Apri il menu principale

Vjačeslav Michajlovič Molotov

politico e diplomatico sovietico
Vjačeslav Michajlovič Molotov

Vjačeslav Michajlovič Molotov (1890 – 1986), politico e diplomatico sovietico.

Indice

Citazioni di Vjačeslav Michajlovič MolotovModifica

  • Chruščёv era senza dubbio un reazionario, è riuscito a infiltrarsi nel Partito. Sicuramente non credeva in alcun genere di comunismo.[1]
  • Ho sempre ritenuto che il mio compito, in quanto ministro degli esteri, consistesse nell'ampliare quanto più possibile i confini della nostra Patria. E si può affermare che io e Stalin abbiamo eseguito piuttosto bene il nostro compito. (da Sto sorok besed c Molotovym, p. 14[2])
  • Il marxismo-leninismo è favorevole alle azioni offensive quando esse sono possibili; altrimenti bisogna aspettare. (da Sto sorok besed c Molotovym, p. 104[3])
  • La nostra causa è giusta. Il nemico sarà sconfitto. La vittoria sarà nostra.[4]
  • Se è così, come mai ci troviamo in questo rifugio e di chi sono le bombe che stanno cadendo?[5][6]
  • Stalin pensava che la prima guerra mondiale aveva strappato una nazione alla schiavitù capitalista, la seconda aveva creato il sistema socialista e la terza avrebbe annientato una volta per tutte il capitalismo. (da Sto sorok besed c Molotovym, p. 90[7])

Citazioni su Vjačeslav Michajlovič MolotovModifica

  • Qualche mattina sui marciapiedi dell'Arbat[8], nelle buone giornate, era possibile incontrare il vecchio pensionato Vjačeslav Molotov. Abitava in via Gronovskij e andava alla Biblioteca Lenin a consultare l'archivio. Lo vidi: era un piccolo signore riservato che portava a spasso il cane o leggeva su una panchina le notizie della Pravda o gli editoriali del Kommunist. Il suo nome di battaglia (quello vero era Skrjabin) significa «uomo martello»; Churchill lo giudicava «un perfetto robot», il compagno Vorošilov lo chiamava «culo di sasso».
    Non batté ciglio neppure quando arrestarono sua moglie Polina perché era ebrea: al momento di votare si astenne. (Enzo Biagi)

NoteModifica

  1. Félix Tchouchev, Cent quarante conversations avec Molotov, Ed. Terra, Mosca, 1991. Citato in Ludo Martens, Stalin. Un altro punto di vista, Verona, Zambon, 2017, pp. 373.
  2. Citato in Elena Agassi-Rossi e Viktor Zaslavsky, Togliatti e Stalin, p. 29.
  3. Citato in Elena Agassi-Rossi e Viktor Zaslavsky, Togliatti e Stalin, p. 30.
  4. Citato in Oleg Chlevnjuk, Stalin: Biografia di un dittatore, Mondadori.
  5. Domanda rivolta il 13 novembre 1940 a Ribbentrop, che sosteneva che l'Inghilterra fosse ormai finita, mentre i due discutevano sulla stipula di un accordo supplementare al patto Molotov-Ribbentrop all'interno di un rifugio antiaereo del Ministero degli Esteri tedesco sulla Wilhelmstrasse a Berlino e mentre bombardieri inglesi attaccavano la città.
  6. Citato in Wiliam L. Shirer, Storia del Terzo Reich, Einaudi, Torino, 1963, p. 876
  7. Citato in Elena Agassi-Rossi e Viktor Zaslavsky, Togliatti e Stalin, p. 28.
  8. Quartiere centrale di Mosca.

BibliografiaModifica

  • F. Chuev, Sto sorok besed c Molotovym (Centoquaranta conversazioni con Molotov), Moskva, Terra, 1991.
  • Elena Agassi-Rossi e Viktor Zaslavsky, Togliatti e Stalin, Il Mulino, Bologna, 1997. ISBN 88-15-06199-1

Altri progettiModifica