Cadaveri eccellenti

film del 1976 diretto da Francesco Rosi

Cadaveri eccellenti

Immagine Cadaveri eccellenti Rosi.png.
Titolo originale

Cadaveri eccellenti

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1976
Genere giallo, drammatico, noir
Regia Francesco Rosi
Soggetto Leonardo Sciascia
Sceneggiatura Tonino Guerra, Lino Iannuzzi, Francesco Rosi
Produttore Alberto Grimaldi
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Cadaveri eccellenti, film italiano del 1976 con Lino Ventura, regia di Francesco Rosi.

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • L'errore giudiziario non esiste. (Riches)
  • Adesso che stiamo vincendo noi: comunisti, cattolici, borghesi, fatte tutti la fila per saltare sulla stessa barca. (Nocio)
  • Ne ho fatto cinquantadue di vita ingiustamente: i quattro che ho passato in carcere non mi pesano. Il carcere è sicuro. (L'ozioso)
  • Sai, un giudice è roba da poliziotto, quattro sono una questione politica. (Cusano, rivolto a Rogas)

DialoghiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Capo della Polizia: Ma che cosa sta facendo?
    Ispettore Rogas: Ricostruisco tre vite.
    Capo della Polizia: Lei perde tempo con i morti, mentre noi abbiamo bisogno di un uomo vivo e colpevole. La smetta con queste geometrie! Lei va alla ricerca di una logica, questi invece sono i delitti di un pazzo.
    Ispettore Rogas: Se è un pazzo, è la pazzia di un innocente.

ExplicitModifica

Cusano: Noi abbiamo già accettato questa versione?
Dirigente del PCI: Come stanno le cose, tutto fa pensare che sia stato lui a ucciderlo.
Cusano: Non ci credo. Io conoscevo bene Rogas, non era un pazzo, il complotto c'era e questi si sono sentiti così sicuri da spingere fino in fondo, ed ora hanno inventato l'ultima provocazione: un ispettore di polizia che uccide il segretario del Partito.
Dirigente del PCI: E se anche fosse così? Ma tu che cosa vuoi, la guerra civile, lo scontro frontale?
Cusano: No, ma nemmeno essere complici.
Dirigente del PCI: Ma che complici! Saremmo complici se ci prestassimo al loro gioco. Scatenare la piazza: questo vogliono.
Cusano: Allora la gente non dovrà mai sapere la verità?
Dirigente del PCI: La verità non è sempre rivoluzionaria.

Altri progettiModifica