Apri il menu principale

Citazioni sulle parolacce.

  • Be', se l'università ha bisogno di denaro dovrebbe istituire un vasetto per le parolacce. Oh, questa valeva almeno un dollaro. (The Big Bang Theory)
  • – C-Cosa! Siete andati senza di me?
    – Tu stavi cercando le parolacce sul vocabolario così ho capito che avevi di meglio da fare. (Futurama)
  • Eccolo lì, sempre a guardare quelle... quelle pu... quelle cavallone! Sei un... un bas... un maiale, Enrico! E poi se anche un co... un co... un coniglio! Ecco... aspetti sempre che io vada a letto per cambiare canale! Cosa ci trovi a stare lì, in poltrona, str... s.. ss... solo come un cane a guardare quelle... quelle... sembrano dei p... dei polli da allevamento! [...] E io cosa ci posso fare se mi hanno insegnato a non dire le parolacce? (Lupo Alberto)
  • Ho deciso che non dico più le parolacce. Dico aciderbola, diamine, ammappalo, non mi far girare i bombastic e Vaffan. Vaffan lo dico perché proprio non si può... Per me vaffan è come il cellulare: non esco mai senza. (Luciana Littizzetto)
  • – Ho detto trentasette parolacce questa settimana. Ho detto "vaff..." due o tre volte, ma la maggior parte era... "merda" e "bastardo". "Cesso" è una parolaccia?
    – Non so. Dipende in che senso lo usi.
    – Se dico "John, sei un cesso perché hai baciato Barbara"?
    – È una parolaccia.
    – Allora non sono trentasette. Sono settantuno. (Signs)
  • Il martedì frequento un corso di teoria semantica alla Berkeley per scovare nuove parolacce. (Gli uccelli)
  • Io do le dimissioni se non posso dire le parolacce! Come si fa a dirigere un treno senza dire le parolacce? (Il colpo della metropolitana (Un ostaggio al minuto))
  • Io vengo dalla strada, lo sanno tutti. Fra amici usiamo le parolacce praticamente con affetto: "Vieni qui merdaccia", "Cosa fai, troione". Così a me viene naturale elevare un po' il tono e il ritmo ai concerti, "alzate un po' il culo e venite a ballare". È il mio stile, piaccia o no. Ai miei fan piace. Sarebbe molto più facile fare lo spettacolo normale "buonasera signore e signori, grazie dell'applauso, arrivederci alla prossima estate". (Zucchero)
  • [Paolo Villaggio] L'ho incontrato per la prima volta a Pocol, sopra Cortina; io ero un ragazzino incazzato che parlava sporco; gli piacevo perché ero tormentato, inquieto ed egli lo era altrettanto, solo che era più controllato, forse perché era più grande di me e allora subito si investì della parte del fratello maggiore e mi diceva: "Guarda, tu le parolacce non le devi dire, tu dici le parolacce per essere al centro dell'attenzione, sei uno stronzo". (Fabrizio De André)
  • La violenza anche se orribile e deplorevole è accettabile, basta che nessuno dica parolacce. (South Park - Il film: più grosso, più lungo & tutto intero)
  • Le parole sono pietre, ha scritto Carlo Levi. Ecco, eravamo sicuri che le parolacce fossero più che pietre semplicemente tabù per tre o quattro cariche istituzionali tenute (per missione) a controllare l'equilibrio nervoso (e verbale): il Papa, il presidente della Repubblica e pochi altri, intendiamoci. Esattamente come un figlio non vorrebbe mai sentir bestemmiare suo padre. (Paolo Di Stefano)
  • Le parolacce le lascio alle radio: le usano per paura che la gente cambi canale. (Fabri Fibra)
  • Non butterei tutta la responsabilità sui giovani perché il turpiloquio non è più appannaggio dei giovani. Però è vero: la parolaccia è brutta da sentire ma se diventa un intercalare comune si depotenzia. E quando poi vogliamo usare una parolaccia vera, che facciamo? È una zona di eversione del linguaggio che dovrebbe continuare a esistere — mentre i giovanilismi sono come i brufoli, poi passano: la lingua è in movimento, è un organismo vivo che si evolve. (Silvia Balestri)
  • – Potrebbe salvare delle vite!
    – Io odio le vite!
    – Parliamo della vita de marinai! Pensa a quante parolacce potrebbero perdere le nuove generazioni! (Futurama)
  • Prima, durante la trasmissione, ho detto una parola così brutta che dovrebbe pronunciarla solo Satana in persona seduto sulla tazza del gabinetto! Chiedo scusa e farò una cospicua donazione alle opere pie che lottano contro le parolacce tra gli adolescenti! Buonanotte! (I Simpson)
  • Se sono scritte sul vocabolario non sono parolacce. (Marcello Marchesi)

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica