Arcane (serie animata)

serie animata statunitense del 2021

Arcane

Serie animata

Immagine Arcane Title Text.png.
Titolo originale

Arcane

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno

2021 - in corso

Genere azione, avventura, drammatico, science fantasy, steampunk
Stagioni 1
Episodi 9 (in corso)
Rete televisiva Netflix
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Arcane, nota anche come Arcane: League of Legends, serie televisiva animata prodotta da Riot Games e da Fortiche Production, ambientata nell'universo videoludico di League of Legends.

Stagione 1Modifica

Episodio 1, Welcome to the PlaygroundModifica

  • [Vi, Powder, Claggor e Mylo si introducono in un attico di Piltover per svaligiarlo]
    Claggor: E se Vander scoprisse che siamo quassù?
    Vi: Guardati intorno, credi che qualcuno quassù muoia di fame? E oltretutto, Vander avrebbe fatto la stessa cosa quando aveva la nostra età. Io vado, siete con me o no?
    Claggor: Vander ci ucciderà tutti.
    Vi: Si, solo se sbagliamo. Quindi impegnamoci.
  • Chi chiude a chiave un balcone? (Mylo forzando una portafinestra)
  • Powder: Io non ho fatto niente.
    Mylo: Riempiresti una biblioteca con tutto quello che non hai fatto.
  • La vita mi ha insegnato che i problemi ci seguono. (Deckard)
  • Ogni volta che viene lei qualcosa va storto. Tu ci porti sfortuna. (Mylo a Powder)
  • Un piccolo consiglio ragazzi: non minacciate il tizio che vi serve da bere. (Vander)
  • Vi: Sei tu che dici che dobbiamo guadagnarci il nostro posto in questo mondo!
    Vander: Vi ho anche detto più e più volte che il lato nord è off-limits! Ci teniamo lontani dagli affari di Piltover.
    Vi: Perché? Loro hanno tutto e noi ce ne stiamo quaggiù a risparmiare ogni spicciolo. Da quando ti sta bene vivere all'ombra di qualcun altro?
    [...]
    Vander: Tu sei di esempio per quei ragazzi.
    Vi: Si, lo so.
    Vander: Si, ma non fino in fondo. Quando si è un esempio non si può essere egoisti.
    Vi: Io non-
    Vander: Tu dici "correte" e loro corrono, "nuotate" e loro si tuffano, "accendete un fuoco" e loro lo accendono... ma qualcunque cosa accada, la colpa è tua.
  • Vander: Come hanno potuto essere così stupidi.
    Benzo: I più giovani credono che sia la cosa giusta da fare.
    Vander: Si, e Vi è una di loro. Ogni volta che c'è un pericolo ci si butta a capofitto.
    Benzo: Eh, stanno crescendo Vander, vogliono scrivere le proprie storie. Non puoi proteggerli per sempre.
  • Vi: Vuoi parlare di oggi Powder?
    Powder: Che senso ha? Ho rovinato tutto, come faccio sempre.
    Vi: Nessuno ha detto questo.
    Powder: No, hanno solo detto che tu eri molto meglio alla metà dei miei anni, li hai sentiti. Io non sono una guerriera.
    Vi: Ma non devi esserlo. Vedi, io ho questi [stringe i pugni] e tu hai questi. [indica i dispositivi di Powder]
    Powder: Ma non funzionano.
    Vi: Lo faranno. Vieni con me. [...] Lo vedi quello scarico lungo il canale? Claggor è rimasto bloccato lì scappando dalle guardie, si sono fatte una risata e l'hanno lasciato lì. È rimasto bloccato tutta la notte. E quel disegno? Lo vedi? Per disegnare quel dito medio gigante Mylo ha inciampato nel secchio di vernice e stava per cadere, quella macchia l'ha fatta con il culo. E quello... quando ero piccola un tipo ha preso il mio gioco preferito e lo ha lanciato lassù. Venivo qui tutte le notti a fissarlo, forse speravo che il vento o... o magari qualche uccello lo facesse cadere. Tutti abbiamo le giornatacce. Ma impariamo, e restiamo sempre uniti. [...] Mylo si sbaglia Powder, sei più forte di quanto credi, e un giorno questa città ci rispetterà!

Episodio 2, Alcuni misteri dovrebbero rimanere irrisoltiModifica

  • Viktor: Che è successo qui?
    Jayce: Sono gli effetti della scienza.
    Grayson: Per quanto ne so, la scienza non ha bisogno di alcuna attrezzatura illegale.
  • La prigionia, che punizione curiosa. Confiniamo il corpo fisico nonostante la mente resti libera. (Heimerdinger)
  • Heimerdinger: L'arcane è pericolosa, Jayce. È una forza della natura, la scienza non può controllarla.
    Jayce: Ma... magari potrebbe, sono vicino a una svolta, lo sento!
    Heimerdinger: Quanti anni hai ragazzo mio?
    Jayce: Io... ho ventiquattro anni.
    Heimerdinger: Ah. Io invece ne ho appena compiuti trecentosette. Per tutta la vita ho indagato i misteri delle scienze, per poi scoprire che alcuni di essi è bene che rimangano irrisolti. Questo purtroppo è uno di quelli.
  • Elora: Il clan Ferros ha avuto la sua lettera, confermano la stabilità dei commerci.
    Mel: La stabilità è stagnazione, Elora.
    Elora: Mi hanno chiesto di ricordarle che è grazie alle loro innovazioni se lei è la persona più ricca di Piltover.
    Mel: Eppure sono la più povera di Medarda.
  • Per costruire un prototipo bisogna rompere qualche bullone. (Heimerdinger)
  • Bolbok: Trovo che l'arcane sia la maledizione del nostro mondo. Ha quasi sterminato la mia gente.
    Jayce: Sono sicuro che noi, i pionieri della scienza la useremmo per il bene. Siamo i paladini della conoscenza, perché temerla quando potremmo dominarla?
    Heimerdinger: Jayce, basta!
    Jayce: Questa è la Città del Progresso! Pensate alle meraviglie che potremmo creare! Datemi la possibilità di-
    Heimerdinger: Ora basta! Non capisci di aver oltrepassato il limite!? D'altronde come potresti, questo è un fardello che porto soltanto io: il tempo. Ho visto quel potere nelle mani sbagliate, ti corrompe, ti consuma... devasta intere civiltà. Non puoi proprio farlo ragazzo mio, non devi farlo.
  • Piltover è stata fondata per sfuggire alla bellicosità dei maghi, non per coltivarla. (Shoola)
  • Heimerdinger: Ah, quello sciocco ragazzo.
    Viktor: Però devo ammettere che la sua teoria è intrigante.
    Heimerdinger: Se le idee pericolose non fossero stimolanti non si finirebbe sulla cattiva strada.
  • Silco: [osservando delle creature marine] Sono magnifici non trovi? Eppure lassù, in superficie, nessuno sospetta della loro esistenza.
    Deckard: Non sono altro che mostri.
    Silco: Vive un mostro dentro ognuno di noi. [...] Permettimi di rivelarti un segreto fondamentale che ho imparato quando avevo la tua età, ragazzo. Devi sapere che il potere, il vero potere, non lo hanno coloro che sono nati più forti degli altri, o più veloci o più intelligenti. No. Lo hanno solo coloro che sono disposti a tutto pur di ottenerlo. È tempo di liberare il mostro.
  • Voi dei bassifondi siete tutti uguali, confondete l'arroganza con il coraggio. Pensate di battervi per qualcosa di giusto, ma noi sappiamo che c'è un crimine dietro ogni moneta che arriva in questo posto! Sei solo un omuncolo che vive in una piccola fossa che il mondo ha dimenticato di ricoprire, ma io vi seppellirò con le mie mani. (Marcus a Vander)
  • Vander: Continui a non capire.
    Vi: Quello che non capisco è come riesci a lavorare con loro. Noi eravamo qui, abbiamo visto quello che hanno fatto! Sono stata convinta per tutta la vita di essere inferiore a loro, che il mio posto fosse lì sotto. Voglio che Powder abbia più di questo e intendo combattere per darglielo.
    Vander: So cosa provi, anch'io ero arrabbiato, esattamente come te. Ho guidato i nostri su questo ponte pensando di poter cambiare le cose, se non l'avessi fatto i tuoi genitori sarebbero ancora vivi. So che vuoi farla pagare ai piltoviani per ciò che ci hanno fatto, ma chi sei disposta a perdere? Mylo? Claggor? Powder? In guerra non esiste alcun vincitore.
  • Jayce: Ho visto con i miei occhi cosa è in grado di fare la magia. Le vite che potrebbe salvare. Non puoi immaginare quanto sia meraviglioso. Ma ormai è andata, nessuno mi ha creduto.
    Viktor: Nessuno ha mai creduto neanche a me: povero, zoppo, della città sotterranea. Sono stato un emarginato da quando ho messo piede a Piltover, non ho avuto i benefici di un mecenate o di un clan, ho semplicemente creduto in me stesso. È per questo che sono qui, perché sono convinto che tu sia sulla strada giusta e ti voglio aiutare a completare la tua ricerca.
    Jayce: Nessuno lo crede possibile.
    Viktor: Quando stai per cambiare il mondo non devi chiedere il permesso.

Episodio 3, L'uso della violenza brutale per il cambiamentoModifica

  • Vi siete mai chiesti che effetto faccia annegare? È la storia degli opposti. Nell'acqua c'è pace, è come se ti avvolgesse e ti sussurrasse parole accoglienti, e tu senti che ogni problema nel mondo si dissolve. Ma poi c'è anche questa... cosa... nella testa che si agita furibonda e incita i tuoi nervi con violenza a lottare, a sopravvivere! Finché davanti a te fluttua una domanda: ne hai abbastanza? È strano, puoi passare una vita senza mai affrontare una scelta così, ma ti cambia per sempre, ecco perché ti ringrazio, vecchio amico mio. (Silco)
  • Sono fiero di te Vi, lo sono sempre stato. [...] Tu sei di buon cuore, non cambiare mai, anche quando il mondo cercherà di piegarti: proteggi la famiglia. (Vander)
  • Sono gli scienziati che fanno le scoperte, sono loro che rendono il mondo un posto migliore. (Viktor)
  • Silco: Devo riconoscere che è un po' rozzo, l'uso della violenza brutale per il cambiamento, ma sappiamo entrambi che quelli di sopra non capiranno un altro linguaggio.
    Vander: Anche usando i tuoi mostri non vincerai una guerra contro Piltover.
    Silco: Non devo vincere niente, li devo solo spaventare. Non oseranno più mettere piede nel sottosuolo.
    Vander: Farai ammazzare tante persone, e per che cosa? Per orgoglio?
    Silco: Per avere il loro rispetto. Per un'opportunità! Tutto quello che ci hanno sempre negato.
    Vander: Silco, ce l'avevi già il mio rispetto e anche il rispetto dei vicoli ma per te non è mai abbastanza.
    Silco: Noi avevamo un progetto Vander! Un sogno! Di libertà! Non solo per i vicoli ma perché tutto il sottosuolo fosse una forza unica. Fosse la nazione di Zaun! Almeno te lo ricordi? Ti ho dato la mia fiducia e tu invece mi hai tradito.
    Vander: Quello che ti ho fatto non me lo sono mai perdonato, tu eri mio fratello...
    Silco: No, vedo che ancora ti ostini a non capire. Riesci a immaginare che effetto fa? Il sangue che si mescola con la sporcizia e le tossine nel fiume che ti divorano i nervi? Ah, ti ho odiato per quello che hai fatto ma è passato tanto tempo e l'odio è svanito, però mi è rimasta la consapevolezza: l'unico modo per sconfiggere un nemico superiore è non fermarsi davanti a nulla e diventare quello che lui teme!
  • Vander: Combattendo quelli di sopra hai sacrificato tutto quello che volevamo essere. Non è il modo giusto, non te ne rendi conto? Uccidimi se proprio devi, ma per favore, risparmia i vicoli!
    Silco: Vuoi morire per la causa ma non sei disposto a combattere per difenderla?
    Vander: Non sono più un uomo di quello stampo.
    Silco: Ti mostrerò quello che sei davvero.
  • Mel: Anche se provaste la vostra teoria la Consulta ve la distruggerebbe.
    Viktor: Heimerdinger ne riconoscerà il potenziale.
    Mel: Oh, ma l'ha già fatto: è terrorizzato. Come tutti gli altri.
    Jayce: Che ne pensi tu?
    Mel: Io riconosco che qualunque impresa comporta dei rischi.
  • Viktor: Stanno per entrare! Niente panico.
    Jayce: Con gli agenti alla porta?
  • Powder: Vi, ha funzionato!
    Vi: Come?
    Powder: Hai visto? Finalmente la mia bomba-scimmia ha funzionato!
    Vi: Sei stata tu? Perché? Perché lo hai fatto?
    Powder: [realizzando di aver indirettamente ucciso Claggor, Mylo e Vander] Non... volevo, cercavo di salvarvi... io volevo solo aiutarvi [scoppia in lacrime] io volevo solo aiutarvi! Io volevo solo aiutarvi! Io volevo solo aiutarvi! Io volevo solo aiutarvi!
    Vi: Ti avevo detto di non venire qui.
    Powder: Per favor-
    Vi: Ti avevo detto di non venire! [le da un pugno]
    Powder: No! Perché mi hai lasciata da sola?
    Vi: [le afferra il viso] Perché porti sfortuna! Lo hai capito adesso!? Mylo aveva ragione!
    Powder: No! No! Vi, ti prego! Violet, ti prego... [Vi si allontana lasciando Powder sotto la pioggia] Vi! Per favore torna qui! Ti prego! Ti prego Violet, ho bisogno di te...
  • Silco: Ciao piccola. Non piangere. Dov'è tua sorella?
    Powder: [abbraccia Silco] Mi ha abbandonata. Per me lei non è più mia sorella. Basta!
    Silco: [ricambia l'abbraccio] Sta tranquilla. La pagherà. La faremo pagare a tutti!

Episodio 4, Buon Giorno del progresso!Modifica

  • Jayce: [leggendo una targa all'accademia] Stanwick Padidly, mai sentito nominare.
    Heimerdinger: Ogni cosa che ha costruito è esplosa, si è fusa o è caduta, tuttavia eccolo qui. Stanwick ha messo da parte le sua ambizioni personali e si è concentrato su qualcosa di molto più importante: il nostro futuro. Ha capito che nessuno dei nostri successi poteva essere paragonato ai contributi dei suoi studenti.
  • Heimerdinger: [dopo aver visto la presentazione della nuova versione dell'Hextech di Jayce e Viktor] Sono colpito, signori. Dovreste essere molto orgogliosi. Ovviamente ci sono un paio di problemi da risolvere e qualche bullone da serrare, ma dopo una decade di ulteriori ricerche sarà tutto perfetto!
    Viktor: Una decade?
    Heimerdinger: Oh, tranquillo ragazzo mio, il tempo passerà in men che non si dica.
    Viktor: Con tutto il rispetto professore, grazie all'Hextech potremmo migliorare delle vite da subito!
    Heimerdinger: Una scoperta del genere richiede tempo Viktor, un potere simile nelle mani di tutti è pericoloso.
  • Silco: Il mondo diventa sempre più piccolo grazie a quegli Hexgate. E ora siamo tagliati fuori, quelli di sopra ci stanno lasciando sempre più indietro. Che è successo?
    Jinx: Te lo ha già detto lei.
    Silco: L'ho chiesto a te.
    Jinx: Una dei Firelights era una ragazza... aveva i capelli rosa...
    Silco: [le passa il suo farmaco e lei lo afferra per aiutarlo a inocularselo] Tua sorella non c'è più. Lo sai meglio di me, Jinx.
    Jinx: Lo so. Lo so... le sorelle, giusto? Non puoi viverci e non puoi riportarle nel grembo materno. [ride]
  • Faccio tutto questo per noi, Jinx. Per tutti noi. I figli e le figlie di Zaun meritano di più dei loro rifiuti! (Silco)
  • Silco: Sevika rimedierà all'errore di oggi.
    Jinx: Sevika? Non riuscirebbe a eliminare della polvere con una fiamma ossidrica!
  • Non era lei. Non era lei! Lo so, era solo un... un'aspirante teppista di strada! Mi sono confusa, ecco tutto! Ora lui crede che io sia debole. Sevika sistemerà tutto. Sevika è sempre in prima linea, ma certo... io non sono debole! E glie lo dimostrerò... oh, si che glie lo dimostrerò! Vedrete! (Jinx parlando da sola)
  • Io e la mia famiglia siamo persone semplici, nella vita produciamo martelli. Saranno stati usati per spaccare le pietre sulle quali vi trovate. Nessuno nella mia vita si aspettava grandi cose da me, ed è questo aspetto a rendere questo momento così straordinario. (Jayce al discorso per il Giorno del Progresso)
  • Guardia 1: Credevo che quel Talis fosse un genio, non aveva lanciato un dirigibile dall'altro lato del continente?
    Caitlyn: Un'aeronave in realtà. Le aeronavi hanno un rigido scafo in metallo non era... un dirigibile.
    Guardia 1: Una specie di mongolfiera, no?
    Guardia 2: A me sembrava una mongolfiera.
    Guardia 1: Dovete perdonarci se non siamo raffinati come voi, milady.
    Guardia 2: Che cosa ci fai tu qui, Kiramman? Non hai nessun cocktail party a cui partecipare?
  • Caitlyn: Se riesco ad arrivare in fondo, Marcus dovrà ascoltarmi.
    Jayce: Se c'è una cosa che ho imparato sulla Consulta è che se ne infischiano delle teorie.
    Caitlyn: Da quando ti importa così tanto dell'opinione della Consulta.
    Jayce: Da quando sono diventato un Consigliere.
    Caitlyn: [ride, poi lo fissa] Dici... sul serio? Quando? Perché? Vogliono governare con del grasso e una chiave inglese?
    Jayce: Ah-a. In realtà speravo che tu accettassi di entrare nel mio staff.
    Caitlyn: [leggendo l'offerta di lavoro giratale da Jayce] Sicurezza del Clan dei Tallis? Sarebbe una carica cerimoniale. Vivrei dietro una scrivania.
    Jayce: Tu sei quasi morta Cait! Io voglio solo che tu stia al sicuro.
    Caitlyn: Grazie ma ho già un lavoro.
    Jayce: No, ti sbagli. Dopo l'attacco i tuoi hanno parlato con lo sceriffo. Questo è il meglio che posso offrirti.
    Caitlyn: Non ho bisogno della tua elemosina, né di quella dei miei.

Episodio 5, Tutti vogliono essere miei nemiciModifica

  • Caitlyn: I miei genitori l'hanno pagata per farmi vincere?
    Grayson: Uhm. La tua è un'accusa molto pesante.
    Caitlyn: L'ho vista, non ha sparato di proposito.
    Grayson: Hai vinto il primo premio, te lo sei guadagnato.
    Caitlyn: Non ha ancora risposto alla mia domanda.
    Grayson: [ride] No. I tuoi genitori non mi hanno pagata, ho pensato che te lo meritassi. Io sono un'agente, per me saper usare quest'arma significa essere in grado di proteggere la gente, di essere al servizio della città. Per me è un premio sufficiente. Concedimi una domanda, giovane Kiramman, tu perché imbracci il fucile?
  • Caitlyn: Ho letto il tuo fascicolo, non c'è traccia di te, né dei tuoi crimini. Perché sei qui?
    Vi: Per il mio carattere solare.
  • Caitlyn: [parlando dell'uomo aggredito da Vi in prigione] Lavorava per Silco?
    Vi: Come tutti! Assurdo, c'è ancora chi non lo sa. [riferita al fascicolo coi graffiti di Jinx] Dove lo hai trovato?
    Caitlyn: C'è stato un attacco, questo è un indizio. Ma mi serve una prova per credere a ciò che dici su Silco.
    Vi: Te la potrei anche procurare, ma, non da questa gabbia.
    Caitlyn: E per quale assurdo motivo dovrei fidarmi di una come te?
    Vi: Una come me!? Tutti uguali voi agenti, siete dei bastardi criminali con una bella divisa. Sai che c'è? Silco trovatelo da sola.
    Caitlyn: Lo farò, grazie tante.
    Vi: La città sotterranea ti mangerà viva lo sai?
  • [Vi porta Caitlyn nei vicoli della città sotterranea facedo parkour sui tetti]
    Vi: Benvenuta nei vicoli.
    Caitlyn: Mi hai quasi fatta ammazzare!
    Vi: Mia sorella minore ci riusciva a sette anni. Nel Sump è così. Volevi passare inosservata, no?
  • [Vi si abbuffa ad un chiosco di pesce]
    Vi: Cavolo Jericho, quanto mi erano mancati. [porge una porzione a Caitlyn]
    Caitlyn: No. Sono a posto.
    Vi: Peggio per te.
    Caitlyn: [riferendosi al proprietario del chiosco] Quando lo metterai sotto torchio?
    Vi: Per cosa? Per le sue ricette? Di sicuro non qui in mezzo alla gente.
    Caitlyn: Chiedi di Silco! Dei suoi contatti! Siamo qui per questo!
    Vi: Siamo qui perché ho fame. Sai com'è il cibo in carcere? No, come puoi saperlo?
  • Ci sono persone che bramano il tuo potere sulle ricchezze derivanti dagli Hexgate e che farebbero di tutto pur di strappartelo di mano. Sei appena diventato il nemico pubblico numero uno. (Mel a Jayce)
  • [Vi e Caitlyn entrano in un bordello in cerca di informazioni]
    Vi: È da qui che fuoriescono tutti i segreti.
    Caitlyn: Aspetta... mi spieghi come hai intenzione di procedere?
    Vi: Fingi di lavorare qui.
    Caitlyn: Scusa, che hai detto? Te lo puoi scordare, no!
    Vi: Sai qual'è il tuo problema?
    Caitlyn: Ti prego, illuminami.
    Vi: Ti aspetti che gli altri ti diano tutto quello che vuoi, ma se vuoi che la gente ti parli devi indurli a pensare che hai quello che loro vogliono.
    Caitlyn: E io che cos'è che avrei?
    Vi: [mangiandosela con gli occhi] Sei sexy, pasticcino!
  • La verità è solo la storia dei sopravvissuti. (Silco)
  • Mel: Sei stato bravo oggi.
    Jayce: Ho imparato dalla migliore.
    Mel: Presto o tardi quei vecchi rimbambiti della Consulta accetteranno ufficialmente la tua ricerca.
    Jayce: Mio padre ha donato al popolo i martelli con i quali è stata costruita questa magnifica città. Potrebbero creare meraviglie se donassimo loro la magia.
    Mel: Il mondo non sarebbe più lo stesso. I Medarda di solito prendono e basta, non siamo abituati a donare qualcosa in cambio.
    Jayce: Non ce l'avrei mai fatta senza di te. [si baciano]
  • Silco: Sono quasi annegato in queste acque.
    Jinx: Me lo hai raccontato un milione di volte...
    Silco: Vander non era l'uomo che pensi che fosse.
    Jinx: Già. Lui è stato come un fratello fiché un giorno ti ha voltato le spalle e poi bla, bla, bla... ho omesso qualcosa?
    Silco: Te ne dico una che non ti ho mai raccontato: quel giorno ho lasciato che uno smidollato morisse [si immerge e poi riemerge] affinché rinascesse un uomo nuovo. Il tradimento provoca un dolore così... così intenso che ti consuma dall'interno. È in grado di distruggerti oppure di trasformarti in qualcosa di maestoso. Devi lasciare che Powder muoia, e così la paura del dolore non ti controllerà più. [le porge la mano e Jinx la afferra] Adesso sei forte. Così sei destinata ad essere da sempre; Jinx è perfetta. [la prende tra le braccia e la immerge]
  • Vi: [affronta Sevika e la mette al tappeto] Dov'è mia sorella? Dove la tiene nascosta?
    Sevika: Tenerla nascosta? Stai parlando di Jinx? Non lo sai che lavora per lui? [sconvolta, Vi lascia la presa e Sevika la accoltella al fianco] La considera come una figlia! Le manderò i tuoi saluti.
    [prima che Sevika possa uccidere Vi, Caitlyn le spara costringendola alla fuga]
    Vi: Perché l'hai lasciata andare?
    Caitlyn: Ma tu non dici mai "grazie"?
    Vi: Verrà a sapere che siamo qui!
    Caitlyn: E di chi è la colpa?
    Vi: Non sei niente male a sparare.
    Caitlyn: In realtà sono un fenomeno a sparare.
    Vi: Mi dai una mano, pasticcino?
    Caitlyn: [la aiuta a alzarsi] Non devi chiamarmi così. Mi chiamo Caitlyn.
    Vi: Ma sei così dolce. Come un pasticcino.
    Caitlyn: [ride] Sta zitta!
  • Sevika: La sorella [Vi] è tornata!
    Silco: Dal mondo dei morti?

Episodio 6, Quando i muri crollanoModifica

  • La solitudine spesso è l'effetto collaterale di una mente dotata. (Singed)
  • Heimerdinger: È bello vedere che alcune cose non sono cambiate. Sembra appena ieri che mi sono imbattuto in un aspirante giovane studente della città sotterranea che rimuginava dentro la sua oasi d'acciaio. Ho saputo della tua prognosi, mi dispiace terribilmente ragazzo.
    Viktor: Lei riflette mai sulla morte professore?
    Heimerdinger: Solo su quella degli amici.
    Viktor: Immagino che la sua eredità sia definita. È un fondatore di Piltover è... i suoi sforzi hanno portato a risultati notevoli.
    Heimerdinger: Dovresti essere molto fiero di quel che hai realizzato.
    Viktor: Prodotti di fantasia. I miei contributi avranno vita breve, anche nella sua memoria.
    Heimerdinger: Ho interagito con molti studenti, e la verità è che coloro che brillavano di più sono anche quelli che sono bruciati più in fretta.
  • Jayce: Viktor sta morendo. Credo sia per i gas nel Sump dove lui è cresciuto. È il genere di cose per cui è nato l'Hextech: migliorare la vita, risolvere problemi veri non solo... controversie commerciali. Viktor mi ha salvato la vita, adesso che ha bisogno di me non posso fare niente per lui... odio sentirmi così inutile.
    Mel: Non sapevo che foste tanto vicini.
    Jayce: Per me è come un fratello. [si stende sul grembo di Mel]
    Mel: Perché sei venuto a parlarne con me?
    Jayce: Perché... niente sembra impossibile con te.
  • Non possiamo cambiare quello che il destino ha in serbo per noi, ma non dobbiamo affrontarlo da soli. (Mel)
  • Sevika: C'è tua sorella. È tornata. Ti sta cercando. Non è quello che credi, so che è insieme a un'agente donna. Ti avrà sostituita.
    Jinx: Stai mentendo!
    Sevika: Perché dovrei mentire? È appena ritornata; è solo questione di tempo prima che tu imploda e che Silco recepisca il messaggio che tu sei utile a noi quanto lo sei stata alla tua famiglia... Jinx.
    Jinx: [sembra stare per piangere ma poi starnutisce] Dieci su dieci, bella! Sono sicura di avere in mente il modo giusto per consegnare quel messaggio!
  • Caitlyn: [tenta di medicare Vi ma lei le ferma la mano] Hai le tue riserve su di me, lo so. Però funzionerà solo se ci fidiamo.
    Vi: Non può funzionare. Non ha mai funzionato, voi piltoviani ci fregate ogni volta.
    Caitlyn: Quindi tu biasimi quelli di sopra per tutte le tua disgrazie.
    Vi: [pensando a Powder] No, non tutte.
    Caitlyn: Noi non siamo dei mostri, siamo persone proprio come te.
    Vi: Tu non sai un accidente su di me. [all'allucinazione di Powder] Non avrei dovuto lasciarti...
    Caitlyn: Sta tranquilla, nonostante tutto ho capito... che sei di buon cuore. [tenta di nuovo di medicarla e stavolta Vi glie lo permette]
  • Heimerdinger:Consiglieri, abbiamo perso la retta via. Questa città è stata fondata per essere baluardo dell'illuminazione in un mondo che ha cannibalizzato sé stesso in nome del potere e dell'orgoglio. Ma l'abbiamo dimenticato. Abbiamo venduto la morale in cambio di comodità e guadagno, scambiato l'onore per il prestigio. Una volta noi eravamo una tribù, adesso siamo solo dei clan divisi. Ma ritengo che se mettessimo da parte avidità e arroganza potremmo di nuovo essere uniti. Ci vorrà vigilanza, dovremmo controllarci a vicenda.
    Jayce: E chi controllerà lei?
    Heimerdinger: Come?
    Jayce: A Zaun lo Shimmer è diffuso ovunque. Ci sono attacchi agli Hexgate e alla piazza dell'Accademia, gli agenti hanno paura di mettere piede nei vicoli e tutto avviene sotto i suoi occhi.
    Heimerdinger: Jayce, tu hai smarrito la via...
    Jayce: Mi dispiace professore ma per guarire la città non bastano i discorsi. Lei non fa altro che ripeterci che cosa non fare, ma lasci che le domandi: che cosa vuole fare per sistemare tutto?
    Heimerdinger: Adesso capisco qual'è il punto. Il progetto Hextech ha bisogno di più tempo e più sicurezza!
    Jayce: Ma gli essegi umani non vivono per secoli! Non possiamo aspettare il progresso. Ci serve una guida concentrata sul futuro, non sul passato. Lei è il vero padre di Piltover, e non c'è prezzo per i suoi anni di dedizione... ma ora credo che all'amato fondatore della nostra città spetti una meritata pensione.
    [la Consulta vota all'unanimità l'espulsione di Heimerdinger]
  • Caitlyn: [realizzando che la baracca dove sono nascoste era la casa d'infanzia di Vi] Tu vivevi qui!? Chi è Powder?
    Vi: Mia sorella. Credevo che fosse morta ma... devo riuscire a rintracciarla...
    Caitlyn: E non sapevi se tua sorella fosse viva o morta?
    Vi: È difficile rimanere in contatto quando ti trovi in una cella!
    Caitlyn: Si ma... i tuoi genitori?
    Vi: Morti! Sono stati ammazzati dagli agenti!
  • Silco: Ecco il prodigio di Vander. È un peccato non avere mai avuto modo di parlare con te.
    Vi: Che cosa hai fatto a mia sorella?
    Silco: L'ho liberata, ovvio. Onestamente, credevo fossi tu il fiore all'occhiello della tua famiglia, ma Jinx... è anche più di quanto avessi immaginato.
    Vi: Prima o poi la troverò e cancellerò tutte le idiozie che le hai messo nella testa. Ma prima raderò al suolo tutto il tuo impero di stronzate!
  • [Vi e Jinx si rincontrano per la prima volta dopo anni]
    Vi: Powder.
    Jinx: Vi?
    Vi: Oh, Powder! [si abbracciano] Mi dispiace Powder io... io ho cercato di tornare ti giuro che ci ho provato però... mi hanno arrestata.
    Jinx: È stato Marcus?
    Vi: Non lo so io... non importa! Ecco... io pensavo che non ti avrei rivista mai più.
    Jinx: Vi, sei davvero tu?
    Vi: Si, certo. Naturalmente, sono io, Vi. Tua sorella, e sono qui, sono proprio qui con te.
    Jinx: [piangendo] Sono cambiate così tante cose. Sono cambiata anch'io.
    Vi: Lo so, Pow-Pow lo so bene. Hai fatto il possibile per sopravvivere e anch'io, sta tranquilla, l'importante è che siamo insieme.
    Jinx: [riferita a Caitlyn] Quella chi è?
    Caitlyn: Tu chi sei?
    Vi: Tutto a posto, è un'amica.
    Jinx: Allora Sevika aveva ragione! Sei insieme a un'agente!
    Caitlyn: Tua sorella lei... lei è Jinx!
    Vi: È vero però... ascolta, ti posso spiegare ogni cosa!
    Jinx: È tutto un trucco!? Cerchi di ingannarmi? Ora basta! Non sono dell'umore!
    Caitlyn: Non abbiamo detto niente.
    Jinx: Io non parlavo con voi!
    Vi: Powder, sta tranquilla.
    Jinx: Smettila di usare quel nome! Adesso sono Jinx, Powder è morta e sepolta!
    Vi: No, ascolta tesoro, non avrei mai dovuto-
    Jinx: [puntando il mitragliatore a Vi] Non parlarmi come se fossi una bambina! [indicando la gemma Hextech] Sei venuta solo per quella? Per quella pietra inutile?
    Vi: No. Non so nemmeno cosa sia.
    Jinx: Sei davvero una grande attrice sorella. Sorella... credevo mi saresti mancata, scommetto che non mi mancherai!

Episodio 7, Il ragazzo salvatoreModifica

  • [Caitlyn e Vi sono legate, imprigionate e incappucciate dai Firelights]
    Caitlyn: Non avrei mai dovuto fidarmi!
    Vi: Potrei dire lo stesso di te!
    Caitlyn: Non sono stata io a farci cadere in non una ma due trappole di Silco!
    Vi: Non è opera sua ma di qualcun altro!
    Caitlyn: Come lo sai?
    Vi: Perché saremmo già morte.
    Caitlyn: Ah! Buono a sapersi! Quando pensavi di dirmi che la tua sorella lunatica lavora per lui?
    Vi: Aspettavo che tu confessassi cosa sei venuta a fare qua sotto!
    Caitlyn: Io ti ho detto la verità!
    Vi: Stronzate! Cos'era quella pietra luccicante? [Caitlyn sospira] Proprio come pensavo.
  • Stai benone per essere morta. (Ekko a Vi)
  • Ekko: Cosa ci facevi con Jinx?
    Vi: Lei si chiama Powder! E io l'ho trovata quando sei arrivato con i tuoi scagnozzi. Insomma... sono Vi, la persona che ti portava alla discarica e ti faceva la doccia quando eri sporco di grasso!
    Ekko: È stato tanto tempo fa. La gente cambia.
    Vi: Si, mi sembra evidente.
    Ekko: Tu lavori per Silco?
    Vi: Vaffanculo!
    Ekko: Io ti credevo morta e invece porti una piltoviana in giro per i vicoli!
    Vi: Tu ci stavi seguendo? Perché non mi hai detto niente?
    Ekko: Non sapevo se potevo fidarmi.
    Vi: Allora hai deciso di colpirmi di sorpresa?
    Ekko: Cavoli, mi chiedo da chi lo abbia imparato.
    Vi: Beh, avresti dovuto imparare meglio, colpisci ancora come un ragazzino.
    Ekko: E tu continui a difenderti con la faccia!
    Vi: Ricordo quando non riuscivi ad affrontarmi. [lo abbraccia] Mi sei mancato, piccoletto.
    Ekko: Da quando non hai più le manette?
    Vi: Da quando hai iniziato a piagnucolare. [Ekko risponde all'abbraccio]
  • La natura ci ha reso intolleranti al cambiamento, ma fortunatamente noi abbiamo la capacità di cambiare la nostra natura. (Singed)
  • Quelli come noi sacrificano l'amore e il retaggio per il progresso. (Singed a Viktor)
  • Jayce: Lui era il mio mentore Mel, e io l'ho tradito.
    Mel: Tutto ciò che hai detto su di lui era vero. La mia famiglia mi ha cacciata, eppure parte di me la ama ancora. Heimerdinger capirà un giorno, adesso è il tuo momento Jayce.
  • Sevika: Ho più cose in comune con un pidocchio che con Jinx ma, ecco, diciamo che io e mio padre non vedevamo spesso le cose allo stesso modo.
    Silco: Quindi?
    Sevika: Verrà lei da te, quando sarà pronta.
  • Vi: Sarei dovuta essere lì, per te... per tutti loro.
    Ekko: Questo è un ottimo modo per diventare matta.
  • Avete dimenticato da dove proveniamo? Le miniere dove ci rinchiudevano? Aria densa da ostruirci la gola finiva dritto negli occhi. Io vi ho tirato fuori dalle profondità, vi ho offerto un assaggio del mondo in superficie... dell'aria fresca. Vi ho dato la vita. Un obbiettivo. Ma voi siete diventati grassi e compiaciuti. Vi siete abituati al sole. Noi proveniamo da un mondo dove non c'era mai abbastanza per tutti, Finn, è per questo che lottiamo. L'hai dimenticato? Non dimenticarlo di nuovo. (Silco ai Baroni Chimici)
  • Caitlyn: [viene liberata da cappuccio e manette trovandosi faccia a faccia con Ekko] Che cosa ne hai fatto di Vi? Ascolta, lasciala andare! L'ho portata io qui, è me che vuoi!
    Vi: [compare alle spalle di Ekko] La mia eroina.
    Caitlyn: [imbarazzata] Tu sei-? Ma credevo che... ti stessero facendo del male!
  • Lei e quell'agente sono qui per la gemma, non per te. Hai dimenticato come ti ha lasciata? Chi ti ha trovata? Chi ti ha cresciuta dandoti un tetto? Io sono la tua famiglia! Gli altri non fanno altro che tradirti. (Silco a Jinx)

Episodio 8, Olio e acquaModifica

  • Ambessa: Quando avevo dieci anni, tuo nonno mi portò sul campo dove fu combattuta la battaglia di Hildenard. Mi avrebbe dato una moneta d'oro per ogni lama che avessi recuperato dai caduti, disse che serviva del ferro ma era una menzogna. Voleva che io guardasi da vicino la morte.
    Mel: Kino sostiene che la guerra non sia altro che il fallimento della politica.
    Ambessa: Tuo fratello crede che ci sia una scappatoia per tutto, si vanta di essere una volpe in mezzo a un branco di lupi ma ascoltami bene: se vuoi sopravvivere in questo mondo allora devi imparare a essere sia una volpe che un lupo.
  • Sono disposta a mettere nelle tue mani il mondo intero se dimostrerai di saperlo sostenere. (Ambessa a Mel)
  • Ambessa: [indicando una prigioniera politica] Lei è un simbolo del vecchio regime: uccidila e nessun altro morirà, risparmiala e dovrai ucciderne a migliaia.
    Mel: Possiamo dimostrare alla gente la nostra clemenza.
    Ambessa: [decapita la prigioniera] Un lupo non ha clemenza!
  • Cassandra: Sei la figlia di un Consigliere. Le tue azioni si ripercuotono su tutta l'istituzione!
    Caitlyn: Ah, le mie azioni!? Sai cosa si ripercuote sulla Consulta? I cittadini che vivono per la strada, sono intossicati; costretti a scegliere tra un disonesto che vuole sfruttarli e un governo che se ne fotte di loro!
  • [Silco porta Jinx, ferita gravemente, da Singed]
    Singed: Probabilmente posso salvarla, ma sarà un processo... "impegnativo". A volte la morte è una benedizione.
    Silco: Lei ce la può fare!
    Singed: Prima di iniziare le devo chiedere... è pronto a perderla?
    Silco: [Jinx tossisce] Jinx! Jinx! Lei non morirà, dottore! Non deve accadere...
    Singed: Molto bene, la prego cerchi di capire che lo faccio per il suo bene. [narcotizza Silco] Anch'io avevo una figlia un tempo...
  • Ambessa: Sono passati dieci anni, Mel.
    Mel: Da quando mi hai cacciata.
    Ambessa: Ah, non farne un dramma. Ti ho mandata qui per supervisionare gli affari di famiglia e per farti crescere e così è stato.
    Mel: Tu mi dicesti che sentimentale com'ero mi sarei trovata più a mio agio con gli smidollati idealisti d'oltremare.
    Ambessa: Hai la memoria di tuo padre.
    Mel: Non provare ad ingraziarmi con le lusinghe.
  • Mel: Piltover non è come Noxus, qui la guerra non è l'unica soluzione contemplata. Ho promosso l'Hextech per proteggere la città non per farla radere al suolo.
    Silco: Non sono congetture, è la realtà! Non puoi dismettere le armi, ci sarà sempre qualcuno che le imbraccerà!
  • Caitlyn: [parlando di Jinx] Quello che le è successo... non è colpa tua.
    Vi: Quando i miei genitori erano ancora vivi io e Powder dividevamo un letto così, salvo che era la metà di questo. Facevamo un gioco, fingevamo di essere mostri che crescevano a dismisura. Lei diceva sempre: "sono una lumaca con la bava velenosa" e io rispondevo "e io un granchio mangia-lumache con spuntoni affilati"... c'erano delle volte in cui mi facevo prendere e lei si spaventava; per evitare che si mettesse a piangere svegliando mamma e papà fingevo di cacciare i miei stessi mostri. Le dicevo: "se ci sono io i mostri non ti prenderanno". Poi è arrivato un mostro vero, e io sono scappata. L'ho abbandonata... [Caitlyn le sfiora dolcemente il viso]
  • Conoscce la percentuale di successo degli inventori dell'Accademia? Il 3%. Siamo abituati al fallimento, siamo la Città del Progresso perché proviamo finché non ci riusciamo. (Jayce a Ambessa)
  • [Caitlyn insegue Vi sotto la pioggia dopo che la Consulta ha bocciato la loro proposta di agire contro Silco]
    Caitlyn: Vi, aspetta, aspetta! Dove stai andando?
    Vi: Non lo so, me ne torno da dove sono venuta. A quanto pare tutti vogliono che me ne vada!
    Caitlyn: Troverò una soluzione!
    Vi: Non puoi! È così che gira il mondo, è sempre stato così e io sono stata una stupida a pensare di cambiarlo.
    Caitlyn: Dev'esserci qualcosa che possiamo fare, una strada alternativa... penseremo a un nuovo piano, ci dobbiamo provare!
    Vi: Lo abbiamo fatto, ok? Ma è stato inutile. Superficie e sottosuolo sono come olio e acqua. Fine della storia.
    Caitlyn: E che mi dici di noi?
    Vi: Olio e acqua. Non era destino.
    Caitlyn: Non lo pensi davvero.
    Vi: Fatti un favore, pasticcino; vattene, torna a casa. Nella tua grande, luminosa, casa... e dimenticami, ok?
  • Jayce: Sai che potrei farti arrestare?
    Vi: Certo che vi piace parecchio usare questa minaccia. Sei mai stato a Stillwater?
    Jayce: No.
    Vi: Perciò tu... fai un cenno con la mano, la gente viene sbattuta lì e non ti interessa capire cosa significa stare rinchiusi in una scatola di pietra per settimane o mesi o addirittura anni?

Episodio 9, Il mostro che hai creatoModifica

  • Jayce: Ancora non ti rendi conto? Io adesso sono coinvolto! I prossimi che riceveranno il messaggio che non vedranno più il figlio... non so nemmeno dove portarlo. Dovremmo lasciarlo qui?
    Vi: Tu sei coinvolto fin dall'inizio. Non dovevi guardarlo negli occhi! Un ragazzo morto? Da dove viene ce ne sono a centinaia grazie a Silco e grazie a quelli come te che nascondono la testa sotto la sabbia!
  • Viktor, so che questa probabilmente non ti arriverà mai, ma guardando come lavori instancabilmente per rendere il mondo un posto migliore, ecco... non mi sarei mai perdonata se non avessi tentato. Ognuno deve fare la sua parte, no? (Sky in un'ultima lettera a Viktor)
  • Il vino noxiano è audace, le uve vengono indurite dal clima, del resto tutto quello che sopravvive a Noxus è così. (Ambessa)
  • Ambessa: Siamo nei guai, Mel. L'uomo che ha ucciso tuo fratello non è appagato e le sue... risorse superano le nostre. Se c'è un modo per trasformare l'Hextech in un'arma noi dobbiamo averlo.
    Mel: Piltover non è un'area di collaudo.
    Ambessa: Io ho solo accellerato il processo che hai avviato tu.
    Mel: Volevo proteggere la città dalle persone come te e non posso credere che tu abbia scatenato una guerra solo per coprirti il culo!
    Ambessa: Darei alle fiamme il mondo per proteggere la nostra famiglia!
  • Ci siamo persi, abbiamo perso il sogno, Per inseguire la grandezza non abbiamo più fatto del bene. Dobbiamo sistemare le cose. (Viktor a Jayce)
  • Silco: Sei troppo giovane per ricordarti com'era di sotto prima che diventasse un'impresa commerciale. Non c'era niente. Sapete cosa ci ha permesso di superare quei tempi? La nostra lealtà. Fratelli e sorelle schiena contro schiena contro qualunque cosa. E adesso devo condividere l'aria con dei parassiti come voi, che stanno prosciugando la loro eredità.
    Finn: Questo è il giorrno della tua morte Silco.
    Silco: È un rischio che corro da quando sono vivo. Ma confido sempre nella lealtà.
    [Sevika, anziché uccidere Silco come da accordi con Finn, uccide quest'ultimo]
  • Nessuno vuole quanto basta per sopravvivere; devi dargli quanto basta per vivere. (Ekko a Heimerdinger)
  • [Jayce a promesso a Silco la sovranità in cambio dell'arresto di Jinx] Devo aver immaginato questo momento centinaia di volte. Ma mai così. Tutto quello che volevamo, lui non ha nemmeno contrattato. E devo rinunciare soltanto a dei problemi. Adesso ha tutto senso, fratello... che cosa c'è di più problematico di una figlia? (Silco a una statua di Vander)
  • Vorrei poterti dire che poi sarà più facile, ma mentirei. Ma posso dirti che lei ha ancora bisogno di te, come tutti. Che mi rispondi? (Vander in un'apparizione a Vi)
  • Jayce: Consiglieri, le mie attività non autorizzate nel sottosuolo mi hanno dimostrato due cose: io non sono adatto a governare il popolo che vive là, e nemmeno voi. Abbiamo perso l'opportunità di mostrare comprensione, dedizione e solidarietà. Hanno ragione a non fidarsi di noi.
    Cassandra: Ti muovi su una linea sottile Jayce.
    Jayce: Con tutto il rispetto, non me ne frega più un cazzo di quello che pensate di me. Ma ammetto che tu [Mel] avevi ragione, fin dall'inizio. I miei giorni qui ormai sono contati, ma ho Viktor, il mio socio e uno zaunita, con un'ultima proposta.
    Viktor: Jayce ha appena negoziato la pace con Silco, in cambio la città sotterranea avrà l'indipendenza.
  • Jinx: Vuoi sapere un segreto? Silco crede di aver creato Jinx, con tutti i suoi sproloqui con tutta la tua dura disciplina; "elimina i tuoi dubbi, Jinx", "diventa quello che loro temono"... come se tutto fosse rimasto come quando Vander l'ha lasciato. Ma non è stato lui a creare Jinx, sei stata tu.
    Vi: Mi dispiace, Powder. Non avrei mai voluto lasciarti.
    Jinx: Non l'hai mai fatto. Ti ho sentita sempre con me, un'ombra sulla strada, un prurito sulla nuca... la tua voce a esortarmi, a tenermi in piedi quando intorno vedevo tutto nero. È merito tuo se sono ancora viva.
    Vi: Ho passato tante di quelle notti in una prigione di merda sul pavimento gelato, affamata, sanguinante, a contare le ore... l'unica cosa che mi ha spinta ad andare avanti è stata il voler ritornare da te.
    Jinx: Siamo... ancora... sorelle?
    Vi: Questo non lo cambierà mai niente.
  • [Jinx lega Vi e Silco attorno a un tavolo da tè e poi porta un vassoio coperto]
    Jinx: Stamattina ho fatto una visita alla tua ragazza. [riferendosi a Caitlyn]
    Vi: [osservando il vasssoio] Che cosa le hai fatto?
    Jinx: Le ho preparato uno snack. [solleva il coperchio, Vi grida ma sotto c'è solo un cupcake] Ma dai, non sono mica così matta!
  • I piltoviani mi hanno offerto di tutto; l'indipendenza, una poltrona al loro tavolo, tutto in cambio di te. Sai che ti dico? Possono bruciare! Chiunque noi conosciamo ci ha traditi, Vander, lei... non arriveranno mai a comprendere. Siamo rimasti soli. Tu sei mia figlia. Non ti abbandonerò mai. (Silco a Jinx)
  • [Jinx, a seguito di un attacco psicotico spara accidentalmente a Silco]
    Jinx: No. No! No, no, no, no, no... scusa, scusa, mi dispiace! Mi dispiace, mi dispiace...
    Silco [ultime parole]: Non ti avrei mai consegnata a quelli di sopra. Per nessuna ragione. Non piangere, sei perfetta.
  • Credevo che avresti potuto amarmi come una volta... anche sapendo... che sono diversa. Ma anche tu sei cambiata. Quindi, questo è per le nuove noi! (Jinx a Vi prima di lanciare un razzo sulla Consulta di Piltover)

Altri progettiModifica