Olivia Wilde

attrice, regista e produttrice cinematografica statunitense

Olivia Wilde (1984 – vivente), attrice, regista e produttrice cinematografica statunitense.

Olivia Wilde (2010)

Citazioni di Olivia WildeModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • [Sul personaggio di Tredici in Dr. House - Medical Division] Lei non ha un segreto. Intendo dire che lei è uno scrigno di segreti. Penso che stiano per rivelarsi lentamente diverse cose riguardo a lei. Presto impareremo un pochino di più. [...] E conoscendola sempre meglio, accade la stessa cosa. Io sto imparando ad amarla sempre più.
She doesn’t have one secret. I would say that Thirteen is a bowl of secrets. I think that they are slowly revealing things about her. Soon, we’ll learn a little bit more. [...]. And as I’m learning more about her, the same thing is happening. I’m learning to love her more and more.[1]
  • E penso che sarebbe grandioso che la gente imparasse la definizione di "bisessuale", che significa che una persona può essere attratta da entrambi i sessi. Sono stufa delle persone che dicono che Tredici [il personaggio interpretato in Dr. House - Medical Division] è lesbica.[2]
  • Penso che sia interessante recitare dei personaggi ambigui. È meno interessante interpretare qualcuno di normale — in un modo o nell'altro — e non intendo solamente in termini sessuali. Intendo qualsiasi cosa riguardo alla loro personalità. Mi piace recitare i ruoli di persone che sono tipo indecisi riguardo alla loro personalità, alla loro stessa identità, e mi piace dover difendere i miei personaggi.[2]
  • [«Hai mai letto la bibbia?»] No, nella mia famiglia la religione è da sempre una cosa da matrimoni e funerali.[3]
  • [«Hai fatto la bisessuale in The O.C., c'è una scena lesbo anche in Anno uno. Ti ha mai creato problemi l'ambiguità?»] Sai cosa, mi crea più problemi vedere Tom Cruise che fa il tedesco in Valkyrie con un accento americano.[3]
  • [Parlando della sua scelta vegana] Non solo mi sento più felice con questa dieta, ma anche mille volte più in forma.[4]
  • Noi attori abbiamo sempre dovuto scegliere tra Tv e cinema, mentre adesso i confini si sono azzerati e possiamo fare avanti e indietro. Dalla mia prospettiva posso dire che avere la possibilità di sviluppare l'arco di trasformazione di un personaggio lungo molti episodi è la cosa più cool del mondo, se è ben scritto. Altrimenti ci sei bloccata dentro ed è deprimente.[5]
  • [«Lei è una donna impegnata anche nella vita pubblica, non teme di schierarsi e di provocare»] Molto lo devo ai miei genitori, entrambi giornalisti, che mi hanno insegnato a lottare per quello in cui credo. Sono nata a New York, ma sono cresciuta nell'ambiente politico, democratico e liberale, di Georgetown a Washington. Mia madre e mio padre mi hanno cresciuta col coraggio delle mie idee, per quanto diverse e stravaganti possano essere, quando ero ragazza organizzavano spesso cene in cui si discuteva di politica e di arte. 
Ho imparato presto a non avere paura di far sentire la mia voce. Il mio cognome d'arte, invece [quello vero è Cockburn, ndr], viene dallo scrittore Oscar Wilde, uno spirito irriverente che mi ha influenzato parecchio.[6]
  • Da attrice per anni ho notato che una gerarchia separa gli attori dalla troupe in un modo molto strano che non serve a nessuno. Gli attori farebbero bene a capire cosa succede sul set quando si cambiano le lenti, quando c'è una messa a fuoco. L'idea del non infastidire gli attori, tenerli distanti, non guardarli, rende tutti più ansiosi.[7]
  • Una persona che è un attore affermato e anche un regista in questa industria una volta mi diede un consiglio terribile che alla fine ho trovato utile, perché ho fatto l'esatto opposto. Mi disse "Ascolta, per avere rispetto sul set, devi discutere con qualcuno tre volte al giorno. Tre discussioni che stabiliscono il tuo potere, per ricordare a tutti chi comanda. Devi essere un predatore". Io faccio l'esatto opposto, non voglio nulla del genere. Se non altro sarebbe molto utile se rinunciassimo a questa storia dell'eroe in quella struttura, rendendoci conto che un regista è una somma di varie parti, e che abbiamo l'occasione di delegare compiti a persone straordinarie a bordo dei nostri progetti.[7]

«Mamma si sente rock»

Intervista di Cristiana Allievi, grazia.it, 3 dicembre 2015.

  • Il Natale è un giorno nel quale si radunano molte persone che di solito non si incontrano per mesi. C'è la pressione di fare regali azzeccati e domande del tipo: "Che cosa hai combinato quest'anno?". Se si aggiunge l'assurda pretesa di dover essere felici a tutti i costi, come fa a essere un bel momento? È naturale che si scateni l'ansia da prestazione: tutti devono dare una versione idealizzata di sé.
  • [«Che cos'è per lei la famiglia?»] Penso che, paradossalmente, sia il luogo in cui puoi essere completamente te stessa, e in cui gli altri ti devono accettare per come sei. La grande differenza tra la famiglia e gli amici è che, con la prima, non puoi nasconderti: i membri del tuo clan ti conoscono meglio di chiunque altro.
  • La bellezza di avere 30 anni è che finalmente inizi a vivere la vita mettendo in primo piano te stessa.

Citazioni su Olivia WildeModifica

  • Ha lo spirito di un'avventuriera e una scintilla magica di talento dentro di sé. Poi certo, c'è anche quel viso stupendo. (Dennis Quaid)

NoteModifica

  1. (EN) Da A Conference Call Interview with Olivia Wilde (Part 1), houseisright.com, 23 gennaio 2008.
  2. a b Da un'intervista a thetvaddict.com; citato in Paolo Bernasconi, Olivia Wilde: un'intervista all'ambigua dottoressa, telefilmnetwork.com, 27 gennaio 2009.
  3. a b Dall'intervista di Patrick Carone, Olivia Wilde, Maxim Italia XII nº 6, luglio-agosto 2009, pp. 60-67.
  4. Citato in Elmar Burchia, È la Wilde la sexy vegetariana dell'anno, corriere.it, 3 luglio 2010.
  5. Dall'intervista di Elisa Leonelli a Best Movie, febbraio 2016; citato in Sesso, droga e rock'n'roll: intervista a Olivia Wilde, bestmovie.it, 30 gennaio 2016.
  6. Dall'intervista di Alessandra Mattanza, "Sono uno spirito libero". Oliva Wilde si racconta a Elle mentre il suo ultimo film La vita in un attimo è nelle sale, elle.com, 19 febbraio 2019.
  7. a b Da un'intervista a Variety; citato in Olivia Wilde, la star racconta la nuova linea politica dell'uguaglianza sui suoi set, worldmagazine.it, 9 febbraio 2021.

FilmografiaModifica

FilmModifica

Serie televisiveModifica

Altri progettiModifica