Adolphe Thiers

politico e storico francese (1797-1877); presidente della Repubblica francese

Adolphe Marie Joseph Louis Thiers (1797 – 1877), uomo politico e storico francese.

Adolphe Thiers

Citazioni di Adolphe ThiersModifica

  • Bisogna prendere tutto sul serio, ma niente sul tragico.
Il faut tout prendre au sérieux, mais rien au tragique.[1]
Le roi règne et ne gouverne pas.
  • Le strade ferrate son cosa da ridere; ma credete voi che in Europa si faranno strade ferrate?[3]
  • Nei sobborghi [di Parigi] miravansi molti capi di battaglione che si erano resi temibili. Il primo di loro era un fattore di birra chiamato Santerre. La sua statura, la voce, ed una certa facilità di linguaggio, il facevano piacere al popolo, ed aveva acquistato una specie di dominio nel sobborgo Sant'Antonio, di cui comandava il battaglione.[4]
  • Non manca più un solo errore da commettere.[5]
Il n'y a plus une seule faute à commettre.

L'incoronazione di Napoleone in Notre-Dame di ParigiModifica

IncipitModifica

La domenica, 2 dicembre, giorno freddo, ma sereno, la popolazione di Parigi, che quarant'anni dopo vedremo accorrere sotto un cielo ugualmente puro dinanzi alle ceneri di Napoleone, si addensò frettolosa sulle vie da percorrersi dall'imperiale corteggio. Il papa partì il primo alle dieci del mattino, e precedé d'un lungo tratto l'imperatore ad alleviare ogni ingombro alle due comitive.

CitazioniModifica

  • Il papa fece le unzioni di rito sulla fronte, sulle braccia e sulle mani dell'imperatore; poi benedì la spada e gliela cinse, indi lo scettro, e glielo pose in mano; poscia si accostò per prendere la corona.
  • Napoleone prese poscia la corona dell'imperatrice, e accostandosi a Giuseppina genuflessa a' suoi piedi, con visibile tenerezza, posela sul capo di questa compagna della sua fortuna, che in quell'istante era tuta in lagrime.

NoteModifica

  1. Da un discorso all'Assemblea nazionale, Parigi, 24 maggio 1873, in Discours de m. A. Thiers le 24 mai 1873. Texte officiel, Degorce-Cadot, 1873.
  2. Sul giornale Le National, 20 gennaio e 4 febbraio 1830.
  3. Citato da Nino Bixio nella 1^ Tornata del 23 luglio 1863 della Camera dei Deputati (Regno d'Italia).
  4. Da Storia della rivoluzione francese, tradotta da Ermenegildo Potenti, edita a spese del traduttore, Firenze, 1835, Tomo III, p. 39.
  5. Dalla seduta del Corpo Legislativo del 14 marzo 1867.

BibliografiaModifica

  • Adolphe Thiers, Storia del Consolato e dell'Impero, (Historie du Consulat et de l'Empire), Edizione Italiana U.T.E.T.

Altri progettiModifica