Freddie Francis

direttore della fotografia e regista britannico

Freddie Francis (1917 – 2007), direttore della fotografia e regista britannico.

Francis nel 1996

Da Carreras, Francis, Guest, Lester

Intervista di Marco Zatterin, Fantafestival, 1986.

  • Io detesto fare sempre la stessa cosa e visto che non credo ci sia tanta altra gente che abbia diretto un numero così elevato di pellicole horror ho tutti i diritti di essermi stufato.
  • Se oggi qualcuno venisse da me con un soggetto e dei soldi proponendomi di dirigere un film, immediatamente dopo aver letto il testo io avrei già in mente la fotografia, vedrei già chiare tutte le immagini del lavoro e probabilmente, accettando, cambierei ben poche cose. Potrei farlo bene o male, ma lo farei con facilità. Questo è quello che ho imparato in tutti quegli anni.
  • [Su Corruzione a Jamestown] Spero che tu non abbia mai visto quel film e spero che tu non lo veda mai.
  • Nutro la convinzione che la Hammer fosse un gruppo affiatato di persone, Tony Hinds, Jimmy e Michael Carreras, che trovò una buona formula per ottenere dei buoni incassi. So che i giornalisti si seccano quando dico una cosa di questo tipo, ma la Hammer era esclusivamente il frutto di tre brillati tipi che avevano avuto una grande idea. Tutti si aspettano che io dica qualcosa di magico su quei tre, ma tutto quello che si può dire è che erano tre "superuomini d'affari" con l'idea giusta, al momento giusto, per fare i soldi.
  • Col passare del tempo ho capito che molto del pubblico del cinema fantastico non solo non comprende i film in generale ma nemmeno quelli del fantastico. A volte, capiscono solo l'orrore e questa è una cosa che mi fa abbastanza paura.
  • Peter è sempre stato un attore sicuro di sé e allo stesso tempo molto rassicurante. Chris lo è adesso, una volta era più insicuro. Credo che cercasse in Peter la sua ispirazione per la parte. Erano grandi amici, andavano molto d'accordo. Chris sapeva di trovarsi di fronte ad un attore del talento eccezionale che solo raramente si è trovato a recitare parti degne delle sue capacità. Non li ho mai sentiti avere una parola di disaccordo.
  • Non potrei dirigere un prodotto il cui testo fosse basato tutto sulla affermazione "la guerra è stupida". Se qualcuno va al cinema e non sa che la guerra è stupida è talmente idiota che non dovrebbero farlo entrare.
  • [Su Mezzo litro di rosso per il conte Dracula e Il figlio di Dracula] Se li hai visti devi essere stato uno dei pochi al mondo. Lo credo e forse lo spero. Sono stati due film che non avrei mai dovuto fare, due lavori di cui mi ero completamente dimenticato.
  • [Su Mezzo litro di rosso per il conte Dracula] Fin dall'inizio io ero conscio della difficoltà di fare una parodia dell'horror. Pensavo però di lavorare con della gente normale del mondo del cinema e credevo di poter fare comunque un buon film. Col tempo mi accorsi che il produttore era un incapace e che prendeva l'impresa come se fosse stata un "home movie". Volle fare il casting, volle apparire nel film, volle che la moglie facesse l'attrice. Fu una cosa disastrosa su cui non so dire nulla di serio.
  • [Su Il figlio di Dracula] Le cose andarono peggio con il passare del tempo e quando decisero di farne un musical io abbandonai il set. Così non finii il film e non so che fine abbia fatto. Io non l'ho visto.
  • Nessuno ha mai lavorato con un budget grosso come quello di Dune, anche se durante la realizzazione del film non ho ben capito dove venisse sprecato.
  • [Su Dune] Era troppo difficile scrivere la sceneggiatura, credo che ne abbiano fatte almeno dodici arrivando a perdere quella che era l'idea originale. Alla fine penso che una fetta del pubblico sia andata a vederlo perché aveva letto il libro ed una parte perché si aspettava qualcosa come Guerre stellari. Ed uno dei problemi è stato proprio questo: David aveva messo un sacco di cervello nel film e la gente si è divertita solo per gli effetti speciali. Non era né carne né pesce. Volevano due tipi di pubblico e non ne hanno preso neanche uno.

Citazioni su Freddie FrancisModifica

  • Con tutto il rispetto che porto per Freddie Francis, devo dire che quest'ultimo non ha mai avuto lo stesso cuore di Terry. (Michael Carreras)
  • Non sarà come Terence Fisher, ma quando azzeccava il film era un grande. (Rudy Salvagnini)
  • Un tecnico in possesso di un mestiere forse superiore a quello del suo predecessore, ma che è privo però del talento artistico di Fisher. (Luigi Cozzi)

FilmografiaModifica

Altri progettiModifica