BoJack Horseman

serie animata statunitense (2014-2020)

BoJack Horseman

Serie animata

Immagine BoJack Horseman Logo.svg.
Titolo originale

BoJack Horseman

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno

2014 - 2020

Genere commedia
Stagioni 6
Episodi 77 (completa)
Ideatore Raphael Bob-Waksberg
Rete televisiva Netflix
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

BoJack Horseman, serie televisiva animata trasmessa dal 2014, creata da Raphael Bob-Waksberg.

Stagione 1Modifica

Episodio 1, BoJack Horseman: la storia di BoJack Horseman, capitolo unoModifica

  • Per un sacco di gente la vita è solo un lungo calcio tirato nell'uretra. E a volte quando torni a casa dopo un giornata di calci nell'uretra ti va solo di guardare uno show su gente amabile dove si vogliono tutti bene. E dove qualunque cosa succeda alla fine di quella mezz'ora, be', è tornato tutto a posto. No, sai, perché nella vita vera... ho già detto quella cosa lì dell'uretra? (BoJack Horseman)
  • Pinky Penguin: Ti avrei invitato nel mio ufficio ma la società elettrica mi ha staccato la corrente...
    BoJack Horseman: Una vera disdetta!
  • Pinky Penguin: La Penguin è più che ansiosa di pubblicare le tue memorie, ma continui a non rispettare le scadenze.
    BoJack Horseman: Lo so e mi dispiace. Ma sto facendo grandi progressi!
    [Parte un flashback]
    BoJack Horseman [con il registratore in mano]: BoJack Horseman, la storia di BoJack Horseman. Scritto da BoJack Horseman. Capitolo uno. Capitolo uno. Caaaapitoloooo... [passa un'intera giornata] ...uno!
  • Pinky Penguin: Ormai [noi della casa editrice] viviamo alla giornata. Puntiamo sulla tua autobiografia per non fallire. Non per metterti pressione, eh.
    BoJack Horseman: Questo si chiama mettere pressione!
  • Todd Chavez: Sei ubriaco?
    BoJack Horseman: Todd, peso seicento chili. Servono ettolitri di birra per ubriacarmi. [l'inquadratura si allarga e si scopre che ci sono decine di birre sparse per la stanza] Sì.
  • Non ho paura delle responsabilità. Mi impegno continuamente nelle cose. È quello che viene dopo quell'impegno che mi dà da pensare. (BoJack Horseman)
  • Mr. Peanutbutter e BoJack Horseman nella stessa stanza. Wow, ma che cos'è questo, un episodio crossover? (Mr. Peanutbutter)
  • Non so come ti aspetti che qualcuno possa amarti, quando è chiarissimo che detesti te stesso. (Princess Carolyn)
  • BoJack Horseman: Come mio agente pensi che sto ingrassando?
    Princess Carolyne: Vuoi scherzare? Sei nel fiore degli anni, mai stato meglio.
    BoJack Horseman: E come ex fidanzato?
    Princess Carolyne: Ricordi una cacca che ha mangiato una seconda cacca e defecato una terza cacca.
    BoJack Horseman: Aspetta, aspetta, scusa. A quale delle cacche somiglio io?
    Princess Carolyne: La terza cacca.
    BoJack Horseman: Cosa? Quella è la peggiore.
  • Princess Carolyne: Martedì, per te, può andare o sei forse troppo preso a masturbarti davanti alle tue vecchie foto?
    BoJack Horseman: Ti ho spiegato che non era quello che stavo facendo. Mi masturbavo davanti a quello che la foto rappresentava. Tu sei entrata nel momento peggiore.
  • Todd Chavez: Tu vorresti essere amato da tutti?
    BoJack Horseman: Sì, perché la gente non mi ama?
    Todd Chavez: Ehmm... [dieci minuti dopo] Ehmm. Di cosa stavamo parlando?
  • Diane Nguyen: Allora, a cosa stai lavorando in questi giorni?
    BoJack Horseman: Perlopiù sto seduto in casa a lamentarmi di tutto.
    Diane Nguyen: Sì? E questo è di qualche utilità?
    BoJack Horseman: Be', non mi posso lamentare. Per cui, sai...
  • Diane Nguyen: Sei il solo responsabile della tua felicità.
    BoJack Horseman: Mio Dio, è deprimente!
    Diane Nguyen: No, non lo è.
    BoJack Horseman: Responsabile della mia felicità? Non so esserlo nemmeno della mia colazione!

Episodio 2, BoJack traditore della patriaModifica

  • BoJack Horseman: Scusate... volevo informarti che stasera hai rovinato l'esistenza di qualcuno e spero che tu abbia almeno la decenza di sentirti colpevole per questa puttanata.
    Pam: Come scusi?
    BoJack Horseman: Già mi giravano di brutto, ma ho pensato che almeno per una sera sarei potuto andare in un bar per dimenticarmi dei miei casini. Ma ora per colpa tua e delle tue amiche ne sono più consapevole.
    Pam: Se la stavamo disturbando, scusi, perché non se n'è andato?
    BoJack Horseman: Perché non c'ho pensato e adesso mi sento stupido.
    Pam: Senta, io ho tutto il diritto di stare...
    BoJack Horseman: No! Forse perché sei carina, o forse perché sei anche magrolina, col tempo hai imparato a cavartela ma voglio che tu sappia che le tue azioni hanno delle conseguenze sugli altri. Ti odio! Sei una persona spregevole... e il fatto che non capisci di essere una persona spregevole, non ti rende certo meno spregevole.
    Pam: Sul serio mi trova carina?
  • Cane-donna1: Non dovrei più mangiare la cioccolata. Mi uccide letteralmente.
    Cane-donna2: Oh, anche a me!
    Cane-donna1: Ma adoro la cioccolata.
    Cane-donna2: La storia della mia vita!
  • BoJack Horseman [risponde al cellulare]: Pronto!
    Laura: Princess Carolyne deve parlarti con urgenza.
    BoJack Horseman: Ok, passamela.
    Laura: Attualmente è impegnata in una riunione. Puoi attendere in linea?
    BoJack Horseman: Mi hai chiamato tu!
  • Diane Nguyen: Ehi, BoJack.
    BoJack Horseman [spaventato]: Ah, che cosa ci fai tu qui?
    Diane Nguyen: Mi avevi detto alle nove.
    BoJack Horseman: La frase non mi somiglia.
    Diane Nguyen: Ho qui la tua e-mail, ecco. "Diane, perché non passi martedì mattina alle nove? Porta con te la mail perché potrei non ricordarmelo visto che ho preso una dose di tranquillanti da cavallo, ah-ah. Non mettere nel libro che uso tranquillanti da cavallo, ah-ah. Uso solo piccole dosi per dormire la notte e una dose molto molto più pesante per superare la giornata. Inoltre sono ubriaco. Inoltre sono solo, tanto solo, tanto, tanto solo. Per favore non metterlo nel libro, libro, libro, allibratore, vibratore. Prendilo il dildo, non senti odore di magenta?" Poi ti sei addormentato sulla tastiera, credo. Perché c'è la lettera "b" ventisette volte...
    BoJack Horseman: Questa mail, sì che mi somiglia!
  • Rivoglio la mia privacy. Così potrò terminare la mia autobiografia e riavere di nuovo i riflettori addosso. (BoJack Horseman)
  • Sai qual è il problema che hanno tutti quanti? Che vogliono sentire solo quello di cui sono già convinti. A nessuno interessa mai sentire la verità. (BoJack Horseman)

Episodio 3, Il ritorno di SarahModifica

  • BoJack Horseman: Senti, tu che ne pensi di Sarah Lynn?
    Diane Nguyen: Oh, non mi sono mai fermata a pensarci. Insomma, apprezzo i suoi primi lavori in cui celebrava con ironia l'ossessione per il sesso delle ultime generazioni. Ma come femminista della terza ondata mi chiedo se le donne vogliano rivendicare la loro sessualità in questa società cosi antiquata o se sia solo una bugia che si raccontano per attrarre l'attenzione dell'uomo sentendosi meno in colpa.
    BoJack Horseman: Che cosa?
    Diane Nguyen: Ma sai, d'altra parte, temo che conversazioni come questa possano svilirla a mero pupazzo dell'industria...
    BoJack Horseman: È questo che mi preoccupa.
    Diane Nguyen: Incapace di cimentarsi in discussioni come questa...
    BoJack Horseman: Ovviamente!
    Diane Nguyen: Un'infantilizzazione che è di per sé il prodotto della società profondamente misogina in cui viviamo. Ma, ti ripeto, non è che mi interessi molto a lei.
  • BoJack Horseman: Ho fatto un casino, vero?
    Diane Nguyen: Avresti potuto essere una figura di riferimento migliore quand'era giovane, ma comunque il suo destino era già segnato. È la celebrità che riduce così le persone.
    BoJack Horseman: Perciò stai dicendo che è tutta colpa della società e che noi individui non siamo assolutamente tenuti a prenderci responsabilità?
    Diane Ngueyen: Ehm, no, non esattamente. Dicevo solo che...
    BoJack Horseman: Sì, mi piace. Non ho fatto niente di male perché non avrei potuto. Noi siamo il prodotto dell'ambiente, sballottati come palline nel gioco mangia-cavallo che rappresenta il nostro assurdo e crudele universo!
    Diane Nguyen: Aspetta, no, non è questo che io intendevo...
    BoJack Horseman: Sììì! Non è colpa mia. È colpa della società, è solo e soltanto colpa della società. Hurrà, niente in questa vita ha senso! Niente di ciò che faccio ha conseguenze!

Episodio 4, Tra Zoë e ZeldaModifica

  • Wayne: Il modello Zoë-Zelda sembra vero. Credo che tutti siano una Zoë e una Zelda. Per esempio: Nixon era una Zoë e Kennedy una Zelda. Al Gore Zoë, George W. Bush una Zelda. Vale anche per C-3PO. E per Zooey ed Emily Deschanel.
    Todd Chavez: Quindi Zooey è una Zoë.
    Wayne: No, Zooey è una Zelda. Emily è una Zoë.
    Todd Chavez: Che mondo di pazzi!
  • Todd Chavez: È lo schifo del pianeta terra! [cantando] Allora?
    BoJack Horseman: Come posso dirlo in modo gentile? Sì, immagina se l'olocausto fosse ogni quattro anni come le olimpiadi... preferirei quella tragedia allo schifo della tua opera.
    Todd Chavez: Ehi, questo non è un consiglio. Anzi, nessuno dei tuoi consigli era veramente un consiglio.
  • No, non è colpa del videogame. È colpa mia. Per un secondo mi sono convinto di essere finalmente qualcosa di più di un fiasco totale. Fregami una volta, fregami due volte, fregami con le giravolte! (Todd Chavez)

Episodio 5, Corri, Diane Nguyen, corri!Modifica

  • Larva delle onoranze funebri: Mi parli di suo padre, signorina.
    Diane Nguyen: Era un alcolizzato, perfido e sadico che non mi ha mai dato il suo appoggio qualunque cosa io abbia fatto. Anzi, era felice dei miei fallimenti!
    Larva delle onoranze funebri: Mmh, capisco. Direi che possiamo orientarci verso il pacchetto "padre pezzo di merda".
    Diane Nguyen: Sarebbe uno spreco per mio padre.
    Larva delle onoranze funebri: Mmh, capisco. Allora potrei suggerirle il pacchetto "padre pezzo di merda sarebbe uno spreco per lui".
    Diane Nguyen: Sì, è quello giusto.
  • Il lieto fine è una cosa inventata da Steven Spielberg per vendere biglietti. È come il vero amore, le Olimpiadi di Monaco. Sono cose che non esistono nel mondo reale. Dobbiamo continuare a vivere guardando al futuro. (BoJack Horseman)

Episodio 6, La lettera DModifica

  • Mr. Peanutbutter: Ammettilo, hai un debole per la mia ragazza!
    BoJack Horseman: Oh, andiamo. Sono attratto da lei? Certo! Mi sento meglio quando lei è intorno? Sì! Mi prende come mai è successo con un'altra? Senza alcun dubbio. Ho delle fantasie su di lei? Sì, ma solo in due posizioni. Secondo te sono il tipo che si fregherebbe la ragazza di un altro? Certo, ovvio! Ma ho un debole per lei? La risposta è no. Non hai di che preoccuparti!
  • BoJack Horseman: Niente, non richiama [riferendosi a Diane]. Tira fuori lo scotch consolazione. [il suo cellulare squilla] È lei, prendi lo scotch festeggiamento.
    Barista: Qual è la differenza?
    BoJack Horseman: È lo stesso scotch!

Episodio 7, Di' qualcosaModifica

  • Be', ho una buona notizia e una brutta. La brutta notizia è che non c'è una buona notizia. L'altra brutta notizia è che BoJack se n'è andato. (Todd Chavez)

Episodio 8, Il telescopioModifica

  • BoJack Horseman: Non abbandonarmi, niente pause toilette. E non scivolare fuori dalla stanza per messaggiarti con il fidanzato, con duemila smile e vicino tutti i cuoricini che battono. Che schifo! Congratulazioni per la faccenda del fidanzamento, a proposito!
    Diane Nguyen: Grazie, comincio a realizzare solo ora che tra un po' mi sposerò. Grazie a Dio non dovrò morire sola, senza offesa!
    BoJack Horseman: Nessuna offesa, tolto quel "senza offesa".
  • Herb Kazzaz: BoJack! Tu guarda! Gesù, hai un aspetto di cacca. Sei stato divorato dal senso di colpa?
    BoJack Horseman: Neanche tu stai una meraviglia, Herb.
    Herb Kazzaz: Perché io ho il cancro... Ciao, chi è l'incantevole creatura? Quale concatenazione di pessime decisioni ti ha messo nell'orbita di BoJack?
    Diane: Io sono...
    BoJack Horseman: Lei è Diane. Sta scrivendo un libro su di me.
    Diane: Piacere di conoscerla!
    Herb Kazzaz: Il libro s'intitola "Ritratto di un pezzo di merda"? Scherzo, è buffo perché lui mi ha rovinato la vita. Scherzo, è più forte di me. Entrate, fate uscire tutto il cancro!
  • Herb Kazzaz: BoJack, come stanno le tue posate?
    BoJack Horseman: Stanno bene!
    Herb Kazzaz: Sei sicuro? Perché se quel coltello non è abbastanza affilato, ho sempre quello che mi hai piantato nella schiena vent'anni fa.
    BoJack Horseman: Dovevo aspettarmela, chi chiede mai delle posate?!
  • Herb Kazzaz: Cioè tu mi stai chiedendo scusa?
    BoJack Horseman: Sì. Mi dispiace, Herb.
    Herb Kazzaz: Ok. Ma io non ti perdono.
    BoJack Horseman: Herb, ho detto che mi dispiace.
    Herb Kazzaz: Sì, e io ho detto che non ti perdono.
    BoJack Horseman: Forse non hai capito quello che sta succedendo qui, questa potrebbe essere l'ultima volta che...
    Herb Kazzaz: No! Non pensare di avere da me l'assoluzione, perché non succederà. Dovrai vivere col peso di quella merda che sei per il resto della tua vita e sapere che non potrai mai, mai metterci una pezza!
    BoJack Horseman: Credo che ci sentiremo entrambi molto meglio se solo...
    Herb Kazzaz: Sto morendo, non mi sentirò meglio, e non sarò la tua stampella perché tu possa sentirti meglio.
    [...]
    Quello che mi serviva era un amico e tu mi hai abbandonato e non ti perdonerò mai per questo. E ora vattene a fanculo fuori da casa mia.
  • Herb Kazzaz: Sai qual è il tuo problema? Tu vuoi dipingere te stesso come un uomo buono ma nessuno ti conosce come me e io ti posso dire che non lo sei. In realtà credo che tu dormiresti molto meglio la notte se solo ammettessi con te stesso che sei solo un egoista codardo che prende tutto quello che vuole e non gliene frega un emerito cazzo di ferire il prossimo. Questo sei tu, questo è BoJack Horseman!
    BoJack Horseman: Non lo so perché sono venuto qui.
    Herb Kazzaz: Lo sai. Sì che lo sai.

Episodio 9, A caval donato non si guarda in boccaModifica

  • BoJack Horseman: Sai, col talento che mi ritrovo per inventare piani e la tua abilità per ascoltarli senza contribuire con più di tre parole alla volta facciamo proprio un'ottima squadra.
    Todd Chavez: Puoi dirlo forte.
    BoJack Horseman: Visto?
  • A volte sento come se fossi nato con una perdita e ogni cosa buona che ho iniziato fosse gocciolata via lentamente da me e ora non c'è più e non tornerà più dentro di me. Troppo tardi. La vita è una serie di porte chiuse, non è vero? (BoJack Horseman)

Episodio 10, Un mezzo cavalloModifica

  • BoJack Horseman: Ehi, straniera! Non ti vedo dal matrimonio. Devo ammettere che è un po' come tornare a scuola dopo le vacanze estive.
    Diane Nguyen: Sì, ci vediamo in classe!
    BoJack Horseman: Speriamo di non avere la Kirchman a trigonometria!
    Diane Nguyen: Spero che le cheerleader non mi chiudano in una armadietto e mi scrivano "troia vergine" sulla fronte col rossetto e che quando dico che è un ossimoro non mi facciano mangiare il rossetto.

Episodio 11, Finale deprimenteModifica

  • Ora, se vuoi scusarmi, vado a farmi una doccia così non capisco se sto piangendo o meno. (BoJack Horseman)
  • Se tutti avessimo un'arma a nessuno servirebbe un'arma e saremmo tutti al sicuro. Oh mio Dio, credo che abbia risolto il problema delle armi in America. (BoJack Horseman)
  • Diane Nguyen: Qual è il tuo problema?
    BoJack Horseman: Misericordia, sono così depresso. Vorrei solo che tutti mi amassero ma non so come fare.
    Diane Nguyen: Non esiste un modo per farsi amare. Puoi solo cercare di essere buono con le persone della tua vita e tenere il cuore aperto.
    BoJack Horseman: Ho rovinato tutto. È troppo tardi per me, vero?
    Diane Nguyen: Non lo so, sono solo una tua folle allucinazione. Dirò tutto ciò che vuoi tu.
    BoJack Horseman: Allora dimmi che non è troppo tardi.
    Diane Nguyen: No, non è troppo tardi. Non è mai troppo tardi.
    BoJack Horseman: Si, hai ragione.
    Diane Nguyen: Non è mai troppo tardi per essere la persona che vorresti essere. Devi scegliere la vita che desideri. Sono cinque centesimi, grazie.

Episodio 12, Più avantiModifica

  • Dick Cavett: Quando ti invitammo per lo show avevi vinto la Triple Crown. Poi, all'inizio di questa settimana, apro il giornale e leggo "Secretariat indagato". Allora, che cosa dovrei pensare?
    Secretariat: Che è un altro Secretariat? No, dico sul serio Dick, non c'è niente di vero in questi titoli a effetto. Non ho mai scommesso su una gara di cavalli e di certo non ho scommesso sulle mie gare. Ho solo scommesso che avrebbero ridato il tuo show a Joey Bishop.
    Dick Cavett: Ok! In questo show riceviamo delle lettere e una in particolare, indirizzata a te, ha colpito i nostri produttori. È da parte di BoJack H. di nove anni. BoJack scrive: "Caro Secretariat, io sono un cavallo come te. Amo guardare le corse e tu sei uno dei miei cavalli preferiti".
    Secretariat: Che bravo!
    Dick Cavett: "Da grande voglio diventare come te e credo di essere sulla pista giusta. L'hai capita? La pista? I cavalli corrono in pista. E tu sei un cavallo. E io sono un cavallo. L'hai capita? L'hai capita la mia battuta?". Ok c'è tutta una pagina che va avanti così.
    Secretariat: Gli rispondo per dire che l'ho capita?
    Dick Cavett: Poi continua: "La mia domanda è la seguente: sono un bravo bambino, mi piace giocare e andare a scuola, ma qualche volta divento triste. Tu cosa fai quando diventi triste? Come fai a non essere triste? Ti saluto, BoJack."
    Secretariat: È una lettera fantastica! BoJack... anch'io ero un po' triste alla tua età. Parecchio! Non avevo una famiglia modello, ma un giorno ho cominciato a correre e sembrava una cosa che mi rendeva felice, così ho continuato. BoJack, quando diventi triste, corri dritto davanti a te e continua ad andare avanti di corsa senza badare a niente. Nella vita troverai persone che cercheranno di ostacolarti, di rallentarti, ma tu non lo permettere. Non smettere di correre e non guardarti mai alle spalle. Alle spalle non c'è niente per te. Tutto quello che conta è davanti a te.
  • Tesoro io sono con te, qualunque cosa tu voglia fare, ma non troverai quello che cerchi in quegli orribili posti inventati. L'universo è solo un vuoto crudele e indifferente, la chiave per la felicità non è trovare un significato, ma tenersi occupati con stronzate varie fino a quando è il momento di tirare le cuoia. (Mr. Peanutbutter)
  • BoJack Horseman: Incredibile, quando i vostri poteri si uniscono diventate persino più stupidi della somma della vostra stupidità.
    Todd Chavez: Grazie!
    Mr. Peanutbutter: Continua...
    BoJack Horseman: Tu smetti di incoraggiarlo e tu smetti di incoraggiare lui, ok? State giocando con il fuoco!
    Mr. Peanutbutter: Un fuoco chiamato 'avere una buona idea'?
    Todd Chavez: O ti riferisci a un fuoco chiamato 'amicizia'?
    BoJack Horseman: I fuochi non hanno nomi!
    Todd Chavez: E l'incendio di Chicago?
    Mr. Peanutbutter: O di Fire Island?
    Todd Chavez: O di Gabe?
    Mr. Peanutbutter: E chi è?
    Todd Chavez: Un fuoco che ho incontrato. L'ho chiamato Gabe.

Stagione 2Modifica

Episodio 1, Il divano nuovoModifica

  • Audiolibro: La prima cosa in cui devi credere è che cambiare è possibile. Ogni giorno devi dire a te stesso: io posso cambiare e io cambierò!
    BoJack Horseman: Io posso cambiare e io cambierò!
    Audiolibro: Più forte!
    BoJack Horseman [urlando]: Io posso cambiare e io cambierò!
    Audiolibro: Non riesco ancora a sentirti!
    BoJack Horseman: Ma sei un audiolibro!
  • Devi conquistare quella collina. La collina è una metafora. Tutto è una metafora. Tu sei letteralmente una metafora! (Audiolibro)
  • Gli assistenti sono come i fratelli Belushi. I buoni se ne vanno troppo presto e quelli cattivi, mai. (Princess Carolyn)
  • Diane, la gente muore e io ne sono testimone e ho bisogno di qualcuno che testimoni che io ne sono testimone. (Sebastian St. Clair)
  • BoJack Horseman [ultime parole famose]: Sì, sì, hai ragione. Hai ragione posso farcela. Ho due interi giorni. E quando sono sotto pressione è allora che do il meglio. Sì, due giorni! Sì, posso fare tutte quelle cose!
    [Due giorni dopo]
    BoJack Horseman: Oh, merda. Non ho fatto nessuna di quelle cose!
  • Kelsey Jannings: Qual è il problema BoJack?
    BoJack Horseman: Non lo so, credevo di volere tutto questo ma ora sento una enorme pressione. Credi di aver fatto uno sbaglio a prendere me?
    Kelsey Jannings: Io non sbaglio mai BoJack. Faccio le parole crociate con la biro e non utilizzo mai il tasto "annulla".
    BoJack Horseman: Non è il tasto 'CANC'?
    Kelsey Jannings: Non lo so visto che non lo uso.

Episodio 2, YesterdaylandModifica

  • Wanda Pierce [appena risvegliata da un coma lungo trenta anni propone show televisivi]: E se riuscissimo a convincere il grande David Copperfield a far sparire il World Trade Center? Che ne pensate?
    Pinky Penguin: Scusa, Wanda, mi dispiace dovertelo dire ma... David Copperfield non è più un grande personaggio.
  • BoJack Horseman: Mi sento strano, come se volessi passare più tempo con te anche se so che abbiamo appena fatto sesso.
    Wanda Pierce: Oh, ok.
    BoJack Horseman: No, no, no, non è quello. Voglio dire... abbiamo già fatto sesso ma voglio passare altro tempo con te. E questo è normale? Io sono normale? Che diavolo mi sta succedendo?
    Wanda Pierce: Va bene, passeremo altro tempo insieme.
    BoJack Horseman: Voglio fare moltissime cose con te, totalmente vestito, sobrio, nelle ore del giorno. Sensazioni sconosciute. Ti va di... mangiare o passeggiare nel parco... oh Dio sta per arrivare, non posso fermarlo... hai voglia di andare a Disneyland?
  • La tua età di ristagno è quando smetti di crescere. Per molte persone coincide con il matrimonio perché si abituano alla routine. Incontri qualcuno che ti ama alla follia e che non ti stimola e che non vuole che cambi. E, così, tu non cambi. (Kelsey Jannings)
  • Giudice Lontra: L'imputato è totalmente scagionato!
    Todd Chavez: Oh, nooo!
    Giudice Lontra: È lei l'imputato!
    Todd Chavez: Oh, sììì!
    Avvocato accusatore: Vostra lontra, siamo davanti a un disgustoso errore giudiziario!
    Todd Chavez: Hurrà, disgustoso errore!
  • BoJack Horseman: Mi prenderesti una birra dal frigo? Non mi va di alzarmi. Aspetta, no, non mi merito una birra.
    Princess Carolyn: Mi hai chiamato per farmi venire qui a non prenderti una birra?
  • BoJack Horseman: Perché faccio sempre così? Allontano tutti quelli di cui mi importa.
    Princess Carolyn: Ah davvero? Non lo avevo mai notato. Tu provi dei sentimenti veri per quella ragazza e questo ti spaventa, perciò ti stai sabotando da solo.
    BoJack Horseman: Ecco il mio problema, sono troppo bravo a sabotare. perché sono così bravo in tutto quello che faccio?

Episodio 3, Ancora rottoModifica

  • Henry Winckler: Ma non c'è alcun senso nella morte, è per questo che è così terrificante.
    BoJack Horseman: Era più semplice credere che tu l'avessi ucciso per il libro, piuttosto che credere che sia morto... per niente.
    Henry Winckler: Non c'è vergogna a morire per niente. È il motivo per cui si muore.
    BoJack Horseman: Io volevo dare un senso... alle cose.
    Henry Winckler: Mi dispiace ragazzo-cavallo, ma non esiste.
  • BoJack Horseman: Ehi, a volte non hai paura che se lo show decollasse potrebbero cambiare tante cose?
    Herb Kazzaz [ride]: No ragazzo mio, non ho paura. Il futuro è luminoso, dà un'occhiata! [guardano lo sfondo di un set cinematografico]

Episodio 4, Dopo la festaModifica

  • BoJack Horseman: Il fatto è che questa barzelletta non fa ridere.
    Wanda Pierce: Perché ogni cosa dovrebbe far ridere?
    BoJack Horseman: Non dico che ogni cosa dovrebbe far ridere, solo le barzellette.

Episodio 6, Vero amoreModifica

  • Carolyn, tu sei la star del film. E questa è la parte del film in cui ti spezzano il cuore, dove il mondo ti mette alla prova e la gente ti tratta di merda. Ma è proprio così che deve andare, altrimenti alla fine del film quando avrai tutto quello che vuoi, non ti sentirai gratificata. È pieno di stronzi là fuori, ma alla fine non contano niente perché i protagonisti del film non sono loro, non lo sono mai stati. Dall'inizio del film la protagonista sei sempre stata tu. (Rutabaga Rabbitowitz)

Episodio 7, Il lato oscuro di HankModifica

  • Sono rimasto invischiato in una bruttissima faccenda e un genocidio potrebbe essere stato o non essere stato commesso a mio nome. (Todd Chavez)

Episodio 8, ScopriamoloModifica

  • Princess Carolyn: Questo è lo show di Mr. Peanutbutter, cerca di essere carino!
    BoJack Horseman: Quando dici carino intendi gentile o che devo investirlo con insulti feroci in modo che il pubblico dica "carino!"?
    Princess Carolyn: La prima cosa. Ovvio che intendo la prima cosa!
  • Mr. Peanutbutter: La prossima domanda è per il signor Radcliffe. Che colore risulta dalla combinazione di blu e giallo?
    Daniel Radcliffe: Sì, me lo ricordo! Quando ero piccolo avevo un vicino di casa pittore. Ricordo che andavo a fargli visita nel suo cottage per guardarlo lavorare. A volte mescolava il blu con il giallo e creava un colore del tutto nuovo. E quell'uomo era Bansky. E il colore era il verde. Risposta finale.
  • Daniel Radcliffe: Ehi, Borschach. Che sta succedendo?
    BoJack Horseman: Succede che ti sto facendo il culo, fratello.
    Daniel Radcliffe: Sì, sì, stai andando alla grande. Però dovrei vincere io. L'accordo era: promuovi il film e fai beneficenza.
    BoJack Horseman: Dì a "beneficenza" di baciarmi le chiappe. La tua ragazza ha un nome da puttanella.
  • Mr. Peanutbutter: Io volevo solo essere tuo amico, e tu invece mi tratti come un mezzo pagliaccio. Credi che non me ne accorga? Perché non ti piaccio?
    BoJack Horseman: Mr. Peanutbutter.
    Mr. Peanutbutter: No, dimmelo!
    BoJack Horseman: Perché sono invidioso.
    Mr. Peanutbutter: E di cosa? Di Diane?
    BoJack Horseman: No... di... di tutto. Per te è tutto così semplice.
    Mr. Peanutbutter: Oh e per te non lo è? Sei una star milionaria con una donna che ti ama e hai anche un ruolo nel film dei tuoi sogni. Che cos'altro puoi volere? Cioè che cos'altro ti dovrebbe regalare l'universo?
    BoJack Horseman: Io voglio sentirmi bene con me stesso, come fai tu e... non so come si fa. E non so se ci riesco.
  • [BoJack Horseman e Mr. Peanutbutter si baciano] Vai con la kiss cam! Eh, se avessi avuto la kiss cam per Il giovane Holden... be', solo un altro dei miei numerosi rimpanti. (J.D. Salinger)

Episodio 9, La ripresaModifica

  • BoJack Horseman: Ma dovevamo fare un film coraggioso sul vero Secretariat, con pregi e difetti.
    Lenny Turteltaub: Pregi e difetti non pagano. Per questo hanno tolto i riferimenti omosex da A Beautiful Mind e di quello che ha passato dodici anni come schiavo, mica parlano dei sessant'anni passati da coglione.
  • Yo, Car! Dammi una "o", dammi un "lyn", dammi un... è finito il nome. (Rutabaga Rabbitowitz) [parlando con Princess Carolyn]
  • Princess Carolyn: Stai contaminando la mia meravigliosa vita serena! Ma cosa è successo?
    Vanessa Gekko: Non lo so è il suo sogno. Ma se devo dirla tutta, non credo che lei voglia perfezione, serenità e tempo libero per guardare The Good Life. Non se la racconti Princess Carolyn, se davvero voleva una vita semplice avrebbe fatto una vita semplice.

Episodio 10, Sì e...Modifica

  • Wanda Pierce: Non posso stare vicina ad una persona che si nutre solo di amarezza e negatività.
    BoJack Horseman: Be' allora che ci fai qui?
    Wanda Pierce: Che è successo BoJack?
    BoJack Horseman: La stessa cosa che succede sempre. Tu non mi conoscevi e ti sei innamorata di me. E adesso mi conosci.
    Wanda Pierce: Sai è curioso. Quando guardi qualcuno con gli occhi dell'amore ti sembra tutto così perfetto, ma in realtà non lo è.
  • Vorrei solo potermene andare a casa adesso e infilarmi nel letto senza essere costretta a parlare o a dare spiegazioni. E che lui mi dicesse: "Com'è andata oggi?" [...] Così non dovrei dire: "Mi dispiace di essermene andata e di aver reso le cose così difficili. Mi dispiace, ma non sono la persona che credevo di essere". Direi soltanto: "Oggi è andata bene". E lui risponderebbe "Ti amo". (Diane Nguyen)
  • Diane Nguyen: Quel lavoro a New York ti avrebbe davvero reso felice?
    BoJack Horseman: Sì... be', insomma, per un po'.
    Diane Nguyen: E se Kelsey non fosse stata licenziata e tu avessi fatto il film su Secretariat che volevi fare, questo ti avrebbe reso felice?
    BoJack Horseman: Per un po'. Ma poi, probabilmente... [alza le spalle]
    Diane Nguyen: Allora cos'è importante?
    BoJack Horseman: Ma deve esserci... di più.

Episodio 11, Fuga da L.A.Modifica

  • Charlotte Moore: Che cosa ci fai qui?
    BoJack Horseman: Mi hai detto di chiamarti se passavo in città. Ci beviamo qualcosa?
    Charlotte Moore: Sono le otto del mattino.
    BoJack Horseman: Be' a Los Angeles sono le cinque. In realtà non so che ore siano.
    Charlotte Moore: Da quant'è che non dormi? Hai un aspetto orribile.
    BoJack Horseman: Davvero? Perché tu al contrario...
    Charlotte Moore: Dai vieni, ti porto a casa mia.
    BoJack Horseman: Chiudi il negozio? E se a qualcuno servisse urgentemente della merda turchese?
    Charlotte Moore: Siamo nel New Mexico, la troveranno.
    BoJack Horseman: Sono contento di vederti.
    Charlotte Moore: Anche io sono contenta. Non vedo l'ora di presentarti Kyle e i ragazzi.
    BoJack Horseman: Kyle e i ragazzi? Ti prego dimmi che è il nome della tua band.
  • BoJack Horseman: Ok, tieni gli occhi sulla strada e le mani sul volante.
    Penny Carson: Ok.
    BoJack Horseman: E niente messaggi mentre guidi. A meno che non sia un'emergenza tipo, be', se vedi una cosa divertente e devi dirlo a qualcuno.
  • Penny Carson: Comunque, la mia migliore amica Alison F. parlava con una certa Rachel Kaplan...
    BoJack Horseman: È necessario che tu mi dica i loro nomi?
    Penny Carson: E Rachel ha detto che ha saputo da 'Ray-Ray' e 'Il fagiolo' che se il ballo di fine anno fosse oggi, Diego ci andrebbe con Ali Sandler. E io ho detto: "Sì, pff. Ok, bello!" Insomma, capisci?
    BoJack Horseman: Non conosco nessuno di loro. Tu lo sai che non li conosco, vero?

Episodio 12, In alto mareModifica

  • BoJack Horseman: Se la produzione vuole farmi causa si prendano la villa. Io appartengo al mare ora!
    Princess Carolyn: Sei ubriaco?
    BoJack Horseman: Solo di avventura. E di gin. E di vodka. E di gin.
  • Voglio... voglio dire che non capisco come fa la gente a vivere. Come fa a svegliarsi tutte le mattine e dire: "Sì, un altro giorno. Diamoci dentro!"? Come fa la gente? Non lo capisco. (BoJack Horseman)
  • Todd Chavez: Ehi, ti ricordi la mattina dopo che ho dormito qui la prima volta?
    BoJack Horseman: Perché chiedete sempre se mi ricordo qualcosa? Io non ricordo niente. Se la domanda comincia con "Ti ricordi..." e non finisce poi con "quanto detestavi Moulin Rouge?", la risposta sarà sempre no!
  • BoJack Horseman: Oddio, polmoni in fiamme. Oh merda, correre è orribile, la cosa peggiore. Oh mio dio.
    Scimmia: Poi è più facile. Ogni giorno diventa più facile. Ma devi farlo tutti i giorni. Questo è difficile. Poi diventa più facile.

Stagione 3Modifica

Episodio 1, Passate parolaModifica

  • Jill Pill:: Il teatro è per sua stessa natura effimero. Gridiamo nel vuoto: "Ehi tu!". E il vuoto dice: "Piantala di urlarmi contro!". E noi afferriamo il vuoto e gli sputiamo in faccia: "Signore, non smetterò!" .
    BoJack Horseman: Certo che New York ti fa effetto!
    Jill Pill: Lascia che ti parli della prossima pièce: comincia con te, BoJack Horseman, completamente nudo e coperto di latte.
    BoJack Horseman: Ti fermo subito...
    Jill Pill: È il simbolo della rinascita.
    BoJack Horseman: Non sono interessato alla rinascita, grazie. Mi sto ancora riprendendo dalla prima nascita.
    Jill Pill: BoJack...
    BoJack Horseman: Jill, non sono il tipo che fa cose complicate, trasgressive o ricoperte di latte. Sto per avere una nomination all'oscar, sto pensando al mio lascito ora. Voglio fare cose che coinvolgano la gente, cose che durino...
    Jill Pill: Ma è questo il punto, non c'è niente che dura.
    BoJack Horseman: No, lo so. Ma, vedi, dopo che sarò morto la gente potrà ancora vedermi in "Secretariat"...
    Jill Pill: E con questo?
    BoJack Horseman: E con questo... sarò ricordato, se vinco l'oscar sarò ricordato!
    Jill Pill: E con questo?
    BoJack Horseman: E con questo la mia vita avrà un significato, non lo so!
  • BoJack Horseman: Nel New Mexico e lei si fidava di me. Io continuo a chiedermi: "se sua madre non fosse salita, l'avrei fatto?" e parte di me è sicura che non avrei potuto. Ma un'altra parte sa che è una bugia. Come rimedi a qualcosa di così sbagliato da essere irrimediabile?
    Heather: Io credo che dovresti semplicemente andare avanti.
    BoJack Horseman: Sì è quello che ho fatto tutta la vita... e cosa ho ottenuto?
  • Ana Spanakopita: Smettila di autoflagellarti. [...] Quello che conta ora è la storia. E spetta a noi decidere qual è la nostra storia. Nessun altro ha il diritto di dirti qual è la tua storia.
    BoJack Horseman: Qual è la mia storia?
    Ana Spanakopita: Te lo dico io. Questo è stato il tuo sogno degli ultimi trent'anni e tu l'hai fatto avverare. Un Oscar non ti farà felice per sempre. Non risolverà i tuoi problemi. Vinci un Oscar e il giorno dopo torni ad essere quello che sei, ma quella sera è una sera assolutamente speciale. Io credo che tu meriti una sera assolutamente speciale e so come fartici arrivare. Lo vuoi questo?

Episodio 2, Il BoJack Horseman ShowModifica

  • Princess Carolyn: Perciò? Accetterai il lavoro?
    BoJack Horseman: No, questo non è il momento giusto. Tra qualche mese lanciano l'iPhone quindi devo prepararmi all'evento.
    Princess Carolyn: Ok, ora basta, ci rinuncio. Sono stanca di fare i salti mortali per te.
    BoJack Horseman: Aspetta, voglio capire: professionalmente o a letto?
    Princess Carolyn: Ma perché non accetti il lavoro? Dammi un solo motivo valido!
    BoJack Horseman: Perché il suo programma sembra fantastico e se io... non lo fossi altrettanto? E se ci fosse un motivo per cui tutti mi conoscono soltanto per "Horsin' Around"?
    Princess Carolyn: BoJack tu sei magnifico, sei brillante, divertente e affascinante e hai talento. Ma se non te ne rendi conto, allora sei il più insulso coglione del mondo.
  • Diane Nguyen: Sai, solo per la cronaca, io credo sia grandioso che tu ti metta in gioco. Molti al tuo posto non andrebbero a serate del genere per non rischiare di farsi prendere in giro dalla gente.
    Mr. Peanutbutter: Be', è da stupidi. Se ti preoccupi del giudizio altrui non concluderai mai niente.
    Diane Nguyen: Già, hai ragione.
    Mr. Peanutbutter: Oh mio Dio! Sono felice che tu sia d'accordo. Per un secondo ho pensato: "Perché ho detto una cosa così stupida", ma hai risposto: "Hai ragione!" E io ho pensato: "Fiuuu, è d'accordo".

Episodio 3, BoJack uccideModifica

  • Diane Nguyen: Scusa per quello che ho detto, ero solo imbarazzata per la persona che ero quando stavo con te. Sto cercando di non essere più quella persona.
    BoJack Horseman: Cioè ti rendo infelice? Stai dicendo questo?
    Diane Nguyen: Non si tratta di essere felici, è questo il punto. Cerco solo di vivere giorno per giorno. Non posso continuare a chiedermi "sono felice? Sono felice?", mi rende ancora più depressa. [...] Io non so se credo in un'autentica duratura felicità. Tutte quelle persone brillanti ed equilibrate che vedi nei film e in tv, io non credo che esistano.
    BoJack Horseman: Sì, be', nessuno è sempre felice. Bisogna concentrarsi sulle piccole cose.
    Diane Nguyen: Giusto.
    BoJack Horseman: Tipo vincere un Oscar!
  • Bel Baffetto: Ricordo quando ho vinto l'Oscar, in piedi sul palco. Guardavo la statuetta e pensavo "dovrebbe essere il momento più felice della mia vita", e non mi ero mai sentito più triste.
    BoJack Horseman: Uhm... perché sei sobrio?
    Bel Baffetto: Perché vincere un Oscar non ha senso, niente ha senso. Ho dedicato la mia vita ad aiutare gli altri. Ho trasformato la mia casa in un rifugio per tossici. Avevo un sistema per il recupero che ha aiutato molti di loro, ma molti altri si sono persi e anche questo mi ha lasciato un vuoto.
    Diane Nguyen: Eravamo tutti preoccupati per te. Non puoi sparire così, hai ferito tante persone.
    Bel Baffetto: A volte devi essere responsabile della tua felicità.
    Diane Nguyen: Non credi che sia un po' da egoisti?
    Bel Baffetto: Non so cosa dirti. Sono felice per la prima volta nella mia vita, non intendo sentirmi in colpa. Ci vuole molto tempo per rendersi conto di quanto si è infelici e ancora di più per capire che non deve essere così. Solamente dopo che rinunci a tutto puoi cominciare a trovare un modo per essere felice.

Episodio 4, Un pesce fuor d'acquaModifica

  • BoJack Horseman: È necessario che io vada?
    Ana Spanakopita: Se vogliamo concorrere ai premi più prestigiosi, Secretariat deve partecipare ai festival migliori.
    BoJack Horseman: E se andassi a Cannes?
    Ana Spanakopita: Ti s-Cannes-erebbero. A quanto pare i francesi non ti hanno perdonato per come li hai dipinti davanti alla stampa.
    BoJack Horseman: Ehi confermo la mia critica su Sartre. Grazie alle sue argomentazioni filosofiche molte dittature giustificarono le loro crudeltà. Poi i francesi puzzano e li odio.
    Ana Spanakopita: E non puoi andare al Sundance, perché Robert Redford ti odia.
    BoJack Horseman: Volevo che sapesse che L'uomo che sussurrava ai cavalli era offensivo. Mi dispiace ma un vero cavallo non fa tutto ciò che gli viene detto.
  • Kelsey, in questo mondo terrificante, ci restano solo i legami che creiamo. Mi dispiace averti fatta licenziare. Mi dispiace non averti più chiamata. (BoJack Horseman) [su un foglio]

Episodio 5, Amore e/o matrimonioModifica

  • Todd Chavez: Secretariat è stato un gran successo al Pacific Ocean Film Festival. I critici lo hanno definito un "glu glu glu".
    BoJack Horseman: I festival non contano, Todd. Servono solo ad aggiungere qualche riga sulle locandine.
  • Sapete io non conosco Karen e Tanisha così tanto bene, però so perfettamente quale dono raro e prezioso sia trovare la tessera del puzzle che ti completa e quando lo sai, lo sai. Chiaro no? (BoJack Horseman)
  • Stavo pensando a quello che BoJack ha detto prima. A come ti rendi conto che lo sai e... Ero seduta lì e mi sono messa a pensare "Io lo so?". Voglio dire, io penso di saperlo, ma se lo sai quando lo sai, e io penso solo di saperlo, forse vuol dire che non lo so giusto? Karen mi dispiace. Ti amo, ma non posso sposarti. (Tanisha)
  • Tanisha: BoJack? Stavo pensando a quello che hai detto.
    BoJack Horseman: Sì smettila di pensarci. Nessuno dovrebbe pensare alle cose che dico.
    Tanisha: Io amo Karen, ma lei mi completa veramente?
    BoJack Horseman: Nessuno completa nessuno, non è un concetto reale. Se hai la fortuna di trovare qualcuno che riesci a sopportare, stringilo forte e non lasciarlo più.
    Tanisha: Allora dovrei... accontentarmi?
    BoJack Horseman: Sì, grazie. Esatto, accontentarti. Perché altrimenti diventerai vecchia e cinica e sempre più sola. E farai di tutto per riempire quel vuoto con gli amici e la tua carriera e del sesso insignificante, ma quel vuoto non si riempirà mai. E un giorno ti guarderai attorno e ti renderai conto che ti amano tutti, ma che non piaci a nessuno. E questa è la sensazione di solitudine peggiore.
  • Mr. Peanutbutter: Diane, ti senti bene?
    Diane Nguyen: La droga ha qualcosa da dire e anche se sono droghe, sono create dalla scienza, perciò dobbiamo ascoltarle. [drogata ed in preda alle allucinazioni]
    Mr. Peanutbutter: Ok. [senza aver capito]
    Diane Nguyen: Lo so che non trovo sempre le parole giuste e non ho sempre i sentimenti giusti, ma ti amo da morire! E ho bisogno che tu lo sappia.
    Mr. Peanutbutter: Sì, lo so.
    Diane Nguyen: Certe volte credo di conoscermi, ma forse è una trappola. Perché forse io sono la sexy e fica Diane, o la Diane a contatto con i suoi sentimenti, o probabilmente altre Diane di cui ancora non sappiamo niente! Il punto è che io sono tutte queste Diane!
    Mr. Peanutbutter: So perfettamente di che cosa stai parlando.
    Diane Nguyen: E adoro quando fai cose assurde che non hanno senso, tipo riempire la casa con gli scolapasta.
    Mr. Peanutbutter: Ehi avevo un ottimo motivo per farlo, ora però non ricordo più qual era.
    Diane Nguyen: E noi siamo giusti l'uno per l'altra. O almeno tu sei giusto per me, e sei divertente, e sei dolce, e io ti amo, e ho bisogno di te, e non sempre so come dirtelo. Ma la droga aiuta.
    Mr. Peanutbutter: Esatto amore la droga è pazzesca.

Episodio 6, Brrap Brrap Pew PewModifica

  • Ana Spanakopita: Vedrai che la prossima volta faranno il tuo nome. I miei clienti hanno sempre vinto un Oscar nove anni su dieci.
    BoJack Horseman: Nove su dieci? Se avessi una compagnia aerea e arrivassero solo nove aerei su dieci non me ne vanterei nella pubblicità.
  • Diane Nguyen: Sto per abortire!
    BoJack Horseman: Oh, questo mi ricorda che ho avuto la mia bella fetta di aborti negli anni Novanta. Be', non li ho avuti io, li ho pagati. Spero che quelle donne abbiano abortito davvero e non si siano tenute... i miei soldi.
  • Amo uccider feti, tutto ciò mi fa arrapare, | ho un alieno dentro, è un intruso da scacciare, | prendi il feto, uccidi il feto, prendi il feto, uccidi il feto, | brrap brrap pew pew, brrap brrap pew pew | sono un bel delfino, se avessi quel bambino sarebbe un grande intralcio, no, preferisco dargli un calcio | prendi il feto, uccidi il feto, prendi il feto, uccidi il feto, | brrap brrap pew pew, brrap brrap pew pew | però a volte ho dubbi e non riesco a dormir | se penso al battito del suo cuore mi sento morir | e prego Dio questo mio feto già abbia un'anima | perché voglio soffrir quando dal buco mi uscirà. (Sextina Aquafina) [cantando]
  • Foggy St. Jersusalem: Gli aborti sono necessari? Secondo una teoria, quando una donna ha una gravidanza indesiderata il corpo riesce a disintegrare il feto trasformandolo in particelle gassose che vengono espulse scorreggiando.
    Tom Jumbo-Grumbo: Dove ha sentito questa suggestiva teoria delle scorregge?
    Foggy St. Jersusalem: Non mi sovviene. Forse nella Bibbia?
    Tom Jumbo-Grumbo: Grazie per il chiarimento!
  • Il punto è che adesso ti ascoltano tutti, ma presto le persone si annoieranno e passeranno alla nuova moda e tu ti odierai per non aver saputo fare la differenza. Credimi, succederà prima di quanto tu pensi. (Diane Nguyen)
  • Diane Nguyen: Ma non ti offende scusa? Che ne dici della parte in cui dice "Spero e prego Dio che il mio piccolo feto un'anima abbia. Voglio che senta dolore quando lo espellerò dal mio buco con rabbia".
    Teenager incinta: É una battuta! Capisci che è una battuta vero?
    Diane Nguyen: Be'... Ovviamente.
    Teenager incinta: Credi davvero che voglia sparare al suo feto con una pistola?
    Diane Nguyen: No, chiaramente no.
    Teenager incinta: Cioè abortire è terrificante! Con tutti quelli che protestano qui fuori, con il fatto che devi sentire il battito, eccetera. Se uno riesce a scherzarci su la cosa diventa meno terrificante, ecco.

Episodio 7, Fermate le rotativeModifica

  • BoJack Horseman: Poi abbiamo fatto sesso.
    The Closer: Cosa? Perché?
    BoJack Horseman: Non lo so, mi sentivo solo? Perché era lì? Perché si fa sesso con qualcuno?
    The Closer: Intimità, affetto. Il bisogno profondo di connettersi con il mondo esterno.
  • Emily [a letto con BoJack Horseman]: Dovresti andare. È stato un errore.
    BoJack Horseman: Concordo! Un meraviglioso errore sexy per te, un normale errore per me.
    Emily: No anche per me è stato un normale errore.
    BoJack Horseman: Be'...
    Emily: E adesso che cosa diremo a Todd?
    BoJack Horseman: Uhm, niente ovviamente.
    Emily: Non voglio fargli del male.
    BoJack Horseman: Sì, nemmeno io. Per questo non gli diremo niente.
    Emily: Ho la sensazione che dovremmo dirglielo.
    BoJack Horseman: Hai quella sensazione per placare il tuo senso di colpa. Se davvero ci tieni a Todd terrai questo segreto per sempre.
    Emily: Non sono brava a mentire. Chiedimi se quando ero piccola avevo il vizio di mettermi un orsacchiotto di peluche nelle mutandine e strusciarmici contro.
    BoJack Horseman: Quando eri piccola hai mai fatto quella cosa che hai detto?
    Emily: Cosa? Smettila! Ehm, ehm... no!
  • Quando fa delle cose brutte e poi alla fine le persone la lasciano, lei ha qualcosa da recriminare. Si convince che non è per lei, ma per la cosa brutta che ha fatto. Tiene spesso le persone a distanza? Ha paura di farsi conoscere e di conoscere gli altri? (The Closer)
  • The Closer: Conosce quella vecchia battuta "Quanti psicologi ci vogliono per cambiare una lampadina?" e la risposta è "Solo uno, ma la lampadina deve voler cambiare"?
    BoJack Horseman: No, non la conosco.
    The Closer: Be', è questa. È questa la battuta: la lampadina deve voler cambiare!
    BoJack Horseman: Sì, ahahahah. Gli psicologi sono degli idioti.
    The Closer: Non è questo il senso della battuta.
  • L'intero concetto di controllo è un mito. L'universo è una bestia selvaggia. Non lo puoi domare. L'unica cosa che puoi fare è cercare di viverci dentro. (The Closer)

Episodio 8, Una vecchia conoscenzaModifica

  • Mr. Peanutbutter e Capitan Peanutbutter nello stesso posto, cos'è questo, un episodio flashback? (Capitan Peanutbutter)
  • Mr. Peanutbutter [riferendosi a Capitan Peanutbutter]: "Abbaia ma non morde." Oh, scusa è un detto del Labrador. Per voi esseri umani sarebbe: "tutto chiacchiere ma non... ti spara con un fucile d'assalto!"
    Diane Nguyen: Pensi davvero questo degli umani?
  • BoJack Horseman: Tirami fuori da questa storia. Questo coglione si piega a ogni mia richiesta. È un incubo.
    Princess Carolyn: Allora digli che non vuoi fare la sit-com.
    BoJack Horseman: Non posso, questo lo distruggerebbe. È per questo che ti pago, per distruggere le persone al posto mio, così non ho nessun motivo per sentirmi in colpa. Hai dimenticato a che serve un agente?
  • Capitan Peanutbutter: Diane, a te capita di guardare le stelle e immaginare dei piccoli buchini nel cielo che risucchiano l'ossigeno e poi sentirti mancare il respiro pensando a quanto siamo piccoli e insignificanti a confronto?
    Diane Nguyen: Eh, qualche volta.
    Capitan Peanutbutter: È così crudele lasciare che qualcuno ti ami. È come promettere a quel qualcuno che un giorno gli spezzerai il cuore.

Episodio 9, La cosa miglioreModifica

  • Solo perché sei brava in qualcosa non vuol dire che la devi fare. Io sono bravo a guidare sobrio, ma non mi fa impazzire. (BoJack Horseman)

Episodio 10, Sei tuModifica

  • Ana Spanakopita: BoJack hai appena avuto una nomination agli Oscar. Una nomination agli Oscar! Come ti senti?
    BoJack Horseman: Mi sento... Mi... mi... mi... mi sento, mi sento... come prima.
  • BoJack Horseman: Ecco che ci risiamo! Perché cerco la felicità nelle cose? Che cosa ho che non va?
    Ana Spanakopita: BoJack non fare così. Non feticizzare la tua tristezza.
  • Ana Spanakopita: BoJack quando ti ritrovi perso, disorientato e sott'acqua e non sai dov'è il sopra e dove il sotto, è importante respirare.
    BoJack Horseman: Non merito la nomination, non sono il miglior attore!
    Ana Spanakopita: I premi non sono fatti per i migliori BoJack.
    BoJack Horseman: Sono fatti espressamente per questo!
    Ana Spanakopita: No! Tutto questo vuol dire che tu sei una persona speciale. L'ho capito dalla prima volta e devi averlo capito anche tu. Ma tutta la vita la gente ti ha detto che ti sbagliavi, che non eri speciale, che eri esattamente come tutti gli altri. Ma ora, quella gente ti dice: "Avevi ragione, BoJack. Avevi ragione".
  • Arrivi al lavoro, timbri il cartellino, metti lo zucchero nel caffè e lo guardi dissolversi molto lentamente. Ma lo zucchero non sa il perché, lo zucchero non ha chiesto di nascere. (Mr. Peanutbutter)
  • Cogli sempre le opportunità che si presentano perché le opportunità sono come gli starnuti di Dio e quando Dio starnutisce non puoi dire salute al Padre Eterno, invece devi cogliere l'opportunità. Ho freddo mi passi la coperta? (Mr. e Captain Peanutbutter) [in coro citando la nonna]
  • Credo che la cosa importante da ricordare sia che BoJack è un individuo tormentato che lotta contro un mare di demoni, spesso autogenerati, ma pur sempre reali. (Mr. Peanutbutter)
  • Todd Chavez: Oh, grandioso, ma certo! Ecco che ci risiamo. Non puoi continuare a fare così! Non puoi continuare a fare le tue stronzate e poi sentirti una merda, come se questo potesse mettere tutto a posto. Tu hai bisogno di essere migliore!
    BoJack Horseman: Lo so e mi dispiace, ok? Ero ubriaco, avevo addosso la pressione della campagna per l'Oscar. Ma ora... ora che è finita io... io, so...
    Todd Chavez: No, no, BoJack smettila. Tu sei tutte le cose che non vanno in te. Non è l'alcol o le droghe o nessuna delle merdate che ti sono successe nella carriera o quando eri piccolo. Sei tu! Ok? Sei tu. Cazzo, amico. Che altro c'è da dire?

Episodio 11, È troppo, amico!Modifica

  • Sarah Lynn: Già, avevo anche ordinato degli alcolici. [lancia una birra a BoJack Horseman, poi brindano] Ai nove mesi da sobria!
    BoJack Horseman: Alla vita e all'aver smesso di viverla!
  • BoJack Horseman: perché gli edifici devono essere rettangolari, dannazione! Ehi, di che stavo parlando?
    Sarah Lynn: Stavamo parlando di Horsin' Around. Poi sei andato a fare pipì. Poi sei tornato avvolto nella carta igienica e hai fatto la parte della mummia. Poi ti sei tolto tutto perché hai deciso che l'Egitto è stupido, specie le piramidi, perché credi che gli edifici triangolari siano, e cito, "inopportuni come la merda".
    BoJack Horseman: Si rientra nel mio stile ma non ricordo nulla. Devo avere avuto un blackout. Forse è colpa dell'alcool.
  • Forse è il gas esilarante unito ai sali da bagno che parla, ma vorrei dell'altro gas esilarante con i sali da bagno. (BoJack Horseman)
  • Sarah Lynn: Ehi le stronzate le abbiamo fatte tutti amico, solo che la maggior parte di noi non ne va fiera come te.
    BoJack Horseman: Non è vero mi sento veramente male per aver... incasinato quella ragazza.
    Sarah Lynn: Sta bene, l'ho cercata su Facebook [...] Anch'io mi sentivo come te prima di cominciare questa cosa dei dodici passi. Mi hanno insegnato a fare ammenda. Basta dire che ti dispiace per le cose che hai fatto e la lavagna è pulita.
    BoJack Horseman: Sporcherei la lavagna subito dopo.
    Sarah Lynn: E allora fai di nuovo ammenda! Dammi retta è un ciclo infinito in cui finisci sempre per stare bene con te stesso.
  • Dopo aver rischiato di annegare, decisi di non avere paura dell'acqua e da quel giorno divenni una bagnina. Durante il corso di formazione il mio istruttore disse che ci sarebbero stati momenti in cui avrei visto qualcuno in difficoltà. Ti verrà voglia di correre e di fare tutto il possibile per salvarlo ma... A quel punto dovrai fermarti. Perché ci sono alcune persone che non puoi salvare. Perché quelle persone si dimeneranno, si agiteranno e cercheranno di farti affogare con loro. (Ana Spanakopita)
  • Sarah Lynn: Credi che sia troppo tardi per andare al college? Ho sempre voluto fare l'architetto. Ma uno di quegli architetti che durante la notte fa la escort di lusso e di giorno diventa una super-spia internazionale.
    BoJack Horseman: Sì, e quando fa l'architetto?
  • Per tutti i cazzi succhiati dagli stronzi! Cosa abbiamo qui? (Sarah Lynn)
  • BoJack Horseman: Sai a volte sembra che tu sia l'unica persona che mi capisca, perché chi altri potrebbe farlo?
    Sarah Lynn: Perché nessuno sa cosa abbiamo passato, nessuno che non fosse in quello show.
    BoJack Horseman: Noi ci conosciamo da prima che diventassimo famosi, per questo possiamo essere amici. Perché non siamo come le altre persone che si avvicinano per ciò che pensano che tu sia. Credono di poter dormire sul tuo divano, mangiare il tuo cibo, credono che salverai la loro agenzia. Non ho mai voluto questo tipo di pressione ma noi due... L'uno non vuole niente dell'altra. Sai non ho mai capito cosa fosse l'amore. Ma in questo momento non ho bisogno di capire niente. Lo sto vivendo. Ti amo Sarah Lynn.
  • Sarah Lynn: Oh che palle, dovevo essere lì. Se qualcuno mi avesse detto che avrei vinto un Oscar non ci avrei mai creduto. E ora è successo e... BoJack... Sai... Non mi piace niente di me.
    BoJack Horseman: Ehi...
    Sarah Lynn: Niente di questo sono io. Io non sono queste tette. Io non sono questa casa.
    BoJack Horseman: Qui non siamo a casa tua...
    Sarah Lynn: L'unico motivo per cui ho questa camicia è perché una società mi ha pagata ottomila dollari per indossarla e non mi servono nemmeno i soldi! Era carino il fatto che qualcuno volesse che la indossassi.
    BoJack Horseman: Ehi, ehi, ehi va tutto bene dai, andrà tutto bene.
    Sarah Lynn: Ma che dovrei fare adesso? Non so cosa fare, davvero, sono spacciata, tu sei spacciato, siamo tutti spacciati!
    BoJack Horseman: No, No calmati. Nessuno è spacciato. Te lo dico io cosa faremo: andremo al planetario.
    Sarah Lynn: Davvero?
  • Voglio fare l'architetto... (Sarah Lynn) [ultime parole]
  • Visto, Sarah Lynn? Non siamo spacciati. Nel grande scenario della vita siamo solo dei granellini che un giorno verranno dimenticati. Non importa cosa abbiamo fatto in passato o come verremo ricordati, quello che importa è il presente. Questo momento, questo unico momento spettacolare che stiamo condividendo. No, Sarah Lynn? [Sarah Lynn non risponde] Sarah Lynn? [Lo schermo diventa nero] Sarah Lynn?! (BoJack Horseman)

Episodio 12, È andata beneModifica

  • Sarah Lynn: Oh, Dio. Essere famosi è terribile.
    BoJack Horseman: Oh già, non dirlo a me.
    Sarah Lynn: No, dico, veramente famosi. Come posso spiegarlo ad uno come te?

Stagione 4Modifica

Episodio 1, La candidatura di Mr. PeanutbutterModifica

  • Mr. Peanutbutter: Ma quando otterremo le firme che ci servono, nota che ho detto "quando" non "se", poi la campagna comincerà... dov'è che hai detto, Katrina?
    Katrina: Ho detto a scaldarsi, con le firme la campagna comincerà a scaldarsi!
    Mr. Peanutbutter: Giusto! A "Scaldarsi, California".
    Katrina: "Scaldarsi" non è una città della Cali... ah, ma perché ci provo?

Episodio 2, La vecchia casa dei SugarmanModifica

  • Tamara: Dicono che, in punto di morte, la gente se la fa sotto.
    Tamera: Ah, cavolo, dici davvero? Perché ho appena letto "Romeo&Giulietta" e questo cambia completamente le cose.

Episodio 3, Urrà! L'episodio di Todd!Modifica

  • Katrina: L'ultima volta che hai visto gli occhiali?
    Mr. Peanutbutter: Ero a un meeting con Princess Carolyn, lei diceva che dimentico sempre qualcosa. Così mi sono tolto gli occhiali, l'ho guardata negli occhi e ho detto: "Io non dimentico mai niente". È lì che ho dimenticato gli occhiali.
  • BoJack diceva che il suo pene era come i pomodori secchi, hai presente? Sai, negli anni novanta si infilavano sempre in ogni dove. (Todd Chavez)
  • BoJack Horseman: Cos'è questa?
    Hollyhock: Sono Hollyhock Mannheim-Mannheim-Guerrero-Robinson-Zilberschlag-Hsung-Fonzarelli-McQuack.
    BoJack Horseman: Della stirpe Mannheim-Mannheim-Guerrero-Robinson-Zilberschlag-Hsung-Fonzarelli-McQuack? Era una battuta, non ho mai sentito parlare del tuo studio legale.
  • Adoro quando mi fanno le foto, è la prova che esisto. (Todd Chavez)
  • Nessuno sa che sono tornato. A parte te. E Channing Tatum, e il mio pusher di pasticche, quello di alcolici, quello di erba, quello di coca, un signor so-tutto-io di Pizza Hut che meritava di essere strigliato e la mia domestica. (BoJack Horseman)
  • BoJack Horseman: Sono stato fortunato ad avere persone che mi vogliono bene. Non merito nessuna di loro e non merito un amico così straordinario e generoso e comprensivo e attento come...
    Todd Chavez: Si?
    BoJack Horseman: ...Channing Tatum. Lo ferirò esattamente come ho ferito tutti. Sono stato uno sciocco a credere di potermi rituffare in una nuova relazione. Puoi andare da Channing Tatum e dirgli che non sarò suo amico? Non posso spezzare un altro cuore. Non oggi, non Channing.
  • BoJack Horseman: Guarda come tratto chi dovrei tenermi caro. Ho fatto sesso con l'unica persona di cui ti ho visto innamorato.
    Todd Chavez: Certo non ti inseriranno nella Hall of Fame dei migliori amici ma non sapevo di amarla. Forse non mi è concesso di innamorarmi.
    BoJack Horseman: Non dire così, tu fai moltissimo per noi. L'unica cosa che hai chiesto è un tetto sulla testa e un marshmallow nella baguette.
    Todd Chavez: È un'idea da un milione di dollari, caro.
    BoJack Horseman: Tu mi hai dato più di quanto abbia meritato. Se non mi parlerai più voglio che tu sappia che lo apprezzo. E... che ti apprezzo.
    Todd Chavez: Grazie. Ti odio per quello che hai fatto con Emily. Ma... credo di essere... a-sessuale.
    BoJack Horseman: Sessuale cosa? Trans? Pervertito? Molestatore sessuale in erba?
    Todd Chavez: No. A-sessuale, non sessuale. Sicuramente lo trovi strano.
    BoJack Horseman: Vorrai scherzare? È una meraviglia. A volte vorrei tanto essere asessuale. A quel punto non avrei un ceppo di herpes.
    Todd Chavez: Tu sei pieno di ce...
    BoJack Horseman: So di averne vari, ma meglio perdere i ceppi che la mazza.

Episodio 4, Iniziare la trivellazioneModifica

  • BoJack Horseman: Lascia che sia il primo a dirtelo: sono un piantagrane.
    Hollyhock: In realtà non sei il primo che me lo dice.
    BoJack Horseman: Non posso offrirti una guida genitoriale, né consigli, né sostegno, né amore, né una lunga conversazione, né attenzioni, né che mi ricordi il tuo nome.
  • Mr. Peanutbutter: Diane, Diane, questa è una campagna elettorale. Niente di quello che dici in campagna ha importanza. Si tratta di promettere cose per convincere la gente a votarti. Poi, una volta vinte le elezioni, puoi fare tutto quello che vuoi.
    Diane Nguyen: Ecco a voi la democrazia.
    Mr. Peanutbutter: Mettiamo in chiaro: l'unica trivellazione che avverrà veramente sarà in questa camera da letto.
    Diane Nguyen: D'accordo caro.
    Mr. Peanutbutter: Ti trivellerò in profondità e ti irrorerò con una misteriosa sostanza di cui gli scienziati ancora non hanno ben compreso tutti i risvolti.
  • Hollyhock: Chi è questa signora?
    BoJack Horseman: È una storia carina. Era la presidentessa del mio fan club.
    Hollyhock: Hai fatto sesso con la presidentessa del tuo fan club?
    BoJack Horseman: Si. Oh mio dio, che razza di mostro! Sono andato a letto con qualcuno che mi amava più di chiunque altro e che ha dedicato la vita a sapere cose su di me e a preoccuparsi per me. perché ero così superficiale?
    Hollyhock: Scusa, mi dispiace. Finisci pure la tua storia.
    BoJack Horseman: Era già finita. Ho fatto sesso con la presidentessa del mio fan club, non ci ho più pensato per 18 anni e... eccoci.
  • Ginecologo: Belle notizie, ho i risultati. Brutte notizie, sono pessimi. Come omelette in una convention di manguste, i suoi ovuli cominciano già a scarseggiare.
    Princess Carolyn: Cioè, quanti ne sono rimasti?
    Ginecologo: Beh, diciamo che sono più dei film di Harry Potter ma meno dei film di James Bond.
  • Stefani Stilton: Diane posso parlarti nel tuo ufficio? Solo un momento.
    Diane Nguyen: Non ce l'ho. Avevi detto che gli uffici hanno gli angoli, e gli angoli sono il patriarcato.
  • Harvey Fierstein: Sono Harvey Fierstein. Il tuo periodo di ovulazione sta quasi per terminare. Ti prego di iniziare l'accoppiamento.
    Princess Carolyn: Oh pesci! Dobbiamo andare.
    Ralph Stilton: Non possiamo finire?
    Princess Carolyn: Hai sentito il braccialetto.
    Ralph Stilton: Ok. Beh aspetta, chiedo il conto.
    Princess Carolyn: Non c'è tempo Ralph. Ralph!
    Ralph Stilton: Dobbiamo pagare per...
    Princess Carolyn: Ho un ovulo dentro di me che è maturo per essere fecondato. Il suo nome è Philbert.
    Ralph Stilton: Princess Carolyn...
    Princess Carolyn: Ah! Philbert Stilton! E sarà dolce e intelligente e diventerà un fenomeno a suonare il clarinetto e un giorno tu lo andrai a prendere in macchina alle prove per riaccompagnarlo a casa e lui improvvisamente dirà qualcosa di così profondo e vero che stenterai a credere che quelle parole siano uscite dalla bocca di tuo figlio. Ma se non mi porti subito a casa e non mi metti subito incinta, Philbert non ce la farà ad esistere.
    Ralph Stilton: Ok, andiamo.
  • Il tuo utero contiene i segreti della vita, la capacità di generare. A questo punto il tuo ovulo è stato espulso dal follicolo gonfio, ha viaggiato nel lungo e docile fiume delle tube di Falloppio ed è stato accolto dal caldo abbraccio dell'utero rivestito di seta. Ora devi fecondare quell'ovulo prezioso altrimenti si disintegrerà. (Harvey Fierstein)
  • Hollyhock: Ti auguro una brutta vita.
    BoJack Horseman: È inutile. La mia vita è già brutta.
  • Hollyhock: Tutta questa storia è stupida, non sarei dovuta venire qui. Neanche mi importa di avere una madre, davvero. perché me la sono cavata per 17 anni senza di lei. Non mi serve una madre.
    BoJack Horseman: Hollyhock è bello volere una madre.
    Hollyhock: No, invece no. perché significa che i miei padri non mi sono bastati e non è così.
    BoJack Horseman: Ti conosco da poco ma, se hai un briciolo di dna del vecchio Horseman nel cervello, devo dirti subito che dovresti smettere di cercare quello che ti può bastare, perché per noi nulla è mai abbastanza.
  • BoJack Horseman: Che dicono i tuoi padri quando piangi?
    Hollyhock: Dicono che è uno sfogo necessario e che non dovrei stare male perché fa stare male.

Episodio 5, Pensieri e preghiereModifica

  • Beatrice Horseman: Football? Non hai le gambe giuste, ti renderai solo ridicolo come in tutte le altre cose che fai.
    BoJack Horseman: Ma mamma...
    Beatrice Horseman: Se cerchi qualcuno che ti prenda a calci tutto il pomeriggio, perché non leggi uno dei manoscritti di tuo padre e gli dici che la sua prosa è mediocre e pedissequa? Con me funziona.
  • Vedere mia madre è come vedere un film di Terrence Malick: ogni dieci anni è sopportabile, ma di più ti fa venire l'orticaria. (BoJack Horseman)

Episodio 6, Stupido pezzo di merdaModifica

  • Pezzo di merda. Stupido pezzo di merda. Sei solo uno stupido pezzo di merda. Ma so di essere un pezzo di merda, quindi sono meglio dei pezzi di merda che non sanno di essere pezzi di merda. O forse no? Colazione. Ah, non me la merito. Stai zitto! Non biasimarti, a che serve? Fai colazione, stupido culone. Questi sono cookie, non è una colazione. Stai mangiando dei cookie, smettila, smetti di mangiare cookie e preparati la colazione. Basta! Non mangiarne altri, mettilo giù! Non mangiare quel cookie... Non ci credo, l'hai mangiato. (BoJack Horseman) [insulto]
  • Latte, latte, latte... Di che staranno parlando? Probabilmente di te e dell'essere immondo che sei, brutto grassone idiota. Perché non fai un favore al mondo e non ti lanci contromano? No, non meriti di morire giovane, solo i grandi muoiono giovani. Ah quindi ti senti anche giovane?! Un drink. (BoJack Horseman)
  • Todd Chavez: Allora, io ho questo amico che si chiama.. Darnaryus McKimberton...
    Diane Nguyen: Ah sì, credo di aver letto di lui sulla rivista "Persone realmente esistenti e per niente inventate".
  • I matrimoni sono fatti di bugie, più o meno. Ti ritrovi a dover dichiarare pubblicamente di passare tutta la vita con quella persona. Ma non puoi saperlo, lo stai solo dicendo. È tutta una farsa. Ma è una bugia basata su una verità: al centro della farsa c'è un seme di qualcosa di vero e puro, e quello strano e bellissimo seme è la ragione per cui ci si presta al resto. E a volte è difficile ricordarsi di quel puro e sfavillante seme, perché nel tempo si ricopre di tutte le discussioni, i compromessi e le delusioni. Ma non dimenticare che in fondo è sempre lì da qualche parte, anche se non lo vedi. E, magari, il solo sapere che c'è è più importante che vederlo. Ma funziona solo se ci credi davvero. (Diane Nguyen)
  • Hollyhock: Dov'eri finito? Sei sparito tutto il giorno.
    BoJack: Me ne vado in giro. A volte vado in un bar, mi fermo sul ciglio della strada con la macchina e me ne sto lì per ore.
    Hollyhock: Perché? E preferisci fare questo piuttosto che passare del tempo con me?
    BoJack: Hollyhock...
    Hollyhock: So che non volevi ritrovarti fuori dalla porta una figlia diciassettenne imbranata e mi dispiace disturbarti, ma io non volev...
    BoJack: No, Hollyhock! Sono felice che tu sia qui. Se sono una merda è solo perché sono una merda e hai il diritto di avercela con me ma sappi che qualunque cosa faccio non è colpa tua.
    Hollyhock: Lo so. Insomma lo so ma a volte non lo so, ecco. Cioè a volte ho una vocina in testa che mi dice: «Ehi, tutti ti odiano e non hanno torto a odiarti».
    BoJack: So di che parli.
    Hollyhock: Quella voce,quella che ti dice che sei inutile stupida e brutta...
    BoJack: Sì?
    Hollyhock: Se ne va poi, vero? È solo una stupidaggine da adolescente ma poi svanisce?
    BoJack: Sì.

Episodio 7, SottoterraModifica

  • Diane Nguyen: Perché non posso essere felice? Sono un fallimento.
    BoJack Horseman: No...
    Diane Nguyen: Lo sono. Sono una buca dove tutte le cose buone cadono.
    BoJack Horseman: Tu non sei una buca.
    Diane Nguyen: Sono una buca. Non ci posso credere, sto piangendo. È così stupido.
    BoJack Horseman: È tutto ok, non essere giù perché ti senti giù.
    Diane Nguyen: Sei scomparso per un anno e mezzo.
    BoJack Horseman: Ah è di questo che vuoi parlare. Ci sono voluti quattro giorni di sbronza.
    Diane Nguyen: Se eri tornato a Los Angeles, perché non mi hai chiamata?
    BoJack Horseman: Non ero pronto.
    Diane Nguyen: Pronto per che cosa?
    BoJack Horseman: Volevo essere migliore prima di vederti. E credevo di poterlo essere, in qualche modo. Ma non lo sono. E anche se fossi migliore, al massimo forse riuscirei ad essere giusto un'altra versione di me.
    Diane Nguyen: BoJack, non vedo l'ora che tu sia migliore. Ho bisogno di te nella mia vita.
    BoJack Horseman: Davvero?.
    Diane Nguyen: Tu sei il più grande stronzo che conosco e l'unica cosa che ha senso per me.
  • Diane Nguyen: Non posso tornare alla mia vecchia vita da sobria, è così vuota.
    BoJack Horseman: Ok ok, eccoti il segreto per essere felici.
    Diane Nguyen: Non vedo l'ora di ascoltarlo.
    BoJack Horseman: Fingi di essere felice e, alla fine, dimentica che stai fingendo.

Episodio 8, Il giudiceModifica

  • Mr. Peanutbutter: Californiani, questa è una dichiarazione. Il mio messaggio è molto semplice: se volete votare Peanutbutter votate Coodchuck-Berkowitz, perché un voto per Coodchuck-Berkowitz è un voto per Peanutbutter, visto che a Peanutbutter piace Coodchuck-Berkowitz. Allora se vi piace Coodchuck-Berkowitz votate Mr. Peanutbutter per "Woodchuck" Coodchuck-Berkowitz.
    Giornalista: Quindi se vogliamo votare per Coodchuck-Berkowitz dobbiamo votare per te?
    Mr. Peanutbutter: Si, votando per "Woodchuck".Coodchuck-Berkowitz

Episodio 9, RuthieModifica

  • Non vorrei prendermi delle libertà, ma forse ci converrebbe imbrigliare di nuovo BoJack Horseman alla nostra scuderia. Perdonami. "Scuderia" e "imbrigliare" non sono una scelta felice. Non vorrei fare battute durante le ore di lavoro ma, abbiamo ricevuto altre 15 offerte per BoJack Horseman stamattina e, se mi permetti, io credo che "a caval donato no si guarda in bocca". (Judah)
  • BoJack Horseman: Io non me ne vado senza quel certificato. Ho fatto quello che mi hai chiesto, ho riempito il modulo. Ma non intendo aspettare oltre in questa fila. Nessuno qua mi ha offerto acqua minerale Fiji, e ho la gola secca per quanto ho dovuto gridare.
    Diane Nguyen: BoJack, andiamo a casa.
    BoJack Horseman: No, vorrei presentare un reclamo formale. Come devo fare?
    Segretaria: I reclami sono all'ottavo piano. Ma deve compilare un modulo per presentare reclamo, e il modulo può ritirarlo mettendosi in fila allo sportello 12-B al terzo piano.
    BoJack Horseman: Hai vinto tu questo round.
  • Princess Carolyn: Ehi, vuoi sapere che cosa faccio quando ho avuto una giornata terrificante?
    BoJack Horseman: Cosa?
    Princess Carolyn: Immagino la mia pronipote in un ipotetico futuro che parla di me nella sua classe, composta e divertente, e racconta di me ai compagni e di come tutto si è risolto. E quando mi metto a pensarlo, penso davvero che tutto si risolverà. perché cos'altro potrebbero dire i posteri?
    BoJack Horseman: Ma è... tutto falso.
    Princess Carolyn: Si beh... ma mi fa stare meglio.

Episodio 10, Fantastico lo stile di vita californiano!Modifica

  • Diane Nguyen: Sto lavorando a un pezzo in cui parlo della lobby delle carceri private, che controlla Jessica Biel, che vuole...
    Stefani Stilton: Oh, mia gaia, Diane, non importa a nessuno! A me importa, ma in realtà non mi importa, quindi immagina quanto importi a chi non importa.
  • Una promozione tv è come una bandiera israeliana: non è credibile senza la stella. (Lenny Turtletaub)

Episodio 11, Il tempo è una frecciaModifica

  • Il tempo è una freccia, non si ferma mai e non torna mai indietro, continua ad andare avanti. (Beatrice Sugarman)
  • Joseph Sugarman: Beatrice, stai molto bene. E sono felice perché la festa delle debuttanti è di vitale importanza.
    Beatrice Sugarman: Metterà fine alla povertà, alla guerra e all'ingiustizia, o riporterà in vita l'attivista Medgar Evers che è stato ucciso nel Mississippi questa settimana?
    Joseph Sugarman: Si. O meglio, ti farà smettere di tali sciocchezze perché ti darà un marito.
    Beatrice Sugarman: Almeno dopo la morte di Evers non verrà assassinato nessun altro in questo 1963. L' F.B.I. è troppo in allerta per permettere che accada di nuovo una cosa del genere.
  • Beatrice Sugarman: Padre, l'americano medio non ti vuole vedere nella sua tv. Tu gli ricordi la diseguaglianza economica in questo paese. I poveri lo troverebbero davvero inopportuno.
    Joseph Sugarman: Ti ho mandato alla Barnard per farti laureare "moglie perfetta per un perfetto gentiluomo della Columbia", ma invece di un diplomatico sei tornata a casa con un diploma e la bocca farcita di prosopopea. Che spreco!
  • Beatrice Sugarman: Ci conosciamo?
    Butterscotch Horseman: No, mi sono imbucato a una stupida festa di una debuttante.
    Beatrice Sugarman: Oh, hai detto "stupida" per descrivere la festa o la debuttante? perché potrei essere d'accordo o potrei offendermi.
    Beatrice Sugarman: Sei tu la stupida debuttante, vero?
    Butterscotch Horseman: Beatrice Sugarman. Benvenuto alla mia stupida festa.
    Beatrice Sugarman: Butterscotch Horseman. Piacere di conoscerti.
    Beatrice Sugarman: Ti imbuchi spesso alle feste?
    Butterscotch Horseman: No, bevo alcool gratis dove capita. Risparmio per la California.
    Beatrice Sugarman: Cosa c'è in California?
    Butterscotch Horseman: Ginsberg, Cassady, Squirrelinghetti. Ora chiedimi se sono delle città e io farò una smorfia.
    Beatrice Sugarman: Li conosco i poeti della Beat Generation. Mi piace Ginsberg, ma se vuoi la verità, Squirrelinghetti è un pazzoide. perché ti interessano?
    Butterscotch Horseman: perché mi interessano? Sono le menti più geniali della nostra generazione. Andrò a ovest per seguirli, perché anch'io sono una mente geniale.
    Beatrice Sugarman: Capisco.
    Butterscotch Horseman: Un giorno vedrai. Sto scrivendo il grande romanzo americano.
    Beatrice Sugarman: Oh, e di cosa parla?
    Butterscotch Horseman: Parla della verità, della guerra, della frontiera crepuscolare delle vite che ci sono state promesse.
    Beatrice Sugarman: Ma di che cosa parla? Chi sono i personaggi?
    Butterscotch Horseman: Non ho mai detto di aver buttato giù tutta la storia, no?
    Beatrice Sugarman: Sembra un best seller.
    Butterscotch Horseman: Sei sarcastica, che è un brutto difetto per una donna. Non so come pensi di rimediare un marito in una festa così con questa personalità.
    Beatrice Sugarman: Oh complimenti, tu e mio padre condividete lo stesso timore.
    Butterscotch Horseman: Se fossi il tuo vecchio anch'io sarei ansioso di vederti sposata. Scommetto che i tuoi biglietti di ringraziamento sono banali, le tue composizioni di fiori prive di fantasia e il tuo inchino imbarazzante.
    Beatrice Sugarman: Vedo che mi hai giudicato come io ho giudicato te.
  • Joseph Sugarman: Ho una notizia meravigliosa.
    Beatrice Sugarman: Sto leggendo.
    Joseph Sugarman: Corbin Creamermen è qui fuori. Vuole accompagnarti a fare una passeggiata.
    Beatrice Sugarman: A me non interessa Corbin Creamermen.
    Joseph Sugarman: A me non interessa cosa interessa a te. Dopo che sei sparita nel bel mezzo della tua festa, sei fortunata che non riempia un barattolo di fagioli e ti faccia sposare con il primo che indovina quanti ce ne sono.

Episodio 12, Che ora è adessoModifica

  • Quando Princess Carolyn mi disse che avremmo presentato il progetto a cheoraèadesso.com ero eccitato, perché per tanti versi la storia che sto per raccontare riguarda il tempo. Ed è tempo che la storia venga raccontata. (Flip McVicker)
  • Mr. Peanutbutter: Non mi avevi detto che ti piacevano le sale da ballo.
    Diane Nguyen: Infatti no. Mi piacciono le sale da Belle.
    Mr. Peanutbutter: Cos'è, una sala piena di cose belle?
    Diane Nguyen: No, è una sala piena di grandi libri, grandi finestre e una scala come aveva Belle ne La Bella e la Bestia.
    Mr. Peanutbutter: E si chiama sala da Belle?
    Diane Nguyen: Si chiama biblioteca. Ma io la chiamo sala da Belle perché è magica. Era un nome che mi sono inventata per una stanza che non esiste, voleva dire che era una cosa mia.
    Mr. Peanutbutter: È una cosa adora-Belle.
  • BoJack Horseman: A te piacciono i film stranieri, giusto? Hai presente Amelie, dove lei ascolta la storia di quel tipo? È la stessa cosa. Io sono quello con la storia e ho bisogno che tu sia Amelie adesso.
    Gregory Hsung: Non mi piacciono i film stranieri. Mi piace il cinema straniero.
  • Sono andato in ogni ospedale, in ogni ufficio relazioni col pubblico. Ho fatto file, riempito moduli, parlato con tutti. Non avrei avuto pace finché non avessi fatto tutto quello che potevo. Ma non c'era traccia di una puledrina nata il giorno del compleanno di Hollyhock. A Los Angeles. perché Hollyhock non è nata lì, è nata a San Francisco. Qualcosa mi diceva che mio padre aveva messo incinta la cameriera, così andai a San Francisco, rifeci la trafila e lo trovai: il certificato di nascita col nome di sua madre, chiaro come il sole, Henrietta Platchkey. Ma lei dov'è ora? Beh, l'ho cercata su Facebook. So cosa pensate: BoJack ha un account su Facebook? Ovvio che no, internet è per i nerd. Ma è un buon modo per trovare la gente, così ho creato un account e l'ho trovata. Vive a Minneapolis, è un'infermiera. Il numero di telefono era su Facebook. E volevo che Hollyhock lo avesse. Lei deve saperlo. Non serve dirle che sono stato qui. Mi terrò lontano dalla sua vita, ditele che sono uno stronzo, che l'avete scoperto voi. Non mi interessa, ma dovete dirglielo. Per favore. (BoJack Horseman)
  • Hollyhock: Qual è il viaggiatore che chiede più melone verde nella sua coppetta di frutta?.
    BoJack Horseman: Nessuno vuole il melone verde, ma c'è sempre.
    Hollyhock: È letteralmente la parte peggiore di tutto quello che c'è dentro. È come il Jared Leto della frutta.
  • Hollyhock: BoJack, ascolta. Non ho mai avuto bisogno che tu fossi mio padre. Me la caverò. Te l'ho detto fin dall'inizio, ho otto papà.
    BoJack Horseman: Si, si. Bene.
    Hollyhock: Ma... non avevo mai avuto un fratello.

Stagione 5Modifica

Episodio 1, La scena della lampadinaModifica

  • Nulla è più desolante di una festa. Fortuna che non mi serve nessuno, altrimenti mi sentirei solo. (BoJack Horseman)
  • Pryncess Carolyn: Stai andando alla grande, BoJack!
    BoJack Horseman: Davvero?
    Pryncess Carolyn : E io ti ho osservato con attenzione, che è l'essenza di una buona produzione. Andiamo alla grande, bello! Primo giorno!
    BoJack Horseman: Senti, ho ancora qualche domanda sul mio personaggio e sul copione e sullo show e sul perché tu me l'abbia proposto e sul perché io abbia detto si. [...] E sul perché facciamo uno show per "cheoresonoinquestomomento.com", che è un sito web per persone che non sanno che il loro computer ha già un orologio integrato all'angolo dello schermo.
  • BoJack Horseman: Mi manchi. Scusa, sono uno scemo. Non è vero che mi manchi, è che mi annoio... anche questo è da scemo.
    Hollyhock: Anche tu mi manchi, BoJack.

Episodio 2, I giorni da cane sono finitiModifica

  • Dieci ragioni per andare in Vietnam: guida personale di viaggio Girl Croosh.

Numero 1 - Riconnettersi con le radici ancestrali.
Numero 2 - Qui puoi essere una turista.
Numero 3 - perché ora sei single e puoi fare tutto quello che vuoi.
Numero 4 - Incontrare gente nuova.
Numero 5 - Uscire dal tuo habitat naturale.
Numero 6 - Trasformare il tuo lavoro in una vacanza-lavoro.
Numero 7 - Te lo ha detto la tua analista.
Numero 8 - Scoprire una nuova te.
Numero 9 - Perché uscire dalla routine fa bene (troppo simile alla numero 5 "uscire dal tuo habitat naturale"? No, è una cosa diversa. Va bene comunque).
Numero 10 - Perché bisogna partire per tornare a casa. (Diane Nguyen)

  • La vera ragione per andare in Vietnam è perché vedi per caso il tuo futuro ex-marito che bacia un'altra. All'inizio pensi: oh, è una qualsiasi. Sono ubriachi, è una festa. Ma poi lui la stringe con la mano esattamente come faceva con te. Vuol dire: ti proteggo. E quando lui lo faceva con te ti faceva sentire sicura. E ti rendi conto che ora lui non lo farà mai più. E questo ti spezza il cuore, dopo che il cuore ti era stato spezzato tante volte e credevi non potesse mai più spezzarsi. Pensavi fosse al sicuro, invece trova ancora un nuovo modo per spezzarsi. Perché anche se sei stata tu a volerlo, ora che l'hai ottenuto sei completamente alla deriva. Senza una bussola o una mappa o un'idea di dove andare o cosa fare. Così vai in Vietnam, ti illudi di poter trovare una comunità, un legame con qualcosa di più grande ma non lo li trovi. Al contrario, ti senti ancora più sola di quanto non fossi prima di partire. Però sopravvivi, impari a sopravvivere anche da sola. (Diane Nguyen)

Episodio 3, Obsolescenza programmataModifica

  • Mr. Peanutbutter: Sono per caso Steve Carell che accetta un ruolo drammatico in Little Miss Sunshine e tu sei il pubblico americano che lo conosce solo per i suoi ruoli comici? perché... sorpresa!
    Pickles Aplenty: Oh mio Dio. Sei la dieresi sul nome di Chloë Sevigny adesso? Non so perché tu sei qui, ma sono felice che ci sia.
    Mr. Peanutbutter: Come disse Courteney Cox quando trovò un cadavere sfatto vicino al set di Cougar Town: "Buon Dio, spero che tu non sia impegnato". [wellerismo]

Episodio 4, BoJack il femministaModifica

  • BoJack Horseman: La gente mi ascolta sempre. Una volta ho twittato "RIP David Bowie" e adesso tutti credono che sia morto.
    Pryncess Carolyn : David Bowie è morto.
    BoJack Horseman: Aspetta, sul serio? Oh mamma!
  • Todd Chavez: Sei sicuro dell'abbigliamento?
    Mr. Peanutbutter : Tutti i duri vestono di pelle: gang di motociclisti, poliziotti in moto, dominatrici non etero-orientate.
  • BoJack Horseman: Diane, la serie ha bisogno di te. Avevi ragione, è proprio come avevi detto tu ma non deve essere così. Dai, come consulente di produzione, lavora con Flip ai copioni. Rendi la serie una cosa di cui poter andare fieri.
    Diane Nguyen : Perchè dovrei farlo?
    BoJack Horseman: L'hai detto tu stessa, la gente preferirà guardare la serie che leggere quello che hai scritto. Ti sto dando la possibilità di cambiare in meglio la società.
    Diane Nguyen : Niente di quello che faccio cambia qualcosa.
    BoJack Horseman: No? Hai cambiato me.

Episodio 5, La storia di Amelia EarhartModifica

  • Pryncess Carolyn : Pronto?
    BoJack Horseman: Come possono aspettarsi che impari cinque pagine in un giorno. Chi sono, il giovane Sheldon? In nessuna serie si dovrebbe parlare tanto. La televisione è un mezzo visivo. Comunque, dove diavolo sei?
    Pryncess Carolyn : Eden, Nord Carolina.
    BoJack Horseman: Ah, Nord Carolina. Che poi è la peggiore delle Carolina.
    Pryncess Carolyn : Lo sai che provengo da qui.
    BoJack Horseman: Si, e te ne sei andata. Sai che implica la preposizione "da"? Che non devi essere più la, per questo si dice "da".
    Pryncess Carolyn : Va bene, sto per uscire "da" questa conversazione.
  • Pryncess Carolyn : Io vivo a Los Angeles ora, ma sai come si dice? Puoi fare uscire una ragazza dall'area metropolitana di Greensboro-High Point, ma non l'area di Greensboro-High Point da una ragazza
    Sadie: Quanto vorrei che il mio ragazzo avesse fatto uscire il pene dalla ragazza. Insomma, che fosse venuto fuori.
  • Mr. Peanutbutter: So che la mia ex-moglie fa parte degli sceneggiatori. Non voglio rendere le cose complicate per lei o per chiunque altro, quindi... su, hai già capito, devo recitare tutto il dialogo come da copione o posso grufolare nel trogolo? Normalmente non lo chiederei nemmeno, ma per la questione ex-moglie ho pensato che fosse meglio chiedere una volta in più se possa andare bene cambiare ogni singola parola.
    Pryncess Carolyn : Conoscendo Flip resterei fedele al copione.
    Mr. Peanutbutter: Quindi non flippo il copione?
    Pryncess Carolyn : Esatto. Non flippare il copione di Flip.
    Mr. Peanutbutter: Questo è un doppio flip. Vuoi dire che devo flipparlo.
    Pryncess Carolyn : Sto dicendo l'esatto opposto.
    Mr. Peanutbutter: Quindi devo flipparlo. Lo flippo, no?
    Pryncess Carolyn : Devo andare. Sei divertente e talentuoso, ciao.<
  • Cooper Thomas Rogers Wallace Sr.: Sono sincero, quando quell'idiota di mio figlio mi ha detto di avere messo incinta la servitù io... aspetta che riprovo. Princess Carolyn, faremo i passi che devono essere fatti. Avrete un matrimonio fantastico prima che si veda la pancia. Se sarà femmina si chiamerà Dorothy come mia madre, se maschio sarà il terzo Cooper Thomas Rogers Wallace, perciò si chiamerà Cooper Terzo, o Tre, Trip, Trey o Little Coop. Entrerai nella Junior League, canterai nelle follies, la signora Wallace ti insegnerà a giocare a bridge e a difenderti dal gossip delle altre famiglie. Ogni estate andremo a Hilton Head e ci faremo una foto sulla spiaggia in camice e bermuda bianchi. Sarà la nostra cartolina di auguri natalizia. Scriveremo "Auguri" o "Tanti auguri", così non discrimineremo gli amici di altre religioni ma sapremo comunque che è Natale. Princess Carolyn, so che sei spaventata ma avrai una bellissima vita davanti a te, te lo garantisco. Niente ansie, niente scelte difficili, niente problemi economici grazie all'impero "Cassette per segreterie telefoniche di Wallace e figli". Si, finchè la gente avrà bisogno di cassette per le segreterie ti staremo vicino. Sei con noi?
    Pryncess Carolyn : Si.
    Cooper Thomas Rogers Wallace Sr.: Ahhh, devi attendere il bip. Sei con noi? BIIIP!
    Pryncess Carolyn : Si, signore.
  • Sento dolore da tutte le parti, Sartre si sbagliava. Il dolore fisico è di gran lunga peggiore della sofferenza emotiva prolungata. Che gran cazzata! (BoJack Horseman)

Episodio 6, Free ChurroModifica

  • Tua madre ha un altro dei suoi disturbi. Ieri è andata a vedere Casa di bambola con un paio di amiche e le sono venuti certi pensieri. Oggi sono emerso dal mio santuario per scoprire che non solo non aveva preparato il pranzo, che è un pasto preposto a farti sopravvivere, ma che oltre a tutto si era chiusa in camera a piangere. Forte. Ora, un conto è una donna che piange, ma quando lo fa ad un volume così alto che lo senti attraverso la porta è solo per attirare l'attenzione. Ad ogni modo, alla fine sono riuscito a mettere insieme un sandwich per me, quindi sono io il vero eroe della storia. È stato un paio d'ore più tardi che ho realizzato che stavo andando alla grande col mio romanzo. Avevo questa frase interessante che continuava per pagine e pagine, e ho pensato che è raro entrare in sintonia col racconto e che alcuni giorni non riesco a concentrarmi perché quell'idiota di mio figlio spara la tv a tutto volume. E a un tratto l'illuminazione: cazzo, mai una volta che lei sia andata a prendere questa lagna farcita di starnuti. Così, eccomi qua a farti da madre, il che so benissimo che ti provoca tutta una serie di idee confuse sui generi perché il tuo cervello non è ancora sviluppato. Ricordati che se nella vita diventerai una checca non sarà stato per colpa mia. Al night non cantare mai canzoni come "Mio papà era la mia mamma", e non fissare affascinato le collane di perle a tortiglioni. Le perle sono per le donne, BoJack. Le perle sono per le donne. Sai, la domenica è il giorno in cui scrivo. L'unico giorno dedicato esclusivamente a me e al mio lavoro, eppure tu e quel buco nero che ti ha partorito cospirate per rovinarmelo. E che cosa dovrei fare ora, tornare a scrivere? Ormai non è possibile, la giornata è rovinata. Tutto per causa tua e di quella fragile donna che hai fatto l'errore di avere per madre. Ahhh, non è colpa sua. Lei fa del suo meglio dopotutto. È solo che... non puoi dipendere dalle donne. Non puoi dipendere da nessuno. Prima o poi dovrai imparare che nessun altro si prenderà cura di te. Questo ho imparato quando ho dovuto farmi il sandwich. Non puoi contare sugli altri, BoJack. È bene che tu lo sappia. E lei da brava madre te lo sta insegnando. Hai un vantaggio rispetto agli altri bambini. In realtà sei molto fortunato. Graaaaazieeeeeee? (Butterscotch Horseman)
  • Di solito, quando la gente mi chiede come sto, la vera risposta è «sto di merda», ma non posso dire «sto di merda» perché non ho una buona ragione per stare di merda. Quindi, se dico «sto di merda», poi loro dicono «Perché, cosa c'è che non va?», e io devo dire «Non saprei, tipo... tutto?». Quindi invece, quando la gente mi chiede come sto di solito dico «Alla grande». Ma quando la ragazza al Jack in the box mi ha chiesto se stavo passando una bella giornata, ho pensato, beh, oggi posso davvero permettermi di sentirmi di merda, oggi ho una buona ragione, così le ho detto «Be', mia madre è morta». (BoJack Horseman)
  • Ecco una storia. Quand'ero ragazzo, recitai un brano comico per il talent show della scuola. C'era questa giacca figa che volevo mettere perché mi avrebbe fatto sembrare Albert Brooks. Per mesi risparmiai per questa giacca, ma quando finalmente racimolai abbastanza, andai al negozio ed era andata. L'avevano venduta a qualcun altro. Così, andai a casa e lo dissi a mia madre. Lei disse: «Ti sia da lezione. Questo succede se si desiderano cose». [...] Ma poi, il giorno del talent show, mia madre aveva una sorpresa per me. Mi aveva comprato la giacca. Anche se non sapeva come dirlo, io sapevo significasse che mi amava. Ora, questa è una buona storia su mia madre. Non è vera, ma è una buona storia, giusto? L'ho rubata da un episodio di Maude che vidi quando ero bambino, quando lei parla del padre. (BoJack Horseman)
  • Negli anni '90, ero in una famosa serie TV chiamata Horsin' Around – trattenete gli applausi – e ricordo che una volta un fan mi chiese: «Ehi, uhm, sai quell'episodio dove il cavallo deve fare il discorso di incoraggiamento a Ethan, dopo che Ethan scopre che la sua cotta gli ha chiesto di andare al ballo solo perché le sue amiche stavano facendo una stupida gara di appuntamenti? In tutte le inquadrature del cavallo, puoi vedere una tazza di caffè sul bancone della cucina, ma nelle inquadrature di Ethan, la tazza di caffè manca. Era perché la serie voleva far passare un messaggio sulla fluttuante soggettività della memoria e su come due persone possono fare esperienza dello stesso momento in modi completamente diversi?» E io non avevo il coraggio di dire «no, fratello, qualche tipo della troupe ha solo lasciato la tazza di caffè nell'inquadratura». Quindi invece dissi «si». E forse questa storia è come quella tazza di caffè. Forse, siamo stupidi a provare ad affibbiare un significato a tutte le piccole cose.
  • Qual è la differenza tra mia madre e un accesso di tosse pieno di germi? Che la tosse è asinina e mia madre è una cavallina. Questo è un esempio di spiritosaggine. Grazie. Proviamo di nuovo. Ehi, mamma, qual è la differenza tra mia madre e un mucchio di uova di pasqua? Che le uova le metti nel cesto e mia madre la metti in una cassa! Pronti per un'altra? L'ultima. Qual è la differenza tra una settimana di quattro giorni e mia madre, Beatrice Horseman? Che quella è una settimana corta e mia madre è una gran puttana! (BoJack Horseman)
  • Beatrice Horseman era nata nel 1938, ed è morta nel 2018, e io non ho idea di cosa volesse. A meno che non volesse ciò che vogliamo tutti: essere vista. (BoJack Horseman)

Episodio 7, Interno. SottoModifica

  • Sono una psicanalista. Un dottore cura, un dj mixa, Jessica Chastain accetta qualsiasi ruolo che rifiuta Amy Adams. Il mio lavoro è ascoltare. (Dr. Indira)
  • Allora, breve ricapitolazione: qui non si discute di espiazione o di sanzione o riprovazione in merito a una presunta appropriazione. La mediazione è un invito alle persone tramite una conversazione, senza frustrazione, con distensione, per scambiare qualche informazione che per abduzione annulla un'opposizione priva di qualsiasi giustificazione. (Mary-Beth)
  • Diane Nguyen: Lo sapevo. Da quanto tempo Bobo è un tuo paziente?
    Dr. Indira: Tre sedute.
    BoJack Horseman: Giorni. Amici da tre giorni.
    Diane Nguyen: Ti avevo chiesto di non vederla. Ti avevo detto che era una parte della mia vita che volevo tenere per me.
    BoJack Horseman: Notiziona: non sei l'unica a stare nella merda. Magari se potessi parlare con te non avrei bisogno di cercare altri amici.
  • Diane Nguyen: Ciao. Volevo soltanto chiederti scusa per il mio comportamento dalla dottoressa Indira.
    BoJack Horseman: Non è necessario.
    Diane Nguyen: Aveva ragione, tu ne hai più bisogno di me. E credo che lei possa davvero aiutarti.
    BoJack Horseman: Aiutarmi in cosa? Io cercavo solo qualcuno con cui andare a pranzo. Non volevo una strizzacervelli che mi dicesse di stare in contatto con le mie emozioni. Chi ne ha bisogno?
    Diane Nguyen: Io si, io ne ho bisogno.
    BoJack Horseman: Non ne hai più bisogno, l'ha detto anche lei che sei guarita. E quando sei andata via ho pensato: "Ehi, se Diane non ne ha bisogno neanche io ne ho bisogno".
    Diane Nguyen: Aspetta. L'hai mollata?
    BoJack Horseman: Si, con me l'analisi non funziona. Sono troppo intelligente.
    Diane Nguyen: Oh mio dio. Non sei cambiato affatto.
    BoJack Horseman: Diane no, non sono io il problema. Non sarebbe successo niente se avessi potuto parlare con te, la mia amica, dopo la morte di mia madre.
    Diane Nguyen: Allora tu vuoi parlare di tua madre.
    BoJack Horseman: No, la citavo solo come esempio. Perchè ritorni sempre a mia madre?
    Diane Nguyen: Non posso continuare questo gioco con te. Tu dici che vuoi stare meglio e non sai come fare. Allora adesso io, la tua amica, ti dico come devi fare: va' in analisi, perchè altrimenti mi fai solo perdere tempo.
    BoJack Horseman: Hai sentito la dottoressa Indira. Ha detto che non ne abbiamo bisogno.
    Diane Nguyen: Ha detto che io non ne ho bisogno.
    BoJack Horseman: Lo so, ma tu sei incasinata persa come me.
    Diane Nguyen: Io non sono incasinata persa come te, chiaro?
    BoJack Horseman: Diane, sono io, andiamo. Siamo uguali.
    Diane Nguyen: Noi non siamo tutti uguali!

Episodio 8, Le ragazze di Mr. PeanutbutterModifica

  • Gina Cazador: Mi sento un'idiota ad una festa di Halloween senza costume.
    BoJack Horseman: Chi se ne frega. Io non ho un costume.
    Gina Cazador: Ah, ne indossi uno però.
    BoJack Horseman: Nel senso che abbiamo tutti un costume con cui mostriamo delle sfaccettature di noi stessi alle persone più vicine tenendo nascosta la nostra vera essenza?
    Gina Cazador: No, nel senso che hai il costume della serie televisiva nella quale stiamo lavorando.
  • Capisco che si chiami X-Files, sto chiedendo: che è successo ai file dalla A alla W? Voglio vedere anche quello show, più file. (Mr. Peanutbutter)
  • Jessica, sono stato scritto da Hammond e Warren, cantato da Tina Turner ma poi reso famoso dagli Ace of Base? Perché Don't turn arund. (Mr. Peanutbutter)
  • BoJack Horseman: Tu! Ragazzo! Che è successo?
    Todd Chavez: Credo che la festa sia finita, signore.
    BoJack Horseman: Io pensavo che alla fine avrei provato qualcosa. Non so cosa, ma qualcosa. Ma non provo niente. Ho dei problemi?
    Todd Chavez: Nessuno. È solo che a volte le feste finiscono. Ma... cioè, potrebbe non finire la festa. Potrei restare ancora se le fa piacere.
    BoJack Horseman: Si, certo, ottima idea. Resta pure quanto vuoi.
  • Diane Nguyen: Ma che succede? Gli esami scolastici sono tosti? Non ha passato l'esame di guida? Screzi con quelle del club delle babysitter? O il sogno infranto di fare Adelaide nella recita scolastica di Guys and dolls perché il regista la vede più come Rusty Charlie? [riferendosi a Pickles]
    Mr. Peanutbutter: Non so perché si ripeta. Incontro queste donne fantastiche come Pickles, come te, Katrina, Jessica e poi le rovino.
    Diane Nguyen: Io non sono "rovinata".
    Mr. Peanutbutter: No, voglio dire... che non ascolto.
    Diane Nguyen: Ok. Si. È davvero snervante il fatto che tu non ascolti.
    Mr. Peanutbutter: Grazie, ma non dire cose carine per farmi stare meglio.
    Diane Nguyen: Ok, no. Stavo per dire che il fatto che tu non ascolti, e lo ripeto, tu non ascolti, non è l'unica cosa che non va.
    Mr. Peanutbutter: Cioè ci sono altre cose?
    Diane Nguyen: Cos'hanno in comune queste donne?
    Mr. Peanutbutter: Sono perfide?
    Diane Nguyen: No. Quando inizi a frequentarle.
    Mr. Peanutbutter: Sono divertenti?
    Diane Nguyen: Sono giovani. Continui a uscire con ventenni.
    Mr. Peanutbutter: Hai ragione da vendere.
    Diane Nguyen: Non sono ancora formate. E la vita cambia le persone.
    Mr. Peanutbutter: Non me.
    Diane Nguyen: Già, è questo il punto. Tu non rovini queste donne, semplicemente crescono.
    Mr. Peanutbutter: Stai dicendo che... loro crescono mentre io resto sempre della stessa età? Va bene, va bene, va bene. Che posso fare?
    Diane Nguyen: Beh, o inizi a uscire con quelle più grandi...
    Mr. Peanutbutter: Oppure?
    Diane Nguyen: Oppure cresci tu. Sennò continueranno a superarti in maturità.

Episodio 9, Storia anticaModifica

  • Stai bene? Sembri l'addetto stampa di Scarlett Johansson che ha appena visto Ghost in the Shell. (BoJack Horseman)
  • BoJack Horseman: Aspetta, Gina, no, resta fuori. Io devo parlarti... lentamente.
    Gina Cazador: Riguarda la nostra relazione? Di che dovremmo parlare?
    BoJack Horseman: Beh, io ho pensato che dovremmo continuare a guardare a questa relazione. Cioè, da tutte le parti di questa relazione. Cioè, anche nei cassetti nella cucina di questa relazione. O nel mobile del bagno.
    Gina Cazador: Ho detto che non voglio più vederti.
    BoJack Horseman: Tu per me sei lo scaffale più alto, Gina. Capisci? Lo scaffale più alto.
    Gina Cazador: E quindi vorresti tornare insieme?
    BoJack Horseman: Si!
    Gina Cazador: Aspetta, davvero?
    BoJack Horseman: Ok, devo scappare.

Episodio 10, Con la testa tra le nuvoleModifica

  • Come disse l'ostrica al granchio al ballo sotto il mare: ti va di ballare? (Mr. Peanutbutter) [wellerismo]
  • BoJack Horseman: Come dice Philbert: "Il tempo è come una donna, assolutamente impossibile da comprendere".
    Diane Nguyen: Quella battuta l'abbiamo tagliata, il network temeva che risultasse offensiva per la gente che non sa cos'è il tempo.
  • Buonasera a tutti. Grazie di essere qui alla prima della mia opera. Spero vi possa piacere, perché vuol dire che siete intelligenti. Se non la capite, vuol dire che questi tempi non sono all'altezza del mio genio ma anche così mi sta bene. [il pubblico ride] perché ridete? Vi prego, non ridete durante la proiezione. L'episodio contiene humour non intenzionale. (Flip McVicker)
  • Diane Nguyen: Non sei cambiato affatto.
    BoJack Horseman: Si, congratulazioni! Sei l'ultima che l'ha capito. Io non cambierò mai. Non mi serve il tuo aiuto per cambiare. Quindi smettila di fare di me il tuo progetto. Quando ti ho incontrato ero depresso perché non mi piacevo. E quando hai scritto quel libro e hai venduto un fantastilione di copie, mi hai insegnato che io sono questo: un casino. Opera tua. E ora sto bene.
    Diane Nguyen: Non ci credo, no. E credo che neanche tu possa crederci. Io penso che tu voglia spingermi a dire che puoi essere migliore. E anche se in questo momento ti stai comportando da totale stronzo, io credo ancora in te. Ma se tutto quello che hai ricavato da questa amicizia è l'idea che tu stai ok con te stesso così come sei, allora non credo che questo sia un rapporto positivo, per nessuno dei due.

Episodio 11, Crisi nella serieModifica

  • BoJack Horseman: Ora, su una scala da uno a dieci, come giudica la maturità sessuale di sua figlia?
    Kyle Carson: Cavolo, questa è difficile.
    BoJack Horseman: Leggo solo quello che ho davanti.
    Kyle Carson: Non saprei dare un giudizio.
    BoJack Horseman: Vediamo, dove 1 è "orribilmente ferita da un uomo più grande di cui si fidava e ora ha deciso di rivelare pubblicamente le brutte cose che ha fatto", e dieci "ha lentamente esplorato il suo corpo in modo sano nei suoi tempi e ora ha ritrovato completamente il suo equilibrio".
    Kyle Carson: Non lo so, forse 8? Ho la sensazione che 8 sia un voto standard.
  • Devo scappare, ti adoro. Adoro essere monogamo. (Mr. Peanutbutter)

Episodio 12, Serie cancellataModifica

  • Diane Nguyen: Tu vuoi che la tua ex moglie spieghi alla tua attuale compagna il fatto che l'hai tradita con la tua ex moglie?
    Mr. Peanutbutter: Beh certo, ogni idea sembra stupida se la descrivi così com'è.
  • Diane Nguyen: Ciao. Non dovresti essere in giro a "non strangolare" qualcuno?
    BoJack Horseman: L'ultima volta che ti ho visto hai detto che credevi che potessi diventare migliore. Lo credi ancora?
    Diane Nguyen: Si, certo.
    BoJack Horseman: Allora devi scrivere uno dei tuoi articoli. Su di me.
    Diane Nguyen: Cosa?
    BoJack Horseman: Non scrivere niente su Gina ma... l'altra roba. Tutto. Ho bisogno che si sappia.
    Diane Nguyen: No, non voglio più scrivere su di te, o per te, o con te.
    BoJack Horseman: Diane, ti prego, ne ho bisogno. Sono una brutta persona e il mondo lo deve sapere.
    Diane Nguyen: Non significa niente "brutte persone" e "belle persone". Siamo solo persone. Che a volte fanno cose belle e altre volte cose brutte. E noi non possiamo fare altro che cercare di fare meno cose brutte e più cose belle, ma tu non sarai mai una bella persona perché tu non sei una brutta persona. Perciò la devi smettere di usarla come scusa.

Stagione 6Modifica

Episodio 1, La riabilitazioneModifica

  • Dottor Champ: Vedi, tendi a deviare il discorso ogni volta che ti chiedo la fonte della tua dipendenza.
    BoJack Horseman: Io non devìo nessuno. È una cravatta nuova? È fantastica.
    Dottor Champ: Tu sei consapevole che una battuta sulla deviazione è comunque una deviazione, vero?
    BoJack Horseman: Vengo qui ad assumermi le mie responsabilità, e invece continuo a sentire "Non è colpa tua, è che sei impotente davanti alla tua dipendenza".
    Dottor Champ: È il primo livello.
    BoJack Horseman: E già che ci siamo, perché dodici livelli? Sono troppi. Troppi per qualsiasi cosa. Tu hai visto 12 anni schiavo e hai pensato "Dodici anni sono troppo pochi per essere schiavo".
    Dottor Champ: Stai di nuovo deviando.
    BoJack Horseman: Senti, sono qui per le mie scelte, nessuno mi ha costretto a bere. La mia dipendenza non mi ha puntato contro un coltello dicendo "Ehi, bevi un alcolico o ti strangolo". Dopo aver posato il coltello che non era necessario.
    Dottor Champ: C'è un detto nella nostra comunità di sobri.
    BoJack Horseman: Non mi dire.
    Dottor Champ: "Noi vogliamo ciò che vogliono le nostre dipendenze così come il nostro futuro è una casa costruita da materiali del presente sull'impronta del passato".
    BoJack Horseman: Di solito lo scopo di un detto è quello di illustrare dei concetti complicati attraverso un'allegoria diretta. Quindi mi piace che i vostri detti non lo facciano.
    Dottor Champ: Se non vuoi stare qui non devi aspettare domani. Il codice del cancello è 12, come i livelli, poi il compleanno di mia madre, 3 aprile del '56.
    BoJack Horseman: Quindi il codice è 1 2 3 4 5 6?
    Dottor Champ: Puoi andartene quando vuoi. Ma è davvero ciò che vuoi?

Episodio 2, Il nuovo clienteModifica

  • Una delle cose che ho appreso da questo folle mambo chiamato vita è che chiunque può essere un padre compleanno, ma solo se hai un cuore pieno di compleanni sarai un vero Birthday Dad. (Mr. Peanutbutter)
  • Mr. Peanutbutter: Stop! Torna indietro! Ecco qua, ditemi che lo vedete anche voi.
    Princess Carolyn: È fantastico, lo adoro.
    Flea Daniels: Non ti piace la tua faccia?
    Mr. Peanutbutter: Non è credibile, regista Flea Daniels. Quella non sembra affatto la sincera e affidabile faccia di un Birthday Dad.
    Flea Daniels: Che cosa?
    Mr. Peanutbutter: È la classica faccia di chi ha fatto qualcosa di terribile, come... non so, tradire la propria ragazza con l'ex moglie un paio di volte, e invece di confessarglielo le ha chiesto di sposarlo. Quindi ora sono fidanzati e lei non sa niente. È pieno di sensi di colpa, gli si legge su quel bellissimo viso.
    Princess Carolyn: Birthday Dad ha tradito la sua ragazza?
    Mr. Peanutbutter: No, ma ha la faccia di uno che l'ha fatto. Giriamo di nuovo la scena.
  • BoJack Horseman: Scusa, forse ho interrotto la tua riunione con David O. Russell, quindi sarò breve. Ho fatto una lista di persone a cui chiedere scusa. Già, e non ti faccio perdere tempo con altre scuse.
    Princess Carolyn: Che pensiero carino.
    BoJack Horseman: Ricordi il nome dell'assistente che ho strigliato vent'anni fa per avermi portato un Capri Sun a temperatura ambiente dicendogli di cambiare lavoro? Che fine ha fatto quel tizio?
    Princess Carolyn: Derek? Credo abbia cambiato lavoro.
    BoJack Horseman: Perciò gli ho dato un buon consiglio.
  • Princess Carolyn: Ehi, ti piace il nome Riley per una femminuccia?
    BoJack Horseman: No, mi sono scopato una Riley e non è finita bene.
  • Vanessa Gekko: Ti chiamo per un rapido aggiornamento sulle restrizioni alimentari per il "Ballo di chi fa tutto".
    Princess Carolyn: Adesso è diventato un ballo?
    Vanessa Gekko: Un ballo, un gala, chiamalo come vuoi.
    Princess Carolyn: Doveva essere un bagel party.
    Vanessa Gekko: Bagel. Ballo. Qui si tratta di avere Hill. Te lo ricordi?
    Princess Carolyn: Hill cosa?.
    Vanessa Gekko: Scusa, parlo di Lauryn Hill. Io la chiamo Lauryn.
    Princess Carolyn: Ti richiamo quando posso prendere appunti.
    Vanessa Gekko: I Fugees ci sono, e amano la frutta. Soprattutto le mele Fuji, ma odiano l'acqua Fiji.
    Princess Carolyn: Fuji per i Fugees, ma niente Fiji. Ricevuto.
    Vanessa Gekko: Marian è vegetariana, Meagan è vegana, e Carrie e altri luminari come Gerwig e Larson, non mangiano latticini.
    Princess Carolyn: Ostracismo per le ostriche, tartine niente tartare, e assolutamente niente Feta per Greta né brie per Brie.
  • Vanessa Gekko: Va tutto bene? Non sei la solita persona mediocre.
    Princess Carolyn: Posso chiederti una cosa? Ecco, c'è il lavoro, giusto? E il lavoro per me ha senso, e sono brava a farlo. Io non penso di esserlo con mia figlia. Non credo di provare ciò che dovrei provare. O che mi sarei aspettata di provare. Insomma io la amo, certo che la amo. Certo che amo mia figlia, ma... ma non so se la amo davvero. So di essere una persona orribile per averlo anche solo pensato ma, e se non dovesse mai succedere?
    Vanessa Gekko: Tu ami tutti i progetti dei tuoi clienti?
    Princess Carolyn: Ma certo.
    Vanessa Gekko: No, non è vero. Ma ti prendi cura di loro, e li tieni in vita perchè è il tuo lavoro, giusto?
    Princess Carolyn: Già.
    Vanessa Gekko: E quindi ora hai un altro lavoro. Ed è un lavoro spietato, e lo è davvero. Non hai il tempo di riflettere su quello che provi. Devi farlo e basta, al meglio che puoi, sapendo che quello è il tuo massimo.
    Princess Carolyn: Sai, noi abbiamo tanto in comune. Non so perchè abbiamo passato tanti anni ad odiarci.
    Vanessa Gekko: Io non ti ho mai odiata. Tu mi odiavi?
    Princess Carolyn: Ehm... no.

Episodio 3, Una bella storiaModifica

  • Guy: Non capisco perché hai questa tendenza a punire te stessa.
    Diane Nguyen: Non è vero!
    Guy: E non ti limiti a te stessa perché ogni volta che hai freddo, chi ti presta il suo cappotto?
    Diane Nguyen: Oh, scusa! Questa cosa ti dà fastidio?
    Guy: No... ma non vedo perché dovrei soffrire io per la tua ideologica avversione allo stare bene.
    Diane Nguyen: Io vorrei tanto stare bene! Sarebbe un lusso! Per te è facile, tu puoi farlo; e intanto il mondo intorno va a pezzi!
  • Cara Diane, ciao! Questa è una lettera. La terapia prevede che io scriva la lettera a un'amica – immagino che sia terapeutico. So che sei stata Grande con il killer dello zodiaco. comunque la riabilitazione procede: lunghe passeggiate, serate film, yoga. La settimana prossima è prevista una color war.... ed è bello essere qui. Ed è bello che io non beva ne prenda pillole ma continuo a pensare che questa non sia la vita reale. È come un campeggio estivo... temporaneo, facile... per quanto sia bello so che un giorno dovrò tornare al mondo reale. Comunque questa è la mia lettera. Non credo di spedirla ma, se la stai leggendo allora l'ho spedita. Il tuo amico BoJack. PS: Horseman. (BoJack Horseman)
  • Cara Diane, Ciao! Ti scrivo un'altra lettera. Oggi è uno schifo. Qui c'è una nuova ragazza, Beverly, che ha preso il mio kit di snack. Ed è tipico di Beverly – probabilmente, l'ho appena conosciuta. Il punto è che il kit di snack va condiviso, giusto? sono buste piene di snack da portare alla gita del mattino che noi prepariamo la notte prima per cementare il gruppo. Ieri ho deciso di mettere un pacchetto extra di nocciole caramellate nel mio kit per me, solo per me, e ho segnato la busta con una B in modo da riconoscerle al mattino. B di BoJack. ma poi oggi ho visto Beverly – che lo ripeto è appena arrivata – saltellare per casa con il mio kit di snack. Diceva "oh qualcuno ha preparato un kit speciale solo per me, B di Beverly, devo avere un ammiratore segreto". Ripeto, è appena arrivata! La storia della mia vita è costellata da delusioni. Dovrei avere imparato a non avere troppe aspettative ma... no! Ancora una volta sono l'idiota con grandi aspettative sulle nocciole caramellate e ora sono deluso e la colpa è solo mia. Comunque, che mi racconti? Ahah, scherzo, non puoi farlo – questa è una lettera!
    A presto, BoJack (BoJack Horseman)
  • Cara Diane, sono certo che muori dalla voglia di sapere come va la storia del presunto ammiratore di Beverly, perciò vado dritto al punto. Ho iniziato a scrivere BH sul mio kit per chiarire subito di chi fossero le nocciole caramellate in più. Ma ora Beverly crede che BH stia per Beverly ha le nocciole extra. Beverly ha le nocciole extra? Ho messo solo una H. Sai che c'è? Non importa. La cosa più assurda è che Beverly non può neanche mangiarle: è allergica! Quindi di solito finisce che le regala a me. Il dottor Champ dice che questo ha un significato, che l'universo si prende cura di noi quando smettiamo di combatterlo ma... ah, non lo so. Comunque, sta andando bene. Spero che anche a te vada tutto bene. BoJack (BoJack Horseman)
  • Cara Diane, ieri è stato l'ultimo giorno di Beverly. Tutti erano felici per lei, ma ha passato tutto il giorno col muso perché non ha scoperto chi fosse il suo ammiratore segreto. francamente ne avevo abbastanza, così le ho detto "sono io, sono innamorato di te!" e lei "ah!... speravo che fosse Mario" e poi ha iniziato a piangere. E tutti sembravano dire "bravo, hai fatto piangere Beverly il suo ultimo giorno" e ciò che continuo a chiedermi è se ne sia valsa la pena per Beverly essere felice anche se ha finito per essere triste. O sarebbe stato meglio se non fosse successo niente? Ogni volta che qualcuno lascia la clinica pensi ai progressi che hai fatto. Certi giorni ti sembra di non fare progressi, altri invece pensi "be', forse un pochino". Ciò che penso ora è che sono stato uno stupido a non farlo prima. Ho sprecato tanti anni a essere infelice perché ero convinto di non avere altra scelta. Ma non succederà più. E dimmi, sono pazzo o sono diventato bravo a scrivere le lettere?
    A proposito, sono BoJack chiaramente. (BoJack Horseman)

Episodio 4, Sorpresa!Modifica

  • BoJack Horseman: Insomma, perchè Chicago? Cosa ti spinge? La violenza in aumento sulle strade? O per vedere gli attori che non ce l'hanno fatta a Los Angeles? O perchè c'è qualcuno? Come si chiama lo spasimante, il tuo pretendente?
    Diane Nguyen: Guy.
    BoJack Horseman: Felice che sia gaio, ma come si chiama?
    Diane Nguyen: Si chiama Guy. E comunque non è per lui che mi trasferisco a Chicago.
    BoJack Horseman: Allora, come si chiama il tizio per cui vai a Chicago?
    Diane Nguyen: Ok, chiudiamola qui.
  • BoJack Horseman: È per questo casino che te ne vai a Chicago?
    Diane Nguyen: Te l'ho detto, è una cosa solo mia.
    BoJack Horseman: Ho capito.
    Diane Nguyen: Tu credi che starai bene?
    BoJack Horseman: Si, insomma... non lo so.
    Diane Nguyen: Sembrerebbe di si. Ma se sono venuta a dirti che me ne andavo, se sono venuta a casa del mio ex marito, è stato perchè dovevo sapere che tu starai bene. Dovevo sentirmelo dire. Non posso andarmene se non so che tu starai bene, BoJack.
    BoJack Horseman: Starò bene.
    Diane Nguyen: Promesso? Perché se ti succedesse qualcosa mentre sono a Chicago...
    BoJack Horseman: Questa non è amicizia, è una crisi con ostaggi. Vai a Chicago. Io me la caverò.
  • Princess Carolyn: Sai Todd, hai un talento innato. Ti piacerebbe farle da tata?
    Todd Chavez: Conosco i suoi orari, i suoi cibi preferiti, come fare le voci buffe per le favole della buonanotte. Al contrario di Carlotta che fa le voci come Cameron Diaz quando "ha doppiato" i film di Shrek.

Episodio 5, Un po' fuori posto, tutto quiModifica

  • Per lavoro ho incontrato tanta gente famosa. Parlo degli uomini più sexy degli anni '90. Nick Nolte. Mickey Rourke. No, dico, negli anni '90 questi attori erano considerati sexy, giusto? E a mia figlia non fregava niente. Ma quando le ho detto che incontravo BoJack Horseman... mi fai un favore, falle una dedica. Io non mi ero mai proposto, credimi. Angela Diaz, il capo della rete, mi chiama. Chiama me, Danny Bananas, e dice: "Danny, Herb Kazzaz ha lasciato e voglio che diriga tu Horsin' Around". Ho pensato: "Ma che grande opportunità. Dirigere il cast più calibrato della televisione". È come sistemare i birilli sulla pista da bowling a chi fa sempre strike. Un vero e proprio colpo di fortuna. Non è un segreto che tu ed Herb abbiate avuto qualche attrito e che per questo lui ha lasciato il programma. Ora ci sono io e ti dico: "Questa è casa tua. Io sono un ospite, d'accordo?" Horsin' Around è magico non per Herb Kazzaz o Danny Bananas. So perché amano il Big Mac, e non voglio cambiare ricetta. La salsa speciale sei tu, BoJack. Io? Voglio essere il panino. E non la parte sopra o quella sotto, mi basta quella centrale. (Danny Bananas)
  • Todd Chavez: Da quando mi prendo cura di Ruthie a tempo pieno non ho più molto tempo per stare dietro agli affari di Todd. E le cose purtroppo stavano precipitando.
    BoJack Horseman: E hai assunto un'assistente?
    Todd Chavez: Si, ma gli assistenti sono come i film Deadpool. Non potevo fermarmi a uno, anche se probabilmente avrei dovuto.

Episodio 6, Il rene è a postoModifica

  • Todd Chavez: Ma perché devi essere orgoglioso di me alle tue condizioni?! Perché non riesci a vedere che sto vivendo una bella vita? Ho degli amici, ho un lavoro!
    Jorge Chavez: Non è vero! Dormi su un divano e giochi con i pupazzetti!
    Todd Chavez: Ma sono felice, Jorge!

Episodio 7, Il volto della depressioneModifica

  • E magari vai a scavare il niente e scopri che li sotto non c'è niente, e allora guardi sotto quel niente e sotto c'è dell'altro niente, così continui a guardare un niente e un altro niente tutta la vita perché continui a pensare che sotto tutto quel niente qualcosa ci deve pur esser, ma tutto quello che trovi è il niente. (Diane)

Altri progettiModifica