Elf - Un elfo di nome Buddy

film del 2003 diretto da Jon Favreau

Elf - Un elfo di nome Buddy

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Elf

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2003
Genere commedia, natalizio
Regia John Favreau
Soggetto Joseph Kesselring
Sceneggiatura David Berenbaum
Produttore Shauna Robertson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Elf - Un elfo di nome Buddy, commedia natalizia statunitense del 2003, regia di John Favreau.

FrasiModifica

  • Se trovi un chewing-gum per strada non raccoglierlo, non è un dolcetto gratis. (Babbo Natale)
  • Ehi ragazzi, avete visto che roba? È bello vero? È troppo bello. La direzione si è rivolta a un professionista, qualcuno sta cercando di farmi le scarpe, ma attenzione: dobbiamo rimanere uniti, ok? Perché se fuori me, fuori anche voi. Se fiutate manovre sospette chiamatemi subito via radio sul canale tre, parola d'ordine: Babbo Natale ha i reumatismi. (Gimbels)
  • Franciscouuuu... franciscouuwu... franciscowuwu... franciscooowu. (Buddy)
  • Mi sa che quello è un elfo del polo Sud. (Buddy) [Dopo che è stato picchiato da Miles Finch]

DialoghiModifica

  • Fun Fun: Un vero genio ieri con quella storia delle capacità speciali.
    Ming Ming: Si, ma sto male per lui. Spero tanto che non scopra la verità.
    Fun Fun: Beh, se non ha capito che è un umano fino adesso non lo capirà mai.
  • Buddy: Ooh, guardaa. Che cos'è questo?
    Gimbels: Questo è il Polo Nord.
    Buddy: No, non lo è.
    Gimbels: Si che lo è.
    Buddy: No, non lo è.
    Gimbels: Si che lo è.
    Buddy: No, non lo è.
    Gimbels: Si che lo è.
    Buddy: No, non lo è.
    Gimbels: Si che lo è.
    Buddy: No, dove sta la neve!
    Gimbels: Perché sorridi così?
    Buddy: Adoro sorridere, è la mia attività preferita.
  • Walter: Ah Emily, io mangio in camera, ho una montagna di lavoro da sbrigare.
    Emily: Sei sicuro?
    Walter: Si, sono indietro con una montagna di roba.
    Michael: Posso mangiare in camera?
    Emily: No.
    Michael: No, perché? Papà mangia in camera sua. Ho una montagna di compiti da sbrigare, ok? Sono indietro con una montagna di roba.
    Emily: Tu mangi qui.
  • Buddy: Paul, non dirgli quello che vuoi: è un bugiardone.
    Babbo Natale finto: Fa parlare il bambino!
    Buddy: Tu mi dai il voltastomaco, come puoi fare questo?
    Babbo Natale finto: Sta calmo, imbecille!
    Buddy: Tu sei sputatamente falso.
    Babbo Natale finto: Senti, vattene via!
    Buddy: Sei un imbroglione.
    Babbo Natale finto: Un imbroglione?
    Buddy: Si
    Babbo Natale finto: Vuoi una sberla? Eh?
  • Buddy: La punta del dito mi batte. [Dopo le analisi]
    Caroline: Resisti, tra poco passa. Come ti chiami?
    Buddy: Buddy.
    Caroline: Io sono Caroline.
    Buddy: Ciao. Che cosa vuoi per Natale?
    Caroline: Susy Parla Parla.
    Buddy: Metterò una buona parola con il capo.
    Caroline: Grazie. Hai un bel costume.
    Buddy: Oh, non è un costume: io sono un elfo. Beh, tecnicamente sono umano, ma sono cresciuto con gli elfi.
    Caroline: Oh, io sono umana cresciuta con gli umani.
    Buddy: Uhm forte.
  • Buddy: Perché c'è il tuo nome sulla scrivania?
    Walter: Io l'ho comprata e ci ho messo il nome così nessuno me la ruba.
    Buddy: Stai scherzando, vero?
    Walter: Certo che sto scherzando.
  • Michael: Come si chiama? [Con la lista di Babbo Natale]
    Giornalista: Io? Charlotte Dannon, New York One.
    Michael: Charlotte Dannon vuole un anello di fidanzamento di Tiffany e che il suo ragazzo si decida finalmente ad ascoltarla.

Altri progettiModifica