Apri il menu principale

Ugo Buzzolan (1924 – 1990), giornalista italiano.

CitazioniModifica

  • King Kong era ancora in circolazione quando scoppiò la guerra di Abissinia. La censura l'aveva lasciato praticamente intatto, salvo una scena di lotta del gorilla con un topo gigante perché ritenuta troppo sadica, e, probabilmente, alcuni fotogrammi di Fay Wray, la protagonista, perché giudicati troppo spinti; così la censura italiana non permise la diffusione, o per lo meno la limitò molto, di uno slogan pubblicitario americano che diceva: «Ogni donna aspira in segreto ad essere desiderata da un gorilla come King Kong». Da qualche foglio fascista King Kong fu definito «simbolo di una potentissima virilità allo stato primordiale e incontrollato».[1]
  • Più che un successo, ripeto, fu un trionfo, e mondiale. Era il primo film spettacolare dell'orrore montato con la dovizia dei mezzi propri della grande industria: si basava su una trovata sbalorditiva; sfruttava con insistenza esplicita la classica componente erotica della Bella e della Bestia; e offriva un racconto rapido, emozionante, con un crescendo di effetti che culminava nella indimenticabile sequenza di King Kong sull'Empire State Building, mitragliato dai biplani, sequenza, tra l'altro, superiore a quella del remake con gli elicotteri.[1]
  • [Su Ipotesi sopravvivenza] Un vero e proprio film che richiama l'americano The Day After, ma con intenti di effetti ancora più crudeli e impressionanti.[2]
  • [Su Ipotesi sopravvivenza] Realizzato con grande mestiere dal regista Mick Jackson, il film ha una forza d'urto tremenda; ma è – come dire? – troppo studiamente horror, troppo fiction del terrore, con una ricerca accanita dell'atroce, dell'orribile, dello straziante, tanto da suscitare il sospetto che la questione nucleare sia servita principalmente per una pellicola a sensazione, più o meno assimilabile ad un certo cinema fantascientifico e catastrofico, un po' iettatorio.[2]

NoteModifica

  1. a b Da Era bello quel mostro degli Anni 30, La Stampa, 21 aprile 1978
  2. a b Da Crudele day after inglese e l'inverno nucleare di Quark, La Stampa, 9 agosto 1985

Altri proggettiModifica