Apri il menu principale

Gomorra - La serie (prima stagione)

lista di episodi della prima stagione

1leftarrow blue.svgVoce principale: Gomorra - La serie.

Gomorra - La serie (prima stagione)

Stagione di una serie TV

Immagine Gomorra (Serie) Logo.png.
Paese Italia
Episodi 12
Data 6 maggio - 10 giugno 2014
Rete televisiva Sky Atlantic, Sky Cinema 1
Regia Stefano Sollima (ep. 1, 2, 3, 4, 6, 11, 12), Claudio Cupellini (ep. 8, 9, 10), Francesca Comencini (ep. 5, 7)
Sceneggiatura Stefano Bises, Leonardo Fasoli, Ludovica Rampoldi, Filippo Gravino, Maddalena Ravagli
Interpreti e personaggi
Cronologia
Stagione precedente Stagione successiva
- seconda

Gomorra - La serie, prima stagione.

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

IncipitModifica

[Ciro sta riempendo una tanica di benzina, mentre Attilio aspetta]
Attilio: Ha pubblicato na foto mia e dâ mamma su "book".
Ciro: Ma quale "book"?! Facebook! È nu social network.
Attilio: Aggio capito. Ma m'agg' 'a preoccupa'?
Ciro: Ma che t'hê preoccupa'! 'O teneno tutte 'e guagliune.
Attilio: Sta sempe cu chillo cazzo 'e computer! Ca po' vulesse sape' ma che cazzo tene 'a scrivere?
Ciro: Che scrive... scrive 'e cazze suoje.
Attilio: Ma po' 'e gguardano tutte quante?
Ciro: Tutte chille che sso' amice.
Attilio: Embé je c' 'o faccio spari' stu computer, così vediamo se la finisce. [Attilio sale in macchina; Ciro posa la tanica piena nel bagagliaio e sale in macchina]

Episodio 1Modifica

 
Le Vele di Scampia, uno degli scenari principali della serie
  • Mammà, tu aviss' 'a partecipa' a nu programma 'e cucina dint'â televisione! (Salvatore)
  • Strunze! M'hanno appiciato 'a casa! Venite cca! (Salvatore) [urlando ai suoi uomini dalla finestra]
  • 'E criature? Addo' 'e miette 'e miette, se divertono! (Ciro)
  • Ci poteva sta' uno qualunque di noi e non L'Immortale [Ciro], ca nun l'accide nisciuno! Uno qualunque di noi, e mo' stevemo qua a chiagnere nu muorto! So' venute a spara' a casa nosta, di domenica, ce putevano sta' 'e criature! Chisto nunn'è nu fatto che se può accuncia'! L'at' 'a ji' a piglia', chella lengua 'e serpente che tene, ce l'amm' 'a straccia'! [riferito a Salvatore Conte] (Pietro)
  • Genny: Ma si tu nun m' 'a daje maje 'a possibilità, ma comme faccio je?
    Pietro: Genna', tu sî figlio a me! Nun tiene bisogno 'e possibilità!
  • Nun fa male! (Attilio) [ultime parole rivolte a Ciro]

Episodio 2Modifica

  • Genny [mentre sta per uscire di casa]: A pa', me serve 'a motocicletta nova!
    Pietro [ironicamente]: E certo, Genny bello! E dimmi, 'e che colore a vuo', a papà?
    Genny: Rossa!
  • Je, quanno tenevo vint'anne, tenevo ddoje palle 'a sotto accussì! Stevo sempe cu mio padre, osservavo, capivo! (Pietro) [riferendosi all'atteggiamento di Genny]
  • [Mentre si sta svolgendo il funerale di Attilio]
    Genny: Staje male, eh?
    Ciro: Era comm'a nu patre pe mme!
    Genny: E comm'era comme patre?
    Ciro: Facile.
    Genny: Pe mme tu fusse nu patre facile!
  • Guagliù! Nunn'aggio fatto niente! E gghia'! (Felice) [ultime parole a Ciro e Genny che vogliono ucciderlo]
  • Stamme a senti'! È meglie pe tte, è meglio pure pe mme, si dicimmo ca stu fatto l'hê fatte tu! Vide, ca passamme nu guajo! Hê capite, Genna'? (Ciro) [riferito all'omicidio di Felice appena consumatosi]
  • Pietro: Allora? [interrogandolo sull'uccisione appena consumatasi]
    Genny: Accidere è na strunzata!
    Pietro [mettendogli una mano dietro al collo in segno di stima]: Mo' staje apposto. Mo' posso pure muri'!
  • Ah, o Pie', ve site scurdate 'a borza! (Renato) [ultime parole rivolte a Pietro Savastano, prima che questi lo uccida]
  • [Dopo aver urinato in un bicchiere, lo porge a Ciro] Bevilo! Tutto! Famme capi' se me pozzo fida' 'e te! Se sî sulo uno ca racconta strunzate, o se mio figlio e i miei affari 'e pozzo mettere 'mmano a te! (Pietro)

Episodio 3Modifica

  • Pietro: Ma tu ch'ê fatte ê capille?
    Imma: Niente, c'aggio fatto?
    Pietro: Te veco cchiù selvaggia, cchiù leonessa!
  • Mo' sî tu l'omme 'e casa! (Pietro) [a Genny; alla fine della visita in carcere]
  • [Pasqualino indossa la camicia prestatagli da Pietro per fare bella figura all'udienza]
    Pietro: Ah, 'o vi'! Mo' pare n'ommo onesto!
    Pasqualino: Grazie, Don Pietro! Si vede ca chesta è robba ca costa assaje.
    Pietr: Pascali', e chille songhe 'e sorde ca fanno l'ommo onesto! (Pietro) [a Pasqualino]

Episodio 4Modifica

  • Ormai pure 'e scigne, là fora, pensano di potersi sedere a tavola con i cristiani. (Pietro) [all'avvocato]
  • Quando mio figlio era criaturo, io 'o purtavo sempe a vede' 'e scigne, e isso me diceva: «Papà, ma comm'è possibile... degli animali accussì scieme vogliono fare quello che fanno i cristiani?» 'E scigne so' belle quando fanno quello che dice il padrone, pecché se vogliono comandare da sole, diventano pericolose, s'hanno âbbattere! (Pietro) [a Tokumbo]
  • A Don Pietro Savastano, come lui ci sta sulamente Hamsik! (Zecchinetta) [brindando con gli altri]
  • Brave! 'E patte so' patte, è overo, Zecchine'? [Zecchinetta annuisce]. Sta vota site state fortunate, pecché nun simmo venute direttamente a casa vostra, e ce so' fernute 'mmiezzo tanta cristiane ca nun c'azzeccavano nu cazzo. Co stu fatto ca vuje nire 'a notte site tutte uguale, v' 'a site cavata bbona, ma nun ce pruva' cchiù, pecché 'a prossima vota ce muvimme cô juorno, e nuje cô juorno nun sbagliammo! (Malammore)

Episodio 5Modifica

  • Papà sta na bellezza, Ciru'! Chillo po' sta pure ô 41 bis, tris, quadris, sta sempe na bellezza! Papà 'o carcere s' 'o fa assettato 'ncopp'â tazza dô cesso! (Genny) [a Ciro]
  • Mo' nun ce sta cchiù 'o bastone, Genna'! 'E pecore, senza 'o cane 'e guardia, se ne vanno pê cazze 'e lloro! Papà tuoje ha da passa' a mano! Co' 41 bis 'ncuollo, nun se po' cummanna'! Ha da capi' ca mo' staje tu, e si cummanne tu, 'a giostra gira n'ata vota! (Ciro) [a Genny]
  • Musi: Credo che faremmo bene a spostare decisamente l'assetto patrimoniale verso strumenti finanziari adeguati, donna Imma. Perché gli immobili stanno lì, ma non generano ricchezza, mentre i soldi creano soldi... e i soldi io li so fabbricare, donna Imma. Senza tirar fuori un centesimo, semplicemente prendendo e restituendo prestiti, giocando sulle valute e soprattutto — cosa ancora più importante per noi — è senza rischiare niente.
    Imma: E pecché?
    Musi: Perché vede, se un giudice dovesse mai trovare un filo, ad un immobile potrebbe anche arrivarci, mentre ai soldi no! Io i soldi li prendo e li sposto da un conto all'altro e gli faccio fare il giro del mondo in un'ora. Mentre sa cosa potrebbe metterci un magistrato a seguire le tracce?
    Imma: No!
    Musi: Secondo le leggi attuali, dieci anni. Mi scusi! [rifiuta una chiamata sul cellulare] Mentre io li moltiplico i soldi, posso farli apparire e sparire come voglio! [rifiuta ancora una chiamata]
    Imma: È proprio chisto, dotto', ca a me nun me piace! L'immobili, 'e palazze, 'e pozzo vede', stanno llà! Invece i soldi voi li fate apparire, li fate scomparire, eh? Parlammece chiaramente, dotto': che fine hanno fatte 'e bond finlandese? Ve l'ammo ggià chiesto, ce serveno!
    Musi: Ma ci sono, donna Imma! Solo ci vuole qualche giorno per renderli liquidi. Guardi qua, c'è la documentazione! La guardiamo insieme?
    Imma: Guardiamola insieme! Pecché, dutto', a me 'e giochi 'e prestiggie nun me so' maje piaciute! [squilla per la terza volta il cellulare di Musi] Sentite, rispundete a quel telefono pecché se vede che è importante!
    Musi: No, voi la cosa più importante, donna Imma!
  • Io spengo la luce! (Musi) [ultime parole ai familiari, prima di suicidarsi]

Episodio 6Modifica

  • Tu credi? È importante! Se tieni la fede non sei mai solo! Nun tiene paura 'e niente! Je senza 'a fede nun fosse juto 'a nisciuna parte... e di questo devo dire grazie a una sola persona, ca m'ha fatto capi' che d'è 'a fede: a mia madre. (Salvatore) [a Ciro]
  • Ciro: Don Salvato', nuje vulessemo sistema' tutte cose!
    Salvatore: Certamente! Mo' ca 'o marrucchino è tutto quanto 'o mio, mo' vulisseve sistema' tutte cose... Pietro Savastano m'ha sempe trattato comme nu pezzente, ma je m'accato a tutte quante!
    Ciro: Don Salvato', 'e ccose stanno cagnanno, ce sta n'aria nova!
    Salvatore: E che fosse st'aria nova, tu?
    Ciro: Pure. Ma soprattutto 'o figlio.
    Salvatore: 'O chiattone? Ma quanno maje, chillo tene a capa' pe spartere 'e rrecchie!
    Ciro: Però è nu buono guaglione, e sape sta' a senti' 'e cunsiglie buone.
  • Ciro: Ce sta chi tene 'e pompe 'e benzina e chi tene 'o petrolio, e vuje tenite 'o petrolio, ma nuje tenimmo 'e pompe 'e benzina. Amm' 'a sta' nu poco cchiù amice!
    Salvatore: Uaglio', te sembra ca sto facenno 'a famme senza 'e pompe 'e benzina vuoste? No, dice, ti pare che mi manca qualche cosa? [indicando il locale di sua proprietà in cui i due stanno parlando]
    Ciro: A vvuje nun ve manca niente! [Salvatore annuisce] Però â casa nosta meglio 'e nuje, nun ce sta nisciuno! Vuje 'o ssapite! A me me basta sulo ca ce penzate! Ce penzate?
    Salvatore: Mo' ce penzo! Vache a fa' na pisciata e ce penzo!
  • Sti cazze 'e russe: stanne chine 'e sorde e cattiveria... e se penzano ca basta chille pe cumanna'... e se penzano malamente, ce vo' chesta! [indicandosi la testa] Tengono ancora nu sacco 'e strada 'a fa'. (Salvatore) [a Ciro]
  • Je nunn'aggio capito ancora chi cummanna mo' â casa toja. (Salvatore) [a Ciro]
  • Salvatore: Ce sta nu piezzo 'e costa cchiù a Nord, loro se lo vulevano accatta' pe ffa na speculazione e pe ffa nu scalo tutto loro per i carichi. Aggio ditto: "ma pecché ce l'amm' 'a lassa' a lloro? Mo' m' 'o accatto je, e vafanculo ê russe!" E aggio sbagliato, simmo fernuto a ce scurna' e mo' me trovo cu na vertebra schiacciata e stu coso vicino 'o cuoll' ca me sento comm'a nu cane! Farli fuori non si può, aggi' 'a negozia'! Allora, aggio penzato, tu vuo' fa a pace cu mme? O vuo' o marrucchino mio? E allora stu negoziato chê russe 'o vaje a fa' tu, e quanno ammo sistemato sta faccenda, ricominciamo a fare affari io e voi.
    Ciro: Scusate, ma st'affare è robba vosta!
    Salvatore: Ciru', nun perdimmo tiempo! Vedi che la possibilità di dire no nunn'a tiene. Si vuo' turna' a casa, tu mo hê ji' addo' chillo sfaccimmo d'Eremenko, e c'hê dicere ca je so' disposto a dividere l'affare! Sessanta a me e quaranta a lloro!
    Ciro: Salvato', ma je che c'azzecco cu sta storia?
    Salvatore: No, tu ch'azzicche pecché chille, 'e russe mo' s'hanno 'ncazzate overamente, e io non mi posso permettere di perdere un uomo mio. Hê capi'?
    Ciro: Mo aggio capito! Sissanta a vvuje e quaranta a lloro!
    Salvatore: Bravo!
    Ciro: Si stevo mmiezzo 'o mare, tenevo cchiù speranza!
    Salvatore [fa un ghigno]: E così ti sottovaluti! Rilassati, cchiù tarde te vene a piglia' 'o guaglione! Statte buono, Ciru'!
  • Tengo una proposta migliore: passa cu mme, e te cagna a vita! (Salvatore) [a Ciro]

Episodio 7Modifica

  • Franco "Leccalecca": Signora Imma, questi non sono modi da usare con me! Io non sono uno dei ragazzi vostri! [ultime parole]
    Imma: Eh?! Vuoi vedere quali sono i modi da usare con te, Franco "Leccalecca"? [Malammore gli spara, uccidendolo]
  • Me siente? T'apposto! ('O Track) [urlando dal balcone che affaccia sulla nuova piazza di spaccio]
  • Aiuto! Vi prego, aiutatemi! Aiuto! Aiuto! Vi prego, aiutatemi! Aiuto! (Luca/Marta) [ultime parole]
  • Je 'o saccio che state penzanno! Voi dividete il mondo in quelli che non uccidono e in quelli che uccidono, e vi pensate che siccome io sono una femmina appartengo alla prima categoria, ve sbagliate! (Imma) [agli altri boss della camorra]

Episodio 8Modifica

  • Ciro: Genna'! Genna'! [Genny sta salendo in macchina con un suo amico]
    Genny [rivolto all'amico]: Aspetta!
    Ciro: Chisto è 'o mumento nuosto, 'o vi'? Chisto è 'o mumento c'ammo aspettato pe tant'anne, e tu me staje trattanno comm'a 'nu strunzo! Te sî scurdato chillo c'aggio fatto pe tte? Je e te simmo frate!
    Genny: Je nun me scordo niente! Però je e te nun simmo frate, songhe je 'o figlio 'e Pietro, no tu! Mo' tocca a me!
    Ciro: E certo ca tocca a te, ma je voglio sta vicino a te!
    Genny: No Ciru', si tu staje vicino a me, nun cagna niente! Je aggi' 'a dimostra' a chille viecchie là dinto ca c'ha pozzo fa sulo je! [sta per andarsene]
    Ciro [lo ferma trattenendolo per un braccio]: Statte accuorto Genna', pecché tu sulo, te ne vaje a fini' a capa sotto!
    Genny: Può darsi. Nun te piglia' collera Ciru', ca mo tocca a me!
  • Oh! Sulo pô tiempo ca me staje facenno perdere, je t'avessa spara' 'mmocca! Hê capite?! (Genny)
  • Imma: Ho organizzato na cena elettorale pe tte: un poco d'amici importanti ca te ponno da' na mano. Te vuleva fa vede' stu posto se te piace... [indicando il locale dietro di lei]
    Genny: Je nun voglio niente 'a te! M'hê capite? Tu cu mme nun può sbaglia' cchiù!
    Imma: Ma 'e che sbaglie staje parlanno? [Genny scuote la testa] Ja, Genna', parla! È da quanno si' turnato ca pare ca me vuo' accidere, [alzando il tono della voce] je nun riesco a capi' che cazzo t'aggio fatto!
    Genny: Ah, nun capisce? Nun capisce?! E mo t' 'o spiego je. Quanno stevo là in Honduras, stevo dinto a na capanna e 'nziemme a me ce steva n'americano ca parlava, parlava pecché teneva paura. E intanto e sorde tuoje nunn'arrivavano. Na sera gli honduregni me mettettero nu macete 'mmano e gridavano: "Accidilo! Accidilo!" Je pregavo, pregavo ca coccheduno me veneva a salva', ca tu me venive a salva'! Ma niente... E loro continuavano a grida': "Accidilo! O accidimmo nuje a tte!" E allora l'aggio fatto: aggio abbiato a taglia' primma 'a capa, po' 'e bbracce, po' 'e mmane! L'aggio fatto piezze piezze! Mo capisce?!
    Imma: Si nunn'era pe mme, tu stive ancora a fa' o guagliunciello appriesso a Ciro! Je t'aggio mannato là perché dovevi trattare e t'aviva 'mpara'! E me pare ca a coccosa è servuto, o no? O mi sbaglio?
  • Dottore [al cellulare]: Pronto.
    Genny: Aggio ditto a Jessica che non mi deve cercare più!
    Dottore: Grazie!
    Genny: Però primma me ll'aggio chiavata, e ce so venuto 'mmocca, accussì nun rimane incinta!

Episodio 9Modifica

  • Ciro [entrando nella stanza dove Genny sta parlando con Tonino Russo]: Buongiorno!
    Genny: Allora?
    Ciro: I fratelli Romani stanno apposto!
    Genny: Toni', 'o ssaje che deceva papà? Ca je tengo 'a guerra 'ncapa, ma isso tene 'a capa pâ guerra! [riferito a Ciro]
    Ciro: E che significa, Genna'?
    Genny: Che sî nu bravo surdato!
  • Quanno ero piccirillo e stevo a ll'orfanotrofio, lo sai che mi dicevano le suore? 'O terramoto è vuler' 'e Dio, fa bene alla Terra, comme quanno na persona sta male, e accumula, accumula finché o se libera e sfoga, o more! Pecciò 'o terramoto è na cosa bbona! (Ciro)

Episodio 10Modifica

  • Massimo [riferito alla sigaretta elettronica che Salvatore fuma insistentemente]: Assumeglia â sigaretta vera?
    Salvatore: Comm'a nu strunzo assumeglia a nu babbà!
    Massimo: Vabbuò, però accussì ve tenite bbona 'a salute!
    Salvatore: A me nun me ne fotte nu cazzo dâ salute!
    Massimo: E allora pecché avite smiso 'e fuma'?
    Salvatore: Ogni anno piglio na cosa ca me piace assaje e faccio voto e ne fa' a meno.
    Massimo: E pecché?
    Salvatore: L'ommo ca po' fa a meno 'e tutte 'e ccose, nun tene paura 'e niente!
  • 'A verità è c'aggio lassato a Napule na banda 'e scieme ca nun trovano manco 'o cazzo int'â mutanda! (Salvatore) [a Massimo]
  • Guaglio', lievete sta faccia ca pare che hê fatto na rapina! (Salvatore) [a Massimo]
  • Stasera te ne vaje a piglia' a tua madre e cu frateto ve ne turnate â Spagna! Je ve trovo na fatica, na cosa tranquilla. Qua lo capisci pure tu, nun putite resta'! Almeno fino a quanno nun sistemo tutte 'e ccose chê Savastano. (Salvatore) [a Massimo]
  • Salvatore [scende dalla macchina e si avvicina pian piano a Danielino]: Sono Salvatore Conte! È tutto apposto, Danie'! È apposto! È apposto! Je 'o ssaccio ca nunn'è stata cosa toja! T'hanno cummannato e tu n'o sapive chi era! Frateto m'ha ditto tutto! Sulo na cosa m'interessa a me: chi t'ha cummannato d'accidere a Russo? Genny? [Danielino fa cenno di no con la testa] E chi allora?
    Danielino: È stato Ciro! Ciro Di Marzio! [ultime parole]
    Salvatore [fa un ghigno]: Aggio capito! Viene cca! Viene cca! Vienete a piglia' 'o perdono! Viene cca! [lo abbraccia] È tutto apposto piccirillo! Tutto apposto! È fernuto tutte cose! [sussurrando] È apposto! È apposto! È apposto! [estrae la pistola e fredda Danielino con un colpo alla testa]
    Massimo: No! [ultime parole, vedendo il fratello minore ucciso a tradimento, tenta di scappare con l'auto ma Salvatore lo ferisce a morte con la pistola rendendo vano il tentativo di fuga]

Episodio 11Modifica

  • Tutti sappiamo che oggi non è morto un eroe, ma per quante responsabilità possa davvero avere Daniele, restano i suoi sedici anni. I figli delle famiglie che nascono in altri luoghi d'Italia hanno opportunità che qui sono state negate. Qui non ci sono colori, qui tutto è grigio. Qui non ci sono luoghi dove far sviluppare nel bene i talenti dei nostri figli. Questo è il quartiere "dormitorio", qui vogliono che la gente resti tappata in casa: non deve uscire, non deve intromettersi. Hanno voluto un'intera zona ad esclusivo uso dello spaccio a cielo aperto. Il Padre Eterno terrà conto del fatto che se Daniele ha commesso degli errori, sono stati errori commessi da un ragazzo di sedici anni. Un ragazzo che certamente era responsabile di quello che stava facendo, ma sedici anni... sedici anni sono così pochi che ti costringono a guardare meglio cosa c'è dietro! Che ti obbligano a distribuire le responsabilità! Quella di Daniele è un'età che bussa alla coscienza di chi ciancia di legalità, d'impegno, di lavoro e non bussa con le nocche, ma bussa con le unghie. In piedi! (Padre Mauro) [elegia durante la cerimonia del funerale di Danielino]
  • Genna', una sola cosa non ti devi scordare. Noi questa casa l'abbiamo costruita tutti quanti insieme a tuo padre e una sola regola l'abbiamo sempre rispettata, tutte quante: 'e sorde nun tengono bandiera. E nuje cca 'e sorde stammo parlanno, 'e sorde e basta! 'O problema nunn'è Conte! (Zecchinetta)
  • Zecchinetta: Je songo 'o cumpare 'e cresima 'e Genny, je nun ce posso credere ca v'ha mannato isso!
    Tonino [mentre 'O Track picchia Zecchinetta nella vasca da bagno]: E invece è accussì: Gennarino s'è rutto 'o cazzo 'e te!
    Zecchinetta: Je tengo 'e figlie mieje qua abbascio!
    Tonino: Nun te preoccupa', ce penzammo nuje a lloro! Tu c'hê dicere sulo addo' se nasconde chella mmerda 'e Conte!
    Zecchinetta: N'o saccio! Nunn'o saccio!
    'O Track: Je nun te credo! Je nun ce credo!
    Zecchinetta: Je nunn'o saccio addo' sta, nunn'o voglio manco sape'! [ultime parole]
    'O Track [continuando a picchiarlo]: Piezz' 'e merda! piezz' 'e merda! Già sî passato cu Conte! Già sî passato cu Conte! [uccide Zecchinetta sparandogli alla tempia]
  • Carlucciello: Guaglio' viene cca, vie'! T'aggi' 'a fa' n'imbasciata! [Tonino è con i suoi amici]
    Tonino: Ch'è succiesso, o zi'?
    Carlucciello: Muovete, fa ambressa! [prendendo Tonino da parte] Ma famme capi' na cosa, Toni', che cazzo ve site mise 'ncapa, ah?
    Tonino: E che staje parlanno? Je nun te capisco!
    Carlucciello: Guaglio', nun fa' 'o scemo cu mme, je so' chillo ca t'ha criato! Pecciò vuo' o nun vuo', chillo ca faje, je 'o vengo sempe a sape', nun t' 'o scurda'!
    Tonino: Ammo fatto chillo ch'erama fa', è Genny che c'ha cummannato!
    Carlucciello: Genny è nu pisciazzo! 'A gente ca te fa guadagna' e sorde nun s'accide, s'accata! A Zecchinetta 'o vulevemo bene tutte quante assaje!
    Tonino: E pecché ha continuato a fa' affare cu Conte?
    Carlucciello: Ma chi cazzo se ne fotte cu chi vuleva fa' l'affare! Zecchinetta era uno 'e nuje, 'o vuo' capi' sì o no?
    Tonino: E tu 'o vuo' capi' ca mo' simme nuje chille che contano? [lo zio gli da uno schiaffo]
    Carlucciello [rivolto a un amico di Tonino che si stava avvicinando]: Tu statte buono lloco e nun te movere! [rivolgendosi poi al nipote] Guaglio', tu nun t'hê permettere, hê capite? Tu e sta vrangata 'e piscitielle 'e cannuccia de cumpagne tuoje v'avit' 'a 'mpara' a purta' 'o rispetto pâ gente ca tene cchiù anne e cchiù esperienza 'e vuje, hê capite?
    Tonino [estraendo la pistola e puntandola contro lo zio]: Site vuje ca nun capite!
    Carlucciello: Nun fa 'o scemo, acala sta cosa!
    Tonino: Site vuje ca nunn'ata capite manco 'o cazzo! Site comm'e machine ca nun camminano cchiù, avit' 'a ji' sulo ô scasso!
    Carlucciello: Ah sì? E allora spara, famme vede' quanto sî ommo! Si' accide a me, accide a te stesso, omme 'e mmerda!
  • E chiammalo, sta vota faccio je 'o nummero, | appicecate è inutile | pecché già saje ca te vene a cerca', | lui ama te | e pure tu ce tiene, | si legge nei tuoi occhi | ca tu nun te fide 'e sta'. (Tonino) [ultime parole canticchiando E chiammalo di Anthony, prima di essere ucciso dal mitra dello zio]
  • 'A guerra, Mari', nunn'a vince chi è cchiù forte, 'a vince chi è cchiù bravo a aspetta', e chisto nisciuno 'o ssape fa' meglio di noi femmine! (Imma)
  • Fa chillo c'aggio ditto, si te vuo' salva' a vita! (Imma) [ultime parole al termine del discorso fatto a Ciro, poco prima di essere uccisa in strada]

Episodio 12Modifica

  • Nun ce sta' mammà là dinto! [riferito alla bara] Nun ce sta niente! Mammà se n'è juta! Tu ci credi in Dio? Quel Dio che tutto vede e tutto sa? Je ce credo, credo ca è tutto nu disegno suoje. Quanno tu me purtaste a spara' chillo cristiano pâ primma vota e po' m'hê protetto cu mio padre, Dio sapeva ca l'ira sparato tu e no je! Quanno Salvatore Conte è turnato, quanno Danielino è muorto, Isso 'o sapeva. Isso sape tutte cose! Sapeva pure ca oggi je e te stevema dinto a sta machina, nuje sapimmo chillo ca vulessemo fa', ma solo Dio sape comme va' a firni' veramente sta storia! (Genny)
  • [Ciro entra nel rifugio di Salvatore Conte e dei suoi uomini]
    Salvatore: È arrivato, 'o vi'! E comm'era chillo fatto ca 'e Savastano erano 'o passato? Guarda cca comme stammo! Je penzo ca tu a Gennarino nuosto l'hê sottovalutato e mo' sî rimasto sulo tu. Gennarino e 'e guagliuncielle suoje s'hanno fatto a tutte quante!
    Ciro: Nun so' nisciune! So' muorte che camminano e si me state a senti' a mme, c' 'e facimmo a tutte quante!
    Salvatore [ai suoi uomini]: Guaglio', chisto tene 'e ppalle, chisto è 'o mast'! Ciru', tu 'o ssaje ca ogni furnaro, ogni salumiere, ogni lattaro da cca a Melito sta cercanno a tte e ce stanno cientocinquantamila piezze pe chi dice tu addo' staje! Je e tu nun tenimmo cchiù niente a ce dicere! [rivolgendosi a un suo scagnozzo] Guaglio', piglia 'a cerata ca nun voglio spurca' 'nterra!
    Ciro: Allora pecché sî turnato Salvato'? Tu 'o ssapive ca a Tonino Russo l'aggio acciso je, e sapive pure ca 'e viecchie dâ paranza nunn'erano cuntente 'e Gennaro. Tu staje cca pecché sta guerra 'a vulive fa' pure tu! [uno scagnozzo porta Ciro su una sedia mentre Salvatore prende un macete] Pecché chesta è 'a casa toja e sul' 'e cane se fanno caccia' a calci in culo!
    Salvatore: Je mo' te taglio 'a capa e ce 'a porto a Gennarino, ce faccio a pace e m' 'o faccio da' chillo ch'era 'o mio e po' me ne torno â Spagna! [puntando il macete alla gola di Ciro] Che dice, merda? Eh?
    Ciro: Je dico ca tu vuo' 'a capa 'e Gennaro Savastano e sulo je t' 'a pozzo purta'!
  • Diego: E adesso che succede?
    Genny: Aggi' 'a regola' nu viecchio cunto!
    Diego: Che conto?
    Genny: Diego, si je te tradisco a te ca me vuo' bene veramente e je invece bene nun te ne voglio proprio e penzo ca sî sulo nu povero scemo. Si je accido a tua mamma sulo pecché ha cercato 'e te proteggere da me, tu che me facisse?
    Diego: Je t'accido!
    Genny: Bravo! Diego, io ti insegnerò tutto, te faccio addiventa' nu grand' ommo, però m'hê promettere na cosa: nun t'hê fida' maje 'e nisciuno! Mai! Nemmeno 'e me!

Altri progettiModifica