Uomini che odiano le donne (film)

film del 2009 diretto da Niels Arden Oplev

Uomini che odiano le donne

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Män som hatar kvinnor

Lingua originale svedese e inglese
Paese Svezia, Danimarca
Anno 2009
Genere thriller
Regia Niels Arden Oplev
Soggetto Stieg Larsson (romanzo)
Sceneggiatura Nicolaj Arcel e Rasmus Heisterberg
Produttore Søren Stærmose
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Uomini che odiano le donne, film del 2009 con Noomi Rapace, Michael Nyqvist e Peter Anderson regia di Niels Arden Oplev.

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • La lunga carriera di Blomkvist come cane da guardia della moralità, potrebbe concludersi per sempre. (Giornalista alla tv)
  • Il vero segreto di fare delle buone polpette è ricordare di bagnarsi sempre le mani prima di cominciare e per dargli la forma giusta, le strofini con delicatezza. (Mikael)
  • [Mostra una fotografia] 22 settembre 1966. Eravamo riuniti qui per uno di quei detestabili incontri annuali in cui si discutevano gli affari di famiglia. Trenta esemplari di umanità avidissima e meschina che si azzuffano per una fetta un po' più grande di torta. Una di queste persone ha ucciso Harriet. (Henrik)
  • Nel complesso la famiglia Vanger è un insieme di persone molto sgradevoli, ci si odia reciprocamente ma gli affari ci costringono a rimanere uniti. (Henrik)
  • [passo tratto da Levitico] Se una donna si accosta ad una bestia per lordarsi con essa, ucciderai la donna e la bestia e il loro sangue ricadrà su di loro. (Harriet e Mikael)
  • [passo tratto da Levitico] Prenderà due tortore o due colombi uno per l'olocausto e l'altro per il sacrificio espiatorio. (Harriet)
  • [passo tratto da Levitico] Se un uomo o una donna eserciteranno la negromanzia o la divinazione dovranno essere messi a morte, saranno lapidati. (Harriet e Mikael)
  • Lo sappiamo tutti e due come andrà a finire per te, non è vero? (Martin)
  • Qualsiasi cosa possa esserti successa, non me ne devi parlare. Mi basta che tu stia qui. (Mikael)

DialoghiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Mikael: Lei di chi sospetta?
    Henrik: Di nessuno e di tutti. È qui che entri in gioco tu.
  • Mikael: Che cosa ti hanno fatto per diventare così? Tu conosci tutto di me, di te invece non so niente, non so niente...
    Lisbeth: Infatti non sai niente.
  • Mikael: Ma perché?
    Martin: Perché che cosa?
    Mikael: Tutto questo.
    Martin: E perché no? Io faccio quello che ogni uomo vuole fare. Mi prendo quello che voglio.
  • Martin: Il sesso è l'unica motivazione e il fatto che io dopo le uccida, non è che una logica conseguenza. Non posso lasciare dei testimoni. Anche se in effetti devo confessare che la delusione nei loro occhi è un grande piacere.
    Mikael: Perché la delusione?
    Martin: Perché capiscono che moriranno. È una cosa che non rientra nella loro visione del mondo. Pensano sempre che avrò pietà di loro. È magnifico quell'attimo in cui realizzano che non hanno più via d'uscita. Quando i loro occhi si spengono e muoiono.

Altri progettiModifica