Obi-Wan Kenobi

personaggio della saga di Guerre stellari

Obi-Wan Kenobi, maestro Jedi di Guerre stellari.

Cosplay di Obi-Wan

Citazioni di Obi-Wan KenobiModifica

Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasmaModifica

  • [Rivolto a Qui-Gon Jinn] Su una cosa avevi ragione, maestro: il negoziato è stato davvero breve!
  • [Su Anakin Skywalker] Come mai sento che abbiamo raccolto un'altra patetica forma di vita?
  • Maestro Yoda, ho dato a Qui-Gon la mia parola. Io addestrerò Anakin, anche senza l'approvazione del Consiglio, se occorre.
  • [Rivolto ad Anakin Skywalker] Il Consiglio mi ha concesso il permesso di addestrarti. Tu diventerai un Jedi. Te lo prometto.

Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloniModifica

  • Fa attenzione ai tuoi pensieri. Essi ti tradiscono. Tu hai fatto un giuramento all'Ordine dei Jedi che non è facile infrangere. E poi ricordati che non ti devi fidare di una che è in politica.
  • So per esperienza che i senatori pensano solo a compiacere chi finanzia le loro campagne, e non hanno scrupoli a mettere da parte le esigenze della democrazia per ottenere quei finanziamenti.
  • Palpatine è un politico. E ha l'intelligenza di conformarsi sia alle passioni che ai pregiudizi dei senatori.
  • [Rivolto ad Anakin Skywalker] Non so perché ma sento che tu sarai la mia fine...
  • [Rivolto ad Anakin Skywalker] Se passassi più tempo a esercitarti con la spada invece di fare lo spiritoso eguaglieresti il maestro Yoda in bravura!
  • Sono preoccupato per il mio Padawan. Non è pronto per compiere questa missione da solo. [...] Ha ancora molto da imparare, maestro. Le sue capacità lo hanno reso, beh, arrogante.

Star Wars: Clone WarsModifica

  • La prudenza non è mai troppa.
  • Quanto dirò solleverà un dibattito, ma al punto in cui noi siamo consiglierei di fare a meno delle prove e promuovere il mio padawan Anakin a cavaliere Jedi.
  • Anakin ha affrontato cose ben più difficili delle prove. Ha superato una prova di destrezza sconfiggendo quell'assassino oscuro sulla quarta luna di Yavin e ha sopportato un atroce prova della carne per mano del Conte Dooku, e continua a superare ogni prova di coraggio che questa guerra gli presenta.
  • Anakin, non sei più un bambino. Ma finché sarai il mio alievo, ti farai guidare dalla mia saggezza.
  • [Su Qui-Gon Jinn] Non passa giorno che io non cerchi consiglio nella sua saggezza. Ti trasmetto i suoi insegnamenti come meglio posso, e da quando sei con me hai dimostrato di essere in tutto all'altezza delle sue aspettative.
  • La prova più difficile da affrontare per uno Jedi è guardare dentro di sé. Spesso vediamo cose che non ci piacciono, ma esse non sono scritte in lettere di pietra. Sono le nostre scelte a plasmare il nostro destino.

Star Wars: The Clone WarsModifica

Star Wars: Episodio III - La vendetta dei SithModifica

  • Pilotare è per droidi!
  • I Sith sono la nostra specialità.
  • [Sul Generale Grievous] Che essere incivile.
  • Mandatemi a uccidere l'Imperatore. Non ucciderò mai Anakin. [...] Lui è come un fratello. Non posso ucciderlo.
  • [Rivolto ad Anakin Skywalker] Hai lasciato che questo Signore Oscuro ti corrompesse l'animo, finché sei diventato ciò che avevi giurato di distruggere.
  • La mia devozione va alla Repubblica, alla democrazia!
  • Soltanto un Sith vive di assoluti.
  • Ho fallito con te, Anakin! Ho fallito con te!
  • Anakin, il Cancelliere Palpatine è il male!
  • È finita, Anakin. Sto più in alto di te.
  • Tu eri il Prescelto! Era scritto che distruggessi i Sith, non che ti unissi a loro! Dovevi portare equilibrio nella Forza, non lasciarla nelle tenebre! [...] Eri mio fratello, Anakin. Ti volevo bene.

Star Wars Episodio III: La vendetta dei Sith (videogioco)Modifica

  • Anakin, ti prego! Torna alla luce. Pentiti di ciò che hai fatto. Io posso aiutarti!
  • Avete un'alta opinione di voi stessi per essere dei droidi da battaglia.
  • C'è sempre un droide più grosso!
  • Era meglio quando i cloni erano nostri alleati.
  • I droidi non dovrebbero giocare con le spade laser!
  • I droidi non sono famosi per il loro cervello.
  • [Rivolto al Generale Grievous] Molto astuto... Riservalo per ingannare uno dei tuoi droidi!
  • Non credere di essere in vantaggio per la tua stazza.
  • Non saranno delle mosse stravaganti a salvarti.
  • [Rivolto al Generale Grievous] Non sono qui per arrestarti, ma per ucciderti!
  • Qualcuno vi ha programmato per parlare troppo.
  • Quattro spade laser? Ne avrai bisogno, Grievous.
  • Sei più grande di me, prova a impegnarti!
  • [Rivolto al Generale Grievous] Sei programmato per giocare sporco!
  • Sono lusingato che il buon Generale Grievous mi consideri tanto pericoloso.
  • Ho voluto solo ciò che era meglio per te, Anakin. Non ero preparato per addestrare... uno come te. [...] Forse ti ho deluso... ma non ti abbandonerò al Lato Oscuro!

John Jackson MillerModifica

  • È così strano essere qui, in queste circostanze. Anni fa abbiamo portato via un bambino da Tatooine, credendo che fosse la più grande speranza della galassia. Adesso ho portato un bambino su Tatooine... per lo stesso identico motivo. Spero che stavolta le cose vadano meglio, perché finora questo cammino è stato lungo e doloroso per la galassia, per i miei amici... e per me.
    Non riesco ancora a credere che l'Ordine dei Jedi non esista più... e che Palpatine abbia una Repubblica corrotta nelle sue grinfie. E non riesco a credere che sia riuscito a corrompere anche Anakin. Gli olovidio in cui massacrava i giovani Jedi nel Tempio perseguitano i miei sogni... e mi fanno sempre più male.
    Può darsi che questo bambino rappresenti una speranza, alla luce delle morti di tanti altri bambini come lui.
  • Non posso più permettermi di reagire come avrebbe fatto Obi-Wan Kenobi. Non posso più accendere la mia spada laser senza che qualcuno si accorga che sono un Cavaliere Jedi. Immagino che ci conoscano persino su Tatooine!
  • Meno messaggi invio da casa mia, meglio è. Che cosa succederebbe se Palpatin avesse occhi dappertutto in cerca di Cavalieri Jedi superstiti? Non oso immaginarlo.
    A proposito di Jedi... spero che ne siano sopravvissuti altri. Non riesco a credere di essere l'unico ancora in vita. È inconcepibile.
  • Il nostro incontro mi ha permesso di usare per la prima volta il nuovo nome che ho scelto. Ti piacerà: è Ben. L'ho letto su una mappa nell'agenzia immobiliare di Bestine. Credo che ci sia un altopiano che si chiama così. Mi chiamava così anche Satine, quando eravamo soli. Mi piace come suona.
  • I suoi poteri ci avevano colpito. E avevano colpito anche lui, solo che non li ha mai rispettati. Soprattutto alla fine.
    Ho ancora la sua spada laser, sai? Ce l'ho tra le mani in questo momento. Certe notti, come questa, mi ritrovo seduto a fissarla, chiedendomi che cosa avrei potuto fare per aiutarlo.
  • Ci siamo addestrati per trovare la calma anche sui pianeti più affollati, ricordi? Coruscant straripava di gente, ma noi riuscivamo a meditare lo stesso. Verrebbe da pensare che questo sia il giusto posto per meditare.
    Eppure non lo è. E non riesco a spiegarmelo.
    Una volta dicevi che, in questi casi, il problema non era il posto, ma la persona. Non so che cosa fare. Non credo che le cose cambieranno tra sei mesi o tra sei anni, se non ce ne vorranno anche di più prima che nella galassia torni la pace. I miei amici non torneranno mai più in vita. Non mi perdonerò mai per quello che ho fatto al povero Anakin.
  • Ciascuno di noi vive ogni tragedia a modo suo.
  • Non mi permetterei mai di giudicare qualcosa senza conoscerla a fondo.
  • Tutto quello che sembra permanente, scontato, ha il brutto vizio di cambiare in fretta e diventare irriconoscibile. E non sempre per il meglio.
  • La galassia è piena di esseri che non ci somigliano per niente. Possiamo provare a comprenderli. Anzi, dobbiamo farlo, ma anche se accettiamo la loro natura, non siamo obbligati a fare da cena a un sarlacc solo perché ha fame.
  • Finirò in qualche incidente galattico ogni volta che metterò piede fuori di casa? In questo caso, non uscirò più. Dico sul serio, mi sta bene!
  • Ho fatto di nuovo quel sogno.
    Era identico al precedente. Non ero in me. Era come se vedessi il mondo attraverso... qualcosa. Una specie di galleria, un filtro. E poi ho sentito gridare.
    Scommetto che sei stanco di sentirmi parlare di sogni... in fondo lo faccio ogni settimana da quando sono arrivato su Tatooine. Mi sveglio sempre di soprassalto. In qualche modo, ho l'impressione che si tratti di Anakin.
    Le ultime volte è cambiato leggermente. La galleria è più stretta e luminosa. Di solito è tutto rosso e offuscato, ma ieri notte era come se vedessi... be', attraverso gli occhi di un Tusken, per quanto possa sembrare strano.
    E il grido era meno forte del solito. Mi è sembrato distante, incerto. Le altre volte mi aveva preoccupato di più.
    Non so che cosa significhi.
    Temo che questo sogno rappresenti la luce che si offusca nella galassia e il mio senso di colpa per essermi nascosto. Se rimanessi qui a lungo, forse finirei per non udire più le grida delle vittime di Palpatine.
  • Sei stato tu a dirmi di concentrarmi sulla Forza vivente, cioè sulle vite di quelli che ci circondano piuttosto che sul grande disegno i cui ci parlava sempre il Maestro Yoda. Vivere qui, su questo piccolo pianeta, coi suoi piccoli drammi... è stato quasi illuminante.
    Sono esperienze che ho trascurato mentre correvo di qua e di là cercando di salvare la galassia. Non mi rendevo conto che per molte persone i loro problemi sono tanto importanti quanto lo erano i nostri. Ho imparato una lezione importante.
  • Prendiamo le feste. [...] Le ho sempre considerate come dei grandi esperimenti di dinamica sociale. È un po' come se mettessero a ferro e a fuoco ogni legame allo stesso tempo.
  • Anche le vite che ci sembrano insignificanti nascondono una profondità senza fine. [...] Persino quelli che vivono negli angoli più remoti di un pianeta possono avere a cuore centinaia di persone, quando non si tratta dell'intera galassia.
  • Non sono un ingenuo padawan. Non più. So che i legami possono giocare a nostro sfavore. La natura dei nostri incarichi rischia di metterli in pericolo. Peggio ancora, possono diventare qualcosa che possediamo e che sentiamo il bisogno di proteggere e sorvegliare.
    Ammetto che, a volte, mi chiedo se non sia questo il punto debole dei Jedi. Non tutti sono come Anakin. E se amare profondamente una persona – nello specifico, una persona buona come Padmé – deve essere distruttivo per puro e semplice principio, allora la Forza ha uno strano modo di concepire la differenza tra bene e male. Una volta mi hai detto tu stesso che i Jedi non sono sempre stati contrari ai legami sentimentali. Considera questo aspetto: la Forza scorre potente nelle famiglie di sangue. Ecco perché mi chiedo se la Forza capisca davvero ciò che vuole.
  • Si può anche esser pronti a morire... e preferire vivere.
  • Non serve un potere illimitato per mietere vittime. A volte, basta essere soltanto disperati.
  • Le nostre vite possono cambiare dal giorno alla notte senza alcun preavviso. A volte succede perché non siamo abbastanza onesti. Altre volte, succede e basta, senza che sia colpa di nessuno...
  • "In lui c'è del buono". Me lo aveva detto Padmé, riferendosi ad Anakin. Non so se ci ho davvero creduto. Se fossi stato più attento alle sue piccole trasgressioni, forse sarei riuscito a prevedere il sentiero che aveva intrapreso. Non lo so.
  • Palpatine non ha corrotto Anakin tutto da solo. Anakin aveva già i suoi bei difetti. Difetti che non ero riuscito a scorgere, quando invece avrei dovuto prepararlo a correggerli. L'Imperatore, comunque, ha giocato un ruolo chiave. Non so neppure se sarei riuscito a salvare Anakin dalla sua influenza. Quando ci ho provato, era già troppo tardi.
  • Obi-Wan continua a intromettersi nella vita di Ben Kenobi. Naturalmente siamo la stessa persona, ma quella parte di me che è Obi-Wan vuole sempre aiutare il prossimo e fare del bene. Vuole essere un Jedi! È l'unico modo per essere in pace con me stesso anche se gli altri soffrono.
  • A volte bisogna perdere tutto, se si vuole scoprire la strada giusta da percorrere.
  • Sono stati due giorni molto lunghi, eppure non mi sento stanco.
    Mi avete messo di nuovo alla prova. Vero, Qui-Gon? Quando finalmente ti deciderai a rispondermi, spero che mi dirai se l'ho superata.
    Ora so qual è il mio posto: nell'ombra. Ho vissuto i momenti più importanti della galassia, come in cima a una montagna, per troppi anni. Adesso sono tornato a valle e dovrebbe esserci più calma.
    Prima o poi uscirò dall'ombra.
    Questa sera ho sorvegliato la fattoria dei Lars... e nel frattempo ne ho approfittato per guardare il cielo. Credo di aver visto l'astronave sopra l'orizzonte. Di solito le stelle non spariscono nel nulla.
    Loro sono al sicuro, lassù. Luke è al sicuro, quaggiù.
    E io... io me la caverò.
    Mi aspetta un lungo viaggio, Qui-Gon. Che la Forza sia con te.
    Torno a casa.

Star Wars RebelsModifica

  • Qui è il maestro Obi-Wan Kenobi. Mi addolora riferire che sia l'Ordine dei Jedi che Repubblica sono caduti, e l'oscura ombra dell'Impero si leva a prendere il loro posto. Questo messaggio è un avvertimento e un monito per tutti i Jedi sopravvissuti: confidate nella Forza. Non ritornate al Tempio; quei giorni sono finiti e il nostro futuro è incerto. Verremo tutti messi alla prova nella fiducia, nella fede, nelle amicizie, ma dobbiamo perseverare, e col tempo, una nuova speranza vedrà la luce. Che la Forza sia con voi, sempre.
  • Se ti definisci per il tuo potere di togliere la vita, il tuo desiderio di dominare, di possedere, allora non hai niente.

Guerre stellariModifica

  • La desolazione dello Jundland non va attraversata tanto alla leggera.
  • Una volta io ero un cavaliere Jedi, come tuo padre. [...] Era il miglior stella-pilota della galassia, e un astuto guerriero. Ho sentito che sei diventato un ottimo pilota anche tu. Ed era un caro amico.
  • [Sulla spada laser] Questa è l'arma dei cavalieri Jedi. Non è goffa o erratica come un fulminatore. È elegante, invece, per tempi più civilizzati. Per oltre mille generazioni i cavalieri Jedi sono stati i guardiani di pace e giustizia nella vecchia Repubblica, prima dell'oscurantismo. Prima dell'Impero.
  • Un giovane Jedi, di nome Dart Fener, che era stato mio allievo finché non si volse al male, aiutò l'Impero a dare la caccia ai cavalieri Jedi e a distruggerli. Egli tradì e assassinò tuo padre. Ora i Jedi sono praticamente estinti. Fener fu sedotto dalla parte tetra e oscura della Forza.
  • La Forza è quella che dà ai Jedi la possanza, è un campo energetico creato da tutte le cose viventi. Ci circonda, ci penetra, mantiene unita tutta la galassia.
  • Chi è più pazzo, il pazzo o il pazzo che lo segue?
  • Non puoi vincere, Dart. Se mi abbatti io diventerò più potente di quanto tu possa immaginare!
  • Ricorda, Luke: la Forza sarà con te, sempre.

L'Impero colpisce ancoraModifica

  • Luke. [...] Tu andrai al sistema Dagobah. [...] Là sarai istruito da Yoda, il grande maestro Jedi che insegnò a me.
  • [Rivolto a Yoda sull'impazienza di Luke Skywalker] Ero diverso io quando tu mi insegnasti?
  • Il ragazzo è la nostra ultima speranza.

Il ritorno dello JediModifica

  • Tuo padre fu sedotto dal Lato Oscuro della Forza. Cessò di essere Anakin Skywalker e divenne Dart Fener. Quando ciò accadde, tutto il bene che era in tuo padre venne distrutto. Quindi quello che ti dissi era vero, da un certo punto di vista.
  • Luke, scoprirai che molte delle verità che affermiamo dipendono spesso dal nostro punto di vista. Anakin era un buon amico. Quando io lo conobbi, tuo padre era già un grande pilota. Rimasi stupito di quanto intensamente la Forza fosse con lui. Così mi assunsi il compito di farlo diventare uno Jedi. Credevo di poterlo istruire come avrebbe fatto Yoda. Avevo torto.
  • [Su Dart Fener] È più una macchina, ora, che un uomo. È contorto, è malvagio.

Timothy ZahnModifica

  • La Forza è con te, Luke, e con disciplina e perseveranza ti renderà sempre più potente. [...] Ma non devi mai abbassare la guardia. L'imperatore non c'è più, ma il lato oscuro è ancora potente, ricordalo.
  • Ti ho voluto bene come a un figlio, a un discepolo e a un amico. Finché non saremo di nuovo insieme, che la Forza sia con te.
  • Non sei l'ultimo Jedi, Luke, ma il primo di una nuova generazione.

FilmModifica

Serie televisiveModifica

Altri progettiModifica

Guerre stellari di George Lucas
Trilogia prequel: Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma · Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni · Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith
Trilogia originale: Guerre stellari · L'Impero colpisce ancora · Il ritorno dello Jedi
Trilogia sequel: Star Wars: Il risveglio della Forza · Star Wars: Gli ultimi Jedi · Star Wars: L'ascesa di Skywalker
Anthology: Rogue One: A Star Wars Story · Solo: A Star Wars Story
Serie tv: Droids Adventures · Star Wars: Clone Wars · Star Wars: The Clone Wars · Star Wars Rebels · The Mandalorian
Videogiochi: Star Wars: Bounty Hunter · Star Wars: Knights of the Old Republic · Star Wars Episodio III: La vendetta dei Sith · Star Wars: Il potere della Forza · Star Wars: Il potere della Forza II · Star Wars: Battlefront II
Personaggi: Darth Bane · C-3PO · Conte Dooku · Dart Fener · Boba Fett · Jango Fett · Generale Grievous · Obi-Wan Kenobi · Darth Maul · Palpatine · Darth Plagueis · Luke Skywalker · Ahsoka Tano · Grand'ammiraglio Thrawn · Asajj Ventress · Yoda
Gruppi e organizzazioni: Droide · Impero Galattico · Jedi · Mandaloriani · Repubblica Galattica · Sith
Altro: Forza · Guerra dei cloni · Spada laser
Ultime parole