Apri il menu principale

Il pianeta proibito

film del 1956 diretto da Fred McLeod Wilcox

Il pianeta proibito

Descrizione di questa immagine nella legenda seguente.

Leslie Nielsen e Anne Francis

Titolo originale

Forbidden Planet

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1956
Genere fantascienza
Regia Fred McLeod Wilcox
Soggetto Irving Block, Allen Adler
Sceneggiatura Cyril Hume
Produttore Nicholas Nayfack
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il pianeta proibito, film statunitense del 1956, regia di Fred McLeod Wilcox.

IncipitModifica

Nell'ultimo decennio del XXI secolo uomini e donne a bordo di astronavi scesero sulla Luna. Nel 2200 raggiunsero gli altri pianeti del sistema solare. Quasi simultanea fu la scoperta della superenergia, per mezzo della quale in un primo tempo fu raggiunta, e poi di gran lunga superata la velocità della luce. Così, finalmente, l'umanità iniziò la conquista e la colonizzazione dei mondi dello spazio. L'incrociatore interplanetario C-57-D è partito dalla base terrestre ormai da un anno in missione speciale nel sistema planetario della stella di prima grandezza Altair. (voce narrante)

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Il Signore ha creato dei mondi magnifici. (Ostrow)
  • Anche in lei, padre affettuoso, esiste la bestia primordiale. Più accanita e più rabbiosa a ogni nuova sconfitta. (Adams) [al dott. Morbius]
  • Fra ventiquattro ore dovrete essere a cento milioni di miglia nello spazio. Il pianeta esploderà. Le reazioni a catena non... non possono essere invertite. Alta! (Dott. Morbius) [ultime parole]

DialoghiModifica

  • Adams: Qui è ideale l'atmosfera. Ad alto contenuto di ossigeno.
    Robby: Io ne faccio poco uso, signore. Favorisce la ruggine.

ExplicitModifica

Alta, fra un milione di anni la razza umana giungerà al punto in cui erano i Krell nel loro grande momento di trionfo e... e di tragedia. E il nome di tuo padre brillerà come un faro nella galassia e ci ricorderà che soprattutto di Dio ce n'è uno solo. (Adams)

Citazioni su Il pianeta proibitoModifica

  • Gli effetti speciali usati per la parte scientifica erano davvero ottimi. Magari avessi un robot come Robby, che mi facesse tutto quello che volessi fargli fare. (Metal Gear Solid 3: Snake Eater)
  • Suspense, bizzarria, sorprese ed effetti speciali primitivi ma efficaci. (il Morandini)

Altri progettiModifica