa.
  • Non parlare, o ti impiombo! (Schutz)
Dwight e Miho propongono uno scambio: Manute, braccio destro del criminale Wallenquist desideroso di possedere la testa di Jackie Boy per intimidire la polizia, dovrà riconsegnare alle prostitute Gale, e in cambio avrà la testa. Tuttavia, a trattativa finita la prostituta traditrice Becky nota qualcosa nella bocca di Jackie Boy, e in quel momento Dwight fa scoppiare le granate nascoste nella testa. Approfittando della confusione generata tra gli uomini di Manute, Dwight e le prostitute li massacrano a colpi di mitra: nella strage muore anche Schutz, braccio destro di Manute, che cade addosso a Becky.
  • No, McCarthy, maledetto stronzo! (Manute)
Dwight e Miho propongono uno scambio: Manute, braccio destro del criminale Wallenquist desideroso di possedere la testa di Jackie Boy per intimidire la polizia, dovrà riconsegnare alle prostitute Gale, e in cambio avrà la testa. Tuttavia, a trattativa finita la prostituta traditrice Becky nota qualcosa nella bocca di Jackie Boy, e in quel momento Dwight fa scoppiare le granate nascoste nella testa. Approfittando della confusione generata tra gli uomini di Manute, Dwight e le prostitute li massacrano a colpi di mitra. Per ultimo, Manute viene ucciso da Miho, che lo taglia a metà con le proprie katane.
  • Sta arrivando: farà male! (Il Bastardo Giallo)
Roark Jr, noto come Il Bastardo Giallo, tortura la giovane Nancy per il puro piacere di sentirla urlare. Nancy, istruita da Hartigan, resiste, prolungando così la tortura e dando al poliziotto il tempo di liberarsi. Hartigan attacca così Il Bastardo, ma questo lo atterra e, con profondo piacere, si appresta a scannarlo con un pugnale: Tuttavia, con grande prontezza di riflessi Hartigan pugnala il nemico giurato. Desideroso di vendicarsi, Hartigan strappa i genitali del Bastardo Giallo e lo riempie di pugni, fino ad ucciderlo e a spappolare il cadavere.
  • La vita del vecchio per quella della giovane. Ti amo, Nancy. (Detective John Hartigan)
Ucciso il Bastardo Giallo, Hartigan e Nancy escono nella neve. Qui, dopo un bacio appassionato, Hartigan fa andare via Nancy, promettendole di rivederla al più presto. Tuttavia, l'anziano e disilluso ex poliziotto è perfettamente consapevole che il Senatore Roark, padre del Bastardo, vorrà vendicarsi e che l'unico modo che avrà per arrivare a Nancy sarà lui: per salvare la ragazza, Hartigan si spara alla testa dopo averle dichiarato il suo amore.
  • Ti voglio bene, mamma. (Becky)
Becky, la prostituta che aveva tradito le compagne, si trova in ospedale per via delle ferite riportate nello scontro alla città vecchia. Mentre telefona alla madre, la ragazza sale in ascensore dove si trova un uomo, un uomo che Becky riconosce: è il killer dell'inizio del film, inviato presumibilmente dalle prostitute per vendicarsi. Capendo quello che sta succedendo, Becky dice alla madre di volerle bene, per poi chiudere la telefonata, andando incontro alla morte.

Spider-ManModifica

  • Peter, non dirlo a Harry... (Norman Osborn/Goblin)
Personaggio di Spider-Man (2002). Dopo un feroce scontro, Spider-Man riesce a sconfiggere il suo rivale, Green Goblin. Prima di poterlo sconfiggere definitivamente però il criminale si smaschera, rivelandosi come Norman Osborn, padre del migliore amico di Peter Parker, Harry. Osborn sembra redimersi e chiedere perdono al giovane, ma il suo lato Goblin riprende il sopravvento e aziona il suo aliante, in modo da colpire Spider-Man alle spalle. Peter riesce tuttavia a schifare l'aliante, che centra in pieno Goblin impalandolo:in un ultimo atto di lucidità, Norman chiede a Peter di non rivelare la sua doppia vita a Harry, per poi spirare.
  • Non voglio morire da mostro! (Otto Octavius/Dottor Octopus)
Personaggio di Spider-Man 2 (2004). Arrivato nel luogo in cui il Dottor Octopus sta preparando il suo esperimento, Peter riesce a farlo tornare in se e a riprendere il controllo delle proprie braccia meccaniche. Conscio del suo gesto sconsiderato, il dottore decide di riscattarsi facendo sprofondare la sua base nel fiume Hudson: purtroppo, il suo eroico gesto gli costerà la vita, in quanto annegherà nel fiume travolto dai resti della sua base.
  • Peter, ma che stai facendo?! No! (Eddie Brock/Venom)
Personaggio di Spider-Man 3 (2007). Eddie Brock riferisce queste parole a Peter Parker che ha incastrato e stordito Venom in un cerchio e sta cercando di eliminarlo con una delle bombe del New Goblin. Eddie tuttavia si getta dentro il cerchio nel tentativo di ricongiungersi con Venom e riottenere così il suo potere, pochi attimi dopo la bomba esplode provocando la morte di Eddie con il simbionte.
  • Non fa niente, Peter... tu sei mio amico (Harry Osborn/New Goblin)
Personaggio di Spider-Man 3 (2007). Harry Osborn, dopo essere stato ferito gravemente a morte da Venom, riferisce queste ultime parole a Peter Parker.

Gli spietatiModifica

  • Sto morendo di sete! Dammi un po' d'acqua, Slim, ti prego! Ti prego, Slim! Sto perdendo sangue, Slim! (Davey)
Dopo aver raggiunto il gruppo di cowboy in cui si trovano i due mandriani che hanno sfregiato una prostituta, i cacciatori di taglie William Munny, Ned Logan e Kid Schofield riescono a disarcionare e ferire gravemente uno dei ricercati, Davey, l'unico dei due che era innocente e che aveva provato ad aiutare la prostituta. Tuttavia, non riescono a finirlo e così concedono umanamente ai suoi amici di portargli dell'acqua, per alleviargli le sofferenze. Dopo aver preso l'acqua, il povero Davey spira.
  • No, No, No! (Slim)
Slim, l'ultimo dei due cowboy ricercati, si trova ben nascosto nel proprio ranch. Ad un certo punto deve andare in bagno e, nonostante le proteste del vicesceriffo e dei suoi compagni, rifiuta di andarci con la scorta. Tuttavia, mentre si trova nel bagno, la porta viene improvvisamente aperta dal giovane pistolero Kid Schofield che, seppur riluttante, uccide Slim con tre colpi di pistola, compiendo di fatto il loro primo omicidio.
  • Uh, sissignore... (Skinny Dubois)
Dopo che Little Bill Daggett e i suoi vice hanno ucciso il suo migliore amico Ned Logan, William Munny si reca nel Saloon di Big Whisky, dove si trovano lo sceriffo e i suoi vice, per compiere la propria vendetta. Come prima cosa, Munny chiede chi sia il proprietario del luogo. Tra il silenzio generale, si fa avanti il viscido leccapiedi Skinny Dubois, che dichiara di essere il proprietario. Munny allora gli spara con la pistola Schofield del suo amico Kid, poiché Skinny aveva esposto il cadavere di Ned fuori dal Saloon.
  • Ci vediamo all'inferno, William Munny... (Little Bill Daggett)
Dopo aver ucciso tutti i suoi vice, William Munny si appresta a finire lo sceriffo Little Bill Daggett, rimasto ferito. Lo sceriffo prima cerca di uccidere a tradimento Munny, poi prova a supplicarlo e impietosirlo, infine, rendendosi conto che il cacciatore di taglie lo ucciderà, gli dice sprezzante che lo rivedrà all'inferno. Dopo aver annuito, William fredda Little Bill con un colpo di fucile in piena faccia, vendicando così l'amico Ned Logan, ucciso dal crudele sceriffo.

Il Signore degli AnelliModifica

  • Fuggite, sciocchi! (Gandalf il Grigio)
Personaggio di Il Signore degli Anelli - La Compagnia dell'Anello (2001). Mentre scappa dagli orchi di Moria, la compagnia dell'anello viene attaccata da un gigantesco Balrog, uno degli esseri demoniaci della prima era. I guerrieri riescono ad attraversare il ponte che porta all'uscita, ma Gandalf decide di rimanere indietro per combattere la bestia. Egli riesce, grazie alla propria magia, a scaraventare nel baratro la creatura, ma questa lo afferra e lo trascina sul fondo dell'abisso. Prima di cadere, Gandalf incita i compagni, piangenti per la sua sorte, a fuggire. Gandalf combatterà per tre giorni contro la bestia, e i due si uccideranno a vicenda. Lo stregone tornerà in vita nel secondo capitolo, risuscitato come Gandalf il bianco.
  • Trovate il mezzuomo! Trovate il mezzuomo! (Lurtz)
Personaggio di Il Signore degli Anelli - La Compagnia dell'Anello (2001). La compagnia viene attaccata da un gruppo di possenti Uruk-Hai, capitanati dal campione di Saruman, l'orco Lurtz. Mentre parte del gruppo tiene testa a Gimli, Legolas e Aragorn, un gruppo guidato da Lurtz in persona raggiunge Merry e Pipino. Mentre i suoi uomini portano via i due hobbit, Lurtz si appresta a finire Boromir, già ferito da varie frecce, ma viene raggiunto da Aragorn, con cui ingaggia un duello: pur con molte difficoltà, l'umano riesce a tagliare un braccio all'orco e a trafiggerlo nello stomaco, ma Lurtz, per provocare l'avversario mostrandogli la propria resistenza, spinge la spada ancor più in profondità sorridendo. Stizzito, Aragorn estrae la spada e decapita l'orco, uccidendolo definitivamente.
  • Io ti avrei seguito fratello mio... mio capitano... mio re! (Boromir)
Personaggio di Il Signore degli Anelli - La Compagnia dell'Anello (2001). Durante l'attacco degli Uruk-Hai, Merry e Pipino vengono circondati dagli orchi, e sembra che non abbiano scampo: fortunatamente Boromir, desideroso di riscatto dopo aver aggredito Frodo per via dell'anello, salva i piccoli amici. I tre provano a scappare, ma vengono raggiunti da un altro gruppo, guidato dal capitano Lurtz in persona, che tira una serie di frecce a Boromir. Nonostante la resistenza del guerriero di Gondor, gli orchi riescono a rapire Merry e Pipino. Lurtz rimane indietro per finire Boromir, ma viene attaccato e ucciso da Aragorn. In punto di morte, Boromir si scusa con Aragorn per il torto fatto a Frodo, per poi chiamarlo col suo appellativo di re, prima di spirare.
  • Ritirate le vostre guardie... e io vi dirò dove il vostro destino verrà deciso! Non sarò tenuto prigioniero qui! (Saruman il Bianco)
personaggio di Il Signore degli Anelli - Il ritorno del re (2003). Gandalf, Pipino, Merry, Aragorn, Théoden, Gimli e Barbalbero, giunti alla torre di Saruman, incitano il malvagio stregone ad arrendersi, e quando questi cerca invece di porre resistenza, viene facilmente sconfitto dalla magia di Gandalf. Questi tuttavia impedisce la morte dello stregone, considerandolo comunque un essere superiore, nonostante malvagio. Re Théoden cerca allora di convincere il suo vecchio servo Grima ad unirsi a loro, ma Saruman schiaffeggia il servo, gridandogli che non sarà mai libero. Preso dalla rabbia, Grima pugnala ripetutamente lo stregone: questo cade giù dalla torre e viene impalato da un mulino ad acqua sottostante, che trascina il suo cadavere sott'acqua.
  • Faramir... (Denethor)
Personaggio di Il Signore degli Anelli - Il ritorno del re (2003). Convinto della morte del figlio Faramir, Denethor, il sovraintendente di Gondor, decide di bruciarsi col figlio su una pira. Non badando all'invasione della città, Denethor ed un gruppo di guardie si recano in un'antica sala: qui l'uomo, dopo aver cosparso il proprio corpo e quello di Faramir di combustibile, dà fuoco alla pira in cui si trovano. Fortunatamente, in quel momento irrompono Gandalf e Pipino, che salvano Faramir dalle fiamme. Denethor è furioso, ma nota come il figlio sia ancora vivo, e capisce il proprio errore: tuttavia, in quel momento il suo corpo prende fuoco e, pervaso dal dolore, si butta oltre le mura della città.
  • In ritardo come al solito! Forza, ci aspetta un lungo lavoro, feccia di pirati! (Guritz)
Personaggio di Il Signore degli Anelli - Il ritorno del re (2003). Mentre gli eserciti di Rohan e di Mordor combattono, l'orco Guritz, braccio destro del generale Gothmog, accoglie con un piccolo manipolo di suoi soldati i corsari di Umbar, venuti a combattere Gondor. Tuttavia, dalla nave scendono Aragorn, Gimli e Legolas, che hanno sconfitto i corsari grazie all'aiuto dell'Armata dei morti: questi attaccano e massacrano gli orchi, compreso Guritz.
  • Stupido, nessun uomo può uccidermi! Ora muori! (Re degli Stregoni di Angmar)
Personaggio di Il Signore degli Anelli - Il ritorno del re (2003). Durante la battaglia, i cavalieri di Rohan riescono a prevalere sull'esercito di Moria, quando il diabolico capo dei Nazgul, il Re degli Stregoni di Angmar, attacca re Théoden, uccidendogli il cavallo e ferendolo gravemente. Lo stregone si prepara ad ucciderlo, ma la sua creatura alata viene uccisa da Éowyn, che duella contro il Nazgul. Questi ferisce la ragazza al braccio, dichiarando che nessun uomo può ucciderlo. Tuttavia, il mostro viene ferito da Merry con un colpo al fianco: in quel momento, Éowyn toglie il proprio elmo, rivelando di essere una donna, e uccide il Re Stregone con un colpo alla testa.
  • Éowyn... il mio corpo è spezzato. Devi lasciarmi andare. Vado dai miei Padri... nella cui gloriosa compagnia... ora non dovrò più vergognarmi. Éowyn... (Théoden)
Personaggio di Il Signore degli Anelli - Il ritorno del re (2003). Mentre Éowyn, che ha appena ucciso il Re degli Stregoni di Angmar, lo assiste, il re moribondo Théoden, rimasto sotto al corpo del suo cavallo ucciso, dichiara di essere pronto alla morte e chiede alla nipote di lasciarlo andare. Detto questo, il valoroso re spira.
  • E chi è costui?! L'erede di Isildur!...Per fare un re non basta una lama elfica spezzata! (Bocca di Sauron)
Personaggio di Il Signore degli Anelli - Il ritorno del re (2003). L'ambasciatore di Mordor, che aveva appena fatto credere al resto della Compagnia che Frodo fosse stato torturato e ucciso mostrando loro anche la cotta di mithril dell'hobbit, vedendo Aragorn avvicinarsi pronuncia queste parole appena prima che l'uomo, furente, lo decapiti.
  • Sìììì! Sìììì! Tessoro! Tessoro! Tessoro! Tessoro! Tessoro! Tesssoro! (Gollum)
Personaggio di Il Signore degli Anelli - Il ritorno del re (2003). La perfida creatura Gollum, ossessionato come sempre di prendere il suo tesoro, l'Unico Anello, staccandogli il dito di Frodo con un morso, pronuncia queste folli parole di avere l'anello, poco prima di precipitare nel fiume di lava del Monte Fato da Sam, provocando la sua morte, insieme all'Unico Anello.
  • Sarò sconfitto! (Grande Goblin)
Personaggio de Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato (2012). I nani di Thorin e Gandalf riescono miracolosamente a raggiungere l'uscita dalle caverne dei perfidi Goblin. Tuttavia, in quel momento sbuca davanti a loro il Grande Goblin in persona, che gli sbarra la strada. Sfortunatamente per lui, dopo un veloce scambio di colpi lo stregone riesce a ferire gravemente la creatura. Constata la propria dipartita, il Grande Goblin viene ucciso da Gandalf, che gli taglia la gola.
  • Chi sei tu, che osi metterti contro di me?! Questo sì che è un peccato. Che cosa farai ora, Uomo dell'Arco? Ormai sei abbandonato. Nessuno aiuto arriverà. Mmh. Quello è tuo figlio? Non puoi salvarlo dalle fiamme, lui brucerà! Dimmi, scellerato, come farai ora a sfidarmi? Non ti resta altro che la... Morte! (Smaug)
Le ultime parole del malvagio drago Smaug, pronunciate all'inizio de Lo Hobbit - La battaglia delle cinque armate (2014), sono rivolte a Bard l'Arciere nel tentativo di eliminarlo con suo figlio, prima di venire ucciso agonizzante dall'arciere nel Pontelagolungo.
  • Addio mastro scassinatore. Torna ai tuoi libri e alla tua poltrona. Pianta i tuoi alberi, guardali crescere. Se più persone considerassero la casa prima dell'oro il mondo sarebbe un posto più felice. (Thorin Scudodiquercia)
Le ultime parole del possente nano Thorin Scudodiquercia, pronunciate alla fine de Lo Hobbit - La battaglia delle cinque armate (2014), sono rivolte a Bilbo Baggins, per essere ferito a morte dopo aver affrontato e ucciso il feroce orco Azog.

Star TrekModifica

  • Il suo... Il suo è l'intelletto superiore... (Joachim)
Personaggio di Star Trek II - L'ira di Khan (1982). Joachim rivolge queste ultime parole al suo padrone Khan prima di morire tra le sue braccia.
  • No, non riuscirai a sfuggirmi! Anche dal cuore dell'inferno riuscirò ad annientarti! In nome dell'odio io sputo il mio ultimo respiro su di te! (Khan Noonien Singh)
Personaggio di Star Trek II - L'ira di Khan (1982). Khan rivolge queste parole al suo odiato nemico, capitano James T. Kirk prima di morire insieme al suo equipaggio nell'esplosione della sua nave, la Reliant.
  • Mi dispiace, signore, ma non dovete arrendervi, il pianeta Genesis è stato un fallimento e non credo che ci uccideranno per questo. (David Marcus)
Personaggio di Star Trek III - Alla ricerca di Spock (1984). David Marcus rivolge queste parole a suo padre, capitano James T. Kirk, prima di venire ucciso da uno dei klingon.
  • L'unica cosa è in funzione... (Torg)
Personaggio di Star Trek III - Alla ricerca di Spock (1984). Mentre si sono infiltrati dentro nell'Enterprise, l'ufficiale klingon Torg pronuncia queste parole al comandante Kruge poco dopo di morire dall'esplosione della flotta stellare, insieme con gli alcuni soldati klingon, che si sono infischiati nella trappola mortale.
  • Voglio il pianeta Genesis!!! (Kruge)
Personaggio di Star Trek III - Alla ricerca di Spock (1984). Il comandante klingon Kruge rivolge queste ultime parole al capitano James T. Kirk prima di essere ucciso da quest'ultimo in un violento scontro.
  • Non lasci che finisca in questo modo, capitano! (Gorkon)
Personaggio di Star Trek VI - Rotta verso l'ignoto (1991). Il cancelliere klingon Gorkon rivolge queste parole al capitano James T. Kirk prima di venire ucciso dai misteriosi assaltatori.
  • Lo uccida! È lui Kirk! (Martia)
Personaggio di Star Trek VI - Rotta verso l'ignoto (1991) Martia, con l'aspetto di Kirk, rivolge queste parole alla guardia carceraria klingon di uccidere li vicino, il vero capitano James T. Kirk, ma purtroppo viene uccisa lei stessa.
  • Essere o non essere? (Chang)
Personaggio di Star Trek VI - Rotta verso l'ignoto (1991). Il generale klingon Chang dice queste ultime parole prima di morire insieme al suo equipaggio a causa dell'esplosione dello Sparviero Klingon, causata dalle astronavi Enterprise ed Excelsior.
  • Picard! Sta lontano da quella rampa! Via! (Tolian Soran)
Personaggio di Star Trek - Generazioni (1994). Il folle dottor Tolian Soran rivolge queste ultime parole al capitano Jean-Luc Picard poco prima di morire a causa dell'esplosione del suo stesso lanciarazzi.
  • È il minimo che potessi fare... per il capitano dell'Enterprise. È stato... divertente. Addio. (James T. Kirk)
Personaggio di Star Trek - Generazioni (1994). Il capitano James T. Kirk riferisce le sue ultime parole al capitano Jean-Luc Picard prima di cadere in un buco nero insieme all'equipaggio dell'Enterprise.
  • Guarda, la fine del tuo futuro. Data! (Regina Borg)
Personaggio di Star Trek - Primo contatto (1996).
  • Maledetto! (Ahdar Ru'afo)
Personaggio di Star Trek - L'insurrezione (1998). Ahdar Ru'afo rivolge quest'ultima parola al capitano Jean-Luc Picard poco prima di morire nell'esplosione.
  • Sono felice che siamo insieme. Il nostro destino è compiuto. (Shinzon)
Personaggio di Star Trek - La nemesi (2002). Il pretore Shinzon rivolge queste ultime parole al capitano Jean-Luc Picard poco prima di venire ucciso da quest'ultimo.
  • Addio... (Data)
Personaggio di Star Trek - La nemesi (2002). Data rivolge quest'ultima parola al capitano Jean-Luc Picard poco prima di morire dall'esplosione dello Scimitar, sacrificandosi di salvare Picard e il suo equipaggio.
  • Data stellare?! ...2233.04, da dove venite? (Robau)
Personaggio di Star Trek (2009). Robau riferisce queste ultime parole prima di essere ucciso furiosamente dal capitano Nero.
  • Ti amo tantissimo... Ti amo! (George S. Kirk)
Personaggio di Star Trek (2009). George S. Kirk riferisce queste parole a sua moglie Winona prima di morire nella distruzione della sua nave, la Kelvin, provocata dal capitano Nero.
  • Non riesci nemmeno a parlare! Che dici? (Ayel)
Personaggio di Star Trek (2009). Ayel pronuncia queste parole prima di essere ucciso dal giovane capitano James T. Kirk.
  • Io preferirei rivivere la fine di Romulus migliaia di volte! Preferirei morire in agonia piuttosto che accettare il vostro aiuto! (Nero)
Personaggio di Star Trek (2009). Il capitano romulano Nero riferisce queste ultime parole al giovane capitano James T. Kirk rifiutando così l'aiuto dell'Enterprise. Pochi secondi dopo, Kirk ordina al suo equipaggio di distruggere la Narada, la nave romulana, provocando la morte di Nero e del suo intero equipaggio.
  • Non può fermarlo... Anche lei morirà! (Balthazar M. Edison/Krall)
Personaggio di Star Trek Beyond (2016). Balthazar M. Edison, alias Krall, il leader dello sciame, dopo aver rivolto queste parole al giovane capitano James T. Kirk, viene gettato nello spazio aperto da quest'ultimo che lo stava tentando inutilmente di ucciderlo con un pezzo di vetro.

SuburraModifica

  Per approfondire, vedi: Ultime parole da Suburra.

Taxi DriverModifica

  • Tira fuori i quattrini! (Rapinatore)
Dopo essersi preparato duramente per uccidere il senatore Palantine, Travis Bickle va una sera in un piccolo spaccio di cui è cliente abituale. Mentre fa acquisti, un rapinatore entra nel negozio e minaccia il proprietario chiedendo soldi. Travis intanto gli si avvicina di soppiatto e, attirando la sua attenzione, lo uccide freddamente con un colpo di 44 Magnum in pieno petto.
  • Ma vatti a far fottere! Vattene, stronzo! (Matthew "Sport")
Dopo il fallito attentato al senatore Palantine, Travis, ormai impazzito del tutto, decide di farla finita e si reca nello stabile dove alloggia Iris, la piccola prostituta con cui aveva fatto amicizia. Qui il ragazzo viene fermato da Matthew "Sport", il pappone della ragazzina, ma Travis lo ferma sparandogli allo stomaco. Entrato nel palazzo, Travis distrugge con un colpo di Magnum la mano dell'affittacamere, ma viene ferito al collo da Sport, ferito ma ancora vivo: come se nulla fosse, Travis si volta e uccide definitivamente Sport con un colpo alla faccia.
  • Pazzo figlio di puttana! Fottuto figlio di puttana! Io t'ammazzo, t'ammazzo, t'ammazzo, t'ammazzo! Maledetto figlio di puttana! T'ammazzo, t'ammazzo! Porco schifoso! Bastardo fottuto! T'ammazzo, t'ammazzo, brutto pazzo figlio di puttana! T'ammazzo, t'ammazzo, t'ammazzo, t'ammazzo...! AHHH! (Affittacamere)
Dopo aver ucciso Sport, Travis viene attaccato dal gangster cliente di Iris, che lo ferisce al fianco. Travis lo uccide prontamente con una violenta scarica di colpi, per poi recarsi nella stanza della piccola prostituta. Qui però viene attaccato dall'affittacamere, che lotta con lui per prendergli la pistola di mano. Con prontezza Travis pianta il proprio coltello nella mano rimasta all'uomo, riprendendo la pistola: nonostante le suppliche di Iris, Travis finisce l'Affittacamere con un colpo di pistola alla testa.

TerminatorModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Oggi chiudo presto, allora. Per le pistole bisogna aspettare 15 giorni, ma i fucili può prenderli subito. Questo non deve farlo. (Proprietario dell'armeria)
In Terminator (1984), diverse ore dopo essere arrivato nel presente, il Terminator va a rifornirsi in un'armeria. Alla fine della sua visita, il Terminator carica una cartuccia di fucile a pompa, e con quella uccide il proprietario, accortosi solo dopo di ciò che stava per compiere.
  • Non mi costringere a picchiarti! (Matt Buchanan)
In Terminator (1984), il fidanzato di Ginger, amica di Sarah Connor, evita per poco un pugno del Terminator che aveva fatto irruzione dalla finestra in camera da letto; alla minaccia di Matt di reagire contro di lui, il Terminator ingaggia un violento scontro corpo a corpo, uccidendolo
  • Senta, ci vorrà un bel pezzo. Se vuole aspettare c'è una panca laggiù. (Poliziotto)
In Terminator (1984), un poliziotto appostato dietro al bancone all'ingresso della stazione di polizia suggerisce al Terminator, venuto a cercare Sarah, di attendere fino a quando non avrebbe rilasciato dichiarazioni. In risposta il Terminator, dopo avergli detto che sarebbe tornato, esce e sfonda poi l'ingresso per mezzo di un'auto, uccidendolo.
  • Scappa... corri! Avanti, figlio di puttana! (Kyle Reese)
Verso la fine di Terminator (1984), nella fabbrica, Kyle esorta Sarah a fuggire mentre sta affrontando il Terminator, a cui poi mette una delle sue bombe nell'addome, che però lo uccide, distruggendo così in parte il Terminator.
  • Non so... per quanto tempo ancora... lo posso reggere! (Myles Dyson)
In Terminator 2 - Il giorno del giudizio (1991), Myles Dyson, alla fine dell'intervento della polizia alla sua stessa azienda, si ritrova improvvisamente circondato da alcuni poliziotti nella stanza in cui si trova. Appena dopo aver detto queste parole, muore azionando il comando a distanza che fa brillare le diverse cariche esplosive poste nelle sue vicinanze.
  • Tesoro? Sei rientrata? (Scott Mason)
In Terminator 3 - Le macchine ribelli (2003), Scott, svegliatosi a casa sua poco tempo dopo il primo scontro tra il Terminator e T-X, aspetta di ritrovarsi la sua fidanzata Kate Brewster, ritrovandosi invece T-X, che lo uccide.
  • Ho scoperchiato il vaso di Pandora. (Robert Brewster)
In Terminator 3 - Le macchine ribelli (2003), dopo essere stato ferito a morte da un colpo di pistola del T-X, che lo ha ingannato, il generale Robert Brewster pronuncia queste ultime parole alla figlia Kate poco dopo di morire, riferendosi all'attivazione dello Skynet.

TransformersModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Non sarete voi a governare questo pianeta: The Fallen sta per risorgere! (Demolishor)
Personaggio di Transformers - La vendetta del caduto (2009).
  • Muori come i tuoi fratelli! (Megatronus Prime/The Fallen)
Personaggio di Transformers - La vendetta del caduto (2009).
  • Che cosa hai fatto?! (Ironhide)
Personaggio di Transformers 3 (2011).
  • Ho salvato un'altro mondo! Ti credi un eroe, eh? Ti credi un eroe?! (Dylan Gould)
Personaggio di Transformers 3 (2011).
  • Nooo Optimus!!! (Sentinel Prime)
Personaggio di Transformers 3 (2011).
  • Per diventare uomo ci vuole pazienza. La pazienza di osservare e aspettare, di proteggerci tutti, in silenzio... per Dio e per la Patria, senza che dica grazie a nessuno! Non ci sono buoni alieni o cattivi alieni, Yeager! Ci siamo noi e loro. E tu hai scelto loro! (Harold Attinger)
Personaggio di Transformers 4 - L'era dell'estinzione (2014).
  • Se vedi la mia faccia e hai finito vivere! (Lockdown)
Personaggio di Transformers 4 - L'era dell'estinzione (2014).

X-MenModifica

  • Voi buoni non morite mai?! (Toad)
Personaggio della saga degli X-Men. Le ultime parole di Toad, sono pronunciate in X-Men (2000), sono rivolte a Tempesta poco prima di venire uccisa quest'ultima.
  • Mi devi un urlo. (Victor Creed/Sabretooth)
Personaggio della saga degli X-Men. Le ultime parole, pronunciate in X-Men (2000), creduto che il suo fratellastro Wolverine fosse morto, quando stava per uccidere Tempesta, che però viene raggiunto dallo stesso Wolverine che lui gli da i raggi al Ciclope, controllato telepaticamente da Jean Grey che colpisce a morte il feroce Sabretooth.
  • Un giorno qualcuno completerà ciò che hai iniziato, Wolverine! Un giorno! Un giorno!!! (William Striker)
Personaggio della saga degli X-Men. Le ultime parole, pronunciate in X-Men 2 (2003), quando stava tentando di scappare con un elicottero, credendo forse di averli sconfitti, ma viene prima fermato da Wolverine e dall'altra parte legata da Magneto, per poi morire affogato, durante la distruzione della diga.
  • Aiutami... salvami... (Jean Grey)
Personaggio della saga degli X-Men. Le ultime parole, pronunciate nello scontro finale di X-Men - Conflitto finale (2006), sono rivolte a Logan/Wolverine, poco dopo che quest'ultimo si era dichiarato a lei. Dopo queste parole Wolverine trafigge Fenice con i suoi artigli, uccidendola, in modo da liberarla dai poteri che ormai non riusciva più a controllare.
  • Posso chiederti una cosa? Perché stai dalla loro parte? Perché combattere per una razza condannata che ci darà la caccia quando capirà che il suo regno è finito? Mi dispiace per quanto è accaduto nel campo, dico davvero. Ma tutto ciò che ho fatto... L'ho fatto per te. Per liberare il tuo potere. Perché tu lo accettassi. Hai fatto tanta strada da quel cancello divelto, sono molto fiero di te! ...E hai solo cominciato a grattare la superficie. Pensa a come potremo andare... Più a fondo, insieme. Non voglio farti del male, Erik. Non ho mai voluto. Ti voglio aiutare! Questo è il nostro momento, la nostra era... Noi siamo il futuro della razza umana! Tu ed io, figliolo! Questo mondo potrebbe essere nostro. (Sebastian Shaw)
Durante la resa dei conti del film X-Men - L'inizio (2011), Sebastian Shaw, con queste ultime parole, cerca di convincere a Magneto di unirsi a lui, ma il giovane mutante padrone del magnetismo rifiuta spietatamente, lo immobilizza e poi lo uccide telepaticamente con una moneta sulla fronte, vendicando la morte dei suoi genitori, durante nella seconda guerra mondiale, nonostante i tentativi di dissuasione da parte del giovane Professor Charles Xavier.
  • Adesso muori! (Viper)
Personaggio di Wolverine - L'immortale (2013). Le ultime parole di Ophelia Sarkissian, alias Viper, sono rivolte a Yukio poco prima di venire uccisa.
  • Mariko. Sono io... il tuo amato nonno. (Silver Samurai)
Personaggio di Wolverine - L'immortale (2013). Le ultime parole di Ichirō Yashida, alias Silver Samurai, pronunciate poco prima di essere ucciso, sono rivolte a Mariko, che lo trafigge con la spada per salvare Logan/Wolverne.
  • Come mi chiamo? (Ajax)
Personaggio di Deadpool (2016). Deadpool ha ormai sconfitto Francis Freeman, alias Ajax e, puntandogli una pistola alla testa, gli chiede quali siano le sue ultime parole. Ajax quindi pronuncia queste parole, più volte ripetute nel corso del film. Poco dopo Deadpool uccide Ajax sparandogli in testa, nonostante i tentativi di dissuasione da parte di Colosso.
  • Tutto è rivelato. (Apocalisse)
Durante il nono film degli X-Men. Le ultime parole del malvagio Apocalisse, sono pronunciate in X-Men - Apocalisse (2016), poco prima di essere sconfitto e incenerito dalla giovane Jean Grey (ossia la Fenice), aiutata da Tempesta, Ciclope e Magneto, oltre che all'intervento del giovane Professor Charles Xavier.
  • Sai, Logan... È stata senza dubbio la notte più perfetta che abbia passato da tantissimo tempo... Ma non la merito! Ho fatto... Ho fatto qualcosa di qualificabile... Mi sono ricordato cosa è successo a Westchster... Non era la prima volta che facevo del male, fino ad oggi non lo sapevo! Tu non me lo avevi detto... Così noi abbiamo evitato di parlarne... Credo finalmente di capirti, adesso... Logan? (Charles Xavier/Professor X)
Personaggio della saga di X-Men. Le ultime parole, pronunciate in Logan - The Wolverine (2017), sono rivolte a Logan. Tuttavia l'interlocutore è in realtà X-24, il perfido clone di Logan, che uccide Xavier trafiggendogli il cuore con i suoi artigli.
  • Attento alla luce. (Calibano)
Personaggio di Logan - The Wolverine (2017). Calibano, tenuto prigioniero dai Reavers, decide di uccidersi facendosi esplodere con una granata rubata in precedenza, creando un diversivo per Logan e compagni. Le parole sono riferite ad un dialogo che Calibano aveva avuto in precedenza con Donald Pierce, il capo dei Reavers.
  • Precisamente. (Zander Rice)
Personaggio di Logan - The Wolverine (2017). Il dottor Zander Rice riferisce questa parola a Wolverine prima di essere ucciso a sorpresa da quest'ultimo con una pistola.
  • Vi prego... vi prego...! (Donald Pierce)
Personaggio di Logan - The Wolverine (2017). Dopo un passo per l'uccisione di Logan, le ultime parole di Donald Pierce sono rivolte ai bambini mutanti, che lo uccidono con i loro poteri senza minima pietà.
  • Ecco... È questo che si prova... (Logan/Wolverine)
Personaggio di Logan - The Wolverine (2017). Le ultime parole di Wolverine sono rivolte a Laura Kinney, alias X-23, poco dopo di essere trafitto a morte da X-24.

NoteModifica

  1. Cfr. Blue Room.