Lewis Hamilton

pilota automobilistico britannico

Lewis Hamilton (1985 – vivente), pilota britannico di Formula 1.

Lewis Hamilton nel 2007

Citazioni di Lewis HamiltonModifica

  • Abbiamo iniziato con nulla, aveva quattro lavori per farmi continuare a correre e io dormivo su un divano. Sognavamo di fare qualcosa, qualcosa di completamente fuori dalla nostra portata: correre in Formula 1. Per essere una famiglia con pochi soldi sembrava una cosa da pazzi. La gente ridacchiava, ci considerava delle macchiette e abbiamo sempre tenuto la testa bassa, ma abbiamo anche portato avanti la nostra battaglia, in pista, sempre. Quelli che ci giudicavano allora, mi chiedo se ora ci guardino con rabbia, o se siano cambiati e pensino “buon per loro”.[1]
  • Andare sui kart era come avere il mantello di Superman. Indossavo il casco e non mi vedevano come un diverso per via del colore della pelle. Mi vedevano solo come un pilota, e sono stato in grado di fare cose che altri non erano in grado di compiere. Non importava quanto fossero grandi gli altri ragazzi, potevo sempre batterli.[2]
  • Ayrton Senna è una leggenda incredibile che sarà ricordata e ammirata per sempre. Aveva la rara qualità della grandezza.[3]
  • [Nel 2013, in riferimento al dominio di Sebastian Vettel] Capisco cosa sta succedendo ai tifosi perché ricordo ancora i tempi di Schumacher. Mi ricordo che mi svegliavo per guardare la partenza, poi andavo a dormire e riaprivo di nuovo gli occhi alla fine della gara perché sapevo già cosa sarebbe successo. Sono più o meno certo che un sacco di gente sta facendo la stessa cosa oggi. Almeno, nella mia famiglia è così.[4]
  • Conosco bene il mio valore di mercato, perché sono più vecchio di quando ho iniziato ma ricordo anche molto bene da dove sono partito. Io valgo la mia storia, dal nulla da cui sono partito – la mia famiglia era veramente povera – fino alla vetta di questo sport.[5]
  • [Nel 2013, su Vettel] È di un'altra categoria, è sulla strada per diventare il più grande pilota di tutti i tempi.[6]
  • È una grande notizia che Jenson abbia scelto di restare con la McLaren. Jenson è una grande persona con cui lavorare, e un vero e proprio uomo-squadra, dal momento in cui il team lo ha accolto.[7]
  • [Con riferimento ad Alonso] Io non penso ci sia stata alcuna disputa personale tra noi. In pista abbiamo battagliato ma fuori c'è stato rispetto. Lo ringrazio per essere venuto nel box McLaren lo scorso fine settimana in Brasile per congratularsi con me e il team. È stato davvero un bel gesto il suo e l'ho gradito molto. Ho avuto sempre grande rispetto di lui e ora so che è un grande uomo.[8]
  • Il momento più bello non è quando hai vinto e tutti ti abbracciano. Il momento più bello è la mattina della gara quando ti svegli e te la fai sotto. Quella sensazione di aver fatto tutto il possibile e di essere pronto. E questa sensazione chi gioca sporco non potrà provarla.[9]
  • Non riesco a pensare una morte migliore che in pista, facendo ciò che amo. Se toccasse a me, vorrei che avvenisse mentre sono al volante di un'auto da corsa.[10]
  • Seb è un grande campione!! Non solo, è una grande persona, divertente e umile. Merita tutto il successo che sta avendo!
Seb is a great champion!! Not only that, he is a great human being who is funny and humble. Deserves all the success he is having![11]
  • [Dopo aver vinto il quarto titolo mondiale] Sebastian ora è tra le leggende di questo sport. Raggiungere certi risultati a quest'età è un qualcosa di fenomenale; è riuscito ad infrangere diversi record nelle ultime stagioni.[12]
  • [Con riferimento alla sua dieta vegana e agli atleti che la seguono] Vogliamo sentirci bene, avere un bell'aspetto, più energia. L'importante è immettere il giusto carburante. Non mi sono mai sentito così bene in 32 anni di vita.[13]

Citazioni su Lewis HamiltonModifica

  • Che mi piacerebbe avere due piedi, non sorprenderà nessuno, ma tra due normali e uno solo di Hamilton boia se mi accontenterei!! Fortissimo! (Alessandro Zanardi)
  • Dopo aver versato lo champagne addosso a Putin, Hamilton non si trova più. (Gene Gnocchi)
  • È di un'altra categoria rispetto a tutti non è ancora allo stesso di Michael [Schumacher] che per me resta il migliore di sempre come passo e costanza nell'arco di un fine settimana di gara. Non credo che Lewis gli sia nemmeno vicino, anche se sta collezionando molte vittorie. Però ha la macchina migliore, ci sono più gare e il livello della competizione è discutibile. (Eddie Irvine)
  • Ha questo talento incredibile. Guida tanto su questo. Poi certo, lavora, ed è molto bravo sulla politica. (Nico Rosberg)
  • Io e Lewis Hamilton ci rispettiamo molto, ed è una cosa che si vede in maniera nitida, anche se non abbiamo niente da spartire l'uno con l'altro nelle nostre vite private. Questo fatto, però, non implica che io sia felice quando arrivo dietro di lui al traguardo. (Sebastian Vettel)
  • [Dopo il mondiale 2021 di Formula 1 perso all'ultimo giro] La classe di Lewis Hamilton ci insegna come essere i migliori in ogni occasione. Un campione che vince nella maggior parte delle occasioni e che dimostra al mondo come comportarsi e rimanere composti anche quando le situazioni non sono a tuo favore. Lewis mantiene la propria classe anche quando gli viene strappata l'anima. Forza. Controllo. Un vero esempio. (Mario Andretti)
  • Lewis è il più grande pilota del nostro tempo... Gli ho detto che per noi è speciale vedere come ha scritto la storia oggi. Paragonare Juan Manuel Fangio o Stirling Moss alla nostra generazione è impossibile e persino inutile. Ci cagheremmo sotto nelle loro macchine e può essere che loro sarebbero spaventati nella nostre perché sono troppo veloci. Chissà? Non ha importanza. Ogni epoca ha i suoi piloti e Lewis è nella nostra. Per me, emotivamente, Michael sarà sempre il più grande, ma non c'è dubbio che Lewis sia il più grande quando si tratta di risultati. Lo ha eguagliato per numero di titoli, ha vinto più gare, ha più pole position. Ha fatto tutto quello che potevi chiedergli. (Sebastian Vettel)
  • Non compio un azzardo a dire che Hamilton secondo me è uno dei cinque piloti più forti della storia della F1. Come Fangio era il campione degli Anni Cinquanta, Jim Clark quello degli anni Sessanta, Lauda il dominatore degli Anni '70, Senna degli anni Novanta e Schumacher il Re dei primi anni Duemila. Tutti loro in un modo o nell'altro hanno segnato una decade. Hamilton è il Re di quest'ultima. Se ci facciamo caso, di tutti quei leggendari campioni, Hamilton possiede un pezzetto delle rispettive qualità. Ha la dedizione di Lauda, la velocità di Senna, la determinazione di Schumacher, la longevità agonistica di Fangio. E poi il metro della bravura di un campione te lo dà il confronto interno a pari macchina. Uno può avere anche la migliore monoposto del mondiale, ma ce l'ha anche il suo compagno di squadra. E se uno macina regolarmente i colleghi di team, come ha fatto Hamilton negli anni con Alonso, Button, Rosberg e adesso Bottas, qualcosa vorrà dire no? (Alberto Sabbatini)
  • Penso che Vettel sia forte se è in testa e non deve lottare con nessuno, se invece guardiamo a Hamilton, Lewis è molto concentrato sulla gara e sullo stare davanti agli altri piloti. Vettel invece quando è in battaglia si concentra troppo sul suo avversario che sulla sua guida e finisce contro il rivale. Seb è un buon pilota, ma non lo vedo come un quattro volte campione del mondo. Penso che sia enormemente sopravvalutato e sa fare bene una cosa sola. Il talento di Lewis è molto più ampio. (Eddie Irvine)
  • Siamo due persone diverse ma ogni essere umano ha le proprie caratteristiche. Ciò che conta è che questa diversità non limiti il rispetto reciproco. Lavoriamo vicini, lavoriamo insieme. E lo facciamo, credo, nel migliore dei modi. (Valtteri Bottas)
  • Un bambino che correva coi kart, che con l'impudenza classica di chi è consapevole di essere un grande va a tirare la giacca al manager della McLaren dicendogli: "Mi prenda sotto la sua protezione, io le farò vincere molti mondiali". Lui decise di dargli fiducia portandolo in Formula 1. E guardate cosa ha fatto. Devo dire che a me subito Hamilton non piaceva, aveva l'atteggiamento tipico di chi si lamenta perché non gli danno la merenda. Ricordo che alcune cose non mi erano piaciute, come il "mi penalizzano perché sono nero". Non era vero, anzi. In molti si ricorderanno che parecchie cappelle che fece in pista gli furono perdonate, a differenza di altri. [...]. Tutte attenzioni mai avute per nessun altro. Tutti, però, sin dal suo esordio, avevano capito che il ragazzo sarebbe stato forte. Oggi riesce anche a fare appelli sociali giustissimi, ciò dimostra la grandezza di uno che anche in questo sport ci sguazza e ci nuota in maniera stupenda. È un fuoriclasse con assoluta possibilità di concentrazione, senza distrazioni... (Ezio Zermiani)

FilmModifica

NoteModifica

  1. Citato in La gran storia di Lewis Hamilton, Ilpost.it, 15 novembre 2020.
  2. Da un'intervista a Vanity Fair; citato in Valerio Barretta, Hamilton: "In Formula 1 non mi sentivo il benvenuto", Formulapassion.it, 9 agosto 2022.
  3. Citato in Nico Farella, F1 | Hamilton: "Ayrton aveva la rara qualità della grandezza", Formulapassion.it, 2 maggio 2014.
  4. Citato in F1, Hamilton: "Vettel uccide le gare e il pubblico a casa va a dormire", Repubblica.it, 7 ottobre 2013.
  5. Citato in Simone Valtieri, F1 | Hamilton a un passo dal rinnovo. Wolff: “Tutto si sta allineando”, Formulapassion.it, 1º aprile 2015.
  6. Citato in F1, Hamilton lancia Vettel: «Può diventare il più grande», Corrieredellosport.it, 29 ottobre 2013.
  7. Citato in Jenson Button: "La McLaren è il posto migliore per vincere", F1grandprix.motorline.com, 5 ottobre 2011.
  8. Citato in Hamilton fa pace con Alonso, Msn.com.
  9. Citato in Alex Zanardi, La tentazione di giocare pulito, Mag.wired.it, 24 agosto 2011.
  10. Ciato in Hamilton ha un infermo nella testa: "Non c'è morte migliore che in pista", Lastampa.it, 31 ottobre 2011.
  11. Da un post sul profilo ufficiale Twitter.com; citato in Matteo Sala, Hamilton, prove di pace via Twitter: "Seb è un grande campione", Formulapassion.it, 8 ottobre 2013.
  12. Citato in Marco Congiu, Hamilton: "Vettel è nei libri di storia", Formulapassion.it, 27 ottobre 2013.
  13. Dall'intervista nel documentario The Game Changers, ReFuel Productions, 2018.

Altri progettiModifica