Addio Kira!

film del 1942 diretto da Goffredo Alessandrini

Addio Kira!

Descrizione di questa immagine nella legenda seguente.

Fosco Giachetti e Alida Valli nel film

Titolo originale

Addio Kira!

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1942
Genere drammatico
Regia Goffredo Alessandrini
Soggetto Ayn Rand (romanzo)
Sceneggiatura Anton Giulio Majano, Oreste Biancoli
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Addio Kira!, film italiano del 1942 con Alida Valli, Fosco Giachetti e Rossano Brazzi, regia di Goffredo Alessandrini.

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Beviamo ai compagni leali! (Sjerov)
  • Fa di aver voluto bene a una donna con ogni pezzetto della tua carne, con ogni goccia del tuo sangue, di aver scannato, torturato, rubato, di esserti dannata l'anima, perché credevi che fosse la cosa più pura, più bella del mondo. E un giorno ti accorgi che si tratta di un mostro, di una baldracca, di una cosa sconcia, marcia, schifosa! Che vuoi fare, Andrej, se non bere? Quella donna è la Russia bolscevica, è la fede di tutti noi! (Tishenko)
  • Quando io ti ho vicino, sento il bisogno di inginocchiarmi davanti a te come... come davanti a un altare. Sì, un altare. Forse è l'amore che fa vedere Dio. Kira, vuoi sposarmi? (Andrej)
  • No, non ho paura di perderti. Ho paura che tu ti perda. (Kira)
  • Portaci due, no, tre bottiglie di quel vino buono che i capitalisti stranieri e anche i comunisti ingozzano con tanto gusto. Champagne! (Tishenko)
  • Voi avete dimenticato che ogni uomo onesto su questa terra vive per sé stesso, e questo non potrete cambiarlo né ora né mai. Perché così è fatto l'uomo! L'uomo è qualcosa di unico, è qualcosa che è fine a sé stesso. E ci sono cose negli uomini, nei migliori di essi, al di sopra di tutti gli Stati e anche al di sopra di ogni collettività. Quali cose? La mente umana e i suoi valori. (Andrej)

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica