Apri il menu principale

Transparent

serie televisiva americana

Transparent

Webserie

Descrizione di questa immagine nella legenda seguente.

Il cast principale della serie.

Titolo originale

Transparent

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno

2014 – in produzione

Genere commedia, drammatico
Stagioni 1
Episodi 10
Ideatore Jill Soloway
Rete televisiva Amazon Video
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Transparent, webserie statunitense ideata e diretta da Jill Soloway.

Stagione 1Modifica

Episodio 1, RivelazioniModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Josh: La band è molto forte. Ti piacerebbe.
    Ali: Ah, davvero?
    Josh: Sì.
    Ali: E come si chiama?
    Josh: Glitterish.
    Ali: Glitterish?
    Josh: Sì.
    Ali: Sembra quasi Clitoris.
    Josh: No, affatto!
    Ali: È quel tipo di band dove una donna se ne sta in disparte a suonare il triangolo?
    Josh: Sì, è così, ma... ma è molto importante per il suono. Davvero.
  • Mort/ Maura: [Sarcastico] Sei sempre un vero fenomeno a ordianre da mangiare...
    Sarah: Mh, grazie. Potrei scriverlo sulla mia lapide. "Sapeva che cosa ordinare"...
  • Ali: Sarah, non assumo glutine!
    Mort / Maura: Hai probemi con il glutine?
    Ali: Sì, ho problemi con il glutine!
    Josh: Sì, ha davvero un sacco di problemi con il glutine... Anche con le gambe senza riposo...
    Ali: È la sindrome della gamba senza riposo!
    Josh: E col virus di Epstein-Barr...
    Sarah: ...avvelenamento da mercurio... fibromialgia...
    Josh: ...affaticamento cronico ...Malattia di Lyme...
    Ali: Sì, sul serio. È documentata!
    Josh: Ha sempre la Malattia di Lyme! Saranno in quattro a Los Angeles...
    Ali: Scusate se ho un trauma sotto l'ascella!
    Josh: ...e Ali è una di loro! Anche se è durata poco!
  • Qui dentro a cena vige la regola di ferro: lascia che si sporchi come vuole, poi lo ripuliremo. (Ali)
  • La settimana scorsa mi ero imposto di dirlo ai ragazzi, ma non ce l'ho fatta. Non era ancora il momento giusto, capite? Ma lo farò. E succederà presto. Voglio promettervelo. [Alza la mano] Ve lo prometto! (Mort/Maura) [Giuramenti dalle serie televisive]

Episodio 2, CambiamentiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Mort/Maura: Quando avevo cinque anni io se-sentivo che c'era qualcosa che non andava. Non sono riuscito a parlare con nessuno del mio lato femminile... Era un periodo diverso, sai... Del tutto diverso. [...] Così ho dovuto tenere tutti i sentimenti dentro di me...
    Sarah: Papà... Papà...
    Mort/Maura: No, lasciami parlare, ti prego, Dio, lasciami parlare! C'è qualcuno che ha una vita segreta e c'è chi vive profondamente solo e... si vede che è per questo che internet è stato inventato!
    Tammy: Internet, sì. Che grande cosa internet! È magico...
    Sarah: Scusa, ma io non... Scusa, papà, ma io non sto capendo... Potresti aiutarmi a venirne fuori? Stai... Mi stai dicendo che ti sei vestito da donna per tutta la vita?
    Mort/Maura: No, amore. Per tutta la mia vita... per tutta la mia vita mi sono travestito da uomo! Io sono così. [Coming out dalle serie televisive]
  • Cosa dice il dottore? | Cosa dice il dottore? Dovrei scrivere una canzone. Potrei andare avanti così per tutta la vita! Potrei morire, portei marcire per bene nella mia bara e nessuno se ne accorgerebbe. (Shelly)
  • Ho fatto, come posso dire... tutta la trafila ebraica. A partire dal gioco delle sedie, che poi arrivi ai venticinque anni e poi, santo cielo, scegli l-la tipa che ti sta più vicino! Poi abbiamo fatto tre figli, due case diverse e ho avuto una valanga di animali e poi... è finita la commedia. (Mort/Maura)

Episodio 3, DonneModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Mort/Maura: Credo che il prossimo a cui lo dirò sarà Josh. [...] Pensi che sia pronto?
    Sarah: No, non si è mai pronti. È come partorire. Hai presente? Un bel giorno il bambino nasce e tu prendi coscienza.
  • Volevo farti sapere che stavo pensando a te e che mi ha fatto piacere ricevere il tuo messaggio. Allora per favore lasciamene ancora perché quando sento la tua voce io sto meglio. Ok, adesso ti saluto. Scusa se continuo a chiamarti! (Messaggio di Sarah nella segreteria di Tammy)
  • Ehi, Kaya! Non capisco perché non richiami. Sono stufo di parlare con la segreteria, capisci? Possibile che non ti sia venuta voglia di rispondere anche solo per salutare? (Messaggio di Josh nella segreteria di Kaya)
  • Segreteria di Tammy: Ciao, qui è Tammy Cashman. Sai che sao devi fare, per cui spara!
    Sarah: Tesoro, l'ho fatto. Ho lasciato Len. Oh, mio Dio. Sai, penso che sia andata bene, che l'abbia presa bene. Adesso devo... dirlo ai bambini. Domani li porto da mio padre. Secondo te è l'occasione giusta? Oddio, non so cosa fare. [...] Dove sei, amore? Devo parlare con te! Mi vuoi richiamare, per favore?
  • [Ali è sotto l'effetto della droga "moon rock"]
    Ali: Mi piace la tua macchina, è molto carina. Credo che ci si senta così a stare nell'utero materno, ma forse lì non si riesce a fare così con le braccia... Hai una faccia molto simpatica, sai? Da dove vieni?
    Tigran, il tassista: Vengo dall'Armenia.
    Ali: Oh, e là c'è la tua famiglia...
    Tigran, il tassista: Sì...
    Ali: E sei triste per questo?
    Tigran, il tassista: Vivere vuol dire essere tristi.
    Ali: Posso prendere una caramella? [...] E così tu vai sempre a comprare le caramelle da comprare ai tuoi clienti?
    Tigran, il tassista: Ma certo. Basta fare un salto al supermercato.
    Ali: Questo è talmente gentile da parte tua... andare al supermercato apposta per comprarci le caramelle... Mi dispiace così tanto per il genocidio del popolo armeno.

Episodio 4, DomandeModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • [Reagendo, sotto l'effetto di droghe, al coming out del padre] Adesso ti vedo tutto come se non ti avessi mai visto prima! [...] Papà, oh santo cielo! E adesso come ti devo chiamare? (Ali)
  • Rivelare il segreto di un trans è come un atto di violenza. Sarebbe come spogliare una persona in una mensa e costringerla a mangiare da sola. (Sarah)
  • Ha passato tutta la vita senza sapere dov'è la sua zona T sul viso? Povera anima persa... (Make-up artist) [Mentre trucca Mort/Maura]

Episodio 5, Rivelazioni atto secondoModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Mort/Maura: Prendi anche delle pastiglie?
    Davina: No, non più. Prima prendevo queste: Premarin.[1]
    Mort/Maura: Oh, Premarin. Fa vedere.
    Davina: Sì.
    Mort/Maura: Ma... se le prendo?
    Davina: Non ti succede niente! Sono estrogeni, non eroina, tesoro! [Mort/Maura ingoia una pastiglia] Allora?
    Mort/Maura: Mi si sta già gonfiando il seno.
  • Sono gli ebrei che hanno più ansie della media delle persone o io lo noto solo perché conosco più ebrei? (Josh)
  • Rabbi Raquel: Senta, pensa che a Ed faccia piacere la mia visita? Potrei leggergli qualcosa.
    Shelly: Sono libri ebrei quelli?
    Rabbi Raquel: Sì, stampati di fresco duemilacinquecento anni fa.
    Shelly: No, non gli piace quella roba. A lui piace Stephen King. Non ce l'ha Stephen King?
  • [Mort, vestito da donna, incontra un vecchio amico]
    Mort/Maura: Gary.
    Gary: Gesù Cristo! Morty?
    Mort/Maura: È passato un po' dalle partite di squash, vero?
    Gary: Puoi giurarlo. Che sarebbe quello che hai addosso?
    Mort/Maura: Oh, be'... Questo è... Qualcuno la chiama collana. Ehm, e questo è... Io credo che si chiami scialle. Un anello.
    Gary: Anche lo smalto sulle unghie...
  • Josh: Ehi, stavo cercando di dire che papà è un cazzo di travestito!
    Sarah: Quella non è la parola giusta! Ok? È un trans!
    Shelly: Ah, quello. Certo che lo so. Pensate che sia una stupida?
    Ali: Ommioddio.
    Josh: Tu lo sai?! Lo sapevi?!
    Shelly: Era il suo... vizietto. Il suo vizietto personale. Tutti ne hanno uno. Questo lo può confermare anche lei, vero Rabbina? Tutti ce l'hanno, vero?
    Rabbi Raquel: Be', suppongo che tutti ne abbiano un paio...
    Shelly: Grazie.
    Josh: No-no-no-no. No-no-no. Solo desso lui è in quel modo! E si mostra anche in pubblico!
    [...]
    Shelly: Volete dire che adesso si fa vedere in giro vestito da donna?
    Sarah: Sì.
    Shelly: Oh.
    [...]
    Josh: Sono andate con lui al Beverly Center vestito in quel modo!
    Shelly: Oh. Nessuno dovrebbe andare al Beverly Center.

Episodio 6, Incontri e scontriModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Josh: [Parlando di Mort/Maura] Credo che abbia perso la ragione! Sono andato in rete a controllare i sintomi e il primo segno della demenza è il cambio di personalità!
    Sarah: Oddio...
    Ali: Non è demenza!
    Josh: Ha bisogno sempre di stare al centro dell'attenzione. Come quando al compleanno di Zack si è presentato vestito da apicoltore!
    Sarah: C'era da ammazzarsi dal ridere quella volta!
    Josh: No, invece. È inopportuno. Secondo voi è tutto vero?
    Sarah: Ma certo che è vero!
    Ali: È stravero.
    Josh: Ok, allora che cosa significa? Che tutto quello che ha fatto prima è stata una finzione? Che ha passato la vita a recitare?
    Ali: No... Significa che si può ricominciare.
  • Sarah: Questa sera il nonno verrà da noi.
    Ella: Sììììì!
    Sarah: Il nonno adesso si veste co-come una donna.
    Zack: Ma resta sempre un maschio, vero?
    Ella: Eeeh?!
    Sarah: Per la verità no. Adesso lui è come... è proprio come una femmina. Prendi quest'orso. Come facciamo a sapere se è maschio o femmina?
    Ella: È femmina perché ha la vagina!
    Sarah: Non lo so, tu vedi la vagina?
    Tammy: No.
    Sarah: Non lo sappiamo.
    Zack: Non ha la vagina, non ha niente. Ha solo il pelo.
    Sarah: Allora come facciamo a saperlo?
    Ella: Non lo so.
    Zack: Non si vede se ha il pene, però. Non lo so neanch'io.
    Ella: I maghi possono cambiare. Il nonno è un mago?
    Sarah: Sì, già! Lui... Cioè... è una maga!
    Tammy: Devi raddrizzare il tiro. Cioè... Sai...
    Sarah: Ok, qui non c'entra la magia. In realtà lo può fare chiunque.
    Tammy: Cioè, non è una cosa facile. È abbastanza difficile in effetti. Non [che uno pu; andare avanti e indietro come vuole.
    Ella: Il nonno sarà pettinato bene quando viene?
  • Professoressa del corso sugli studi di genere:[2] Le donne sanguinavano senza morire e gli uomini avevano paura, per cui è nata la storia. Il viaggio dell'eroe era soltanto un modo epr uscire dalla paura. Perché la donna sanguinava senza morire. Da la il passo verso il pap test è stato breve. Anche il passo verso la teoria è stato breve e dalla teoria scaturiscono i commenti di Audre Lorde sull'assalto al castello del padrone effettuato proprio con gli strumenti del padrone. [...] Perché non è tanto quello che si prova, quanto quello che si sente! Il sentire non c'entra, perché il sentire è troppo femminile! [...] Il maschio insiste nel separare le cose con un punto esclamativo. Tutti questi punti di per sé rappresentano piccoli stupri. È proprio il modo con cui un punto esclamativo conclude una frase. Lui dice "Smettila di parlare, donna!"
    Syd: Sei mai stata stuprata da un punto esclamativo?
    Ali: Una volta mi ha violentata tutto il branco. Punti interrogativi, punti esclamativi e punti e virgola!
    Syd: Ah, che brutalità...
    Ali: Sì, è stato un trauma...
    Syd: E non ne parla nessuno...
  • Ali: Grande il discorso sulla cultura dello stupro e l'allattamento al seno... Grazie per avermi fatto ascoltare la sua lezione.
    Professoressa del corso sugli studi di genere: È molto femminista ascoltare!
    Ali: Già, certo.
    Professoressa del corso sugli studi di genere: Non è per niente antifemminista!
  • Politicamente sono abbastanza lesbica. Vedo privilegi maschili ovunque... Anzi, mi piacerebbe essere lesbica, ma no. Non è così. A me piacciono i maschi, capisci? I maschi. I maschi. I mascolini maschi. (Ali)
  • A me piacciono i libri. Sì, come elemento di design. (Tammy)
  • [Parlando della peregrinazione nel deserto del Sinai raccontato nel Libro dell'Esodo] Se guardate la cartina, la terra promessa non è poi così lontana da dove viveva Mosè. Era un po' come andare da qui [California] fino in Messico. Non era così lontana. Ma metterci quarant'anni! [...] Però Dio ha avuto bisogno di tutti quegli anni per rendere degli schiavi degli uomini liberi. La generazione precedente ha dovuto morire, non è entrato nessuno di quella generazione. Solo quelli che sono nati liberi, quelli che sono nati nel mezzo del deserto hanno visto la terra promessa. (Rabbi Raquel)
  • Josh Pfefferman! Che cosa Pfeffer ci fai qui tutto vestito?! (Rabbi Raquel) [A Josh, che si è presentato alla sinagoga]
  • Rabbi Raquel: Adesso i miei ovuli sono fragili e raggrinziti, quelli di una vecchia signora... Un po' come se fossero...
    Josh: Scommetto che invece sono ancora belli arzilli, dai!
    Rabbi Raquel: Oh, sono sicura che lo dici a tutte quelle che incontri!
  • È colpa del mio tono? Be', questo è il registro delle mie corde vocali ed è questo che confonde sempre tutti. Ma se volete posso cambiare tono. [Fa una vocina stridula] Posso parlare in questo modo, come fossi una signora, ok? Vi sentireste meglio se poteste vivere su un pianeta abitato solamente da donne? Potete sempre partire a bordo di un'astronave a forma di utero! [...] [Prende in mano un coltello] E io mi posso tagliare l'uccello! Sarebbe più facile per tutti, non è vero, se fossi una femminuccia anch'io? (Len)
  • Sarah: Spero di non rovinare i bambini con tutte queste assurdità...
    Mort/Maura: Tu ricordi le nostre assurdità?
    Sarah: Sì. Solo che sono mescolate ai bei ricordi.

Episodio 7, Talent showModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • [In un negozio d'abbigliamento]
    Ali: Un uomo cosa intende per "molto femminile"? Questa qui con il pizzo? [Mostrando un vestito]
    Syd: No, quello è per quando trovano il tuo corpo nella stanza di un motel.
  • Syd: Io sono poco femminile. Camicia da uomo.
    Ali: E io come sono?
    Syd: Sei della terra di mezzo.
    Ali: Tipo Lo Hobbit?
    Syd: No, il tipo che vive nella metro. Sei una femmina di talpa.
  • Josh: Cioè quello vorrebbe diventare una donna?
    Ali: No, quello è una donna.
    Josh: Non ci credo...
    Sarah: È stato operato sotto?
    Ali: Non ancora.
    Josh: Non è stato operato sotto?!
    Ali: Ha ancora la vagina.
    Josh: Cosa?! Quella?! Eh, mi rendo conto adesso che... ciò significa che ... quattro Pfefferman su cinque preferiscono la passera!
    Ali: Io concordo e ribadisco che quattro su cinque Pfefferman preferiscono la passera!

Episodio 8, Gita autunnaleModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Judy: Perché non fate terapia di coppia?
    Shelly: Non ho intenzione sprecare soldi con un dottore per sentirmi dire che con mio marito devo fare più sesso orale!
  • [Scena ambientata nel 1994]
    Shelly: Credo che gli piacciano le cose strane.
    Judy: Strane?
    Shelly: Non posso... non... non posso dirlo.
    Judy: Andiamo, adesso devi parlare.
    Shelly: No... No...
    Judy: Che cosa?
    Shelly: Lui vuole, ecco... Ma tutti gli uomini lo fanno? Lui si... si mette le mie mutandine quando facciamo l'amore. Io ho dovuto... Ho dovuto farlo smettere di farlo...
    Judy: Aspetta, aspetta... Che vuole dire "se le mette"?
    Shelly: Sopra. Lui...
    Judy: Sopra?
    Shelly: ...Lui se lo impacchetta per bene dentro le mie mutandine! E così ha la vulva più grande che abbia mai visto![3] [Ridono]
  • [Al Camp Camelia, ritrovo per travestiti]
    Connie: Lo sapete che siste una carta dei diritti delle mogli?
    Mort/Maura: Ma scherzi, davvero?
    Connie: Sì, non potete prenderci i vestiti senza prima chiederci il permesso.
    Mark/Marcy: Be', tanto mia moglie porta la trentotto! Io sono una trentotto alla seconda!
  • Jackie: Siamo travestiti, ma siamo ancora uomini!
    [...]
    Mark/ Marcy: Siamo maschi!
    Jackie: [Brindando] Siamo uomini con la gonna!

Episodio 9, Rivelazioni atto terzoModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Shelly: Dimmi, adesso che hai deciso di essere per sempre così ti vedi ancora con qualche donna?
    Mort/Maura: Sì, insomma io... sono pur sempre un uomo.
    Shelly: Per cui sei lesbica?!
    Mort/Maura: Be'...
    Shelly: Perciò il nostro era un matrimonio gay prima che diventasse di moda? [Ridono]
  • Syd: Ehi, so perché eri là [a casa di Dale per corteggiarlo.]
    Ali: Perché?
    Syd: Perché volevi imparare. La mia maestra aveva detto a mia madre di ritagliare le lettere e di darmele mentre facevo il bagnetto perché io apprendo con il tatto. Tu... apprendi con la vagina.
    Ali: Davvero?
    Syd: Sì, hai bisogno di ficcarci dentro qualcosa per imparare.
    Ali: [Prende in mano un disco in vinile] Ehi, che cos'è? Un momento, fammi controllare. [Mima l'atto di inserire e poi tirare fuori il disco dalla propria vagina] Oh! Oh, guarda un disco! [Fa spuntare da sotto il tavolo il disco]
    Syd: Esatto.
    Ali: Visto?
    Syd: O anche... Oddio, ma che cos'è questo gigante che ho dentro? Ah! [Anche lei fa finta di tirare fuori qualcosa dalla vagina] È la Statua della Libertà!
    Ali: Ahia! Finiscila! Non la metterei mai nella mia vagina.
  • [Parlando dopo aver fumato marijuana]
    Len: Ti dirò la verità: non c'è niente che batta le tue tette.
    Sarah: Tammy adora queste mie tette esagerate. [Ride]
    Len: Be', almeno c'è una cosa su cui siamo d'accordo.
    Sarah: Non però sui divani.
    Len: Siamo d'accordo anche su due cose.
    Sarah: Qual è quest'altra cosa?
    Len: Che le tette sono due! [Ridono]
  • [Parlando dei rispettivi lavori]
    Josh: [...] prima di tutto bisogna riuscire a scovare una band del tutto sconosciuta e quando ci riesci, quando l'istinto ti dice che è quella buona, che il sound della band è quello, allora a quel punto è fatta.
    Rabbi Raquel: Ecco, io invece sono letteralmente l'opposto di te. Devo prendere una storia molto molto ma molto vecchia che tutti hanno sentito un milione di volte e cercare di farla sembrare nuova di zecca.
  • [Scena ambientata negli anni '90] Dunque, il mio amico Harry è andato dal dottore l'altro giorno per ritirare gli esami del sangue che aveva fatto la moglie. L'infermiera gli ha detto che era stato commesso un grave errore dal laboratorio. C'erano due signore Finkelstein: gli esiti di una delle signore risultavano positivi all'Alzheimer, gli esiti dell'altra signora Finkelstein erano positivi allo scolo. Harry gli ha detto: "Perché non rifate gli esami del sangue?" E l'infermiera: "L'assicurazione non pagherebbe." [...] Harry dice "Secondo gli esami mia moglie ha l'Alzheimer oppure ha la gonorrea. E che cosa diavolo dovrei fare secondo lei?" E l'infermiera "La porti fino a Burbank e se poi trova la via di casa... non vada a letto con lei!" (Ed) [Barzellette dalle serie televisive]

Episodio 10, La famigliaModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Oggi siamo qui riuniti per ricordare la vita di Ed Paskowitz che ha vissuto sempre con dignità, benevolenza e rispetto anche quando la malattia peggiorava è rimasto meravigliosamente positivo e so per certo che amava molto la sua famiglia. Per questo oggi celebreremo la sua vita. (Rabbi Raquel) [Elegie funebri dalle serie televisive]
  • Salve, parente dello sposo o della sposa? (Mort/Maura) [Accogliendo i visitatori dopo il funerale di Ed]
  • Ali: Perché si devono coprire gli specchi [durante un lutto]? Cioè, che cosa c'è scritto sulla Bibbia, sulla Torah o su altri libri a questo proposito?
    Rabbi Raquel: No, non è scritto sulla Bibbia, è solo una tradizione. È per liberarsi dalla vanità, liberarsi della sovrastruttura di farsi vedere per essere e basta.[4]
  • Alla scuola elementare di Westlake c'era la signora Painter e io stavo nella fila delle bimbe e mi sembrava giusto [...] e, ehm lei mi ha fatto cambiare fila, dovevo stare con i maschietti. È stato allora che ho scoperto di avere qualcosa di... diverso. (Mort/Maura)
  • Ali: Mi stai dicendo che non ho fatto il Bat mitzvah perché papà è voluto andare nei boschi a vestirsi da donna?!
    Shelly: Questo e perché eri viziata.
  • Perché è questa la religione di famiglia: la segretezza! (Ali)
  • Colton: [Cenando con una famiglia ebrea] La preghiera avrà più forza se restiamo tutti uniti. Io ti ringrazio, Santo Padre, per questo cibo, per questo giorno e per queste splendide persone. Nel nome di Gesù, ti preghiamo.
    Mort/Maura: Poveri noi...

Stagione 2Modifica

Episodio 1, Kina HoraModifica

  • [Voto nuziale] Mia dolce amata, ti prometto di crescere con te, di gioire della tua crescita, di fare l'amore con te, di rendere grande l'amore con te e soprattutto di ispirarti, di essere la parte migliore di te, la parte migliore di te. (Tammy)

Episodio 2, Flicky Flicky Tamp TampModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Bel taglio! [...] Sì, è una trecciona interessante. [...] Non dirmi che sei entrata in qualche setta poligama. Cos'è? La casetta punk nella prateria? (Syd) [ad Ali]
  • Colton: L'altro giorno ho cercato "trans" su YouTube e ho visto una donna molto buffa che indossava una mantella. Quella è... una roba da trans?
    Mort / Maura: No, no. Non credo. Ritengo sia più una roba da YouTube.
  • Ho scoperto che vado matta per la torta nuziale lesbica! (Ali) [mangiando la torta stantia del matrimonio]
  • Sai una cosa, Sarah? Io ho un'anima meravigliosa! Voi invece siete tutti... dei mostri! (Tammy) [ubriaca]
  • Io sto soffrendo! Io sono la tua sofferenza! (Tammy) [ubriaca]

Citazioni su TransparentModifica

  • Transparent è un capolavoro. È un romanzo borghese con implicazioni universali in forma di serie tv. Parla di identità sessuale ed egoismi personali. Di inevitabilità della famiglia e di liti immobiliari e di segreti. [...] E nessuno, in Transparent, è un personaggio monoblocco. L'identità sessuale viene raccontata come un processo fluido, in continua definizione. (Maria Laura Rodotà)

NoteModifica

  1. Cfr. Premarin
  2. Cameo di Jill Soloway, ideatrice della serie.
  3. Nella versione originale: «It was the biggest camel toe I've ever seen!»
  4. Cfr. Morte nell'ebraismo

Altri progettiModifica