L'Europa divisa dalla cortina di ferro

Citazioni sulla cortina di ferro.

  • Da ragazzino andavo a giocare sul Carso. E spesso arrivavo alla Cortina di ferro. Oltre c'era un mondo misterioso, inquietante. Il mondo di Tito e di Stalin. Qualcosa di conosciuto e sconosciuto, familiare e impressionante. Un Paese chiuso dalla frontiera. E che mi portava a interrogarmi sulla mia identità: quando cessiamo d'interrogarci sull'identità, andiamo verso la fossilizzazione. (Claudio Magris)
  • Da Stettino nel Baltico a Trieste nell'Adriatico una cortina di ferro è discesa attraverso il continente. (Winston Churchill)
  • La cortina di ferro riuscì a nascondere per un certo tempo l'inferiorità sovietica agli occhi delle masse sovietiche. Ma non poté nasconderla agli occhi del mondo esterno e questo contribuì ad aggravare la paralisi del comunismo in occidente. I lavoratori tedeschi e inglesi, per non parlare degli americani, non potevano essere attirati da un «socialismo» che significava diminuzione della produttività, livello di vita molto più basso e libertà assai minore di quanto avevano in regime capitalistico. (Isaac Deutscher)
  • Non dobbiamo mai dimenticare che ad est della cortina di ferro, ai popoli che un tempo godevano di una piena condivisione della cultura europea, la libertà e l'identità sono state tagliate fuori dalle loro radici. (Margaret Thatcher)

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica