Variazioni Goldberg

opera composta da Johann Sebastian Bach

Citazioni sulle Variazioni Goldberg

  • Le Variazioni iniziali sono brevi, veloci e concatenate. Qualcosa d'importante accade nella quindicesima, dove la solarità del tema prende ad adombrarsi in nuove atmosfere emotive. Dopo una pausa di riflessione irrompe un'Ouverture, cioè una rinascita, e le Variazioni si fanno più lunghe, complesse e autonome. Il secondo snodo decisivo è la venticinquesima, detta la "perla nera": in quest'oggetto raro e prezioso Bach tocca il fondo. [...] Quando pare che non si possa scendere di più in profondità, s'avvia il percorso che conduce all'esplosione finale: dalla venticinquesima Variazione parte un climax che ci guida verso il canto di gioia della trentesima. Infine il terzo momento-chiave è il ritorno dell'aria iniziale, che sebbene identica suona diversa. Cos'è cambiato? L'aria o noi? Noi, naturalmente. Dopo l'immersione nella "montagna d'oro" delle "Goldberg", tutti, compresa la pianista, non sono più gli individui di prima. (Beatrice Rana)
  • Le Variazioni Goldberg di Bach sono un viaggio musicale attraverso il mondo della simmetria. Come quando camminiamo attraverso una sala di specchi, ogni nuova variazione attorciglia e distorce il tema originale. Lorenz Mizler, un allievo di Bach, definì la musica come il processo di «suonare la matematica». Le Variazioni Golberg costituiscono un buon esempio di come la simmetria non sia soltanto una proprietà fisica, ma pervada anche molte strutture astratte. (Marcus du Sautoy)
  • Stupendo scenario di fastosità barocca con maestose scalee secentesche, ritmiche architetture di parchi regali. Scritte per distrarre l'insonnia d'un ricco signore, percorrono la più varia gamma di espressioni senza mai smarrire il filo dello sviluppo logico: si spingono talora a scatti giovanili di serenità e di gioia, e s'immergono (25a variazione) nelle profondità più misteriose e sacre del dolore umano. Nel giubilo dell'ultima variazione, nel suo magico moltiplicarsi delle voci par quasi d'avvertire come un riso gagliardo d'uomo e di gigante, a termine della meravigliosa fatica. (Massimo Mila)
  • [Nelle Variazioni Goldberg la variazione opera come principio completo di sviluppo, modificando nella sua stessa sostanza il tema] trattato come strumento di organizzazione di una serie di brani indipendenti gli uni dagli altri ma dipendenti tutti dallo stesso agente formale. (Boris de Schloezer)
  • Un'indagine che, oltre a essere compositiva, è matematica e geometrica. Ma si tratta di una geometria trascesa, capace di far emergere profondi aspetti umani. (Beatrice Rana)

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica