Apri il menu principale
Caricatura di una zitella (H. Weir, 1877)

Citazioni sulle zitelle.

  • Abbrilə, tu zətellə lassə 'a camərə, e tu, vecchiə, 'u fucarilə.[1] (proverbio tarantino)
  • Che zitella divento, se mi manca il coraggio di amare la morte! (Arthur Rimbaud)
  • Lei è una zitella isterica non ha mai avuto un marito... né malato, né morente, né vivente. (Il burbero)
  • Non aspiro a una zitella che fuma come un camino, beve come un pesce e si veste come sua madre! (Il diario di Bridget Jones)
  • Solo il vero amore potrà condurmi al matrimonio, ragion per cui morirò zitella. (Orgoglio e pregiudizio)
  • Una vecchia zitella può essere scusata soltanto se ha sofferto trent'anni per un uomo adesso sepolto sotto la neve o sposato ad un'altra donna. (William Somerset Maugham)

NoteModifica

  1. «Aprile, tu zitella lascia la camera, e tu, vecchia, il fuoco.»

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica