Apri il menu principale

1leftarrow blue.svgVoce principale: Ultime parole dai film.

Raccolta delle ultime parole pronunciate dai personaggi dei film di Guerre stellari in punto di morte.

FilmModifica

  Citazioni in ordine temporale.

Trilogia ClassicaModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Non abbiamo intercettato alcuna trasmissione! Questa è una nave consolare...Siamo...In missione diplomatica...! (Capitano Antilles)
Nel film Guerre stellari (1977), il capitano pronuncia queste parole prima di essere strangolato da Dart Fener, che voleva estorcergli informazioni.
  • Questa è la sua intenzione. Aspettavo questo momento da molto tempo! (Greedo)
Nel film Guerre stellari (1977), il cacciatore di taglie pronuncia queste parole prima di essere ucciso a sangue freddo da Ian, suo obbiettivo.
  • Non puoi vincere, Dart. Se mi abbatti io diventerò più potente di quanto tu possa immaginare! (Obi-Wan Kenobi)
Nel film Guerre stellari (1977), dopo aver trovato il suo vecchio apprendista Dart Fener, Obi-Wan si scontra con lui e durante il duello pronuncia queste parole. Tuttavia, a un certo punto del duello il vecchio Jedi si lascerà uccidere per permettere a Luke e agli altri di fuggire.
  • No, no, ce la faccio a... (Jek Porkins/Rosso Sei)
Nel film Guerre stellari (1977), il capo squadriglia pronuncia queste parole prima che Dart Fener colpisca il suo caccia, facendolo schiantare contro la superficie della Morte Nera.
  • Luke, aiuto! Wedge! (Biggs Darklighter/Rosso Tre)
Nel film Guerre stellari (1977), il pilota pronuncia queste parole al compagno Biggs prima di essere abbattuto dalle torrette della Morte Nera.
  • Restate lì! Ho appena perso il motore di destra! Ricominceremo la corsa d'attacco! (Garven Dreis/Capo Rosso)
Nel film Guerre stellari (1977), il pilota pronuncia queste parole all'amico Luke prima che il suo caccia venga abbattuto.
  • Potete sparare appena pronti! (Wilhuff Tarkin)
Durante il film Guerre Stellari (1977). Quando la Morte Nera è ormai a portata di tiro della base ribelle, lo spietato Governatore Imperiale Wilhuff Tarkin dà ordine di sparare appena tutti i sistemi sono pronti. Ciò ne fa anche le sue ultime parole, dato che la stazione da battaglia, colpita da Luke Skywalker, esplode poco dopo con lui ancora a bordo, provocando la sua morte.
  • Lord Fener, la flotta ha abbandonato l'iperspazio e ci prepariamo a... (Kendal Ozzel)
Durante il film L'Impero colpisce ancora (1980). L'Ammiraglio Imperiale Kendal Ozzel, con queste parole, fa rapporto a Dart Fener circa la situazione della flotta. Il malvagio Sith, però, stanco dell'incompetenza dell'ammiraglio (erano usciti troppo vicini alla base ribelle), lo strangola a morte con la Forza.
  • Mettetelo dentro! (Jabba the Hutt)
Nel film Il ritorno dello Jedi (1983). Il potente e malvagio alieno signore del crimine Jabba the Hutt pronuncia queste ultime parole, ordinando i suoi scagnozzi nel tentativo di uccidere Luke Skywalker, insieme con Ian Solo e Chewbecca, ma Jabba viene strangolato a morte con una catena da Leila Organa, che lo teneva prigioniera, per poi venire a esploso con lui ancora a bordo.
  • Ricorda, il vigore di uno Jedi proviene dalla Forza... Ma stai attento: collera, paura, aggressività, il lato oscuro essi sono. Quando il sentiero oscuro tu intraprendi, per sempre esso dominerà il tuo destino, Luke... Luke, tu non sottovalutare i poteri dell'Imperatore, o il fato di tuo padre, tu soffrirai. Luke, quando più non sarò, l'ultimo degli Jedi sarai tu. Luke, la Forza scorre potente nella tua famiglia. Trasmetti ciò che imparato hai... Luke, c'e un altro Skywalker... (Yoda)
Le ultime parole del saggio Maestro Jedi Yoda, prima di morire dalla vecchiaia, sono rivolte a Luke Skywalker, in Il ritorno dello Jedi (1983).
  • E ora, giovane Skywalker, tu morirai. (Sheev Palpatine/Darth Sidious)
Il malvagio Imperatore dell'Impero Galattico pronuncia queste ultime parole mentre tenta di uccidere Luke Skywalker con dei fulmini di forza, in Il ritorno dello Jedi (1983). Dart Fener tuttavia riesce a salvare suo figlio Luke, spingendo l'Imperatore nel pozzo del reattore e provocandone la morte.
Le ultime parole del pentito Dart Fener sono rivolte al figlio Luke Skywalker, dopo che quest'ultimo gli aveva tolto la maschera prima di morire, in Il ritorno dello Jedi (1983).

Trilogia PrequelModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • È... è lui il prescelto, lui... lui porterà equilibrio. Addestralo. (Qui-Gon Jinn)
Le ultime parole, pronunciate alla fine di Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma (1999), sono rivolte a Obi-Wan Kenobi. Il ragazzo a cui si riferisce è Anakin Skywalker.
  • Un cacciatore di taglie di nome... Murishani... Sleemo! (Zam Wesell)
Il sicario mutaforma Zam Wesell, in Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni (2002) è sul punto di rivelare chi è il committente del suo tentato assassinio alla senatrice Amidala, quando viene improvvisamente ucciso da un dardo avvelenato lanciato dal misterioso Jango Fett, cui rivolge sprezzanti parole e, morendo, rivelando la sua vera forma.
  • Avverto grande... paura in te, Skywalker. Sei pieno d'odio... pieno di rabbia. Ma ti reprimi. (Conte Dooku/Darth Tyranus)
Le ultime parole, pronunciate in Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith (2005), sono rivolte ad Anakin Skywalker, durante il duello, il Conte Dooku, dice queste parole che cosa approva il ragazzo, dopo la fine del duello, Anakin gli taglia due mani, rubando anche la sua spada laser, e infine lo uccide a sangue freddo, tagliandogli la testa senza nemmeno farlo, ordinato infatti da Palpatine, alias Darth Sidious.
  • Esercito o no, devi renderti conto che sei... spacciato! (Generale Grievous)
Il malvagio generale Grievous pronuncia le sue ultime parole, mentre cerca di scappare, in Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith (2005). Viene però raggiunto e ucciso da Obi-Wan Kenobi.
  • Ha in suo potere il senato e la giustizia! È troppo pericoloso per lasciarlo vivere! (Mace Windu)
Il Maestro Jedi Mace Windu risponde così ad Anakin, che lo sta implorando di non uccidere Palpatine, in Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith (2005). Windu sta per dare il colpo di grazia a Palpatine, quando Anakin si intromette mozzandogli il braccio destro, consentendo in tal modo a Palpatine di eliminare Windu con i suoi Fulmini di Forza, scaraventandolo fuori dalla vetrata.
  • Fermo! Nooo!!! (Rune Haako)
Durante il film Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith (2005). Le ultime parole di Rune Haako sono rivolte ad Anakin Skywalker, divenuto Dart Fener, poco prima di essere ucciso senza pietà con la spada laser, stesso destino riservato agli altri leader separatisti.
  • La guerra è finita! Lord Sidious ci ha promesso la pace! Noi vogliamo solo... (Nute Gunray)
Durante il film Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith (2005). Nute Gunray, con queste ultime parole, implora inutilmente Anakin, ormai divenuto Dart Fener, di risparmiarlo. Pochi attimi dopo infatti il Viceré della Federazione dei Mercanti verrà ucciso senza alcuna pietà da Anakin con la spada laser, stesso destino riservato agli altri leader separatisti.
  • Obi-Wan... In lui c'è del buono. Io lo so. Lo so che c'è... ancora. (Padmé Amidala)
Le ultime parole, pronunciate alla fine di Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith (2005), sono rivolte a Obi-Wan Kenobi. Padmé si riferisce all'amato Anakin Skywalker.

Trilogia SequelModifica

  • Puoi provare. Ma non puoi negare la verità. È la tua famiglia. (Lor San Tekka)
Nel film Star Wars: Il risveglio della Forza (2015), Lor San Tekka pronuncia queste ultime parole a Kylo Ren, poco prima di venire ucciso dal guerriero oscuro.
  • Sì, in qualunque modo. (Ian Solo)
Il contrabbandiere Ian Solo, in Star Wars: Il risveglio della Forza (2015), pronuncia le sue ultime parole cercando inutilmente di far tornare al Lato Chiaro suo figlio Ben Solo, divenuto Kylo Ren. Quest'ultimo poco dopo lo trafigge a tradimento con la spada laser uccidendolo.
  • Credi di poterlo convertire? Patetica ragazzina... Io non posso essere tradito... Non posso essere vinto. Io vedo nella sua mente, io vedo ogni suo intento. Si... Lo vedo ruotare la spada laser per colpire a morte! E adesso... stolta ragazzina... la accende... e uccide il suo vero nemico!! (Leader Supremo Snoke)
Nel film Star Wars: Gli ultimi Jedi (2017), il Leader Supremo del Primo Ordine rivolge queste ultime parole alla protagonista Rey poco prima di venire ucciso a tradimento dallo stesso Kylo Ren.
  • No! Siete troppo lontani! A tutta verso il pianeta! Ora a tutta verso... (Amilyn Holdo)
Nel film Star Wars: Gli ultimi Jedi (2017)), l'ammiraglio della Resistenza Amilyn Holdo, per permettere ai superstiti della Resistenza di fuggire dal Primo Ordine, decide di sacrificarsi, facendo schiantare la sua nave contro quella del defunto Leader Supremo Snoke.
  • Forse. (DJ)
Nel film Star Wars: Gli ultimi Jedi (2017), DJ rivolge quest'ultima parola a Finn, apprestandosi ad andarsene con la sua nave navicella. Peccato solo che DJ si troverà coinvolto nella distruzione della nave del defunto Snoke, causata dall'ammiraglio Amilyn Holdo.
  • Rimani sempre feccia! (Capitano Phasma)
Nel film Star Wars: Gli ultimi Jedi (2017), il Capitano Phasma, dopo essere stata sconfitta, rivolge queste ultime parole all'ex Assaltatore Finn poco prima di precipitare a morte in una voragine di fuoco.
  • Ci vediamo, ragazzino. (Luke Skywalker)
Nel film Star Wars: Gli ultimi Jedi (2017), le ultime parole del vecchio Maestro Jedi Luke Skywalker sono rivolte al suo nipote ed ex-apprendista Ben Solo, divenuto Kylo Ren, poco prima di svanire sull'isola del pianeta di Ahch-To, come era successo in passato ai Maestri Jedi Obi-Wan Kenobi e Yoda.

Star Wars AnthologyModifica

  • Non vincerai mai! (Lyra Erso)
in Rogue One: A Star Wars Story (2016), poiché l'ingegnere Galen Erso, ideatore dell'arma imperiale nota come Morte Nera, è fuggito con la moglie Lyra e la figlia Jyn, il direttore Orson Krennic gli dà una caccia serrata e, dopo un po' di tempo, riesce a trovare il pianeta in cui è nascosto. Mentre Lyra nasconde Jyn in un luogo sicuro, Galen parla con Krennic e si rifiuta strenuamente a seguirlo: l'uomo arriva allora a minacciare la sua famiglia, mandando i suoi soldati a cercare la figlia. In quel momento però arriva Lyra che punta una pistola contro il direttore intimandogli di lasciar andare il marito: Krennic prova a convincerla ad abbassare l'arma, ma Lyra, decisa a dare il tempo a Jyn di fuggire, gli spara alla spalla venendo immediatamente crivellata dalle sue guardie del corpo sotto gli occhi del marito e della figlia, che la osservava da lontano.
  • Non scapperò più a lungo, ma tu ti devi salvare! Va'! Salva la Ribellione! Salva il sogno! (Saw Gerrera)
In Rogue One: A Star Wars Story (2016), Jyn Erso, Cassian Andor e il loro compagno K-2SO vengono catturati insieme ai guardiani del tempio di Jedha Baze Malbus e Chirrut Îmwe dagli uomini di Saw Gerrera e portati nel loro covo. Qui Saw rivela a Jyn che suo padre Galen gli ha fatto prevenire, attraverso il pilota disertore Bodhi Rook, un videomessaggio per lei, in cui spiega di aver creato un punto debole nella Morte Nera e gli indica le coordinate del pianeta su cui lavora: in quel momento però la città di Jedha City viene distrutta proprio con un raggio della stazione spaziale, su ordine di Krennic e Tarkin per darne una dimostrazione di potenza. La base rischia di essere distrutta dalla potente esplosione, e Saw, stanco di una vita di battaglie, esorta Jyn a scappare: mentre la ragazza e i suoi compagni fuggono su una navicella, Saw esce dalla base e, toltosi il suo respiratore, si lascia travolgere dall'esplosione.
  • Jyn... Sei proprio tu? Ho tante cose da dirti... (Galen Erso)
In Rogue One: A Star Wars Story (2016), Galen Erso e la sua equipe di scienziati devono ricevere sulla piattaforma di atterraggio l'astronave del direttore Krennic: egli infatti ha scoperto che uno degli scienziati ha creato una falla nella Morte Nera, e dichiara che massacrerà l'intera squadra se il responsabile non salterà fuori, ma quando Galen confessa Krennic fa uccidere comunque i suoi colleghi e lo minaccia pesantemente. In quel momento però la base subisce un bombardamento da parte di uno squadrone dell'Alleanza Ribelle, che ha raggiunto il pianeta grazie alle coordinate trasmesse dalla squadra di Cassian, e in una delle esplosioni Galen rimane ferito gravemente: mentre Krennic fugge, il morente Galen viene raggiunto da Jyn, che aveva seguito il loro incontro di nascosto, e spira tra le sue braccia.
  • Addio... (K-2SO)
Personaggio di Rogue One: A Star Wars Story (2016), il droide pronuncia quest'ultima parola rivolta a Jyn Erso e Cassian Andor, poco prima di distrugge il centro dati e se stesso, per sacrificarsi di essere tutte le volte colpito dagli Assaltatori.
  • Cerca la Forza... e riuscirai sempre a trovarmi. (Chirrut Îmwe)
Personaggio di Rogue One: A Star Wars Story (2016). Dopo la morte del soldato ribelle e di Melshi, Chirrut prende di petto la situazione e prova a dirigersi verso la Console da attivare, nonostante le proteste di Baze. Il cieco riesce ad attivare la console, ma viene travolto dall'esplosione di una granata, scagliata da uno degli assaltatori appartenenti allo squadrone della morte di Krennic. Ormai morente, Chirrut spira tra le braccia dell'amico di sempre Baze.
  • Questo è per te, Galen. (Bodhi Rook)
Personaggio di Rogue One: A Star Wars Story (2016). Grazie al sacrificio di Chirrut, Bodhi dalla sua nave riesce a contattare l'ammiraglio Raddius della flotta ribelle, ordinandogli di aprire un varco per il pianeta, in modo da ricevere la comunicazione dei piani della morte nera da parte di Jyn. Sfortunatamente, in quel momento un soldato lancia una granata all'interno dell'astronave, distruggendola e uccidendo il coraggioso pilota.
  • La Forza è con me, e io sono tutt'uno con la Forza... (Baze Malbus)
In Rogue One: A Star Wars Story (2016). Distrutto dalla morte dell'amico Chirrut e assistendo a quella di Bodhi, il furente Baze massacra lo squadrone della morte del direttore Krennic, recitando la tipica preghiera del compagno. Dopo essere stato ferito gravemente da un dei soldati, rivolge un ultimo sguardo al cadavere del suo amico, per poi morire definitivamente a seguito di un'esplosione.
  • Lo scudo è attivo! Il tuo segnale non raggiungerà mai la base ribelle, tutte le vostre navi verranno distrutte, non ho perso altro che tempo! Tu, d'altro canto... morirai con la Ribellione! (Orson Krennic)
Personaggio di Rogue One: A Star Wars Story (2016). Mentre Jyn si prepara ad inviare i dati sulla Morte Nera viene raggiunta dallo spietato nemico di suo padre, il Direttore Imperiale Orson Krennic. Questi prova ad ucciderla per impedire la fuga di notizie, ma viene ferito da Cassian Andor, sopraggiunto nel frattempo. Poco dopo, Krennic assiste all'arrivo della Morte Nera: Basito, viene ucciso da un raggio della sua stessa arma.
  • Io dico di sì... C'è qualcuno lassù. (Jyn Erso)
In Rogue One: A Star Wars Story (2016), la ribelle e Cassian Andor, dopo essere riusciti ad inviare i piani della Morte Nera, si chinano su una delle spiagge di Scarif, consci di essere prossimi alla morte per via dell'imminente esplosione del pianeta. Dopo che Jyn ha pronunciato queste parole, i due ribelli si abbracciano e vengono travolti dall'esplosione.
  • Tuo padre sarebbe stato fiero di te, Jyn. (Cassian Andor)
In Rogue One: A Star Wars Story (2016), il capitano e Jyn Erso, dopo essere riusciti ad inviare i piani della Morte Nera, si chinano su una delle spiagge di Scarif, consci di essere prossimi alla morte per via dell'imminente esplosione del pianeta. Dopo che il capitano ha pronunciato queste parole, i due ribelli si abbracciano e vengono travolti dall'esplosione.
  • Non è bello morire da soli. Val aveva ragione. (Rio Durant)
Personaggio di Solo: A Star Wars Story (2018). Il pilota Rio Durant rivolge queste ultime parole a Ian Solo, per essere stato colpito mortalmente dai colpi di blaster del soldato di Enfys Nest.
  • È stato bello, amore mio! Se tornassi indietro lo rifarei. (Val Beckett)
In Solo: A Star Wars Story (2018), Val Beckett, per permettere al suo marito Tobias e a Ian Solo di portare il cassio, pronuncia le sue ultime parole prima di suicidarsi con delle granate.
  • Lando... Che mi succede? (L3-37)
Personaggio di Solo: A Star Wars Story (2018). Il droide L3-37 rivolge queste ultime parole al suo padrone, Lando Calrissian, dopo essere stata colpita da un colpo di blaster.
  • Lei ha fatto cose che tu non potresti capire, ma io sì. Io la capisco molto bene. Una volta che fai parte dell'Alba Cremisi, non ne puoi uscire. (Dryden Vos)
Il perfido signore del crimine dell'Alba Cremisi, Dryden Vos, rivolge queste ultime parole al contrabbandiere Ian Solo, in Solo: A Star Wars Story (2018), poco prima di venire ucciso a tradimento dalla sua ex luogotenente Qi'ra, durante il combattimento.
  • Hai fatto una mossa molto furba... per una volta. Ti avrei ucciso io. Volevo davvero imparare a suonare bene il valachord. (Tobias Beckett)
Le ultime parole di Tobias Beckett, pronunciate in Solo: A Star Wars Story (2018), sono rivolte al suo ex allievo Ian Solo dopo che il giovane contrabbandiere gli ha sparato a sorpresa.

Serie televisiveModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Ho sempre avuto una buona impressione su di te. (Faro Argyus)
Personaggio di Star Wars: The Clone Wars. Durante una missione, il capitano Faro Argyus e il suo co-pilota Gunray sono dispersi nello spazio, finché non vengono salvati Asaji Ventress. In realtà, Gunray e Ventress lavorano insieme, e Gunray è una spia inviata da Ventress per spiare Argyus e ottenere informazioni per loro necessarie. Ottenute queste informazioni, Ventress uccide Argyus.
  • Padre! (Figlia della Forza)
Personaggio di Star Wars: The Clone Wars. Il Figlio della Forza sta per uccidere il Padre della Forza. Tuttavia, la Figlia della Forza si mette tra di loro, e il colpo mortale che doveva uccidere il Padre, uccide lei.
  • Non riesci a farlo, non è vero? Alla fine dovrai fare la cosa giusta... (Porg Krell)
Personaggio di Star Wars: The Clone Wars. Il disgustoso generale Porg Krell sta per essere giustiziato dal capitano clone Rex. Ma Krell percepisce la paura di Rex che non vuole farlo. Ad ogni modo però, il soldato Dogma lo giustizia lui, punendolo per averli traditi.
  • Aiuto! (Steela Gerrera)
Personaggio di Star Wars: The Clone Wars. Durante una missione, Steela Gerrera sta per cadere da un burrone. Ahsoka Tano arriva in suo soccorso, ma prima che possa definivamente salvarla, dei droidi separatisti le sparano, Ahsoka perde così la presa e Steela muore precipitando nel vuoto.
  • Come hai detto tu, solo il più forte deve commandare... (Pre-Vizsla)
Personaggio di Star Wars: The Clone Wars. Darth Maul e suo fratello Savage Oppress si recano su Mandalore per uccidere il governatore del pianeta, Pre-Vizsla, e ottenere il controllo. Maul sfida Vizsla ad un combattimento, che si conclude con la vittoria del primo, che con la spada oscura mandaloriana, decapita Vizsla e diventa il nuovo governatore di Mandalore.
  • Sembra che la mia ora sia arrivata, mio caro. Sappi... che ti ho sempre amato. E ti amerò per sempre. (Duchessa Satine)
Personaggio di Star Wars: The Clone Wars. A seguito della morte di Pre-Vizsla, Maul assume il controllo di Mandalore e ordina ai soldati mandaloriani di catturare il suo nemico, il Jedi Obi-Wan Kenobi e la Duchessa Satine. Per vendicarsi della sua precedente sconfitta su Naboo, Maul fa di Kenobi suo prigioniero, e tiene nell'aria con la Forza Satine, e la uccide con la spada oscura mandaloriana, uccidendo l'amore di Kenobi.
  • Fratello, sono un apprendista indegno. Non sono come te, non lo sono mai stato... (Savage Oppress)
Personaggio di Star Wars: The Clone Wars. Dopo aver ucciso Pre-Vizsla, Darth Maul e Savage Oppress sono diventati i nuovi governatori di Mandalore. Tuttavia, i due vengono raggiunti dal loro ex maestro, Darth Sidious, che dopo averli sfidati in una lotta, gli sconfigge tutti e due. Prima, fa di Maul suo schiavo, e poi per punire Savage a causa del suo tradimento, lo uccide.
  • Niente di nota, gli insorti hanno rubato alcune forniture e sono scappati su dei spider-bike. (Cumberlayne Aresko)
Personaggio di Star Wars Rebels. Il Grand Moff Tarkin convoca i comandanti Cumberlayne Aresko e Myles Grint per parlare con loro. Dopo un po', Tarkin non accetta il loro fallimento nel tentativo di catturare i ribelli, ed è per questo che ordina freddamente al Grande Inquisitore di decapitarli tutti e due con la sua spada laser.
  • Altre... Altre cellule? (Myles Grint)
Personaggio di Star Wars Rebels. Il Grand Moff Tarkin convoca i comandanti Myles Grint e Cumberlayne Aresko per parlare con loro. Dopo un po', Tarkin non accetta il loro fallimento nel tentativo di catturare i ribelli, ed è per questo che ordina freddamente al Grande Inquisitore di decapitarli tutti e due con la sua spada laser.
  • Non hai idea di che cosa hai scatenato oggi. Ci sono cose molto più spaventose della morte! (Grande Inquisitore)
Personaggio di Star Wars Rebels. L'equipaggio dello Spettro si reca sullo Star Destroyer Sovereign per salvare il loro leader Kanan Jarrus e il loro droide Chopper. Entrati sullo Star Destroyer, il gruppo si divide: mentre Hera Syndulla, Sabine Wren e Garazeb Orrelios vanno a prendere Chopper, il giovane Ezra Bridger salva il suo maestro Kanan Jarrus. Tuttavia, i due sono costretti a combattere il loro nemico, il malvagio Grande Inquisitore. Nel corso della lotta, l'Inquisitore fa cadere Ezra da un baratro, e Kanan pensando di aver perso per sempre il suo apprendista (ma poco dopo scoprirà che è di nuovo vivo), si scaglia contro il Grande Inquisitore, distruggendogli la sua spada laser, e le due lama cadono anche loro e distruggono il reattore principale, provocando così l'esplosione dello Star Destroyer. In seguito, Kanan si appresta ad uccidere il Grande Inquisitore, ma quest'ultimo cade anche lui, e muore nell'esplosione.
  • Come volete! (Ministro Maketh Tua)
Personaggio di Star Wars Rebels. Il ministro imperiale Maketh Tua contatta l'equipaggio dello Spettro per chiederle il loro aiuto da portarla via da Lothal, altrimenti verrà uccisa da Darth Vader per non essere riuscita a catturare i ribelli. Lo Spettro ritorna così su Lothal per portare via Tua dal pianeta, ma quando quest'ultima entra nella nave con cui doveva fuggire, esplode e Tua ne rimane uccisa.
  • No! No! (Settima Sorella)
Personaggio di Star Wars Rebels. Mentre Ezra Bridger sta combattendo contro la Settima Sorella, quest'ultima viene sollevata con la forza da Maul, che ordina al ragazzo di ucciderla. Tuttavia, visto che questo è contro l'ordine dei Jedi, Ezra si rifiuta di farlo, e perciò Maul decapita a sangue freddo la Settima Sorella con la sua spada laser.
  • Non possiamo lasciare che lo usi. (Quinto Fratello)
Personaggio di Star Wars Rebels. Mentre sono su Malachor, i tre nuovi Inquisitori, Settima Sorella, Quinto Fratello e Ottavo Fratello cercano di prendere un olocrone Sith trovato da Bridger. I tre Inquisitori combattono così contro Bridger, Jarrus, l'ex Jedi Ahsoka Tano e il loro nuovo alleato Darth Maul. Quinto Fratello viene però disarmato da Jarrus e ucciso a sangue freddo poi da Maul.
  • Dammi l'olocrone!! (Ottavo Fratello)
Personaggio di Star Wars Rebels. Dopo la morte del Quinto Fratello, l'Ottavo Fratello cerca di scappare sapendo di non avere alcuna possibilità contro i suoi nemici. Ma purtroppo, la sua spada laser, che era stata danneggiata da Jarrus, va in mille pezzi e l'Inquisitore muore cadendo nel baratro.
  • Non riesco a fermarla! (Morad Sumar)
Personaggio di Star Wars Rebels. Bridger, Jarrus e Morad Sumar entrono sotto copertura nella fabbrica imperiale su Lothal. In quell'occasione trovano purtroppo il Grand'ammiraglio Thrawn, che avendo scoperto che Sumar ha sabotato diversi spider-bike, gli ordina di testare il nuovo prototipo di spider-bike. Sumar testa così il prototipo, che però è difettoso ed esplode, provocando così la sua morte.
  • Non mi arrenderò mai di fronte a te, dovrai uccidermi! (Gar Saxon)
Personaggio di Star Wars Rebels. Sabine Wren, Ezra Bridger, Kanan Jarrus e Fenn Rau si recano su Krownest per parlare con il Clan Wren, composto dalla famiglia di Sabine. La madre della ragazza, Ursa Wren, non perdona però il fatto che Sabine l'abbia tradita anni prima, ed è per questo che contatta lo spietato viceré di Mandalore, Gar Saxon, per risolvere la faccenda. Ma Saxon ha altre intenzioni: eliminare tutto il Clan Wren, avendo ospitato dei ribelli. Sabine però lo combatte, ma si rifiuta di ucciderlo. Così non appena Sabine si gira, Saxon si appresta a spararle, ma Ursa, capendo di aver sbagliato, gli spara contro.
  • Egli... ci vendicherà... (Darth Maul)
Personaggio della trilogia prequel, ripreso in Star Wars: The Clone Wars e Star Wars Rebels. Il perfido Sith Darth Maul si reca sul pianeta desertico Tatooine per cercare il suo leggendario nemico, il maestro Jedi Obi-Wan Kenobi. Tuttavia, una volta arrivato sul pianeta, Maul si perde. Perciò, manipola il giovane Bridger per condurlo al vecchio Jedi. Mentre Kenobi manda via il ragazzo (che era riuscito a trovarlo), Maul gli chiede perché si sia nascosto su Tatooine, magari per proteggere qualcosa o qualcuno. A quel punto, Kenobi accende la sua spada laser, e i due iniziano a lottare, fino a quando Kenobi ferisce accidentalmente Maul sul petto. Prima di spirare, Maul chiede a Kenobi se crede che colui che sta proteggendo (Luke Skywalker) sia davvero il Prescelto. Kenobi risponde di sì e Maul (spirando sereno) afferma che un giorno egli li vendicherà. Subito dopo, Kenobi gli chiude gli occhi in segno di rispetto.
  • Aspettate... Ora! (Jun Sato)
Personaggio di Star Wars Rebels. Durante la battaglia di Attollon, il comandante Jun Sato ordina a metà del suo equipaggio di abbandonare la sua nave, e Sato ordina a loro di scagliarsi contro la nave dell'ammiraglio Kassius Konstantine, uccidendo entrambi e permettendo al giovane Ezra Bridger di fuggire dalla battaglia e chiedere aiuto ai Mandaloriani su Krownest.
  • No! Effettuare azione evasiva! (Kassius Konstantine)
Personaggio di Star Wars Rebels. Durante la battaglia di Attollon, l'ammiraglio Kassius Konstantine decide di ignorare gli ordini del Grand'ammiraglio Thrawn per dimostrargli che anche lui può essere utile. Così decide di attaccare la nave del comandante Sato, pensando che stesse per scappare, ma poco dopo Konstantine rimane ucciso quando Sato si schianta contro la sua nave.
  • Stalli dietro, dopo di loro! (Brom Titus)
Personaggio di Star Wars Rebels. Ezra Bridger, Sabine Wren e il droide Chopper sono in missione nel tentativo di distruggere un'antenna imperiale. Qui vengono però intercettati dallo spregevole ammiraglio Brom Titus, che ordina ai suoi uomini di attaccarli. Ma i tre vengono aiutati da Saw Gerrera, che li fa entrare nella sua nave, e mette degli esplosivi sotto la nave di Titus, distruggendola e uccidendolo.
  • Oh, no... (Slavin)
Personaggio di Star Wars Rebels. Dopo essere stati salvati da Gerrera, Bridger, Wren e Chooper entrano in una grossa nave imperiale nel tentativo di scoprire un progetto segreto dell'Impero. Arrivati, trovano un gigantesco cristallo verde, che però sta per esplodere. Così, Bridger, Wren, Chopper e Gerrera fuggono, mentre l'ammiraglio Slavin e il suo equipaggio vengono uccisi dall'esplosione.
  • Dove sta andando? (Vult Skerries)
Personaggio di Star Wars Rebels. Hera Syndulla guida un coraggioso attacco ribelle nel tentativo di distruggere la fabbrica imperiale su Lothal. Hera ha uno scontro diretto con il maggiore dell'Impero Vult Skerries, ma riesce a sconfiggerlo grazie ad un inganno, colpendo una delle ali del Caccia TIE di Skerries, che si schianta contro uno Star Destroyer, morendo.
  • È il siero della verità che parla. (Kanan Jarrus)
Personaggio di Star Wars Rebels. Kanan Jarrus, Ezra Bridger e Sabine Wren si recano alla fabbrica imperiale su Lothal per liberare il loro capitano Hera Syndulla. Mentre Ezra e Sabine riescono ad acquisire una nave, Kanan libera Hera e fuggono. Raggiunti Ezra e Sabine, il gruppo si appresta a fuggire, ma la spietata Governatrice Arihnda Pryce ordina di distruggere i serbatoi di carburante dove i quattro ribelli si trovano. Kanan decide così di sacrificarsi, morendo nell'esplosione e permettendo a Hera, Ezra e Sabine di fuggire.
  • Il tempio sta crollando! Che cosa avete fatto?! Tutto quanto verrà perduto! (Ministro Veris Hyden)
Personaggio di Star Wars Rebels. Inseguito dalle forze imperiali guidate dal Ministro Veris Hyden, l'equipaggio dello Spettro sembra non avere più qualche possibilità. Tuttavia, Ezra attiva il vero potere di un mosaico del Tempio Jedi su Lothal, e il Tempio comincia a crollare. Mentre lo Spettro riesce a salvarsi, Hyden e le forze imperiali purtroppo muoiono.
  • Neanche a me! (Rukh)
Personaggio di Star Wars Rebels. Garazeb Orrelios e l'ex agente imperiale Kallus stanno cercando di riaccendere delle bombe per distruggere la fabbrica imperiale su Lothal. Ma i due vengono intercettati dallo scagnozzo del Grand'ammiraglio Thrawn, Rukh. Mentre Kallus cerca di accendere le bombe, Zeb combatte contro Rukh, che lo incastra in una delle bombe, e quando Kallus attiva le bombe, quest'ultime uccidono Rukh.
  • È stato un onore servire con te Rex. È stato un onore combattere al tuo fianco per qualcosa che abbiamo scelto per crederci. (Gregor)
Personaggio di Star Wars Rebels. Mentre la battaglia finale per liberare Lothal dal regime imperiale una volta per tutte inizia, il comandante clone Gregor viene ferito a morte da uno stormtrooper. Il suo amico, il capitano clone Rex, lo raggiunge e Gregor, prima di morire, ammette quanto li è piaciuto combattere al suo fianco.
  • Io rimarrò fedele all'Impero fino alla fine. (Governatrice Arihnda Pryce)
Personaggio di Star Wars Rebels. Quando la battaglia è finita e l'esercito imperiale è sconfitto, i ribelli programmano di fuggire dalla fabbrica imperiale e distruggerla. Il leader del gruppo, Ryder Azadi, chiede alla Governatrice Arihnda Pryce se vuole venire con loro, ma Pryce rifiuta. A questo punto il gruppo fugge, e distrugge la fabbrica imperiale, e la spietata Governatrice Imperiale muore nell'esplosione.
Guerre stellari di George Lucas
Trilogia prequel: Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma · Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni · Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith
Trilogia originale: Guerre stellari · L'Impero colpisce ancora · Il ritorno dello Jedi
Trilogia sequel: Star Wars: Il risveglio della Forza · Star Wars: Gli ultimi Jedi
Anthology: Rogue One: A Star Wars Story · Solo: A Star Wars Story
Ultime parole