Steins;Gate 0

videogioco del 2015

Steins;Gate 0

Serie TV anime

Questa voce non contiene l'immagine della fiction televisiva. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

シュタインズ・ゲート ゼロ
Shutainzu Gēto Zero

Paese Giappone
Anno

2018

Genere fantascienza, thriller
Episodi 23 +1 speciale
Regia Kenichi Kawamura
Sceneggiatura Jukki Hanada
Note
Traduzione di Ruben Baita, dall'edizione VVVVID sottotitolata

Steins;Gate 0, serie televisiva anime del 2018, sequel di Steins;Gate, composta da 24 episodi, tratta dall'omonimo videogioco del 2015.

TaglineSe non puoi salvare la persona che ami, come puoi salvare l'umanità?

Citazioni tratte dall'animeModifica

IncipitModifica

[Gli eventi narrati sono ambientati il 7 giugno 2036, Suzuha e Mayushii sono in un palazzo gravemente danneggiato]
Suzuha: Sorellona Mayu, allora eri qui.
Mayushii: Suzu.
Suzuha: Mio papà e lo zio ti cercano. Hanno detto che è quasi ora di dare inizio all'operazione. Sorellona Mayu?
Mayushii: Se... Se quella volta, io... avessi allungato la mia mano, questo futuro sarebbe cambiato? Se quel giorno, il mio Hikoboshi[1] fosse tornato in sé... sarebbe potuto cambiare tutto quanto. Se quella volta, io... avessi allungato la mia mano...

Episodio 1, L'anello mancante dell'annichilatoreModifica

  • Siamo già a dicembre? Il tempo è volato... da quell'estate. (Okarin, pensando)
  • [Okarin e Mayushii incontrano Faris e Rukako in una caffetteria]
    Faris: Oh, Kyoma!
    Okarin: Da quanto tempo, Rukako, Faris. [...]
    Faris: Kyoma, mi mancavi nya! [corre ad abbracciare Okarin vestita da gatta]
    Okarin: Ehi, e dai, smettila...
    Faris: Che c'è nya? Noi due siamo amici nya!
    Okarin: E poi, smettila di chiamarmi Kyoma.
    Faris: Perché?
    Okarin: È un passato che voglio scordare.
    Faris: Stai parlando della storia oscura che la congrega dei maghi medievali ha occultato?
    Okarin: Ma va'.
  • [Suzuha sta puntando alla schiena di Daru il flacone del deodorante]
    Suzuha: Stammi a sentire. [...] Ma insomma... Poltrisci tutto il giorno, non fai che mangiare, giocare e stare su internet.
    Daru: Però la ricerca sulla macchina del tempo è una bella fatica. Per giunta, ne ho una autentica a portata di mano, ma non posso toccarla.
    Suzuha: Perché è la macchina che svilupperai in futuro. Se la studiassi, potrebbe succedere un paradosso temporale.
    Daru: Se la inventerò in futuro, allora che male c'è? Mi impegnerò a partire da domani!
    Suzuha: È per inventarla che devi impegnarti adesso. Anche in futuro facevi sempre arrabbiare la mamma dicendo quelle cose.
    Daru: La ramanzina potrei prenderla come premio...
    Suzuha: Papà! [...] In futuro eri sempre solito ripetere una cosa. "Questa è la peggiore linea di universo in assoluto, ma la tua nascita è la cosa più bella che potesse capitare." Io sono venuta qui per convincere lo zio Okarin e cambiare proprio quel futuro.
  • Okarin [entrando nel laboratorio]: Non è proprio... cambiato niente.
    Daru: Okarin...
    Okarin: Posso entrare?
    Daru: È-è il tuo laboratorio, non serve chiedere il permesso.
 
Il Comiket 78 tenutosi nell'agosto 2010 a Tokyo, al quale fa riferimento Suzuha
  • Okarin: C'era proprio bisogno di nasconderti? Ti stiamo facendo passare per la sorella di Daru, così ottieni l'effetto opposto.
    Suzuha: È vero, ma la mamma cerca di fare amicizia con me più del previsto.
    Okarin Quand'è stato il suo primo incontro con Daru?
    Suzuha: Al Comic Market estivo. Era una cosplayer amica della sorellona Mayu. Ormai va e viene dal laboratorio. Così abbiamo finito per incontrarci.
    Okarin: Ha incontrato la sua futura figlia che un giorno metterà al mondo. Deve aver percepito qualcosa.
    Suzuha: Mio papà ha detto che prima o poi intende spiegarle tutto. [...] Il fatto che sono qui è la prova che quel futuro esiste ancora.
  • Suzuha: A causa dello sviluppo della macchina del tempo, siete considerati membri di un'organizzazione antigovernativa.
    Okarin: E siamo riusciti a fuggire, io, Daru e Yuki?
    Suzuha: No... Cercando di proteggermi, la mamma è stata uccisa dal fuoco di mitragliatrice di un drone dell'esercito. Ho visto la sua figura venire crivellata di colpi... Il suo sangue mi ha ricoperta da capo a piedi. Zio Okarin... L'unica destinazione di questa linea di universo è l'inferno. A causa della lotta per la macchina del tempo, le nazioni si daranno guerra e molte persone moriranno. È un mondo dove esistono solo il terrore e la disperazione! Ci sono in gioco le vite di 5,7 miliardi di persone! Cambia il futuro!
  • Cambiare il passato e spostarsi tra le linee di universo sono cose che deviano dalle leggi del nostro mondo! È il territorio di Dio, non qualcosa su cui dovrebbe mettere mano l'umanità! Chi ci si avvicina è punito crudelmente, senza esclusione! Una punizione così crudele da volersi coprire gli occhi! (Okarin)
  • [Okarin è alla reception e non vede Maho: la ragazza è bassa e viene nascosta dal bancone]
    Maho: Scusami un attimo. [Okarin non vede nessuno e si stupisce] Parlo con te. [Okarin abbassa lo sguardo e vede Maho] Da che parte è la sala del personale?
    Okarin: Questa è una conferenza universitaria...
    Maho: Lo so da me! Sempre questa storia... [fruga nella borsa]
    Okarin: Sempre?
    Maho: Sei il quarto che me lo dice da quando sono arrivata! [mostra il suo tesserino universitario dal lato che riporta la scritta "GUEST"]
    Okarin: Università Viktor Chondria, istituto di ricerca sulle neuroscienze. Ah, ho capito, l'hai trovato per ter...
    Maho [furente]: È la quarta volta che sento anche quello! [mostra l'altro lato del tesserino, con la sua foto e i dati anagrafici]
    Okarin: L'università Viktor Chondria... ha anche una sezione delle medie?
    Maho: Se devi dormire, fallo di notte! Ti pare possibile una cosa del genere? [indica la data di nascita sul tesserino: 11 febbraio 1989]
    Okarin: Hai 21 anni?[2]
    Maho: In altre parole, sono una donna adulta fatta e finita! Non vado alle medie, alle elementari e men che meno all'asilo! C'è qualche problema?
    Okarin: Però... no, niente. Mi dispiace. Ti chiedo scusa.
    Maho: Vabbè. Tanto mi dicono le stesse cose in ogni Paese che visito. [...]
    Okarin [pensando]: Ventun'anni, eh? Se Daru la vedesse penso urlerebbe "Ci siamo! Una loli[3] legale!"
  • L'argomento odierno è "La rivoluzione delle intelligenze artificiali", ma prima di parlare di quello vorrei presentarvi un saggio. È stato pubblicato da una ricercatrice del mio laboratorio. I ricordi umani sono conservati nella corteccia cerebrale, nello specifico all'interno del lobo temporale, e possiamo accedervi come una memoria flash. Il cervello opera tramite scambi di segnali elettrici tra cellule chiamate neuroni. Per estremo, si può affermare che i ricordi siano creati e immagazzinati attraverso modelli di segnali elettrici. Sfortunatamente, l'ideatrice di questa teoria è deceduta all'età di 17 anni. Ma siamo riusciti a realizzare un sistema basandoci sulla sua teoria. Ovvero... il sistema per la digitalizzazione e conservazione dei ricordi umani. Sulla base dei ricordi digitalizzati di una persona abbiamo prodotto un'intelligenza artificiale differente dalle pseudo personalità create finora tramite programmi. Si tratta di un'intelligenza artificiale con un'anima, capace di provare gli stessi sentimenti e pensieri di un essere umano. Il sistema ottenuto a partire dalla teoria base del genio Makise Kurisu è l'intelligenza artificiale di cui vi daremo ora dimostrazione... Amadeus. (Maho, traducendo le parole del professor Leskinen, relatore della conferenza)

Episodio 2, L'epigrafe della curva temporale chiusaModifica

  • [Maho, dopo aver parlato di Kurisu con Okarin, sta piangendo e si asciuga le lacrime]
    Leskinen: Oh, Maho! Quindi eri qui. [Rivolgendosi a Okarin] Oh, lei è mister Einstein! Era venuto qui al party? [nota che Maho ha pianto] Per caso è una lite amorosa in stile giapponese? Assisterò al famoso dogeza[4] giapponese?
    Okarin: No, non è...
    Maho: Si sbaglia! Sono io che... Stavamo parlando di Kurisu e mi è venuto da piangere.
    Leskinen: Kurisu? Per caso tu conoscevi Kurisu?
    Okarin: S-sì...
  • Leskinen [a Maho]: Cosa ne pensi di far incontrare mister Okabe... a lei?
    Okarin: A lei?
    Maho: Professore! Però lui è un estraneo e uno studente di un'altra università!
    Leskinen: Un amico di Kurisu non è affatto un estraneo. Dobbiamo fare tesoro della fortuna che ci ha fatti conoscere.
    Okarin: Scusate, non riesco a seguirvi. Chi è che dovrei incontrare?
    Maho: Non si tratta di una persona. Vuole farti incontrare Amadeus.
    Okarin: Quello della dimostrazione di prima?
    Maho: Oltre ai miei dati, esistono anche i dati di un altro ricercatore come campione per Amadeus.
    Okarin: Un altro ricerca... [capisce che Amadeus contiene anched i ricordi di Kurisu e trasalisce]
  • Maho: Te lo chiedo un'ultima volta... la incontrerai davvero? Vi conoscevate meglio di quello che credevo, voi due. L'Amadeus tenuto qui, sia nelle parole sia nella voce, è la sua esatta copia. Di norma, la scambieresti per una illusione ottica. Sembr come se lei stessa fosse ancora in vita. Però, questo Amadeus, è un sistema con i ricordi digitalizzati a marzo di Kurisu. Non è la ragazza con cui eri amico, né è viva. Questo fatto non cambierà mai, per quanto crudele.
    Okarin: Lo so.
    Maho: Più parlerai con Amadeus, più ti renderai conto della realtà. Ti farà comprendere di non poter negare il fatto che lei non ci sia più.
  • [Kurisu, che ha parlato privatamente con Mako, insinuava che a lei piacesse Okarin; Maho si è alterata e ribatte a Kurisu]
    Maho: Okabe non è venuto qui per parlare di queste cose senza sostanza!
    Kurisu: Se eviti così la questione sei sospetta.
    Maho: Ti riempio di virus.
    Kurisu: Scherzavo, non dico più nulla!
    Maho [a Okarin]: Ma insomma... Questo è uno dei problemi di Amadeus.

Episodio 3, Il protocollo del vangelo dualeModifica

  • Mr. Braun:[5] Oh, chi si vede, Okabe. [...]
    Okarin: È passato molto tempo. [...]
    Mr. Braun: Certo che sei proprio cambiato. Frequenti l'università da buono studente. Continua così!
    Kurisu: Si può sapere quanto eri poco serio?
  • Okarin: Questo è il laboratorio.
    Kurisu: Questo posto? È proprio sudicio.
    Okarin: È questa la tua prima impressione?
    Kurisu: Scusa, mi correggo. È un immondezzaio. È normale che i laboratori siano disordinati, ma questo è davvero troppo.
    Okarin: Insomma, te l'ho detto che non era quello che immaginavi.
    Kurisu: Più che un laboratorio, pare un normale salotto. [...] Comunque... un po' invidio questa sistemazione da coinquilini. E ognuno ha un cucchiao e una forchetta personali.
  • [Suzuha è sul tetto del palazzo della radio, sente dei rumori e si volta verso la porta di accesso al terrazzo]
    Suzuha: Ah, eri tu, sorellona Rumi.[6]
    Faris: E chi è? Non la conosco. Faris è Faris, nya! Ogni tanto devi passare a trovarli o gli altri si preoccuperanno, nya.
    Suzuha: Però là c'è mia ma... Cioè, mi piace di più stare da sola. [...] Scusami, ti creo problemi.
    Faris: Ma no, nya. Faris ha solo affittato il tetto e il piano sotto, nya.
    Suzuha: Alla faccia del solo! Ti sono davvero debitrice.
 
Una ragazza vestita da Babbo Natale
  • Maho: Il 24? È la vigilia di Natale. Se vuole chiedergli di fare rapporto è meglio un altro giorno.
    Leskinen: Ho già domandato a Rintaro, ha detto che non ci sono problemi. Per te è un giorno scomodo?
    Maho: No, si figuri... non ho altri programmi.
    Leskinen: Allora perché non ti vesti da Santa Claus e provi a invitarlo? In questo Paese, non avere impegni per il 24 dicembre equivale a non essere fidanzati. In pratica, Rintaro non ha una partner...
    Maho: Perché siamo arrivati a questo discorso?! Sia lei che quella ragazza [Kurisu] non dite altro...
    Leskinen: Dici davvero? Io non vedo proprio l'ora. Non ti interessa scoprire che relazione nascerà tra Amadeus e Rintaro?
  • I ricordi delle persone sono vaghi. Col passare del tempo si mescolano dando origine a storie inventate. [...] Mi dispiace, ma una IA incompleta come Amadues non presenta questa vaga transizione dei ricordi. In altre parole, non ha vuoti di memoria. (Kurisu)
  • Kurisu: Ho formulato delle ipotesi. [sul perché Okarin lavesse chiamata Christina]
    Okarin: Per cosa?
    Kurisu: Prima ipotesi. C'è un'attrice di Hollywood che ti piace e si chiama Christina Vattelappesca, così ti è sfuggito.
    Okarin: Sbagliato.
    Kurisu: Seconda ipotesi: una tua vecchia fiamma... No, impossibile. Scusami.
    Okarin: Aspetta.
    Kurisu: Vuol dire che ho indovinato? Il silenzio equivale ad ammettere la sconfitta.
    Okarin: Sta' zitta.
    Kurisu: Terza ipotesi: era il modo in cui chiamavi direttamente, oppure indirettamente, la mia versione originale. Anche se le possibilità di questa sono basse.
    Okarin: Perché?
    Kurisu: Perché io avrei risposto così... "Non c'è nessun -tina!"
  • Okarin: Vuoi sapere... la risposta, non è vero?
    Kurisu: Sì.
    Okarin: Mi vergognavo. Non riuscivo a chiamarti per nome, così ti ho presa in giro.
    Kurisu: Era come chiamavi... me?
    Okarin: Già.
    Kurisu: B-beh, sono lusingata.

Episodio 4, La solitudine del ciclo di perditaModifica

  • Leskinen: Sembra che abbiate fatto veramente amicizia. [riferito a Okarin e Kurisu]
    Maho: E [Kurisu] ha anche iniziato a esprimersi meno formalmente.
    Leskinen: Forse potremo davvero farci delle aspettative, Maho.
    Okarin: A che cosa si riferisce?
    Maho: A sentimenti d'amore. Il professore spera che lei li sviluppi nei tuoi confronti.
    Okarin: Amore? Però è una IA, no?
    Leskinen: Amadeus è un sistema creato per conservare i ricordi e ricreare il cervello umano.
    Okarin: In altre parole...
    Leskinen: ...è strutturato e funziona allo stesso modo. Anche Amadeus è in grado di amare. Anzi, vorrei che lo facessi innamorare.
  • Maho: Andavate davvero d'accordo, eh? Altrimenti, Amadeus non sarebbe entrato tanto in intimità in così breve tempo. Quanto andavate d'accordo? Spero tu non dica che eravate fidanzati.
    Okarin: Certo che no, ci siamo incontrati per caso a una conferenza.
    Maho: Me ne avevi già parlato. Davvero è solo questo? [Okarin ripensa a Kurisu e sembra sofferente] Scusa, è solo che... Volevo conoscerla meglio, ci sono tante cose che non so. [...] Non sapevo nulla. Siamo state amiche per lungo tempo, ma non so che parole o che numeri le piacessero. Non sapevo nulla. Nulla...
  • Daru: Voglio domandarti una cosa che mi chiedo da un po'. Suzuha, guarda il papà dritto negli occhi e sii sincera. Cos'è successo?
    Suzuha: In che senso?
    Daru: Ultimamente non sei mai al laboratorio o al palazzo della radio. Dove vai?
    Suzuha: Non è nulla.
    Daru: Quando dici che non è nulla, significa che è successo qualcosa. Su, perché non me ne parli?
    Suzuha: Sto cercando una persona. [...] A bordo della macchina del tempo con cui sono venuta dal futuro c'era un'altra ragazza. Però abbiamo finito col separarci. Ad Akihabara, nel 1998.
  • [Daru riporta a Okarin il colloquio con Suzuha]
    Okarin: Quindi si è messa a cercarla da sola? Come si chiama? Gliel'hai chiesto, no?
    Daru: Shiina Kagari.
    Okarin: Shiina?! Ehi, non sarà mica...
    Daru: Sì, è la figlia di Mayushii.
    Okarin: E-e chi è il padre?
    Daru: Hai frainteso, non è la sua figlia biologica. Ha detto che è rimasta orfana per via della guerra e la Mayushii del futuro l'ha accolta con sé.
  • La terza guerra mondiale... Un orfano di guerra, eh? Comunque, anche se è una bambina, chi si aspettava che Mayuri l'avesse adottata. È sempre gentile, anche fra 25 anni. (Okarin)

Episodio 5, La solitudine dell'astigmatismoModifica

  • [Moeka ha accettato di cercare Kagari ed è uscita dal laboratorio; Okarin è dubbioso]
    Suzuha: Quindi, chi era? La conoscevi o sbaglio?
    Okarin: Cosa te lo fa pensare?
    Suzuha: Ti si legge in volto.
    Daru: La conoscevi, Okarin?
    Okarin: No, è un'estra...
    Suzuha: E nella linea di universo alfa? [Okarin rimane sorpreso] D'accordo. Non indagherò oltre, ma terrò alta la guardia a modo mio.
  • Leskinen: I konbini giapponesi sono meravigliosi. anche se si mangia un bento[7] diverso tutti i giorni, la settimana seguente ne sono già usciti di nuovi.
    Maho: Se mangia solo pranzi precotti dei konbini, la sua nutrizione ne risentirà.
    Leskinen [ridendo]: Non voglio che proprio tu mi faccia la predica sull'alimentazione. Allora, dove stai andando?
    Maho: Pensavo di andare ad Akihabara, per un cambio d'atmosfera.
    Leskinen: Se ammetti di andare a trovare Rintaro, ti do il mio permesso.
    Maho [imbrazzata]: N-Non è affatto...
    Leskinen: Mi sbaglio?
    Maho: Già che sono lì, potrei andare da lui.
    Leskinen: Già che ci sei? E che cosa saresti lì a fare?
    Maho: Gliel'ho detto, per un cambio d'atmosfera!
    Leskinen: E tu, per un cambio d'atmosfera, vai fino ad Akihabara che dista un'ora da qui e già che sei lì andresti a trovare Rintaro? È questo che vuoi dirmi? Hai il mio permesso.
    Maho: L-la avviso subito, ha frainteso! Non è come pensa.
    Leskinen: Com'è che la penso?
    Maho [furente]: A ogni modo, oggi farò una pausa dal lavoro! La saluto.
    Leskinen: Salutami Rintaro.

Citazioni tratte dal videogiocoModifica

Steins;Gate 0

Titolo originale

シュタインズ・ゲート ゼロ
Shutainzu Gēto Zero

Sviluppo 5pb.
Nitroplus
Pubblicazione 5pb.
PQube
Anno 2015
Genere visual novel
Tema fantascienza
Piattaforma PlayStation 3, PlayStation 4, PlayStation Vita, Microsoft Windows
Preceduto da Steins;Gate

IncipitModifica

Il portello si è aperto. Una luce intensa ha inondato i miei occhi. Dov'ero? I miei occhi erano socchiusi. Riuscivo a malapena a distinguere il cielo estivo del crepuscolo. Non volevo uscire. Volevo solo scomparire. Ma... qualcuno ha afferrato il mio braccio e mi ha trascinato fuori. (Okarin)

The hatch opened. Bright light flooded my eyes. Where was I? My eyes narrowed. I could barely make out the summer's twilight sky. I didn't want to leave. I just wanted to disappear. But... Someone grabbed my arm and dragged me out.

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Uno scienziato deve restare calmo in ogni momento. L'unico momento in cui ti è permesso urlare è quando i tuoi esperimenti hanno successo e dici: "Ce l'abbiamo fatta!" (Leskinen)
[...] a scientist must remain calm at all times. The only time when you're allowed to yell is when your experiments succeeds and you say, "We did it!"
  • Lui potrebbe essere capace di diventare il terzo Einstein. A proposito, il secondo Einstein è la mia piccola assistente qui accanto... (Leskinen riferito a Okarin e a Maho)
He may be capable of becoming the third Einstein. By the way, the second Einstein is my little assistant here...
  • Le bugie sono un metodo che gli umani usano per comunicare l'un con l'altro. (Leskinen)
Lies are one method that humans use to communicate with one other.
  • Sono una scienziata. Non voglio rinunciare a cercare di scoprire la verità, non importa quanto ciò possa essere pericoloso. (Maho)
I'm a scientist. I don't want to give up on trying to reach the truth, no matter how dangerous that may be.[8]
  • Non posso darti alcuna risposta finché non mi sarà data l'informazione di cui ho bisogno per decidere. (Maho a Okarin)
I can't give you any answer until I've been given the information I need to decide.[8]
  • Normalmente, uno scienziato non dovrebbe mai escludere alcuna possibilità, non importa quanto improbabile... Ma abbiamo la tendenza a porre troppa fede nel senso comune e nelle nostre proprie teorie. (Maho)
Normally, a scientist should never deny any possibility, no matter how improbable... But we have a tendency to put too much faith in common sense and our own theories.[8]
  • Non importa quanto un diamante possa essere meraviglioso allo stato grezzo: non ha valore finché non lo lucidi. (Maho)
No matter how wonderful a diamond in the rough might be, it's worth nothing unless you polish it.[9]
  • La semplicità è la chiave segreta per la verità. (Leskinen)
[...] simplicity is the secret key to the truth [...][9]
  • La persona che utilizza il proprio tempo in maniera più efficiente ha la meglio. (Leskinen)
The person who uses their time most efficiently wins.[9]
  • Uno scienziato pazzo dev'essere sempre una creatura solitaria. Non deve appartenere a nessuno, o ad alcunché, in qualsiasi momento. È questo il suo destino... (Okarin)
A mad scientist must always be a solitary creature. He must never belong to anyone, or any thing, at any time. That is his destiny...[10]
  • Una persona non è altro che i suoi ricordi. Sono i suoi ricordi a renderla ciò che è. (Reyes)
A person is nothing but their memories. It's their memories who make them who they are.[10]
  • Se rinunci a tentare, è finita. E allora non vincerai mai. (Maho a Okarin)
If you give up on trying, it's over. And then you'll never win.[11]
  • Tutte le leggi di questo mondo sono solo equazioni. E ogni equazione può essere risolta. (Maho)
All the laws of this world are just equations. And every equation can be solved.[11]

Citazioni su Steins;Gate 0Modifica

Frasi promozionaliModifica

  • Se non puoi salvare la persona che ami, come puoi salvare l'umanità?
If you can't save... the one you love... how can you save humanity?[12]

NoteModifica

  1. Riferimento alla leggenda ricordata nella festa di Tanabata: Hikoboshi è il mandriano (simboleggiato dalla stella Altair) che incontra la sua amata Orihime (simboleggiata dalla stella Vega) l'unica volta che gli è concesso nel corso di un anno. Per approfondire vedi la voce riguardante Tanabata su Wikipedia.
  2. Gli eventi si svolgono nel dicembre 2010
  3. Abbrevizione di lolicon, termine che indica le ragazze vicine alla pubertà ritratte in atteggiamenti sensuali. Per approfondire vedi la voce corrispondente su Wikipedia.
  4. Il gesto di scuse formali in cui una persona inginocchiata si prostra fino a toccare il pavimento con la fronte. Per approfondire vedi la voce corrispondente su Wikipedia in lingua inglese.
  5. Il soprannome che Okarin ha dato a Yūgo Tennōji.
  6. Il vero nome di Faris è Rumiho Akiha.
  7. Il pasto pronto da asporto che generalmente si consuma a scuola, sul lavoro o in viaggio.
  8. a b c Frasi che compaiono nel capitolo Pandora's Box se non si risponde alla chiamata di Amadeus Kurisu nel nascondiglio di Daru.
  9. a b c Frasi che compaiono nel capitolo Twin Automata.
  10. a b Frasi che compaiono nel capitolo Promised Rinascimento.
  11. a b Frasi che compaiono nel capitolo Vega and Altair.
  12. (EN) Dal trailer ufficiale Steins;Gate 0 - English Trailer | PS4, PS Vita, YouTube, 28 ottobre 2016.

Altri progettiModifica