Grand'ammiraglio Thrawn

personaggio della saga di Guerre stellari

Thrawn

Immagine Grand Admiral Thrawn.jpg.
Universo Guerre stellari
Alter ego Mitth'raw'nuruodo
Voce originale
Voce italiana

Grand'ammiraglio Thrawn, personaggio di Guerre stellari creato da Timothy Zahn.

Citazioni di ThrawnModifica

Timothy ZahnModifica

  Citazioni in ordine temporale.

L'erede dell'ImperoModifica

  • Dall'arte si possono imparare molte cose, capitano. [...] È solo comprendendo appieno l'arte di una specie, che se ne può conoscere veramente il carattere.
  • Mi dica, Maestro C'baoth, è al corrente della disastrosa sconfitta della flotta imperiale nella battaglia di Endor cinque anni fa? [...] Si sarà chiesto come mai poche decine di navi ribelli siano riuscite a sgomitare una forza imperiale che era almeno dieci volte meglio armata di loro. [...] I Ribelli combatterono meglio, ma non perché fossero più bravi o meglio addestrati. Vinsero perché l'imperatore era morto. [...] Improvvisamente mancò il coordinamento tra equipaggio e navi, calarono l'efficienza e la disciplina, in breve, venne meno quella qualità indefinibile che si chiama di solito "spirito di combattimento".
  • Lei è stato troppo tempo agli ordini di lord Vader, capitano. [...] Io non ho nulla in contrario ad accettare un'idea brillante anche se non è venuta a me. La mia posizione e il mio ego non ne risentono affatto.
  • È stato uno dei miei fallimenti, nei Margini della Galassia. L'unica volta in cui capire l'arte di un popolo non mi ha aiutato a capirne la mentalità. Forse adesso sarebbe diverso... [...] Ho finito con l'annientare definitivamente il loro mondo.
  • Sa qual è la differenza tra uno sbaglio e un errore, ufficiale? [...] Tutti possono sbagliare, ufficiale, ma uno sbaglio non diventa un errore che quando ci si rifiuta di correggerlo.
  • L'Impero è in guerra, capitano. [...] Non possiamo permetterci il lusso di tenere uomini con la mente limitata al punto di non sapersi adattare a situazioni impreviste.
  • Il potere fa gola a tutti e più se ne ha più se ne vorrebbe.
  • [Dopo la battaglia di Sluis Van] Questa volta abbiamo perso, capitano, ma non si tratta che di una partita. Non voglio sprecare navi e uomini per cercare di cambiare quel che non può essere cambiato.

Sfida alla Nuova RepubblicaModifica

  • Non dimentichi, capitano, che i nostri obiettivi non sono più le pietose scaramucce nelle retrovie di questi ultimi cinque anni. Con il monte Tantiss e i cilindri Spaarti dell'Imperatore nelle nostre mani, possiamo nuovamente prendere l'iniziativa. Molto presto ricominceremo a riconquistare i pianeti che la Ribellione ci ha sottratto e per questo avremo bisogno di un esercito all'altezza degli ufficiali e degli equipaggi della flotta di ogni sua parte.
  • L'eloquenza non sempre si traduce in competenza in campo militare.
  • Le qualità che distinguono un guerriero da un semplice combattente esagitato sono la concentrazione, l'attenzione, la pianificazione a lungo termine, qualità che C'baoth non ha.
  • A comandare l'Impero sono io, non l'Imperatore ormai morto da tempo.
  • Il senso di completo abbandono è uno degli strumenti psicologici più utili a nostra disposizione.
  • Nessun ufficiale della flotta imperiale può permettersi il lusso di provare sentimenti contrastanti, soprattutto se desidera arrivare a ricoprire posizioni di comando.

L'ultima missioneModifica

  • La guerra è sempre soggetta ad alti e bassi, ma le assicuro che la Ribellione pagherà cara la distruzione del Peremptory durante i combattimenti per la flotta Katana. Tuttavia, ciò avverrà nel contesto della nostra strategia generale e non per effetto di una vendetta privata.
  • È buona norma considerare i costi di un'operazione, prima di lanciarla.
  • Io non sono Darth Vader, Ferrier, io non spreco risorse umane. Né prendo alla leggera la morte dei miei uomini.
  • La storia è in continuo movimento, capitano. Chi non riesce a stare al passo, resta indietro a guardare da lontano.
  • [Ultime parole] Era una vera opera d'arte.

Star Wars RebelsModifica

  • Ad ogni nave che aggiungeranno, aumenterà la minaccia alla nostra flotta e ai piani dell'Imperatore. [...] Inizierò le mie operazioni qui e farò i ribelli a brandelli, pezzo dopo pezzo. Saranno gli architetti della loro distruzione. (Stagione 3, Passi nell'ombra)
  • Per sconfiggere un nemico, bisogna conoscerlo. Non solo le tattiche di combattimento, ma la sua storia, la filosofia, l'arte. (Stagione 3, Gli eroi di Hera)
  • Guerra. Non hai conosciuto altro, vero? Una piccola sopravvissuta alla guerra dei cloni: il fatto che tu abbia un tale spirito battagliero non desta stupore. La guerra ce l'hai nel sangue. Io studio l'arte della guerra, cerco di perfezionarla, ma tu... sei stata forgiata da essa. (Stagione 3, Gli eroi di Hera)
  • I ribelli hanno sempre amici che corrono in loro soccorso. (Stagione 3, Gli eroi di Hera)
  • Quello che fabbricate qui lo testerete personalmente. Mi aspetto che la frequenza dei guasti cali sensibilmente. (Stagione 3, La talpa)
  • Mi piace conoscere il significato dei pezzi che colleziono. Per me, non sono dei semplici trofei, ma... simboli, che rappresentano alcuni dei miei avversari più valorosi. (Stagione 4, Notte Jedi)

Citazioni su ThrawnModifica

Timothy ZahnModifica

  • Penso che Thrawn sia davvero diverso da qualunque altro personaggio visto nei film o nelle serie TV. Non era malvagio, aveva i suoi piani ma era molto intelligente. Era qualcuno che non avrebbe mai detto: "Feccia ribelle!", ma più: "Vi capisco, vi rispetto, ma siete miei nemici e vi distruggerò." Quindi era necessario batterlo in intelligenza: era un nemico contro il quale le spade laser non sarebbero servite e neanche in parte gli utilizzatori della Forza. Avrebbe potuto sconfiggere i suoi nemici in qualsiasi situazione scelta da lui: tutto questo lo ha reso una grande sfida per gli eroi. Quando gli eroi affrontano una sfida così grande, devono quindi essere a loro volta più eroici.
  • Nel libro Thrawn è sempre lo stesso personaggio che avevo inventato nel 1991 per la Trilogia di Thrawn. Nei libri successivi ho semplicemente esplorato momenti diversi della sua storia. Le persone che si occupano di Star Wars Rebels stanno facendo un ottimo lavoro nel portarlo sul piccolo schermo: comprendono il personaggio e sanno come scrivere per lui.
  • È davvero bravo negli scenari militari ma non lo è altrettanto in politica. Questo è ovviamente un punto debole e, per questo, ha bisogno di persone come Eli Vanto e il Governatore Arihnda Pryce per, in un certo senso, aiutarlo. Non voglio né che un eroe né che un cattivo sia perfetto: devono avere qualche debolezza o qualche problema: la politica è quello di Thrawn.

L'erede dell'ImperoModifica

  • Parecchi alti ufficiali e cortigiani dell'imperatore non avevano ancora imparato a sentirsi a proprio agio davanti a quegli occhi, né, del resto, in presenza di Thrawn in generale. Forse era per questo che il grand'ammiraglio aveva trascorso gran parte della propria carriera nell Regioni Ignote, dedicandosi a portare sotto il controllo dell'Impero quelle zone della galassia ancora allo stato barbarico. Grazie ai brillanti successi ottenuti si era guadagnato il titolo di Signore della Guerra e il diritto a indossare l'uniforme bianca di grand'ammiraglio. Era stato l'unico essere non umano a ottenere simili onori da parte dell'imperatore.
  • «Però è strano. Sembra che corra rischi sproporzionati ai benefici potenziali. Mi chiedo a che gioco stia giocando.»
    «Qualunque cosa sia, è complicata», disse Mara, consapevole della nota di amarezza nella propria voce. «Thrawn non è mai stato per le cose semplici. Persino ai vecchi tempi, quando l'Impero poteva permettersi stile e raffinatezza, lui si distingueva dalla massa.»
  • Thrawn non era solo un soldato, come gli altri uomini ai cui ordini Pellaeon aveva lavorato, era un vero e proprio guerriero, che anteponeva al proprio prestigio personale il raggiungimento dell'obiettivo finale.
    Dopo un'ultima occhiata fuori, Pellaeon diede ordine all'esercito di ritirarsi chiedendosi, ancora una volta, quale avrebbe potuto essere l'esisto della battaglia di Endor, se al comando ci fosse stato Thrawn.

Sfida alla Nuova RepubblicaModifica

  • Il fatto che l'Imperatore avesse deciso di fare di Thrawn uno dei suoi dodici grand'ammiragli dimostrava la fiducia che nutriva per quell'uomo, tanto più tenuto conto del patrimonio genetico non del tutto umano di Thrawn e dei noti pregiudizi dell'Imperatore in proposito. Inoltre, da quando Thrawn aveva assunto il comando della Chimaera e l'incarico di ricostruire la flotta imperiale, un anno prima, Pellaeon aveva avuto più di un'occasione per constatare il suo genio militare.
  • Leia lo osservò attraverso la rete, percorsa da un brivido gelido. Aveva sentito la descrizione che Han aveva fatto dell'uomo incontrato su Myrkyr: la pelle azzurrognola, gli occhi di un rosso incandescente, l'uniforme imperiale bianca. Aveva anche sentito Fey'lya liquidarlo come un impostore, o al massimo un moff autopromossosi grand'ammiraglio, e si era domandata se Han non si fosse per caso sbagliato.
    Ma in quel momento capì che non si era sbagliato.

L'ultima missioneModifica

  • C'baoth sbuffò. «Continuate a credere che la Repubblica farà tutto quello che Thrawn desidera.»
    «È così», rispose Pellaeon. «Il grand'ammiraglio studia i suoi nemici con grande attenzione.»
    «Studia la loro arte», ribatté C'baoth seccato. «Che servirà soltanto quando la Nuova Repubblica non avrà più che artisti da mandare contro di noi.»
  • Thrawn non segue modelli né strategie particolari e non ha debolezze note; studia il nemico e pianifica l'attacco sulla base delle sue lacune psicologiche. Non impegna eccessivamente le sue forze e non è troppo orgoglioso da tirarsi indietro se si accorge che sta per perdere. Cosa che non accade spesso, come vi sarete certo resi conto. (Mara Jade)
  • Cercate di capire, signori, che quando il nemico è uno come Thrawn le regole cambiano completamente. Tende reti invisibili e, quando le si nota, si è già in trappola.
  • Uno come il grand'ammiraglio Thrawn vuole che il nemico sia tanto convinto della forza dell'Impero da ritenerlo potente anche dove non lo è.
  • Thrawn era seduto con la schiena diritta sulla sua poltrona, l'espressione stranamente calma. Sull'uniforme candida da grand'ammiraglio si stava allargando una macchia rosso scuro. Al centro, in pieno petto, sporgeva l'impugnatura del pugnale di Rukh.
    Thrawn lo vide e, con grande sorpresa di Pellaeon, sorrise.
    «Era una vera opera d'arte», sussurrò.
    Il sorriso gli si spense sul volto e così la luce che brillava nei suoi occhi. Thrawn, l'ultimo dei grand'ammiragli, era morto.

Altri progettiModifica

Guerre stellari di George Lucas
Trilogia prequel: Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma · Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni · Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith
Trilogia originale: Guerre stellari · L'Impero colpisce ancora · Il ritorno dello Jedi
Trilogia sequel: Star Wars: Il risveglio della Forza · Star Wars: Gli ultimi Jedi · Star Wars: L'ascesa di Skywalker
Anthology: Rogue One: A Star Wars Story · Solo: A Star Wars Story
Serie tv: Droids Adventures · Star Wars: Clone Wars · Star Wars: The Clone Wars · Star Wars Rebels · The Mandalorian
Videogiochi: Star Wars: Bounty Hunter · Star Wars: Knights of the Old Republic · Star Wars Episodio III: La vendetta dei Sith · Star Wars: Il potere della Forza · Star Wars: Il potere della Forza II · Star Wars: Battlefront II
Personaggi: Darth Bane · C-3PO · Conte Dooku · Dart Fener · Boba Fett · Jango Fett · Generale Grievous · Obi-Wan Kenobi · Darth Maul · Palpatine · Darth Plagueis · Luke Skywalker · Ahsoka Tano · Grand'ammiraglio Thrawn · Asajj Ventress · Yoda
Gruppi e organizzazioni: Droide · Impero Galattico · Jedi · Mandaloriani · Repubblica Galattica · Sith
Altro: Forza · Guerra dei cloni · Spada laser
Ultime parole