Il gatto a nove code

film del 1971 diretto da Dario Argento

Il gatto a nove code

Immagine Die neunschwänzige Katze Logo.svg.
Titolo originale

Il gatto a nove code

Lingua originale italiano
Paese Italia, Francia, Germania
Anno 1971
Genere thriller, giallo
Regia Dario Argento
Soggetto Dario Argento, Luigi Collo, Dardano Sacchetti
Sceneggiatura Dario Argento
Produttore Salvatore Argento
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il gatto a nove code, film del 1971 con Aldo Reggiani e Catherine Spaak, regia di Dario Argento.

FrasiModifica

  • Sai qui si fanno quelle visite prematrimoniali che permettono i tipi che hanno un sacco di grana, che vogliono mantenere intatta la stirpe. Vengono qui, c'è una bella infermiera, si fanno fare una certa cosina. Zac, zac. Poi studiano il liquido e ti dicono se hai malattie ereditarie oppure se il tuo pistolino si è inceppato. (comm. Stimi)
  • [Ricetta] Senti, fai stringere bene, bene la panna per una decina di minuti circa. Aggiungi pepe, aggiungi noce moscata e ci metti un par di cucchiaini di burro fuso, con due o tre goccettine di cognac. Condisci e tatatan, tatatan rimescoli bene i tortellini e li servi in una scodella ben calda! (Morsella)
  • Gli uomini soli raccontano molte cose alla figlie. (Franco)
  • È arrivata stamani. [Mostra a Carlo una lettera anonima e viene visualizzato il testo] C'era una volta un enigmista che assieme a un giornalista decise di sapere perché certa gente muore così enigmista e giornalista finirono anche loro sulla lista. Credevo che ne fossimo rimasti fuori e invece l'assassino ci sta seguendo. (Franco)
  • Non c'è forse qualcosa di poco chiaro nel passato di ognuno di noi? (Franco)
  • Niente è facile per me. Se guardo con il binocolo una 500, finisco in Questura. Non per niente mi chiamano tutti Gigi "Scalogna". (Gigi)

DialoghiModifica

  • Carlo: Come mai lo chiami biscottino?
    Lori: Perché i biscottini sono dolci e mi piacciono molto. Li mangio con il cioccolato.
    Franco: Siamo tutti e due soli al mondo. Io non ho parenti. Lei non ha più genitori e quindi siamo più che padre e figlia.
  • Carlo: Nove vie da seguire. Un gatto con nove code.
    Franco: Un gatto a nove code, come la frusta della marina. Se noi riuscissimo ad afferrare una sola di queste code, avremmo la soluzione dell'enigma.

Altri progettiModifica