Apri il menu principale

Ruka Urushibara

personaggio di Steins;Gate

Ruka Urushibara

Universo Steins;Gate
Nome originale

るか 漆原
Ruka Urushibara

Soprannome Rukako
(ルカ子)
Voce originale
Voce italiana

Ruka Urushibara, personaggio di Steins;Gate.

Indice

Citazioni di Ruka UrushibaraModifica

Nell'animeModifica

  • Okarin: Hai dimenticato di pronunciare la parola d'ordine, Ruka.
    Ruka: Eh? E... El psy ca... canguri...
  • In realtà io non voglio tornare com'ero. Perché... perché se sarò di nuovo un maschio, sarò costretta a nascondere i miei sentimenti dentro me stessa. Perché penso che se fossi un ragazzo, non dovrei provare questo per te. Se tornerò a essere un maschio, dimenticherò tutto quello che è accaduto oggi, non è forse così? Il nostro appuntamento, l'allenamento dopo tanto tempo che non lo facevamo, e ancora il fatto di averti potuto abbracciare in questo modo. Se avessi immaginato una sofferenza simile, non avrei mai desiderato di diventare una ragazza, no, no di certo!

Citazioni su Ruka UrushibaraModifica

Nell'animeModifica

  • Mayushii: Ruka continua a esercitarsi tutti i giorni, sai? [...]
    Okarin [a Ruka]: Quando la magica spada Samidare riconoscerà che sei tu la persona giusta, sprigionerà la sua vera energia, non dimenticarlo.
  • Ruka Urushibara. Nella voce e nei modi sembra una ragazza in tutto e per tutto, anzi: una gran bella ragazza, più femminile di tante altre... in realtà è un ragazzo. È più alta di Mayuri, ma il suo fisico è molto esile... però è un ragazzo! Sta benissimo con gli abiti da miko, però è un ragazzo. (Okarin)
  • Che tu sia un ragazzo o una ragazza, non fa differenza. Una cosa simile a chi mai potrebbe importare? (Okarin)
  • Maschio, femmina, fidanzati... se c'è qualcuno che ha fatto un po' di confusione, quello sono io. Ma che importanza ha questo? Lo sai, finalmente ho capito tutto: la verità è che io sono io, e Rukako non è che Rukako, la mia allieva. (Okarin)

Nel videogiocoModifica

  • Passando sotto l'arcata del tempio di Yanabayashi, mi dirigo verso il cortile. Lì, brandendo una spada con sublime dignità, sta una miko. La miko è così affascinante che chiunque, senza dubbio, si fermerebbe ad ammirarla. Ma non è una miko e non ha una vera spada. Quella spada è un'imitazione da 980 yen, e quell'affascinante miko... è un ragazzo. (Okarin)