Apri il menu principale

Drago

creatura mitico-leggendaria
Drago raffigurato a Universal Studios, Florida

Citazioni sui draghi.

Indice

CitazioniModifica

  • Anni or sono, quando l'uomo era giovane e il drago già vecchio, il più saggio della nostra razza ebbe pietà dell'uomo. Egli radunò tutti i draghi facendo giurare loro di vegliare sull'uomo, sempre. E al momento della sua morte, la notte divenne viva con quelle stelle. Fu così che nacque il Paradiso dei Draghi. Ma quando moriamo, non tutti i draghi sono ammessi in questo luogo lucente. No, dobbiamo guadagnarlo. E se non lo facciamo il nostro spirito sparisce come se non fossimo mai esistiti. (Dragonheart - Cuore di drago)
  • C'è un punto debole sotto la gola, lì. Vede? Devi trafiggerlo con un coltello o una daga. Zak! È l'unico modo per uccidere un drago. (Hrothgar, La leggenda di Beowulf)
  • E cos'è una favola, senza un drago da uccidere? (Desperate Housewives)
  • È meglio testa di lucertola che coda di drago. (proverbio italiano)
  • È pur vero che anch'io ho ucciso draghi, come tuo padre. Ma come per molti, sfortunatamente, i draghi erano solo nella mia testa. (Vikings)
  • I draghi non vincono una guerra da trecento anni, gli eserciti la vincono in ogni momento. (Il Trono di Spade)
  • I draghi sono draghi proprio perché gli uomini non possono nulla contro di loro. (Berserk)
  • I draghi vivono in tane maleodoranti sotto le profondità di montagne sgretolanti, e per raggiungerli bisogna attraversare laghi di fuoco e cercare in qualche modo di evitare di essere divorato vivo da draghetti cuccioli. (Roger Ebert)
  • Il Drago è ovunque. Il Drago è in ogni cosa. Le sue squame brillano nella corteccia degli alberi. Il suo ruggire si sente nel vento. E la sua forcuta lingua colpisce come il fulmine. (Mago Merlino, Excalibur)
  • Il drago è una creatura temibile ed essi devono aver visto in esso un'alternativa all'assenza del Creatore e al silenzio della Sua Andraste. (Dragon Age: Origins)
  • Il drago senza san Giorgio non sarebbe stato nemmeno grottesco. (Gilbert Keith Chesterton)
  • Il fuoco non uccide un drago. (Daenerys Targaryen, Il Trono di Spade)
  • Mi auguro che non stiamo dando la caccia a un drago. [...] La seccatura di un normale troll marino basterebbe per un giorno. (Caitlín R. Kiernan)
  • Non vi sembra un po' curioso che quello che Hagrid desidera di più sia un drago e che si presenti uno sconosciuto che per caso ne ha uno? Quante persone vanno in giro con un uovo di drago in tasca? (Harry Potter e la pietra filosofale)
  • Ora tu vedi il passato e il presente, come le altre creature inferiori: non hai facoltà più elevate della memoria e della percezione. Ma i draghi, ragazzo mio, hanno una mente assai diversa. [...] Vediamo come se ci trovassimo in vetta a una montagna: tutto il tempo, tutto lo spazio. In un istante scorgiamo la visione appassionata e il tumulto. Non che le cose falliscano per colpa nostra, intendimi. [...] I draghi non s'immischiano nel vostro insignificante libero arbitrio. Puah! (Il drago, John Gardner)
  • «Perché uccidono i draghi?» chiede alla madre che sospira e striscia lungo il bordo della pozza.
    «Perché loro non sono draghi. [...] Gli uomini non possiedono né il respiro infuocato né le ali dei draghi [...] Sono gelosi di queste cose e le temono.» (Caitlín R. Kiernan)
  • Quando ero piccola, molto più piccola di adesso, Pa mi disse che in un certo dialetto cinese il mio nome, Loung, significa "drago". Disse che i draghi sono gli animali degli dèi, se non dèi loro stessi. I draghi sono molto potenti e saggi, e spesso vedono il futuro. Mi spiegò anche che, come nei film, di tanto in tanto un paio di draghi cattivi possono venire sulla terra a seminare distruzione tra gli uomini, anche se la maggior parte di loro ci proteggono. (Loung Ung)
  • Ogni drago genera un S. Giorgio che lo uccide. (Khalil Gibran)
  • Un drago non è una fantasia oziosa. Quali che possano essere le sue origini, nella realtà o nell'invenzione, nella leggenda il drago è una potente creazione dell'immaginazione umana, ricca di significato più che il suo tumulo sia ricco d'oro. (J. R. R. Tolkien)
  • Vi era un gran drago e i Babilonesi lo veneravano. Il re disse a Daniele: "Non potrai dire che questo non è un dio vivente; adoralo, dunque". Daniele rispose: "Io adoro il Signore mio Dio, perché egli è il Dio vivente; se tu me lo permetti, o re, io, senza spada e senza bastone, ucciderò il drago". Soggiunse il re: "Te lo permetto". Daniele prese allora pece, grasso e peli e li fece cuocere insieme, poi ne preparò focacce e le gettò in bocca al drago che le inghiottì e scoppiò; quindi soggiunse: "Ecco che cosa adoravate!". (Libro di Daniele)

Il drago del lago di fuocoModifica

  • Come si può scendere a patti con un drago? Bisogna ucciderlo, come ho fatto io.
  • Guardate queste scaglie, queste creste. Quando un drago è così vecchio, non conosce altro che pene, continuamente. Diventa decrepito, storpio, miserevole.
  • Sapete una cosa? Maghi, la magia, stanno sparendo da questo mondo. Si estingueranno, e mi rende molto felice, perché con loro spariranno anche i draghi.
  • Un tempo i cieli ne erano pieni. Magnifici dorsi crestati e ali squamose s'innalzavano nel caldo abbraccio del vento.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica