Differenze tra le versioni di "Virgilio Giotti"

→‎Citazioni: Inserimento citazione
(→‎Citazioni: Inserimento citazione)
(→‎Citazioni: Inserimento citazione)
 
===Citazioni===
*''I veci che 'speta la morte. || I la 'speta sentai su le porte | de le cesete svode d'i paesi; | davanti, sui mureti, | co' fra i labri la pipa. | E par ch'i vardi el fumo, | par ch'i fissi el ziel bianco inuvolado | col sol che va e che vien, | ch'i vardi in giro le campagne e, soto, | i copi e le stradete del paese.'' (Da ''Piccolo canzoniere in dialetto'', ''I veci che 'speta la morte'', p. 35)
*''Un pocheto teIn 'speti,sto |canton se ancaghe xe laodor tode ora,sambuco: | ti,l'odor inverno.de Laquando foiuzzache |iero rossaputel. la xe ancora, || comeNe l'naorto bandieretanostro, |in chesuso, | latanto tremalontan alda sirococasa, |iera eun elbosco: ziel| faun ebosco disfade in pasesambuco. | iTre su'àlbori, colori.che Unin pocomàgio, ||in sì,mezo ancorael 'spetaverde, inverno: | làssine gòder quieti |i 'st'ultimo bel,verzeva faquei ancoragrandi | contentie ilarghi fiori povaretibianchi.'' (Da ''Colori'',El ''Sirocosambuco'', p. 17747)
*''Un pocheto te 'speti, | se anca xe la to ora, | ti, inverno. La foiuzza | rossa la xe ancora, || come 'na bandiereta, | che la trema al siroco, | e el ziel fa e disfa in pase | i su' colori. Un poco, || sì, ancora 'speta, inverno: | làssine gòder quieti | 'st'ultimo bel, fa ancora | contenti i povareti.'' (''Siroco'', p. 177)
 
==Bibliografia==
7 696

contributi