Mank

film del 2020 diretto da David Fincher

Mank

Immagine Herman-Mankiewicz.jpg.
Titolo originale

Mank

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2020
Genere drammatico, biografico
Regia David Fincher
Sceneggiatura Jack Fincher
Produttore Ceán Chaffin, Eric Roth, David Fincher, Douglas Urbanski
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Note

Mank, film del 2020 con Gary Oldman, Amanda Seyfried, Lily Collins e Charles Dance, regia di David Fincher.

IncipitModifica

Nel 1940, a 24 anni Orson Welles fu attirato a Hollywood da una RKO in difficoltà con un contratto adatto al suo talento di narratore. Gli fu data autonomia creativa assoluta, senza alcuna supervisione. Avrebbe potuto girare qualsiasi film su qualunque argomento, avvalendosi di collaboratori di sua scelta. (Testo in sovrimpressione)

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • È una casa che definirei "asciutta", il proprietario del ranch non permette l'uso di alcolici. Ma lei viene dalla Pennsylvania. Dovrebbe esserci abituato. (John)
  • Ho libertà assoluta sul montaggio finale. Niente modifiche dall'alto. Non avremo altri che noi stessi da incolpare. (Orson)
  • Lei non sa con che fogna ha a che fare, amico mio. Provi a scoreggiare tra Hollywood e Vine e un produttore di Santa Monica dirà che s'è rotto un collettore. (Herman)
  • Se smetti di leggere, smetti di apprendere. (Herman)
  • Ricorda le mie parole, Sara. Il Mago di Oz lo farà affondare quello studio. (Herman)
  • Mandami un segno, oh Signore. Io sono come il tuo servo, Mosè, solo che non sarò così a buon mercato. (Herman)
  • Come dite voi yankees, "Si è spento come una luce". (Rita)
  • La narrazione è un unico grande cerchio, è come una girella alla cannella. Non è una linea dritta che punta all'uscita più vicina. Non sì può cogliere l'intera vita di un uomo in sole due ore. Il massimo che puoi sperare è dare l'impressione d'averlo fatto. (Herman)
  • Scriva tanto. E miri in basso. (John)
  • Ragazzo, ci sono solo tre regole in questo studio. Regola numero uno. Ars gratia artis cioè "l'arte per l'arte". [Ad un suo dipendente] Come sta? Spendiamo un milione di dollari l'anno per storie che poi neanche filmiamo. Perché no? Glielo dico io. Perché non mi fanno piangere. Che cosa mi fa piangere? Le emozioni. E dove le provo le emozioni? Qui, qui e qui. [indica la testa, il cuore e l'inguine] Regola numero due. Avrà sentito che alla MGM ci sono più stelle che in cielo. Non creda a questa cosa. [Ad un altro suo dipendente] Ciao. Noi abbiamo una sola stella ed è Leo, il Leone. Non lo deve dimenticare. Molte stelle lo hanno fatto e ora brillano da qualche altra parte. Regola numero tre. La gente crede che MGM stia per Metro Goldwyn Mayer. E invece no. Sono le iniziali di Mayer's ganza mishpoka, tutta la famiglia di Mayer. Non se lo dimentichi. Se avrà un problema, venga da papà. Questa è un'attività in cui l'acquirente non ottiene altro coi suoi soldi, che un ricordo. Quello che compra appartiene ancora a chi me l'ha venduto. È questa la vera magia del cinema e non permetta a nessuno di contestarlo. (Louis)
  • Le vere famiglie si legano l'una all'altra quando le cose vanno bene e si danno sostegno reciproco nei giorni difficili. (Louis)
  • Una commedia non è un disastro finché un film non lo sancisce. (Joseph)
  • Irving, lei è un uomo di cultura. Conoscerà la differenza fra comunismo e socialismo. Nel socialismo, tutti condividono la ricchezza. Nel comunismo, tutti condividono la povertà. (Herman)
  • Se una coppia si sfascia è perché tralascia di amare. Meglio allora di un'ascia quella donna lasciare. (Herman)
  • Non c'è niente come un attestato di fiducia dai propri pari. (Herman)
  • Smetti di piangere per quello che credi di meritare, perché potrebbero dartelo. (Herman)
  • Come dice sempre Groucho, "Non farei mai parte di un circolo che accettasse uno come te fra i suoi membri." (Herman)
  • "Una sceneggiatura fin troppo lunga per i secoli avvenire", John Houseman. Gli ho costruito un racconto a tenuta stagna e gli ho suggerito la destinazione. Che cosa ora ne farà, è solo affar suo. (Herman)
  • Quello che voglio al momento è una vera doccia, un cocktail e la mia Sara accanto alla quale svegliarmi. (Herman)
  • Riconoscerei quella... quella voce da whisky ovunque. (Herman)
  • Fin troppo spesso, signore, la religione di Gesù viene usata dalla classe dirigente per mantenere il potere, e rendere i poveri più poveri. E questo, amico mio, è peccato ed è un errore. E lo dico citando Thomas Jefferson: "La verità non ha nulla da temere dall'errore quando si da alla ragione la libertà di combatterla". (Upton Sinclair)
  • Quand'ero ragazzo e distribuivo volantini socialisti nel Bronx, due scagnozzi della Tammany vennero a dimostrarmi quanto mi sbagliavo. Uno di loro mi schiacciò i testicoli e io mi offrii volontario per distribuire la mia roba nell'East River. Questo è la politica. Non l'ho inventata io e non ho intenzione di scusarmi. (Irving)
  • Io so cosa sono, Mank. Venire al lavoro, non è scendere nei bassifondi. Non uso l'umorismo per tenermi fuori dalla mischia. E vado sempre al tappeto per quello in cui credo. Io non ho il tempo di fare altrimenti. Ma lei, signore, quanto formidabili sarebbero quelli come lei se si prodigassero per l'ufficio? (Irving)
  • Se non riesci a dire niente di carino, non aprire proprio bocca. (Sara)

DialoghiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Rita: Come sta, signor Mankiewicz?
    Herman: Ecco, questa è una bella domanda.
  • John: Mi vedrò con Orson ogni settimana e lo terrò aggiornato sui suoi progressi. Ci aspettiamo grandi cose. Cos'è che dice lo scrittore? Ehm …"Racconta la storia che conosci."
    Herman: No, io non conosco quello scrittore.
  • Orson: Mank, Houseman mi ha detto che lei ora sta proprio dove volevamo.
    Herman: Che fortuna che ho.
    Orson: Come va la gamba?
    Herman: Osso della coscia attaccato all'osso dell'anca.
    Orson: Eccellente. Pronto a dare la caccia alla grande balena bianca?
    Herman: Sì, chiamatemi Achab.
  • Herman [ubriaco]: Sigaretta, per cortesia.
    Sara: Hermie, se un fiammifero incrocia il tuo fiato, sarai avvolto dalle fiamme.
  • Orson: Mank? Sono Orson Welles.
    Herman: Sì, certo, chi altri?
    Orson: È tempo che noi due parliamo.
    Herman: Sono tutt'orecchie.
  • Rita: Ha conosciuto Marion Davies?
    Herman: Se mai qualcuno l'ha fatto.
    Rita: Sul serio? Che genere di donna è?
    Herman: Perché mai se stuzzichi una compita e inamidata scolaretta inglese, ottieni un sfegatata appassionata di cinema che ha dimenticato tutto quello che ha imparato sulla battaglia di Hastings?
    Rita: Hastings. 14 ottobre del 1066, dieci gradi centigradi.
  • David O. Selznick: La faccenda è seria. Ci serve il vostro aiuto per riportare la gente al cinema ma… come?
    Herman: Proiettate i film nelle strade.
  • Charles: Porta Sara, se vuoi.
    Herman: Chi?
    Charles: Sara. Non si chiama così tua moglie?
    Herman: Oh, tu intendi "la povera Sara". No, lei e i ragazzi sono ad Est.
  • Herman: Thalberg, il ragazzo prodigio.
    Irving: Sono sorpreso di vederla qui.
    Herman: Sarei sorpreso anch'io di vedermi qui, Irving. Se solo sapessi dov'è quel qui.
  • Irving: Alla MGM, i film sono uno lavoro di squadra.
    Herman: Motivo per cui forse sono alla Paramount.
    Louis: E da quando la Paramount non usa gli scrittori a vagonate intere?
    Herman: Sì, ma tutti insieme, non alternandoli. Aiuta a condividere la colpa.
  • Louis: Nottata lunga?
    Herman: No, anzi corta. Preda degli spiriti. Un modo infernale di passare il sabato, signori.
  • Marion Davies: Ho bisogno di un favore, ma lei deve promettermi che non riderà.
    Herman: Vista la situazione mondiale, un'impresa ardua.
  • William: Il cinema sonoro è il futuro. Servirà gente che dia onore alle parole e dia loro voce. Una nuova età dell'oro è alle porte e il mondo intero diventerà un palcoscenico e lei, forse, sarà il suo Shakespeare.
    Herman: Non immaginavo che lei fosse così interessato ad onorare la parola.
  • William: I tempi stanno cambiando, signor Mankiewicz, e non mi riferisco solo a questa depressione.
    Herman: Una gran seccatura.
    William: E quando tutto questo sarà finito, i cineasti dovranno mettersi al servizio del nuovo intrattenimento. Io ho intenzione di girare film con l'aiuto di autentici letterati.
    Herman: Posso essere d'accordo.
    William: E invece molti degli studi cosa ci offrono? Filmetti con gangster o con pagliacci.
    Herman: Fin troppo vero.
    William: Quanti gangster un americano medio incontra nel corso della sua vita? Quante famiglie sono come quella dei fratelli Marx?
    Herman: Lei vuole dire a parte la mia?
  • John [riferendosi alla sceneggiatura]: Lei sta chiedendo molto al pubblico cinematografico. Tutto sommato, è un gigantesco groviglio.
    Herman: Ha detto "groviglio" o "sbadiglio"?
    John: Un guazzabuglio di conversazioni. Una collezione di frammenti che rimbalzano nel tempo, come fagioli salterini messicani.
    Herman: Benvenuto nella mia testa, vecchio mio.
    John: La storia è così frammentata, che temo che ci vorrà una tabella di marcia.
    Herman: Insomma è un disastro?
    John: Posso consigliare di semplificare?
    Herman: Come disse una volta Pascal, "Se solo avessi avuto più tempo, avrei scritto una lettera più breve".
  • Rita: Lei non ama un granché il signor Mayer.
    Herman: Se mai dovessi finire sulla sedia elettrica, vorrei tanto che lui venisse a sedersi in grembo.
  • Herman: Non c'è niente che canti. Non una pagina. Alcuna nota.
    Rita: Non scrive un'opera.
    Cameriera: [Alzando la cornetta] Pronto?
    Herman: Ma io sto scrivendo un'Opera.
  • Herman: C'è una differenza abissale tra comunismo e socialismo.
    Louis: Entrambi vogliono qualcosa per niente.
    Herman: Ad esempio la manodopera gratuita?
  • Irving: I miei genitori mi hanno insegnato ad essere schietto, a chiedere semplicemente cosa voglio e ad aspettarmi di dover chiarire la mia posizione.
    Herman: I miei mi hanno insegnato ad usare la mia immaginazione e io a me stesso ad evitarle le conseguenze.
  • Louis: Vedete, se uno dice alle persone quello che devono sapere, ma in maniera sentita, puoi aspettarti che agiscano per il meglio.
    Herman: Forse lei intendeva: "Se continui a dire cose false alle persone, a voce alta e abbastanza a lungo, è probabile che ci credano".
  • Joseph: Che ne pensi del Mojave?
    Herman: La risposta di Dio per ubriachi e per i reprobi. Luogo perfetto per disintossicarsi.
    Joseph: E come procede?
    Herman: Non ha sortito effetto. Salute.
  • Herman: Non puoi farlo in quel modo.
    Shelly: Fare che?
    Herman: Suicidarti. Io ci ho provato. Ci vogliono anni.
  • Shelly: Guarda cosa abbiamo fatto. E non possiamo riavvolgere il nastro.
    Herman: Dobbiamo solo restare vigili.
    Shelly: Riguardo a chi?
    Herman: Alle persone che sono nell'ombra e lasciano la propria incredulità fuori dalla porta. Abbiamo una grande responsabilità.
  • Orson: Spero che non si sia perso d'animo.
    Herman: L'animo è quasi tutto quello che mi resta.
  • Herman: Perché seguiti a sopportarmi, Schnutz? È il mio aspetto da stella del cinema o il mio fascino da diplomatico?
    Sara: Suppongo perché essendo sposata con te, Herman, non mi annoio mai. Esausta, sì. Anche esasperata, di solito. Ma essendomi tanto dedicata a te, devo restarti accanto per vedere come va a finire. E qualsiasi cosa deciderai, ti prego cerca di non dimenticarti coloro che tengono di più a te.
  • Rita: Oh, Mank, non fa mai sul serio?
    Herman: Solo per qualcosa di divertente.
  • Giornalista [Testo in sovrimpressione Rio De Janeiro, Brasile - 1942 - Conferenza stampa radiofonica]: È deluso dal fatto di aver vinto un solo Oscar?
    Orson: Be', questa, mio giovane amico, è Hollywood.
    Giornalista: Ha qualcosa che vorrebbe dire al suo coautore, il signor Mankiewicz?
    Orson: Ah, sì. Ho un breve messaggio. Glielo potete riportare? "Mank, baciami il cu…ore"
  • Herman: Voi volete sapere quale sarebbe stato il mio discorso di ringraziamento. Be', eccovelo. Sono veramente molto felice di accettare questo premio per come quella sceneggiatura è stata scritta. E questo equivale a dire, in totale assenza di Orson Welles. Soddisfatti?
    Giornalista: Perché ne condivide il merito?
    Herman: Be', vede, questa, amico mio, è la misteriosa magia del cinema.

ExplicitModifica

Herman Mankiewicz morì 11 anni dopo a causa dell'alcolismo. Non lavorò più con Orson Welles né scrisse sceneggiature né lottò per inserire il suo nome nei titoli dei film. Confidò a un amico: "Mi sento sempre di più un topo in una trappola costruita da me e che riparo ogni volta che si forma un'apertura che mi permetterebbe di scappare." Aveva 55 anni. (Testo in sovrimpressione)

Altri progettiModifica