Conversazione

Citazioni sulla conversazione.

Conversazione tra gentiluomini

CitazioniModifica

  • Anche stamattina, appena arrivato, ho fatto le solite chiamate dalla stazione. Le conversazioni diventano più lunghe e vaghe, segno che finalmente non hanno più argomento. (Daniele Del Giudice)
  • Certo è che la conversazione ha anche un compito che spetta a lei sola e che non può essere sostituito da alcun altro mezzo. In essa si deposita proprio quel che di fugace, quel chiaroscuro dei tempi che nessuno storico rievocherà. Esso tracolora con il giorno come la brina, il velluto dei frutti. (Ernst Jünger)
  • Chi pretenda di ricordare tutta una conversazione parola per parola, mi è sempre sembrato un bugiardo o un mitomane. (Marguerite Yourcenar)
  • Com'è pesante la conversazione della gente leggera. (Roberto Gervaso)
  • Il legame d'ogni unione, si tratti di matrimonio o d'amicizia, è costituito dalla conversazione, e la conversazione deve possedere una base comune: tra due persone troppo diverse per cultura, l'unica base comune si trova al più infimo livello. (Oscar Wilde)
  • L'attitudine alla conversazione non consiste nel mostrarne molta quanto nel suscitarla negli altri. (Jean de La Bruyère)
  • La conversazione è feconda soltanto tra spiriti dediti a consolidare la propria perplessità. (Emil Cioran)
  • La libertà della conversazione si smarrisce. Se prima, tra persone che conversavano, era ovvio interessarsi dell'interlocutore, ora quest'interesse è sostituito dalle domande sul prezzo delle sue scarpe o del suo ombrello. Inevitabilmente s'insinua in ogni discorso il tema delle condizioni di vita, dei soldi. E in primo piano non stanno tanto i crucci e i disagi del singolo, dove forse gli interlocutori potrebbero aiutarsi a vicenda, quanto la disamina dell'insieme. È come se si fosse prigionieri in un teatro e si dovesse seguire, volenti o nolenti, lo spettacolo che viene rappresentato, volenti o nolenti se ne dovesse fare l'oggetto di pensieri e parole. (Walter Benjamin)
  • Le conversazioni non rafforzano le buone relazioni ma, al contrario, le danneggiano. Bisogna parlare il meno possibile, specialmente con coloro ai quali teniamo. (Lev Tolstoj)
  • L'uomo, giustamente chiamato l'animale parlante, è l'unico che, anche per la riproduzione, abbia bisogno di parlare. [...] Pare che in lui l'ebbrezza dell'amore sia consustanziale all'ebbrezza del discorrere. (Robert Musil)
  • Mi salvo sempre, grazie al mio istinto di conversazione. (Marcello Marchesi)
  • Non ha importanza se cerchi di vendere Gesù, o Buddha, o i diritti civili, o come arricchirsi nel settore immobiliare senza rischiare un soldo. Questo non fa di te un essere umano. Semmai fa di te un agente vendite. Se vuoi parlare con qualcuno sinceramente, da essere umano... chiedigli dei suoi figli, scopri quali sono i suoi sogni... solo per saperlo, per nessun'altra ragione. Perché appena cerchi di prendere le redini di una conversazione, per pilotarla, non è più una conversazione... è un pistolotto e tu non sei un essere umano, sei un venditore, un piazzista. (The Big Kahuna)
  • Non può esservi ambizione più bella di quella di eccellere nella conversazione; di essere affabile, gaio, pronto, chiaro e ben accetto; di avere un fatto, un pensiero, o un'immagine che si adatti a ogni argomento; e non soltanto per rallegrare il trascorrere del tempo con le persone care, ma per sostenere la nostra parte in quel grande congresso internazionale, sempre convocato, dove i torti pubblici sono dapprima dichiarati, gli errori pubblici dapprima corretti, e il corso della pubblica opinione avviato giorno per giorno un po' più vicino al giusto. (Robert Louis Stevenson)
  • Un chiacchierone è uno che ti parla degli altri; un noioso è uno che ti parla di sé; e un conversatore brillante è uno che ti parla di te. (Lisa Kirk)

Proverbi italianiModifica

  • A parole lorde, orecchie sorde.
  • Chi conversa con i saggi, sarà saggio; l'amico degli stolti sarà simile a loro.
  • Chi tratta schiettamente è caro ad ogni gente.
  • Conversando s'impara.
  • Conversazione in giovinezza, fraternità in vecchiezza. (proverbio toscano)
  • Diffuso, o diverrai noioso.
  • Dimmi quel che io non so, e non quel che io so.
  • Dite ciò che sapete a tempo e luogo, non fuori tempo e a sproposito.
  • Le cattive conversazioni corrompono i buoni costumi.
  • L'uomo amabile nel conversare sarà amico più di un fratello.
  • Meglio non dire, che cominciare e non finire.
  • Non essere troppo conciso nel conversare, o non sarai inteso; né troppo diffuso o diverrai noioso.
  • Non metter bocca dove non ti tocca.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica