Benjamin Disraeli

politico e scrittore italo-britannico

Benjamin Disraeli, I conte di Beaconsfield (1804 – 1881), uomo politico britannico.

Benjamin Disraeli

Citazioni di Benjamin DisraeliModifica

  • Chi può negare che Gesù di Nazareth, il Figlio del Dio Altissimo venuto nella carne, sia l'etero vanto del popolo giudaico?![1]
  • È molto più facile essere critici che essere corretti.
This shows how much easier it is to be critical than to be correct.[2]
  • Il mio concetto di persona piacevole è quello di una persona che è d'accordo con me.
"My idea of an agreeable person," said Hugo Bohun, "is a person who agrees with me".[3]
  • Il mondo è governato da tutt'altri personaggi che neppure immaginano coloro il cui occhio non giunge dietro le quinte.[4]
  • [Il Poor Law Amendment Act del 1834] annuncia al mondo che in Inghilterra la povertà è un crimine.[5]
  • Il segreto del successo risiede nella costanza con cui si persegue uno scopo.
The secret of success is constancy to purpose.[6]
Success is the child of audacity.[7]
  • In realtà noi siamo una nazione di bottegai.[8]
  • L'assassinio non ha mai cambiato la storia del mondo.
Assassination has never changed the history of the world.[9]
  • L'uomo è una scimmia, oppure un angelo. Ora io sono dalla parte degli angeli.
Is man an ape or an angel? Now, I am on the side of the angels![10]
  • La delusione della maturità segue l'illusione della gioventù.[11]
  • La determinatezza non è il linguaggio della politica.
Finality, Sir, is not the language of politics.[12]
Despair is the conclusion of fools.[13]
  • La gioventù è un agire da sciocchi, la maturità una lotta, la vecchiaia un rimpianto.[14]
  • La pazienza è l'ingrediente necessario per la genialità.
Patience is a necessary ingredient of genius.[15]
Amusement to an observing mind is study.[18]
  • Non rifiuto mai; contraddico. E qualche volta dimentico.
I never deny; I never contradict; I sometimes forget.[19]
  • Ogni donna, e nessun uomo, dovrebbe sposarsi.[20]
  • Quel che è delitto fra la moltitudine è soltanto un vizio fra i pochi.[21]
  • Se non sei molto abile, devi essere conciliante.
If you are not very clever, you should be conciliatory.[22]
  • Tutto è razza e non c'è altra verità.[23]
  • Un'università dovrebbe essere un luogo di luce, di libertà e di studio.
A University should be a place of light, of liberty, and of learning.[24]
  • Un governo conservatore è ipocrisia organizzata.[25]
  • Un politico usa i dati come un ubriaco il lampione: non per la luce ma per il sostegno.[26]
  • Un precedente consacra un principio.
A precedent embalms a principle.[27]
  • [Ultime parole famose, sul Canale di Suez, il 26 marzo 1858[28]] Un tentativo inutile, assolutamente impossibile da realizzare.[29]
  • Uno scrittore che parla dei suoi libri è insopportabile quasi come una madre che parla dei suoi figli.[30][17]

AttribuiteModifica

There are three kinds of lies: Lies, Damn Lies, and Statistics.
Attribuita a Disraeli da Mark Twain in Chapters from My Autobiography — XX, North American Review No. DCXVIII (5 luglio 1907). L'attribuzione è considerata inaffidabile, e l'origine è incerta (una delle prime pubblicazioni conosciute contenente questa frase è di Leonard H. Courtney).
  • La franchezza è la gemma più splendente della critica.
Candour is the brightest gem of criticism.
[Citazione errata] Si tratta di una citazione del padre, Isaac D'Israeli, tratta da The Curiosities of Literature, in "Literary Journals".
  • Quando ho voglia di leggere un romanzo, ne scrivo uno.[31]

Henrietta TempleModifica

  • Ciò che ci attendiamo non capita quasi mai; generalmente capita ciò che meno ci aspettiamo.
What we anticipate seldom occurs; what we least expected generally happens. (2, 4)
  • È il tempo il grande medico.
Time is the great physician. (6, 9)
The magic of first love is our ignorance that it can ever end. (4, 1)

Vivian GreyModifica

There is moderation even in excess. (VI, 1)
  • Come tutti i grandi viaggiatori ho visto più di quanto ricordi e ricordo più di quanto ho visto.
  • L'uomo non è la creatura delle circostanze. Le circostanze sono le creature dell'uomo.
Man is not the creature of circumstances, circumstances are the creatures of men. (VI, 7)
  • Le delusioni dell'età matura seguono le illusioni della gioventù.
The disappointment of manhood succeeds to the delusion of youth. (VIII, 4)
  • Odio le definizioni.
I hate definitions. (II, 6)

NoteModifica

  1. Citato in Nicola Martella, Offensiva intorno a Gesù, vol II, Punto a croce 2000.
  2. Dal discorso alla House of Commons, 24 gennaio 1860.
  3. Da Lothair, 1870, cap. 35.
  4. Citato in Curzio Nitoglia, Per padre il diavolo: un'introduzione al problema ebraico secondo la tradizione cattolica, Barbarossa, 2002, p. 208.
  5. Citato in AA.VV., Il libro della legge, traduzione di Sonia Sferzi, Gribaudo, 2021, p. 91. ISBN 9788858029596
  6. Dal discorso al banchetto della National Union of Conservative and Constitutional Associations, Crystal Palace, Londra, 24 giugno 1872, citato in "Mr. Disraeli at Sydenham", The Times, 25 June 1872, p. 8.
  7. Da The Rise of Iskander, 1833, cap. 4.
  8. Da The Young Duke, I; citato in Fernando Palazzi, Silvio Spaventa Filippi, Il libro dei mille savi, Hoepli, Milano, 2022. ISBN 978-88-203-3911-1
  9. Dal discorso alla House of Commons dopo l'omicidio di Abramo Lincoln, 1 maggio 1865.
  10. Dal discorso all'Oxford Diocesan Conference, 25 novembre 1864.
  11. Citato in Focus n. 67, p. 169.
  12. Dal discorso alla House of Commons, 28 febbraio 1859.
  13. Da The Wondrous Tale of Alroy, 10, 17.
  14. Citato in Focus, n. 115, p. 170.
  15. Da Contarini Fleming, 1832, 4, 5.
  16. Da Sybil.
  17. a b Citato in Elena Spagnol, Enciclopedia delle citazioni, Garzanti, Milano, 2009. ISBN 9788811504894
  18. Da Contarini Fleming, 1832, 1, 23.
  19. Citato in William Flavelle Monypenny e George Earle Buckle, The life of Benjamin Disraeli, Rarl of Beaconsfield, Vol. 6 (1920), p. 463, ed in Henry W. Lucy, Memories of Eight Parliaments, 1908, p. 66.
  20. Da Lotario, 30. Citato in Dizionario delle citazioni, a cura di Ettore Barelli e Sergio Pennacchietti, BUR, 2013. ISBN 9788858654644
  21. Da Tancred, or the New Crusade, 1847.
  22. Da Endymion, 1880, cap. 85.
  23. 1847, vol. I, p. 169; citato in Losurdo 2005, p. 267.
  24. Dal discorso alla House of Commons, 11 marzo 1873.
  25. Dal discorso alla Camera dei Comuni del 17 marzo 1845.
  26. Citato in La settimana enigmistica, n. 4102, pag. 12
  27. Dal discorso alla House of Commons, 22 febbraio 1848.
  28. Percy Hetherington Fitzgerald, The Great Canal at Suez, Tinsley Brothers, 1878, vol. I, p. 105.
  29. Citato in Alfredo Accatino, Imbecilli, Salani, 2011, n. 42.
  30. Da Discorso a un banchetto, Glasgow, 19 novembre 1873.
  31. Citato in Elena Spagnol, Enciclopedia delle citazioni, Garzanti, Milano, 2009. ISBN 9788811504894

BibliografiaModifica

  • Benjamin Disraeli, Tancred; or, The New Crusade, 2 voll., Tauchnitz, Leipzig, 1847.
  • Domenico Losurdo, Controstoria del liberalismo, Laterza, 2005.

Altri progettiModifica