Apri il menu principale

Il talento di Mr. Ripley

film del 1999 diretto da Anthony Minghella

Il talento di Mr. Ripley

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

The Talented Mr. Ripley

Lingua originale inglese
Paese USA
Anno 1999
Genere drammatico, thriller
Regia Anthony Minghella
Soggetto Patricia Highsmith
Sceneggiatura Anthony Minghella
Produttore Sydney Pollack, Saul Zaentz, William Horberg
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il talento di Mr. Ripley, film statunitense del 1999 con Matt Damon, regia di Anthony Minghella.

FrasiModifica

  • Qualunque cosa tu faccia, la più terribile, la più dolorosa, per te ha un senso, no? Nella tua testa... Nessuno può pensare veramente di essere un mostro. [...] Forse prendi il passato e lo metti in una stanza, lo metti in cantina. Chiudi bene a chiave e non ci torni più. Io faccio così. [...] Poi incontri una persona speciale e vorresti soltanto consegnargli la chiave. E dirgli: "Apri, dai. Entra!". Ma non puoi farlo. Perché è buio lì. Pieno di demoni. E se qualcuno vedesse come è brutto lì dentro. [...] Io lo desidero, sai? Spalancare la porta per... sì, ripulire la stanza, far entrare la luce. Vorrei una gigantesca gomma da cancellare e cancellare tutto. Cominciando da me stesso. (Tom)

DialoghiModifica

  • Tom: Dickie e Peter insieme, ti immagini le chiacchiere?
    Peter: O Tom e Peter magari...
    Tom: Ancora peggio, molto peggio figurati!
    Peter: Sì, perché? Non capisco, mi sono perduto.
    Tom: Lo so, mi dispiace Peter! Io sono perduto. E rimarrò chiuso in cantina per sempre, è così? Vero? Questa è la mia... Un luogo orrendo e oscuro, desolato... Quante bugie... Su chi sono io veramente! Su dove sono... E... E nessuno riuscirà mai a trovarmi.
    Peter: Cosa vuol dire che hai mentito su chi sei?
    Tom: Ho sempre creduto molto meglio essere in un falso qualcuno che un'autentica nullità!
    Peter: Ma cosa dici? È l'ultima cosa che si può dire di te, un'autentica nullità!
    Tom: Peter, dimmi qualcosa di bello su Tom Ripley. [Peter è disteso sul letto a pancia in giù e Tom lo raggiunge, mettendosi accanto a lui] No, resta lì! Resta lì non ti alzare! Dimmi qualcosa di bello su Tom Ripley!
    Peter: Qualcosa di bello su Tom Ripley... Be', ci devo pensare un po'! Tom è pieno di talento. Tom è dolce. Tom è bellissimo.
    Tom: [Accennando quasi un pianto] Che bugiardo che sei...
    Peter [ultime parole]: Tom è un mistero. Tom non è una nullità. Tom ha dei segreti che non vuole dirmi e vorrei mi dicesse. Tom ha degli incubi. Questa non è una cosa bella... Tom ha qualcuno che lo ama. Questa sì, è una cosa bella! Mh... Tom mi stringe, mi soffoca... Tom, così mi soffochi! Tom!! [I due non sono più inquadrati, ma si intuisce chiaramente che Tom, piangendo, ha strangolato Peter]

Altri progettiModifica