Alberto Grimaldi

produttore cinematografico italiano

Alberto Grimaldi, (1925 – 2021), produttore cinematografico italiano.

Citazioni di Alberto GrimaldiModifica

  • [Per Ultimo tango a Parigi] Bertolucci voleva Trintignant ma io pensavo che ci volesse un attore di grande talento e di carisma internazionale, anche per proteggere il contenuto del film, e che uno solo era quello adatto: Marlon Brando, anche se io ero in causa con lui perché aveva abbandonato le riprese di "Queimada" cinque giorni prima della fine, costringendomi a riprendere il film due mesi dopo. Lo chiamai e gli dissi: chiudiamo la causa e facciamo un altro film. Lui aveva appena finito "Il padrino" per il quale aveva preso 100.000 dollari: io gliene diedi 250.000 scandalizzando la United Artists. Bernardo voleva poi Catherine Deneuve ma io pensavo che era troppo fine e troppo gentile, che ci voleva una ragazza più giovane e selvaggia. Così andammo a Parigi e trovammo Maria Schneider. Sono fiero di aver prodotto questo film anche perché penso che nessun altro lo avrebbe fatto…[1]
  • [Sulla causa intentata per il film Ginger e Fred] Fellini ha voluto firmare un omaggio a Fred Astaire e Ginger Rogers . Ne sono certo, questa storia spiacevole si chiuderà bene... Come si dice a Napoli, questa è solo una rogna... sì è un fastidio che comunque mi costerà qualche lira di avvocati… Si sa, in America, con la legge, non si scherza. E purtroppo costano anche le spese da sostenere quando le cause si vincono…[2]
  • Mi ero innamorato di "Il conformista" e invitai Bertolucci a lavorare con me. Mi disse che al momento era impegnato con la Paramount per un film, "Last Tango in Paris", di cui mi raccontò a voce il soggetto. Gli dissi: "Questo film la Paramount non lo farà mai, ma quando avrà finito la sceneggiatura e le avranno detto che non fanno il film, torni da me e io lo faccio immediatamente". E così avvenne…[1]
  • Ultimo tango è il film al quale sono più legato perché mi ha dato molte lotte da combattere ed enormi soddisfazioni. Del set ricordo un solo giorno, un sabato. Ero nel mio ufficio all’Eur, il direttore di produzione Mario Di Biase mi chiama da Parigi per dirmi che le riprese sono finite; in quell'istante mi sentii disoccupato.[3]

NoteModifica

  1. a b Citato in Così prendemmo Brando, ricerca.repubblica.it, 17 aprile 1999.
  2. Citato in Laura Delli Colli, Nessuno ha offeso Ginger, ricerca.repubblica.it, 6 marzo 1986.
  3. Citato in Lucilla Parlato, Addio ad Alberto Grimaldi, produttore ribelle di Pasolini e Bertolucci. Era nato a Napoli, identitainsorgenti.com, 25 Gennaio 2021.

FilmografiaModifica

Altri progettiModifica