Abraham Lincoln

politico e avvocato statunitense, 16º Presidente degli Stati Uniti d'America
(Reindirizzamento da Abramo Lincoln)

Abraham Lincoln (1809 – 1865), 16º Presidente degli Stati Uniti d'America.

Abramo Lincoln

Citazioni di Abraham LincolnModifica

  • [All'insegnante del figlio] Cerchi di dare a mio figlio la forza per non seguire la massa, anche se tutti saltano sul carro del vincitore.[1]
  • Dobbiamo avere fede nel fatto che siano i diritti a conferire il potere.
Let us have faith that right makes might.[2][3]
  • I dogmi di un passato tranquillo sono inadeguati al presente tempestoso. La situazione è irta di difficoltà, e noi dobbiamo essere all'altezza della situazione. Poiché il nostro caso è nuovo, dobbiamo pensare in modo nuovo e agire in modo nuovo. Dobbiamo emanciparci.[4]
  • I principi più importanti possono e devono essere inflessibili.
Important principles may, and must, be inflexible.[5]
  • Il Governo dovrebbe creare, emettere e far circolare tutta la valuta ed il credito necessario per soddisfare il potere di vendita del Governo ed il potere d'acquisto dei Cittadini consumatori. Il privilegio di creare ed emettere moneta non è solo la suprema prerogativa del Governo, ma è anche la sua più grande opportunità creativa. Con l'adozione di questi princìpi, ai Contribuenti saranno risparmiate enormi quantità di interessi. Il denaro cesserà di essere il padrone e diventerà il servitore dell'Umanità.[6]
  • Il Signore preferisce la gente d'aspetto comune. Per questo ne fa tanta.[7]
  • Il tatto è la capacità di descrivere gli altri come loro stessi si vedono.[8]
  • Il voto è più forte del proiettile.[9]
Ballots are the rightful and peaceful successors of bullets.[10]
  • Io credo che il più grande dono che Dio ha fatto all'umanità sia la Bibbia.[11]
  • [La democrazia è il] governo del popolo, dal popolo, per il popolo.[12]
Government of the people, by the people, for the people.
  • La religione di un uomo non vale molto se non ne traggono beneficio anche il suo cane e il suo gatto.[13]
  • Nessuno è in grado di governare un altro senza il suo consenso.[14]
  • Nessuno ha una memoria tanto buona da poter essere un perfetto bugiardo.[15]
  • Non affermo di aver controllato gli eventi, anzi confesso in tutta sincerità di essere stato controllato dagli eventi.[16]
  • Non interferire in nessun modo nella Costituzione che deve essere mantenuta, perché è l'unica salvaguardia delle nostre libertà.[17]
  • Non vorrei essere uno schiavo, ma non vorrei neanche essere un padrone. Questo esprime la mia idea di democrazia.
As I would not be a slave, so I would not be a master. This expresses my idea of democracy.[18]
  • Potete ingannare tutti per qualche tempo e qualcuno per sempre, ma non potete ingannare tutti per sempre.[19]
  • Una parte del nostro Paese pensa che la schiavitù sia giusta e vorrebbe estenderla, mentre l'altra parte la crede ingiusta e non vorrebbe estenderla.
One section of our country believes slavery is right and ought to be extended, while the other believes it is wrong and ought not to be extended.[20]
  • Una volta deciso che la cosa può e deve essere fatta, bisogna solo trovare il modo.
Determine that the thing can and shall be done, and then we shall find the way.[21]

AttribuiteModifica

  • [Incontrando Harriet Beecher Stowe] Allora, tu sei la piccola signora che ha causato questa grande guerra.
So, you are the little lady who caused this big war.[22]
  • È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio.
Better to remain silent and be thought a fool than to speak and remove all doubt.
[Citazione errata] La prima attribuzione ad Abraham Lincoln si trova nel Golden Book magazine del novembre 1931. La citazione è stata attribuita anche a Mark Twain e in misura minore a Confucio, John Maynard Keynes e Arthur Burns. Inoltre diversi proverbi esprimono un concetto simile, tra questi ne va ricordato uno incluso nel Libro dei Proverbi della Bibbia: «Anche lo stolto, se tace, passa per saggio | e, se tien chiuse le labbra, per intelligente.». In realtà la citazione sembrerebbe appartenere a Maurice Switzer, infatti una prima traccia di questa frase si ritrova proprio nel suo libro, Mrs. Goose, Her Book del 1907.[23] La frase viene citata anche da Lisa nel decimo episodio della quarta stagione de I Simpson.
  • Il miglior modo per far abrogare una pessima legge consiste nel farla applicare rigorosamente.
The best way to get a bad law repealed is to enforce it.
Attribuita in Tryon Edwards, A Dictionary of Thoughts, 1908; in precedenza attribuita a Theodore Roosevelt in Samuel Fallows, Life of William McKinley, 1901, e potrebbe essere derivata dalle note di Ulysses S. Grant nel suo primo discorso inaugurale (4 marzo 1869).
  • La gente a cui piace questo genere di cose troverà che questo è il genere di cose che a loro piace.
Well, for people that like that sort of thing, I think it is just about the sort of thing they would like.
Attribuita ad un "presidente Americano" in Ármin Vámbéry, All the Year Round, 1884. Probabilmente deriva da una pubblicità che Artemus Ward (Charles Farrar Browne) scrisse nel 1863.
  • La miglior cosa del futuro è che arriva un giorno alla volta.[24]
The best thing about the future is that it comes only one day at a time..
Secondo Don e Virginia Fehrenbacher, sembra che non ci siano prove credibili che Lincoln abbia mai detto tali parole (Recollected Words of Abraham Lincoln, Stanford University Press, 1996, p. L).
  • Non puoi portare prosperità scoraggiando la parsimonia, non puoi rafforzare i deboli indebolendo i forti, non puoi aiutare i lavoratori se colpisci i datori di lavoro, non puoi incoraggiare la fratellanza incoraggiando l'odio di classe, non puoi restare fuori dai guai spendendo più di quanto guadagni, non puoi costruire il carattere e il coraggio privando l'uomo dell'iniziativa e dell'indipendenza, non puoi aiutare gli uomini facendo sempre in loro vece ciò che dovrebbero fare da soli.
You cannot bring about prosperity by discouraging thrift. You cannot strengthen the weak by weakening the strong. You cannot help small men by tearing down big men. You cannot help the poor by destroying the rich. You cannot lift the wage earner by pulling down the wage payer. You cannot keep out of trouble by spending more than your income. You cannot further the brotherhood of man by inciting class hatreds. You cannot establish security on borrowed money. You cannot build character and courage by taking away a man's initiative and independence. You cannot help men permanently by doing for them what they could and should do for themselves.
[Citazione errata] È una frase di William J. H. Boetcker nota come "The Ten Cannots" (1916); è stata erroneamente attribuita spesso a Lincoln dal 1942 quando fu pubblicato un volantino contenente citazioni dei due personaggi.
  • Non sto forse sconfiggendo i miei nemici rendendoli miei amici?
Do I not destroy my enemies when I make them my friends?
Citato da "Daily Facts" in The Family Magazine, vol. IV, 1837, p. 123; ripreso in William Barclay, More New Testament Words, 1958 ed in Martin Luther King, Jr., Strength to Love, 1963, sermone V, p. 38.
  • Quasi tutti gli uomini possono affrontare le avversità, ma se si vuole mettere alla prova il carattere di un uomo, allora bisogna dargli il potere.[25]
Nearly all men can stand adversity, but if you want to test a man's character, give him power.
Frase largamente attribuita a Lincoln, ma deriva da un'analoga frase di Thomas Carlyle, probabilmente da On Heroes and Hero Worship, 1841.

Citazioni su Abraham LincolnModifica

  • Fin tanto che voi terrete questa tartaruga a capo degli affari voi scaverete una fossa con una mano mentre la riempirete con l'altra. Io conosco il signor Lincoln. Io sono stato a Washington e gli ho preso le misure. È un individuo di primo piano fra quelli di secondo piano; questo è tutto di lui. (Wendell Phillips)
  • Lincoln e il suo socio dello studio legale, Herndon, procedevano su un vecchio calesse lungo una fangosa strada di campagna, discutendo se al mondo esistesse o no un'azione disinteressata, altruistica. Lincoln diceva di no; Herndon sosteneva che azioni simili esistono.
    A un certo punto passarono davanti a un porcellino che, rimasto preso nella spaccatura di una vecchia staccionata, grugniva disperatamente. Lincoln, che teneva le redini, fermò il calesse, scese e liberò il porcellino. Quando risalì aveva le scarpe inzaccherate, gli abiti bagnati e il cappello gocciolante.
    «Vedi» gli disse Herndon «a dispetto della tua bella logica hai confermato la mia teoria. Perché inzaccherarti tutto per liberare quel maiale quando sapevi benissimo che sarebbe riuscito a liberarsi da solo?».
    «È stata un'azione puramente egoistica» ribatté Lincoln. «Se non l'avessi fatto, stanotte non avrei chiuso occhio; il grugnito di quel maiale mi sarebbe riecheggiato negli orecchi. Forse si sarebbe liberato da solo, ma io non potevo saperlo. Quindi, la mia teoria è giusta». (Joseph Fort Newton)
  • Lincoln odiava la schiavitù ma non odiava il Sud; era un moderato. (David Gelernter)

Walt WhitmanModifica

  • Non posso vedere quest'uomo senza avvertire in lui uno di quegli esseri cui ci si attacca in modo personale, per quella sua combinazione di purissima e generosa tenerezza con il coraggio che è proprio del West.
  • O Capitano! o mio Capitano! sorgi, odi le campane, | sorgi, per te è issata la bandiera, per te squillano le trombe, | per te i fiori e ghirlande legate con i nastri – per te le nere rive, | Perché te invoca la ondosa folla, volgendo il volto ansiosi; | ecco, o Capitano, o diletto padre, | con il braccio ti sostengo il capo, | non è che un sogno che, sopra il ponte, | sei caduto, freddo, morto.
  • Questa polvere fu già un uomo, | dolce, semplice, giusto e risoluto, sotto la cui cauta mano, | contro il più turpe delitto che la storia ricordi in ogni terra, ogni tempo, | fu salvata l'Unione degli Stati.

NoteModifica

  1. Citato in Aldo Grasso, Il vizio antico, fuga dal carro perdente, Corriere della Sera, 11 dicembre 2016, p. 1.
  2. Dalla frase conclusiva del Cooper Union Speech.
  3. Frase riportata in una scritta sul dipartimento di polizia nel film Gangster Squad.
  4. Citato in John D. Barrow, I numeri dell'universo, Mondadori, 2004.
  5. Ultimo discorso pubblico alla Casa Bianca, 11 aprile 1865.
  6. Lincoln Abraham Senate document 23, Page 91. 1865.
  7. Citato in John Hay, Letters of John Hay and Extracts from Diary, 1908, vol 1, 23 dicembre 1863; citato in Dizionario delle citazioni, a cura di Ettore Barelli e Sergio Pennacchietti, BUR, 2013, n. 3685.
  8. Citato in Mario Grasso, Punti di vista, FrancoAngeli, Milano, 2001, p. 97. ISBN 88-464-3200-2
  9. Citato in AA.VV., Il libro del crimine, traduzione di Martina Dominici, Gribaudo, 2018, p. 307. ISBN 9788858019412
  10. Discorso al Congresso, 4 luglio 1861.
  11. Da The Collected Works of Abraham Lincoln (Rutgers University Press, 1953), ed. Roy P. Basler, volume VII, p. 542.
  12. Dal discorso per l'inaugurazione del Cimitero Nazionale Militare a Gettysberg il 19 novembre 1863; citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921, p. 198.
  13. Citato in AA.VV., Il libro degli aforismi, Gribaudo, Milano, 2011, p. 268. Citato anche in Giuliana Rotondi, Tutti i gatti del presidente, Focus Storia , n. 70, agosto 2012, p. 61: «La religione di un uomo non è gran cosa se non ne traggono beneficio anche il cane e il gatto».
  14. Dal discorso a Peoria, Illinois, 16 ottobre 1854; citato in Dizionario delle citazioni, a cura di Ettore Barelli e Sergio Pennacchietti, BUR, 2013, n. 3405.
  15. Citato in Selezione dal Redear's Digest, dicembre 1962.
  16. Dalla lettera del 4 aprile 1864 ad Albert G. Hodges, editore del Frankfort, Kentucky, Commonwealth (riportando la loro conversazione del 26 marzo 1864). Manuscript at The Library of Congress; anche in The Collected Works of Abraham Lincoln, ed. Roy P. Basler, volume VII, p. 281.
  17. Citato in AA.VV., Il libro della legge, traduzione di Sonia Sferzi, Gribaudo, 2021, p. 117. ISBN 9788858029596
  18. Dalla "definizione di democrazia", in Roy P. Basler, ed., The Collected Works of Abraham Lincoln, vol. 2, New Brunswick, N.J., Rutgers University Press, 1953, p. 532.
  19. Da Discorso a Clinton, 1858.
  20. Dal primo discorso inaugurale, 4 marzo 1861
  21. Dal discorso alla Camera dei Rappresentanti, 20 giugno 1848.
  22. Citato in Anna Scacchi, A una voce sola, Lozzi & Rossi, 2000, p. 118.
  23. (EN) Cfr. Better to Remain Silent and Be Thought a Fool than to Speak and Remove All Doubt, QuoteInvestigator.com, 17 maggio 2010.
  24. Citato in Focus, n. 113, p. 129.
  25. Citato in Call of Duty 4: Modern Warfare e inFamous.

Altri progettiModifica