Federazione dei pianeti uniti

istituzione fittizia dell'universo fantascientifico di Star Trek
Bandiera della Federazione

Citazioni sulla Federazione dei pianeti uniti.

CitazioniModifica

  Citazioni in ordine temporale.

Star Trek: EnterpriseModifica

  • – La Federazione? Me ne ha già parlato, per caso?
    – Vulcaniani, andoriani, itheniti, klingon, dozzine di specie, compresi gli umani, tutti uniti in una potente alleanza.
  • – Rammenta che parlammo di una Federazione?
    – Sì. E allora?
    – Le persone con cui lavoro si arrabbierebbero molto sapendo che le ho informata, ma lei sarà una pedina fondamentale per la nascita della Federazione. Ora lei è laggiù, in piedi, con vulcaniani, andoriani e tellariti, ed è pronto a firmare la carta. I membri continueranno ad aumentare, decine, anche centinaia di specie: una Federazione unita dei pianeti.
  • – Invece di costruire un impero, la Terra è diventata parte di una alleanza interspecie.
    – La Federazione Unita dei Pianeti?
    – Sembra più una Federazione di idioti!
  • La Federazione è il nostro futuro. [...] Forse ci vorranno secoli, ma l'umanità pagherà per la sua arroganza!

Star Trek: DiscoveryModifica

  • Coloro il cui fatale saluto è: "Veniamo in pace".
  • Siamo diventati compiacenti fin dall'ultima battaglia contro la Federazione, su Donatu V. La nostra purezza per loro è una minaccia. Vogliono trascinarci nel fango in cui gli umani, i vulcaniani, i tellariti e gli sporchi andoriani si crogiolano.
  • Vengono per distruggere la nostra individualità. Vogliamo ribellarci e dare loro lo scontro che si meritano?
  • – Siete gente pericolosa. La Federazione! [...] "Eguaglianza, libertà, collaborazione".
    – Sono i fondamenti delle culture di successo.
    – Illusioni che i terrestri hanno superato millenni fa! Ideali distruttivi che fomentano ribellioni! E non permetterò che ci infettiate di nuovo.
  • La Federazione è un esperimento sociale destinato a fallire, un infantile idealismo. Le specie, le scelte, le opinioni non sono tutte uguali. È solo un illusione pericolosa. I forti e i capaci arriveranno sempre in alto, come lei e me. E ogni essere vivente è più al sicuro e più felice sapendo qual'è il suo posto.
  • T'Kuvma ci ha insegnato che la Federazione non può fare a meno di volere omologazione e assimilazione universali.
  • Dobbiamo essere tedofori, dobbiamo faro luce perché gli altri possano vedere il cammino verso una pace duratura. Continueremo a esplorare, a scoprire nuovi mondi di nuove civiltà. Sì, è questo la Federazione unita dei pianeti. Sì, è questo la Flotta Stellare. Sì, è questo ciò che siamo, e ciò che sempre saremo.

Star Trek: The Next GenerationModifica

Prima stagioneModifica

  • La nostra missione non è imporre i valori della Federazione agli altri abitanti della galassia. (Jean-Luc Picard)

Terza stagioneModifica

  • Lei sa quanto sangue innocente è stato versato in nome della libertà nella storia della sua Federazione? Quante perfette e nobili società hanno bombardato i civili durante la guerra e spazzato via intere città? E adesso che vi potete godere il benessere derivato dalle loro guerre lei si scandalizza per la mia immoralità? Io sono disposto a morire per la mia libertà e, nella migliore tradizione della sua grande civiltà, sono anche disposto ad uccidere per questo.
  • Per molti versi, la Federazione è da ammirare. Ma c'è una punta di vigliaccheria morale nei vostri rapporti con i pianeti non-allineati. Voi state facendo affari con un governo che ci sta schiacciando e sostenete di non essere coinvolti. In realtà siete tremendamente coinvolti, ma non volete sporcarvi le mani.

Quinta stagioneModifica

  • – Siete spettatori innocenti. Lo siete stati per decenni mentre i cardassiani ci prendevano le nostre case, mentre violentavano e torturavano il nostro popolo nei modi più orribili, mentre eravamo costretti a fuggire.
    – Purtroppo non ci fu possibile intervenire perché i fatti avvenivano all'interno dei confini dell'Impero cardassiano.
    – E la Federazione si è impegnata a non interferire mai con gli affari interni degli altri. Ma si rende conto di quanto è comodo? Fate orecchie da mercanti a quelli che soffrono solo perché sono aldilà di un confine.

Star Trek: Deep Space NineModifica

Prima stagioneModifica

  • Ci siamo liberati dei cardassiani e cosa fanno i nostri nuovi capi? Interpellano la Federazione e ce la portano in casa! (Kira Nerys)
  • Senti, io non voglio qui la Federazione tanto quanto non la vuoi tu, ma almeno serve uno scopo ben preciso. Non lo puoi negare questo. Se non ci fosse la Federazione, i cardassiani riprenderebbero in un batter d'occhio il controllo del tunnel spaziale. Quel tunnel è il futuro di Bajor, invece. Ci porta sia le navi che il commercio. Sta facendo di noi una potenza nel quadrante. (Kira Nerys)

Seconda stagioneModifica

  • La Federazione è convinta di poter risolvere tutti i problemi con un trattato. Ma la verità è che da queste parti, agli estremi limiti della civiltà senza il sostegno federale, un trattato ha lo stesso valore di un pezzo di carta straccio.
  • Essere cittadini della Federazione non significa necessariamente essere dei santi. [...] Sa qual è il problema? [...] Il problema è la Terra. [...] Sulla Terra non c'è traccia di povertà, non esiste il crimine e non ci sono guerre. Dalle finestre del comando della Flotta Stellare si vede il paradiso. In quella pace innaturale non è difficile comportarsi come dei santi. Ma i Maquis non vivono in un paradiso. Là fuori, nella zona smilitarizzata i problemi non sono stati ancora risolti. Là fuori non c'è nessun santo. Ci sono solo persone, uomini gonfi di rabbia, atterriti e detterminati che sono disposti a mettere in gioco tutto per sopravvivere, con o senza il consenso della Federazione. (Benjamin Sisko)
  • La maniacale idea di libertà della Federazione! È insopportabile. (Elim Garak)
  • Voi della Federazione siete tutti uguali. Parlate di tolleranza, parlate di comprensione, non è vero? Ma li praticate solo verso i popoli che vi somigliano, che vi ricordano voi stessi. E, poiché disapprovate i nostri valori ferengi, voi ci disprezzate, diffidate di noi, ci insultate non appena se ne presenta l'occasione. Un vero schifo! (Quark)

Terza stagioneModifica

  • Se noi fossimo alle strette, se capitasse qualcosa di disastroso alla Federazione, se fossimo spaventati o, che so, disperati, avviliti, quali sarebbero le reazioni? La gente resterebbe fedele ai suoi ideali o finirebbe... finirebbe così: esattamente da dove ha iniziato?

Quarta stagioneModifica

  • Ricorda che sotto quella patina placida della Federazione, gli umani sono un gruppo di violenti selvaggi. (Quark)
  • Lavoro cogli uomini della Federazione ormai da molti anni, e affermano di essere aperti e comprensivi. Ma per qualche motivo sono sempre convinti di avere ragione e, in determinate occasioni, è esasperante. (Odo)
  • Perché questo accadimento contro noi Maquis? Che cosa vi abbiamo fatto? Eppure continuate ad arrestarci con accuse di terrorismo. Le navi stellari ci inseguono nelle Badlands e i nostri sostenitori vengono messi a bando. Perché? Perché abbiamo lasciato la Federazione, e voi non potete accettare che questo accada, naturalmente. È stupido lasciare il paradiso, anzi, tutti vogliono entrare nella Federazione. Tra poco, anche i cardassiani faranno il loro ingresso! [...] Siete diabolici. Siete anche peggiori dei borg, i quali dichiarano apertamente i loro intendimenti. Voi siete più insidiosi. Assimilate popoli con la scusa di aiutarli.

Quinta stagioneModifica

  • Sapete cosa vedo io quando vi guardo? Dei bambini, dei poveri bambini viziati. Per quale motivo i cittadini della Federazione sono convinti di avere il diritto di vivere come schiavi del vizio? Se volete qualcosa da mangiare, chiedete a un replicatore. Se volete divertirvi, andate in una sala ologrammi. Se avete bisogno di protezione, chiamate la flotta stellare. Ma prima o poi, e temo molto presto, dovrete imparare a prendervi cura di voi stessi, perché se già io vi vedo come bambini indifesi, come credete che vi vidano i borg o i romulani, i klingon o il Dominio? Questi imperi guardano alla Federazione come a un trofeo, un trofeo prezioso che non sappiamo come proteggere. E se non cambieremo il nostro atteggiamento, loro ce lo porteranno via.
  • Ho scoperto che è saggio non sottovalutare mai l'abilità tecnica della Federazione. (Gul Dukat)

Sesta stagioneModifica

  • Non abbiamo sconfitto la Federazione con la prudenza. (Gul Dukat)

Settima stagioneModifica

  • Interessante e grottesco! La Federazione condanna l'operato della Sezione 31, ma se bisogna fare un lavoro sporco, finge di non vedere. Un'etica a prova di bomba, non crede? (Odo)
  • So che i cittadini della Federazione hanno molti difetti, ma non coltivano il desiderio di conquista. (Odo)

Star Trek: VoyagerModifica

  • – Voi della Federazione siete ovviamente di una cultura molto avanzata.
    – La Federazione è un insieme di diverse culture. (Prima stagione)
  • Quando ero giovane, un grande utopista chiamato Spock appoggio un'alleanza tra la Federazione e l'Impero klingon. Questo causò una grande disputa. I klingon, dopotutto, erano dei guerrieri che ricorrevano alla violenza e alla brutalità per costruire il loro impero. Io mi ero espresso contro questa coalizione, ma l'alleanza venne stipulata e portò una stabilità al Quadrante che non si vedeva da 200 anni. Il consiglio di Spock, così controverso all'inizio, finì col rivelarsi il fondamento per la pace. (Tuvok, Seconda stagione)
  • In una parte dello spazio dove ci sono poche regole, è importante più che mai seguire fermamente le nostre. In una regione in cui il cambio di alleanze è l'ordine del giorno, dobbiamo avere qualcosa di stabile su cui contare, e ce l'abbiamo: i princìpi e gli ideali della Federazione. Per quello che mi riguarda, sono i migliori alleati che possiamo avere. (Kathryn Janeway, Seconda stagione)
  • La Federazione si basa sulla reciprocità, ovvero sull'idea che l'intero sia maggiore della somma delle parti. (Kathryn Janeway, Settima stagione)

Altri progettiModifica