Apri il menu principale

Proverbi giapponesi

lista di un progetto Wikimedia

Raccolta di proverbi giapponesi.

Indice

ProverbiModifica

  • 人事を尽くして天命を待つ[1] (じんじをつくしててんめいをまつ, jinji o tsukushite tenmei o matsu)
Ci si affatica nelle faccende e si aspetta il verdetto divino.
L'uomo fa quel che può ma alla fine decide la provvidenza. Equivalente a «L'uomo propone e Dio dispone».
  • 猿も木から落ちる[2] (さるもきからおちる, saru mo ki kara ochiru)
Anche le scimmie cadono dagli alberi.
Tutti possono commettere degli errori.

Con sola traduzioneModifica

Les mots que l'on n'a pas dits sont les fleurs des silences.[5]
  • Nemmeno i cani sono capaci di mangiarsi i litigi fra marito e moglie.[6]
  • Non tirare la coda al gatto, potresti trovare i denti di una tigre.[7]
  • Quando i topi infestano il palazzo, il gatto più lento è meglio del più veloce cavallo.[7]
  • Un amore unico arriva fino al cielo.[8]
  • Un gatto affettuoso è il miglior rimedio contro la depressione.[9]
  • Un pasto senza riso non è un pasto.[10]

NoteModifica

  1. Citato in jinjiwotsukushitetenmeiwomatsu, romajidesu.com.
  2. Citato in sarumokikaraochiru, romajidesu.com.
  3. Citato in Keiko Ichiguchi, Non ci sono più i giapponesi di una volta, Kapplab, Ferrara, 2013, p. 116. ISBN 978-88-98002-52-8
  4. Cfr. William Wordsworth: «Il bambino è padre dell'uomo».
  5. Citato in Yves-Marie Visetti,Pierre Cadiot, Motifs et proverbes: Essai de sémantique proverbiale, Presses Universitaires de France, Parigi, 2006, Anteprima Google
  6. Citato in G. D'Ambrosio Angelillo, Proverbi sulle donne, Acquaviva, 2005, p. 63. ISBN 88-7877-017-5
  7. a b Citato in Alessandro Paronuzzi, José e Renzo Kollmann, Non dire gatto..., Àncora, Milano, 2004, p. 88. ISBN 88-514-0219-1
  8. Citato in G. D'Ambrosio Angelillo, Proverbi sulle donne, Acquaviva, 2005, p. 58. ISBN 88-7877-017-5
  9. Citato in Fabio Nocentini, I poteri magici del gatto, De Vecchi, Milano, 2011, p. 99. ISBN 9788841240762
  10. Citato in Michio e Aveline Kushi, La nuova cucina macrobiotica, a cura di Edward e Wendy Esko, traduzione di Franca Caspani e Antonella Pelloni, Edizioni Mediterranee, Roma, 2004, p. 87. ISBN 88-272-0728-7

Voci correlateModifica