No grazie, il caffè mi rende nervoso

film del 1982 diretto da Lodovico Gasparini

No grazie, il caffè mi rende nervoso

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

No grazie, il caffè mi rende nervoso

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1982
Genere commedia
Regia Lodovico Gasparini
Soggetto Massimo Troisi
Sceneggiatura Lello Arena, Michael Pergolani, Stefano Vespignani
Produttore Mauro Berardi
Interpreti e personaggi

No grazie, il caffè mi rende nervoso, film italiano del 1982 con Lello Arena e Massimo Troisi, regia di Lodovico Gasparini.

FrasiModifica

  • Pronto Nicò! Nicò t'aggia sparà t'aggia levà n'coppa 'a faccia da terra nun ce pozzo fa niente! He 'a murì! He capite che he 'a murì! Comme?... Casa Signoriello! (Il maniaco che telefona)
  • Nun te preoccupà Papà ce stà 'o commissario, ce stànno duie guardie... grosse! [il padre di Massimo per telefono sente male] Eh! Mo so Kruschev mettevano le guardie rosse... grosse! (Massimo)
  • Nun è overo, io nun voglio cagnà Napule, a me me piace 'a pizza, 'o mandulino... e ppoi cagnate Mantova, Rovigo... io so' gghiut' a Rovigo co' mio padre diec' ann' fa... so' turnat' è semp' 'a stessa... cagnate Rovigo!! (Massimo)
  • E tu chi sì scartiloffista o scatuozzo? (Il camorrista) [a Michele per sapere se è un truffatore o uno specialista del furto con scasso]
  • Fa movere 'a dannosa [lingua] si no pe te vene subito 'a certa! [la morte] (Il capo camorrista)
  • 'A coscia 'e cavallo mia nun perdona! (camorrista) [riferendosi alla sua pistola]
  • Purtammele rint' 'a santosa [chiesa], iamme muvite 'e fangose! [le scarpe] (capo camorrista) [dà gli ordini di portare con sé Giuffrida e Dieci Decimi]

DialoghiModifica

  • James Senese: Te ne 'e a ji a ca 'ncopp! Te scasso 'o sassofono n'faccia! Totò! Toto! Caccia a stu pazzo! E che giornale si, famme sentì!
    Michele: Il Mattino.
    James Senese: 'O Matin'. Dì 'o Matin' che vene a ccà e me porta n'ate giornalista pecché tu sì scemo! Sì proprio scemo! Te ne 'e 'a ji, t''o scasso n'faccia! Vattenne!
  • Commissario: Michele Giuffrida alzati! Quella che stai facendo è una sceneggiata, una sporca sceneggiata!
    Michele: Ma perché che tieni a dicere ra a "Sceneggiata"? [mentre si alza e prende il commissario per il bavero della giacca]
  • [Dopo uno sparo, Michele presta soccorso a un uomo che si accascia a terra e si accorge che sta perdendo sangue]
    Michele [rivolto a Dieci Decimi]: Dieci De', ce sta nu ferito, vien' a ccà! [rivolgendosi poi al ferito] State calmo! Se non vi agitate è meglio. Chi siete?
    Ferito: Sentite, sentite che profumo vene 'a mare... | pecché proprio stanotte e no dimane?
    Michele: Chi è stato? Chi è stato?!
    Ferito: Guardate quanta gente 'aret' a vuje [Michele si volta e vede che non ce nessuno] | e tutti m'addimannano: "Chi è stato?" | Pe mme so' stat' lloro... | o forze vuje?
    Michele: Io?
    Ferito: Pure stanotte so' stato sfurtunato... E vuje chi site? addo' stiveve, quanno je sbagliavo... e nun me preoccupavo dd' 'e llacrime e mia madre e mio padre? Pecché vuje o cunosciveve bbuono a mio padre!
    Michele: No, mai visto!
    Ferito: È stato...
    Michele: Chi è stato?! Chi è stato?!
    Ferito: È stato... bello. [il ferito poi, ansimando, farfuglia qualcosa] Manniti di riale...
    Michele: Chi?!
    Ferito: Mannitidiriale!
    Michele: Mannitidiriale? [l'uomo ferito muore]

Altri progettiModifica