Differenze tra le versioni di "Publio Virgilio Marone"

m
nessun oggetto della modifica
(→‎Citazioni sull'Eneide: Inserisco una citazione.)
m
[[Immagine:Virgilio.png|thumb|right|<center>Virgilio]]
'''Publio Virgilio Marone''' (70 a.C. – 19 a.C.), poeta e filosofo latino.
 
*{{NDR|Su Polifemo}} Orribile mostro. (III, 658)
:''Monstrum horrendum''.
*''Giace de la Sicania al golfo avanti | un'isoletta che a Plemmirio ondoso | è posta incontro, e dagli antichi è detta | per nome [[SiracusaIsola di Ortigia|Ortigia]]. A quest'isola è fama | che per vie sotto al mare il greco Alfeo | vien da Dòride intatto, infin d'Arcadia | per bocca d'Aretusa a mescolarsi | con l'onde di [[Sicilia]].'' ({{Source|Eneide/Libro terzo|1093|III, 1093-1100}})
*Conosco i segni dell'antica fiamma<ref>Traduzione di [[Annibal Caro]]; con queste parole Didone confessa alla sorella il suo amore per Enea.</ref>. (IV, 23)
:''Adgnosco veteris vestigia flammae.''
{{Pedia|Eneide||(29 a.C.-19 a.C.)}}
 
[[Categoria{{DEFAULTSORT:Poeti romani|Virgilio]]}}
[[Categoria:Aforisti romani]]
[[Categoria:Poeti romani]]