Lot

personaggio biblico

Lot, patriarca biblico, nipote di Abramo.

La fuga di Lot e della sua famiglia da Sodoma (Jacob Jordaens, 1620 ca.)

Citazioni di LotModifica

  • [In risposta alle parole di un angelo: «Fuggi sulle montagne, per non essere travolto!»] No, mio Signore! Vedi, il tuo servo ha trovato grazia ai tuoi occhi e tu hai usato una grande misericordia verso di me salvandomi la vita, ma io non riuscirò a fuggire sul monte, senza che la sciagura mi raggiunga e io muoia. Vedi questa città: è abbastanza vicina perché mi possa rifugiare là ed è piccola cosa! Lascia che io fugga lassù – non è una piccola cosa? – e così la mia vita sarà salva. (Genesi)

Citazioni su LotModifica

  • Come avvenne anche al tempo di Lot: mangiavano, bevevano, compravano, vendevano, piantavano, costruivano; ma nel giorno in cui Lot uscì da Sòdoma piovve fuoco e zolfo dal cielo e li fece perire tutti. Così sarà nel giorno in cui il Figlio dell'uomo si rivelerà. (Gesù, Vangelo secondo Luca)
  • Dio [...] condannò alla distruzione le città di Sòdoma e Gomorra, riducendole in cenere, ponendo un esempio a quanti sarebbero vissuti empiamente. Liberò invece il giusto Lot, angustiato dal comportamento immorale di quegli scellerati. Quel giusto infatti, per ciò che vedeva e udiva mentre abitava in mezzo a loro, si tormentava ogni giorno nella sua anima giusta per tali ignominie. (Pietro apostolo, Seconda lettera di Pietro)
  • E mentre perivano gli empi, salvò un giusto, | che fuggiva il fuoco caduto sulle cinque città. (Libro della Sapienza)
  • Gli angeli fecero premura a Lot, dicendo: "Su, prendi tua moglie e le tue figlie che hai qui ed esci per non essere travolto nel castigo della città". Lot indugiava, ma quegli uomini presero per mano lui, sua moglie e le sue due figlie, per un grande atto di misericordia del Signore verso di lui; lo fecero uscire e lo condussero fuori della città. (Genesi)

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica