Apri il menu principale

Red Dragon

film del 2002 diretto da Brett Ratner

Red Dragon

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Red Dragon

Lingua originale inglese
Paese USA, Germania
Anno 2002
Genere thriller
Regia Brett Ratner
Soggetto Thomas Harris (romanzo)
Sceneggiatura Ted Tally
Produttore Dino De Laurentiis
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Note

Red Dragon, film tedesco-statunitense del 2002 con Anthony Hopkins, Edward Norton e Ralph Fiennes, regia di Brett Ratner.

TaglinePer capire le ragioni del male si deve tornare all'origine.

FrasiModifica

  • Non ti muovere. Ora sei sotto shock. Non voglio che tu senta alcun male. Fra un attimo ti sentirai stordito, poi assonnato. Non resistere! È così dolce... come scivolare nell'acqua tiepida. Mi rincresce essere arrivato a questo Will, ma ogni bel gioco dura poco. Sei un giovane straordinario, ammiro molto il tuo coraggio... credo che ti mangerò il cuore... (Hannibal Lecter) [parlando a Will Graham]
  • Soprannominato Hannibal The Cannibal. (Titolo da un quotidiano)
  • La verità è che tu puzzi di paura sotto quella lozione dozzinale, puzzi di paura, Will, ma non sei un vigliacco! Tu mi temi ma vieni a trovarmi, quel ragazzo timido ti spaventa eppure lo vorresti fermare. Non ci sei ancora arrivato Will? Hai potuto prendermi perché noi due siamo quasi uguali. Senza la nostra immaginazione saremmo come tutti quegli altri poveri esseri insulsi! La paura è il prezzo del nostro strumento. (Hannibal Lecter)
  • Quando un pettirosso finisce in gabbia, si indispettisce il cielo, anzi si arrabbia. Tu sei mai stato un pettirosso Will? (Hannibal Lecter) [parlando a Will Graham]
  • Io sono il drago... e lei dice che sono pazzo. Ha il privilegio di vedere una trasformazione e non si rende conto di niente. Lei è solo una chiocciola davanti al disco del sole. La sua natura la porta ad un comportamento corretto. Davanti a me, giustamente, lei trema. Non è la paura che lei mi deve, signor Lounds, ma il suo timore! (Dolarhyde)
  • Dimmi, Will, te lo sei goduto? il tuo primo omicidio? Sì, che te lo sei goduto! Perché non dovrebbe piacerti? Piace anche a Dio! Solo la settimana scorsa in Texas ha fatto crollare il tetto di una chiesa sopra la testa di 34 fedeli mentre gli leccavano i piedi cantando un inno. Non ti lesinerà certo un giornalista. (Hannibal Lecter)
  • Lei non ha attratto un mostro, lei ha attratto un uomo con un mostro sulle spalle. (Will Graham) [parlando a Reba McClane]
  • Che collezione di cicatrici hai. Non dimenticare mai chi ti ha inferto le migliori, e sii grato: le nostre cicatrici hanno il potere di ricordarci che il passato è reale. Viviamo in un'epoca barbara, né selvaggia e né saggia, la sua maledizione sono le mezze misure, in una società razionale mi avrebbero ucciso o utilizzato in qualche modo. (Hannibal Lecter) [in una lettera scritta a Will Graham]
  • Hai un bel colorito Will e hai le mani molto ruvide, non sono più mani da poliziotto! E il dopobarba che usi è uno di quelli che potrebbe scegliere un bambino: c'è una piccola barca sulla bottiglia vero?! E come stanno il tenero Josh e l'adorabile Molly? Sono sempre nei miei pensieri. Non riuscirai a persuadermi brandendo la mia vanità intellettuale. (Hannibal Lecter)
  • Mio caro dotto Lecter, volevo dirle che sono molto lieto che lei si sia interessato a me. Poi, quando ho saputo della sua vasta corrispondenza, mi sono chiesto "posso osare?" Certo che posso. Io non credo che dirà loro chi sono, dal'altra parte il corpo che occupo attualmente è irrilevante, quello che conta è ciò che sto... diventando. So che solo lei è in grado di capire questa trasformazione. Ho alcune cose che vorrei tanto mostrarle. Se le circostanze lo permetteranno spero di continuare questa corrispondenza. Io la ammiro da anni e ho tutti gli articoli che la riguardano, penso che siano delle critiche ingiuste, come sono ingiuste quelle verso di me: che gusto provano ad affibbiare nomignoli offensivi, vero? Lupo mannaro... si può trovare nome più inappropriato? Me ne vergognerei se non sapessi che anche lei ha dovuto subire simili distorsioni dalla stampa. L'agente Graham mi interessa. Non è il solito piedipiatti, vero? È più sveglio. Ha un'espressione determinata. Dovrebbe aver imparato da lei a non immischiarsi. Perdoni la carta da lettere, (è carta igienica) l'ho scelta perché si scioglierebbe molto rapidamente nel caso fosse costretto a inghiottirla. Se mi risponde la prossima volta potrei mandarle qualcosa di succulento. Mio caro dottor Lecter la saluta il suo più avido ammiratore. (Francis Dolarhyde) [in una lettera al dottor lecter]
  • Quando ho letto il suo diario, era triste. Non potevo fare a meno di dispiacermi per lui. Non è nato mostro, lo è diventato in seguito a anni e anni di abusi sistematici. (Will Graham) [parlando di Dolarhyde]
  • Quell'uomo [il Dottor Chilton] frugherebbe le menti altrui come un marmocchio le mutandine delle compagne. (Hannibal Lecter)

DialoghiModifica

  • Commensale: Hannibal confessa, ha un aspetto divino, cosa c'è in questo amuse-bouche?
    Hannibal Lecter: Se ve lo dicessi, temo che non lo assaggereste. [durante la cena a casa di Lecter]
  • Frederick Chilton [parlando di Lecter]: Maledizione, ma deve avere qualche consiglio, l'ha accalappiato! Ha usato un trucco?
    Will Graham: Mi sono fatto ammazzare.
  • Hannibal Lecter: Hai lo stesso atroce dopobarba che portavi in tribunale...
    Will Graham: A Natale me lo regalano sempre...
  • Hannibal Lecter: Implicitamente tu pensi di essere più intelligente di me. Sei stato tu a catturarmi.
    Will Graham: Non sono più intelligente di lei.
    Hannibal Lecter: E come hai fatto a prendermi?
    Will Graham: Lei aveva... alcuni svantaggi.
    Hannibal Lecter: Quali svantaggi?
    Will Graham: Lei è pazzo.
  • Hannibal Lacter: Tu avevi percepito chi ero, quando commettevo quelli che tu chiami "i miei crimini"...
    Will Graham: Sì...
    Hannibal Lecter: Quindi sei stato aggredito non per un difetto della tua percezione o del tuo istinto, ma perché non li hai ascoltati finché non è stato troppo tardi!
    Will Graham: Direi di sì...
    Hannibal Lecter: Ma ora hai l'esperienza...
    Will Graham: Sì.
    Hannibal Lecter: Immagina cosa faresti, Will, se potessi tornare indietro nel tempo...
    Will Graham: Le sparerei in testa prima di lasciarle prendere lo stiletto.
  • Reba McClane : Se c'è qualcosa che odio più della pietà è la falsa pietà. Specialmente da un' erezione ambulante come Ralph Mandy. Mi scusi.
    Francis Dolarhyde: Io non ho pietà.

Altri progettiModifica

La saga di Hannibal Lecter
Hannibal Lecter - Le origini del male (2007) · Red Dragon (2002) · Il silenzio degli innocenti (1991) · Hannibal (2001)