Apri il menu principale

Fuori controllo

film del 2010 diretto da Martin Campbell

Fuori controllo

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Edge of Darkness

Lingua originale inglese
Paese USA, Regno Unito
Anno 2010
Genere drammatico, thriller
Regia Martin Campbell
Soggetto Troy Kennedy-Martin (serie TV)
Sceneggiatura Andrew Bovell, William Monahan
Produttore Graham King, Timothy Headington, Michael Wearing, Bruce Davey
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Fuori controllo, film statunitense del 2010 con Mel Gibson, regia di Martin Campbell.

TaglineAlcuni segreti possono spingere un uomo oltre ogni limite.

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • C'è un momento in cui chiunque può diventare attivista, specialmente quando accade qualcosa di così sbagliato che senti di dover agire, anche rischiando la vita. (Darius Jedburgh)
  • Non devi essere perfetto, ma ci sono delle regole fondamentali da rispettare: fai sempre quello che puoi per la tua famiglia, vai a lavorare ogni giorno e di' come la pensi, non far male a nessuno se puoi evitarlo, e non trattare mai con i disonesti. (Thomas Craven)

DialoghiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Darius Jedburgh: Io non ho figli. Ma forse è meglio non averne avuti, che vederne uno morire.
    Thomas Craven: No. Vale comunque la pena.
  • Darius Jedburgh: Lei sa meglio di chiunque altro che i casi come questi restano irrisolti, non perché siano troppo complicati, ma perché accadono delle cose inspiegabili, per cui non si riesce più a collegare "a" con "b".
    Thomas Craven: E lei come lo sa?
    Darius Jedburgh: Perché sono io quello che impedisce di collegare "a" con "b". È il mio lavoro.
  • Thomas Craven: Sta dalla mia parte?
    Darius Jedburgh: È una domanda difficile. Se ricorda, Scott Fitzgerald definiva l'artista come un uomo che ha due idee opposte in testa e riesce a credere ad entrambe contemporaneamente.
    Thomas Craven: L'ho sentita, sì.
    Darius Jedburgh: Diciamo che è il mio punto di partenza.
    Thomas Craven: Quindi come ci si sente a non essere proprio nessuno sempre?
    Darius Jedburgh: Non so cosa significhi perdere un figlio, ma so che significa non averne avuti.
    Thomas Craven: Sì. Non hai nessuno che ti piangerà.

Altri progettiModifica