Securitate

servizio segreto della Romania Comunista

Securitate (Departamentul Securităţii Statului), servizi segreti della Repubblica Socialista di Romania.

Sede della Securitate a Bucarest devastata dai rivoluzionari romeni

Citazioni sulla SecuritateModifica

  • Create sul modello delle unità speciali sovietiche, le truppe della Securitate romena fin dal 1950 erano un corpo speciale distinto dalle tradizionali forze di terra, di mare e di cielo. Portavano un'uniforme speciale, erano soggette a un loro proprio regolamento, ed erano poste, per il tramite del Ministero degli interni, sotto l'autorità diretta del segretario generale del partito. Costituivano una forza militare d'élite, fortemente politicizzata (i commissari politici erano mediamente cinque volte di più che nelle unità regolari), erano meglio equipaggiate, godevano di migliori condizioni di vita, ed erano soggette a una disciplina molto più severa di quella cui erano sottoposte le altre unità militari romene. Il loro principale compito iniziale era stato quello di proteggere la sede del governo e le sedi centrali e regionali del partito, le stazioni radiofoniche e televisive nazionali contro eventuali oppositori che volessero impadronirsene per indirizzarsi alla popolazione. Ma dopo l'invasione sovietica della Cecoslovacchia del 1968, il loro compito prioritario era diventato quello di proteggere Ceausescu e la sua famiglia contro qualsiasi tentativo di colpo di stato, esterno o interno, incluso anche un eventuale colpo organizzato dai militari romeni. Col passare degli anni, il loro armamento leggero era stato rinforzato con artiglieria e blindati, e dal 1976 era anche stata costituita un'unità ultrasegreta per la guerra chimica e batteriologica. Nel 1978, il grosso delle loro forze non era più concentrato attorno alla sede del partito comunista, ma seguiva gli spostamenti di Ceausescu. Quando egli stava a Bucarest o a Snagov, stazionavano a Baneasa; quando passava le vacanze estive a Neptun, erano vicino al Mar Nero; quando in inverno andava a Predeal o a Sinaia, stavano nei Carpazi. (Ion Mihai Pacepa)
  • Era la più numerosa di tutti i Paesi comunisti, perfino della Stasi se rapportata alla popolazione. (Emil Constantinescu)
  • Il dopo Ceausescu è stato caratterizzato da un'oligarchia di tipo neocomunista. Molti di quegli esponenti politici erano ex membri della Securitate. (Emil Constantinescu)
  • L'ex nomenclatura e gli ufficiali della Securitate godono ancora oggi di forti protezioni. (László Tőkés)
  • L'uso della Securitate fatto da Ceaușescu, combinato con un certo stoicismo di matrice storica della popolazione, impediì che in Romania sorgesse un movimento di dissidenza analogo a quelli dell'Unione Sovietica, della Cecoslovacchia e di altri paesi del blocco orientale. (David Quammen)
  • Più che una polizia politica vera e propria, sarebbe diventata una sorta di esercito personale totalmente devoto al Capo supremo del partito e dello Stato: uno strumento di despotismo sanguinario che poteva trovare i suoi precedenti storici solo nell'Opricnina di Ivan il Terribile e nella Ghepeù di Stalin, con un tocco di sadismo fra balcanico e ottomano. Fors'anche con un tocco di Guardie di Ferro in più. (Enzo Bettiza)

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica