Samuel Smiles

scrittore, giornalista e politico scozzese
Samuel Smiles, ritratto da Sir George Reid, 1891

Samuel Smiles (1812 – 1904), scrittore, giornalista e politico scozzese.

Citazioni di Samuel SmilesModifica

  • Il re [Augusto II di Polonia e principe elettore di Sassonia] fu inesorabile; denaro e favori a Böttger quanti volesse; non mai la libertà: era manifesto ch'ei lo considerava suo schiavo. Il pover'uomo continuò ancora a lavorare per alcun tempo, sotto l'impero di questa persecuzione; ma in capo a uno o due anni si buttò sull'imbraca. Disgustato dal mondo e di sé, si abbandonò all'ubbriachezza; e tale è la forza dell'esempio negli uomini, che la più parte degli operai della fabbrica di Meissen si diede a medesimo vizio, non sì tosto seppero di Böttger. Conseguenza di ciò furono brighe e risse, che senza posa si rinnovarono tanto che dovettero intervenire i soldati tratto tratto per metter pace fra i porcellanieri, com'erano chiamati. (da Chi si aiuta Dio l'aiuta. Ovvero storia degli uomini che dal nulla seppero innalzarsi ai più alti gradi in tutti i rami della umana attività, traduzione di Cesare Donati, E. Treves editore, Milano, 18716, p. 64)
  • Affranto d'animo e di corpo, alternando i giorni fra il lavoro e il bere, quasi abbrutito, e travagliato ognora dall'infermità derivatagli dalla lunga e forzata reclusione, Böttger tirò innanzi malissimamente qualche anno ancora, finché non venne la morte a liberarlo li 13 marzo 1719, che non aveva trentacinque anni. Fu sotterrato di notte, come un cane, nel cimitero di san Giovanni a Meissen. Così fu trattato, e finì miseramente i brevi giorni uno dei più grandi benefattori della Sassonia. (da Chi si aiuta Dio l'aiuta. Ovvero storia degli uomini che dal nulla seppero innalzarsi ai più alti gradi in tutti i rami della umana attività, traduzione di Cesare Donati, E. Treves editore, Milano, 18716, p. 65)
  • Le cose ci sono tanto più care quanta più fatica costano.[1]
  • Le modeste virtù della donna, formano la felicità dello sposo, la buona riuscita della famiglia, l'agiatezza della casa.[1]
  • Non di rado avviene che sotto veste cenciosa palpiti cuore valoroso e gentile.[1]

AttribuiteModifica

Self-help.

NoteModifica

  1. a b c d e Citato in G. B. Garassini e Carla Morini, Gemme, classe 5 maschile, Sandron, Milano [post. 1911].

Altri progettiModifica