Apri il menu principale

Citazioni sul piacere e sui piaceri.

Indice

CitazioniModifica

  • Ahi, quanto brevi sono i piacer nostri, | quanto vicin' al riso è sempre il pianto! (Giambattista Giraldi Cinzio)
  • Al piacere si accompagna sempre il dolore. E com'è delle cose di questo mondo, nulla ci è dato di eterno. (Papa Pio II)
  • Chi concepì il godimento come del tutto disgiunto da ragione in nulla differisce da un sozzo animale. Ma un onesto piacere non lo ritengo di molto inferiore, se bene vogliamo intendere, a quello che è il vero godimento cristiano. Consiste infatti in quella sicurezza e tranquillità dell'animo in cui non vi sono più stimoli, non moti tumultuosi, non turbamenti. I greci lo chiamano alipìa e noi potremmo chiamarlo in modo non improprio indolenza (indolentia). (Francesco Filelfo)
  • Chi governa il piacere, al piacere deve saper rinunciare. (Piero Chiara)
  • Dal piacere nasce il dolore, dal piacere nasce la paura: per chi è libero dal piacere non esiste dolore: di che cosa dovrebbe aver paura? (Gautama Buddha)
  • Diremo allora che il principio del piacere è una tendenza che opera al servizio di una funzione, il cui compito è di tenere l'apparato psichico completamente sgombro da eccitazione, o di mantenervi costante, o al livello più basso possibile, la quantità di eccitazione stessa. (Sigmund Freud)
  • Fu già osservato mille volte, e debbo notarlo ancora una volta, che le ore che trascorriamo in prospettive di felicità, sono più piacevoli di quelle coronate dal godimento. Nel primo caso, ci prepariamo il piatto secondo il nostro appetito, nel secondo, la natura ce lo prepara lei. (Oliver Goldsmith)
  • I godimenti che la passione dà, sono orribilmente tempestosi, pagati con snervanti inquietudini che spezzano le corde dell'anima. (Honoré de Balzac)
  • I piaceri del mondo non sono altro che dolori vestiti e ricoperti di un poco di diletto. (Giovan Battista Gelli)
  • I piaceri semplici sono l'ultimo rifugio della gente complicata. (Oscar Wilde)
  • Il dolore e il piacere si alternano come la luce e l'ombra. (Laurence Sterne)
  • Il piacere è l'inizio e la fine del vivere felicemente. (Epicuro)
  • Il piacere è l'unica cosa degna di essere vissuta: niente fa invecchiare quanto la felicità. (Oscar Wilde)
  • Il piacere è peccato e il peccato è un piacere. (George Gordon Byron)
  • Il piacere non può mai essere senza peccato. (Papa Gregorio I)
  • In mancanza di piaceri migliori, il vero filosofo approfitta di quelli che gli sono concessi. (Jane Austen)
  • L'attesa del piacere è essa stessa il piacere. (Gotthold Ephraim Lessing)
  • L'uomo è spinto dal piacere; la donna dal significato del piacere. (Fulton J. Sheen)
  • L'unico fatto certo è che senza il condimento della follia non può esistere piacere alcuno. (Erasmo da Rotterdam)
  • La fatica ed il piacere, diversi di natura, sono congiunti fra loro da un naturale legame. (Tito Livio, attribuita ad Appio Claudio Crasso)
  • La vera cavalleria colle dame consiste nel far loro volonterosamente il sagrificio di un piccolo piacere... nella speranza di vedersene compensati ad usura con altri d'altro genere e più desiderati. (Ferdinando Fontana)
  • Nei tempi nostri non vi è tanto pericolo dai nemici in armi, quanto dai piaceri che da ogni parte sono sparsi. (Tito Livio, attribuita a Scipione l'Africano)
  • Nessun piacere è per se stesso un male, però i mezzi per procurarsi certi piaceri portano con sé tormenti che sono molto più numerosi che i piaceri stessi. (Epicuro)
  • Non trova piacere dinanzi un lavoro d'artista quello spettatore che non possa risvegliarsi nella memoria qualche cosa almeno del vero in esso rappresentato: onde, per esempio, le celibri Marine di Vernet al Louvre saranno indifferenti per chiunque non abbia veduto il mare. (Giuseppe Bianchetti)
  • O godimento delizioso! t'imploro per la mia felicità e anzitutto per la mia pace. Qual fortuna per noi che le donne si difendano così male. Accanto a loro non saremmo che timidi schiavi. (Pierre-Ambroise-François Choderlos de Laclos)
  • Per le case, per la via | Scorre libero il piacere; | Un'amabile follia | La ragion rapisce e il cor. (Vincenzo Monti)
  • Piacere e vendetta sono più sordi delle bisce alla voce di una decisione giusta. (William Shakespeare)
  • Piacere (s.m.). Emozione generata da un vantaggio personale o da uno svantaggio altrui. (Ambrose Bierce)
  • Piccola cosa è il piacere nel corso della vita umana: lunghissimi invece i fastidi. (Papa Pio II)
  • Quando il piacere ha esaurito l'uomo, questi è convinto di essere stato lui ad esaurirlo; allora ti racconta, serio e grave, che non vi è nulla che possa soddisfare il cuore umano. (William Somerset Maugham)
  • Se tu pretendi e ti sforzi di piacere a tutti, finirà che non piacerai a nessuno. (Arturo Graf)
  • Spesso il piacere è un ospite passeggero; ma il dolore Ci avvinghia crudelmente. (John Keats)
  • Tutto il segreto del non-essere-desiderio dell'uomo, sta in questa espressione: rinuncia al godimento, che gli psicanalisti prendono in un senso che viene a negarla: per essi non si rinuncia al godimento che per godere meglio. (Philippe Nemo)
  • Un piacere senza rischi piace meno. (Ovidio)
  • Un uomo è solo ed unico giudice in ciò che a lui piace, o non piace. (Vilfredo Pareto)

Giacomo LeopardiModifica

  • Il piacere è sempre o passato o futuro, non mai presente.
  • Il più solido piacere di questa vita è il piacer vano delle illusioni.
  • Nessuno lo conosce per pratica, ma solo per ispeculazione: perché il piacere è un subbietto speculativo, e non reale; un desiderio, non un fatto; un sentimento che l'uomo concepisce col pensiero, e non prova; o per dir meglio, un concetto, e non un sentimento. Non vi accorgete voi che nel tempo stesso di qualunque vostro diletto, ancorché desiderato infinitamente, e procacciato con fatiche e molestie indicibili; non potendovi contentare il goder che fate in ciascuno di quei momenti, state sempre aspettando un goder maggiore e più vero, nel quale consista in somma quel tal piacere; e andate quasi riportandovi di continuo agl'istanti futuri di quel medesimo diletto? Il quale finisce sempre innanzi al giunger dell'istante che vi soddisfaccia; e non vi lascia altro bene che la speranza cieca di goder meglio e più veramente in altra occasione, e il conforto di fingere e narrare a voi medesimi di aver goduto, con raccontarlo anche agli altri, non per sola ambizione, ma per aiutarvi al persuaderlo che vorreste pur fare a voi stessi. Però chiunque consente di vivere, nol fa in sostanza ad altro effetto né con altra utilità che di sognare; cioè credere di avere a godere, o di aver goduto; cose ambedue false e fantastiche.
  • Piacer figlio d'affanno.

Proverbi italianiModifica

  • Chi perde piacere per piacere, non perde nulla.
  • Da piacere temporale, temi pure qualche gran male.
  • Delizie temporali portano mille mali.
  • D'uccelli, di cani e d'amori, per un piacer mille dolori.
  • È il miglior piacere del mondo, quello che non lascia rimorso nella coscienza.
  • Fuggi i piaceri, essi ti seguiranno.
  • Fuggi un piacer presente se deve cagionarti un dolor futuro.
  • Guardati da qualunque piacere che costi lacrime ai tuoi fratelli.
  • I piaceri che godiamo vanno perduti per il desiderio di maggiori.
  • I piaceri stancano più degli affari.
  • Il mondo lusinghiero non dà piacere intiero.
  • Il piacere del bel fare è il solo che non cessa.
  • In guerra, nella caccia e negli amori, in un piacere mille dolori.
  • Lunghi piaceri non valgono un tormento.
  • Piacer che troppo dura, il gusto perde.
  • Piacere preso in fretta, torna in disdetta.
  • Quel che si fa con piacere non è fatica.
  • Se i segreti vuoi sapere, cercali nel disgusto o nel piacere.
  • Un piacere è ben pagato, quando è molto aspettato.
  • Vergogna fa perder piacere.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica