Luca Cordero di Montezemolo

dirigente d'azienda, politico e imprenditore italiano

Luca Cordero di Montezemolo (1947 − vivente), dirigente d'azienda italiano.

Luca Cordero di Montezemolo

Citazioni di Luca Cordero di Montezemolo

modifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • La Ferrari è cresciuta grazie al genio e alla caparbietà di un imprenditore. Poi, da sola, non ce la faceva a crescere, perché la seconda fase, quella della crescita e del consolidamento, è diversa da quella della creazione di azienda. È un po' quello che succede nel Nord Est. Crescere è soprattutto una questione di mentalità e di organizzazione.[1]
  • C'è qualcuno [Flavio Briatore] che quando parla della Ferrari, e lo fa troppo spesso, perde una buona occasione per stare zitto.[2]
  • Perché il merito è segno di civiltà, oltre che di equità. Premiare chi merita significa riconoscere le persone per quello che valgono, per il loro impegno e non per la loro estrazione sociale. La nostra rimane invece una società incentrata sulle caste, dove la mobilità sociale è bassissima, dove i figli perpetuano il lavoro dei padri, dove c'è poco posto per i giovani nelle posizioni di vertice della politica e delle professioni. [...] L'efficienza della pubblica amministrazione è il fulcro indispensabile per rilanciare lo sviluppo del Paese. Senza una pubblica amministrazione efficiente non si potranno fornire servizi di qualità alle imprese e ai cittadini, tempi certi della giustizia, sostegno concreto ai redditi dei più deboli, un welfare moderno, una scuola e un'università valutate e premiate in base al merito. L'assenteismo è l'emblema dell'inefficienza e del cattivo funzionamento della pubblica amministrazione.[3]
  • Non intendo fondare un partito, né entrare in un partito qualora ci fossero le elezioni. [...] Se per impegno politico si intende un nuovo partito, dico di no, diverso è l'impegno civile e politico non partitico.[4]
  • È un cinepanettone che sta arrivando alla fine anche se abbiamo sempre gli stessi attori, anche se cambiano i nomi dei partiti. Dobbiamo stimolare la società ad occuparsi dei problemi dell'Italia, aiutare i giovani a venire fuori. [...] in questo governo ci sono ministri di qualità ma due anni fa è stato eletto con maggioranza unica, avrebbe avuto la possibilità di cambiare molto ma questo non è accaduto.[4]
  • Noi non vendiamo macchine, vendiamo sogni.[5]
  • Michael [Schumacher] sarà sempre nei cuori di chi lavora a Maranello. Con coraggio e passione ha ottenuto risultati difficilmente ripetibili: a lui i migliori auguri.[6]
  • Del Piero è insostituibile, ha rappresentato per la Juventus un pezzo di storia moderna. Lo dobbiamo ringraziare per quello che ha fatto e come lo ha fatto. Mancherà molto, ma fa parte dei grandi campioni, che passano. [...] Posso paragonarlo nella storia della Ferrari a Niki Lauda e Schumacher.[7]
  • [Su Fernando Alonso] È il pilota più forte che abbia mai visto in pista. Mi impressiona per tre cose, per l'interpretazione della gara, specialmente per il consumo delle gomme, perché è un grande motivatore del team, e per la sua presenza a Maranello.[8]
  • Di Senna ricordo la gentilezza e la sua semplicità che sembrava quasi timidezza, in netto contrasto con il Senna pilota, un combattente sempre determinato ad ottenere il massimo. Avevo sempre apprezzato il modo di correre di Ayrton. Come in tutti i grandi campioni anche in lui c'era sempre un'enorme voglia di vincere, non si stancava mai di inseguire la perfezione e cercava di migliorarsi continuamente, era straordinario in qualifica ma anche un gran combattente in gara, sempre con il coltello fra i denti.[9]
  • Mi permetto di dire, da un punto di vista imprenditoriale, che il business core di Paestum è certamente il Tempio di Nettuno. La Basilica, per la sua età, è forse ancora più incredibile del Tempio di Nettuno.[10]
  • Niki [Lauda] è stato anche un grande campione fuori dal circuito, un uomo diretto e sincero, un amico leale. Anche duro nel dire le cose con la massima trasparenza. [...] Lo ricordano come un 'computer'? Era un ragazzo di grandissima sensibilità. Ha sempre lavorato nei dettagli [...]. Gli piaceva ridere e divertirsi, ma sempre con un fondo di serietà.[11]

Citazioni non datate

modifica
  • [Ricordando la vittoria mondiale all'ultima gara di Kimi Räikkönen del 2007, in contrapposizione alla beffa di Felipe Massa nel 2008] I miracoli? Quando ci si riesce, di solito se ne fa solo uno.[12]
  • Sono arrivato alla Ferrari nel 1991. Mi ero regalato una 348 gialla [...]. E non mi dimentico mai che a Roma stavo ad un semaforo, viene il verde, vedo un ragazzotto vicino con una Golf GTI nera che prende e, per i primi 30-40 metri, va meglio; molto simpatico, m'ha riconosciuto: "A' Monteze, questa va molto meglio". Allora feci la prima riunione senza dir niente alla Ferrari: "Datemi un po' i dettagli di 'sta 348". Parlò una persona [...]. Allora vedo le slide e dice: "348, best in class, accelerazione..."; io li ho fatti parlare e tutto e allora dico "Ragazzi, siete sfortunati: purtroppo io sono cliente di questa macchina di merda, che fa rumore e non si muove. Chiamai Niki Lauda e gli dissi: "Vieni a provare questa macchina" e lui disse esattamente la stessa cosa...[13]

Citazioni su Luca Cordero di Montezemolo

modifica
  • È una persona di gran cuore e un abile promotore. Sa descrivere e vendere cosa è la Ferrari. L'uomo giusto per essere presidente e non parlo solo di corse. Ha un talento enorme per rappresentare l'azienda. (Felipe Massa)
  • I Montezemolo sono scoregge di umanità, che non hanno mai lavorato in vita loro. (Roberto Calderoli)
  • Montezemolo candidato premier di un nuovo centrodestra? E perchè non Fernando Alonso? (Roberto Menia)
  • Non volendo favorirlo in modo smaccato, Agnelli lo assume nel gruppo Fiat attraverso un regolare e severo concorso, al quale partecipano, oltre a Luca Cordero di Montezemolo, due pesci rossi. La prova d'esame consiste in una sola domanda: «Preferiresti lavorare alle presse o fare il direttore sportivo alla Ferrari?» Con molto equilibrio, Luca risponde che preferirebbe fare il direttore sportivo alle presse. (Michele Serra)
  • Una ventina di anni fa il signor Luca Cordero di Montezemolo litigò all'aeroporto di Bruxelles con tre giornalisti non allineati: Enzo D'Orsi, Marco Ansaldo e il sottoscritto. Volarono paroloni e a uno dei tre minacciò di non farlo assumere dalla Stampa: "Muoverò tutte le pedine che conosco affinché non avvenga questo". La replica più elegante fu quella di uno dei tre giornalisti che disse agli altri due colleghi: "Lasciatelo stare che ha sbagliato dose..." Montezemolo, che all'epoca era amministratore delegato della Juve, dopo essere salito sull'aereo andò nelle file di coda dove erano seduti i tre giornalisti (ripeto i nomi: Enzo d'Orsi, Marco Ansaldo e il sottoscritto, Franco Rossi) si inginocchiò di fronte a loro e chiese perdono. (Franco Rossi)
  • Uno di Luca può dire quello che vuole, ma sul lavoro era perfetto. (Mauro Forghieri)
  1. Citato in Quotidiano nazionale, 18 luglio 2003, p. 26.
  2. Citato in Raffaele Della Valle, «Farà sempre parte della famiglia Ferrari», La Gazzetta dello Sport, 11 settembre 2006.
  3. Dall'intervento all'inaugurazione dell'anno accademico 2007-2008 della LUISS; citato in Libero, 5 dicembre 2007.
  4. a b Dall'intervista di Fabio Fazio a Che tempo che fa; citato in la Repubblica, 21 novembre 2010.
  5. Da un'intervista del New York Times del 14 maggio 2011. Citato in Montezemolo: “Non vendiamo macchine, vendiamo sogni”, ilpost.it, 15 maggio 2011.
  6. Citato in Flavio Vanetti, Vent'anni di Schumi tra ricordi e gaffe La F1 lucida il mito, Corriere della Sera, 26 agosto 2011.
  7. Citato in Montezemolo: "Del Piero insostituibile ma anche i grandi campioni passano", lastampa.it, 23 maggio 2012.
  8. Citato in Montezemolo indeciso: "Massa? Devo riflettere", gazzetta.it, 27 settembre 2012.
  9. Citato in Montezemolo su Senna: "Avrebbe chiuso la carriera in Ferrari", gazzetta.it, 30 aprile 2014.
  10. Citato in "Luca Cordero di Montezemolo incantato dal Parco Archeologico di Paestum", lacittadisalerno.it, 22 agosto 2018.
  11. Da un'intervista a Radio anch'io, Rai Radio 1; citato in Montezemolo: "Lauda era un amico vero, con lui ho vissuto momenti indimenticabili", eurosport.com, 21 maggio 2019.
  12. Citato in "Montezemolo diventa... mistico", msn.com. [collegamento interrotto]
  13. Citato in Quella volta che... Montezemolo: «La 348 è una merd...!», automoto.it, 5 febbraio 2019.

Altri progetti

modifica