Massimo Mila

musicologo, critico musicale e antifascista italiano

Massimo Mila (1910 – 1988), musicologo, critico musicale, antifascista e intellettuale italiano.

Citazioni di Massimo MilaModifica

  • [Le Variazioni Goldberg] [...] stupendo scenario di fastosità barocca con maestose scalee secentesche, ritmiche architetture di parchi regali. Scritte per distrarre l'insonnia d'un ricco signore, percorrono la più varia gamma di espressioni senza mai smarrire il filo dello sviluppo logico: si spingono talora a scatti giovanili di serenità e di gioia, e s'immergono (25a variazione) nelle profondità più misteriose e sacre del dolore umano. Nel giubilo dell'ultima variazione, nel suo magico moltiplicarsi delle voci par quasi d'avvertire come un riso gagliardo d'uomo e di gigante, a termine della meravigliosa fatica.[1]

Incipit di Lettura del Flauto MagicoModifica

Quando dalla perfetta maturità teatrale dei capolavori italiani di Mozart — Nozze di Figaro, Don Giovanni e Così fan tutte — si passa all'ultima sua opera, Die Zauberflöte, non è facile sfuggire, almeno per lo spettatore e lo studioso italiano, a un certo senso di smarrimento.
[citato in Fruttero & Lucentini, Íncipit, Mondadori, 1993]

NoteModifica

  1. Da Breve storia della musica, Einaudi Tascabili, Torino, p. 150. ISBN 88-06-13381-0

Altri progettiModifica