The Game Changers

film documentario del 2018

The Game Changers

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

The Game Changers

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2018
Genere documentario
Regia Louie Psihoyos
Sceneggiatura Mark Monroe e Joseph Pace
Produttore Joseph Pace, James Wilks
Interpreti e personaggi

The Game Changers, film-documentario statunitense del 2018, regia di Louie Psihoyos.

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • È vero, i 400 sono duri. I primi 200 sono puro scatto, e negli ultimi 200 si vede chi ha più resistenza nelle gambe. E negli ultimi 50 devi solo pregare, perché l'acido lattico inizia a mordere. Devi essere in grado di resistere. (Morgan Mitchell)
  • Molte persone hanno dubitato di me quando sono diventata vegana, ma i miei livelli di energia sono schizzati alle stelle, e il ferro, la B12, ogni cosa in cui avrei dovuto essere carente era eccezionale. Mi sono detta: "Ora voglio batterle in pista". Siamo tutte amiche, ma è bellissimo concludere la mia stagione domestica da imbattuta. E vincere le nazionali è stata la ciliegina sulla torta. (Morgan Mitchell)
  • Sono cresciuta in Kentucky, la patria degli stufati, dei barbecue e della carne. Così quando sono passata a una dieta interamente a base vegetale, non sapevo se sarei sopravvissuta. E invece sono diventata una macchina. Sono passata da 136 kg sulla pressa per gambe inclinata, a 265 kg, cinque set da 60 ripetizioni. (Dotsie Bausch)
  • Il sollevamento pesi olimpico è da terra a sopra la testa in uno o due movimenti esplosivi. I movimenti più esplosivi possibili. Quando sono passato alla dieta a base vegetale, mi dicevano: "Non so come farai a sollevare così tanto peso" e "Non mangerai più nulla, solo erba. Come farai a diventare forte?" Mi sono qualificato per la terza volta alle Olimpiadi, rendo l'idea? Ho battuto due record americani. Ho vinto i Giochi Panamericani. Ho pensato: "Cavolo, avrei dovuto farlo molto tempo fa. Perché non mi sono informato prima?" (Kendrick Farris)
  • Mi hanno chiesto: "Come fai a essere forte come un bue senza mangiare carne?" Gli ho risposto: "Hai mai visto un bue mangiare carne?" (Patrik Baboumian)
  • Ho smesso di mangiare carne nel 2005. In quel momento pesavo 105 kg, ora ne peso 130. Nello stesso periodo ho anche stabilito quattro record del mondo. Quando ho smesso di mangiare carne sono diventato più forte e più grosso. (Patrik Baboumian)
  • Ho smesso di mangiare carne probabilmente verso la metà del 2012. Sono cresciuto senza nemmeno sapere dell'esistenza di moltissimi vegetali. Per me gli asparagi esistono solo da cinque anni. [...] Durante la mia infanzia a Philadelphia, conoscevo solo spinaci in scatola, cavoli neri, Popeyes e KFC, che friggevano pollo. La gente mi dice: "Da dove prendi le proteine?" Come se tutti quelli che vanno al KFC si mettono a leggere le confezioni per vedere quante proteine ci sono. Non lo sanno. (Bryant Jennings)
  • Pensavo che passare al plant-based fosse un processo più lungo, ma ho iniziato subito a sentire di poter spaccare tutto, senza bisogno di recupero in mezzo. Le mie compagne erano sbalordite. Erano stufe di me e mi dicevano: "Proviamo ancora e ancora". (Dotsie Bausch)
  • Ero pronta per ritirarmi, come avrei dovuto fare, avendo ormai 35 anni. Ma non facevo che migliorare così furono costretti a portarmi alle Olimpiadi. La squadra americana era la grande sfavorita. Nella semifinale contro l'Australia eravamo dietro di 1,7 secondi. Nessuno aveva mai recuperato un simile svantaggio nell'inseguimento a squadre. Vincemmo sul traguardo di ottantuno millesimi di secondo. Avevo 39 anni quando sono salita sul podio olimpico. Sono tuttora l'atleta più anziana, maschio o femmina, ad essere andata alle Olimpiadi in questa specialità. La mia dieta era l'aspetto più importante per essere in grado di performare e vincere per la Nazionale ai Giochi Olimpici. (Dotsie Bausch)
  • Nella NFL il tasso di infortuni è del 100%. È un gioco violento. L'importante è come reagisci agli infortuni e quanto velocemente recuperi, perché se non sei in campo, non stai aiutando la squadra. Leggendo le ricerche ho visto che la dieta plant-based poteva essere benefica, specialmente per il recupero. Ho iniziato ad adottarla e ho cominciato a vedere dei risultati favolosi. Recuperavo meglio, avevo meno infiammazioni, molti meno gonfiori. Per confermare le mie sensazioni ho fatto gli esami del sangue. Sei mesi dopo l'inizio della dieta, tutti i valori erano bassi, pressione sanguigna, colesterolo... Ma la cosa che più mi interessava era il marker dell'infiammazione nel sangue, e il mio era... quasi obsoleto. Non esisteva più. (Derrick Morgan)
  • Nella civiltà occidentale non c'è niente di più comune della cardiopatia coronarica, e ciò è dovuto agli alimenti di cui ci nutriamo ogni giorno. (Caldwell Esselstyn)
  • Mangiando prodotti animali iniziamo a creare placche nelle arterie coronariche. La formazione di placche arteriose non solo limita la funzione delle arterie, ma può anche bloccare il flusso sanguigno, ed è lì che il cuore inizia ad avere problemi seri corrispondendo le richieste del corpo. (Kim Williams)
  • Faremmo solo molto meglio a liberarci dei prodotti animali, e ci sono buone ragioni biochimiche a sostegno. Il ferro eme è una di queste, ad esempio. (Kim Williams)
  • Nel primo mese [sottoponendo i malati cardiaci a una dieta a base vegetale] abbiamo notato un miglioramento nel flusso sanguigno e il cuore iniziava a pompare sangue normalmente. Dopo un anno, anche le coronarie gravemente ostruite si sono liberate considerevolmente, con ulteriori miglioramenti dopo cinque anni. Ma nel gruppo di controllo randomizzato, che seguiva le indicazioni dei dottori riguardo a meno carni rosse, più pesce e pollo, un po' di esercizio e via dicendo, le arterie si sono intasate dopo un anno e ancor di più dopo cinque anni. (Dean Ornish)
  • Quelli della mia età [60 anni] non riescono a stare dietro ai nipoti. I miei nipoti non riescono a starmi dietro. Quando sono passato a una dieta a base vegetale, la mia pressione sanguigna si è abbassata a 110-70. A volte il battito cardiaco è andato sotto i 50. 48, 47. Sono più concentrato, più rilassato e sento di avere molte più energie grazie alla dieta plant-based. [...] Quando vengono dei ragazzi sui 20 anni ad allenarsi io sostengo gli esercizi molto più facilmente di loro. (Lucious Smith)
  • Gli amminoacidi provenienti da fonti animali tendono ad accelerare le cellule e a farle moltiplicare più rapidamente. Per esempio, esistono prove consolidate che un alto consumo di proteine provenienti da latticini è collegato a un maggiore rischio di cancro alla prostata. Questa catena di causalità del cancro sembra essere chiara. (Walter Willett)
  • Se pensiamo alla dieta dei primi esseri umani, spesso pensiamo alla carne, ma i vegetali erano più importanti di quanto l'archeologia riconosca. Gli alimenti che potevi reperire ovunque ti trovassi erano quelli vegetali. (Richard Wrangham)
  • La concezione popolare degli alimenti dei primitivi risale agli anni '30 e '40, quando ci furono incredibili scoperte sui progenitori degli esseri umani, ossa animali e strumenti che sembravano potessero essere utilizzati per squartare e sventrare gli animali. Molto presto si ipotizzò che la carne avesse un ruolo sproporzionatamente più grande nella dieta dei nostri antenati primitivi di quanto fosse in realtà. (Nathaniel Dominy)
  • Gli esseri umani non hanno una genetica, un'anatomia o degli adattamenti fisiologici specializzati per il consumo di carne. Al contrario, abbiamo molti adattamenti per il consumo di piante. Abbiamo un apparato digerente più lungo rispetto ai carnivori, e ciò permette a noi umani di digerire piante e fibre che richiedono una digestione più lunga. Ci manca anche la capacità di produrre vitamina C. Questa si trova nelle piante, e il fatto che non possiamo produrla da soli è indice di quanto noi dipendiamo da esse. Per questo abbiamo la visione tricromatica, diversamente dai carnivori, che hanno la visione dicromatica. Possiamo vedere più colori e questo è importantissimo soprattutto per distinguere la frutta fresca e matura. (Christina Warinner)
  • Il nostro cervello ha un disperato bisogno di glucosio. È un organo difficile. È l'unica cosa che assume in cambio di energia. La carne non è una buona fonte di glucosio. Per avere un cervello così grande, si deve mangiare altro, e il modo più efficiente per assumere glucosio è mangiare carboidrati. (Mark Thomas)
  • [Con riferimento alla confusione nei media sugli effetti dei cibi animali per la salute] Questo schema funziona a meraviglia... per chi vende il cibo, per chi vende i farmaci che curano le malattie causate da quel cibo e funziona a meraviglia per i media, che possono darci una nuova dieta ogni giorno. [...] Ma nonostante la confusione nei media, c'è un enorme consenso globale riguardi ai principi di una dieta salutistica, che in tutti i casi, sia ricca o povera di grassi, ricca o povera di carboidrati, in ogni popolazione, per ogni tipo di ricerca, è una dieta prevalentemente a base vegetale, ogni volta. (David Katz)
  • La carne ha un ruolo sproporzionatamente grande nello spreco di acqua. Il 25% dei fiumi della Terra non raggiungono più l'oceano, perché stiamo prendendo troppa acqua per la produzione di foraggio. (Johan Rockström)
  • Una dieta vegetariana sana a base di cibi integrali cambia l'espressione dei geni. Attiva quelli buoni, e disattiva quelli cattivi. I geni sono una predisposizione, non sono il nostro destino. E anche se i nostri genitori e i nostri zii sono tutti morti di diabete, cancro o persino infarto, non significa che avremo la stessa sorte. (Dean Ornish)
  • Il potenziale del corpo umano è immenso. Siamo in grado di uscire dalle più profonde e oscure cavità, se continuiamo a spingerci in avanti. (Scott Jurek)
  • Non è questione di essere il più forte o il più grosso... ma piuttosto di ciò che si vuole fare con la propria forza e ciò che si vuole fare con il potere che si ha. (Patrik Baboumian)

Altri progettiModifica