Apri il menu principale

Ultime parole da Dragon Ball

Raccolta delle ultime parole pronunciate in punto di morte dai personaggi dell'anime Dragon Ball e delle opere ad essa correlate.

SerieModifica

Dragon BallModifica

Saga del giovane GokuModifica

  • Illuso! (Pterodattilo)
Incontrata la giovane Bulma, che dà la caccia alle potenti sfere del drago, capaci di esaudire i desideri, il giovane Son Goku stringe un patto con lei: egli le presterà la sua sfera, seguendola nelle sue avventure. Dopo poco tempo dalla partenza, Bulma viene rapita da uno pterodattilo, che lega Goku ad un albero: ricevuta conferma che il mostro non sia un amico della ragazza, il piccolo guerriero si libera e parte all'inseguimento. Lanciandosi con la moto di Bulma da un dirupo, il giovane non riesce tuttavia a raggiungere Bulma e il dinosauro: soddisfatto, lo pterodattilo lo deride, ma Goku, utilizzando il bastone speciale di suo nonno Gohan, lo colpisce alla testa rompendogliela.
  • Ti credi tanto furbo, eh? (Bandito orso)
Dopo pochi giorni di viaggio, Bulma e Goku incontrano una tartaruga, animale e domestico del famoso Genio delle Tartarughe, grande guerriero: essa dichiara di essersi persa mentre andava a funghi e chiede ai due di riportarla al mare. I due accettano, ma lungo il tragitto incontrano un sinistro figuro: si tratta di un gigantesco orso armato di scimitarra, che si dichiara particolarmente ghiotto di tartarughe. Mentre Bulma è particolarmente propensa a dargli la tartaruga per avere salva la vita, Goku non ci sta e decide di affrontarlo: sicuro di se, l'orso prova a colpirlo con la scimitarra, ma Goku è più veloce e riesce a mandarlo al tappeto con un singolo pugno sulla fronte.

Saga del Fiocco RossoModifica

  • Ti farò a pezzettini! (Sergente Metallic)
Alla ricerca delle sfere del drago, Goku ha diversi scontri con l'organizzazione criminale Fiocco Rosso: arrivato nei paesi del nord, egli scopre che i criminali tengono in ostaggio il sindaco del locale villaggio nella Muscle Tower, obbligando gli uomini del villaggio a cercare la sfera del drago nascosta nella zona. Dopo alcuni scagnozzi, Goku affronta il muscoloso e taciturno sergente Metallic, che si rivela un osso duro e lo costringe ad usare una potente Onda Energetica: pur avendo perso la testa, Metallic continua a combattere, rivelando di essere un robot. Ormai allo stremo, Goku rischia di soccombere, quando inaspettatamente Metallic esaurisce le batterie, spegnendosi e concludendo lo scontro.
  • Devi stare fermo! Non osare fare un'altro passo! Fa quello che ti ho ordinato! Oh, no: l'arma è scarica! (Generale White)
Dopo aver affrontato, insieme all'onesto androide 8, il sergente ninja Murasaki, Goku arriva nell'ufficio del Generale White, in cui è imprigionato il sindaco: non volendo affrontarli, il perfido gerarca fa finire il giovane e l'androide nel piano sottostante, in cui è imprigionato il mostro Sproing. Grazie alla propria astuzia, Goku riesce a sconfiggere l'avversario e a tornare al piano superiore insieme all'androide 8: apparentemente arrendevole, White decide di liberare il sindaco. Approfittando della distrazione degli avversari il generale punta alla tempia del sindaco la Power Gun, una potentissima pistola: non potendo reagire per non mettere in pericolo il vecchio sindaco, Goku viene colpito dai potenti proiettili dell'arma, venendo ferito gravemente. Sconvolto per quanto successo a quello che ormai considera il suo migliore amico, l'androide 8 si infuria e si scaglia contro White: terrorizzato, il generale prova a sparargli contro, ma l'arma è ormai scarica e così White viene colpito da un potente pugno dell'androide, che lo scaglia lontano dalla torre.
  • Me la pagherai, ragazzino! La prossima volta non la passerai liscia, parola di Murasaki! Eh? No! (Sergente Ninja Murasaki)
Una volta sconfitte le armate locali del Fiocco Rosso, Goku e la bambina che ha conosciuto nel villaggio, la piccola Sara, decidono di aiutare androide 8, ormai ribattezzato Ottavio: trovato il dottore che l'ha costruito, essi gli chiedono di rimuovere l'esplosivo celato all'interno dell'androide per l'autodistruzione. Durante l'operazione il sergente ninja Murasaki torna alla carica, ricattando il dottore e costringendolo a rubare le sfere: Goku tuttavia si butta al suo inseguimento e, recuperate le sfere, lo scaglia lontano con un'onda energetica. Dopo una delicata operazione, la bomba viene quindi rimossa: andandosene con Ottavio e Sara, Goku lancia via l'esplosivo, reputandolo pericoloso. In quel momento Murasaki, sopravvissuto all'Onda Energetica, medita vendetta per la sconfitta subita: in quel momento però l'esplosivo lanciato da Goku gli finisce in faccia, uccidendolo all'istante.
  • Eh? Che cosa stai dicendo? (Capitano Dark)
Dopo la disfatta del generale White, il governatore Red, leader supremo del Fiocco Rosso, e il suo braccio destro, il segretario Black, ordinano al Generale Blu, impegnato nella ricerca di una delle sfere, di sistemare il giovane. Il generale escogita un'astuto piano: mentre lui inseguirà Goku, Bulma e il loro amico Crili mentre cercano la sfera il suo sottoposto, il capitano Dark, attaccherà con il grosso dell'esercito la base del gruppo, ovvero la casa del Genio delle Tartarughe, maestro di Goku e Crili. Sbarcati sull'isola, il capitano e i suoi sgherri minacciano il Genio, convinti che sia l'inventore del Dragon Radar: l'anziano maestro tuttavia non è impressionato dalla minaccia e, dichiarandosi pronto a combattere, stende Dark con un solo fendente al petto, per poi massacrare i suoi uomini.
  • Un'onda? E cosa dovrei farmene io? (Polpo)
Scoperto che una delle sfere si trova nel covo di una banda di pirati, Goku, Bulma e Crili decidono di esplorarlo per trovarne il tesoro: superate alcune trappole, vengono tuttavia attaccati da un robot, lasciato di guardia dai pirati. Mentre Goku sconfigge il mostro, Bulma e Crili proseguono per il covo, lasciandosi dietro tracce per indicare la strada dell'amico: alle loro calcagna vi è però il generale Blu, che modifica le indicazioni per depistare Goku. Il giovane guerriero cade nella sua trappola e finisce nella caverna di un polpo gigante: la creatura, dopo averlo sbatacchiato per bene, fa per mangiarlo, ma Goku riesce a colpirlo con un'Onda Energetica alla testa.
  • Oh, no! Tu devi essere Goku, giusto?! (Capitano Yellow)
Dopo aver sconfitto Blu, Goku si reca nella terra di Balzar, in cui è collocata un'altra sfera: questa terra, abitata dal pacifico indiano Bora e suo figlio Upa, è da tempo attaccata dal Fiocco Rosso. All'ennesimo attacco, il possente Bora riesce a massacrare tutti i soldati, lasciando vivo solo il loro capo, il capitano Yellow: telefonando al Governatore Red, egli apprende che se fallirà verrà fatto assassinare. Il subdolo capitano elabora allora un piano: preso il proprio aereo, Yellow rapisce Upa e ricatta Bora, chiedendo la sfera in cambio del bambino. In questo frangente di stallo arriva Goku, che riconosce sull'aeroplano il simbolo del Fiocco Rosso: salito sull'aereo, il giovane guerriero tira un pugno allo sconvolto Yellow, che cade dall'aereo precipitando al suolo.
  • Oh, no... Non è possibile! (Generale Blu)
Riuscito a rubare le sfere raccolte da Goku e dai suoi amici, Blu le perde scontrandosi col piccolo guerriero e con la robottina Arale: tornato alla base, egli trova il governatore Red e il segretario Black, che stanno assoldando il temibile sicario Tai Pai per uccidere il ragazzino, ritenuto un'ostacolo ormai troppo grande. Red è profondamente deluso dal suo sottoposto e vorrebbe giustiziarlo, ma Black gli suggerisce un duello tra Blu e il sicario: in questo modo, potranno testare le abilità del sicario. Convinto della propria vittoria, il generale accetta la sfida e deride Tai Pai, che vuole combattere con la sola lingua: il sicario tuttavia è estremamente più veloce e abile di Blu, e riesce ad ucciderlo pugnalandolo con la lingua alla tempia, sotto gli occhi sconvolti di Red e Black.
  • Coraggio, fatti sotto! (Bora)
Dopo il salvataggio di Upa, Bora decide di dare a Goku per gratitudine la sfera del drago in suo possesso: in quel momento arriva però alla terra di Balzar Tai Pai, deciso ad uccidere il bambino e a recuperare le sfere. Goku vorrebbe sfidarlo, ma Bora decide di attaccarlo per primo, dovendo difendere sempre la terra: dichiarandosi dispiaciuto perché non è presente nel contratto, Tai Pai afferra rapidamente la lancia di Bora, bloccando il suo attacco. Lanciandolo in aria, il killer gli scaglia contro la lancia: nonostante Goku provi a fermare l'attacco, Bora viene colpito al petto dalla lancia, morendo sotto gli occhi di Upa. Bora verrà in seguito resuscitato con le sfere del drago.
  • No, no, no! Ma io non voglio i suoi servigi! Non voglio che elimini qualcuno per me! (Sarto)
Dopo lo scontro contro Goku, Tai Pai riesce ad uscirne vittorioso, uccidendo apparentemente il giovane: recandosi alla base del Fiocco Rosso, il killer decide di fermarsi da un sarto, in quanto il suo abito è andato distrutto nello scontro. Dopo pochi giorni, l'abito è pronto e il killer, informato da Red sul fatto che a dimenticato una delle sfere, è pronto per andare a riprenderla alla terra di Balzar. Prima che possa partire, il sarto chiede umilmente di essere pagato: stizzito, Tai Pai decide di pagarlo uccidendo una persona a sua scelta. Sconvolto, l'onesto sarto rivela di non avere nemici da vedere morti: Tai Pai decide allora di uccidere il sarto in persona, colpendolo alla tempia con un dito.
  • Non ti permettere! Hai dimenticato a chi ti stai rivolgendo?! Io sono il governatore Red, e posso fare tutto quello che voglio! I miei uomini hanno l'obbligo di obbedire agli ordini che impartisco, e non hanno diritto di discuterli! Questo vale anche per te, chiaro?! (Governatore Red)
Dopo aver sconfitto Tai Pai grazie agli allenamenti del maestro Balzar, Goku decide di chiudere i tutti i conti, dando l'assalto alla base del Fiocco Rosso: terrorizzati, Red e Black gli inviano contro tutti i loro soldati, che però vengono massacrati malamente. Con Black che gli suggerisce la resa, il governatore si dispera per non aver potuto realizzare il suo desiderio: poter diventare più alto. Alle domande del segretario, sconvolto per una motivazione tanto stupida che ha portato alla morte di molti uomini, Red dichiara stizzito che i suoi sottoposti sono obbligati ad obbedire a qualsiasi suo capriccio: profondamente deluso dal suo capo, Black gli spara in testa, decidendo di diventare il nuovo leader del Fiocco Rosso.
  • Oh, no! La mia armatura! L'ha distrutta! (Segretario Black)
Dopo la morte di Red, Goku arriva nella stanza di Black, avendo ormai sterminato tutto il suo esercito. Sinceramente ammirato della forza del giovane, Black gli propone di passare dalla sua parte, aiutandolo a riorganizzare il Fiocco Rosso: puro di cuore, Goku rifiuta sprezzante l'offerta. Deluso, Black prova ad attaccarlo con le sue sole forze, ma viene rapidamente sottomesso: il nuovo capo del Fiocco Rosso decide allora di utilizzare un potente robot da guerra. Anche con questo però lo scontro è impari e Black prova a scagliare una bomba contro la base: Goku riesce tuttavia a deviarla con un singolo calcio. Terrorizzato, Black decide di ritirarsi, giurando vendetta: Goku tuttavia si scaglia contro il robot, passandolo da parte a parte e facendolo esplodere con Black all'interno, sterminando così il Fiocco Rosso una volta per tutte.

Saga di Al SatanModifica

  • Non andrai via con la sfera del drago! Uh? Ma dove sei? (Crili)
Dopo la vittoria del loro nuovo amico Tensing al torneo di arti marziali, Goku e i suoi amici decidono di andare a festeggiare. Goku tuttavia dimentica negli spogliatoi del tempio di arti marziali la propria sfera del drago portafortuna, e quindi il suo amico Crili va a prendergliela: dopo poco tempo però Goku e i suoi amici sentono un urlo e, recatisi all'interno del tempio, trovano il cronista del torneo stordito e Crili assassinato da un misterioso mostro, che fugge rapidamente. Mentre Goku va al suo inseguimento, il cronista spiega agli altri come lui e Crilli avessero sorpreso il mostro mentre rubava il registro dei combattenti: Crilli provò a fermarlo, ma venne immediatamente ucciso dal mostro. Crili verrà in seguito resuscitato grazie alle sfere del drago.
  • Ah! Che fai lì impalato? Hai paura delle mie otto mani? (King Pasha)
Dopo aver battuto Goku,il misterioso mostro, Tamberine, torna dal suo padrone, il demone Al Satan: questi, conscio di dover eliminare ogni possibile avversario, lo incarica di eliminare ogni guerriero presente sul registro del torneo. La sua prima vittima è King Pasha, vecchio avversario sconfitto da Goku alle eliminatorie del torneo di arti marziali precedenti: entrato nel monastero del guerriero, Tamberine lo attacca subito con un calcio. Deciso a proteggere i suoi allievi e a conservare il suo onore, King Pasha decide di utilizzare la sua tecnica delle Otto Mani: Tamberine tuttavia lo deride schivando tutti i colpi e, replicando la tecnica, lo colpisce ripetutamente scagliandolo contro un muro e uccidendolo. King Pasha verrà in seguito resuscitato grazie alle sfere del drago.
  • Ah ah ah! Sei molto spiritoso, ma come vedi ho appena vinto il titolo, quindi ti consiglio di starmi alla larga, se non vuoi farti male sul serio! (Tupai)
Dopo la morte di King Pasha, Tamberine si reca da Tupai, sconfitto da Goku ai quarti di finale del torneo: il giovane ha appena sconfitto ad un'importante competizione un avversario quando si ritrova davanti il mostro. Tronfio e sicuro delle proprie capacità, Tupai sfida il mostro ad un duello regolare: Tamberine tuttavia non lo considera un degno avversario e lo uccide con un'unico calcio, scioccando tutta la platea. Tupai verrà in seguito resuscitato grazie alle sfere del drago.
  • Ti consiglio di non sottovalutarmi: ho in serbo per te un'arma invincibile! (Giran)
Dopo aver ucciso vari guerrieri Tamberine arriva al villaggio in cui Giran, vecchio avversario di Goku, sta minacciando gli abitanti per ottenere denaro: convinto della propria forza, Giran si rende presto contro che l'avversario gli è superiore e, non avendo altra scelta, usa il proprio catarro colloso per immobilizzarlo. Anche quest'arma segreta però si rivela inefficace: stupefatto, Giran viene trafitto allo stomaco da Tamberine. Giran verrà in seguito resuscitato grazie alle sfere del drago.
  • Non mi interessa sapere il tuo nome, tanto non lo dirò mai! Addio! (Cymball)
Dopo aver subito una pesante sconfitta da Tamberine, Goku è ancora vivo e trova un fuoco su cui viene arrostito un pesce: dopo aver gustato la prelibatezza, il giovane viene tuttavia attaccato da Jirobai, grasso e rozzo samurai. Prima che possano scontrarsi vengono tuttavia raggiunti da Cymball, creatura creata da Al Satan per raccogliere tutte le sfere: Jirobai ha infatti una delle sfere, ed ora il mostro la vuole ottenere. Goku propone a Jirobai di attaccarlo insieme, ma il samurai lo ignora e inizia a duellare col mostro: inaspettatamente, è proprio il grasso guerriero a sconfiggere Cymball, tagliandolo a metà.
  • No... Non è possibile... Tu sei solo un umano! (Tamberine)
Dopo che Jirobai ha mangiato i resti di Cymball, Goku gli propone un'alleanza per sconfiggere Al Satan: in quel momento però arriva Tamberine, inviato dal suo signore per uccidere l'assassino di Cymball. Stupito per aver ritrovato Goku vivo, il mostro si prepara ad ucciderlo nuovamente: dopo essersi riposato e rifocillato tuttavia Goku è pronto a combatterlo e questa volta riesce a prevalere. Terrorizzato, Tamberine prova a volare via dal suo padrone: Goku tuttavia è deciso a vendicare Crili e, saltando in aria grazie al suo speciale bastone, colpisce il mostro con un'onda energetica disintegrandolo.
  • Oh, no! L'ho mancato... Mi dispiace... (Genio delle tartarughe)
Credendo che Goku sia stato ucciso da Al Satan, il Genio delle tartarughe e i due giovani guerrieri Tensing e Riff non si scoraggiano e, posizionando le sfere del drago in una radura, organizzano un piano: mentre il Genio e Tensing terranno occupato il mostro, il piccolo Riff userà le sfere per chiedere la sua distruzione. Tuttavia, appena il demone arriva Il Genio colpisce Tensing con un gas soporifero: il vecchio guerriero è infatti consapevole di quanto sia disperata la loro impresa e non vuole che il giovane muoia inutilmente. Quando Al Satan arriva, la prima cosa che fa è ingoiare una delle sfere, vanificando così il piano dei guerrieri: il Genio prova allora ad usare la pericolosa tecnica Onda Sigillante, che a costo della vita imprigiona l'avversario in un apposito contenitore. Il potente guerriero usa la tecnica, ma sbaglia per un soffio la mira per rinchiudere Al Satan nel contenitore: dopo aver chiesto scusa per il fatale errore a Riff e dopo aver avvertito Al Satan della sua futura sconfitta, il Genio delle tartarughe si accascia a terra morente, avendo perduto tutte le energie per la mortale tecnica. Verrà in seguito resuscitato grazie alle sfere del drago.
  • ... Di farlo sparire dalla terra! Distruggilo! Fallo sparire! (Riff)
Dopo la morte del Genio, Al Satan evoca il drago Shenron per chiedergli di tornare giovane e forte, in modo da poter dominare il mondo: deciso a tentare il tutto per tutto, l'ancora stordito Tensing chiede telepaticamente all'amico Riff di provare a uscire allo scoperto e chiedere al drago di annientare il mostro. Pur terrorizzato a morte per la grossa divergenza di potenza tra lui e il mostro, il piccolo guerriero raccoglie tutto il suo coraggio e esce allo scoperto gridando il desiderio: purtroppo il drago non può annientare individui più forti di lui come Al Satan, che uccide subito il povero Riff con un attacco energetico, il sotto gli occhi disperati del suo amico Tensing. Riff verrà in seguito resuscitato grazie alle sfere del drago.
  • Ora posso andarmene: il tuo desiderio è stato esaudito. (Drago Shenron)
Dopo la morte di Riff, Al Satan esaudisce il suo desiderio, ridiventando giovane e vigoroso: una volta svolto il suo compito drago si appresta ad andarsene, ma Al Satan, consapevole che il drago è l'unica arma con cui i suoi nemici potrebbero annientarlo, uccide Shenron con un potente raggio energetico emesso dalla bocca. Shenron verrà in seguito ricreato da Mr Popo, assistente del suo creatore, Dio.
  • Io non...Non te lo dirò mai! (Capo delle guardie del Re)
Ormai divenuto giovane e invincibile, Al Satan si reca, insieme al suo consigliere Piano, al palazzo del re degli uomini, deciso a prenderne il posto: qui varie guardie gli si oppongono coraggiosamente, ma vengono tutte sbaragliate. Prima di arrivare al Re, Al Satan viene intercettato dal capo delle guardie, un guerriero robusto e muscoloso: dopo avergli proposto sarcasticamente di diventare un suo servitore, il demone inizia uno scontro con lui. Nonostante il suo coraggio e la sua abilità, il capo delle guardie viene presto sottomesso da Al Satan, che gli chiede dove sia nascosto il re: fedele fino all'ultimo, l'uomo si rifiuta di aiutarlo, venendo trafitto allo stomaco dal demone. Come tutte le vittime di Al Satan, il capo delle guardie verrà in seguito resuscitato grazie alle sfere del drago.
  • No, bello mio, tu non vai proprio da nessuna parte! Prima dovrai sottoporti al mio trattamento speciale! (Drag)
Raggiunto il re della terra, Al Satan lo costringe a cedergli il pianeta: attraverso un messaggio alla televisione, il demone dichiara che distruggerà una città a sua scelta come primo atto del suo regno. Alla reggia del re giunge però Tensing, deciso a fermarlo con l'Onda Sigillante anche a costo di morire: il contenitore da utilizzare si è però rotto durante i suoi allenamenti e quindi è inutilizzabile. Pur conscio di avere poche possibilità, Tensng decide di attaccare in maniera tradizionale Al Satan: questi tuttavia non lo reputa un degno avversario e crea appositamente un nuovo figlio, il possente Drag, con il compito di sconfiggerlo. Nonostante la sua tenacia, Tensing viene sconfitto dal mostro, che si prepara ad ucciderlo: sulla scena arriva però Goku, giunto per vendicare tutte le vittime dei mostri sfidando Al Satan. Drag però non vuole permetterlo e fa per attaccare il nuovo venuto: non scomponendosi, Goku tira un calcio al cranio del bestione, spappolandoglielo sotto gli occhi sconcertati di Al Satan, Piano e Tensing.
  • Ehi! Attendo a dove cadi ! Oh, no! (Piano)
Pur rimanendo impressionato dalla morte di Drag, Al Satan è comunque convinto delle proprie capacità, tanto da sfidare apertamente Goku, deciso a vendicare Crili, Riff e Il Genio: i due avversari, sotto gli occhi attenti di Piano, Tensing e il Re della terra, si studiano attentamente e in silenzio. Improvvisamente Goku, divenuto più potente dopo aver bevuto l'acqua divina dal gatto Balzar, riesce a colpire a sorpresa Al Satan: il demone viene scagliato contro al suo indifeso consigliere Piano, che viene schiacciato dal suo signore.
  • Ecco mio figlio, e in un futuro prossimo tornerà per vendicare suo padre. Nessuno può estirpare il male nel mondo! (Al Satan)
Dopo la morte di Paino, Al Satan e Goku si sfidano ad un tremendo duello, senza esclusione di colpi: lo scontro è alla pari, ma presto lo spazientito demone scaglia un potente raggio energetico contro la citta in cui si trovano, distruggendola completamente. Goku viene salvato da Tensing, ma perde per colpa dell'attacco la sensibilità ad un braccio e alle gambe: contento per aver fregato l'avversario, Al Satan si appresta a dargli il colpo di grazia. Conscio di non poter lasciare invendicati i compagni, Goku dà fondo a tutte le sue forze e, scagliando una potente Onda Energetica al suolo, riesce a volare verso Al Satan: il demone si prepara ad ucciderlo, ma Goku riesce ad incanalare tutta l'energia del proprio corpo nel pugno e trapassa il nemico allo stomaco. Mentre Goku viene salvato da Jirobai e Tensing, Al Satan, conscio di stare per morire, sputa fuori un uovo in cui vi è all'interno la sua reincarnazione, Junior, che dovrà vendicarlo: l'istante successivo, il demone esplode, morendo una volta per tutte.

Dragon Ball ZModifica

Saga dei SayanModifica

  • Fermo, non ti muovere! Fermo, o altrimenti ti sparo! (Contadino)
Mentre lavora la terra, un umile contadino vede cadere dallo spazio uno strano oggetto: stupito, l'uomo va a curiosare sul luogo in cui è caduto, scoprendo che si tratta di una piccola astronave monoposto. Ad uscirne è il sayan Radish, fratello di Goku, venuto ad assicurarsi che il fratello abbia sterminato la terra: vedendolo avvicinarsi, il terrorizzato contadino prova a sparargli col proprio fucile, ma Radish ferma la pallottola con una mano e la ritira contro il poveretto, uccidendolo sul colpo.
  • E allora non avrai più alcuna possibilità di vittoria... Te l'assicuro... Perciò ti consiglio di divertirti, ti rimane ancora poco tempo! Poveretto... Hai fatto tanta fatica per niente... Vedrai, fra non molto anche tu dovrai passare a miglior vita! (Radish)
Giunto alla casa del Genio delle tartarughe, in cui si era recato Goku con il figlio Gohan, Radish rivela al fratello la sua origine sayan e gli ordina di sterminare i terrestri, ottenendo un netto rifiuto dal valoroso guerriero: stizzito, Radish rapisce il nipote Gohan, sperando in questo modo di convincere il fratello. Consci di non avere alcuna possibilità da soli contro di lui, Goku e Junior, reincarnazione di Al Satan, stringono alleanza, ma nonostante la loro grande abilità e l'inaspettato intervento di Gohan riescono a prevalere sul potente guerriero: Goku decide allora di sacrificarsi, trattenendo Radish mentre vengono colpiti da un potente Cannone Speciale di Junior. Lamentandosi per la sconfitta, il moribondo Radish si stupisce del sacrificio del fratello: in un'impeto d'orgoglio, Junior gli rivela che tanto Goku verrà resuscitato con le potenti sfere del drago. Sbeffeggiandolo, Radish gli rivela che i suoi compagni sayan Vegeta e Napa hanno ascoltato la conversazione attraverso il suo scouter e che probabilmente arriveranno presto sulla terra: infuriato, Junior gli dà il colpo di grazia colpendolo alla testa.
  • Bene... Bene, allora addio... Addio... (Goku)
Dopo la morte di Radish arrivano sul campo di battaglia Crilin, Bulma e il Genio delle Tartarughe, che vengono informati degli ultimi avvenimenti da Junior: disperati per la fine di Goku, essi vengono tuttavia rassicurati dal guerriero che, dopo aver fatto promettere a Piccolo di allenare il piccolo Gohan, spira tra le braccia di Crilin. Goku verrà risuscitato dopo un anno con le sfere del drago.
  • Lasciami andare! (Iamko)
Dopo un anno, i sayan Vegeta e Napa arrivano come previsto sulla terra, trovando ad aspettarli Junior, Gohan,Crilin, Tensing, Iamko e Riff: prima dei combattimenti veri e propri, Vegeta crea dal terreno sei esseri, i Saibaim, che saranno avversari preliminari. Dopo che Tensing ne sconfigge uno facilmente è la volta di Iamko, che mostra la propria abilità mettendo al tappeto l'avversario: egli tuttavia viene messo beffardamente in guardia da Vegeta, che gli consiglia di non sottovalutare l'avversario. In quel momento infatti il Saibaim, che aveva solo finto la morte, gli salta addosso: nonostante provi a liberarsene, Iamko rimane coinvolto nell'autodistruzione della creatura, morendo sul colpo tra lo sconcerto degli amici. Iamko verrà resuscitato tempo dopo dalle sfere del drago del pianeta Nameck.
  • Addio, Tensing! (Riff)
Dopo la morte di Iamko, un furioso Crili e Junior finiscono il resto dei Saibaim e così può incominciare lo scontro con Napa. Questi inizia a combattere contro Tensing, dominando la lotta e arrivando a strappargli un braccio: Crillin e gli altri provano ad intervenire, ma il sayan gli impedisce di intervenire con un colpo energetico. Prima di poter finire Tensing Napa viene attaccato inaspettatamente da Riff, che si aggrappa saldamente alla sua schiena: pur consapevole di non poter tornare in vita, in quanto già resuscitato una volta dalle sfere del drago, il piccolo guerriero decide di sacrificarsi per salvare il suo migliore amico e, dopo un ultimo saluto, si autodistrugge nella speranza di uccidere Napa. Fortunatamente, Riff verrà resuscitato tempo dopo dalle sfere del drago del pianeta Nameck.
  • Riff...Ti ho vendicato... Oh, no...! (Tensing)
Nonostante il sacrificio di Riff, Napa risulta ancora vivo, dimostrando la propria incredibile resistenza. Consci di non poter nulla contro di lui, Junior, Crili e Gohan elaborano un attacco combinato, approvato addirittura da un divertito Vegeta: purtroppo, Gohan si fa prendere dal panico quando è il suo turno di colpire Napa, mandando a monte il piano. Pronto ad ucciderli, Napa viene tuttavia attaccato da Tensing che, deciso a vendicare Riff e a raggiungerlo all'aldilà, scaglia contro l'avversario un Cannone dell'Anima alla massima potenza: esso è il suo colpo più forte, ma che gli consuma tutta l'energia vitale se usato con troppa potenza. Purtroppo, questo potentissimo attacco scalfisce a malapena Napa: sconsolato per il fallimento, Tensing si accascia a terra, ormai privo di tutte le energie. Tenshinan verrà resuscitato tempo dopo dalle sfere del drago del pianeta Nameck.
  • Mettiti in salvo, Gohan... (Junior)
Dopo momenti di duro combattimento, Crili, Gohan e Junior scoprono che Goku è arrivato sulla terra dal mondo dei morti e sta per venire ad aiutarli: purtroppo, la sua venuta è avvertita anche da Vegeta, che ordina a Napa di finire subito i guerrieri presenti. Su istigazione di Junior, Gohan riesce ad infuriarsi e a tirare fuori il proprio potenziale nascosto, mettendo in crisi il sayan: tuttavia, il piccoletto torna immediatamente calmo, perdendo così la maggior parte della sua forza. Infuriato, Napa gli scaglia un potente raggio energetico: tra Gohan e il letale colpo si frappone inaspettatamente Junior, che facendo da scudo a Gohan subisce tutta la sua potenza. Rimasto in piedi, il guerriero ordina a Gohan di fuggire, per poi crollare a terra: quando uno sconvolto e commosso Gohan gli si avvicina, Junior gli rivela di aver imparato cosa sia l'onore, grazie all'affetto che ha provato per lui nei mesi di allenamento e, esortandolo a fuggire, spira definitivamente tra le sue braccia. Junior verrà resuscitato tempo dopo dalle sfere del drago del pianeta Nameck.
  • Addio, caro Popo. Lascio tutto nelle tue mani. (Il Supremo)
Quando Junior viene colpito dall'attacco di Napa Il Supremo, il creatore delle sfere collegato direttamente a lui, inizia a sentirsi male: se infatti il guerriero muore, anche lui dovrà morire. All'amico e assistente Mr Popo egli dichiara tuttavia di essere fiero di Junior, in quanto ha negato la malvagità del suo cuore sacrificandosi per salvare Gohan: alla morte della sua controparte, Il Supremo quindi svanisce, salutando il commosso Popo e lasciandogli la custodia del suo tempio.
  • Oh, no! Vegeta, no! (Napa)
Rimasti solo Crili e Gohan, Napa fa per ucciderli quando arriva sul campo Goku: conscio che, con la morte di Junior e conseguentemente del Supremo, gli amici morti non possono tornare in vita, il guerriero si infuria e sfida Napa. Convinto di distruggerlo, il borioso Napa accetta lo scontro: Goku tuttavia si è allenato nell'aldilà presso il Re Kaio del Nord e, dominando la lotta, tira al guerriero un colpo per ogni amico caduto. Napa è furente, ma Vegeta lo riporta alla calma, ricordandogli di combattere a sangue freddo: grazie a questo consiglio, Napa riesce a lottare più o meno alla pari con Goku, ma non a prevalere, tanto che il suo capo gli ordina di interrompere la lotta. Umiliato, Napa prova ad uccidere Gohan e Crili con un attacco a sorpresa: per salvare gli amici, Goku ricorre alla tecnica del Kaioken, spezzando la schiena all'avversario. Ormai paralizzato, Napa chiede una mano a Vegeta, che apparentemente lo vuole aiutare: tuttavia, il perfido sayan scaglia in aria il compagno e, considerandolo ormai un guerriero inutile, lo disintegra con la sola imposizione della propria aura.

Saga di FreezerModifica

  • Ma...Come diamine hai fatto?! (Kyui)
Per salvare gli amici morti nello scontro con Napa e Vegeta, Crili, Bulma e Gohan sbarcano sul pianeta Nameck, da cui provengono le originali sfere del drago. A loro insaputa sul pianeta è venuto anche Vegeta, fuggito dopo il loro scontro: egli infatti ha scoperto che il suo vecchio capo, Freezer, è giunto sul pianeta per diventare immortale con le sfere. Alle calcagna del sayan vi è però Kyui, soldato di Freezer nonché rivale di Vegeta: egli ha infatti ricevuto l'autorizzazione per ucciderlo. Vegeta però è migliorato grazie al combattimento coi terrestri, ed è talmente potente da spaventare Kyui, che propone a Vegeta di allearsi: non riuscendo nell'intento, finge allora di vedere alle spalle del sayan Freezer in persona. Mentre Vegeta si volta, Kyui lo coglie di sorpresa scaricandogli addosso vari attacchi energetici: Vegeta tuttavia non rimane scalfito dall'attacco e, lanciatolo in aria, fa esplodere il rivale all'istante.
  • In guardia, prendi questo! Come?! No! (Guerriero Nameciano)
Avvertendo la scomparsa di molte aure, Crili e Gohan arrivano ad un villaggio nameciano e scoprono uno spettacolo tremendo: il dittatore Freezer e i suoi scagnozzi hanno infatti massacrato l'intero villaggio, lasciando vivi solo il capo Moori e i suoi nipotini Dende e Cargot. Proprio quando Freezer e i suoi sgherri stanno per farli fuori entrano in scena tre guerrieri di Nameck: scorgendo la devastazione del villaggio, i tre massacrano i nemici, lasciando vivi solo Freezer, le sue guardie del corpo Zarbon e Dodoria e il soldato semplice Apulle. Divertito dal loro intervento, Freezer ordina a Dodoria di ucciderli: il bestione inizia un combattimento con loro, massacrandone subito due. Preso dal panico, il terzo guerriero sfodera un potente attacco energetico come ultima risorsa: anche questo attacco però non è sufficiente e Dodoria, prendendolo di peso, lo scaglia contro una roccia, rompendogli il cranio. I tre guerrieri verranno successivamente resuscitati con le sfere del drago della Terra.
  • Oh, no! Cargot! (Moori)
Intuendo di dover mettere in difficoltà, Moori distrugge con un rapido e improvviso attacco energetico i loro scouter, approfittando della distrazione dovuta all'attacco dei guerrieri: in questo modo, essi non possono più rilevare le aure e quindi trovare facilmente nuovi villaggi. Infuriato, Freezer ordina ai suoi di ucciderlo: Moori allora ordina ai nipotini di fuggire, preparandosi poi a trattenere gli assassini. Con un singolo colpo, Dodoria elimina però Cargot sotto gli occhi del fratello Dende: infuriato, Moori fa per attaccarlo, ma il rapido Dodoria gli arriva alle spalle spezzandogli il collo. Moori, Cargot e tutti gli abitanti del villaggio verranno successivamente resuscitati con le sfere del drago della Terra.
  • Eh? Non mi credi? (Dodoria)
Dopo uno scontro con Gohan e Crili, che salvano Dende dalle sue grinfie, Freezer manda alle loro costole Dodoria: i due riescono però a sfuggire facilmente al bestione, che prima di poter contrattaccare viene inaspettatamente steso da un pugno del sopraggiunto Vegeta. Convinto di prevalere, Dodoria scopre dal suo scouter che il sayan è diventato notevolmente più potente di lui: non credendoci, il bestione prova comunque ad attaccarlo, venendo presto sottomesso dal sayan. Per avere salva la vita, Dodoria rivela a Vegeta cosa accadde al suo pianeta d'origine: esso infatti venne distrutto da Freezer stesso, che temeva la potenza dei Sayan. Liberato, il guerriero deride Vegeta, ma questi, dichiarando quanto lo odi più per essere stato usato tanti anni che per la distruzione del pianeta, si prepara ad ucciderlo: terrorizzato, Dodoria prova a scappare via, ma viene immediatamente disintegrato dal sayan.
  • No, mai e poi mai la darei ad un criminale come te! (Tsuno)
Conscio che Freezer ha già cinque sfere del drago, Vegeta decide di giocare d'astuzia: trovato l'ultimo villaggio di nameciani rimasto, egli vi irrompe chiedendo a gran voce le sfere. Percependo la malvagità del suo cuore il capo locale, Tsuno, si rifiuta: pertanto, Vegeta decide di sterminare il villaggio, e nonostante il grande coraggio dei guerrieri presto rimane in vita solo Tsuno. Ad un'ulteriore richiesta delle sfere, il capo villaggio conferma il proprio stoicismo e si rifiuta di dare la sfera all'assassino: Vegeta dichiara allora che la cercherà da solo, uccidendo poi il povero Tsuno con un colpo energetico. Sfortunatamente, Tsuno e il suo villaggio non potranno essere risuscitati da Shenron: il desiderio espresso era infatti quello di riportare in vita le vittime di Freezer e dei suoi sottoposti, gruppo di cui Vegeta non faceva più parte.
  • Ah, si è stabilizzato! Vediamo se il bel addormentato si risveglia! Sta attento: niente scherzi, o potresti pentirtene! Su, prova ad aprire gli occhi! (Appule)
Mentre dà la caccia alle sfere del drago, Vegeta intercetta Crili e fa per inseguirlo: tuttavia, lungo la strada viene intercettato da Zarbon, deciso a sistemarlo e a prendere la sfera in un suo possesso. I due hanno uno scontro abbastanza alla pari, e Vegeta è molto sicuro di se: tuttavia, Zarbon si trasforma inaspettatamente divenendo più forte e sconfiggendo Vegeta. Tornato al quartier generale, Zarbon riceve tuttavia l'ordine di Freezer di recuperare il sayan, in modo tale da potergli estorcere l'ubicazione della sfera del drago in suo possesso: messo in una capsula curativa, Vegeta viene tenuto sotto sorveglianza da Appule, uno scagnozzo di Freezer. Ridendo tra se e se al pensiero della sorte che attende Vegeta, il soldato aspetta fino a quando Vegeta non è completamente curato: tuttavia, Vegeta non si lascia sorprendere e fa esplodere la capsula curativa, uccidendo sul colpo Appule.
  • Ascolta, ho un'idea... Potremmo diventare soci, noi due, che ne dici? Insieme, sconfiggeremo Freezer...! (Zarbon)
Scappato dalla nave di Freezer con le cinque sfere del drago prese dal tiranno, Vegeta si imbatte in Crili, che ha la sfera donatagli dall'anziano saggio di Nameck: capendo che, con quella sfera e quella presa al villaggio di Tsuno, si ritroverebbe in mano tutte le sette sfere, il Sayan lo insegue. Alle sue calcagna però vi è anche Zarbon, inviato da Freezer per catturarlo nuovamente: una volta raggiunto il punto in cui si trovano Bulma e Crilli, Vegeta si trova nuovamente faccia a faccia con lo sgherro di Freezer. I due ingaggiano nuovamente battaglia, e Zarbon è convinto della propria superiorità grazie alla sua trasformazione: Vegeta tuttavia è diventato più forte grazie all'abilità Sayan di diventare più potenti in fin di vita e, con un potente fendente, riesce a trapassare lo stomaco dell'avversario. Preso dal panico, Zarbon tenta di convincere Vegeta a collaborare per deporre Freezer: non ascoltandolo, Vegeta spara un raggio energetico dalla mano che ha ancora dentro Zarbon, scagliandolo in un lago di Nameck ed uccidendolo definitivamente.
  • Come... Un guerriero potente come me, battuto da una sottospecie di scimmione impertinente e ficcanaso... Inaudito, roba da non credere...! (Guldo)
Ingannato dai terrestri, Vegeta li raggiunge dall'Anziano Saggio di Nameck, dove sono andati per potenziarsi: in quel momento però avvertono l'arrivo delle aure della diabolica Squadra Speciale Giniu, gruppo di guerrieri d'elitè convocati da Freezer per sgominarli. Crili, Gohan e Vegeta decidono di allearsi e provano a raccogliere subito le sfere, ma vengono intercettati dalla squadra: mentre il capitano Giniu, loro capo, porta le sfere a Freezer, gli altri guerrieri rimangono per sistemare gli avversari. Il primo scontro vede contrapposti Gohan e Crili e Guldo, membro della squadra speciale dotato di poteri psichici: nonostante i saggi consigli di Vegeta e la loro bravura, i due terrestri vengono presto paralizzati dall'alieno. Prima che possa dargli il colpo di grazia, Guldo viene però decapitato da un raggio energetico di Vegeta: stupendosi per la sconfitta sleale, l'alieno viene presto finito da Vegeta con un potente raggio energetico.
  • Eh eh eh! La distruzione è totale! Ah! E devastante! Bene, ci siamo! (Recoom)
Dopo la morte di Guldo è la volta di Recoom, che affronta Vegeta: nonostante il supporto dei terrestri, il sayan viene sconfitto dal potente avversario. Proprio quando sta per dargli il colpo di grazia Recoom viene però interrotto dall'arrivo di Goku, giunto sul pianeta con la propria navicella: egli, dopo aver curato gli amici e Vegeta, si prepara a combattere contro il muscoloso avversario. Recoom è totalmente sicuro delle proprie capacità e prepara un potente attacco energetico per uccidere il nuovo venuto: Goku però nel tragitto dalla terra al pianeta si è allenato parecchio e, con una sola gomitata allo stomaco, riesce a sconfiggere il potente avversario, stupendo tutti i presenti. Ormai totalmente indifeso e tramortito, Recoom verrà ucciso poco dopo da Vegeta, che lo disintegrerà con un colpo energetico dopo aver già ucciso Burter.
  • Già, hai ragione. (Burter)
Dopo la sconfitta di Recoom, Goku deve affrontare il suo compagno Burter: questi è particolarmente sicuro di sè, avendo la reputazione di alieno più veloce della galassia. Goku però gli si mostra superiore, scagliandolo contro l'altro superstite della squadra, Gis: i due hanno un litigio per ciò, ma presto capiscono di dover combattere insieme per riuscire ad avere la meglio sull'avversario. Nonostante combatta con due avversari, Goku riesce comunque a prevalere, rompendo con un colpo la schiena di Burter: sconvolto per la sconfitta, Gis decide di fuggire abbandonando i compagni. Stupefatto dallo spregevole comportamento dell'alieno, Goku decide di lasciare vivi Recoom e Burter, giudicandoli inoffensivi: di opinione totalmente opposta è però Vegeta, che con una potente ginocchiata spezza il collo a Burter, per poi uccidere il suo compagno.

FilmModifica

Dragon Ball Z: Le origini del mitoModifica

  • Ti avverto... è un futuro tremendo quello che vi attende... la stirpe a cui appartieni verrà distrutta esattamente come è accaduto a noi... osserva bene e soffri... soffri come non hai mai sofferto in vita tua! (Toolo)
Mentre la sua squadra parte per il pianeta Mith, il sayan Bardack resta sul pianeta Kanossa per vedere se esiste qualche sopravvissuto al loro attacco. Le sue supposizioni si rivelano giuste: egli infatti trova presto un sopravissuto, Toolo. Prima di ucciderlo però Toolo rivela di essere un veggente e di aver previsto la morte dell'intero popolo sayan per mano del loro capo, il tiranno Freezer. Bardack tuttavia non gli crede e lo uccide con un potente attacco, non prima che l'alieno riesca comunque a passargli il proprio potere di preveggenza.
  • Invece ti assicuro che è così... quello schifoso verme ci ha usato... per me ormai è finita... ma tu devi... devi fare qualcosa o Freezer eliminerà i Sayan... vuole sbarazzarsi di tutti noi... ascoltami Bardak, torna sul pianeta Vegeta... devi radunare tutti i Saiyan e sconfiggere quel miserabile… fa che la nostra morte non sia stata inutile... e che la forza vinca... (Toma)
Dopo una tappa su un pianeta di Freezer per potersi curare, Bardack raggiunge la sua squadra su Mith, ma scopre presto che sono stati tutti massacrati. Trovato l'amico Toma in fin di vita, questi rivela a Bardack come siano stati massacrati da Dodoria, potente scagnozzo di Freezer, in quanto il tiranno vuole massacrare la loro razza in quanto possibili avversari futuri. Consapevole di non poter sopravvivere, Toma sprona Bardack ad uccidere Freezer, per poi spirare.
  • Kakaroth, porta tu a compimento la mia missione. Devi vendicarci di colui che ha distrutto il pianeta Vegeta e tutti i Saiyan. Kakaroth! (Bardack)
Arrivato sul suo pianeta d'origine, Vegeta, Bardack non viene creduto quando dice che Freezer distruggerà il pianeta. Vedendo arrivare l'astronave del tiranno, Bardack decide di giocare il tutto per tutto e, arrivato nello spazio, affronta uno per uno gli scagnozzi di Freezer. Purtroppo il suo atto coraggioso si rivela inutile: affiancato dagli scagnozzi Zarbon e Dodoria infatti Freezer prepara una potente sfera di energia, che scaglia contro il pianeta colpendo anche Bardack e i suoi stessi scagnozzi. Prima di morire però Bardack ha un'ultima visione, in cui vede il figlio Kakaroth cresciuto sconfiggere Freezer: sorridendo, Bardack incita mentalmente il figlio, per poi finire disintegrato dall'attacco di Freezer insieme ai soldati del tiranno e al pianeta Vegeta.