Apri il menu principale

Enrico Letta

26esimo Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana

Citazioni di Enrico LettaModifica

  • Il silenzio esprime meglio il disgusto e mantiene meglio le distanze![1]
  • A Sochi ribadirò la contrarietà dell'Italia a qualunque normativa discriminatoria nei confronti dei gay, nello sport e fuori dallo sport.[2]
  • Ci affidiamo completamente a Lei, presidente Napolitano, con lo stesso trasporto di papa Francesco quando si rivolge all'Altissimo. [3]
  • Come ha detto Bersani, consideriamo legittimo che, come ogni imputato, Berlusconi si difenda nel processo e dal processo. Certo, legittimo non vuol dire né opportuno, né adeguato al comportamento di uno statista...[4]
  • Il Jobs Act è stato un passo avanti, però non sufficiente: c'è bisogno sul lavoro di fare molte altre cose perché oggi il vero problema è la disoccupazione e c'è bisogno di tutelare i lavoratori che hanno perso il lavoro. Le tutele crescenti non ci sono ancora a sufficienza. Bisogna aggiungere tutele.[5]
  • [Matteo Renzi ha risposto alle critiche ricevute da Lei e da Prodi dicendo: "Hanno due libri in uscita: sono in promozione editoriale". È così?] Se mi avesse fatto questa domanda qualche mese fa, avrei risposto con un sorriso e avrei tirato avanti. Mi permetto di dire che una frase del genere qualifica chi la dice. (22 marzo 2015)[6]
  • Non sono in grado di dare un voto al governo Renzi. La fortuna aiuta gli audaci e Renzi, che sicuramente è bravo ed audace, ha avuto fortuna.[7]
  • Ecco, lo voglio dire a tutti: non c'ho scritto Jo Condor in testa. L'ho imparato fin da bambino e al momento opportuno lo dimostrerò, nel senso che giocheremo all'attacco. [8]
  • [...] io detesto House of Cards. Credo che sia la peggiore delle fiction televisive che si possa far passare. L'idea di politica che esce da lì è una politica tutta fatta di intrighi, di cose terrificanti. (dal programma televisivo Che tempo che fa, 19 aprile 2015)[9]
  • La missione Isaf deve trovare una finalizzazione positiva: noi siamo parte di un sistema in cui ognuno fa la sua parte. Nessun paese libero può sottrarsi agli impegni di stabilizzazione per la pace. Solo con la Nato, l'Onu e l'Unione europea possiamo risolvere insieme i problemi che il terrorismo e l'assenza di pace comportano.[10]
  • La missione Isaf termina nel 2014, dopo la nostra presenza sarà completamente diversa, dedicata all'addestramento degli effettivi afghani. L'entità della presenza sarà discussa nel quadro bilaterale e naturalmente nel Parlamento italiano. Intendiamo rassicurare Karzai che vogliamo assicurare un futuro di progresso economico al Paese per il reciproco interesse.[10]
  • Leghiamo ad Expo l'obiettivo della ripresa economica del nostro Paese e questo vuol dire impegnarsi tutti. L'Esposizione sarà il cuore della ripresa e vincerà se sarà simbolo dell'unità nazionale. Per questo garantisco l'impegno totale del governo.[11]
  • L'ho detto nel discorso programmatico sul quale il Governo ha avuto la fiducia, e lo ribadisco qui oggi: la soluzione positiva, con il rientro in patria dei fucilieri di Marina Latorre e Girone è un impegno del nostro Governo.[12]
  • L'Italia oggi è presente sulla stampa estera per questa vicenda[13] è una vergogna che fa male all'Italia. Faccio appello a Maroni, presidente della più grande regione italiana con la quale stiamo lavorando per l'Expo, perché chiuda questa pagina velocemente. Se non la chiude si entra in una logica di scontro totale.[14]
  • L'Italia deve uscire dalla cappa di sottovalutazione e autolesionismo e l'Expo sarà l'occasione giusta.[11]
  • [Sulla morte di Mino Martinazzoli] Perdiamo e piangiamo un grande maestro e un insostituibile punto di riferimento politico e culturale. Da oggi siamo più soli.[15]
  • Vorrei fare in modo che il nuovo partito sia costruito un po' come l'enciclopedia Wikipedia, un po' come un quadro di Van Gogh. Come accade con Wikipedia, anche nel Pd ognuno delle centinaia di migliaia di partecipanti deve portare il proprio contributo, le proprie competenze, che in certi campi sono di sicuro maggiori delle mie e di quelle dei leader del centrosinistra. E, come i quadri di Van Gogh, il nuovo partito deve avere tinte forti: un giallo che sia giallo, un blu che sia blu.[16]

«Nichi pensa solo a se stesso. Al Pd serve un nuovo Prodi»

Intervista di Monica Guerzoni, Corriere della sera, 19 dicembre 2010, p. 13

  • Il tema dell'accordo con il centro per noi è strategico. Con questa legge elettorale non c'è spazio per una terza posizione, se il nuovo polo non viene con noi verrà riassorbito di là, fatalmente. Un terzo polo che va da solo, o una sinistra radicale isolata come quella di Vendola, uscirebbero dalle urne con un diritto di tribuna o poco più.
  • Gli attuali gruppi dirigenti hanno una responsabilità storica, è l'ultima chance che abbiamo per non essere travolti. Perdere ancora contro Berlusconi vorrebbe dire togliere al Paese l'ultima possibilità di evitare il declino che incombe. I sondaggi, e il buon senso, dicono che il Pd alleato a Di Pietro e Vendola farebbe rivincere il premier, dobbiamo costruire una cosa più larga.
  • Quando penso a un nuovo Prodi, penso a uno che deve immaginare tre missioni. Mettere in campo un pacchetto di proposte per ridare speranza ai giovani su casa, lavoro e famiglia. Riportare al centro l'investimento sul sapere e costruire un fisco che aiuti chi ha voglia di fare.
  • Per battere Berlusconi dovremo fare i salti mortali e non possiamo partire azzoppati. La destra vede come fumo negli occhi un asse tra noi e il terzo polo...

Citazioni su Enrico LettaModifica

  • Enrico Letta: il Papa Luciani della politica. È durato 33 giorni. Cioè, la carriera di una farfalla è durato. Sai, fai tanti anni da larva... appena ha aperto le ali gli è passato sopra Renzi con l'Hammer. (Maurizio Crozza)
  • Letta alla scuola democristiana ha imparato che non mantieni il potere per 50 anni solo con compromessi e passi indietro: c'è anche il momento in cui devi tirare una linea. In una parola, rischiare. (Giorgio Meletti)
  • Letta è solo un leader di transizione per un governo [il Governo Letta] momentaneo e con un programma di scopo. Non sarà utile una seconda volta. Per il futuro immagino Gianni Cuperlo alla segreteria del partito [il Partito Democratico] e Matteo Renzi a Palazzo Chigi. (Massimo D'Alema)
  • Lui non è capace, non è cattivo, non è proprio capace. (Matteo Renzi)
  • Più che curare il Paese, Letta lo anestetizza. (Michele Ainis)
  • Sono contento per Enrico Letta. Spero che il neo presidente del Consiglio dia impulso all'economia perché ne abbiamo un enorme bisogno e le emergenze da affrontare sono sopportate da cifre che fanno impressione. Continuare così, con la disoccupazione giovanile al 35 per cento, significa non avere più speranze. Certamente Letta affronterà le problematiche con rigore. (Romano Prodi)

NoteModifica

  1. Il Fatto Quotidiano 12.07.2017 in riferimento a Matteo Renzi per l'uscita del libro Avanti
  2. Citato in Letta difende la scelta di andare a Sochi: "Mi batterò per diritti dei gay e candidatura di Roma", la Repubblica.it, 3 febbraio 2014.
  3. Citato in Politica e casta, un anno da dimenticare Le 100 dichiarazioni peggiori del 2013, espresso.repubblica.it, 30 dicembre 2013
  4. Dall'intervista di Paola Di Caro, «Il Pd eviterà scorciatoie per far cadere il governo», Corriere della sera, 30 novembre 2009, p. 9.
  5. Citato in Enrico Letta contro Matteo Renzi: la sua retorica è metadone. 22 aprile 2015, su liberoquotidiano.it. URL archiviato il 3 settembre 2019.
  6. Estratto dalla puntata di Otto e mezzo, trasmessa su La7 ad aprile del 2015. Videointervista a cura di Lilli Gruber. Letta: 'La battuta di Renzi lo qualifica, su youtube.com (Canale di La7 Attualità. URl archiviato il 3 settmenre 2019
  7. Citato da Letta in tv: «No al metadone, parlo un linguaggio che gli italiani capiscono». 27 aprile 2015, su corriere.it. URL archiviato il 3 settembre 2019.
  8. Dalla conferenza stampa dopo il CDM del 19 settembre 2013; visibile su video.sky.it
  9. Visibile al minuto 00:12:00 di Enrico Letta - Che tempo che fa del 19/04/2015, rai.tv, 19 aprile 2015.
  10. a b Citato in Afghanistan, Letta incontra i soldati e Karzai: "Italia resterà anche dopo fine missione", Repubblica.it, 25 agosto 2013.
  11. a b Citato in Napolitano: Expo, occasione per uscire da crisi, Corriere della Sera, 7 luglio 2013.
  12. Citato in Camera dei deputati – XVII Legislatura – Resoconto stenografico dell'Assemblea – Seduta n. 50 di mercoledì 10 luglio 2013. – Iniziative per una tempestiva soluzione della vicenda dei due militari italiani sottoposti a procedimento giudiziario in India – n. 3-00194. Roma, 10 luglio 2013
  13. Il riferimento è alla richiesta di dimissioni dalla carica di senatore di Roberto Calderoli dopo una dichiarazione ritenuta razzista: "Amo gli animali, orsi e lupi com'è noto, ma quando vedo le immagini della Kyenge non posso non pensare, anche se non dico che lo sia, alle sembianze di orango."
  14. Citato in Kyenge, Lega: "Calderoli non si dimette". Letta: "Maroni risolva subito o è scontro", Repubblica.it, 15 luglio 2013.
  15. Citato in Dc, addio a Mino Martinazzoli "Senza di lui non sarebbe nato il Pd", Repubblica.it, 4 settembre 2011.
  16. Citato in Paolo Tessadri, Letta leader? Senza grinta, il Fatto Quotidiano.it, 1° agosto 2013.

Altri progettiModifica