Virgilio Giotti

Virgilio Giotti, pseudonimo di Virgilio Schönbeck (1885 – 1957), poeta italiano e poeta dialettale triestino.

Virgilio Giotti

ColoriModifica

IncipitModifica

Parte prima

Siora Teresa

Siora Teresa
ànima de putela.

Siora Teresa, stamatina,
la ga trovà fiorido
el roser en terazza:
la se ga messo par 'recini
do rosetine zale.
E tuta la matina par la casa
con quei fioreti freschi
impirai come bùcole
sul rosa de le 'rece.
La ghe ga dà de bèver ai girani,
cavà le fòie seche,
la ga cucado se sarà dimani
za 'verti i fiori,
la se ga messo 'basso a far do ponti,
'spetar che noi se sia vistidi,
senza sognarse più che la gaveva
quei oricini.
Siora Teresa,
ànima de putela.

CitazioniModifica

  • I veci che 'speta la morte. || I la 'speta sentai su le porte | de le cesete svode d'i paesi; | davanti, sui mureti, | co' fra i labri la pipa. | E par ch'i vardi el fumo, | par ch'i fissi el ziel bianco inuvolado | col sol che va e che vien, | ch'i vardi in giro le campagne e, soto, | i copi e le stradete del paese. (da I veci che 'speta la morte, p. 35)
  • In 'sto canton ghe xe odor de sambuco: | l'odor de quando che iero putel. | Ne l'orto nostro, in suso, | tanto lontan da casa, iera un bosco: | un bosco de sambuco. | Tre àlbori, che in màgio, in mezo el verde, | i 'verzeva quei grandi | e larghi fiori bianchi. (da El sambuco, p. 47)
  • Un pocheto te 'speti, | se anca xe la to ora, | ti, inverno. La foiuzza | rossa la xe ancora, || come 'na bandiereta, | che la trema al siroco, | e el ziel fa e disfa in pase | i su' colori. Un poco, || sì, ancora 'speta, inverno: | làssine gòder quieti | 'st'ultimo bel, fa ancora | contenti i povareti. (Siroco, p. 177)

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica